Version classiqueVersion mobile

Le corps écrivant

 | 
Fabio Scotto

Parte Quinta. Voci e soggettività: da Georges Perros a Jude Stéfan

Bernard Chambaz: una poetica dell’Été

A Maria Gabriella Adamo, studiosa e amante della poesia,

con vivo affetto

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Nell’opera di Bernard Chambaz (1949), poeta, narratore e saggista1, una molteplicità di motivi di matrice sentimentale e critica contribuisce a delineare un universo di scrittura che molto deve alla sua formazione di storico, alla sua riflessione politica, che affonda le sue radici in una storia familiare nella quale l’impegno sociale e civile (il padre fu un parlamentare del PCF) è stato tratto predominante, così come, e ancor più, in una vicenda umana e familiare segnata da un destino crudele che lo ha visto perdere un figlio, Martin, non ancora diciassettenne nel luglio del 1992 in un incidente stradale in Gran Bretagna. Vera «fêlure psychologique», questo tragico evento, il più terribile che un genitore possa patire, sarà da lui definito nel récit Martin cet été 2 come «le plus grave de [s]a vie»3. Da qui in poi una poetica della mancanza e del nostos contrassegnerà l’intero suo percorso di scrittura, divenendo un tratto primario d’identificazione di storie da narrarsi, oltre ch...

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search