Version classiqueVersion mobile

Le corps écrivant

 | 
Fabio Scotto

Parte Prima. Da Paul Valéry a Henri Michaux: il pensiero della poesia

L’idea del Novecento poetico francese in Carlo Bo: Valéry, Supervielle, Michaux

all’amico e collega Sergio Pautasso in memoriam.

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. Del «lettore»

Vi è indubbiamente nell’intensa esperienza critica e intellettuale del ligure Carlo Bo un approccio sincretistico e comparatistico che fonde mirabilmente le ragioni personali e intime del singolo con le istanze collettive ed estetiche provenienti dai movimenti e dagli impulsi dell’epoca. Non intendiamo con ciò affermare che Bo abbia sposato questa o quella causa, pur essendo nota la sua iniziale affinità alle ragioni dell’ermetismo italiano, bensì più semplicemente mettere in risalto la verticalità e l’orizzontalità diacronico-sincronica con la quale egli prende in esame l’evoluzione letteraria del suo tempo, anche alla luce della lezione fondatrice e sempre attuale dei maestri del passato. Si tratta insomma di una scrittura critica, e di una vera scrittura nella critica, che chiama a sé una molteplicità di voci e saperi al cospetto dei quali «il lettore» elabora nel crogiolo della pagina la sua visione della letteratura e del mondo, in una «sorta di diario ininterro...

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search