Version classiqueVersion mobile

Le corps écrivant

 | 
Fabio Scotto

Parte Terza. Kenneth White e la géopoétique

Nazioni e contaminazioni di un’odierna erranza: l’a-topia nomade dello scoto-francese Kenneth White

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

L’opera di Kenneth White, alla quale abbiamo già dedicato vari studi1, è da più parti ritenuta come una delle più ricche, originali e interessanti degli ultimi decenni. L’autore, nato a Glasgow in Scozia nel 1936, in un paesaggio suggestivo caro anche a Jean Giono (E, p. 13) e caratterizzato da vaste distese poco popolate che favoriscono lo sviluppo della sua vocazione all’erranza nomade, approda in Francia negli anni Sessanta dove si dedica a una vasta attività di ricerca e studio che lo porta a occupare, dal 1983 al 1996, una cattedra di “Poetica del xx secolo” alla Sorbona. Amante della costa atlantica, stabilisce il suo atelier nel nord della Bretagna, dal quale muovono le sue peregrinazioni alla ricerca delle origini delle civiltà più disparate, in particolare amerindiane, orientali ed esquimesi. Autore per certi versi inclassificabile, White è poeta, scrittore e saggista che si muove costantemente su un terreno di fertile contaminazione di generi, di lingue e culture, coerente...

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search