Versione classicaVersione mobile

Etica dell'interpretazione

 | 
Gianni Vattimo

Parte prima. Significati dell’ermeneutica

1. Postmodernità e fine della storia

I formati HTML, PDF ed ePub di questo libro sono accessibili agli utenti di biblioteche e istituzioni che lo hanno acquistato come parte dell'offerta OpenEdition Freemium for Books. Il libro può anche essere acquistato sui siti dei librai partner, nei formati PDF ed ePub, se l'editore ha scelto questa distribuzione commerciale. Se l'edizione cartacea è disponibile, i link alle librerie sono proposti in questa pagina.

Estratto del testo

Una delle caratterizzazioni più generalmente accettate della postmodernità, è, forse, quella che la vede come la fine della storia.

C’è, ovviamente, in questa caratterizzazione, anche un certo tono apocalittico, che viene accentuato specialmente nelle interpretazioni di sinistra del postmoderno; e ciò accade sia che tali interpretazioni lo rifiutino polemicamente – è il caso di Habermas – sia che abbraccino la sua causa come nuova chance di una «emancipazione» che non ha più nulla a che fare con i vecchi ideali umanistici, ma che, comunque, rappresenta una alternativa positiva – è la posizione di Lyotard. Ma non tutti coloro che parlano di postmoderno accettano questa connotazione apocalittica; e anche il significato di «fine della storia» che si annette all’espressione viene interpretato, o, per così dire, «declinato», in modo diverso. Le due posizioni che, in modo diametrale, si contrappongono generalmente su questo tema, e cioè quella di Lyotard1 e quella di Habermas2, condividono...

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search