Version classiqueVersion mobile

Raccontare l’omofobia in Italia

 | 
Paolo Gusmeroli
, 
Luca Trappolin

V. Conclusioni

Texte intégral

1Nei capitoli precedenti abbiamo analizzato gli usi pratici del concetto di omofobia in alcuni contesti discorsivi relativi all’Italia o che hanno ricadute sull’Italia. Nel complesso emerge una verifica di quanto Gregory Herek sosteneva già nel 1985, ovvero che gli utilizzi del concetto di omofobia sono stati nel tempo piegati a molteplici presupposti teorici e orientamenti politici (Herek 1985). La definizione dell’omofobia come una «parola chiave», alla quale siamo più volte ricorsi e che trova spazio anche nel sottotitolo del volume, è riferita esattamente a questa duttilità. Per tirare le somme, ci chiediamo quali siano le porte che questa parola chiave consente di aprire. Ci sembra che non sussistano dubbi sul fatto che le narrative indagate portino a identificare nel «discorso sulla modernità» il contesto in cui l’omofobia configura una strategia retorica particolarmente efficace. Vediamo come esso si articola all’interno dei vari capitoli.

2Nel capitolo che apre il libro ci siamo concentrati sulla narrazione scientifica dell’omofobia prodotta da sociologi e psicologi e diffusa attraverso pubblicazioni internazionali in lingua inglese, cercando di isolare i principali dibattiti in cui il concetto in questione è centrale. Abbiamo quindi indagato le discussioni sull’utilità scientifica del termine «omofobia», sulle forme dell’ostilità antiomosessuale e sulla loro misurazione, sulla necessità di problematizzare gli effetti indotti dalle retoriche dell’antiomofobia. Da questi dibattiti tra psicologi e tra sociologi emergono importanti contributi per la modernizzazione dei rispettivi sguardi disciplinari. Per esempio, attraverso la discussione sul significato scientifico del concetto di «omofobia» gli psicologi hanno messo a fuoco la necessità di liberarsi dalle semplificazioni della tradizione scientifica che si ritengono inadeguate per decifrare le complessità del presente. Ma, come sappiamo, la modernizzazione prende forma da processi che non sono né lineari né privi di ambivalenze. L’esortazione dei sociologi a mettere in questione le ricadute inattese delle retoriche dell’antiomofobia – che in alcuni paesi configurano il cosiddetto omonazionalismo – individua un’ambivalenza di fondo generata dalla competizione tra minoranze sessuali ed etniche governata dagli interessi dei gruppi dominanti. Il dibattito suscitato dal concetto di nazionalismo, tuttavia, si traduce talvolta nell’applicazione acritica di questa nuova categoria di analisi in contesti nazionali – come l’Italia – che presentano assetti strutturali diversi da quelli in cui essa è stata coniata. In questi casi, come mostrano le reazioni degli studiosi dell’Europa orientale che abbiamo analizzato, il confronto tra studiosi porta alla luce l’esistenza di egemonie interne al campo sociologico dal cui sguardo dipendono le definizioni delle aporie della postmodernità.

3L’analisi del secondo capitolo si è invece focalizzata sui modi in cui la parola «omofobia» è entrata nel dibattito pubblico italiano attraverso gli articoli de “Il Corriere della Sera” e “la Repubblica”, trasformandosi da neologismo utile per raccontare le vicende di altri paesi a termine diffuso anche – e soprattutto – nella cronaca politica nazionale. La distribuzione e il contenuto degli articoli analizzati ci ha permesso di ricostruire la parabola di questa trasformazione, individuando i fatti più significativi che hanno alimentato nella carta stampata – e per estensione anche nel paese – la popolarità di questa parola e delle cornici di senso che essa offre. I due quotidiani portano alla ribalta il tema del conflitto tra interpretazioni contrapposte della modernità che si giustificano usando le retoriche dell’antiomofobia. Nel discorso pubblico, gli interventi di esponenti delle comunità e delle organizzazioni lgbt hanno a lungo sfruttato lo stereotipo diffuso dell’ «Italia-paese-omofobo» per invocare cambiamenti nei sistemi e nelle pratiche istituzionali. Le risposte ricevute mostrano diverse appropriazioni del discorso sull’omofobia. In alcuni casi, quest’ultimo si è trasformato in narrazione diffusa a supporto più o meno condizionato delle istanze lgbt. In altri, l’appropriazione ha riarticolato il discorso in maniera funzionale alla difesa di una tradizione ritenuta minacciata dagli eccessi disgreganti di una modernità che si è spinta troppo oltre. In altri casi ancora, l’efficacia retorica dell’antiomofobia è stata impiegata in progetti di trasformazione che hanno poco o nulla a che fare con il riconoscimento dei diritti di gay e lesbiche.

4Nel terzo capitolo abbiamo interrogato gli usi pratici del concetto di omofobia da parte di uomini e donne eterosessuali e omosessuali, verificando quanto i loro punti di vista risentano del diverso rapporto con la norma eterosessuale e risultino condizionati dal genere, dalle culture generazionali e dalla vicinanza con l’attivismo politico lgbt. Anche in questo caso le logiche d’uso del concetto di omofobia gettano luce sull’ambivalenza degli effetti prodotti dalla sua diffusione. Per gli eterosessuali parlare di omofobia riflette l’adesione a una norma sociale che nel tempo si è costruita sul rispetto della diversità (omo) sessuale. Etichettare qualcuno o qualcosa come omofobo nell’interazione quotidiana o nel confronto politico significa sanzionare una pretesa di egemonia che la cultura eterosessuale non può più vantare o dare per scontata. Da questo punto di vista, il racconto dell’omofobia prodotto dagli eterosessuali si traduce nella stigmatizzazione «dell’omofobia degli altri» e nel sentirsi promotori della modernizzazione dei contesti in cui vivono. Al tempo stesso, però, implica disegnare i confini di una normalità omosessuale che può essere accettata e valorizzata solo se non invoca una rivisitazione radicale delle regole sociali. Per quanto queste interpretazioni possano essere accolte con favore da una parte della comunità lgbt, il racconto dell’omofobia prodotto da gay e lesbiche tende a distanziarsene. Che essa si riferisca alla propria vita quotidiana oppure all’ambito della partecipazione politica, la loro narrazione si concentra sugli indicatori di una struttura che riproduce una subordinazione sistematica, spesso ottenuta senza il ricorso ad argomentazioni ostili. Dal punto di vista dei gay e delle lesbiche, l’uso pratico del concetto di omofobia riflette quindi una critica in profondità delle regole sociali in cui la normalizzazione della loro diversità nasconde molteplici «trappole» che ne limitano il riconoscimento. In altri termini, il loro discorso sull’omofobia è volto a svelare il carattere ingannevole di una modernizzazione che non è in grado di ridefinire i rapporti di potere tra eterosessuali e omosessuali.

5Tutto ciò si traduce in nuove opportunità e al tempo stesso in nuovi vincoli per lo sviluppo del discorso politico sull’omofobia da parte delle organizzazioni lgbt italiane. Se anche gli esponenti di gruppi e partiti avversi alle rivendicazioni di gay e lesbiche possono ricorrere alle retoriche dell’antiomofobia per raccogliere consensi in diversi settori della popolazione, agli attivisti e alle attiviste lgbt si aprono occasioni per alleanze su piattaforme politiche che, per quanto di corto respiro, fino a pochi decenni fa non erano nemmeno immaginabili. Dall’altra parte, la mobilitazione omosessuale si scontra con le dinamiche dell’omonormatività che sottraggono spazi all’azione politica, soprattutto nel caso in cui essa proponga interpretazioni dell’omofobia più ampie di quelle accettabili dall’opinione pubblica e da alcuni segmenti della comunità di riferimento. Nell’uno e nell’altro caso, lo abbiamo già detto, non si tratta di fenomeni nuovi. Come non è nuovo il rischio che le organizzazioni lgbt vengano accusate di radicalismo o, peggio, di violenza nei confronti della morale diffusa. Quella che può essere considerata inedita – almeno per l’Italia – è la strettoia che condiziona le scelte dei movimenti. Da un lato, essi fanno sempre più fatica a costruire un discorso politico contro l’omofobia fondato su casi concreti; dall’altro, si trovano a dover fare i conti con la diffusione di cornici interpretative in cui l’omofobia è rappresentata come un problema circoscrivibile. Le interviste agli attivisti analizzate nel capitolo iii indicano infatti quanto sia faticoso combinare l’esteso consenso verso l’antiomofobia – seppure definita in modo limitato – con la conservazione della capacità di azione politica dell’area di movimento lgbt.

6 Nel iv e ultimo capitolo, infine, abbiamo ricostruito il racconto della diffusione dell’omofobia e, più in generale, dell’ostilità antiomosessuale in Italia attraverso la rassegna delle ricerche che se ne sono occupate dagli anni Novanta a oggi. L’immagine che ne esce non è di facile interpretazione. Le ricerche disponibili – seppure non paragonabili alla mole di studi prodotta in altri paesi – coprono aspetti dell’ostilità antiomosessuale tra loro disomogenei. Inoltre, non sempre le scelte metodologiche dei lavori che si sono occupati degli stessi fenomeni favoriscono la comparazione. Emergono però alcuni segnali piuttosto chiari che mostrano sia il successo del discorso sull’omofobia prodotto dalle organizzazioni lgbt, sia i limiti che esso non riesce (ancora) a superare. Nel primo caso, ci riferiamo al progressivo avvicinamento tra l’opinione della maggioranza eterosessuale e quella delle persone gay e lesbiche in merito alla diffusione dell’ostilità antiomosessuale nel contesto nazionale. Entrambi i gruppi, infatti, considerano l’Italia come un paese poco ospitale, così come sono generalmente concordi nel condannare gli «omofobi». Dall’altra parte, però, le opinioni di eterosessuali e omosessuali si allontanano sensibilmente quando si toccano alcune rivendicazioni legate al riconoscimento delle famiglie formate da persone dello stesso sesso, specialmente se si parla di genitori o aspiranti tali.

7Ciò che possiamo ricavare rileggendo i quattro capitoli del testo è l’idea che il racconto dell’omofobia stia attraversando una fase di profondo mutamento. Nel dibattito scientifico, politico e sociale tale racconto ha permesso di raggiungere importanti traguardi di modernizzazione relativi ai sistemi culturali e alle prassi istituzionali dei paesi occidentali. Nel giro di pochi decenni le definizioni esperte e gli usi pratici del concetto di omofobia hanno contribuito a legittimare il ribaltamento dell’immagine sociale del soggetto omosessuale e delle forme di cittadinanza a cui esso può ambire. Soprattutto, hanno delegittimato le espressioni dell’ostilità antiomosessuale che si fondano sulla presunta inferiorità delle persone gay e lesbiche.

8Questi risultati sono stati conseguiti nel quadro di una contrapposizione tra rinnovamento e tradizione interna alle culture occidentali. Le contese tra questi due schieramenti si collocavano in un campo di lotta in cui la dimensione della differenza culturale non valicava i confini del «noi bianco e occidentale». Tuttavia, il successo ottenuto dal discorso sull’antiomofobia ha privato le organizzazioni lgbt – e tutti i sostenitori della modernizzazione sessuale – del monopolio nella definizione dei «soggetti omofobi», frammentando la polarizzazione che strutturava il campo di lotta. Le appropriazioni «da destra» di questo racconto hanno infatti spostato il fuoco dell’attenzione sull’ostilità antiomosessuale delle culture non-occidentali e sulle comunità etniche che si sono formate in seguito ai flussi migratori verso i paesi occidentali. In questo modo sono state incluse nel quadro della narrazione declinazioni della differenza culturale inizialmente non previste, e le dispute sulla modernizzazione sessuale sono state avvicinate a quelle sulla gestione dell’immigrazione e sul multiculturalismo.

9Come abbiamo provato a mostrare nel capitolo ii, i segnali di questo mutamento sono rintracciabili persino in paesi come l’Italia, dove l’inclusione delle persone gay e lesbiche nel sistema dei diritti è ancora precaria e l’appropriazione «da destra» del discorso sull’antiomofobia non è (ancora) avvenuta. Vale la pena che la mobilitazione lgbt e la ricerca scientifica nazionali prendano sul serio il modo in cui queste trasformazioni sono discusse nei paesi in cui sono più visibili. In un caso, quello della mobilitazione, il nodo critico è la possibilità di rappresentare la diffusione dell’ostilità antiomosessuale e di contrastarne le manifestazioni senza riprodurre il frame della superiorità della cultura occidentale e i conseguenti meccanismi di esclusione. Nell’altro caso, quello della ricerca, il tema su cui riflettere sono le modalità di approccio allo studio dell’omofobia – intesa sia come fenomeno empirico che come narrazione – in uno scenario dove il pluralismo culturale condiziona sempre di più le dinamiche sociali. In entrambi i casi, il racconto dell’omofobia dovrà sapersi sviluppare seguendo binari diversi da quelli che finora ne hanno decretato il successo.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search