Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Declinazioni del desiderio dello psicoanalista

 | 
Adele Succetti

Il desiderio dello psicoanalista nella teoria: Lacan con la bussola di Freud

Demone meridiano e spinta costante1

Texte intégral

  • 1 Articolo pubblicato in “Ornicar? digital”, n. 167, 11 maggio 2001.

1Il determinismo inconscio è assimilato da Freud, negli anni ’20, a un destino demoniaco. Quello che la psicologia universitaria dell’epoca qualificava come “malattia della volontà” si ritrova ormai integrato in una tradizione secolare e popolare che attribuisce a uno sdoppiamento del soggetto, a un demone più o meno ben intenzionato, le tentazioni involontarie: quelle che invadono il soggetto suo malgrado, gli straripamenti incontrollabili, le passioni che egli non può impedire e, in genere, gli affetti a cui non dà il suo assenso.

2“In me, più di me”, questa sovversione contiene le forme laicizzate che la clinica si è adoperata a descrivere come: passaggi all’atto, impulsi, ossessioni, per quanto concerne l’affetto e, al contrario, inibizioni, tratti di carattere, idee fisse, per quanto concerne la rappresentazione.

3Il concetto di pulsione (Trieb) permette di unificare questo campo che prende a prestito dalla termodinamica una nozione non troppo lontana dalla terminologia popolare, quando caratterizza i moti d’intemperanza: “L’occasione, l’erba tenera e non so che diavolo che mi spinge”.

4I concetti dinamici della seconda topica – l’Io, l’Es, il Superio, la Ichspaltung – alla fine sono gli strumenti che permettono di cogliere la struttura di tale sovversione. Questa concettualizzazione ha il vantaggio di far coincidere una pratica e una strategia della riconquista intrapresa. Il soggetto deve riconoscersi in queste potenze estranee che invadono un ambito che credeva, invece, fosse proprio.

  • 2 S. Freud, La scomposizione della personalità psichica, in Introduzione alla psicoanalisi (nuova ser (...)
  • 3 Id., Analisi terminabile e interminabile, in Opere, vol. 11, cit., p. 523.

5L’io, cosiddetto autonomo, si trova, al contrario, dipendente da attacchi sorpresa, da forze incontrollate. Con il sostegno del transfert, riprende il sopravvento, riconquista un potere sino ad allora in balia di pulsioni che danzano la loro danza di morte, come i topi ballano quando il gatto è assente. Questa quinta colonna, quindi, si infiltra nelle più alte sfere dell’autonomia psichica per sabotarne i piani. Siamo nella sfera dei conflitti, vero e proprio campo di battaglia (Kampfplatz) che l’ironia freudiana considera interminabile quanto il prosciugamento dello “Zuiderzee2. La metafora militare termina nella conclusione che si ispira a von Clausewitz: “sembra che la vittoria arrida effettivamente ai battaglioni più forti”3.

  • 4 Ivi, p. 509.
  • 5 Ivi, p. 512.

6Conosciamo il destino di tale concettualizzazione con i post-freudiani. Aderente al discorso del controllo di sé, essa termina nella psicologia dell’Io, mentre Freud puntava solo all’integrazione della pulsione nell’io, con i suoi concetti di “imbrigliamento” (Bandigen)4 o di “controllo delle pulsioni” (Triebbeherrschung)5. La psicologia dell’Io si assegna come compito quello di rafforzare l’io, l’autonomizzazione della sua parte sana; quello che ne risulta sarà piuttosto il prosciugamento dell’inconscio, con la continuazione di un dualismo preanalitico tra l’impero dell’io e l’impero dei sensi.

7All’opposto di questa interpretazione, l’orientamento lacaniano costituisce uno sforzo per sbarazzare la psicoanalisi dell’eredità delle metafore dinamiche, del linguaggio della conquista o del conflitto tra forze antagoniste. Caratterizzando in primo luogo il desiderio come indistruttibile, Lacan annoda la pulsione alla domanda, e non all’energia. In seguito, mettendo in valore l’ingordigia del Superio, sottolinea l’origine pulsionale di questa istanza, che non tiene in alcun modo conto della rinuncia e del sacrificio del godimento da parte del soggetto: il Superio sempre straripa e continua a chiedere di nuovo. Da ultimo, lo sforzo per concepire il sintomo, a partire dai nomi del reale e non solo dai nomi del padre, accentuava il paradosso costituito, nel nostro campo, dal carattere indistruttibile della pulsione, come i limiti delle sue possibilità di sublimazione.

Il demone meridiano

8Preceduti, come sempre, dalla letteratura, non ci mancano descrizioni in cui si illustra il carattere inesorabile delle passioni come il ritorno del naturale che ci si è fin troppo sforzati di scacciare. Questo reale, nella sua versione di “quello che ritorna sempre allo stesso posto”, ha costituito i bei tempi del naturalismo e dello psicologismo della fine del diciannovesimo secolo. La descrizione dei caratteri, dei vizi e dei temperamenti incorreggibili ha prosperato all’ombra del modello fisiologico, poi dell’ideologia pessimista schopenhaueriana. Possiamo leggervi lo sforzo di trascrivere, in un linguaggio adatto alla psicologia della facoltà propria dell’epoca, il demoniaco della pulsione – questo in assenza di una teoria dell’inconscio. È la letteratura del ritorno del rimosso, tanto più loquace proprio perché misconosce la rimozione.

  • 6 P. Bourget, Il demone meridiano, Napoli, Lubrano e Ferrara Editori, 1914.
  • 7 È. Zola, La bestia umana, Milano, BUR, 1976.

9Due romanzi illustrano i confini entro cui si dispiega tale sovversione: uno, oggigiorno illeggibile, Il demone meridiano di Paul Bourget6 del 1914 e l’altro, sempre edificante per la gioventù studiosa, La bestia umana, di Émile Zola del 18907.

  • 8 Salmo XC, v. 6.
  • 9 P. Bourget, Il demone meridiano cit., p. 10.

10Nel suo stile da Académie française dell’epoca anteguerra, Paul Bourget, specialista del romanzo psicologico moralista, fa il ritratto di un cattolico sociale sui quarant’anni raggiunto da un’antica passione amorosa che aveva ritenuto di poter dimenticare. Dopo vent’anni, riallaccia con un passato bruciante da cui si credeva, invece, protetto grazie alle esigenze di una militanza eroica favorevole al conservatorismo. Paul Bourget fa riferimento alla tradizione patristica che designa, nel demone meridiano (daemonium meridianum)8, l’agente responsabile della depressione maggiore che si abbatte sui monaci in preghiera, nel bel mezzo della giornata. È lo scatenamento dell’accidia: “quel disgusto, quella tristezza delle cose di Dio che dà al cenobita la nostalgia del secolo passato, il desiderio di un’altra esistenza”9.

  • 10 Ivi, p. 11.
  • 11 Ivi, pp. 272-273.

11Nel suo romanzo, Paul Bourget ne propone una versione laica e adattata alle ruminazioni di un ossessivo: “Questa tentazione, è quella che assedia l’uomo al mezzodì, non di un giorno, ma dei suoi giorni, nella pienezza della sua forza. Ha condotto il proprio destino sin qui, di virtù in virtù, di successo in successo. Ed ecco che lo spirito della distruzione s’impadronisce di lui. Una forza nemica, l’aeternus hostis lo attira fuori dalla sua linea, sulla via in cui deve perire”10. Sempre nella lingua del cattolicesimo provinciale reazionario e misogino, l’autore descrive il ritorno a Parigi, capitale del vizio, del nostro eroe, che cede all’irritazione di una passione ormai illegittima (la donna è sposata). “Parigi, d’improvviso, apparve con i suoi monumenti sfumati al crepuscolo, la Salpêtrière, il Pantheon, Nôtre-Dame, lo richiamò brutalmente alle certezze austere della sua giovinezza e della sua età matura. Per la prima volta da quando Geneviève era entrata nella sua camera, afferrò, nella sua tragica realtà, la spaventosa contraddizione su cui avrebbe vissuto: l’azione che aveva commesso, i sentimenti che provava, il legame in cui era vincolato smentivano tutte le idee che professava, che non poteva non professare, poiché credeva”11.

12Il nostro nevrotico, in uno stile freudiano, vittima della trasgressione, martire dell’attrattiva della colpa, cede a una tentazione proporzionale all’energia delle difese messe in atto sino ad allora per opporvisi.

  • 12 J. Lacan, Kant con Sade, in Scritti cit., p. 782.

13Si può pensare che la psicoanalisi avrebbe potuto trarre d’impaccio questo stupidotto interpretandogli, in nome del padre, il nodo simbolico della contraddizione che lo soffoca. Tuttavia, non contrapponiamo il buon senso psicoanalitico ai clichés psicologici di Paul Bourget. Essi hanno, infatti, un punto comune: restiamo nella dialettica del desiderio e della legge, dell’identità, della rimozione e del ritorno del rimosso. Se la legge e il desiderio rimosso sono una sola e unica cosa12, non usciamo dal discorso della trasgressione, che garantisce un futuro prospero e pieno sole alla tentazione. Freud scrive tutto un capitolo su questa questione ne “Il disagio della civiltà”.

14Questo esempio, obsoleto e loquace, ha il merito di farci cogliere come il sintomo presenti una certa garanzia rispetto all’attraversamento del fantasma: il soggetto, di fronte al suo crimine è finalmente diviso, si umanizza.

L’io identico alla pulsione

  • 13 J.-A. Miller, I paradigmi del godimento, Roma, Astrolabio, 2001, pp. 9-41.
  • 14 Ivi, p. 32.

15Non è certo, in effetti, che l’attraversamento del fantasma garantisca una relazione più pacificata con il godimento, o la sicurezza di un desiderio senza sorpresa. Seguiamo qui l’indicazione fornita da Jacques-Alain Miller nel suo corso di marzo-aprile 1999 su “I paradigmi del godimento”13, intorno al binario fantasma e ripetizione rispetto alla fine dell’analisi. Il sintomo, presentato come una ripetizione di godimento, è proprio per questo “una costanza, ma che non è concentrata sul fantasma fondamentale da trovare. È una costanza che si estende, che dura”14.

16Tale costanza, riferita alla pulsione, ci ricorda una delle sue proprietà essenziali, su cui la psicoanalisi sembra aver poca presa: essa si iscrive nella durata, nella continuità e, per essere precisi, non si attraversa. Il problema è piuttosto quello del posto che il soggetto occupa nel suo smontaggio.

  • 15 G. Deleuze, Zola e la fêlure, in Logica del senso, Feltrinelli, Milano, 2014.

17Potremmo presentare questa spinta costante come il rovescio del demone meridiano ricorrendo a una tradizione romanzesca più materialista, che mostra sino a che punto la compulsione di ripetizione può integrarsi o meno nell’ideale di un io identificato al suo desiderio. Nel suo romanzo La bestia umana, Zola mette in funzione le prosperità del vizio descritte all’epoca in termini ultra-scientisti e materialisti. Il centro, tuttavia, è occupato da un significante che attraversa l’insieme dei Rougon-Macquart, ovvero la fêlure o crepa. Gilles Deleuze ha attirato l’attenzione su questo punto, nel suo articolo consacrato a Zola, La fêlure15. Deleuze mostra che il linguaggio della fisiologia, che era come la psicoanalisi dell’epoca, nel xix secolo, da Balzac a Zola, non designa per essere precisi nessuna trasmissione di alcunché, piuttosto un vuoto o un buco. Causalità ereditaria di un’assenza, causalità metonimica, essa evoca il germen di Weissmann riabilitato da Freud nell’Al di là del principio di piacere. Questo “immondo germen” è il significante di una trasmissione “che non trasmette altro che se stessa”, secondo Deleuze, e che noi potremmo trascrivere con una formula del tipo S1 indice 0.

  • 16 Cit. ivi, p. 23.

18Ne La bestia umana, l’ascesa incoercibile della pulsione è descritta in questi termini: “La famiglia non era affatto a piombo, molti avevano una crepa. Lui, in certe ore, la sentiva bene la crepa ereditaria; non che avesse una cattiva salute ma c’erano, nel suo essere, improvvise perdite di equilibrio, come delle rotture, dei buchi attraverso cui il suo io gli sfuggiva, in mezzo a una sorta di grande fumo che deformava tutto”16.

19La metafora della macchina a vapore, dei suoi pistoni e delle sue fumate, fornirà certamente, più tardi, a Deleuze il sintagma delle “macchine desideranti”, che opporrà alla dittatura del significante. In questo articolo, ancora freudiano, egli associa a ragione la fêlure alla pulsione di morte. Qui la fisiologia inganna, poiché il naturalismo di Zola non impedisce di far attecchire la pulsione nella storia, nel sociale, nella politica. I temperamenti sono certo descritti come delle forze costanti, ma sono caratterizzati soprattutto dalla tendenza a conservarsi nell’essere per l’insistenza di un tratto di godimento, sia esso l’alcol, il vizio o il crimine.

  • 17 E. Zola, Teresa Raquin, Milano, Garzanti, 2006, p. 24.

20Deleuze mostra bene che tutto il vocabolario energetico, che ha la locomotiva come paradigma, si risolve in percorsi, circuiti, deviazioni. La pulsazione di un godimento cattivo circola in una rete di identificazioni, di doppi immaginari, di ripetizioni, prima che si realizzi il passaggio all’atto o la cristallizzazione della passione amorosa. Tuttavia, per essere precisi, nessuna sovversione deborda il soggetto. Non siamo in una logica del conflitto ma, piuttosto, in una logica di maggiore o minore integrazione della pulsione nel temperamento del soggetto, sino alla sua perfetta identificazione con ciò che lo deborda. L’atto non è il salto impulsivo “attraverso il cerchio di carta del fantasma”. In alcune pagine celebri, in particolare nella prefazione alla seconda edizione di Teresa Raquin, Zola descrive “le spinte dell’istinto” senza però che nessuna divisione intacchi i due eroi. “Ho scelto dei personaggi sommamente dominati dai loro nervi e dal loro sangue, sprovvisti di libero arbitrio, trascinati in ogni atto della loro vita dalle fatalità della loro carne. Teresa e Laurent sono dei rozzi umani, niente di più. Ho cercato di seguire passo a passo, in questi rozzi, il sordo lavoro delle passioni, le spinte dell’istinto, gli sconvolgimenti cerebrali sopraggiunti a seguito di una crisi nervosa. L’anima è perfettamente assente, ne convengo agevolmente, poiché l’ho voluto così”17.

  • 18 Ivi, p. 25.

21Il rapporto sessuale si scrive come la conflagrazione di un incontro tra un uomo sanguigno e una donna nervosa. Ma gli amanti, così riuniti dal crimine, sono già dei cadaveri: “Dati un uomo potente e una donna inappagata, cercare in essi la bestia, non vedere altro che la bestia, gettarli in un dramma violento, e annotare scrupolosamente le sensazioni e gli atti di tali esseri. Ho semplicemente fatto su due corpi viventi il lavoro analitico che i chirurghi fanno sui cadaveri”18. Quindi è senza stati d’animo che la pulsione di morte unifica il soggetto alla sua propria beanza, senza che l’io vi trovi da ridire (nessun rimorso, nessun senso di colpa).

La spinta costante di Freud è l’io forte

  • 19 S. Freud, Metapsicologia, in Opere, vol. 8, cit., p. 15.
  • 20 Id., Al di là del principio di piacere, in Opere, vol. 9, Torino, Boringhieri, 1977, p. 228.

22È tempo, allora, di rettificare l’immaginario che si attacca alla pulsione, in particolare l’interpretazione energetica che essa richiama. Al demone meridiano che fa del soggetto un posseduto, oppongo quindi la spinta costante, isolata da Freud come Drang e Konstanzkraft19. A una sovversione caratterizzata dalla discontinuità del fantasma, opponiamo la sovversione compiuta dalla volontà di godimento scollegata dal fantasma, o che lo diluisce e lo continua all’infinito, come evoca Freud quando, citando Goethe, isola il fattore pulsionale che “sempre lo spinge più avanti”20.

  • 21 J. Lacan, Il Seminario, Libro XI, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi, Torino, Einau (...)

23Nel suo commento del 1964, Lacan insiste su questa caratteristica. Distingue rigorosamente la pulsione dall’ordine biologico. Quest’ultima, infatti, è senza ritmo e non ha “né primavera, né inverno, non ha né aumento né diminuzione”21.

  • 22 S. Freud, Al di là del principio di piacere cit., p. 228.

24Essendo operativa sia di giorno che di notte, la si decifra meglio con i romanzi di Paul Morand che non con quelli di Paul Bourget. L’uomo che ha fretta in auto sostituisce la locomotiva, i suoi fumi e i suoi pistoni. Colma con la velocità delle sue andate e ritorno amorosi, di città in città, il differenziale che esiste tra il “soddisfacimento agognato e quello effettivamente ottenuto”22 che costituisce il motore del nomadismo pulsionale.

25Questa distinzione ci permette di rettificare un difetto di prospettiva proprio dell’io: l’immaginario dell’io debole e dell’io forte, la finzione dello straripamento involontario. Questo errore di prospettiva dipende dal fatto che si isola il concetto di pulsione rispetto a quello dell’io, facendo dell’integrazione della prima un problema clinico o terapeutico.

  • 23 J. Lacan, Sovversione del soggetto e dialettica del desiderio nell’inconscio freudiano, in Scritti (...)
  • 24 Ibidem.

26In Sovversione del soggetto e dialettica del desiderio, Lacan parte precisamente da una fenomenologia del conflitto che denuncia questa illusione. Si prenda un soggetto tale per cui “ciò che desidera gli si presenta come ciò che non vuole”23. Si riconosce qui la patologia propria dell’io, la sua funzione di misconoscimento. L’io si prende per una continuità e finge di farsi sorprendere. Si tratta di una denegazione poiché, al contrario, è la permanenza del suo desiderio che è trasferita a un io “la cui intermittenza è tuttavia evidente, e inversamente si protegge dal suo desiderio attribuendogli queste intermittenze”24. “Io uguale io” si lascia sorprendere da una discontinuità che crede sia quella del suo desiderio e che non è che quella delle sue rinunce.

  • 25 S. Freud, Osservazioni generali sull’attacco isterico, in Opere, vol. 5, Torino, Boringhieri, 1976, (...)

27Prendiamo un esempio. Questo straripamento lo si osserva in particolare nella collera con l’aumento incoercibile dell’affetto di rabbia, seguita poi dall’esplosione. Una giovane donna che prova molti rimorsi dopo aver manifestato simili crisi, ne fa il motivo per una domanda di analisi: fa scene violente e rumorose al suo amico, in pubblico, al ristorante, nei rari momenti in cui sono soli. Questi straripamenti sono da lei qualificati come delle crisi isteriche, comportamenti che ritiene di aver ereditato dalla madre, “la nervosa della famiglia”. Eppure, questa alienazione non può fungere da spiegazione, neppure per l’interessata. Di fatto, quella che descrive come una scarica di adrenalina è propriamente un atto, una volontà di dire. Ed è proprio quello che, d’altronde, la dottrina insegna a proposito dell’attacco isterico come instante di godere, ovvero come “fantasie […] figurate in forma pantomimica”, secondo Freud25. Non è l’energia pulsionale che esplode ma la domanda d’amore che, presa in trappola dall’immagine narcisistica, si infiltra nell’affetto di rabbia: condotta magica, indottrinava Sartre nel 1936, nella sua teoria delle emozioni, teatro della collera che creava un mondo che supplisce all’impotenza di agire sul desiderio dell’altro.

28È proprio l’io forte, quindi, l’io forte del nevrotico, e non l’io debole, che qui è all’opera. Per quanto finga di non essere l’organizzatore di tale sovversione, in realtà faccio molto più che acconsentirvi: dò il consenso a questo godimento sostitutivo al di là di ogni denegazione. Così come l’esibizionista di Lassègue cede alla sua perversione solo in un luogo pubblico, dove l’agente di polizia non è lontano, lo psicodramma pubblico della nostra paziente è sentenza in appello, volontà di potenza contrastata dalla castrazione.

29Rovesciando il senso del conflitto psichico, dobbiamo quindi sostenere che è proprio l’io forte del nevrotico che sostenta e che agghinda il suo sintomo. I rapporti tra l’io e la pulsione non si stabiliscono in termini di forza e di debolezza. Ritroviamo i tratti salienti della pulsione incorporati nell’io e, in particolare, i fattori propri dell’esigenza e dell’urgenza che fanno risaltare, all’occasione, i tratti singolari del carattere, come un segno permanente del soggetto.

  • 26 J. Lacan, Il Seminario, libro XI, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi cit., pp. 160- (...)

30La descrizione lacaniana dell’io intermittente ci sembra consustanziale alla sua critica dell’energetismo pulsionale. La volontà di godimento, quindi, non è adatta per essere illustrata con modelli termodinamici. Lacan ricorreva all’elettromagnetismo per indicare che la spinta costante risponde a un problema che fa liberare il campo di forze con una proprietà, da una certa superficie: si tratta della topologia del bordo chiuso in quanto omologo al bordo dell’orifizio pulsionale. Lacan s’impegna, quindi, a rettificare i controsensi generati, in particolare, dalle metafore dell’energia cinetica, per esempio l’immaginario che si attacca al “momento […] di una forza”26.

  • 27 Id., Posizione dell’inconscio, in Scritti cit., p. 850.

31Lacan ci ritornerà, nel 1966, nel suo articolo Posizione dell’inconscio. Non posso dilungarmi su questo problema che è estremamente tecnico per quanto concerne l’interpretazione matematica della teoria dei flussi attraverso il teorema di Stokes e l’interpretazione topologica che ne dà Lacan27. Questa formalizzazione è destinata, tra le altre, a dare ragione all’iconografia dei fluidi, dei vulcani che si attacca agli straripamenti già segnalati: sale come le acque in piena e le difese saltano.

  • 28 Id., Kant con Sade, in Scritti cit., pp. 786-787.

32Resta comunque da cercare quali fondamenti, nel reale, suscitino questa rappresentazione immaginaria dell’esigenza pulsionale. Lacan dà un’indicazione nel suo articolo Kant con Sade, a proposito dell’iconografia libertina propria del xviii secolo, che evoca un godimento a cascata: “quelle piramidi umane, favolosa dimostrazione del godimento nella sua natura di cascata, quei buffets d’acqua del desiderio edificati per render iridiscenti i giardini d’Este di una barocca voluttà, la farebbe scaturire tanto più alta nel cielo quanto più dappresso fossimo attirati dalla questione di che cosa vi fluisca”28.

  • 29 Cfr. J.-A. Miller, I paradigmi del godimento cit.

33È necessario tentare di trasformare in formula queste immagini che trascendono la cornice del fantasma e che mettono in funzione quello che Jacques-Alain Miller chiamava un “godimento non-discorsivo”29.

34Restano, allora, da formulare le varianti dell’assunzione della ripetizione come ogni altra modalità contemporanea di quello che potrebbe illustrare il Wo es war.

Notes

1 Articolo pubblicato in “Ornicar? digital”, n. 167, 11 maggio 2001.

2 S. Freud, La scomposizione della personalità psichica, in Introduzione alla psicoanalisi (nuova serie di lezioni), in Opere, vol. 11, cit., p. 190.

3 Id., Analisi terminabile e interminabile, in Opere, vol. 11, cit., p. 523.

4 Ivi, p. 509.

5 Ivi, p. 512.

6 P. Bourget, Il demone meridiano, Napoli, Lubrano e Ferrara Editori, 1914.

7 È. Zola, La bestia umana, Milano, BUR, 1976.

8 Salmo XC, v. 6.

9 P. Bourget, Il demone meridiano cit., p. 10.

10 Ivi, p. 11.

11 Ivi, pp. 272-273.

12 J. Lacan, Kant con Sade, in Scritti cit., p. 782.

13 J.-A. Miller, I paradigmi del godimento, Roma, Astrolabio, 2001, pp. 9-41.

14 Ivi, p. 32.

15 G. Deleuze, Zola e la fêlure, in Logica del senso, Feltrinelli, Milano, 2014.

16 Cit. ivi, p. 23.

17 E. Zola, Teresa Raquin, Milano, Garzanti, 2006, p. 24.

18 Ivi, p. 25.

19 S. Freud, Metapsicologia, in Opere, vol. 8, cit., p. 15.

20 Id., Al di là del principio di piacere, in Opere, vol. 9, Torino, Boringhieri, 1977, p. 228.

21 J. Lacan, Il Seminario, Libro XI, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi, Torino, Einaudi, 2013, p. 161.

22 S. Freud, Al di là del principio di piacere cit., p. 228.

23 J. Lacan, Sovversione del soggetto e dialettica del desiderio nell’inconscio freudiano, in Scritti cit., p. 818.

24 Ibidem.

25 S. Freud, Osservazioni generali sull’attacco isterico, in Opere, vol. 5, Torino, Boringhieri, 1976, p. 441.

26 J. Lacan, Il Seminario, libro XI, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi cit., pp. 160-161.

27 Id., Posizione dell’inconscio, in Scritti cit., p. 850.

28 Id., Kant con Sade, in Scritti cit., pp. 786-787.

29 Cfr. J.-A. Miller, I paradigmi del godimento cit.