Version classiqueVersion mobile

Filosofia dell'avvenire

 | 
Perone Ugo

Dal dato alla coscienza: i «qualia» come proprietà dell’esperienza

Stefania Scardicchio

Texte intégral

1. Il ruolo dei qualia nel dibattito attuale

1Per lungo tempo in filosofia della mente si è affidato ai qualia (plurale di quale) il compito di designare gli aspetti qualitativi o fenomenici dell’esperienza cosciente, refrattari a una spiegazione o riduzione nei termini della fisica. Darne una precisa definizione è piuttosto arduo perché diverse sono state le caratterizzazioni che tale nozione ha subito nel dibattito contemporaneo. In prima approssimazione definiamo qualia le proprietà fenomeniche come colori, suoni, odori, sapori ma anche dolori, emozioni, ecc. che caratterizzano la nostra vita cosciente.

  • 1 Cfr. D.J. Chalmers, The Conscious Mind, Oxford, Oxford University Press, 1996; trad. it. C. Meini, (...)
  • 2 Per una disamina dei principali argomenti che si sono avvalsi dei qualia per contestare la pretesa (...)

2In questo senso i qualia rappresentano una vera e propria sfida al tentativo di spiegare la coscienza con i metodi della fisica e infatti l’appello a essi è stato al centro delle strategie più diffuse contro il fisicalismo ma anche contro le spiegazioni funzionaliste della mente. Gli argomenti che si avvalgono dei qualia sono sostanzialmente tutti tesi a dimostrare che gli stati mentali qualitativi non sono identici o riducibili agli stati fisico-cerebrali. Tale nozione ha così conquistato un ruolo centrale nella discussione sul problema della coscienza – il problema più bruciante tra quelli dibattuti in filosofia della mente che, seguendo la formulazione di D. Chalmers, è individuato dalla domanda: come può un oggetto fisico quale il nostro cervello dare vita a stati mentali con caratteristiche qualitative?1 E più in generale: come può un sistema fisico essere anche cosciente, cioè come può essere capace di provare certe esperienze? Di fronte a tale quesito si intuisce che i qualia pongono un problema non soltanto da un punto di vista esplicativo, e quindi di ordine epistemologico, ma anche da un punto di vista metafisico, perché chiamano in causa la natura stessa della coscienza2.

  • 3 Cfr. D. Dennett, Sweet Dreams. Philosophical Obstacles to a Science of Consciousness, Cambridge (MA (...)
  • 4 Cfr. J. Searle, Coscienza, linguaggio, società, a cura di U. Perone, Torino, Rosenberg & Sellier, 2 (...)

3Tuttavia a discapito dell’importanza del ruolo assegnatole, la nozione di quale, come già accennato, non ha mai goduto di una definitiva chiarezza, e anzi è stata impiegata nel dibattito con significati, anche se a volte solo leggermente, diversi. Questa oscurità ha contribuito a determinare la situazione per cui alle posizioni di coloro che assumono l’esistenza dei qualia nella nostra esperienza come un fatto ovvio (e che poi ritengono impossibile ridurre la coscienza fenomenica ai fenomeni naturali), si oppongono coloro che rifiutano di ammettere l’esistenza stessa dei qualia, arrivando anche a ritenere, nel caso di D. Dennett, la coscienza fenomenica un’illusione del senso comune3. C’è poi chi come J. Searle ritiene il qualitativo una caratteristica fondamentale della coscienza – per ogni stato cosciente vi è una sensazione qualitativa – ma ritiene fuorviante, per riferirsi a essa, parlare in termini di qualia4.

  • 5 Cfr. N. Block, Trouble with Functionalism, in Perception and Cognition: Issues in the Foundations o (...)

4Scopo del presente lavoro, tuttavia, non è vagliare tali argomentazioni o argomentare pro o contro l’esistenza dei qualia. Intendiamo piuttosto provare a chiarire alcuni aspetti del dibattito contemporaneo sulla coscienza rintracciando l’ingresso della nozione di quale nella filosofia contemporanea: più in particolare, rivolgendoci all’uso originario del termine, vogliamo discutere la legittimità di una tendenza diffusa, forse la più diffusa, nella modalità di concepire i qualia quando li si definisce come aspetti “soggettivi”, “intrinseci” e “non-intenzionali”, o come “proprietà dell’osservatore” (paradigmatica in questo senso è la posizione di N. Block5). Chiara a questo riguardo la descrizione che di questa tendenza offre Dennett:

  • 6 D. Dennett, Consciousness Explained, Boston, Little Brown and Company, 1991, p. 372; trad. it. L. C (...)

I filosofi hanno adottato vari nomi per le cose nell’osservatore (o proprietà nell’osservatore) che avrebbero dovuto fornire una dimora sicura per i colori e per le altre proprietà che sono state bandite dal mondo ‘esterno’ dai trionfi della fisica: ‘sensazioni grezze’, ‘percetti’, ‘qualità fenomeniche’, ‘proprietà intrinseche dell’esperienza cosciente’, ‘il contenuto qualitativo degli stati mentali’ e, naturalmente, ‘qualia’6.

Si intuisce, tramite la provocazione di Dennett, che nella discussione sui qualia è in gioco una ridefinizione della soggettività.

  • 7 Cfr. P. Livingston, Experience and Structure, “Journal of Consciousness Studies”, 9/3, 2002, pp. 15 (...)

5Ci sembra legittimo riferirci all’origine del termine quale per chiarire alcuni aspetti del dibattito attuale poiché, sebbene la filosofia della mente sia forse oggi quella parte della filosofia che lavora più a stretto contatto con le scienze, essa tuttavia utilizza nozioni filosofiche mutuate dalla filosofia analitica del secolo scorso, che soffrono di alcune ambiguità non risolte in essa7. Molti dei problemi della filosofia della mente hanno un antecedente ben individuabile nelle questioni epistemologiche dibattute in ambito analitico nel corso del Novecento. Il caso dei qualia è in questo senso addirittura emblematico: se si segue la parabola di questa nozione dal suo primo uso specifico nella filosofia americana del secolo scorso fino ai suoi usi nella filosofia della mente, si assiste – certo, dentro un mutamento degli scopi per cui quella nozione viene impiegata – al persistere di ambiguità presenti alla sua nascita, pur nel modificarsi del suo significato.

6Il termine è stato inaugurato nella filosofia americana già alla fine dell’Ottocento con C.S. Peirce, ma il suo uso tecnico si afferma soprattutto nei primi anni del Novecento, in un contesto di discussione per molti versi simile a quello in cui, nella filosofia anglosassone, nascevano i sense-data (si vedano le teorie della percezione di G.E. Moore e di B. Russell): la fonte di questo uso tecnico è senza dubbio il testo del 1929 di Clarence I. Lewis, Mind and World Order (Il pensiero e l’ordine del mondo). I qualia sono per Lewis le caratteristiche qualitative del dato esperienziale e, dunque, sono originariamente al cuore di questioni epistemologiche – si trovano nel mezzo del tentativo di descrivere il rapporto tra il linguaggio e l’immediatezza dell’esperienza – ed è sempre in questo ambito che vengono discussi a partire dagli anni Trenta del Novecento. Il dato – che diviene il protagonista del celebre “mito” di W. Sellars – viene respinto all’inizio dei progetti filosofici di W.V.O. Quine e N. Goodman, allievi di Lewis, perché essi rifiutano il dualismo schema-contenuto a cui quella concezione dava vita; la nozione di quale, invece, persiste e filtra nella filosofia della mente, non più, tuttavia, a indicare le proprietà del dato esperienziale ma perlopiù a designare le proprietà degli stati mentali, le “proprietà nell’osservatore” criticate da Dennett.

7Se da una parte questo slittamento è in qualche modo preparato e giustificato dalla caratterizzazione dei qualia fatta da Lewis e dalle ambiguità che egli lascia in consegna, dall’altra la nozione del filosofo americano sembra puntare alla relazionalità intrinseca dell’esperienza cosciente per la sua costitutiva relazione con il dato, aprendo piuttosto la strada, a nostro avviso, proprio alle spiegazioni intenzionaliste della mente, scongiurate dalla maggior parte di coloro che definiscono i qualia “soggettivi”, “intrinseci” e, appunto, “non-intenzionali”.

2. I qualia di C.I. Lewis

8È Clarence Irving Lewis a dare per primo ai qualia un preciso ruolo tecnico all’interno della sua teoria della conoscenza con la sua opera più importante e gravida di conseguenze Mind and World Order (Il pensiero e l’ordine del mondo, 1929). In questo testo Lewis mette in campo il suo tentativo di riconciliare e sintetizzare le istanze dell’idealismo e del realismo consegnategli dalla sua tradizione, avvalendosi del “pragmatismo concettuale” scoperto frequentando i manoscritti di C.S. Peirce. Tuttavia questo tentativo, che implica una presa di posizione di natura metafisica, resta dietro alla domanda che più urge a Lewis e che guida il suo lavoro: una domanda prettamente epistemologica che riguarda la natura e la validità della conoscenza empirica. Posto che la conoscenza empirica sia soltanto probabile, egli vuole dimostrarne la capacità di essere valida. Per far questo Lewis ha bisogno di isolare e di analizzare gli elementi che compongono la dinamica conoscitiva. Dunque il testo del 1929 comincia con lo sviluppare una tesi apparentemente molto semplice, vale a dire l’idea che nella conoscenza si possano distinguere due elementi: il concetto, che è il prodotto dell’attività pensante, e il dato sensibile che è indipendente da questa attività:

  • 8 C.I. Lewis, Mind and the World Order. Outline of a Theory of Knowledge, New York-Chicago-Boston, Ch (...)

Ci sono, nella nostra esperienza conoscitiva, due elementi: i dati immediati, come quelli dell’esperienza sensibile, che sono presentati o offerti al pensiero, e una forma, costruzione o interpretazione, che rappresenta il prodotto dell’attività pensante8.

La dinamica conoscitiva si svolge per l’interazione del dato, l’elemento “presentato” attualmente alla coscienza, e l’attività concettuale del pensiero che trascende continuamente il dato, interpretandolo. Le categorie sono il criterio di intelligibilità dell’esperienza, la quale tuttavia possiede un nucleo non concettualizzato, il dato appunto, che si offre a tale categorizzazione. L’affermazione e la difesa dell’elemento esperienziale nella conoscenza saranno un punto fondamentale, anche se impervio, della filosofia di Lewis: egli si dedica diffusamente alla caratterizzazione del dato. Due però sono le sue caratteristiche principali:

  • 9 Ibidem, pp. 48-49; it. p. 33.

In ogni esperienza c’è un elemento che siamo consapevoli di non avere creato pensandolo, e di non essere in grado, in linea di massima, di eliminare o modificare. In prima approssimazione possiamo designarlo come il ‘sensibile’9.

Le caratteristiche principali del dato, dunque, sono la sua inalterabilità e il suo carattere sensibile. Delle due però, afferma Lewis, la prima è la più importante. Approfondendone la definizione, continua il filosofo americano:

  • 10 Ibidem, p. 35; it. p. 52.

La distinzione tra questo elemento di interpretazione e il dato è messa in rilievo dal fatto che il secondo è ciò che rimane immutato indipendentemente dai nostri interessi, dai nostri pensieri e dalle nostre concezioni. Io posso percepire questa cosa come penna o plastica o cilindro, ma non posso, semplicemente pensando, scoprirla come carta o soffice o cubica10.

Vi sono delle caratteristiche dell’oggetto, un insieme di qualità sensibili presentate, che sono la via di accesso alla classificazione cui lo sottopongo: il “dato”, sostiene Lewis, in questa esperienza è ciò che è qualitativamente identico per me, per un bambino o per un selvaggio.

9Alla sensibilità e inalterabilità del dato si accompagna un altro aspetto, quello che più renderà ambigua la concezione di Lewis, riguardante il rapporto che il dato intrattiene con l’attività concettuale e in particolare linguistica. Egli, infatti, concluderà che il dato in quanto tale è “ineffabile”:

  • 11 Ivi.

Mentre possiamo isolare in questo modo l’elemento dato in base a questi criteri della sua inalterabilità e del suo carattere di sensazione fisica o di qualità, non possiamo descrivere nessun dato particolare in quanto tale, perché nel descriverlo, in ogni modo, lo qualifichiamo riconducendolo sotto una categoria o un’altra, selezioniamo suoi aspetti, ne mettiamo in rilievo alcuni […]. Così, sotto un certo aspetto, il dato è sempre ineffabile. È ciò che rimane intatto e inalterato, benché sia interpretato dal pensiero11.

Qualsiasi tentativo di descrizione del dato è già un superamento di esso, in quanto confinato nell’immediatezza del presente: per questo, pur essendo innegabile la sua presenza nell’esperienza, il dato resta ineffabile. Per comprendere più a fondo quanto appena affermato, Lewis precisa la sua concezione – che cosa è “dato” nell’esperienza – introducendo la nozione di quale:

  • 12 Ibidem, pp. 59-60; it. p. 39.

L’elemento dato in una singola esperienza di un oggetto è ciò che si intende con il termine “presentazione”. Questa presentazione ovviamente è un evento storicamente irripetibile. […] Non si sottintende nessuna identificazione dell’evento con i suoi contenuti ripetibili.
In ogni presentazione, questi contenuti consistono o in un quale specifico (come l’immediatezza del colore rosso o del rumore) o in qualcosa di analizzabile in un complesso di questi qualia. La presentazione di un evento naturalmente è unica, ma i qualia che lo compongono non lo sono. Sono riconoscibili nelle diverse esperienze12.

Ogni presentazione è un evento irripetibile, il cui contenuto però possiede caratteristiche ripetibili e quindi riconoscibili da parte del soggetto da un’esperienza a un’altra. Il riconoscimento dei qualia è condizione a prescindere dalla quale nulla sarebbe nominabile, conoscibile o giudicabile nell’esperienza: ma i qualia di per se stessi non sono nominabili, conoscibili, giudicabili, perché confinati nell’istante. Tutto ciò che può essere fatto per designare un quale è riconoscerne le ricorrenze nella rete dell’esperienza: ma la sostituzione di un singolo quale con un altro non condizionerebbe la nostra azione o interesse, e in generale la nostra esperienza.

10I qualia sono per Lewis le proprietà del dato. Con un nota bene: non si tratta di proprietà degli oggetti d’esperienza, la cui ascrizione comporta già un’attività concettuale e quindi un’attività predittiva che trascende la presentazione immediata del dato. Per Lewis anche la semplice assegnazione del predicato “rosso” all’oggetto che ho di fronte presuppone un’attività categoriale più complessa della semplice apprensione di qualia. In altre parole il quale non può essere il denotato di un predicato semplice come “rosso”. I qualia sono soggettivi, afferma Lewis, sono direttamente intuiti e appresi, non hanno nome e possono tutt’al più essere indicati nel linguaggio ordinario da locuzioni come “sembra…”.

11Che i qualia non siano proprietà degli oggetti non vuol dire però per Lewis che essi siano proprietà esclusivamente e intrinsecamente soggettive. I qualia sono proprietà di quell’evento che è la presentazione del dato alla coscienza:

  • 13 Ibidem, p. 65; it. p. 42.

Non c’è bisogno di affermare che ciò che è dato è uno ‘stato mentale’ o addirittura che è ‘nel pensiero’ in un qualche senso più esplicito di quello che è già implicito in questa datità. E neppure si dovrebbe presumere che ciò che è, nel senso che si è detto, nel pensiero, sia esclusivamente mentale. Si può inferire dalla natura di quella interpretazione o costruzione con cui giungiamo a conoscere gli oggetti, che il dato debba essere, in un senso o nell’altro, anche un elemento della realtà oggettiva13.

Che qualcosa esista fuori dalla mente, sostiene Lewis, non significa che sia indipendente da essa. Il dato può essere qualcosa di distinto dallo stato mentale in cui esso appare e che è condizione indispensabile del suo stesso apparire.

12Ciò che più premeva al filosofo americano era affermare che qualcosa è dato nell’esperienza, un fatto tanto ovvio senza il riconoscimento del quale crollerebbe qualsiasi pretesa di validità della conoscenza empirica. L’insistenza di Lewis sul dato e sulla descrizione dei qualia come proprietà di esso, mette a nostro avviso in rilievo un aspetto importante anche per il dibattito contemporaneo, vale a dire l’intrinseca relazionalità della coscienza.

13Tuttavia forse proprio il fatto che i qualia non fossero proprietà oggettive, in altre parole la difficoltà che l’ineffabilità dei qualia lasciava in consegna, ha aperto la strada alla conclusione, diffusasi poi in molte posizioni in filosofia della mente, che i qualia fossero proprietà degli stati mentali del soggetto.

3. Dalle proprietà del dato alle proprietà dell’esperienza

14Il rifiuto del dato nella modalità in cui era concepito da Lewis ha caratterizzato la filosofia analitica americana della seconda metà del Novecento: tuttavia molti filosofi contemporanei hanno accettato l’esistenza dei qualia come delle caratteristiche certo problematiche ma innegabili della nostra esperienza di cui bisognerebbe fornire una descrizione in termini fisici.

  • 14 Crane suggerisce e percorre questa strada in The Origins of Qualia, in T. Crane e S. Patterson (a c (...)
  • 15 H. Feigl, The ‘Mental’ and the ‘Physical’, in H. Feigl, M. Scriven e G. Maxwell (a cura di), Minnes (...)
  • 16 F. Jackson, Epiphenomenal Qualia, “Philosophical Quarterly”, 32 (1982), pp. 127-136.

15T. Crane ci permette di comprendere meglio alcuni aspetti del dibattito attuale sui qualia descrivendoci un passaggio decisivo per capire come mai essi cominciano ad assumere un ruolo centrale nel problema della coscienza14: nel suo famoso articolo The ‘Mental’ and the ‘Physical’ (1958)15 H. Feigl accetta l’idea che vi siano dati immediati dell’esperienza ma distingue esplicitamente la sua forma di empirismo da quella di Lewis secondo cui la conoscenza fisica riguarderebbe solo la forma e la struttura degli eventi, mentre la acquaintance (l’apprensione diretta) riguarderebbe i contenuti o i qualia. Mentre per Lewis i qualia non possono essere conosciuti (per Lewis l’apprensione diretta non è mai conoscenza), Feigl – e questo diviene un punto acquisito nella filosofia della mente contemporanea – ritiene che essi possano essere conosciuti direttamente. Ed è in questo senso che i qualia, i dati immediati dell’esperienza pongono un problema per il fisicalismo nella misura in cui non riesce a rendere conto della nostra conoscenza di essi. Un celebre argomento messo in campo da F. Jackson, noto come l’argomento di Mary, è teso infatti a dimostrare che la nostra conoscenza dei qualia eccede la conoscenza che si può acquisire dei fatti fisici: se non abbiamo conoscenza di qualia, non importa quanta conoscenza abbiamo dei fatti fisici, la prima eccederà la seconda16. Si dimostra con ciò che vi sono delle proprietà – il rosso di una mela ad esempio – che possono essere conosciute solo facendone esperienza. Ma dal fatto che c’è bisogno dell’esperienza per conoscere “rosso”, non segue necessariamente che “rosso” sia una proprietà mentale. Perché i qualia vengono poi assunti come proprietà dell’osservatore?

16Lewis negava che i qualia fossero proprietà oggettive perché queste ultime sono in un certo senso più complesse dei semplici qualia, e perché la stessa proprietà oggettiva può dar vita a qualia distinti. Ma non deduce da questo che i qualia siano proprietà degli stati mentali.

17Vi sono anche altre ragioni per negare che i qualia siano proprietà oggettive: una di queste ha a che fare col rifiuto di identificare i colori con le proprietà della superficie degli oggetti perché le proprietà degli oggetti non stanno in nessuna correlazione semplice con i colori che percepiamo; un’altra ragione per rifiutare di identificare i qualia con le proprietà oggettive è data dall’argomento dello spettro invertito: poniamo il caso che quando una persona A vede rosso subisca un’esperienza dello stesso carattere qualitativo di un’altra persona B che vede verde: quando A e B guardano due oggetti identici dal punto di vista fisico allora la differenza nelle loro esperienze non può essere una differenza negli oggetti.

18Tuttavia, per i filosofi contemporanei che hanno negato il dato – perché se non è un oggetto fisico, si faceva strada l’idea che si trattasse di un’entità né fisica né mentale – l’unica alternativa rimasta e assunta è di ritenere i qualia proprietà dell’osservatore: non importa quanto complicate siano le proprietà fisiche causalmente responsabili della nostra esperienza dei colori, le proprietà dell’esperienza – ad esempio il rosso fenomenico – sono percettivamente semplici. Quando si guarda un oggetto rosso si è consapevoli di una caratteristica della propria stessa esperienza.

19L’idea essenziale che la teoria di Lewis invece suggerisce, è che l’esperienza è relazionale: qualcosa è dato o presentato alla coscienza. I qualia non sono né proprietà del soggetto né proprietà della realtà effettiva: sono proprietà di un evento, quell’evento che è la presentazione del dato. La vera alternativa che si apre, allora, è se possiamo pensare i qualia come qualità soggettive, intrinseche, non intenzionali dell’esperienza o se essi possono essere caratterizzati a partire dalla nozione di intenzionalità. Non vi è, nella concezione originaria dei qualia, un motivo per cui essi dovrebbero essere assunti come non-intenzionali.

20L’intenzionalità è la proprietà degli stati mentali di essere diretti verso, o di vertere, su qualcosa, di essere in relazione con un contenuto o con un oggetto; è la direzionalità della mente verso i suoi oggetti: l’intenzionalismo assume che tutte le proprietà mentali siano intenzionali. Se si segue la concezione di Lewis, nell’esperienza sempre qualcosa è “dato” al soggetto esperienziale, la mente ha una struttura relazionale intrinseca.

21Si possono ritenere i qualia, che sono connotati del dato, oggetti o contenuti intenzionali, proprietà del mondo rappresentate nell’esperienza e che l’esperienza rivela. I caratteri dell’esperienza derivano da ciò che è dato nell’esperienza.

22Nella misura in cui si parla in termini di qualia, cosa anch’essa discutibile, non è necessario ritenerle proprietà non-intenzionali della coscienza, cioè ritenere il carattere qualitativo derivato da proprietà intrinseche non intenzionali della coscienza piuttosto che da ciò che è dato nell’esperienza. Una teoria che tratti le esperienze percettive come stati intenzionali comprende il dato in un modo particolare, vale a dire ciò che è dato è un oggetto intenzionale.

23Ciò smentirebbe la posizione di Dennett – o comunque riaprirebbe la questione – quando afferma che l’appello ai qualia assicurerebbe al senso comune, e non solo, di mantenere in piedi l’illusione di una soggettività che sfugge al meccanismo: l’appello al qualitativo in termini intenzionali garantisce piuttosto la necessità di rimanere sul terreno della relazionalità intrinseca della coscienza.

Notes

1 Cfr. D.J. Chalmers, The Conscious Mind, Oxford, Oxford University Press, 1996; trad. it. C. Meini, A. Paternoster, La mente cosciente, Milano, McGraw-Hill, 1999.

2 Per una disamina dei principali argomenti che si sono avvalsi dei qualia per contestare la pretesa del funzionalismo o del fisicalismo si veda A. Paternoster, Introduzione alla filosofia della mente, Roma-Bari, Laterza, 2002, pp. 169-188 e T. Crane, Elements of Mind. An Introduction to the Philosophy of Mind, Oxford, Oxford University Press, 2001, pp. 70-101; trad. it. C. Nizzo, Fenomeni mentali. Un’introduzione alla filosofia della mente, Milano, Cortina, 2003, pp. 103-149.

3 Cfr. D. Dennett, Sweet Dreams. Philosophical Obstacles to a Science of Consciousness, Cambridge (MA), MIT Press, 2005; trad. it. A. Ciluffo, Sweet dreams. Illusioni filosofiche sulla coscienza, Milano, Cortina, 2006.

4 Cfr. J. Searle, Coscienza, linguaggio, società, a cura di U. Perone, Torino, Rosenberg & Sellier, 2009, p. 39.

5 Cfr. N. Block, Trouble with Functionalism, in Perception and Cognition: Issues in the Foundations of Psychology, a cura di W. Savage, Minneapolis, University of Minnesota Press, 1978, pp. 261-326.

6 D. Dennett, Consciousness Explained, Boston, Little Brown and Company, 1991, p. 372; trad. it. L. Colasanti, Coscienza, Roma-Bari, Laterza, 2009, p. 413.

7 Cfr. P. Livingston, Experience and Structure, “Journal of Consciousness Studies”, 9/3, 2002, pp. 15-33.

8 C.I. Lewis, Mind and the World Order. Outline of a Theory of Knowledge, New York-Chicago-Boston, Charles Scribner’s Sons, 1929, p. 38; trad. it. a cura di S. Cremaschi, Il pensiero e l’ordine del mondo, Torino, Rosenberg & Sellier, 1977, p. 27.

9 Ibidem, pp. 48-49; it. p. 33.

10 Ibidem, p. 35; it. p. 52.

11 Ivi.

12 Ibidem, pp. 59-60; it. p. 39.

13 Ibidem, p. 65; it. p. 42.

14 Crane suggerisce e percorre questa strada in The Origins of Qualia, in T. Crane e S. Patterson (a cura di), History of the Mind-Body Problem, London-New York, Routledge, 2000, pp. 169-194.

15 H. Feigl, The ‘Mental’ and the ‘Physical’, in H. Feigl, M. Scriven e G. Maxwell (a cura di), Minnesota Studies in Philosophy of Science, vol. 2: Concepts, Theories and the Mind-Body Problem, Minneapolis, University of Minnesota Press, pp. 370-497.

16 F. Jackson, Epiphenomenal Qualia, “Philosophical Quarterly”, 32 (1982), pp. 127-136.

© Rosenberg & Sellier, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search