Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Declinazioni del desiderio dello psicoanalista

 | 
Adele Succetti

Il desiderio dello psicoanalista nella teoria: Lacan con la bussola di Freud

La bussola di Freud1

Texte intégral

Quando Freud silura gli ideali

  • 1 Articolo pubblicato in “La Cause du désir”, n. 90, 2015, pp. 16-21.
  • 2 P. Gay, Un ebreo senza Dio. Freud, l’ateismo e le origini della psicoanalisi, Bologna, il Mulino, 1 (...)

1Freud, che, secondo Romain Rolland, aveva “trascorso gran parte della sua vita a distruggere le sue illusioni, e quelle dell’umanità”2, si qualificava lui stesso come “distruttore d’illusioni”. Ammettendo che le società occidentali sopravvivono solo attraverso “ideali desolanti” in cui esse confidano sempre, il potere dissolvente della psicoanalisi ha fatto vacillare il loro fondamento. L’ostilità di cui la psicoanalisi è oggetto, nel 1925, risponde al potere iconoclasta di cui Freud si è fatto servitore. La religione, la morale, la filosofia sono “costruzioni di soccorso” (“Hilfskonstruktionen”), narcotici destinati a sopportare la vita, altre forme dell’oppio dei popoli.

  • 3 S. Freud, Le resistenze alla psicoanalisi, in Opere, vol. 10, cit., p. 54.
  • 4 Ivi, p. 56.
  • 5 Ibidem.
  • 6 Cfr. S. Freud, Costruzioni nell’analisi, in Opere, vol. 11, cit., pp. 541-552.

2A causa dell’importanza incomparabile data alla vita sessuale, “si scagliarono contro la psicoanalisi come se essa avesse attentato alla dignità del genere umano”3. Denunciando una società ipocrita con una lezione di “sincerità”4, la psicoanalisi suscita una resistenza nella cultura che ha la medesima struttura di quella del nevrotico: “A causa di queste critiche la psicoanalisi è stata considerata ‘nemica della civiltà’ e messa al bando in quanto ‘socialmente pericolosa’”5. Non v’è dubbio che la certezza di Freud sia stata rafforzata da questa posizione di paria, lui che considerava la resistenza del nevrotico come una conferma della sua scoperta. Questa posizione, che rende la psicoanalisi irrefutabile, evita comunque la certezza paranoica, per la preoccupazione che Freud ha avuto di confermare la sua interpretazione tramite prove indirette, di sbieco, che rispondevano in anticipo a Popper6.

  • 7 Lettera del 9 ottobre 1918, in S. Freud, Lettere tra Freud e il pastore Pfister 1909-1939, Torino, (...)
  • 8 J.-C. Milner, Le juif de savoir, Paris, Grasset, 2006, p. 136.
  • 9 Ivi, p. 135.
  • 10 Ivi, p. 136.

3Fatto questo, dopo aver trattato la maggior parte degli individui come gentaglia in privato7, Freud non si fa problemi, nei suoi testi degli anni ’30, a continuare a umiliare il narcisismo del genere umano: “Non si sottolinea abbastanza quanto Freud sia insolente nel suo ultimo scritto (L’uomo Mosè e la religione monoteistica)”8, ricorda Jean-Claude Milner. Oltre a dire che “il genere umano è un serial killer9, l’insolenza di Freud prende di mira “il cristianesimo (“regressione culturale”) […] insolenze contro Gesù, di cui non si sa nulla e in particolare se fu grande; insolenze contro i tedeschi (battezzati tardi, detto altrimenti maltrombati); insolenze contro il genere umano, incapace di affrancarsi dalle proprie paure infantili; insolenze contro gli specialisti della scienza biblica, trattati come predelle; insolenze contro il freudismo – si sa che i freudiani accolsero molto male L’uomo Mosé…”10. A questa lista possiamo aggiungere l’incomprensione della pulsione di morte per la maggior parte dei suoi discepoli, in particolare Wilhelm Reich.

  • 11 L’anankè spesso invocata da Freud.
  • 12 Lettera a Jung del 10 gennaio 1912, n. 293F, in S. Freud, Lettere tra Freud e Jung (1906-1913), Tor (...)
  • 13 Schein und Trug”, in S. Freud, G.W. 16, p. 94; Analisi terminabile e interminabile, in Opere, vol. (...)
  • 14 Lettera del 9 ottobre 1918, in S. Freud, Lettere tra Freud e il pastore Pfister 1909-1939 cit., p. (...)
  • 15 Ibidem.
  • 16 J. Lacan, Comptes rendus d’enseignement, “Ornicar?”, n. 29, 1984, p. 14.

4Freud, spregiatore delle illusioni, in nome del reale da cui è impossibile fuggire11, non rinuncia tuttavia a ogni “chiacchiera sull’ideale”12. Perlomeno sussiste un unico ideale, in mezzo a tutte queste macerie, un desiderio di sapere che non tollera “né finzioni né inganni”13. L’espressione ispira il Seminario di Lacan, Di un discorso che non sarebbe del sembiante. Come Freud scrive al pastore Pfister, “professo un ideale elevato, dal quale la maggior parte di coloro che ho conosciuto si discostano in modo assai desolante”14. Paul-Laurent Assoun trova cacofonica15 l’associazione di questo diniego dell’ideale con una vibrante professione di fede a favore degli interessi superiori della verità. Eppure, l’uno è sempre accompagnato dall’altra: il paradosso non è evidente se si ritiene che l’esigenza di realismo non garantisca la nobiltà dei suoi oggetti; “oggetti poco ortodossi” quali sono l’oggetto orale, anale e altri oggetti piccolo a16. Come ricorda Freud, è sul letame dei nostri vizi che si innalzano le nostre più grandi virtù: la religione sull’uccisione del padre; l’ideale del bene supremo sull’incesto materno; l’imperativo kantiano sul sadismo del superio; il bello sulla rimozione del voyeurismo, ecc. Del resto, l’ideale del pensiero, che la religione vuole distruggere, non è il sapere universale ma la verità sul reale del sesso e del crimine.

  • 17 S. Freud, Per la storia del movimento psicoanalitico, in Opere, vol. 7, Torino, Bollati Boringhieri (...)
  • 18 Id., “Introduzione alla psicoanalisi”, in Opere, vol. 8, Torino, Bollati Boringhieri, 1978, p. 582.
  • 19 J.-A. Miller, in J. Lacan, Televisione, in Altri scritti cit., p. 523.

5Questo disorientamento, prodotto dalla psicoanalisi, suscitava nella psicologia un nuovo interesse per l’ego: come succede anche oggi, essa viene in aiuto della rimozione. Nel 1914, di fronte al successo ottenuto dalla psicologia adleriana, Freud diceva: “l’umanità, oppressa dal giogo delle proprie esigenze sessuali, è pronta ad accettare tutto, purché le si faccia balenare il miraggio del ‘superamento della sessualità’ ”17. Si era contro la psicoanalisi perché essa dissolveva l’ordine simbolico nel 1925, in nome del padre, della morale, della religione. Oggi, al rovescio, la si accuserebbe di pregiudizi sessisti o di non andare abbastanza in là nell’abolizione dei tabù. Essa stigmatizzerebbe ideali di godimento considerati come dei fantasmi utopici. La spinta-a-godere contemporanea talvolta si è autorizzata a partire dalla psicoanalisi stessa. Si dimentica, però, che Freud aveva già condannato questa speranza: “È escluso che il consiglio di godersi la vita sessualmente abbia una funzione nella terapia analitica”18. Come diceva in sostanza Jacques-Alain Miller stigmatizzando il sesso-sinistrismo: si gode male, è colpa della famiglia e del capitalismo19; ora alcuni aggiungono: è colpa della psicoanalisi, della sua ideologia dell’ordine simbolico, dei divieti che essa consacra.

  • 20 J. Lacan, Radiofonia, in Altri scritti cit., p. 410.

6Eppure la celebre “ascesa allo zenit sociale dell’oggetto […] a” di Lacan non può non generare un’angoscia per il fatto stesso che la psicoanalisi manca alla sua produzione20. Ecco una nuova delusione inflitta all’umanità, che non era nel programma dell’Aufklärung.

L’Aufklärung di Freud: chiarezza ingannevole

  • 21 S. Freud, Lettera del 1° settembre 1900, in Il nostro cuore volge al Sud. Lettere di viaggio. Sopra (...)

7Freud che, secondo Jones, detestava le guide in vacanza, affermava in una lettera alla moglie: “il nostro cuore, come si è visto, volge al Sud, verso i fichi, i castani, l’alloro e i cipressi, le case con balconi, gli antiquari …”21. La luce e le rovine, forse qui non ci sono solo i cliché di un turista tedesco.

  • 22 I. Kant, Che cosa significa orientarsi nel pensiero, Milano, Adelphi, 1996.

8Restiamo comunque nelle metafore dell’orientamento; quello di Freud non può non evocare l’intuizione kantiana enunciata nel suo saggio del 1786 Che cosa significa orientarsi nel pensiero22. Il filosofo vi rispondeva attraverso un’analogia con l’orientamento nello spazio. L’astronomo ha il suo strumento, il capitano ha la sua bussola, è necessario però che si sostengano sul senso soggettivo della sinistra e della destra. Analogamente, il pensiero prova il bisogno di un orientamento che lo limiti e che gli eviti di perdersi tra le nuvole della Schwärmerei e del misticismo, che fu una tendenza, uno dei destini della filosofia dell’Aufklärung tedesca e della Naturphilosophie alle prese con lo spinozismo. Kant vi mise fine refutando ogni intuizione intellettuale che producesse fantasticherie, a vantaggio della sola intuizione sensibile. Mutatis mutandis, se si tratta di orientarsi nell’inconscio, sappiamo che la via regia è il sogno. La stessa psicoanalisi conobbe la malattia infantile del monismo mistico con gli junghiani che confondevano il sogno con i simboli universali della libido. I paradossi kantiani della sinistra e della destra, per degli oggetti simmetrici allo specchio, avrebbero come equivalenti in Freud tanto l’equivoco significante quanto la distinzione tra manifesto e latente; cioè la decifrazione e la ricostruzione di un testo deformato dalla censura (come la cancellazione di un passo con un tratto nero propria della stampa russa). Come si dice “l’inconscio è la politica”, in Freud, l’inconscio è la politica della censura.

  • 23 J. Lacan, La Cosa freudiana, in Scritti, Torino, Einaudi, 1974, p. 401.

9La stessa decifrazione applicata al sintomo, poiché esso parla, prova che, con la psicoanalisi, la “verità non passa più per il pensiero” ma attraverso le cose23.

10Nonostante la metafora del Sud e dei Lumi, Freud è lungi dall’Aufklärung considerata come ideale etico che fondi una comunità in movimento, illuminata dalla ragione verso la fratellanza, la morale e il progresso. La sua fiducia irremovibile nella scienza è quella dei positivisti tedeschi della fine del secolo scorso, in particolare Brücke e Helmholtz, rappresentanti di una nuova fisiologia ridotta all’aspetto fisico-chimico.

  • 24 Id., La scienza e la verità, in Scritti cit., p. 862.

11Lo scientismo di Freud viene rivendicato da Lacan come l’antidoto contro l’oscurantismo di Jung24 e altre deviazioni.

  • 25 Ibidem.

12Il “razionalismo” di Freud non subisce neppure la critica dell’Aufklärung stigmatizzata tempo addietro da Adorno e dalla Scuola di Francoforte, e in seguito da Michel Foucault: la ragione in quanto contiene i germi del totalitarismo. Tuttavia, il “rigore inflessibile”25 di Freud a questo riguardo, come la “dittatura della ragione”, è più etico che politico: esso è fondamentalmente antireligioso.

  • 26 S. Freud, L’avvenire di un’illusione, in Opere, vol. 10, cit., p. 460.
  • 27 J. Lacan, Le Séminaire, Livre XXI, R.S.I., lezione del 17 dicembre 1974, “Ornicar?”, n. 2, marzo 19 (...)
  • 28 S. Freud, L’avvenire di un’illusione cit., p. 483.
  • 29 Ivi, p. 482. In tedesco: “die Stimme des Intellekts its leise…”, G. W., tomo 14, p. 377.

13Del resto, l’impotenza della verità è evidente rispetto alla potenza della religione. Quest’ultima non rientra tanto nella sfera dell’errore quanto in quella dell’illusione26; essa ha dunque un avvenire pari all’intensità del desiderio considerato da Freud come una forza materiale. In quanto sintomo che persiste, essa ha una verità storica, è più giustificata della scienza a preoccuparsi del sesso e della colpevolezza. Lacan arriva a dire che Freud, volteriano, non crede in Dio ma che “non solo perpetua la religione, ma la consacra come nevrosi ideale […] ricollegandola alla nevrosi ossessiva. (Così facendo) si lascia abbindolare, lui, nel modo giusto, quello che non erra”27. Rimane il Dio Logos come bussola che non inganna28. È quello che conferma il celebre aforisma “la voce dell’intelletto è fioca, ma non ha pace finché non ottiene udienza”29. Non un mormorio ma il basso ostinato nella musica barocca, quello che ripete lo stesso tema durante tutto il pezzo musicale.

  • 30 J. Lacan, Il Seminario, Libro XI, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi, Torino, Einau (...)
  • 31 Ibidem.
  • 32 Id., La mispresa del soggetto supposto sapere, in Altri scritti cit., nota 5, p. 330.
  • 33 Cfr. S. Freud, Costruzioni nell’analisi, in Opere, vol. 11, cit., nota 1, p. 550.

14Lacan ha commentato questa sentenza modificandone l’enunciato: “La voce della ragione è bassa– dice da qualche parte Freud – ma dice sempre la stessa cosa30. Suggerisce l’analogia con l’inconscio: “la sua insistenza è indistruttibile”31. Questo aforisma non è a favore del subliminale. L’inconscio non è “chiarore debole”, secondo la critica di Lacan: “È la luce che non lascia spazio all’ombra, né permette che si insinui il contorno”32. Ciò significa che il chiarore e la distinzione non vanno necessariamente insieme. È la piena luce che si ritrova nel concetto freudiano di überdeutlich33, in genere tradotto con “ultra chiaro” o “chiaro in modo abnorme”, il che ha l’inconveniente di cancellare il troppo di senso del deutlich. Ad ogni modo, il concetto segnala nei sogni uno spostamento, un’astuzia del rimosso, la prossimità con la castrazione. Tale chiarore ha lo statuto di una verità menzognera. È il caso dei ricordi di copertura in cui l’intensità dell’immagine è inappropriata all’oggetto. È il chiarore proprio della rimozione, non quello dell’evidenza del vero.

L’occhio di Brücke

  • 34 Cfr. E. Jones, Vita e opere di Sigmund Freud, Milano, il Saggiatore, 2014, p. 40.
  • 35 Lettera di Freud a Martha Bernays del 28 ottobre 1883, ivi, p. 38.

15Un’osservazione epistemologica di Jones permette di valutare meglio il rapporto di Freud con la fisiologia del suo tempo: “Se Freud sfuggì a tale influenza (quella di Brücke) non fu rinunciando ai principi di Brücke, ma applicandoli empiricamente ai fenomeni psichici senza tener conto, per fare questo, dell’anatomia”34. Tuttavia, forse bisogna dire qualcosa in più su Brücke che, come Helmholtz, fu per molto tempo uno degli idoli di Freud35.

  • 36 S. Freud, L’interpretazione dei sogni cit., pp. 385-386.

16L’orientamento nel pensiero si lega alla giovane fisiologia tedesca, definitivamente staccata dalla “Naturphilosophie” e dai suoi sentori romantici; materialista e non vitalista, essa rompe con l’orientamento di Müller, che è stato comunque all’origine di tale dottrina. Il nome di Brücke si lega a questo ideale di scienza. Il suo prestigio fu considerevole per Freud, non solo durante i sei anni in cui lo frequentò (dal 1876 al 1882) e che egli qualifica come l’epoca più felice della sua vita di studente. Se ne trova traccia in molti testi, in particolare nel sogno detto “non vixit36. L’autorità di Brücke si incarna in uno sguardo in cui non è difficile collocare il superio di Freud. Un padre severo che non è l’immagine del suo proprio, più lassista.

  • 37 J. Lacan, La direzione della cura e i principi del suo potere, in Scritti cit., p. 638.
  • 38 S. Cottet, Freud analysant, in L’inconscient de papa et le nôtre, Paris, Éditions Michéle, 2012, pp (...)

17È questo sguardo che ritrova più tardi nel suo sogno, sappiamo che è lui che orientò Freud verso la medicina. Su questo punto, possiamo ritenere, come dice Lacan, che si tratta di “un desiderio da lui seguito suo malgrado”37; ha seguito, in effetti, questo consiglio, controvoglia. Il sogno che Freud fa della propria dissezione lo testimonia38. La funzione paterna di tale sguardo è evidente: autoritario e benevolo, esso conduce Freud al di là del principio di piacere.

  • 39 G. Canguilhem, Études d’histoire et de philosophie des sciences, Paris, Vrin, 1994, p. 252.
  • 40 Cfr. E. Brücke, Principes scientifiques des Beaux-Arts, Paris, Alcan, 1885.
  • 41 Ivi, p. 38.

18Non è proibito pensare che Brücke, teorico della visione al microscopio delle fibre nervose, specialista della percezione dei colori e che, secondo Canguilhem39, fu prossimo alla scoperta dell’oftalmoscopio, abbia potuto contribuire alle metafore ottiche di Freud ne L’interpretazione dei sogni. Nei suoi Principi scientifici delle Belle Arti40, degli anni ’80, espone le leggi della costruzione matematica della prospettiva nella pittura italiana. Veniamo quindi a sapere che Brücke non riservava la sua Schaulust alla contemplazione della struttura degli organismi monocellulari, ma che il suo interesse per la costruzione della linea d’orizzonte guidava il suo sguardo acuto verso l’anatomia delle Madonne di Fra Bartolomeo. Annotava con attenzione, alla stregua di un Lacan commentatore delle Menine, che “nelle sue Madonne trionfanti, l’orizzonte passa generalmente dalla pianta dei piedi della figura principale. Nel suo celebre quadro di Lucca, Dio Padre in gloria tra le sante Maria Maddalena e Caterina da Siena, lo fa passare un po’ sopra le ginocchia delle sante inginocchiate”41.

  • 42 In francese, il verbo nous regarder, oltre al significato “guardarci” significa anche “ci riguarda” (...)

19Possiamo dire che l’orientamento di Freud è la congiunzione di una voce, che si confonde con la causa del suo desiderio, e di uno sguardo, quello di un padre della scienza. Questo continua anche per noi: Lacan si iscrive in questa filiazione, quando dice che Freud non ha bisogno di vederci per guardarci42.

  • 43 S. Cottet, Freud analysant, in L’inconscient de papa et le nôtre cit., pp. 38-39.
  • 44 J.-C. Milner, Lacan et la science moderne, in Lacan avec les philosophes, Paris, Albin Michel, 1991 (...)
  • 45 J. Lacan, Le Séminaire, Livre XXII, Les non-dupes errent, lezione del 13 novembre 1977, inedito.
  • 46 S. Freud, L’avvenire di un’illusione cit., p. 467.
  • 47 J. Lacan, La direzione della cura e i principi del suo potere, in Scritti cit., p. 638.

20In questo senso, Freud ha idolatrato i nomi del padre della scienza; Freud, a questo riguardo, è un vero farfallone! Ho qualificato come predelle rientrabili (oggi si direbbe sgabelli) le diverse figure di mentori che fanno serie nella sua vita43. Freud salva il padre della scienza; il grande scarto tra Freud e noi sta in questo orientamento che promuove la scienza come ideale44. Non diremo che Freud, a questo proposito, abbia errato, tenuto conto del rigore che la scienza gli ha ispirato. Ciò non toglie che, secondo Lacan, “L’erre di Freud” lo sottrare alla matematica45. Gli capita, questo è vero, di affermare che l’investigazione analitica è simile al calcolo infinitesimale46, ma questo riferimento all’infinito non ha trovato in lui altra applicazione che il delirio del Presidente Schreber e l’analisi interminabile, vale a dire i limiti stessi della sua pratica. Da ultimo, il legame della scienza con la pulsione di morte, che è evidente per noi oggi, non deriva per Freud da nessuna necessità di struttura. Qui non si tratta più di luce; al contrario, questo accecamento avrà, forse, contribuito a proseguire il filo del suo pensiero o piuttosto a tenere la corda che egli ha filato “su cui scivola l’anello che ci unisce all’essere”, dando alla vita un senso in cui “il desiderio è portato dalla morte”. 47

Notes

1 Articolo pubblicato in “La Cause du désir”, n. 90, 2015, pp. 16-21.

2 P. Gay, Un ebreo senza Dio. Freud, l’ateismo e le origini della psicoanalisi, Bologna, il Mulino, 1989.

3 S. Freud, Le resistenze alla psicoanalisi, in Opere, vol. 10, cit., p. 54.

4 Ivi, p. 56.

5 Ibidem.

6 Cfr. S. Freud, Costruzioni nell’analisi, in Opere, vol. 11, cit., pp. 541-552.

7 Lettera del 9 ottobre 1918, in S. Freud, Lettere tra Freud e il pastore Pfister 1909-1939, Torino, Bollati Boringhieri, 1990, p. 61.

8 J.-C. Milner, Le juif de savoir, Paris, Grasset, 2006, p. 136.

9 Ivi, p. 135.

10 Ivi, p. 136.

11 L’anankè spesso invocata da Freud.

12 Lettera a Jung del 10 gennaio 1912, n. 293F, in S. Freud, Lettere tra Freud e Jung (1906-1913), Torino, Bollati Boringhieri, 1990.

13 Schein und Trug”, in S. Freud, G.W. 16, p. 94; Analisi terminabile e interminabile, in Opere, vol. 11, cit., p. 531.

14 Lettera del 9 ottobre 1918, in S. Freud, Lettere tra Freud e il pastore Pfister 1909-1939 cit., p. 61. Su questa questione dell’ideale si rinvia a P.-L. Assoun, Freud aux prises avec l’idéal, “Nouvelle Revue de psychanalyse”, n. 27, 1983.

15 Ibidem.

16 J. Lacan, Comptes rendus d’enseignement, “Ornicar?”, n. 29, 1984, p. 14.

17 S. Freud, Per la storia del movimento psicoanalitico, in Opere, vol. 7, Torino, Bollati Boringhieri, 1976, p. 430.

18 Id., “Introduzione alla psicoanalisi”, in Opere, vol. 8, Torino, Bollati Boringhieri, 1978, p. 582.

19 J.-A. Miller, in J. Lacan, Televisione, in Altri scritti cit., p. 523.

20 J. Lacan, Radiofonia, in Altri scritti cit., p. 410.

21 S. Freud, Lettera del 1° settembre 1900, in Il nostro cuore volge al Sud. Lettere di viaggio. Soprattutto dall’Italia (1895-1923), Milano, Bompiani, 2003.

22 I. Kant, Che cosa significa orientarsi nel pensiero, Milano, Adelphi, 1996.

23 J. Lacan, La Cosa freudiana, in Scritti, Torino, Einaudi, 1974, p. 401.

24 Id., La scienza e la verità, in Scritti cit., p. 862.

25 Ibidem.

26 S. Freud, L’avvenire di un’illusione, in Opere, vol. 10, cit., p. 460.

27 J. Lacan, Le Séminaire, Livre XXI, R.S.I., lezione del 17 dicembre 1974, “Ornicar?”, n. 2, marzo 1975, pp. 103-104.

28 S. Freud, L’avvenire di un’illusione cit., p. 483.

29 Ivi, p. 482. In tedesco: “die Stimme des Intellekts its leise…”, G. W., tomo 14, p. 377.

30 J. Lacan, Il Seminario, Libro XI, I quattro concetti fondamentali della psicoanalisi, Torino, Einaudi, 2003, p. 250.

31 Ibidem.

32 Id., La mispresa del soggetto supposto sapere, in Altri scritti cit., nota 5, p. 330.

33 Cfr. S. Freud, Costruzioni nell’analisi, in Opere, vol. 11, cit., nota 1, p. 550.

34 Cfr. E. Jones, Vita e opere di Sigmund Freud, Milano, il Saggiatore, 2014, p. 40.

35 Lettera di Freud a Martha Bernays del 28 ottobre 1883, ivi, p. 38.

36 S. Freud, L’interpretazione dei sogni cit., pp. 385-386.

37 J. Lacan, La direzione della cura e i principi del suo potere, in Scritti cit., p. 638.

38 S. Cottet, Freud analysant, in L’inconscient de papa et le nôtre, Paris, Éditions Michéle, 2012, pp. 38-39.

39 G. Canguilhem, Études d’histoire et de philosophie des sciences, Paris, Vrin, 1994, p. 252.

40 Cfr. E. Brücke, Principes scientifiques des Beaux-Arts, Paris, Alcan, 1885.

41 Ivi, p. 38.

42 In francese, il verbo nous regarder, oltre al significato “guardarci” significa anche “ci riguarda”. [N. d. T.]

43 S. Cottet, Freud analysant, in L’inconscient de papa et le nôtre cit., pp. 38-39.

44 J.-C. Milner, Lacan et la science moderne, in Lacan avec les philosophes, Paris, Albin Michel, 1991, pp. 335-336.

45 J. Lacan, Le Séminaire, Livre XXII, Les non-dupes errent, lezione del 13 novembre 1977, inedito.

46 S. Freud, L’avvenire di un’illusione cit., p. 467.

47 J. Lacan, La direzione della cura e i principi del suo potere, in Scritti cit., p. 638.