Version classiqueVersion mobile

Etica dell'interpretazione

 | 
Gianni Vattimo

Parte seconda. Ermeneutica ed etica

8. Dall’essere come futuro alla verità come monumento

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. L’ermeneutica, almeno nelle sue versioni più classicamente riconosciute, da Martin Heidegger a Hans-Georg Gadamer, sembra implicare, tra i suoi contenuti più caratteristici, la tendenza a una definizione ‘monumentale’ della verità. Questa tendenza – nei limiti in cui è reale, e con tutte le ambiguità del suo significato – costituisce una possibile legittimazione della polemica che, soprattutto dal punto di vista della teoria critica, si conduce contro di essa: anche al fondo della polemica di Habermas con Gadamer1, che è proseguita in varie forme negli anni recenti, sta non tanto la tesi secondo cui l’ermeneutica non si porrebbe con adeguata chiarezza il problema della rottura della tradizione, rottura entro la quale, in concreto, l’interpretazione sorge e con cui deve fare i conti; quanto piuttosto, più fondamentalmente, l’idea che l’ermeneutica, concependo troppo pacificamente e ‘organicamente’ la tradizione, tenda a risolversi in puro e semplice tradizionalismo; in ciò, del re...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search