Versión clásicaVersión móvil

Marx e la critica del presente

 | 
Marco Gatto

Terza sessione

Marx e i furti di legna. Dal diritto consuetudinario al diritto di classe

Jamila M.H. Mascat

Texto completo

  • 1 I cinque articoli appaiono tra il 25 ottobre e il 3 novembre 1842. K. Marx, Dibattiti sulla legge (...)
  • 2 J. Michel, Marx et la loi sur les vols des bois. Les leçons du droit coutumier, in C. Journès (a (...)
  • 3 P. Linebaugh, Karl Marx, the theft of wood, and working-class composition: a contribution to the (...)
  • 4 D. Bensaïd, Gli spossessati. Proprietà, diritto dei poveri e beni comuni [2007], Verona, ombre co (...)
  • 5 K. Marx, Per la critica dell’economia politica. Introduzione e prefazione [1857-1859], Firenze, E (...)

1Nell’autunno del 1842 Marx pubblica sulla “Rheinische Zeitung” una serie di cinque articoli in cui procede a una disamina delle recenti delibere della Dieta renana riguardanti i «dibattiti relativi ai furti di legna»1. Questo scritto polemico nei confronti della nuova legislazione che sanziona la consuetudine dei contadini poveri d’Oltrereno di raccogliere, nelle foreste demaniali, ramoscelli e fronde morte, ha attirato a più riprese l’attenzione degli interpreti in ragione della funzione anticipatrice che riveste nella traiettoria teorico-politica di Marx. «Lavoro inaugurale di un’indagine sulla proprietà privata intesa come istituto politico-giuridico»2, «prima apparizione della lotta di classe in Marx sotto forma di crimine»3 – i furti di legna, appunto – e riflessione che dà avvio al «superamento di ciò che Louis Althusser ha definito “il momento liberal-razionalista” di Marx»4, l’articolo è, come riconosce l’autore stesso nella prefazione a Per la critica dell’economia politica (1859), l’occasione di una presa di coscienza degli «interessi materiali» che attraversano la società che lo condurrà, da quel momento in poi, a occuparsi in maniera più approfondita delle «questioni economiche»5.

  • 6 Id., Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 228.

2Il presente contributo si propone di rivisitare gli articoli sui «furti di legna» interrogando la concezione del diritto che Marx mobilita nel corso della sua requisitoria contro le risoluzioni della Dieta renana. Il testo, peraltro, fornisce un punto di accesso privilegiato per osservare il rapporto di Marx con la sfera giuridica, nella misura in cui l’autore elabora in questa sede una critica eminentemente giuridica del diritto. In risposta alla contesa sui rami caduti dagli alberi che oppone i proprietari delle foreste ai contadini poveri, Marx non sviluppa una critica del diritto in quanto tale – in quanto istanza di formalizzazione dei rapporti di forza esistenti nella società borghese – come farà in seguito; al contrario, qui fa valere il diritto consuetudinario contro il diritto legislativo, la «natura delle cose» contro le leggi incapaci di esprimerla, e il diritto degli aventi diritto contro il diritto di proprietà6. Il diritto si delinea, perciò, come un campo conflittuale e contraddittorio in seno al quale la battaglia giuridica può essere condotta precisamente opponendo un diritto all’altro.

  • 7 G.W.F. Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto [1820], a cura di G. Marini, Roma-Bari, Laterza (...)

3Nelle pagine che seguono, per prima cosa si tratterà di riflettere sulla presenza e lo statuto del diritto nel pensiero del giovane Marx – ex studente di diritto e di filosofia, poi giornalista politicamente impegnato – al fine di sottolineare, da un lato, le ambivalenze e, dall’altro, l’importanza, nient’affatto secondaria, che la sfera giuridica conserva finanche nel corso dell’evoluzione della critica marxiana dell’economia politica nelle opere della maturità. In secondo luogo, si procederà a esaminare il contesto socio-storico, ideologico e politico in cui Marx redige il testo sui furti di legna e poi all’analisi testuale dell’articolo, allo scopo di definire le nozioni di diritto consuetudinario e di diritto legale che figurano in esso. Infine risaliremo alle fonti, vale a dire le filosofie di F.C. Savigny e di E. Gans, figure cruciali nella formazione di Marx – giovane hegeliano anti-hegeliano – all’epoca dei suoi studi giuridici presso l’Università di Berlino. Tale genealogia ci permetterà di cogliere l’originalità dell’operazione marxiana rispetto all’impostazione dei suoi maestri e di precisare i fondamenti concettuali del diritto consuetudinario della povertà rivendicato da Marx, contro le astrazioni dell’economia moderna e le ingiustizie della società civile7.

Marx e il diritto. Ambivalenze dell’elemento giuridico

  • 8 N. Poulantzas, À propos de la théorie marxiste du droit, “Archives de philosophie du droit”, 12, (...)
  • 9 J. Michel, Marx et la société juridique cit., p. 258.

4Gli articoli che Marx pubblica sulla “Rheinische Zeitung” nel corso degli anni 1842-1843 offrono una prospettiva privilegiata per comprendere tutta l’ambivalenza del suo rapporto con il diritto. Come scrive Nicos Poulantzas, «le opere della giovinezza di Marx sono quelle in cui egli si occupa sistematicamente dei problemi che coinvolgono la sfera giuridica», ricollegandosi in tal modo agli studi di diritto condotti dopo la redazione della sua tesi sulla filosofia di Epicuro8. Tuttavia, il diritto non è riducibile a un interesse marginale di gioventù destinato presto a svanire. Benché un’analisi esaustiva della teoria marxiana del diritto comprendente l’intero corpus della sua opera ecceda i limiti di questo articolo, la scelta di circoscrivere la nostra attenzione ai testi del giovane Marx non indica che il diritto scompaia dalla riflessione del Marx della maturità. Nella sua opera su Marx et la société juridique (1983), Jacques Michel mostra precisamente che negli anni successivi a Per la critica della filosofia del diritto di Hegel (1843), non è il diritto in quanto tale a venir espulso dalla produzione teorica marxiana, ma piuttosto la filosofia del diritto, abbandonata in nome di un’interpretazione materialista del fenomeno giuridico in seno alla società borghese. «Linguaggio del potere e dell’autorità», il diritto riveste nelle opere posteriori di Marx uno statuto ideologico e politico che si lascia comprendere soltanto a partire dalla sua iscrizione «nel cuore del processo produttivo», ovvero nel nucleo profondo dei rapporti capitalistici di produzione di cui è chiamato ad assicurare la riproduzione9.

5In che misura, allora, il diritto gode di un’esistenza autonoma nella teoria di Marx? Se si prendesse alla lettera quanto riportato a più riprese nei suoi scritti, si potrebbe essere indotti a credere il contrario e concludere che il diritto in Marx non sia altro che parvenza sovrastrutturale del processo economico.

  • 10 K. Marx, Il Capitale, Libro i [1867], Roma, Editori Riuniti, 1973, t. i, pp. 98-99 [corsivo mio].

6Per esempio, all’inizio del secondo capitolo («Il processo di scambio») del Libro i del Capitale, in cui Marx descrive la relazione cosale delle merci che «non possono andarsene da sole al mercato e non possono scambiarsi da sole», egli illustra anche la natura del rapporto giuridico tra volontà individuali che si riconoscono in quanto proprietari privati. «Questo rapporto giuridico, la cui forma è il contratto, sia o no svolto in forme legali», scrive Marx, «è un rapporto di volontà nel quale si rispecchia il rapporto economico. Il contenuto di tale rapporto giuridico […] è dato mediante il rapporto economico stesso». I proprietari, qui, non sono altro che rappresentanti delle merci e le «diverse maschere» che «indossano a seconda delle circostanze sono soltanto le personificazioni di quei rapporti economici, come depositari dei quali esse si trovano l’una di fronte all’altra»10. Riflesso della sfera economica, il diritto sembrerebbe così ridursi al rango di un mondo mistificato e mistificante, popolato di «maschere» e dominato dalla dittatura della proprietà.

  • 11 J. Michel, Marx et la société juridique cit., p. 158.
  • 12 Ivi, p. 160.
  • 13 Ivi, p. 169.
  • 14 Ivi, p. 190.

7Sottolineando l’importanza dello strumento giuridico nella formalizzazione del rapporto tra scambisti attraverso il contratto11, Michel suggerisce che, per il Marx della maturità, la sfera giuridica abbia la funzione di «impedire che la materialità del contenuto dello scambio venga a contestare la purezza della forma economica», ovvero di formalizzare il contenuto dello scambio facendo astrazione dalla sua particolarità empirica al fine di garantire «l’equivalenza nella diversità». Per far ciò, essa ricorre alla finzione (astratta) di proprietari indipendenti liberi e uguali, alle nozioni (astratte) di persona, di uguaglianza e di libertà, mobilitando una capacità di astrazione che costituisce la sua vera ragion d’essere. L’ambito giuridico avrebbe dunque il compito di preservare le forme (lo scambio e il contratto) di contro alla molteplicità dei contenuti. D’altra parte, la forma non sarebbe soltanto formale, come sottolinea Michel, trattandosi della forma di articolazione di rapporti determinati. Rispetto al sostrato economico, il diritto costituisce allora «la forma dominante della rappresentazione e della pratica dei rapporti sociali»12. Esso è «l’istanza dominante che rappresenta l’economia presso gli uomini13. E questa rappresentazione giuridica contribuisce alla realizzazione dello scambio e, di conseguenza, svolge un ruolo attivo in questo processo. In tal senso, il diritto è realmente «costitutivo della gerarchia sociale»14.

  • 15 Ivi, p. 169.
  • 16 Ivi, p. 190 e p. 166.
  • 17 Ivi, p. 165.

8Si potrebbe pertanto concludere che, nella società capitalista, il diritto ha certamente uno statuto non autonomo e ideologico, dal momento che non è indipendente dalla sfera economica. Nondimeno, nella misura in cui «non esistono, da un lato, l’ideologia e, da un altro, il reale, [ma] i due momenti coesistono, l’economico esiste soltanto a condizione di presentarsi nel modo ideologico del giuridico»15. Perciò, l’ideologia opera sia come discorso sia come istituzione. Essa non è soltanto pura parvenza, ma anche dispositivo di articolazione dell’ordine sociale e principio di strutturazione dei rapporti economici, e questo proprio perché la sua attività consiste nel dissimulare e nel camuffare il loro modo di funzionamento, nel fare in modo «di restare alla superficie delle cose, di prendere il fenomeno per la realtà»16. La superficie delle cose, nella moderna società borghese, è quella in cui la libertà e l’uguaglianza dei soggetti si presentano come reali. Nel modo di produzione capitalista la circolazione appare, grazie al diritto, come immediata e naturale perché il diritto nasconde e naturalizza la produzione di merci. È dunque «al diritto che spetta di essere il guardiano segreto della produzione capitalista»17.

  • 18 Ivi, p. 169.

9Se l’elemento giuridico è cronologicamente coestensivo all’elemento economico, lo statuto del primo nei riguardi del secondo rimane, proprio per questo, ambivalente: la funzione del diritto è infatti determinata dall’economico e però è anche determinante. Da un lato, essendo determinata in ultima istanza dai rapporti di produzione esistenti, la sfera del diritto può essere considerata come «la riaffermazione concreta e storica di ciò che è descritto in guisa di modello a livello economico»18. Dall’altro, la trama giuridica, nel suo potere di astrazione dai e di rappresentazione dei rapporti sociali, è anche condizione di esistenza del campo economico. Il suo ruolo specifico, che consiste nell’articolare la forma giuridificata dei rapporti economici, ha come risultato una distorsione – funzionale e necessaria alla conservazione del feticismo della forma merce: in altri termini, il diritto che riveste il rapporto tra individui al cuore del processo produttivo della parvenza di un rapporto tra cose, naturalizzando l’interscambiabilità quale proprietà intrinseca delle merci, partecipa alla fabbricazione dell’illusione feticista, essenziale al modo di produzione capitalista.

10Questo contributo si propone, quindi, d’interrogare l’istanza del diritto domandandosi che cosa fa e che cosa può il diritto nel giovane Marx, invece di cercare di definire che cosa sia il diritto per lui. Concentrandosi sulla funzione posizionale del diritto nei testi marxiani di gioventù, si tratterà qui di seguito di comprendere l’ambivalenza del rapporto di Marx con il diritto, come pure l’ambivalenza – e l’ambiguità – dello statuto dell’elemento giuridico nei suoi primi scritti, nei quali il diritto acquista molteplici significati destinati a usi diversi.

All’origine dei «furti di legna». Crimini e misfatti forestali

  • 19 K. Marx, Osservazioni di un cittadino renano sulle recenti istruzioni per la censura in Prussia, (...)
  • 20 F. Mehring, Vita di Marx. Una biografia rivoluzionaria [1918], Milano, ShaKe, 2012. Si veda anche (...)
  • 21 K. Marx, Articolo di fondo del n. 179 della “Kölnische Zeitung”, in K. Marx, F. Engels, Opere, vo (...)

11Nel 1842 Marx inizia la sua attività giornalistica, che costituirà, per diversi anni, la sua principale fonte di reddito. Il suo primo articolo, «Osservazioni di un cittadino renano sulle recenti istruzioni per la censura in Prussia», redatto nel febbraio del 1842 e pubblicato un anno più tardi negli “Anekdota” diretti da Arnold Ruge in Svizzera, si sofferma sull’ordinanza sulla censura adottata nel 1841 dal governo prussiano19. Nel maggio del 1842, su richiesta di Bruno Bauer, Marx inaugura la collaborazione con la “Rheinische Gazette” scrivendo con penna «superpolemica»20, tratto distintivo del suo stile di pubblicista, un testo sulla libertà di stampa – «Le deliberazioni della sesta Dieta renana. […] Dibattiti sulla libertà di stampa e la pubblicità delle deliberazioni degli stati provinciali», datato maggio 1842 – seguito, qualche mese più tardi, nel luglio del 1842, dall’articolo di fondo del numero 179 della “Kölnische Zeitung”, replica alle accuse del giornale di Colonia rivolte alla “Rheinische Zeitung”21. L’articolo sui furti di legna – Verhandlungen des 6. Rheinischen Landtags. Von einem Rheinländer. Dritter Artikel. Debatten über das Holzdiebstahlgesetz – è pertanto il terzo contributo che Marx pubblica sulla “Gazette”, se si eccettua il suo Manifesto filosofico della scuola storica del diritto, apparso nell’agosto del 1842.

  • 22 P. Lascoumes, H. Zander, Marx: du «vol de bois» à la critique du droit, Paris, Puf, 1984, p. 54.
  • 23 Ivi, p. 91.
  • 24 Il diritto francese viene abrogato nel 1821 e nel 1824 il diritto prussiano viene ristabilito nel (...)

12La “Rheinische Zeitung”, lungi dall’essere un giornale minore fra le testate dell’epoca, funge da «stato maggiore intellettuale» o da «proto-partito» degli strati più progressisti della società civile renana22. D’altronde, la stampa locale e i dibattiti che ospita costituiscono il luogo privilegiato della lotta per l’egemonia ideologica fra settori liberali e conservatori. Persuaso dell’importanza politica del compito di formare e di allertare l’opinione pubblica, Marx è uno dei protagonisti più vivaci di questa battaglia23. Nella redazione della “Rheinische Gazette”, in cui entra nell’ottobre del 1842 per rimanervi fino alla chiusura su ordine di Berlino, il 31 marzo 1843, Marx s’impegna a dare impulso a un movimento di opinione liberale. Si tratta, allora, di contrastare l’offensiva prussiana contro le province annesse che puntava a restaurare, in Renania, un sistema assolutista e autoritario fondato sulla difesa dei privilegi e sulla restrizione delle libertà civili24. Nei suoi articoli per la “Gazette” Marx si interessa regolarmente alle leggi – la legge preventiva sulla censura, la legge sulla libertà di stampa, la legge sui delitti forestali – facendo del diritto il principale prisma di analisi dei rapporti sociali. Questa scelta riflette manifestamente lo spirito del tempo, in una fase in cui il sistema giuridico prussiano è il terreno di scontro principale tra il liberalismo renano e la monarchia prussiana.

  • 25 P. Lascoumes, H. Zander, Marx: du «vol de bois» à la critique du droit cit., pp. 78-90.

13La Renania del Vormärz (1814-1848) è una società in piena mutazione, destabilizzata da numerosi conflitti e tensioni sociali. La presenza francese dal 1795 al 1814 ha contribuito alla modernizzazione del paese favorendo l’economia di mercato e lo sviluppo industriale. La Francia, inoltre, ha introdotto, attraverso il Codice napoleonico, un nuovo sistema giuridico che valorizza le conquiste fondamentali della Rivoluzione del 1789 – dalla libertà di religione alla libertà di stampa, passando per la soppressione del maggiorascato; dal principio di uguaglianza davanti ai tribunali indipendentemente dal rango alla pubblicità della procedura penale; dalla partecipazione dei cittadini alla giustizia fino all’abolizione della tortura degli imputati e delle pene corporali per i condannati25. Dopo l’annessione alla Prussia nel 1814, questo processo di modernizzazione subisce una battuta d’arresto: Federico Guglielmo III adotta una politica repressiva nei confronti degli organi rappresentativi delle province, che relega a un ruolo puramente consultivo, inaugurando la «restaurazione giuridica» e reintroducendo per decreto il Landrecht prussiano del 1794. Nel corso degli anni 1820-1830, la «prussificazione» del diritto renano promossa dalla burocrazia reale e appoggiata dall’aristocrazia conduce alla reintroduzione del maggiorascato, all’imposizione di numerose restrizioni alla libertà di stampa, e al ripristino dei privilegi, dei titoli signorili e dei seggi ereditari per la nobiltà nelle assemblee di distretto, a dispetto dei tentativi dell’opinione pubblica liberale di difendere la conservazione del diritto francese. In Renania, la restaurazione che fa seguito al Congresso di Vienna incontra l’opposizione di buona parte della borghesia e della piccola borghesia locali che, durante il periodo napoleonico, avevano potuto beneficiare di una nuova prosperità economica, grazie, in particolare, al libero scambio con la Francia, ma anche al blocco continentale che assicurava la protezione contro la concorrenza del mercato inglese, e infine grazie all’acquisizione dei beni ecclesiastici. La riforma della legge relativa ai furti di legna si inserisce pienamente nella controversia sulla ridefinizione dello statuto della proprietà, che vede contrapposti, da un lato, lo stato prussiano e i suoi funzionari e, dall’altro, la società civile renana.

  • 26 D. Bensaïd, Gli spossessati cit., p. 13.
  • 27 K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 261.

14Pur parteggiando per la società civile contro lo stato prussiano, Marx evidenzia un certo numero di contraddizioni che ineriscono alle posizioni liberali. Composta dai deputati dei tre diversi Stände (della città, della campagna e della nobiltà) eletti su base censitaria, la Dieta renana è il luogo in cui si esprime la voce della società civile che si batte per salvaguardare le conquiste della Rivoluzione e del Codice napoleonico26. Ci si potrebbe dunque aspettare che l’assise si schieri contro il governo di Berlino. Tuttavia, gli interessi economici puntano in un’altra direzione. Come mostra Marx, la borghesia renana solidarizza con gli interessi degli aristocratici sulla questione della proprietà e di quella che si potrebbe definire la «privatizzazione dei beni comuni». Incapace di mediare i diversi interessi sociali in campo, la Dieta viene accusata da Marx di flagrante contraddizione, per aver «non solo spezzato braccia e gambe al diritto», ma per avergli anche «trapassato il cuore»27.

  • 28 P. Linebaugh, Karl Marx, the theft of wood, and working-class composition cit., p. 140.

15Il fenomeno massiccio dei furti di legna e l’ostilità della Dieta nei confronti di un antico diritto trasformato in crimine, si comprende soltanto alla luce delle trasformazioni economiche che si verificano in questo periodo: industrializzazione crescente della regione, aumento della parcellizzazione delle terre comunali, contrazione della produzione agricola locale e crisi della circolazione monetaria generata dalla politica fiscale prussiana, grandi mutamenti che hanno come conseguenza l’impoverimento della popolazione rurale. In effetti, come osserva Peter Linebaugh, «l’appropriazione illegale e di massa dei prodotti forestali rappresenta un momento importante dello sviluppo del capitalismo tedesco»28. Benché la controversia sui diritti consuetudinari sia di gran lunga anteriore, negli anni 1840 acquista sempre maggior rilievo, come dimostra la crescente criminalizzazione dei furti di legna in Renania. Seguendo la pista proposta da E.P. Thompson nel suo studio sull’origine delle enclosures in Inghilterra nei secoli xviii e xix, P. Lascoumes e H. Zander sottolineano giustamente che

  • 29 P. Lascoumes, H. Zander, Marx: du «vol de bois» à la critique du droit cit., pp. 108-109. Si veda (...)

l’importanza dei contenziosi in materia forestale attesta, da una parte, la messa in campo di un nuovo modo di definizione della proprietà e, più generalmente, l’imposizione di un sistema giuridico fondato su un individualismo (condizione dello scambio generalizzato) in rottura con i principi consuetudinari29.

  • 30 P. Linebaugh, Karl Marx, the theft of wood, and working-class composition cit., p. 143.

16È soprattutto questo processo di ridefinizione giuridica della proprietà che emerge sullo sfondo della lotta di classe a interessare Marx al momento della redazione della sua serie di articoli sui furti di legna. In maniera abbastanza sorprendente, Marx non si preoccupa di elaborare un quadro generale del contesto economico che spieghi l’esplosione dei furti di legna: nessuna analisi, in questo testo, delle cause della pauperizzazione, a partire dalla rarefazione monetaria diffusa fino all’aumento della domanda di legna da ardere nell’industria. Marx si accontenta di esaminare i dibattiti della Dieta renana relativi alla legge sui delitti forestali. Il suo obiettivo è anzitutto quello di dipanare le questioni giuridiche puntando il dito sulle contraddizioni che sorgono tra gli interessi della proprietà borghese e l’«interesse generale», allo scopo di sviluppare una critica politica delle frizioni presenti in seno allo stato. Pur cogliendo un momento fondamentale nell’evoluzione dei rapporti di classe e dell’accumulazione capitalistica, l’autore del Capitale qui ancora non dispone di concetti all’altezza della sua futura critica dell’economia politica. In mancanza dei concetti di classe e di accumulazione, Marx in questa fase ripone tutte le sue speranze e aspirazioni democratiche nel ruolo che uno stato e una legge realmente egualitari potrebbero svolgere per la difesa dei diritti dei senza-diritti30.

Se la proprietà è un diritto

17La questione della proprietà e, soprattutto, quella della proprietà fondiaria, acquista un rilievo centrale in Per la critica della filosofia del diritto di Hegel, primo corpo a corpo di Marx con la Rechtsphilosophie hegeliana. Qui la difesa dell’istituzione statale – in quanto espressione potenzialmente democratica dell’interesse collettivo – sviluppata nell’articolo del 1842, cede il passo a una critica dello stato e della sua costitutiva incapacità di risolvere i conflitti che emergono in seno alla società civile. Lo stato hegeliano viene pertanto ridotto a un’astrazione della peggiore specie che, da un lato, non può essere realmente dedotto dai propri presupposti (la famiglia e la società civile), ma rimane al cospetto di questi ultimi un’idea a priori e, dall’altro, si presenta come il semplice riflesso speculativo di ciò che esiste fattualmente.

  • 31 Marx si impegna pure a definire il rapporto tra proprietà e diritto. Se la proprietà privata è un (...)
  • 32 Ivi, pp. 105-111.

18Commentando i §§ 305 e 306 dei Lineamenti di filosofia del diritto sullo stato dell’«eticità naturale» (lo Stand dei contadini), Marx sviluppa le proprie tesi sulla natura della proprietà privata e sul rapporto tra diritto, stato e interesse particolare31. Come segnala Hegel nei §§ 305 e 306, e come osserva Marx nel suo commento, nella concezione della monarchia ereditaria l’«elemento principesco» intrattiene una certa affinità di principio con la «classe contadina» – lo Stand dei proprietari terrieri e degli agricoltori – nella misura in cui quest’ultimo «ha per propria base la vita familiare e, riguardo alla sussistenza, il possesso fondiario». Grazie alla proprietà della terra, in quanto «fortuna indipendente» che gli permette di affrancarsi da ogni bisogno e da ogni attività, lo Stand sostanziale guadagna la propria «posizione e il proprio ruolo politico» all’interno dello stato, ed è così che «al posto del “senso dello stato”, del “possesso dello spirito pubblico”, appare la proprietà fondiaria», la quale diventa «la mediazione dello stato politico totale, del potere legislativo in sé»32.

  • 33 Ivi, pp. 112-115.

19«La proprietà fondiaria», sottolinea Marx, «è la proprietà privata per eccellenza, la proprietà privata nel senso proprio del termine», e il maggiorascato «non è altro che la manifestazione esteriore della natura intima della proprietà fondiaria» o «la proprietà privata sovrana». Hegel ha un bel descrivere il maggiorascato come «il potere dello stato politico sulla proprietà privata»; per Marx, in realtà, esso è semplicemente «una conseguenza della proprietà privata “esatta”, è la proprietà privata pietrificata, la proprietà privata […] pervenuta alla realtà del suo sviluppo e della sua autonomia». «Ciò che Hegel presenta come lo scopo […], aggiunge Marx ne è piuttosto una conseguenza […], il potere dell’astratta proprietà privata sullo stato politico». Analogamente, osserva, il maggiorascato non rappresenta, come suggerisce Hegel, «“un impaccio alla libertà del diritto privato”», quanto piuttosto «la libertà del diritto privato scioltosi di tutti gli impacci sociali e morali». Esso è «la proprietà privata divenuta religione di se stessa, […] incantata dalla sua autonomia e sovranità» o ancora «una determinazione della proprietà privata da parte dello stato politico»33.

  • 34 D. Bensaïd, Gli spossessati cit., p. 37.

20Nel commento alla filosofia del diritto di Hegel, la critica della proprietà è correlata a una critica dello stato in quanto istituzione edificata sul fondamento della proprietà privata. Nell’articolo sui furti di legna, lo stato, o piuttosto l’idea di uno stato democratico concepito come difensore degli interessi di tutti e di ciascuno, come pure le sue leggi universali, costituiscono i principi in nome dei quali la proprietà privata e le ingiustizie che essa genera possono essere contestate. Tuttavia Marx evidenzia già qui che lo stato non è esente da contraddizioni: lo studio dei dibattiti della Dieta renana rivela che i fondamenti universali e razionalisti della forma statuale sono in realtà largamente determinati dalla predominanza degli interessi privati. A questo stadio, come nota Daniel Bensaïd, «la questione della proprietà è una cartina di tornasole rivelatrice delle contraddizioni all’opera tra società civile e stato» e delle astrazioni del diritto borghese moderno34.

21L’articolo del 1842 ripercorre con tono sarcastico i dibattiti della sesta Dieta renana relativi alla legge forestale sui furti di legna, legge adottata dai deputati l’anno precedente, nel 1841. Come spiega Marx, il testo della proposta di legge non è disponibile; sono accessibili soltanto gli emendamenti e le delibere della Dieta del giugno 1842, che forniscono il materiale per la sua requisitoria.

22L’argomento esposto da Marx consiste nel mostrare, da una parte, l’incoerenza della legislazione votata dalla Dieta e, dall’altra parte, l’incoerenza della Dieta stessa nella sua funzione legislatrice. Si tratta di esporre le contraddizioni immanenti al diritto positivo e al potere legislativo in relazione alla natura autentica delle leggi, e di far emergere le contraddizioni presenti nella forma statuale, nella pretesa funzione mediatrice dei ceti sociali, come pure nell’istituto medesimo della proprietà. Tutte queste contraddizioni, per dirlo alla maniera di Hegel, emergono nel rapporto di ogni elemento positivo (la legge, il diritto, lo stato) con il proprio concetto. Ne risulta la distorsione e la perversione di ogni cosa: i diritti degli uomini si trovano a essere calpestati in nome dei diritti degli alberi, autentico feticcio dei Renani; il diritto naturale alla proprietà privata si scontra con la natura delle cose appropriate; la legge fabbrica da sé il crimine che punisce, il popolo non distingue più tra diritto e delitto, gli antichi costumi perdono ogni legittimità e il diritto legale si fonda su un torto.

  • 35 K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 226.

23In prima istanza, è la definizione dei termini della legge sui furti di legna a essere passata al vaglio dell’analisi marxiana. Marx illustra le risoluzioni della Dieta, secondo cui la «raccolta di rami secchi» deve essere considerata «furto». Com’è possibile che la raccolta di legna morta venga equiparata all’appropriazione di legna verde? Per dimostrare l’aspetto discutibile della legislazione, Marx fa appello alla «natura giuridica delle cose» (die rechtliche Natur der Dinge), che la legge sui furti di legna viola e contraddice, mentre invece avrebbe dovuto conformarvisi. La naturalizzazione del diritto alla proprietà in quanto diritto inviolabile contrasta con la natura stessa del legno «rubato», nella misura in cui, come osserva Marx, i rami separati dall’albero sono già separati dalla proprietà. Marx evidenzia i pericoli che discendono da una simile perversione del diritto. Anzitutto, ammonendo i deputati, nota che «con l’applicare la qualifica di furto dove non va applicata, siete riusciti a invalidarla anche nei casi in cui andrebbe applicata»35. Inoltre, considerando come furto un atto che non corrisponde a tale delitto, la legge, che «non è sciolta dall’obbligo generale di dire la verità», si fa menzogna e finisce per corrompere i costumi del popolo: mentre un diritto d’uso diventa un crimine in ragione della parcellizzazione della proprietà fondiaria, il «furto» dei diritti consuetudinari commesso dall’assemblea provinciale al servizio dei proprietari delle foreste viene elevato al rango di atto legale.

  • 36 Ivi, p. 240.

24Fra le critiche che Marx rivolge alla legge approvata dalla Dieta, tre in particolare meritano di essere menzionate. In primo luogo, come abbiamo visto, la legge non distingue tra legna raccolta a terra e legna tagliata. Così facendo, istituisce un crimine, a spese dei contadini poveri e a vantaggio dei proprietari forestali, laddove non si dà altro che l’esercizio di un diritto d’uso. In secondo luogo, poiché la legge assegna alle guardie forestali il compito di sorvegliare, denunciare e valutare l’importanza delle violazioni commesse dai «criminali», la giustizia pubblica dello stato finisce per dipendere dall’opinione di sorveglianti privati. In terzo luogo, la legge obbliga i «ladri» a pagare ammende e risarcimenti per l’attentato alla proprietà fondiaria e a lavorare gratuitamente al servizio dei proprietari danneggiati, sotto l’egida delle autorità locali. Marx si chiede: «Che ne consegue? Che, poiché la proprietà privata non ha i mezzi per elevarsi al punto di vista dello stato, lo stato ha l’obbligo di abbassarsi ai mezzi della proprietà privata contrari alla ragione e al diritto»36.

  • 37 Ivi, p. 240, p. 248 e p. 260.

25Alla luce di questi elementi, Marx punta il dito contro l’«interesse privato», che non soltanto «sa bene come dipingere a fosche tinte il diritto» e «come ammantare di candore l’ingiustizia per mezzo dei buoni motivi», ma è anche «abbastanza furbo» da impadronirsi del potere legislativo e delle leggi pubbliche viziando il concetto stesso di stato politico37.

  • 38 Id., Osservazioni di un cittadino renano sulle recenti istruzioni per la censura in Prussia cit., (...)
  • 39 Id., Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 262.

26L’articolo sui furti di legna ha così il merito di mostrare il carattere manifestamente parziale e partigiano della legislazione che, come Marx nota a proposito della legge sulla censura in un articolo precedente, «non è una legge dello stato per i cittadini, ma una legge di un partito contro un altro»38. Parallelamente si tratta, per Marx, di mettere in rilievo la natura altrettanto partigiana della Dieta che ha approvato questa legge, grazie alla quale «l’interesse si è imposto sul diritto». «La Dieta, scrive, ha adempiuto completamente il proprio compito. Essa ha fatto esattamente ciò a cui è chiamata: ha rappresentato un determinato interesse particolare e ne ha fatto il fine supremo»39.

  • 40 Nel Capitale la recinzione delle terre demaniali viene definita come una «forma parlamentare di f (...)
  • 41 Id., Per la critica dell’economia politica cit., p. 70.

27Se la proprietà è un furto, come sostiene Marx riecheggiando Proudhon, il diritto di proprietà, per parte sua, non è che l’espressione di un rapporto di forza40. Il diritto legale moderno ammette dunque l’esistenza di un «diritto del più forte» – che, come osserva Marx nella sua Introduzione del 1857, non è eliminato una volta per tutte dall’istituzione dello stato, ma «continua a vivere, sotto altra forma» nello stato di diritto41. Analizzando la condotta della Dieta renana nella criminalizzazione dei furti di legna, Marx dimostra così l’ambivalenza, ovvero l’ambiguità, dell’elemento giuridico in seno al quale egli tenta di far valere e prevalere l’appello a un diritto di altra natura: il diritto consuetudinario dei non aventi diritto.

Dalla parte delle consuetudini? Marx tra Hegel e Savigny

28Oltre alle critiche esposte fin qui, che puntano a dimostrare il carattere intrinsecamente viziato delle leggi e delle procedure legislative, come pure dello stato e degli organi che da esso emanano, l’articolo di Marx sui furti di legna esprime anche una dimensione propositiva che consiste nella rivendicazione politica di un diritto schierato, per così dire, dalla parte dei poveri e degli indigenti. Marx, infatti, non si accontenta di contestare i privilegi dei proprietari fondiari negando alla proprietà gli attributi di legittimità che le legislazioni moderne tradizionalmente gli riconoscono. Nel denunciare la legge che criminalizza i responsabili dei furti di legna, egli reclama, «in difesa della massa povera, politicamente e socialmente diseredata», un diritto d’uso delle foreste, che ricava dalla storia dei costumi:

Noi rivendichiamo alla povera gente il diritto consuetudinario, e non un diritto consuetudinario locale, ma un diritto consuetudinario che in tutti i paesi è il diritto consuetudinario della povera gente. Andiamo anche oltre e affermiamo che il diritto consuetudinario per sua natura può essere solo il diritto di quest’infima massa diseredata e primordiale».

  • 42 Id., Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 231.
  • 43 Ivi, p. 232.

29A proposito del rapporto tra diritto consuetudinario e diritto di proprietà, Marx spiega che originariamente «i diritti consuetudinari della povera gente si basavano sul fatto che una certa proprietà possedeva un carattere equivoco, che non la definiva decisamente per proprietà privata e nemmeno come proprietà comune»42. Nella misura in cui permettono di sfruttare «il carattere equivoco» della proprietà così come esisteva nel Medioevo all’interno delle società feudali – con la sua «essenza incerta, dualistica e discorde», a metà strada tra «diritto privato» e «diritto pubblico» – i diritti consuetudinari dei poveri dimostrano l’origine storicamente e giuridicamente convenzionale del concetto di proprietà privata quale sussiste nel diritto borghese43.

30Opponendo la consuetudine al diritto borghese, Marx contesta così la naturalizzazione della proprietà operata dalle legislazioni moderne che fanno di questa istituzione la manifestazione esteriore, l’incarnazione stessa della libertà individuale. Contestualmente, richiamandosi ai diritti consuetudinari della classe povera, egli revoca la validità dei «diritti consuetudinari nobiliari» in quanto privilegi che contraddicono il «diritto razionale».

31Natura (Natur), consuetudine o diritto consuetudinario (Gewohnheit, Gewohnheitsrecht) e diritto razionale (vernünftigen Recht) sono nozioni che non si lasciano interpretare né impiegare in maniera univoca in Marx e meritano, di conseguenza, di essere chiarite. Le ragioni di una simile plurivocità sono da cercare nelle fonti principali del pensiero di Marx dell’epoca: la Rechtsphilosophie di Hegel e la jurisprudentia della Scuola storica, per le quali la proprietà costituisce un pilastro delle rispettive concezioni giuridiche.

  • 44 M. Xifaras, Marx, justice et jurisprudence. Une lecture des «vols de bois», in “Revue française d (...)
  • 45 Ivi, p. 72.

32A tal proposito Marx avrebbe contratto un doppio debito tanto sul versante della filosofia hegeliana del diritto, quanto sul versante della scienza del diritto di Friedrich Karl von Savigny44, operando al tempo stesso una doppia presa di distanza nel tentativo «di costituire una scienza filosofica (critica) del diritto storico, distinguendosi sia dalla Scuola filosofica che dalla Scuola storica»45.

  • 46 Ivi, p. 100 e p. 105.

33Pur elaborando un’«argomentazione di fattura hegeliana» nella quale finalmente la «critica plebea di Hegel» servirebbe a correggere «il concetto non criticato di consuetudine in Savigny», Marx, secondo Mikhaïl Xifaras, sarebbe debitore «della propria critica della speculazione hegeliana al realismo della scuola storica e più precisamente alla sua concezione della positività giuridica e, pertanto, al suo modo di giustificazione della legge»46.

  • 47 Ivi, p. 99.

34Allievo di Eduard Gans, rappresentante della Scuola filosofica del diritto di ispirazione hegeliana, e di Savigny, uno dei padri fondatori della Scuola storica, Marx assiste, durante i suoi studi di diritto all’Università di Berlino a partire dal 1836, al conflitto teorico e politico che coinvolge le due scuole, e tali problemi inevitabilmente sono fonte di ispirazione per la sua riflessione sul diritto. Si tratta piuttosto di stabilire in che misura l’elaborazione della Scuola storica eserciti un’influenza sul pensiero marxiano e fino a che punto sia possibile affermare, come Xifaras, che «Marx usa Savigny contro Hegel» pur apportandogli dei correttivi politici47.

  • 48 K. Marx, Per la critica della filosofia del diritto di Hegel cit., p. 192.

35Prima di tutto va ricordato che, in quanto giovane hegeliano, Marx non nasconde un certo disdegno verso l’«orda dotta e docile» degli epigoni della Scuola storica che «cercano […] la storia della nostra libertà al di là della nostra storia, nelle foreste vergini teutoniche»48.

  • 49 Id., Il manifesto filosofico della scuola storica del diritto, in K. Marx, F. Engels, Opere, vol. (...)
  • 50 Ibidem.

36A essi Marx dedica un Manifesto, consacrato in particolare al padre fondatore della Scuola, Gustav Hugo, che pubblica sulla “Rheinische Gazette” in occasione della nomina di Savigny a ministro della giustizia di Prussia nel febbraio del 184249. Perpetuando un «culto storicizzante delle reliquie», gli storici del diritto adottano secondo Marx un approccio acritico all’interno del quale «ogni esistenza ha valore di autorità» e «ogni autorità ha valore di fondamento» senza possibilità di identificare criteri universali. Un tale atteggiamento, che Marx qualifica di «insolente nei confronti delle idee» e «devotissimo verso le cose immediatamente tangibili», mira a liberarsi «di tutti gli intralci della ragione e della morale» allo scopo di dimostrare, contro Hegel, che il positivo non è razionale, che è piuttosto «malgrado la ragione» e che l’irrazionale è positivo50.

37Marx, per parte sua, come abbiamo già osservato, mobilita la ragione in quanto criterio che gli permette di operare delle distinzioni nel campo delle consuetudini impiegando il concetto di «diritto razionale» (vernünftiges Recht). Si tratta in effetti di un concetto particolare che non bisogna confondere con il «diritto del razionale», di cui parla Hegel al §132 dei Lineamenti di filosofia del diritto in quanto «diritto di ciò che è oggettivo» contrapposto al diritto soggettivo formale, né con il diritto razionale universale di matrice kantiana.

  • 51 Id., Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 231.

38In Marx il concetto di diritto razionale viene utilizzato invece per far valere una parte contro un’altra – ovvero il partito della classe povera contro «l’unilateralità con cui le legislazioni dell’età dei Lumi hanno trattato e hanno dovuto trattare i diritti consuetudinari dei poveri [Gewohnheitsrechte der Armut51. Opponendo la categoria parziale della povertà al principio universale della proprietà, il diritto razionale in Marx acquista uno statuto eminentemente politico, che gli permette di trasformare il diritto di una parte della società in diritto universale, diritto che tuttavia può essere rivendicato a nome dell’umanità intera e in vista di un mondo più giusto. Ci sembra perciò possibile affermare che la ragione, implicitamente considerata un criterio di giustizia e di legittimità, svolga qui un ruolo determinante nella giustificazione del diritto.

  • 52 Ivi, p. 93.

39D’altronde, il concetto di diritto razionale politicizza l’atteggiamento di Marx nei riguardi delle consuetudini, permettendogli di distinguere i diritti consuetudinari (Gewohnheitsrechte) dalle imposture consuetudinarie (Gewohnheitsunrechte), cosa che non trova un antecedente in Savigny. Per Marx il diritto consuetudinario che precede, anticipa ed eccede il diritto legale non costituisce in sé un patrimonio storico che, da solo, esprimerebbe la vera essenza del diritto incarnando la sua principale fonte di validità. I diritti consuetudinari in quanto tali non beneficiano, in Marx, di alcun privilegio che li renderebbe più giusti della legge del diritto legale. Infatti quel che gli interessa, specialmente nel caso dell’articolo sui furti di legna, non è tanto la fondazione di una scienza universale del diritto e nemmeno «la valutazione dell’attualità delle istituzioni che il passato ci tramanda», bensì l’elaborazione di una critica polemica dell’attualità costruita puntualmente su un certo uso del passato52. Marx si richiama soltanto ad alcune consuetudini relative al diritto d’uso e di occupazione delle foreste al servizio dei contadini poveri e, se non tutte le consuetudini sono valide, la necessità di distinguere le buone dalle cattive resta fondamentale per discriminare tra le consuetudini da difendere e quelle da abolire. L’elemento che permette una tale distinzione è proprio il diritto razionale che, nel caso specifico dei conflitti legati ai furti di legna, si colloca dalla parte della classe povera o dei «diritti consuetudinari popolari» (volkstümliche Gewohnheitsrechte). Convocando il razionale a dirimere la contesa sulle consuetudini, Marx appare ancora più vicino a Hegel, per il quale la ragione filosofica è critica speculativa del diritto positivo che misura quest’ultimo alla luce del suo concetto. Al tempo stesso, Marx non manca di apportare correttivi importanti alla concezione hegeliana, che finiscono per ritorcerla contro se stessa. Al §211 dei Lineamenti, infatti, Hegel rigetta i diritti consuetudinari in quanto «oggetti di un sapere oggettivo, accidentale, oscuro, in opposizione a un vero codice». Inoltre, egli respinge risolutamente l’illusione secondo cui le consuetudini sarebbero principi vitali, di contro alle leggi positive istanze morte e pietrificate. Secondo Hegel, in realtà, è proprio la mancanza di «forma» e di compenetrazione da parte del razionale a rendere i diritti consuetudinari «più morti» e meno vitali.

  • 53   G.W.F. Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto cit., p. 110.
  • 54Ibidem.

40Per altri versi, la rivendicazione marxiana dei diritti consuetudinari della povertà potrebbe essere accostata alla concezione hegeliana del Notrecht – o «diritto di necessità» – evocato nei §§127-128 degli stessi Lineamenti di filosofia del diritto in quanto limite al diritto di proprietà. In caso di collisione tra esistenza materiale particolare e proprietà giuridica, Hegel afferma che la vita ha un diritto da fare valere contro il diritto astratto: «un diritto di necessità, giacché da un lato sta l’infinita lesione dell’esserci e ivi la totale mancanza di diritto, dall’altro lato soltanto la lesione di un singolo limitato esserci della libertà, nel che in pari tempo viene riconosciuto il diritto come tale e la capacità giuridica di chi è leso soltanto in questa proprietà»53. È così che, secondo Hegel, «la necessità rivela tanto la finità e quindi l’accidentalità del diritto [di proprietà] quanto del benessere», ovvero dell’esistenza54.

  • 55 K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 229.
  • 56 Ivi, p. 230.
  • 57 Ibidem.
  • 58 «Le leggi sono le norme positive, chiare e universali nelle quali la libertà ha acquistato un’esi (...)
  • 59 M. Xifaras, Marx, justice et jurisprudence cit., p. 101.

41Eppure, nonostante la prossimità manifesta tra i due filosofi, Marx opera una totale inversione della prospettiva hegeliana, difendendo in nome della necessità la giustizia dei «diritti consuetudinari» della povertà contro l’ingiustizia della legge e richiamando quest’ultima, a ispirarsi alle (buone) consuetudini per tradurle in una lingua giuridica appropriata. A proposito, invece, dei «diritti consuetudinari degli stati sociali privilegiati», che risalgono all’epoca feudale – «regno animale dello spirito» dominato dalla servitù e dalla disuguaglianza – Marx osserva che, all’occorrenza, si tratta di «non-diritti consuetudinari» che «si oppongono per il loro contenuto alla forma della legge generale», la quale per sua essenza è universale e necessaria55. Tuttavia, nemmeno la forma della legge in quanto tale è di per sé affidabile. Da un lato, è evidente per Marx che i «diritti consuetudinari dei nobili sono consuetudini contro il concetto del diritto razionale»56. D’altra parte, è altrettanto palese che i «diritti consuetudinari dei poveri sono diritti contro la consuetudine del diritto positivo», vale a dire contro la legge, che è essa stessa una cattiva consuetudine schierata dalla parte dei privilegiati e appiattita sul «riconoscimento delle loro prepotenze irrazionali»57. Se le consuetudini possono essere arbitrarie tanto nella forma quanto nel contenuto, Marx ci porta a riconoscere contro Hegel che nemmeno il diritto legale offre soluzioni incontestabili. La legge, infatti, non si riduce più alla forma pura dell’universalità, come Marx sembra ancora sostenere con convinzione nel suo articolo del 1842 sulla libertà di stampa58. Il conflitto sui furti di legna mostra che la legge, allontanandosi dal suo concetto, si presta alla ratifica contingente di contenuti parziali e non necessariamente razionali. Per sfuggire alla degenerazione della sua funzione e al degrado dei suoi contenuti, la legge dovrebbe perciò anzitutto attenersi alla natura giuridica delle cose (die Rechtliche Natur der Dinge), concetto fondamentale tra gli elementi di giustificazione che Marx fornisce, in maniera implicita, alla propria concezione del diritto razionale. E proprio sul versante di questo «vertiginoso concetto di natura giuridica delle cose» che Marx, secondo Xifaras, mobilita «per intimare alla legge l’obbligo tutto savigniano di esprimerla adeguatamente», potremmo essere indotti a cogliere ulteriori elementi di convergenza fra l’argomento marxiano e la dottrina della Scuola storica59.

42La «natura» occupa una posizione non trascurabile nell’articolazione del discorso marxiano sui furti di legna. Marx osserva, anzitutto, che, nel caso della raccolta della legna morta, «nulla viene sottratto alla proprietà» e che «il raccoglitore di rami secchi si accontenta di eseguire un giudizio, […] che la natura stessa della proprietà ha emesso: […] l’albero non possiede più le fronde in questione». Quindi, egli fa appello alla «natura giuridica delle cose» per contestare il contenuto di una legge «che denomina furto di legna un’azione che è a malapena un delitto forestale». Marx ricorda in seguito la «natura elementare» e l’«esistenza fortuita» di alcuni oggetti, come le foreste, che non possono assumere il carattere cristallizzato della proprietà privata determinata. Parallelamente, egli attribuisce alla classe povera «il bisogno di soddisfare un istinto giuridico», bisogno che dipende da un «senso istintivo del diritto» e che è all’origine di consuetudini popolari che la giuridificazione della proprietà da parte della borghesia vuole fare scomparire. Infine, egli individua un legame di parentela ancora più immediato tra i poveri e la consuetudine di raccogliere i rami secchi, legame che assimila «l’opposizione tra fronde e rami morti» all’opposizione tra ricchezza e povertà. La buona consuetudine e il diritto razionale si collocano pertanto dalla parte della classe povera che sarebbe, a propria volta, per mezzo del suo istinto, «naturalmente» dalla parte di ciò che è giusto e legittimo.

  • 60 K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 228.

43Ma se Marx iscrive la «natura delle cose» nell’ambito delle consuetudini, non è per amore della tradizione, bensì per meglio contrapporre i diritti consuetudinari dei poveri al diritto positivo della proprietà privata. In questo senso, ci pare, ancora una volta, che in Marx non si possa rinvenire altro che una semplice eco del concetto di consuetudine in uso presso i giuristi della Scuola storica, dal momento che i «diritti consuetudinari popolari» à la Marx non hanno nulla a che vedere con le consuetudini del popolo che sono alla base della scienza giuridica di Savigny. Tale eco, peraltro, deforma il concetto di consuetudine e finisce per spezzare l’unità del popolo tanto cara a Savigny allo scopo di stabilire una universalità più importante. Come abbiamo già rilevato, l’operazione compiuta da Marx nella sua rivendicazione delle consuetudini della classe povera introduce simultaneamente una generalizzazione e una limitazione: il «diritto consuetudinario della povertà» diventa un diritto comune ai poveri di «tutti i paesi», un diritto senza frontiere, un diritto universale, pur rimanendo, al tempo stesso, particolare, in quanto diritto di classe, «il diritto di quest’infima massa diseredata e primordiale»60.

  • 61 M. Xifaras, Marx, justice et jurisprudence cit., pp. 100 e 104.

44A dispetto della presenza di enunciati che rinviano alla «natura» l’origine e il carattere delle consuetudini, l’articolo di Marx si distanzia evidentemente dall’orientamento della giurisprudenza cara a Savigny. Per Marx, infatti, l’appello alla natura non è sufficiente a rivendicare i diritti consuetudinari della povertà che, in ultima istanza, necessitano di criteri di razionalità e di universalità per essere giustificati. Le consuetudini non hanno dunque lo stesso statuto in Marx e in Savigny e questo proprio grazie alla «funzione politica» che Marx accorda al concetto di «natura delle cose». È questa politicizzazione dell’appello alla consuetudine che permette a Marx di inscrivere la propria difesa dei diritti consuetudinari nel quadro di un discorso di contestazione dell’ordine borghese esistente61.

45L’argomento sviluppato da Marx nell’articolo sui furti di legna non può, d’altra parte, essere assimilato a un tentativo di «riforma» dello statu quo giuridico. Si tratta piuttosto di un esercizio di metodo in cui si mobilitano, l’una contro l’altra, diverse accezioni del diritto che rinviano a epoche diverse e opposte prospettive di classe, per dimostrare la natura irrazionale del diritto razionale, il carattere parziale degli universali giuridici – le leggi –, dominati da interessi particolari, e le ripercussioni concrete del diritto astratto. Lo scopo di un simile esercizio attiene più alla volontà di revocare la necessità logica della forma borghese della proprietà che all’intenzione di riformarla.

Notas

1 I cinque articoli appaiono tra il 25 ottobre e il 3 novembre 1842. K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna [1842], in K. Marx, F. Engels, Opere, vol. i, Roma, Editori Riuniti, 1980, p. 222. Nelle pagine che seguono, ci riferiremo puntualmente agli articoli o all’articolo in funzione del contesto.

2 J. Michel, Marx et la loi sur les vols des bois. Les leçons du droit coutumier, in C. Journès (a cura di), La coutume et la loi, Lyon, Presses Universitaires de Lyon, 1986, p. 114.

3 P. Linebaugh, Karl Marx, the theft of wood, and working-class composition: a contribution to the current debate, “Social Justice”, 40, 1/2, 2014, pp. 137-161.

4 D. Bensaïd, Gli spossessati. Proprietà, diritto dei poveri e beni comuni [2007], Verona, ombre corte, 2009, p. 12.

5 K. Marx, Per la critica dell’economia politica. Introduzione e prefazione [1857-1859], Firenze, Editrice Clinamen, 2011, p. 103.

6 Id., Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 228.

7 G.W.F. Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto [1820], a cura di G. Marini, Roma-Bari, Laterza, 1999, p. 110.

8 N. Poulantzas, À propos de la théorie marxiste du droit, “Archives de philosophie du droit”, 12, 1967, p. 147.

9 J. Michel, Marx et la société juridique cit., p. 258.

10 K. Marx, Il Capitale, Libro i [1867], Roma, Editori Riuniti, 1973, t. i, pp. 98-99 [corsivo mio].

11 J. Michel, Marx et la société juridique cit., p. 158.

12 Ivi, p. 160.

13 Ivi, p. 169.

14 Ivi, p. 190.

15 Ivi, p. 169.

16 Ivi, p. 190 e p. 166.

17 Ivi, p. 165.

18 Ivi, p. 169.

19 K. Marx, Osservazioni di un cittadino renano sulle recenti istruzioni per la censura in Prussia, in K. Marx, F. Engels, Opere, vol. i cit., pp. 105-128.

20 F. Mehring, Vita di Marx. Una biografia rivoluzionaria [1918], Milano, ShaKe, 2012. Si veda anche V.T. Trinh, Marx, Engels et le journalisme révolutionnaire, Paris, Éditions Anthropos, 1978, 3 voll.

21 K. Marx, Articolo di fondo del n. 179 della “Kölnische Zeitung”, in K. Marx, F. Engels, Opere, vol. i cit., pp. 185-205.

22 P. Lascoumes, H. Zander, Marx: du «vol de bois» à la critique du droit, Paris, Puf, 1984, p. 54.

23 Ivi, p. 91.

24 Il diritto francese viene abrogato nel 1821 e nel 1824 il diritto prussiano viene ristabilito nella procedura criminale.

25 P. Lascoumes, H. Zander, Marx: du «vol de bois» à la critique du droit cit., pp. 78-90.

26 D. Bensaïd, Gli spossessati cit., p. 13.

27 K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 261.

28 P. Linebaugh, Karl Marx, the theft of wood, and working-class composition cit., p. 140.

29 P. Lascoumes, H. Zander, Marx: du «vol de bois» à la critique du droit cit., pp. 108-109. Si veda anche E.P. Thompson, Modes de domination et révolutions en Angleterre, “Actes de la recherche en sciences sociales”, 2-3, 1976, pp. 133-151.

30 P. Linebaugh, Karl Marx, the theft of wood, and working-class composition cit., p. 143.

31 Marx si impegna pure a definire il rapporto tra proprietà e diritto. Se la proprietà privata è un privilegio – ovvero «l’esistenza del privilegio come genere» –, essa incarna anche «il diritto in quanto eccezione» (K. Marx, Critica della filosofia hegeliana del diritto pubblico, in K. Marx, F. Engels, Opere, vol. iii cit., p.123).

32 Ivi, pp. 105-111.

33 Ivi, pp. 112-115.

34 D. Bensaïd, Gli spossessati cit., p. 37.

35 K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 226.

36 Ivi, p. 240.

37 Ivi, p. 240, p. 248 e p. 260.

38 Id., Osservazioni di un cittadino renano sulle recenti istruzioni per la censura in Prussia cit., p. 117.

39 Id., Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 262.

40 Nel Capitale la recinzione delle terre demaniali viene definita come una «forma parlamentare di furto commessa sulle terre comuni» attraverso la quale i «proprietari fondiari regalano a se stessi, come proprietà privata, terra del popolo» (Id., Il Capitale, Libro i cit., t. 3, p. 183).

41 Id., Per la critica dell’economia politica cit., p. 70.

42 Id., Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 231.

43 Ivi, p. 232.

44 M. Xifaras, Marx, justice et jurisprudence. Une lecture des «vols de bois», in “Revue française d’histoire des idées politiques”, 1, 15, 2002, p. 105.

45 Ivi, p. 72.

46 Ivi, p. 100 e p. 105.

47 Ivi, p. 99.

48 K. Marx, Per la critica della filosofia del diritto di Hegel cit., p. 192.

49 Id., Il manifesto filosofico della scuola storica del diritto, in K. Marx, F. Engels, Opere, vol. i cit., pp. 206-209.

50 Ibidem.

51 Id., Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 231.

52 Ivi, p. 93.

53   G.W.F. Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto cit., p. 110.

54Ibidem.

55 K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 229.

56 Ivi, p. 230.

57 Ibidem.

58 «Le leggi sono le norme positive, chiare e universali nelle quali la libertà ha acquistato un’esistenza impersonale, teoretica, indipendente dall’arbitrio del singolo» (K. Marx, Dibattiti sulla libertà di stampa, in K. Marx, F. Engels, Opere, vol. i cit., p. 161).

59 M. Xifaras, Marx, justice et jurisprudence cit., p. 101.

60 K. Marx, Dibattiti sulla legge contro i furti di legna cit., p. 228.

61 M. Xifaras, Marx, justice et jurisprudence cit., pp. 100 e 104.

Buscar en OpenEdition Search

Se le redirigirá a OpenEdition Search