Version classiqueVersion mobile

Adoviolenza

 | 
Paola Bolgiani

Parte II. Trattamenti della violenza

Amore e violenza nel lavoro istituzionale

Marcello Morale

Texte intégral

1All You Need Is Love: il successo del celebre brano dei Beatles, come il contesto in cui venne presentato e l’esplicito messaggio di pace che veicola, non lascia dubbi sulla portata del suo fascino, a partire dal titolo. «There’s nothing you can do that can’t be done», «Nothing you can sing that can’t be sung», e così via: se c’è amore, nulla manca, tutto è possibile, tutto è a posto, «It’s easy». Da questa bella e davvero “amabile” negazione, da questo sogno, che riguarda noi tutti nel profondo, sarebbe difficile risvegliarsi se l’esperienza di ogni giorno non ci riportasse in continuazione a una realtà ben più complessa, in cui l’amore non si trova quasi mai senza qualcuna delle passioni che lo accompagnano, dall’angoscia, all’invidia, fino all’aggressività, e alla sua conseguenza forse più ovvia, la violenza. È sufficiente porre uno sguardo un po’ franco su ciò che avviene nelle famiglie, sui luoghi di lavoro, nelle istituzioni (anche quelle dagli ideali più nobili), per accorgersi che no, è tutto tranne che “easy”.

  • 1 Sofocle, Edipo Re – Edipo a Colono – Antigone, Milano, Mondadori, 2014, pp. 139-141.
  • 2 Ivi, p. 253.
  • 3 Ivi, p. 319.
  • 4 Ivi, p. 317.

2È qualcosa di cui l’uomo ha dato testimonianza sin dall’antichità, nella letteratura e nel teatro per esempio: si pensi all’Edipo Re di Sofocle. Questo amore di padre che spinge l’eroe a implorare il cognato Creonte di prendersi cura delle figlie («non lasciare che, essendo della tua stirpe, vadano erranti, mendiche e abbandonate, e non renderle pari ai miei mali»), lo spinge subito dopo a non lasciare Antigone con lo zio, trascinandola con sé in una vita di sventura1. Quello stesso amore famigliare porterà la bambina, divenuta una giovane donna, a superare deliberatamente, in modo affine a quanto aveva fatto il padre2, la soglia tra la vita e la morte3. Abbiamo in questa narrazione tutte le coordinate per cogliere la relazione, nell’esperienza umana, tra l’amore più viscerale e la devastazione più spietata: l’atroce maledizione lanciata da Edipo ai suoi figli maschi, li spinge a uccidersi a vicenda e mette Antigone nella condizione di scegliere tra il rispetto della legge cittadina e la necessità per lei irrinunciabile di seppellire l’amato fratello Polinice, che lo zio aveva condannato a rimanere insepolto, in quanto nemico della città. La ragazza sapeva esattamente dove l’avrebbe condotta schierarsi dalla parte del fratello, in quanto la pena era la condanna a morte per chiunque disubbidisse, ma si volge senza esitazione alla strada che la conduce nella tomba4.

3Senza arrivare agli estremi della tragedia, sono le piccole miserie quotidiane di noi tutti – quelle che ascoltiamo dai nostri pazienti o ritroviamo, nell’analisi personale, nelle nostre stesse storie – a mostrarci questo doppio e inquietante volto dell’amore. Ciò che viene trasmesso in termini di invasività, oppressione, aggressività (più o meno consapevole, più o meno esplicita), in generale tutto quello che vi è di sintomatico nelle relazioni, soprattutto le più strette, fa tutt’uno, come l’altra faccia di una stessa medaglia, con l’amore che viene donato. Questo è uno dei motivi che rende tanto difficile in alcuni casi il progresso di una cura analitica: per il soggetto umano lasciar cadere il potere degli imperativi, i giudizi, i marchi di chi lo ha e che ha amato (anche i più atroci e insostenibili) è, nell’inconscio, come tradire questo stesso amore.

4È forse questo uno degli aspetti che rende altrettanto problematico, soprattutto per alcuni pazienti, avvertire da parte di un operatore in istituzione che questi rivolge un amore troppo vivo e esplicito nei suoi confronti: tale condizione può risvegliare ciò che c’è stato di difficile nell’amore che il soggetto ha ricevuto in altre relazioni della sua vita, con le pressioni, le difficoltà, i conflitti che ha comportato.

5Il fatto che l’amore non venga da solo, ma si accompagni solitamente ad altre passioni, rende la sua entrata in gioco nelle “relazioni d’aiuto” qualcosa da trattare con estrema prudenza e attenzione: esso può ispirare o comportare invidia, gelosia, senso di possesso, presunzione di sapere cosa è meglio per l’altro, fino a sentimenti affini all’aggressività o anche all’odio.

6Per quanto il soggetto che si affida a noi possa aver avuto nella sua storia, nell’educazione che ha ricevuto, nelle sue relazioni più prossime e importanti, un’esperienza positiva (ovvero mitigata) di questo doppio volto dell’amore, è difficile che qualcosa di questa complessità non compaia, e richiamarla attivamente nella relazione di transfert, da parte dell’operatore (soprattutto farlo senza esserne avvertiti), difficilmente può non rappresentare un azzardo. Nel lavoro istituzionale, piuttosto che sostenere il paziente a cercare di mettere in parola o rappresentare i vissuti legati a tali passioni – a seconda della soggettività e delle possibilità d’elaborazione del soggetto – il professionista rischierebbe di spingerlo a metterli in atto. Tutto questo è tanto più delicato se il ragazzo o la ragazza non ha potuto formare, nella costruzione della sua soggettività e nel modo di concepire le relazioni, gli strumenti per porre una sufficiente distanza da ciò che viene domandato: questo può esprimersi attraverso aspettative o richieste, ma anche in modo più sottile, nella forma per esempio di valorizzazione e stima. Per quanto queste ultime possano apparire nel senso comune, e giustamente, come elementi positivi di una relazione, esse implicano anche un’immagine ideale a cui si chiede più o meno implicitamente di aderire.

  • 5 C. Viganò, Sinthòmo e transfert nell’anoressia, “La psicoanalisi”, 50, 2011, p. 47.

7Per esempio, per un ragazzino sempre a modo e bravo a scuola, intelligente, sempre adeguato nelle “prestazioni”, che non sbaglia o non trasgredisce mai, cosa accade se fallisce? Qualcuno, se ha gli strumenti per simbolizzare e farsi una ragione che qualcosa può mancare, potrà prenderne atto e superare ciò che comporta per sé e per gli altri l’immagine inedita che risulta dalla nuova situazione. Ma per motivi contingenti – di posizione – o permanenti – strutturali5 – non è affatto detto che sopportare la perdita che questo implicherebbe sia possibile per un soggetto.

  • 6 Rinvio per un approfondimento a C. Dewambrechies La Sagna, L’anoressia vera della ragazza, “Attuali (...)

8È qualcosa che si trova, per esempio, nell’anoressia mentale: brave ragazze, abituate a non deludere mai, che avvertono o credono, senza poterlo dire nemmeno a se stesse, di poter essere amate e valorizzate solo se rimangono per l’altro ciò che questi si aspetta da loro, riescono a ritagliarsi un margine di autonomia, a dire un loro “no”, soltanto smettendo di mangiare. In questo modo mettono in atto una devastazione radicale che investe il loro corpo e i legami stessi. Se nelle relazioni di cura incontrano qualunque cosa concerna non solo le aspettative su di loro, ma anche un dono o una volontà di aiutarle, solitamente peggiorano pericolosamente: una ragazza ricoverata si annoia, un’infermiera del reparto, che l’ha presa a cuore, le porta una rivista; il giorno dopo la bilancia mostra qualche etto in meno6.

9Più in generale non è raro e non è strano, dunque, che i pazienti possano reagire male, talvolta violentemente, a manifestazioni d’amore o affetto troppo imprudenti dei loro curanti.

10Si tratta di qualcosa che ho potuto osservare in una forma particolarmente veemente ed esplosiva nel lavoro in istituzione con bambini e adolescenti: soprattutto se il minore ha già tendenze aggressive – sia che prendano la forma della violenza fisica o verbale, della molestia sessuale, dell’autodistruzione o altro – è quasi sempre l’operatore che gli mostra più affetto, che si comporta con lui come un padre o una madre amorevole, come un fratello maggiore, che viene più bersagliato dal paziente. Ciò che spesso si nota in quei casi è che, pur vivendo a sua volta la situazione con disagio, è proprio l’operatore che fatica a spostarsi da quella condizione. Se, per esempio, gli si propone di mettersi un po’ al riparo, di farsi aiutare dai colleghi, lasciando ad altri in misura maggiore la gestione delle attività con quel paziente, compaiono sensi di colpa, fantasmi d’abbandono, angoscia, e così via.

11Tutto questo non significa che egli debba cercare di attenersi a un ideale di distacco dai propri sentimenti. Al contrario, è importante che possa avvertirli, tenerne conto, sperimentarli sulla sua pelle; se da un lato occorre che non getti sulle spalle dei pazienti ciò che prova e che non agisca troppo, è altrettanto importante che non prenda una posizione difensiva, ma che piuttosto possa elaborare egli stesso, facendosene carico, ciò di fronte a cui la sua soggettività lo pone, che è una sua personale responsabilità.

  • 7 J. Lacan, Il Seminario, Libro VIII, Il transfert [1960-1961], Torino, Einaudi, 2008, pp. 43, 44.

12Se tuttavia consideriamo che la struttura del desiderio e dell’amore sono affini7, in quanto anche in quest’ultimo cerchiamo nell’altro qualcosa che ci manca e che supponiamo egli abbia, non solo queste due dimensioni non possono essere escluse dal lavoro clinico, ma occorre considerare che, a un certo livello, esso non sarebbe sostenibile senza di loro: l’operatore, infatti, se non è in cerca di qualcosa, rischia molto facilmente di smarrirsi. Ciò che è pericoloso è che questo “qualcosa” egli lo chieda al paziente.

  • 8 Cfr. Id., Il Seminario, Libro XVII, Il rovescio della psicoanalisi [1969-1970], Torino, Einaudi, 20 (...)
  • 9 Platone, Il Simposio, Milano, Garzanti, 2010, cap. XXXII.
  • 10 J. Lacan, Il Seminario, Libro VIII, Il transfert cit., pp. 42, 43.

13In quello che Lacan definisce «il discorso dell’analista»8, egli formalizza quella forma di legame sociale in cui è una mancanza a mettere al lavoro, lavoro che comporta l’interrogazione che potrebbe sorgere per un soggetto a partire da quella mancanza. Se nell’artificio della cura analitica, a certe condizioni della soggettività del paziente, è possibile riprodurre qualcosa della struttura che si accennava essere propria dell’amore e del desiderio, nel lavoro istituzionale questo non è di solito possibile. Quella struttura implica infatti, secondo Lacan, che un soggetto, in questo caso il paziente, possa credere di trovare nell’Altro ciò che gli manca, l’oggetto prezioso che, riferendosi a Platone9, l’analista francese aveva chiamato “agalma10.

  • 11 J. Lacan, Sovversione del soggetto e dialettica del desiderio nell’inconscio freudiano [1966], in S (...)
  • 12 Platone, Il Simposio cit., cap. XXXII.
  • 13 J. Lacan, Il Seminario, Libro VIII, Il transfert cit., p. 153.
  • 14 Ibidem.
  • 15 Ivi, p. 168.

14Perché questo sia possibile quel soggetto dovrebbe essere arrivato a simbolizzare, solitamente molto presto nel cammino della sua vita, che qualcosa gli manca; questa mancanza, che il soggetto sarebbe dunque in grado di riconoscere, lo porterebbe nella condizione particolare di voler cercare questo oggetto perduto e volerlo trovare nell’Altro, dove per «Altro»11, scritto maiuscolo, si può intendere con una semplificazione l’alterità in quanto simbolizzata, “tradotta” in significanti. Se, nel Simposio12, Alcibiade può desiderare in Socrate l’agalma, l’oggetto prezioso13, che manca, è perché l’amato, Socrate, non è riconosciuto soltanto nella sua realtà immediata, concreta, ma esiste anche a livello delle parole che l’amante gli dedica e gli rivolge. Non si tratta solo di passione, ma letteralmente del «linguaggio della passione»14. A questo livello non è solo il corpo dell’amato che quest’ultimo vuole, ma anche ciò che di più prezioso sente di non avere e che, tramite il simbolico, crede di poter trovare nell’Altro. È in quanto «oggetto indefinibile e prezioso»15, velato e sfuggente, che esso diventa causa di desiderio.

15Arrivare a cogliere che la perdita di cui stiamo parlando è parte ineliminabile della vita umana, per quante forme gli diamo e per quanto cerchiamo di colmarla, è qualcosa di cui non è semplice prendere atto; senza questo non è possibile, tuttavia, accedere al desiderio.

16Se l’esperienza analitica può portare il soggetto proprio in questa direzione, nel lavoro istituzionale con bambini e adolescenti sperimentiamo da questo punto di vista qualcosa di diverso. I soggetti con cui operiamo in questo contesto non sono di solito arrivati a simbolizzare una mancanza così concepita: non sono loro che hanno perso un oggetto che sarebbe nell’Altro, e che desiderano; sono loro piuttosto a sentirsi l’oggetto dell’Altro, il cui desiderio è dunque qualcosa di molto inquietante: l’operatore non vuole “qualcosa da me”, ma “vuole me”. Inoltre è il contesto istituzionale stesso, col suo funzionamento, a non consentire agli operatori di tenere quella posizione in cui potrebbero incarnare agli occhi del paziente il luogo in cui è depositato quell’oggetto perduto attorno al quale ruota il lavoro analitico: la prossimità, una maggiore simmetria delle relazioni, l’impossibilità, in un turno di molte ore, di gestire l’astensione come potrebbe avvenire in una breve seduta, sono alcuni degli aspetti che non consentono lo svolgimento di un lavoro psicoanalitico propriamente detto in queste situazioni.

  • 16 Id., Il Seminario, Libro XVIII, Di un discorso che non sarebbe del sembiante [1971], Torino, Einaud (...)
  • 17 Ivi, p. 5.
  • 18 Id., Il Seminario, Libro X, L’angoscia [1962-1963], Torino, Einaudi, 2007, p. 151.

17Al di là dell’analisi strettamente intesa, tuttavia, Lacan aveva concepito ciò che definisce, in un punto avanzato del suo insegnamento, «prolungamento della posizione dell’analista»16: non si tratta di porsi sul versante dell’analista, ma piuttosto dal lato dell’analizzante17; l’oggetto perduto da interrogare è allora ciò che sfugge a noi, non al paziente. L’indicazione, in casi affini a quelli che incontriamo nel nostro lavoro istituzionale, è quella di «assumere dentro di noi» l’oggetto perduto «a mo’ di un corpo estraneo, di un’incorporazione di cui siamo noi il paziente, dato che l’oggetto, in quanto è la causa del suo desiderio, è assolutamente estraneo al soggetto che ci parla»18.

  • 19 Id., Nota Italiana [1973], in Altri Scritti, Torino, Einaudi, 2013, p. 306.

18Se questa idea ha una sua portata operativa, credo sia proprio perché è il giovane soggetto che ci fa mancare, e trovare un modo di mettere al lavoro questo può essere il centro della nostra pratica. Soprattutto i casi più difficili mettono di fronte a un’impotenza rispetto alla quale è in primo luogo una certa forma di sapere che ci manca, il sapere come fare. Prendere atto di questo, farlo circolare nell’Altro che l’équipe di lavoro rappresenta per noi, è ciò potrebbe mettere ciascun operatore nella posizione “analizzante” a cui si accennava poche righe sopra: si può far diventare le difficoltà di fronte alle quali i ragazzi ci mettono, che nessuno libro ci prepara ad affrontare, qualcosa di enigmatico, che va indagato e interrogato, il nostro agalma. Questo può far entrare qualcosa del lavoro analitico, e dell’amore, anche nelle istituzioni in cui operiamo. Il sapere di cui si tratta non è però un sapere che l’équipe potrebbe avere, che sia già dato in un luogo e in una persona, ma piuttosto qualcosa che ancora non c’è e che nell’elaborazione di ciascuno, portata nel collettivo, si tratta di inventare19: è questa invenzione che si può arrivare ad amare ed è di questo amore che anche i soggetti con cui lavoriamo potranno servirsi.

Notes

1 Sofocle, Edipo Re – Edipo a Colono – Antigone, Milano, Mondadori, 2014, pp. 139-141.

2 Ivi, p. 253.

3 Ivi, p. 319.

4 Ivi, p. 317.

5 C. Viganò, Sinthòmo e transfert nell’anoressia, “La psicoanalisi”, 50, 2011, p. 47.

6 Rinvio per un approfondimento a C. Dewambrechies La Sagna, L’anoressia vera della ragazza, “Attualità Lacaniana”, 5, 2006, pp. 111-131.

7 J. Lacan, Il Seminario, Libro VIII, Il transfert [1960-1961], Torino, Einaudi, 2008, pp. 43, 44.

8 Cfr. Id., Il Seminario, Libro XVII, Il rovescio della psicoanalisi [1969-1970], Torino, Einaudi, 2001.

9 Platone, Il Simposio, Milano, Garzanti, 2010, cap. XXXII.

10 J. Lacan, Il Seminario, Libro VIII, Il transfert cit., pp. 42, 43.

11 J. Lacan, Sovversione del soggetto e dialettica del desiderio nell’inconscio freudiano [1966], in Scritti, Torino, Einaudi, 1974, pp. 808, 809, 815.

12 Platone, Il Simposio cit., cap. XXXII.

13 J. Lacan, Il Seminario, Libro VIII, Il transfert cit., p. 153.

14 Ibidem.

15 Ivi, p. 168.

16 Id., Il Seminario, Libro XVIII, Di un discorso che non sarebbe del sembiante [1971], Torino, Einaudi, 2010, p. 6.

17 Ivi, p. 5.

18 Id., Il Seminario, Libro X, L’angoscia [1962-1963], Torino, Einaudi, 2007, p. 151.

19 Id., Nota Italiana [1973], in Altri Scritti, Torino, Einaudi, 2013, p. 306.

Auteur

Psicologo, psicoterapeuta, membro Scuola Lacaniana di Psicoanalisi e Associazione Mondiale di Psicoanalisi, psicoterapeuta Kliné-Associazione per la Cura e la Ricerca sui Sintomi Alimentari e i Legami di Dipendenza (Milano) e Centro di Psicoterapia Integrato Agape (Treviglio - Bg); docente incaricato Istituto freudiano per la Clinica, la Terapia e la Scienza

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search