Version classiqueVersion mobile

Etica dell'interpretazione

 | 
Gianni Vattimo

Parte seconda. Ermeneutica ed etica

9. Il disincanto e il dileguarsi

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. Quel che manca alla politica, e specificamente alla politica della sinistra, è una teoria fondata, capace di dare forza e coerenza logica ai programmi d’azione progressisti? In un saggio sul Disincanto tradito1, Paolo Flores d’Arcais sembra muovere da una, almeno implicita, convinzione di questo tipo. Eppure, nella vicenda del disincanto, tradito o no, che caratterizza la modernità, anche il rapporto fra teoria e prassi ha subito un processo di trasformazione, che è legata all’erosione della nozione stessa di un «progetto» teorico e della nozione di fondazione. Certo, Flores ne prende atto quando ammette che non si può rifare il discorso giusnaturalista, e che si tratta invece di scegliere (di trovare ragioni per scegliere) la fedeltà al progetto moderno, indipendentemente da ogni possibilità di fondare questa scelta su argomenti di tipo apodittico. Flores propone, anziché una fondazione, un «appello» alla fedeltà; ma questo è forse già un modo di ragionare che implica, tra i suo...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search