Version classiqueVersion mobile

Che fare, quando fare, se fare

 | 
Germana Pareti
, 
Antonio G. Zippo

Introduzione

Le ragioni di un recupero

Note de l’éditeur

Benché i temi e le questioni trattati in questo libro siano stati concepiti e discussi da entrambi gli autori, a Germana Pareti spetta la stesura dei primi 8 capitoli, mentre ad Antonio G. Zippo quella dei restanti 9 e 10. L’epilogo è invece stato scritto a quattro mani, pur riflettendo l’orientamento delle ricerche computazionalistiche di Zippo.

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Nel dibattito di filosofia morale e filosofia della mente sul libero arbitrio che si riverbera con insistenza da qualche anno anche in Italia, una cesura gravida di conseguenze si può far risalire al 2008. Fino a qualche tempo fa, quando ci si riferiva al libero arbitrio, in genere si aveva a che fare con una questione teologica, che cercava di trovare un fondamento alla libertà dell’umano agire rispetto al padre eterno. Oggi però potrebbe sembrare obsoleto ricondurre il dibattito sul libero arbitrio ai soli ambiti della filosofia morale e della filosofia della mente, giacché ormai da decenni i temi e le questioni tradizionalmente pertinenti a queste due discipline si riassumono nei quesiti posti in neuroetica. In ogni modo, pur rispettando l’autonomia dei vari settori scientifici, è un fatto acclarato che, nel 2008, un gruppo di neurofisiologi facenti capo al Max Planck Institute di Lipsia (in collaborazione con altri istituti di ricerca tedeschi e uno belga) riprendendo le ricerch...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search