Version classiqueVersion mobile

Nietzsche e le scienze

 | 
Francesco Moiso

1. Introduzione

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. Fatti e interpretazioni

(Lezione del 4 marzo) Partiamo dal commento di due frammenti della Volontà di potenza1, il 480 e il 481.

Il 481 enuncia la famosa concezione secondo cui non ci sono fatti ma solo interpretazioni ed esordisce indirizzandosi «contro il positivismo».

Contro il positivismo, che si ferma ai fenomeni dicendo “ci sono soltanto fatti”, io direi: no, appunto i fatti non esistono, esistono solo interpretazioni. Non possiamo stabilire nessun fatto “in sé”: forse è assurdo il volere qualcosa del genere. (p. 271)

Non esiste quindi la possibilità di cogliere qualcosa che non sia visto da qualcuno, questo è il senso di questa affermazione. Noi interpretiamo il mondo secondo i nostri bisogni. Quando si utilizza questo frammento nietzscheano per una forma di ermeneutica selvaggia, si commette un grave delitto nei confronti di Nietzsche, perché questo frammento va tenuto insieme a quello precedente, il 480, che comincia con l’affermazione «Non c’è né “spirito”, né ragione, né p...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search