Version classiqueVersion mobile

Nietzsche e le scienze

 | 
Francesco Moiso

3. Gaia scienza

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. La dialettica della forma

(Lezione del 13 aprile) Nietzsche basa le sue riflessioni sul concetto di forma a partire dalla definizione fornitane da Schelling, che è un’adeguata esposizione dell’assoluto di per sé non è rappresentabile. Per Nietzsche esiste una differenza sostanziale tra forma e vita: non è vero che l’individuo, come forma individuale o determinata, riesce ad esprimere in sé tutte le potenzialità di questa vita infinita e in-formata. Questo significherebbe propugnare l’ideale di una identità tra l’individuo e l’assoluto, Schelling in qualche modo ammette solo attraverso la negazione dell’individualità come tale, una negazione che peraltro avviene attraverso la sua affermazione: l’individuo è nello stesso tempo realizzazione dell’unità fondamentale del mondo e ciò che l’unità del mondo continuamente trascende e distrugge. In questo senso, alla domanda “di che cosa siamo fatti?” si può rispondere solo dicendo: “di quella stessa attività che cerca di distruggersi. La n...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search