Version classiqueVersion mobile

Uomini normali

 | 
Cristina Oddone

Introduzione

Texte intégral

  • 1 Redazione, Le frasi sessiste di Amadeus durante la presentazione delle co-conduttrici di Sanremo, “ (...)

1Nel corso della conferenza stampa di presentazione del Festival di Sanremo 2020, il conduttore della settantesima edizione presenta pubblicamente le sue undici co-conduttrici. Oltre a esaltarne la bellezza, riferendosi a una di loro – fidanzata di un noto pilota motociclistico – Amadeus afferma: “È stata scelta da me perché vedevo in lei […] la capacità di stare vicino a un grande uomo stando sempre un passo indietro1.

  • 2 C. Del Frate, Genova, donna uccisa dall’ex marito. In 24 ore quattro femminicidi in Italia, “Corrie (...)
  • 3 S. Federici, L. Fortunati, Il grande Calibano. Storia del corpo ribelle dalla modernità a oggi, Tor (...)
  • 4 J. Radford, D. Russell, Femicide: the Politics of Woman Killing, New York, Twayne, 1992.
  • 5 M. Lagarde, Identidades de género y derechos humanos. La construccion de la humanas, VII curso de v (...)
  • 6 E. Giomi, F. Tonello, Moral panic: the issue of women and crime in Italian evening news, “Sociologi (...)

2In Italia sta per andare in onda il Festival di Sanremo e nelle ultime 24 ore ci sono stati quattro femminicidi2. Dalla caccia alle streghe al delitto d’onore, gli omicidi delle donne in quanto donne, per mano degli uomini, sono sempre esistiti, seppur rubricati sotto altre denominazioni3. Il termine “femminicidio” è stato utilizzato per la prima volta solo all’inizio degli anni Novanta4, per indicare l’uccisione di una donna per motivi legati al genere, ed è stato poi ripreso e reso noto dalle morti seriali di giovani donne a Ciudad Juarez in Messico5. Da qualche anno il termine circola su scala globale, così come la violenza di genere è divenuta un argomento mainstream. Gli omicidi di donne da parte di compagni e mariti sono all’ordine del giorno e dal 2012 la questione si è affermata nei media italiani come epidemia sociale6.

  • 7 C. Oddone, Dal silenzio al rumore: come parlare di violenza maschile contro le donne? Evoluzione de (...)
  • 8 S. Ciccone, Come affrontare la violenza maschile, in F. Fanelli (a cura di), La violenza sulle donn (...)
  • 9 E. Giomi, Neppure con un fiore. La violenza sulle donne nei media italiani, “il Mulino”, 6, 10, 201 (...)
  • 10 R. Beneduce, Introduzione. Etnografie della violenza, “Annuario di antropologia”, 8, 9-10 (“Violenz (...)

3Dal silenzio al rumore, in pochi anni si è passati dall’invisibilità totale del fenomeno alla pervasività della sua narrazione, in molti casi attraverso un linguaggio di chiara matrice emergenziale7. Nella maggior parte dei casi l’omicidio in sé è al centro della riflessione: i singoli episodi diventano il fenomeno da analizzare, nutrendo i resoconti giornalistici di dettagli superficiali e morbosi. Diverse voci hanno messo in guardia rispetto alla spettacolarizzazione della violenza, che rischia di renderla “estranea alla nostra “normalità”, rimuovendo così la necessità di una riflessione critica, di un’assunzione di responsabilità e di un conflitto rispetto al contesto culturale in cui si produce”8. In Italia i recenti studi di Elisa Giomi e Sveva Magaraggia hanno offerto un contributo fondamentale alla riflessione sulla copertura mediale del femminicidio, sulla violenza degli uomini e delle donne e sul modo in cui le rappresentazioni generano una specifica concettualizzazione del fenomeno, in grado di orientare le politiche di contrasto e prevenzione9. Negli ultimi dieci anni, il femminicidio sembra effettivamente divenuto un preciso frame, nel senso di un ordine del discorso che orienta ricerche e definisce nuove priorità politiche10.

  • 11 Cfr. C. Arruzza, T. Bhattacharya, N. Fraser, Feminism for the 99%. A Manifesto, London-New York, Ve (...)

4Come è accaduto in altri momenti storici, la critica femminista ha contribuito a proporre chiavi di lettura originali ai fini dell’analisi di questo fatto sociale. Dal 2015, la mobilitazione contro femminicidio e violenza di genere ha dato nuovo impulso al movimento femminista internazionale – dalla prima manifestazione di Ni una menos a Buenos Aires, passando per il #MeToo sui social media, fino agli scioperi globali dell’8 marzo inaugurati nel 2017, alle performance del colectivo cileno Lastesis in molte città del mondo. Il grido globale delle donne invita a guardare alla dimensione strutturale del fenomeno e al suo legame sistemico con altre forme di violenza prodotte dall’attuale crisi del capitalismo, tra cui le violenze del sistema economico, delle politiche migratorie e di austerity, della generale precarizzazione dell’esistenza11.

  • 12 Cfr. L. Re, E. Rigo, M.M. Virgilio, Le violenze maschili contro le donne: complessità del fenomeno (...)

5In Italia come altrove, i frequenti casi di femminicidio sembrano – più che il fenomeno in sé – l’epifenomeno di un problema più ampio e complesso che è la violenza maschile sulle donne in tutte le sue manifestazioni. Si tratta di pratiche e discorsi che si estendono e si affermano su scale diverse e in campi non necessariamente contigui, dalle relazioni intime al discorso pubblico dei nuovi populismi e delle nuove destre: una violenza che, sebbene esista da sempre, deve essere contestualizzata in questa precisa fase storica tardo capitalistica e post-patriarcale12.

  • 13 S. Žižek, La violenza invisibile cit.
  • 14 N. Scheper-Hughes, P. Bourgois (a cura di), Violence in War and Peace. An Anthology, Oxford, Blackw (...)

6Se dalla metà degli anni Novanta la violenza contro le donne si è imposta, sul piano internazionale e nazionale, come questione che richiede l’attenzione degli Stati – esigendo l’attuazione di politiche ad hoc, il riconoscimento di specifici reati e l’applicazione di sanzioni – d’altra parte è mancata una contestazione profonda e radicale del sistema che ne assicura l’incessante riproduzione. Da un punto di vista dell’indagine sociale e della trasformazione politica dei rapporti tra i generi, l’oggetto sociologico “problematico” non è quindi “il femminicidio”, ma l’insieme degli elementi culturali e sociali che garantiscono la continuità simbolica tra questi crimini efferati – oggi sotto i riflettori – e quelle pratiche silenziose e “invisibili”13 che, invece, fanno parte del normale stato delle cose e risultano opache proprio perché radicate nel senso comune della vita quotidiana14.

 

7E cosa c’entra il conduttore di Sanremo con tutto questo?

 

8In un commento pubblicato qualche giorno dopo la conferenza stampa di presentazione del Festival, il giornalista Luca Sofri ha giustamente osservato che

tutto quanto intorno ad Amadeus crea quell’espressione lì […] che molti accolgono come normale e condivisibile. […] Chi rifiuta di sentirsi accusare di “sessismo” lo fa perché si sente innocente, si sente di rispettare e apprezzare le donne, si sente in buona fede. […] Qualcosa nella sua testolina di maschio (ma non solo di maschio) viene alimentato da quando è bambino e diventa un pezzo della sua lettura della realtà, che poi candidamente emerge in questi casi, o in casi di maggiore prepotenza o persino violenza.15

  • 16 A proposito del suicidio, gesto individuale per antonomasia, Emile Durkheim sostiene che esso rappr (...)
  • 17 N. Scheper-Hughes, P. Bourgois (a cura di), Violence in War and Peace cit., p. 21.

9La frase del conduttore della settantesima edizione del Festival di Sanremo è una frase di senso comune, in tutto coerente con i modelli sociali e culturali egemonici nella società italiana. Essa è sintesi di “pratiche usuali”, di cui il femminicidio è invece “la forma esagerata”16. Situandosi in uno spazio intermedio tra questi due poli – tra “la violenza ordinaria, rutinaria, normativa” del sessismo quotidiano e la violenza considerata invece “patologica” o “eccezionale” dei femminicidi17 – la ricerca che presento in questo libro mira a indagare lo spettro delle variazioni performative e discorsive delle maschilità nel loro rapporto alla violenza contro le donne, nella sfera dell’intimità. La mia indagine si focalizza in particolare sull’analisi delle rappresentazioni – delle metafore, delle espressioni, dei gesti – di uomini che hanno agito violenza contro la propria compagna, senza tuttavia arrivare a commettere un femminicidio, che hanno frequentato un centro d’ascolto per uomini maltrattanti e che in tale contesto hanno intrapreso un percorso per riflettere criticamente sulle proprie condotte.

10Tuttavia questo non è un libro sui programmi per autori di violenza né una valutazione della loro efficacia. Il Centro di ascolto per uomini maltrattanti di Firenze è stato il luogo che mi ha offerto un punto di vista privilegiato per osservare e ascoltare uomini adulti eterosessuali che, rivolgendosi ad altri uomini, hanno raccontato la propria violenza contro la propria compagna. Nel tempo, attraverso il succedersi regolare degli incontri, i maltrattanti hanno trasformato le proprie condotte e le proprie credenze, rispetto alle donne, alla violenza, alla maschilità, generando una molteplicità di esiti possibili.

*

11Il volume è diviso in due parti.

 

12La prima parte intende porre basi teoriche utili alla riflessione sulla violenza in sé, sulla violenza maschile e sulla violenza maschile contro le donne, innanzitutto presentando alcune delle principali riflessioni elaborate nell’ambito degli studi sociologici e antropologici.

  • 18 G. Simmel, Sociologia [1908], Torino, Edizioni di Comunità, 1998, p. 213.
  • 19 Secondo l’antropologo italiano Fabio Dei, tale lacuna è attribuibile alle principali condizioni pra (...)
  • 20 N. Scheper-Hughes, P. Bourgois (a cura di), Violence in War and Peace cit., p. 6.
  • 21 Ivi, p. 7. Tra i casi più noti di opere antropologiche che sorvolano sul tema violenza, anche quand (...)

13In sociologia il tema della violenza è stato storicamente affrontato in maniera residuale e frammentaria. La banalità della violenza l’ha resa a lungo invisibile come oggetto d’indagine, come vero e proprio fenomeno sociale. Nella tradizione del conflitto essa è considerata una delle possibili dimensioni della “lotta”: per Simmel non vi è alcun dubbio sul suo significato sociologico, poiché essa “causa o modifica comunità d’interessi, unificazioni, organizzazioni”18. Anche la tradizione antropologica ha taciuto su questo tema, forse proprio in ragione delle origini coloniali della disciplina stessa. L’antropologia del Novecento ha accuratamente evitato di tematizzare la questione della violenza, limitandosi a trattarla in maniera obliqua, accennandovi marginalmente nelle prefazioni, nelle note, nei diari di campo19. Nancy Scheper-Hughes e Philippe Bourgois osservano che la violenza non è mai stata a natural subject for anthropologists, poiché considerata un tema inadeguato alla disciplina20. Benché non tutte le loro cronache esprimessero una visione chiaramente intrisa di razzismo imperialista o etnocentrico, in diversi casi gli antropologi hanno ignorato le atrocità che avevano luogo sotto il proprio sguardo21 – anche in ragione del fatto che la violenza, nella sua dimensione strutturale, era ritenuta parte dello stato delle cose.

  • 22 Quali per esempio il conflitto israelo-palestinese, il genocidio in Ruanda, le guerre nei Balcani. (...)
  • 23 F. Dei, Introduzione. Descrivere, interpretare, testimoniare la violenza cit., p. 12.
  • 24 C. Corradi (a cura di), Sociologia della violenza. Modernità, identità, potere, Roma, Meltemi, 2009 (...)

14L’indagine della violenza acquisisce rilevanza verso gli anni Novanta del xx secolo, in coincidenza con la “svolta etnica” negli studi dei grandi conflitti collettivi e il loro intrecciarsi con le politiche dell’identità22. Dalla fine della guerra fredda, con la caduta del muro di Berlino, si assiste a un proliferare di conflitti “a bassa intensità”, a operazioni di polizia internazionale e al fenomeno della progressiva militarizzazione della sicurezza interna, elementi che contribuiscono a cancellare le grandi distinzioni costitutive della modernità politica. Diviene sempre più sfuocato il confine tra interno ed esterno, tra pubblico e privato, tra guerra e pace, tra poliziesco e militare, tra “normalità dei rapporti sociali e straordinarietà o emergenza dello stato di guerra”23. La violenza assume un carattere diffuso nel tempo e nello spazio ed è sempre più spesso al centro delle riflessioni di scienziati e scienziate sociali, fino a divenire, alla fine del xx secolo, un oggetto di studio in sé, poiché considerata una “modalità espressiva carica di significato”24 e una forza in grado di strutturare i rapporti sociali.

  • 25 Nella loro pur efficace sintesi delle principali parole chiave per un’antropologia della violenza, (...)
  • 26 R. Connell, Maschilità [1995], Milano, Feltrinelli, 1996.

15Nel secondo capitolo percorrerò alcune delle tappe che hanno permesso di studiare la violenza secondo un approccio di genere. Se è vero che il fenomeno della violenza suscita solo tardivamente l’interesse delle scienze sociali, la sua dimensione di genere è stata storicamente del tutto trascurata25. Solo dagli anni Settanta del secolo scorso, attiviste e studiose femministe introducono progressivamente tale dimensione nell’analisi della violenza, riconoscendone il carattere strutturale e strutturante l’esperienza di vita delle donne. Superando l’enfasi sulla differenza sessuale e il paradigma della dominazione – che oppone in maniera netta gli uomini alle donne, l’una e l’altra intese come categorie internamente omogenee – dalla fine degli anni Ottanta il pensiero queer permette di pensare il genere in maniera completamente nuova: il campo di studi si apre a una molteplicità di soggetti e alla varietà delle strategie per fare il genere. La dimensione corporea e performativa acquisisce valore epistemologico e diviene una delle chiavi di lettura nello studio delle maschilità. Sulla scia del femminismo, la riflessione critica dei men’s studies consente di inaugurare un nuovo campo di studi orientato a sfidare l’universalità, l’oggettività, la neutralità del maschile, producendo un ampio ventaglio di analisi sul ruolo della violenza nella vita degli uomini, nella loro tensione consensuale verso il compimento del modello egemonico di maschilità (eterosessuale). Parziali, instabili, bisognose di continue conferme e in competizione tra loro, le maschilità vengono quindi intese al plurale, come masculinities26.

16In questo capitolo presenterò inoltre un breve inciso sul rapporto tra virilità, guerra e idea di nazione, e sull’emergere della misoginia come capro espiatorio alla “crisi” del ruolo maschile in momenti di profondi cambiamenti economici e sociali, nel medioevo e nell’età moderna. A conclusione di questo secondo capitolo, passerò in rassegna alcuni studi criminologici sensibili al genere, per analizzare le variazioni in termini di percezione, motivazione e performance, nel rapporto tra genere e condotte devianti maschili e femminili. Tematizzare la violenza da un punto di vista di genere permette anche di riconoscere e studiare le forme attraverso cui le pratiche della violenza s’iscrivono nel processo di costruzione sociale e culturale della maschilità (eterosessuale) egemonica, divenendone uno dei tratti dominanti, pur nelle sue configurazioni locali e storiche trasformazioni.

  • 27 P. Delage, Violences conjugales. Du combat féministe à la cause publique, Paris, Les Presses de Sci (...)
  • 28 A. Cavarero, F. Restaino (a cura di), Le filosofie femministe, Milano, Paravia Bruno Mondadori, 200 (...)
  • 29 J. Hearn, The sociological significance of domestic violence: tensions, paradoxes and implications, (...)

17Nell’ultimo capitolo di questa prima parte analizzerò il modo in cui la violenza contro le donne diviene gradualmente una questione pubblica27. Rispetto ai temi classici del femminismo – quali la lotta per il suffragio, per l’uguaglianza e contro le discriminazioni – il tema della violenza giunge relativamente tardi nell’agenda del movimento internazionale delle donne28. Solo a partire dagli anni Settanta esso diviene rapidamente uno degli assunti centrali nell’ambito degli studi di genere e un campo di battaglia decisivo, dal punto di vista politico e del diritto. Negli anni Novanta, la violenza di genere è infine riconosciuta come una violazione dei diritti umani delle donne. A conclusione di questa prima parte, tratterò la questione della violenza domestica, o violenza maschile nelle relazioni d’intimità, mettendone in evidenza le insidie, i paradossi, e soprattutto la rilevanza sociologica a lungo trascurata29. Infine, presenterò il graduale cambiamento di focus che ha permesso di considerare, oltre alle vittime, anche gli autori di violenza, in un’ottica di prevenzione e di riduzione del danno. I primi tre capitoli rappresentano dunque le fondamenta di questo lavoro: da qui sarà possibile calarci nel resoconto dell’esperienza etnografica e, in seguito, affrontare l’analisi dei risultati che emergono dalla ricerca sul campo.

 

  • 30 A. Bensa, De la relation ethnographique. À la recherche de la juste distance (Une lecture du livre (...)

18La seconda parte del libro è dedicata principalmente all’analisi del materiale etnografico. Nel primo capitolo illustrerò innanzitutto il contesto in cui ha avuto luogo la ricerca – il cam (Centro di Ascolto per uomini Maltrattanti di Firenze) – per ricostruire le origini di quest’esperienza di presa in carico maschile e per descrivere l’approccio impiegato nel programma rivolto agli autori di violenza. In seconda battuta chiarirò le scelte operate da un punto di vista metodologico. L’adozione di uno sguardo antropologico e la pratica dell’etnografia si riflettono nello stile di scrittura, che lascia ampio spazio agli estratti del diario di campo, agli scambi con operatori e operatrici del centro, e soprattutto alla narrazione dei maltrattanti. Troverà qui spazio una riflessione sulle difficoltà di mantenere “la giusta distanza”30 rispetto a un oggetto di studio ad alto impatto emotivo, anche in virtù dei rapporti di genere tra chi osserva e chi è osservato.

  • 31 C. Rinaldi, Maschilità, devianze, crimine, Milano, Meltemi, 2018, p. 149.
  • 32 W. Benjamin, Per la critica della violenza [1921], in Angelus Novus. Saggi e frammenti, Torino, Ein (...)
  • 33 M. Foucault, Bisogna difendere la società [1976], Milano, Feltrinelli, 2009.
  • 34 E. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, il Mulino, 1997.

19L’esame dei risultati empirici si articola su tre capitoli, che corrispondono all’analisi delle rappresentazioni maschili secondo tre diverse temporalità: al momento dell’arrivo al cam, nella fase iniziale e a percorso avanzato. Nel primo, “Prendere atto: il limite oltrepassato”, offrirò un quadro di alcune delle condotte violente “più gravi”, che hanno portato i maltrattanti ad avvicinarsi a un centro per autori di violenza. Il capitolo successivo, “Posizioni iniziali: in trincea”, descriverà le rappresentazioni degli uomini in una prima fase del percorso trattamentale, raccolte intorno a tre nuclei tematici: donne, violenza e maschilità. In questa parte sarà concettualizzato quello che ho definito “lo stigma della strega”: una strategia discorsiva intesa ad alterizzare e naturalizzare31 in chiave negativa alcuni tratti delle condotte femminili, impiegata dagli uomini sia per giustificare la violenza contro la propria compagna, sia potenzialmente per squalificare le donne in generale, nella più ampia sfera dei rapporti sociali. In questo stesso capitolo offrirò alcune interpretazioni dei diversi significati della violenza maschile contro le donne nelle relazioni d’intimità: una violenza “creatrice e conservatrice di diritto”32, “tecnologia di governo”33, “tecnica di correzione”, ma anche una violenza “espressiva” e “morale”. L’analisi del modo in cui i maltrattanti interpretano la propria maschilità nel suo rapporto alla violenza permetterà di mettere in evidenza la centralità, per gli uomini, del proprio sé. In tal senso, sarà possibile individuare ancora un’altra interpretazione della violenza agita dagli uomini: la violenza come strategia per “salvare la faccia”34, come uomini, mariti e padri.

  • 35 F Chicchi, A. Simone, La società della prestazione, Roma, Ediesse, 2017.
  • 36 C. Rinaldi, Maschilità, devianze, crimine cit., p. 155.

20Il focus sulle maschilità consentirà di allargare il campo a nuove interpretazioni della violenza maschile, oltre la logica oppositiva “uomini contro donne”. In “Scegliere di cambiare” illustrerò i modi in cui – nel corso del lungo percorso di trattamento – i maltrattanti raccontano l’interruzione della violenza fisica, accompagnata dall’assunzione di responsabilità e dal riconoscimento delle conseguenze dei propri atti. Tale passaggio produce una trasformazione notevole dei modi in cui essi percepiscono la propria compagna e “la propria violenza”. Tuttavia esso genera anche la variazione delle strategie pratiche e discorsive utili a sostituire la violenza con altri tratti normativi della maschilità egemonica, permettendo agli autori di violenza di rimanere con successo all’interno della cornice della norma eterosessuale, nel suo ordine polarizzato e gerarchico. Il passaggio dal controllo alla prestazione35 è segnato dall’invenzione di nuove condotte maschili, alternative alla violenza, ma soprattutto “competenti, convincenti e legittime”36. Dalle violenze fisiche al sessismo ordinario, questo lungo percorso è inteso a evidenziare i legami reciproci e costanti tra piano materiale e simbolico, nell’articolazione dei rapporti di potere tra uomini e donne, ma anche nella relazione tra uomini e tra diversi tipi di maschilità, nel rapporto degli uomini con il proprio sé e con il proprio sé ideale.

*

21È necessaria una precisazione dal punto di vista della terminologia. In questo volume mi riferirò ai perpetrators utilizzando le espressioni “maltrattanti”, “autori di violenza”, “uomini con comportamenti violenti”, “aggressori”, per una scelta di conformità con la terminologia comunemente impiegata in letteratura, nel diritto internazionale e nei servizi. Tuttavia l’uso di questi termini non è inteso a cristallizzare gli uomini in questi profili. Nella seconda parte del libro, nell’analisi dei risultati della ricerca, talvolta farò riferimento ai maltrattanti chiamandoli semplicemente “uomini”, per un’esigenza di scorrevolezza, senza per questo rifermi in alcun modo a “tutti gli uomini”.

22Nel caso delle donne, ove possibile ho impiegato la perifrasi “donna che subisce violenza”, altre volte ho invece utilizzato il termine “vittima”, poiché nel resoconto etnografico permette di restare più fedele al punto di vista maschile: anche riconoscendo la propria compagna come “vittima” della loro violenza – come persona che subisce un atto illecito e illegittimo – gli uomini sono in grado di riflettere criticamente sulle proprie condotte. Tale definizione è intesa come una condizione temporanea e situata, e non vuole dunque escludere il carattere resistente delle donne che subiscono violenza.

23Strasburgo, 2 febbraio 2020

24Questo volume deriva dalla tesi di dottorato in sociologia Uomini in transito: etnografia di un centro d’ascolto per uomini maltrattanti, discussa il 5 giugno 2015 all’Università di Genova e diretta da Luisa Stagi. La tesi ha ottenuto il “Premio per la migliore tesi di dottorato sul contrasto alla violenza contro le donne” (24 novembre 2015), istituito dalla Delegazione italiana presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per la Pari Opportunità, con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con la Conferenza dei Rettori e il Consiglio d’Europa. Le ricerche sono proseguite grazie a un contratto di ricerca post dottorale – post-doctorat idex, “Initiatives d’excellence” (luglio 2018 - dicembre 2019) – presso il laboratorio Dynamiques Européennes dell’Università di Strasburgo-cnrs, dal titolo “Masculinités et violences domestiques dans les dispositifs de prise en charge civile et pénale des hommes agresseurs en France et en Italie”, coordinato da Nicoletta Diasio.

Notes

1 Redazione, Le frasi sessiste di Amadeus durante la presentazione delle co-conduttrici di Sanremo, “il Post”, 16.01.2020, https://www.ilpost.it/flashes/amadeus-sanremo-donne [ultima consultazione 31.01.2020]

2 C. Del Frate, Genova, donna uccisa dall’ex marito. In 24 ore quattro femminicidi in Italia, “Corriere della Sera”, 31.01.2020, https://www.corriere.it/cronache/20_gennaio_31/genova-donna-uccisa-dall-ex-marito-24-ore-quattro-femminicidi-italia-f8b878b8-445b-11ea-b4ca-26f0f6d5d911.shtml [ultima consultazione 02.02.2020]

3 S. Federici, L. Fortunati, Il grande Calibano. Storia del corpo ribelle dalla modernità a oggi, Torino, Einaudi, 1984; J.G. Peristiany (a cura di), Honour and shame: the values of mediterranean society, Chicago-London, University of Michigan Press, 1965; R. Guerrini, L’abrogazione dell’art. 587 C.P.: la causa d’onore come elemento circostanziale, “Archivio penale”, XXXIV, 1, 1982, pp. 526-551.

4 J. Radford, D. Russell, Femicide: the Politics of Woman Killing, New York, Twayne, 1992.

5 M. Lagarde, Identidades de género y derechos humanos. La construccion de la humanas, VII curso de verano, “Educación, democracia y nueva ciudadanía”, Universidad Autónoma de Aguascalientes, 1997.

6 E. Giomi, F. Tonello, Moral panic: the issue of women and crime in Italian evening news, “Sociologica”, 2, 2013, p. 25.

7 C. Oddone, Dal silenzio al rumore: come parlare di violenza maschile contro le donne? Evoluzione del discorso pubblico prodotto dai media dagli anni Settanta a oggi, “Egeria. Rivista dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose”, 8-9, 2016, pp. 11-27; M. Guareschi, F. Rahola, Chi decide? Critica della ragione eccezionalista, Verona, ombre corte, 2011; S. Žižek, La violenza invisibile, Milano, Rizzoli, 2007.

8 S. Ciccone, Come affrontare la violenza maschile, in F. Fanelli (a cura di), La violenza sulle donne. Riconoscerla, contrastarla, prevenirla, Perugia, Morlacchi, 2013, p. 38.

9 E. Giomi, Neppure con un fiore. La violenza sulle donne nei media italiani, “il Mulino”, 6, 10, 2010; Id., La rappresentazione della violenza di genere nei media. Frame, cause e soluzioni del problema nei programmi Rai, “Studi sulla questione criminale”, XIV, 1-2, 2019, pp. 223-247; E. Giomi, S. Magaraggia, Relazioni brutali. Genere e violenza nella cultura mediale, Bologna, il Mulino, 2017.

10 R. Beneduce, Introduzione. Etnografie della violenza, “Annuario di antropologia”, 8, 9-10 (“Violenza”), 2008, p. 35 in nota.

11 Cfr. C. Arruzza, T. Bhattacharya, N. Fraser, Feminism for the 99%. A Manifesto, London-New York, Verso, p. 30.

12 Cfr. L. Re, E. Rigo, M.M. Virgilio, Le violenze maschili contro le donne: complessità del fenomeno ed effettività delle politiche di contrasto, “Studi sulla questione criminale”, XIV, 1-2, 2019, pp. 9-34.

13 S. Žižek, La violenza invisibile cit.

14 N. Scheper-Hughes, P. Bourgois (a cura di), Violence in War and Peace. An Anthology, Oxford, Blackwell, 2004, p. 21.

15 L. Sofri, Come and rock me, Amadeus, “il Post”, 21.01.2020, https://www.wittgenstein.it/2020/01/21/come-and-rock-me-amadeus/ [ultima consultazione 31.01.2020]. Cfr. anche C. Raimo, Quell’immagine di Sanremo è irrimediabile, “Minima et moralia”, 18.01.2020, http://www.minimaetmoralia.it/wp/quellimmagine-sanremo-irremediabile/?fbclid=IwAR1Fl1S0-jatqWGe772G_dPbuU0LbZWcT3hvd8gjqm9fhBliFBekezlk9eQ [ultima consultazione 31.01.2020]; S. Magaraggia, Sono solo canzonette. No. Il potere della musica, “La 27esima ora”, 20.01.2020, https://27esimaora.corriere.it/20_gennaio_20/sono-solo-canzonette-no-potere-musica-5d72989a-3b58-11ea-b696-cf03dd8fb7e.shtml?fbclid=IwAR1ut_d4RnY1HfUt1sLemeYHUL3Fb2kX4eDIYD04IQ2p5I77B7qC5DxlK-g [ultima consultazione 31.01.2020]; cfr. anche E. Giomi in un post su Facebook, il 21.01.2020.

16 A proposito del suicidio, gesto individuale per antonomasia, Emile Durkheim sostiene che esso rappresenta “la forma esagerata di pratiche usuali”, la cui natura è eminentemente sociale. Cfr. E. Durkheim, Il suicidio. Studio di sociologia [1897], Milano, RCS Rizzoli, 1987, p. 170.

17 N. Scheper-Hughes, P. Bourgois (a cura di), Violence in War and Peace cit., p. 21.

18 G. Simmel, Sociologia [1908], Torino, Edizioni di Comunità, 1998, p. 213.

19 Secondo l’antropologo italiano Fabio Dei, tale lacuna è attribuibile alle principali condizioni pratiche ed epistemologiche del lavoro antropologico novecentesco e alle convenzioni del realismo etnografico che predominava fino agli anni Ottanta. Cfr. F. Dei, Introduzione. Descrivere, interpretare, testimoniare la violenza, in F. Dei (a cura di), Antropologia della violenza, Roma, Meltemi, 2005, p. 9.

20 N. Scheper-Hughes, P. Bourgois (a cura di), Violence in War and Peace cit., p. 6.

21 Ivi, p. 7. Tra i casi più noti di opere antropologiche che sorvolano sul tema violenza, anche quando essa caratterizza fortemente il fieldwork, possiamo citare il lavoro di Evans Pritchard sui Nuer, evocato in F. Dei, Introduzione. Descrivere, interpretare, testimoniare la violenza cit., p. 9, oppure le omissioni di Clifford Geertz sui massacri in Indonesia, cui si fa riferimento in N. Scheper-Hughes, P. Bourgois (a cura di), Violence in War and Peace cit., p. 6.

22 Quali per esempio il conflitto israelo-palestinese, il genocidio in Ruanda, le guerre nei Balcani. Cfr. J.R. Bowen, Il mito del conflitto etnico globale, in F. Dei (a cura di), Antropologia della violenza cit.; R.M. Hayden, Comunità immaginate e vittime reali: autodeterminazione e pulizia etnica in Iugoslavia, in F. Dei (a cura di), Antropologia della violenza cit., pp. 145-182; R. Malighetti (a cura di), Politiche dell’identità, Roma, Meltemi, 2007.

23 F. Dei, Introduzione. Descrivere, interpretare, testimoniare la violenza cit., p. 12.

24 C. Corradi (a cura di), Sociologia della violenza. Modernità, identità, potere, Roma, Meltemi, 2009, p. 87.

25 Nella loro pur efficace sintesi delle principali parole chiave per un’antropologia della violenza, anche Nancy Scheper-Hughes e Philippe Bourgois sembrano obliterare la dimensione di genere, cfr. N. Scheper-Hughes, P. Bourgois (a cura di), Violence in War and Peace cit., p. 319.

26 R. Connell, Maschilità [1995], Milano, Feltrinelli, 1996.

27 P. Delage, Violences conjugales. Du combat féministe à la cause publique, Paris, Les Presses de Sciences Po, 2017.

28 A. Cavarero, F. Restaino (a cura di), Le filosofie femministe, Milano, Paravia Bruno Mondadori, 2002.

29 J. Hearn, The sociological significance of domestic violence: tensions, paradoxes and implications, “Current Sociology”, 61, 2013, p. 152.

30 A. Bensa, De la relation ethnographique. À la recherche de la juste distance (Une lecture du livre de Philippe Descola, “Les Lances du crépuscule, Relations Jivaros, Haute-Amazonie”, Paris, Plon, 1993), “Enquête”, 1, 1995, pp. 131-140.

31 C. Rinaldi, Maschilità, devianze, crimine, Milano, Meltemi, 2018, p. 149.

32 W. Benjamin, Per la critica della violenza [1921], in Angelus Novus. Saggi e frammenti, Torino, Einaudi, 1962, pp. 5-28.

33 M. Foucault, Bisogna difendere la società [1976], Milano, Feltrinelli, 2009.

34 E. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, il Mulino, 1997.

35 F Chicchi, A. Simone, La società della prestazione, Roma, Ediesse, 2017.

36 C. Rinaldi, Maschilità, devianze, crimine cit., p. 155.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search