Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Smith Ricardo Marx Sraffa

 | 
Riccardo Bellofiore

Premessa

Texte intégral

1Il titolo che ho dato a questo volume – Smith Ricardo Marx Sraffa –  è un evidente omaggio al maestro che mi ha introdotto alla «critica dell’economia politica». Claudio Napoleoni pubblicò nel 1970 e nel 1972 due edizioni di Smith Ricardo Marx, diverse in modo significativo in merito al giudizio che veniva dato di Marx, e ipotizzò, dopo la pubblicazione del Discorso sull’economia politica, di pubblicarne una terza a testimonianza, di nuovo, di una successiva evoluzione nel suo pensiero. Il dialogo con chi mi ha formato credo sia evidente in tutti i capitoli che seguono: come lo è però la distanza che maturai da subito. Non vi è dunque da parte mia alcuna pretesa di riprendere una tradizione. Le tesi qui raccolte vanno giudicate per i loro meriti o demeriti intrinseci.

2I saggi qui raccolti sono nati in modo indipendente, e sono stati scritti in un arco di anni che va dal 1983 a oggi. Sono essi stessi la testimonianza di un percorso, segnato però più dalla continuità che dalla discontinuità (che pure, come dirò, esiste su un punto significativo). Sono stati, quale più quale meno, riveduti e modificati per questa pubblicazione, avendo di vista la possibilità per il lettore di seguire quello che a me pare costituire un filo unitario di ragionamento, e di minimizzare le ripetizioni. Queste ultime non sono state eliminate del tutto, per consentire a chi volesse una lettura indipendente dei diversi capitoli. Ciò consente anche un uso didattico, in corsi di economia, filosofia o scienze sociali: alcuni capitoli sono adatti a uno studio introduttivo, altri a cicli di lezione avanzati; nutro comunque la speranza che il volume interessi quell’ircocervo la cui esistenza è sempre più a rischio, il «lettore colto».

3Un tema dominante nel libro, in particolare nei capitoli più «analitici», è una visione della cosiddetta «teoria del valore-lavoro» che riduce di molto l’enfasi con cui si è tradizionalmente sottolineata la sua dimensione di concettualizzazione della determinazione individuale dei prezzi, che ai miei occhi, lungi dal non essere l’unica, non è neanche quella preminente. Il capitolo secondo, dedicato ad Adam Smith, sottolinea, della teoria del valore-lavoro «comandato» propria di questo autore, l’aspetto di una teoria dello sviluppo che agli occhi dell’autore scozzese configura addirittura una «giustificazione» del capitalismo in quanto società progressiva e democratica. Si incontrano qui, nel cuore stesso della sua teoria economica, argomenti di filosofia morale e di filosofia della storia. Il capitolo quarto, scritto assieme a Marco Guidi, è dedicato a David Ricardo, e segna uno scarto dalla influente interpretazione sraffiana. Vi si sostiene la contraddittorietà della sua teoria del valore-lavoro «contenuto», che invece di prolungarsi nel discorso marxiano sul valore «assoluto» ha finito con il dissolversi nell’esito neoricardiano dell’approccio del sovrappiù e della determinazione simultanea di prezzi e distribuzione data la configurazione produttiva. Della riflessione di Ricardo il capitolo sottolinea con forza il lato diacronico, che va ben al di là del lato sincronico.

4I capitoli quinto e sesto sono dedicati a Karl Marx. Il capitolo quinto, prevalentemente (anche se non esclusivamente) rivolto alla fondazione epistemologica del Capitale, ripercorre il doppio registro che regola il rapporto di Marx con Hegel. Da un lato vi è la continuità, con la stretta omologia tra Capitale e Spirito, dentro una interpretazione di Hegel come idealista assoluto: di qui la ripresa del «metodo del presupposto-posto», con un accento ontologico. Dall’altro lato vi è la rottura, in quanto Marx non esaurisce il capitale nella dimensione «cosale», nel carattere di feticcio e dunque nel Soggetto automatico: ne indaga, insomma, la «costituzione» materiale nel «rapporto» antagonistico tra classi. Il capitolo sesto rilegge la teoria del valore-lavoro «astratto» come processo, che è l’altra faccia del «ciclo del capitale monetario». Nella comprensione del lavoro come «astrazione reale» non conta soltanto l’identità tra teoria del valore, teoria del feticismo, e teoria della contraddizione: conta altrettanto, se non di più, la teoria del valore come teoria del denaro, teoria della concorrenza dinamica, teoria della riproduzione non bilanciata, teoria della crisi.

5Sono, questi, tutti aspetti complementari della visione marxiana della «socializzazione» capitalistica, che abbraccia la validazione finale contro denaro nella circolazione, la socializzazione immediata dentro il lavoratore collettivo nella produzione immediata, l’ante-validazione monetaria nel finanziamento della produzione che ha luogo nella compravendita di forza-lavoro. Nella mia lettura di Marx è stato fondamentale adottare anche le lenti interpretative suggerite dal mio secondo maestro, Augusto Graziani, incontrato in quella congiuntura teorica decisiva che sta tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta. Pur disinteressato all’aspetto, per me cruciale, della astrazione del lavoro, Graziani più di altri ha fornito gli strumenti essenziali (in una prospettiva di economia politica critica) che consentono di ricostruire la prospettiva marxiana quale autentica «teoria macro-monetaria della produzione capitalistica».

6Il capitolo settimo è il luogo dove si registra il significativo cambiamento di valutazione a cui accennavo, relativamente a Produzione di merci a mezzo di merci di Piero Sraffa. Prima della consultazione degli archivi contenenti le carte inedite dell’economista italiano, pur sganciandomi dai modi consueti del dibattito tra «sraffiani» e «marxisti», ero convinto che il rapporto di Sraffa con Marx fosse riducibile alla condivisione da parte del primo della (per me) improponibile lettura «fisicalista», poi canonizzata da Ian Steedman, e a cui ha aderito buona parte dello sraffismo. Gli Sraffa Papers consultati a Cambridge mi hanno fatto rileggere diversamente il libro del 1960, alla luce della lunga e solitaria «maratona» che dalla fine degli anni Venti del Novecento ha condotto l’economista italiano a definire le proprie proposizioni: un viaggio non poco travagliato, in cui il materialismo fisicalista si riscontra soltanto nella primissima fase, e non la esaurisce.

7La sorpresa per me maggiore è stata rinvenire in Sraffa uno dei pochissimi autori che con lucidità individua il centro della teoria di Marx nel «metodo della comparazione» (un termine che mutuo da Isaak Il’ijč Rubin, dandogli un significato parzialmente diverso) secondo il quale il plusvalore viene visto emergere dal prolungamento del lavoro vivo oltre il lavoro necessario. Ciò consente di scorgere in Produzione di merci una implicita adesione alla teoria del valore-lavoro nella sua versione macro-sociale. È un «altro» Sraffa, dagli accenti «marxiani», che sta in tensione con lo Sraffa più noto, «ricardiano», che non può essere cancellato. Il capitolo mostra anche le sintonie di questo Sraffa con nuove interpretazioni di Marx: segnala però anche dove la lettura di Sraffa e di questo nuovo marxismo non mi pare accettabile. Fondamentale, nel Marx intravisto dall’economista italiano nel 1940, la dimensione «liquida» del lavoro «in divenire» estratto alla forza-lavoro vivente. Il lavoro (ancora) vivo nello svolgimento della produzione non può essere confuso con la sua «oggettualizzazione» nel(l’ormai morto) lavoro diretto una volta che si scatti la «fotografia» di Sraffa. I metodi di produzione non sono ancora noti ma si vanno, appunto, ancora costituendo, in un processo genetico che sta «dietro» la configurazione produttiva data da cui sarà poi possibile derivare le proposizioni dello schema teorico sraffiano del 1960. Un processo che rimanda al «consumo» dei lavoratori e delle lavoratrici, alla lotta di classe nella produzione, alla concorrenza dinamica.

8Il secondo tema dominante del volume sviluppa in un’altra direzione il sottotitolo del volume: Il lavoro nella riflessione economico-politica. Il percorso analitico appena descritto è messo a confronto con la natura e le condizioni del lavoro nel modo di produzione capitalistico. Il capitolo introduttivo fornisce un quadro generale e una «storia ragionata» degli stadi del capitalismo fino al neoliberismo e alla sua crisi. Il terzo capitolo insegue l’intreccio tra pensiero economico e pensiero filosofico nel delineare e discutere l’antropologia che si costituisce con il capitalismo, dopo Smith, trattando in particolare di John Stuart Mill e John Maynard Keynes, ma anche di Norman Brown e Herbert Marcuse, di psicoanalisi e critica femminista.

9Una linea che si condensa, in un modo certo intrigante ma problematico, nella proposta di «uscita dal lavoro» come la leggiamo in Prospettive economiche per i nostri nipoti di Keynes, un articolo che ha quasi cent’anni. Un articolo visionario la cui ambiguità è dissezionata nel capitolo conclusivo. Dopo una veloce ripresa sintetica di quanto discusso nel capitolo terzo, metto a confronto la «liberazione dal lavoro», di cui si fa sostenitore negli anni Cinquanta Guido Calogero, e la «liberazione del lavoro», di cui ci parla Claudio Napoleoni negli anni Settanta, lanciando una sfida che ai miei occhi resta ancora attuale. Il capitolo conclusivo si interroga anche sulla «crisi del keynesismo». Se il neoliberismo è parso annunciarsi come la fine dell’era keynesiana, dubito molto che la sua crisi segni sic et simpliciter un «ritorno di Keynes». Gioca qui la lezione del mio terzo maestro, frequentato a Bergamo dalla fine degli anni Settanta, Hyman P. Minsky, che già allora si faceva fautore di una «socializzazione» dell’investimento, dell’occupazione e della finanza ben più radicale di quella proposta dall’economista cantabrigense.

10La visione eretica in economia – ma preferirei dire: nella scienza sociale e critica del capitale – proposta in questo libro si distanzia dalle varie eterodossie dell’economia «alternativa» in ciò, che non parte come quelle da distribuzione (sraffismo) e domanda (keynesismo), di cui non si nega certo la rilevanza, ma da moneta/finanza e produzione, da cui l’altra coppia discende. Non stupisce, dunque, che la trasformazione sociale sia in queste mie pagine legata a filo doppio alla proposta di un orientamento strutturale della domanda e dell’offerta (che ne definisca non soltanto il livello ma anche la composizione) e alla ripresa di un protagonismo (anche conflittuale e «non compatibile») della classe lavoratrice nel processo immediato di produzione.

11Da questo punto di vista la «centralità del lavoro» si rivela estranea a una visione industrialista e non può che essere critica della «centralità dell’economico» (come era peraltro in Rosa Luxemburg, a cui avevo dedicato la tesi). La centralità della produzione, la sua dimensione totalitaria nell’economico, è un dato della realtà, non dell’immaginario: ma è da mettere in questione come «compito» da assumere, a partire dalle contraddizioni interne al capitale e dal punto di vista alternativo del «lavoro». Le due appendici con cui si chiude il volume trattano di questo: mettendo in relazione la centralità del lavoro con la «questione della natura» la prima (che discute un vecchio testo di James O’Connor), e con la «questione di genere» la seconda (scritta in modalità sicuramente inconsuete per un testo teorico).

  • 1  Devo però un ringraziamento particolare a Rino Genovese, direttore della collana, e Aldo Canestrar (...)

12I debiti intellettuali, e non solo, che ho accumulato in questi decenni sono numerosi, e vanno ben al di là dei maestri che ho ricordato: resta la tristezza di sapere che si tratta di uno stile che è andato perso senza che l’economia critica, incluso chi scrive, abbia saputo diffondere degli anticorpi nella nuova università. Chi leggerà i capitoli che seguono, misurerà anche quanto abbia contato la conversazione con approcci internazionali che hanno avuto una qualche eco, ma limitata, in Italia, e che ho forse aiutato a far discutere, riservandogli simpatie ma anche critiche: per citarne solo alcuni, il circolazionismo francese, la Neue Marx-Lektüre tedesca, la New Interpretation. Mi è evidentemente impossibile nominare tutti coloro a cui devo molto, e dunque non ne nominerò nessuno1. Sono però abituato a pensare in termini di una antropologia relazionale, e questo è vero ancora di più in un autentico lavoro di ricerca. Non avrei potuto e saputo pensare da solo. Ringrazio, dunque, non soltanto i colleghi e i compagni, ma anche i lavoratori, i giovani e i gruppi di studio, che nei decenni mi hanno aiutato a ragionare del lavoro in un orizzonte di liberazione. A Giovanna, moglie e compagna, debbo più di quanto poche righe possano testimoniare.

Notes

1  Devo però un ringraziamento particolare a Rino Genovese, direttore della collana, e Aldo Canestrari, che hanno letto il manoscritto finale con attenzione certosina, dandomi suggerimenti di contenuto e stile di grande utilità, come anche a Valentina Scaringella per una revisione di grande precisione.