Version classiqueVersion mobile

Declinazioni del desiderio dello psicoanalista

 | 
Adele Succetti

Il desiderio dello psicoanalista nel disagio della civiltà di oggi

Un ben-dire epistemologico1

Texte intégral

  • 1 Articolo pubblicato in “La Cause du désir”, n. 80, 2012, pp. 15-22.

1Si ha bisogno di concetti in psicoanalisi? Senza giudicare a priori il legame che collega la psicoanalisi alla scienza, questa questione è sia etica che epistemologica.

  • 2 J. Lacan, Il Seminario, Libro II, L’io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi, To (...)

2Se c’è un sapere da investigare, se c’è una pratica illuminata da una dottrina, ci sono dei concetti; essi strutturano, delimitano e giustificano un campo di applicazione; “se la psicoanalisi non è i concetti nei quali si formula e si trasmette, non è la psicoanalisi, è un’altra cosa, ma allora bisogna dirlo”2.

  • 3 Id., Posizione dell’inconscio, in Scritti cit., p. 837.

3Lacan non è nominalista: il reale clinico non è dato allo stato bruto con dei concetti che lo rappresenterebbero. Solo i concetti fanno esistere l’esperienza che fa della psicoanalisi una praxis. Essa eredita, certo, con Freud, nozioni precedenti che non sono le più adeguate alla sua scoperta: i tipi clinici che importa dalla psichiatria, il determinismo, l’energia psichica che vengono dalla psicologia detta “scientifica” tedesca. Ce ne vorranno altre, sapendo che la suddivisione dell’esperienza con dei concetti dipende da una scelta, da una creazione, da una responsabilità. Non le estrarremo né dalla percezione né dalle immagini mentali. Lacan dice anche che “gli psicoanalisti fanno parte del concetto di inconscio perché ne costituiscono la destinazione”3.

Falsi concetti e rettifica

  • 4 Id., La scienza e la verità, in Scritti cit., p. 860.
  • 5 Cfr. Id., Il Seminario, Libro II cit., p. 109.
  • 6 S. Freud, Pulsioni e loro destini, Metapsicologia (1915), in Opere, vol. 8, cit., pp. 13-14.

4Lacan considera innanzitutto essenziale l’approccio scientifico di Freud4. Oggi demonizzato, è tuttavia necessario al deciframento di un’esperienza che, agli inizi della psicoanalisi, rischia di annegare nell’oceano della psicologia generale come pure dell’esoterismo. I concetti ispirati dalla psicofisiologia, quali il neurone o la rappresentazione, sono serviti da baluardo all’esoterismo di Jung. Lacan giustifica questo orientamento in quanto protezione contro le prime deviazioni che fanno dell’inconscio o un erede delle intuizioni filosofiche dei secoli scorsi o la giustificazione moderna di un misticismo cosmico. Conosciamo l’elogio che Lacan fa di una lunga citazione della Metapsicologia di Freud, in cui giustifica l’utilizzo di concetti provvisori sempre rinnovati in una dialettica con l’esperienza. I concetti non devono essere feticizzati, sono convenzionali e provvisori, e sono destinati a superare una contraddizione, un paradosso, un’aberrazione incontrati nella clinica5. Prendendo la fisica come modello, Freud afferma che “il progresso della conoscenza non consente definizioni rigide” e che “anche i ‘concetti fondamentali’ consegnati in definizioni rigorose, subiscono un costante mutamento di contenuto”6. Tuttavia, cedere sulle parole è cedere sulla cosa. Nella scelta dei concetti, si gioca un destino del sapere. Anche se la metapsicologia è una mitologia, essa è la finzione, la forma epica necessaria per render conto della struttura del sintomo. I Grundbegriffen (i principi basilari) che la costituiscono realizzano un taglio rispetto a qualsiasi psicologia della coscienza, delimitano chiaramente un campo conquistato di recente. Conosciamo la cura che Freud ha nel distinguere l’inconscio dalla nozione occulta di subconscio. Analogamente, l’eredità filosofica delle “piccole percezioni” inconsce fa da ostacolo epistemologico all’inconscio come sapere che non si sa.

  • 7 J. Lacan, Il Seminario, Libro II, L’io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi cit (...)
  • 8 Id., Posizione dell’inconscio, in Scritti cit., p. 589.

5Conformemente alla sua definizione classica, il concetto si lavora in estensione e in comprensione. Così, il vecchio concetto di libido è ammissibile se contribuisce all’estensione del sessuale fuori dai limiti del genitale; deve anche essere assolutamente distinto, in comprensione, da qualsiasi energia spirituale e deve essere ricentrato sulla “lussuria”7. L’interpretazione, a sua volta, deve essere definita e limitata dall’equivoco significante, in mancanza del quale è aperta a tutti i sensi. Nessun compromesso con quel “flogisto”8 che è l’ermeneutica. L’anima figura come concetto solo accoppiata all’apparato (Seele apparat), e Lacan fa notare che tra Hegel e Freud è sopraggiunta, nel secolo, la macchina.

6Taglio epistemologico, importazione e spostamento di concetti caratterizzano l’approccio di Freud, in tutto e per tutto conforme alla definizione di un Bachelard o di un Canguilhem.

  • 9 S. Freud, Pulsioni e loro destini, Metapsicologia cit., p. 15.

7Si vede, ad esempio, l’importanza di definire la pulsione contrariamente all’intuizione psicologica, non come eccitazione, ma come “una forza costante. E, in quanto non preme dall’esterno, ma dall’interno del corpo”9 e, contrariamente all’istinto, indifferente all’oggetto. Si opporrà anche la rimozione alla dimenticanza. Analogamente, si distinguerà autismo e auto-erotismo, ecc.

  • 10 Citato da P.-L. Assoun, L’entendement freudien. Logos et Ananké, Paris, Gallimard, 1984, p. 144.

8Freud, discepolo del positivista Herbart, si dà il compito di “concepire un pezzo della realtà senza contraddizione”10. I concetti sovvertono, quindi, il principio d’identità, al pari dell’inconscio, che è il paradigma di questo orientamento, in quanto ignora la contraddizione. Così il concetto di difesa supera i geroglifici dell’isteria, decifrando il sintomo come doppio senso, compromesso tra rimozione e soddisfacimento.

  • 11 Cfr. S. Freud, C.G. Jung, Lettere (1906-1913), Torino, Bollati Boringhieri, 1990.
  • 12 J. Lacan, Nota sulla relazione di Daniel Lagache, in Scritti cit., p. 668.

9Dall’interpretazione del sintomo si origina quindi la costruzione di binari quali: io/es, rifiuto/rimozione, libido d’oggetto/narcisismo, pulsione di vita/pulsione di morte, principio di piacere/al di là del principio di piacere, nevrosi/psicosi. Il principio del sezionamento dell’esperienza è il tratto discriminante proprio di ogni modalità di difesa contro il reale del godimento. I meccanismi di difesa, come i tipi clinici che li utilizzano, hanno tutti come riferimento un modo di difesa contro la pulsione. Così è nell’isteria, nella nevrosi ossessiva, nella fobia. Per le psicosi, la paranoia è il concetto valido giacché rende conto della persecuzione attraverso un modo di rifiuto grammaticale dell’omosessualità delirante. Il concetto di demenza precoce, fondato su un deficit, invece non fornisce il buon punto di vista sul ritorno nel reale del godimento dell’Altro11. Si vede che l’applicazione del concetto all’esperienza non subisce nessuna confusione. Niente di meno “sfilacciato”12 dei significanti di Freud a questo proposito.

10Resta da sistemare nella loro estensione, ed è ciò a cui serve, in particolare, la combinatoria reale, simbolico e immaginario: è indispensabile per mettere al suo posto, per esempio, “la frustrazione”, termine con cui si traduce la Versagung per produrre il differenziale privazione, frustrazione, castrazione.

  • 13 S. Freud, Compendio di psicoanalisi (1938), in Opere, vol. 11, cit., p. 628.

11Su una parola si gioca tutta una concezione della clinica. Prendiamo, ad esempio, il “disconoscimento”, oggi banalizzato. Sappiamo con quale cura Lacan si sforzi di tradurre il termine Verleugnung (smentita). Freud riserva questo meccanismo al feticismo e lo preferisce al termine “scotomizzazione”, proposto da Laforgue: un concetto che elude il sapere inconscio sulla castrazione femminile. Quello che i concetti guadagnano in estensione, lo perdono in comprensione. È quello che succede proprio in questo caso: dal senso ristretto, perverso, al senso generalizzato, il disconoscimento della realtà (Freud utilizza lo stesso termine nel Compendio di psicoanalisi) è diventato equivalente alla malafede mentre, per Freud, è in gioco tutta la questione della psicosi con “il distacco […] dalla realtà”13.

12La creazione dei concetti non deriva, quindi, da una grossolana empiria. È sempre l’esito di un ragionamento che inciampa su un reale come impossibile da dedurre dagli assiomi precedenti. Per esempio, quando fa dipendere l’inconscio e la pulsione da un medesimo principio: il principio di piacere. Contrariamente a quello che si pensa, l’approccio di Freud è popperiano, consiste nel falsificare le condizioni di applicazione di un principio. Dati i fatti – giochi infantili, sogni traumatici, incurabilità – si può confutare la spiegazione con l’omeostasi del piacere; da cui il concetto di ripetizione strappato alla psicologia del bisogno e ricondotto alla pulsione di morte. Un approccio analogo è all’opera in Lacan, con il suo lavoro esigente sul concetto di angoscia e i suoi paradossi che lo collegano al desiderio.

Adattare il concetto all’atto analitico

13Tuttavia, il concetto clinico freudiano ha i difetti delle sue stesse virtù: certo è discriminante, ma “entifica”.

14Lacan avvia una dissoluzione dei concetti eccessivamente legati alla termodinamica nel senso di una critica della loro sostantificazione e della loro reificazione.

  • 14 J. Lacan, Il fenomeno lacaniano, “La Psicoanalisi”, n. 24, 1998, p. 23.
  • 15 Ibidem.

15Questo smantellamento riguarda, in particolare, la seconda topica di Freud, specialmente i concetti “io, Es, Superio”, come se si trattasse di istanze d’apparato o di localizzazione anatomica. A partire dal momento in cui l’inconscio è strutturato come un linguaggio, i concetti derivati dalla linguistica si sostituiscono alle metafore termodinamiche di Freud. Il significante desostanzializza la realtà psichica; il che è dimostrabile sulla “pulsione (che) non è una sostanza, ma un vettore”14. Freud ha entificato l’Es come serbatoio delle pulsioni15: con Lacan esso diventa riserva silenziosa della pulsione di morte. E il sostantivo tedesco es scivola verso “est-ce?” o anche “S maiuscola”, per rispettare l’omofonia, mentre il Superio passa alla voce imperativa.

  • 16 Id., Situazione della psicoanalisi e formazione dello psicoanalista nel 1956, in Scritti cit., p. 4 (...)

16La definizione lacaniana del concetto come “struttura di una relazione”16 ricorda la necessità di rendere omogenei i significanti del discorso analitico alla cura stessa. In definitiva, il reale con cui la psicoanalisi ha a che fare si afferra con il concetto, inteso come la relazione tra due significanti: S1 – S2?

17Come elevare questa definizione generale alla relazione analitica? Come issare i concetti all’altezza di un’esperienza di linguaggio e ratificare l’egemonia del simbolico con dei nomi nuovi? Questo è il principio che giustifica il taglio, fatto da Lacan negli Scritti, tra domanda e desiderio, tra difesa e resistenza (quella dell’analista) poi, in seguito, tra desiderio e godimento.

  • 17 Cfr. G. Bachelard, La formazione dello spirito scientifico, Milano, Cortina, 1996.
  • 18 J. Lacan, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi. Resoconto del seminario del 1964, in (...)

18A partire dal 1964, Lacan continua quindi l’opera di pulitura dei concetti utilizzati da Freud. Ne devia la significazione implicandoli in un’impasse della formalizzazione, che definisce il reale. È quello che fa con i quattro concetti fondamentali: l’inconscio, la pulsione, la ripetizione, il transfert. Fanno sistema, fanno presa sull’atto analitico. Parafrasando Bachelard, constatiamo che Lacan incorpora le condizioni di applicazione di un concetto nella propria definizione. 17 Non c’è altra origine dei concetti che i significanti stessi che li collegano all’atto analitico. Così sono “annodati dalla topologia che li sostiene in una funzione comune”18.

  • 19 J.-A. Miller, L’orientamento lacaniano. Silet, lezione del 15 marzo 1995, “La Psicoanalisi”, n. 20, (...)

19Ne deriva un “riordinamento dei concetti freudiani”19, a partire dal perno comune che è l’oggetto a. In effetti, come ha mostrato Jacques-Alain Miller, i quattro concetti designano una relazione particolare a tale oggetto, che risulta dall’antinomia dell’inconscio con il godimento. Concetti esterni alla psicoanalisi quali la tyche e l’automaton sono importati da Aristotele per essere più vicini all’incontro mancato che realizza, nel transfert, la chiusura dell’inconscio.

  • 20 J. Lacan, Funzione e campo della parola e del linguaggio in psicoanalisi, in Scritti cit., p. 254.
  • 21 Id., Il Seminario, Libro IV. La relazione d’oggetto, Torino, Einaudi, 2007, p. 55.

20Trattandosi della clinica del particolare, Lacan aderisce all’assioma di Freud secondo cui si deve dimenticare la teoria per il caso. La psicoanalisi sostiene il paradosso di essere una “scienza del particolare”20. Ora, il concetto collettivizza, unifica, mette in relazione. Non è il significante più adatto a cogliere la singolarità, l’involucro formale del sintomo, il fiasco della relazione sessuale. Lacan segnala già questo limite nel Seminario IV, La relazione d’oggetto, con il fatto che l’oggetto “si sottrae parzialmente alla presa concettuale”21. Intende con questo il genere, la classe, i tipi clinici.

  • 22 Id., Giovinezza di Gide o la lettera e il desiderio, in Scritti cit., p. 745.
  • 23 Ivi, nota 2.
  • 24 Ibidem.
  • 25 Id., Il Seminario, Libro IV. La relazione d’oggetto cit., p. 388.
  • 26 Ivi, p. 389.
  • 27 Id., La direzione della cura e i principi del suo potere, in Scritti cit., p. 596.

21Nel suo articolo Giovinezza di Gide o la lettera e il desiderio, ne dà l’esempio stigmatizzando i concetti utilizzati nella descrizione della psicastenia22, lasciando allo stesso Gide l’iniziativa d’inventare i concetti più adeguati alla sua esperienza. Il termine sintomo prevale sul concetto del genere, relativamente agli affetti descritti: “dei sentimenti di incompletezza, o come dirà Gide, di ‘mancanza’; di estraneità, o come dirà Gide, di ‘straniamento’; di sdoppiamento, o come dirà Gide, di ‘seconda realtà’ [ben altrimenti appropriato […]]; d’inconsistenza, o come dirà Gide, di ‘sconsistenza’ [più esatto]”23. Gide dimostra “una lingua più rigorosa”24 a cui dovrebbe ispirarsi l’osservazione clinica. Lacan si avvale di quella “logica in caucciù”25 che anticipa la sua topologia. In questo senso propone, ad esempio, l’espressione di “riduplicazione materna”26 nel piccolo Hans. Ricordiamo anche la deviazione dell’anoressia mentale in “anoressia […] in rapporto al mentale”27, che è un Witz.

  • 28 G. Bachelard, La formazione dello spirito scientifico cit., p. 80.

22Ci associamo, anche in questo caso, a Bachelard, secondo cui “la ricchezza di un concetto scientifico si misura con la sua potenza di deformazione”28.

  • 29 La svista [N. d. T.].

23Lacan farà lo stesso ricorrendo a parole macedonia, a neologismi che sono dei non-concetti, e questo tanto più che risolvono e superano il dualismo freudiano: il parlessere, l’apparola, “l’une-bévue”29 che equivoca con Unbewusste per indicare l’inconscio.

Cinismo del concetto

  • 30 J. Lacan, Il Seminario, Libro XI, I quattro concetti fondamentali dalla psicoanalisi, Torino, Einau (...)
  • 31 Ivi, p. 23.
  • 32 Causa sempre e chiacchera sempre [N. d. T.].
  • 33 J. Lacan, Il Seminario, Libro XI, I quattro concetti fondamentali dalla psicoanalisi cit., p. 21.
  • 34 S. Freud, L’avvenire di un’illusione (1927), in Opere, vol. 10, cit., pp. 466-467.

24Prima di queste iniziative linguistiche, Lacan si era già interrogato, nel 1964, sul concetto di causalità, continuando una lunga tradizione filosofica. C’è come una incapacità di tale concetto a cogliere l’inconscio, definito da lui come Unbegriff30. Non non-concetto, ma concetto di mancanza, l’Uno della discontinuità. Con l’inconscio, il pensiero causale invecchia: “ogni volta che parliamo di causa, c’è sempre qualcosa di anticoncettuale”31; una beanza, un buco, qualcosa che va storto; salvo a decostruirlo in cause toujours32. Ci si sforza di garantire una continuità che non c’è: c’è un salto, qualcosa che va storto come nel “calcolo infinitesimale”33. Curiosamente, Freud, quando cambia di paradigma, cita anche lui il calcolo infinitesimale come ideale di rigore concettuale: “In realtà la psicoanalisi è un metodo di ricerca, uno strumento imparziale, come il calcolo infinitesimale ad esempio”34. Si ritroverà l’asintotico sia nel “Presidente Schreber” che in “Analisi terminabile e interminabile”. I temibili problemi del continuo e del discontinuo in matematica troveranno una risonanza nella clinica post-strutturalista.

  • 35 Cfr. J.-A. Miller, A. Di Ciaccia, L’Uno-tutto-solo. L’orientamento lacaniano, Roma, Astrolabio, 201 (...)

25Con la fine dell’egemonia del simbolico sul reale, la retorica dell’inconscio – come J.-A. Miller ha mostrato nel suo insegnamento sull’ultimo Lacan – lascia il posto al significante matematico e all’inconscio definito non più come mancanza, ma come buco35. Questa rinuncia all’ontologia, messa in relazione con la denuncia dello scientismo, non dovrebbe lasciare indenne il nostro uso dei concetti. La promozione dell’Uno, non come differenziazione nel simbolico, ma come l’Uno reale del godimento, scoraggia l’investigazione della relazione S1-S2 in gioco in ogni concetto; essa dà consistenza piuttosto al concetto di ripetizione come retta infinita o reiterazione dell’Uno-tutto-solo.

  • 36 J. Lacan, Le Séminaire, Livre XII, “Problèmes cruciaux pour la psychanalyse”, 20 gennaio 1965, ined (...)
  • 37 Id., Le Séminaire, Livre XXI, “Les non-dupes errent”, 15 gennaio 1974, inedito.

26Nei suoi seminari degli anni ’70, Lacan ritorna sull’etimologia del concetto: il Begriff è la confisca. L’antico stoicismo, con Crisippo, descriveva i diversi gradi di conoscenza con l’immagine di una mano che si richiude finalmente sul proprio oggetto e lo intrappola. Nel suo Seminario “Problemi cruciali per la psicoanalisi”, Lacan descrive il concetto come “la presa di cui il cerchio dà l’immagine”. Tuttavia, “questa immagine del comprensibile è il miglior supporto di tutte le esche”36. Le affinità del concetto con la comprensione fanno obiezione alla topologia dei nodi abbozzata in quest’ultimo Seminario. Lacan nota che “quello che si afferra bene, (è) il solido. Ciò che è flessibile si afferra meno bene se lo si prende in mano”37. Presi alla lettera, i nodi, i tori si offrono per l’appunto alla manipolazione; il che è una pedagogia di rottura rispetto all’immaginario della comprensione.

  • 38 Id., Le Séminaire, Livre XXII, “R.S.I.”, 11 marzo 1975, “Ornicar?”, n. 5, 1975, p. 18.

27Per andare più in là nella decostruzione della comprensione e del senso, Lacan mostra anche le affinità del concetto con il fallo: “Insomma, il fallo è quello che si prende in mano. Anche la scimmia si masturba, ed è in questo che assomiglia all’uomo. Nel concetto, c’è sempre qualcosa dell’ordine della scimmiottatura”38.

  • 39 Id., Il Seminario, Libro XXIII, Il Sinthomo, Roma, Astrolabio, 2006, p. 83.

28Lacan insiste; il Seminario XXIII, Il sinthomo, porta a termine questa critica. In senso proprio, “l’oggetto è concepibile, è afferrabile con la mano – è la nozione di Begriff39. Ora, limitarsi a una presa non è sufficiente per assicurarsi che è proprio il reale quello che si ha in mano.

  • 40 Cfr. Id., Il Seminario, Libro XX, Ancora, Torino, Einaudi, 2011, pp. 22-23.

29Abbiamo detto che l’inconscio è inadatto ad essere afferrato concettualmente. Che ne è dei concetti destinati a qualificare il godimento? Vero è che il godimento si presta maggiormente alla sostantificazione40, ma il modo di godere di ognuno, a partire dal momento in cui entra nella zona oscura del sinthomo, esige uno sforzo di ben-dire e di nominazione che deve sorprendere, alla rovescia del concetto che ratifica. I concetti servono; ma anche i non-concetti, che hanno la virtù di dissolvere i sintagmi idiomatici garanti dell’ortodossia.

30Per concludere, abbiamo sorvolato tre paradigmi: la termodinamica, la retorica; sino a passare il testimone al significante matematico, ultimo strumento per “leggere il sintomo”.

Notes

1 Articolo pubblicato in “La Cause du désir”, n. 80, 2012, pp. 15-22.

2 J. Lacan, Il Seminario, Libro II, L’io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi, Torino, Einaudi, 2006, p. 18.

3 Id., Posizione dell’inconscio, in Scritti cit., p. 837.

4 Id., La scienza e la verità, in Scritti cit., p. 860.

5 Cfr. Id., Il Seminario, Libro II cit., p. 109.

6 S. Freud, Pulsioni e loro destini, Metapsicologia (1915), in Opere, vol. 8, cit., pp. 13-14.

7 J. Lacan, Il Seminario, Libro II, L’io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi cit., p. 76.

8 Id., Posizione dell’inconscio, in Scritti cit., p. 589.

9 S. Freud, Pulsioni e loro destini, Metapsicologia cit., p. 15.

10 Citato da P.-L. Assoun, L’entendement freudien. Logos et Ananké, Paris, Gallimard, 1984, p. 144.

11 Cfr. S. Freud, C.G. Jung, Lettere (1906-1913), Torino, Bollati Boringhieri, 1990.

12 J. Lacan, Nota sulla relazione di Daniel Lagache, in Scritti cit., p. 668.

13 S. Freud, Compendio di psicoanalisi (1938), in Opere, vol. 11, cit., p. 628.

14 J. Lacan, Il fenomeno lacaniano, “La Psicoanalisi”, n. 24, 1998, p. 23.

15 Ibidem.

16 Id., Situazione della psicoanalisi e formazione dello psicoanalista nel 1956, in Scritti cit., p. 455.

17 Cfr. G. Bachelard, La formazione dello spirito scientifico, Milano, Cortina, 1996.

18 J. Lacan, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi. Resoconto del seminario del 1964, in Altri scritti cit., p. 187.

19 J.-A. Miller, L’orientamento lacaniano. Silet, lezione del 15 marzo 1995, “La Psicoanalisi”, n. 20, 1996.

20 J. Lacan, Funzione e campo della parola e del linguaggio in psicoanalisi, in Scritti cit., p. 254.

21 Id., Il Seminario, Libro IV. La relazione d’oggetto, Torino, Einaudi, 2007, p. 55.

22 Id., Giovinezza di Gide o la lettera e il desiderio, in Scritti cit., p. 745.

23 Ivi, nota 2.

24 Ibidem.

25 Id., Il Seminario, Libro IV. La relazione d’oggetto cit., p. 388.

26 Ivi, p. 389.

27 Id., La direzione della cura e i principi del suo potere, in Scritti cit., p. 596.

28 G. Bachelard, La formazione dello spirito scientifico cit., p. 80.

29 La svista [N. d. T.].

30 J. Lacan, Il Seminario, Libro XI, I quattro concetti fondamentali dalla psicoanalisi, Torino, Einaudi, 2003, p. 27.

31 Ivi, p. 23.

32 Causa sempre e chiacchera sempre [N. d. T.].

33 J. Lacan, Il Seminario, Libro XI, I quattro concetti fondamentali dalla psicoanalisi cit., p. 21.

34 S. Freud, L’avvenire di un’illusione (1927), in Opere, vol. 10, cit., pp. 466-467.

35 Cfr. J.-A. Miller, A. Di Ciaccia, L’Uno-tutto-solo. L’orientamento lacaniano, Roma, Astrolabio, 2018, pp. 151-160.

36 J. Lacan, Le Séminaire, Livre XII, “Problèmes cruciaux pour la psychanalyse”, 20 gennaio 1965, inedito.

37 Id., Le Séminaire, Livre XXI, “Les non-dupes errent”, 15 gennaio 1974, inedito.

38 Id., Le Séminaire, Livre XXII, “R.S.I.”, 11 marzo 1975, “Ornicar?”, n. 5, 1975, p. 18.

39 Id., Il Seminario, Libro XXIII, Il Sinthomo, Roma, Astrolabio, 2006, p. 83.

40 Cfr. Id., Il Seminario, Libro XX, Ancora, Torino, Einaudi, 2011, pp. 22-23.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search