Version classiqueVersion mobile

Che fare, quando fare, se fare

 | 
Germana Pareti
, 
Antonio G. Zippo

1. Antefatto

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Commentando le proprie ricerche sulla libertà del volere, avviate a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta, Benjamin Libet dichiarava di aver affrontato la questione secondo «un approccio sperimentale», rispettando i seguenti parametri:

  1. nessun segnale o controllo esterno doveva influire sull’insorgere dell’atto volontario, che pertanto era endogeno;

  2. il soggetto doveva sentire non solo di “doverlo” compiere, di propria iniziativa, ma anche di poter controllare ciò che stava facendo e quando.

A proposito della seconda condizione, Libet osservava che essa è disattesa sia in determinati casi clinici (corea di Huntington, sindrome di Tourette, morbo di Parkinson…, lesioni alla porzione frontomediale della corteccia premotoria) sia allorquando, a seguito di stimolazione da parte del neurofisiologo di parti dell’area motoria primaria (in genere su pazienti neurochirurgici), il soggetto è costretto a eseguire atti che di fatto non intende eseguire, e che pertanto sfuggono al suo controllo.

Ven...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search