Version classiqueVersion mobile

Femminismo

 | 
Deborah Cameron

Introduzione

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

«We Should All Be Feminists» (“Dovremmo essere tutti femministi”), ha affermato la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie nel suo celebre saggio del 2014 che porta questo titolo. Ma un’indagine condotta un anno dopo in Gran Bretagna dalla società di sondaggi YouGov ha rilevato che molte donne non ne erano così convinte. La maggior parte era d’accordo che ci fosse ancora bisogno del femminismo ma circa la metà ha affermato che «non si definirebbe femminista», mentre una su cinque considerava questa parola un insulto.

Questa ambivalenza non è una novità. Nel 1938, la scrittrice Dorothy L. Sayers tenne un discorso alla Women’s Society dal titolo “Are women human?”, esordendo con una smentita:

La vostra Segretaria ha dato per scontato che io debba essere interessata al movimento femminista. Ho risposto, temo in modo un po’ irritato, che non ero sicura di volermi “identificare”, come si dice, con il femminismo…

Questo sentimento era al tempo abbastanza comune da spingere una contemporanea di S...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search