Version classiqueVersion mobile

Nuove intimità

 | 
Barbara Mapelli

Introduzione

Texte intégral

  • 1 R. Braidotti, In metamorfosi, Milano, Feltrinelli, 2003.
  • 2 M. Foucault, Bisogna difendere la società, Milano, Feltrinelli, 1998.

1In un testo di alcuni anni fa Rosi Braidotti scriveva che chi non ama la complessità non può sentirsi a proprio agio nel terzo millennio1. Si tratta di un’affermazione che si può interpretare come una ricerca di modi di esistenza e di rappresentazione e autorappresentazione adeguati al mondo in cui viviamo, senza negare i luoghi, le radici e le storie da cui proveniamo e in cui siamo collocati e collocate nel momento in cui ne verifichiamo le possibili trasformazioni e le molteplicità che le e ci abitano. Si tratta dello sviluppo di risorse personali che possono divenire discorso collettivo anche in nome di un’altra caratteristica che Michel Foucault crede di veder emergere nella contemporaneità: la criticabilità2.

2Negli anni in cui viviamo sembra proliferare la possibilità di porre a critica quasi ogni cosa, rendendo friabili i terreni su cui ci muoviamo, nel privato e nel sociale, mentre ci sentiamo invitati e invitate alla ricerca di nuove possibilità di esistenza o resistenza attraverso l’invenzione di trasformazioni che riguardano anche (soprattutto?) i luoghi del privato o dell’intimità, pratiche di relazione che forse possono ispirare passaggi anche nella sfera pubblica.

3Tutto questo implica molte conseguenze, tra le quali forse la prima è la necessità di imparare a vivere in mezzo alle contraddizioni, accettando plurime centralità, trasformazioni che paiono scontrarsi tra loro senza alcuna speranza di conciliazione, collisioni di elementi eterogenei che trovano talora anche temporanee alleanze.

4Può diventare una passione questa scelta – o necessità – di adeguarsi a una realtà che propone immagini discordi, controverse o addirittura apparentemente improponibili; può diventare apertura all’imprevisto, alla creazione dell’imprevisto. Sottraendoci alla tossicità di abitudini che non sempre ci corrispondono ma sono forme di dipendenza sociale che acquisiscono la loro autorevolezza semplicemente dalla ripetizione e generano comportamenti che talvolta vengono definiti naturali semplicemente perché ci siamo così adattati e adattate alle loro regole da considerarli legittimi e immodificabili. Comportamenti e atteggiamenti che hanno alle spalle una lunga storia che giustifica e condiziona la loro continua utilizzazione.

  • 3 Nella serie di lezioni tenute al Collège de France tra il 1974 e il 1975, raccolte in un volume tra (...)

5Si arriva così alle definizioni di ciò e di chi è normale oltre che naturale e chi è normale si legittima nell’esercitare il diritto di definizione di chi non lo è. Diritto che non possiede perché in realtà questa normalità esibita non è che il frutto di una storia e di infinite ripetizioni di abitudini. Si inventano così regole e norme, si stabiliscono tradizioni che pare non lecito trasgredire quando a loro merito e come patrimonio hanno semplicemente una serie di condotte ripetute nel tempo e che nel tempo si sono formalizzate3.

6Vi è una narrazione abbastanza divertente che esemplifica molto bene questa riflessione: si tratta di un aneddoto che già avevo sentito raccontare e che trovo nuovamente citato da un filosofo americano, Joe Corvino, e ripreso in un articolo di Gianfrancesco Zanetti in un numero della rivista “GenIus”.

Ecco il racconto. Una cuoca domestica, alle prese con un pesce da cuocere, afferma che per prima cosa bisogna tagliarne un pezzo verso la coda. Domandata del perché, si rende conto di non saper dare una risposta, e che ha sempre proceduto in tal modo – seguendo l’esempio di sua madre. La mamma viene dunque prontamente interpellata, e la signora conferma che quello è sempre stato il modo nel quale il pesce si cucinava in famiglia, ma di non averne veramente chiara la ragione: aveva anch’ella appreso la cosa da sua madre. La curiosità diventa impellente, e si procede dunque a visitare, nella casa di riposo dove è ospitata, l’anziana nonna, ancora lucida e arzilla. Interrogata sull’argomento, la nonna conferma l’usanza: non avevamo una pentola abbastanza grande, e il pesce non ci stava tutto intero in quella che c’era in cucina, per forza dovevamo tagliarlo.

7E Zanetti commenta:

  • 4 G. Zanetti, Le “regole del gusto” nel dibattito Lgbt, in “GenIus”, rivista di studi giuridici sull’ (...)

La ratio della norma, in questo caso, era un tramandato fraintendimento. Non c’era né un obbligo né una valida ragione di tipo tecnico per tagliare il pesce in quel modo. Le regole trasmesse possono avere ampie zone di opacità, possono conservare al loro interno elementi relativi a contesti di partenza che non esistono più, e che possono tuttavia diventare autosufficienti se la tradizione li legittima in quanto tali4.

8Questo insieme di forme e di abitudini mentali che si impongono al nostro vivere e sembrano dirigerlo con piglio autorevole ci appanna gli sguardi e ci rende difficile accorgerci che già viviamo in un mondo molto cambiato rispetto al passato, che siamo in ritardo rispetto a noi stessi e alle nostre stesse vite perché non abbiamo ancora un linguaggio che ci dia il coraggio di nuove rappresentazioni, che ci aiuti a nominare percorsi che esistono già ma sono nascosti dalla nebbia tossica delle condotte tradizionali, dei dover essere che applichiamo di nostra volontà o siamo costretti e costrette ad applicare a noi stessi e stesse.

9Una società, quella in cui viviamo, ancora legata dunque a culture in cui i riferimenti tradizionali e segnali di trasformazione convivono contraddittoriamente; anche la storia che ci precede è vitale nell’interiorità di ognuno, di essa siamo figli e figlie e in parte, proprio attraverso la nostra ricerca e domanda di trasformazione, una volta che siamo in grado di ripulirla dalle eredità negative legate a gerarchie e ruoli, norme di genere e non solo, può ancora offrirci esperienze e suggerimenti. Al tempo stesso siamo protagonisti, più o meno consapevoli, di innovazioni e invenzioni che, però, restano spesso relegate nella dimensione privata, non riconosciute e non nominate anche da chi le vive. E ciò che non è nominabile stenta a esistere.

10 Un tempo, il nostro, che come altri del passato, ma molto più radicalmente, si connota come tempo del non più e non ancora, in cui qualcosa sembra ancora esistere, resta in sospeso ma grava sulle e nelle vite di ognuno, e qualcosa sta iniziando o è già iniziato ma si stenta a riconoscerlo e si teme di nominarlo.

11Un frattempo con tutte le opportunità e i pericoli che contiene.

12Ma questo frattempo non è semplice spazio di attesa, in esso siamo tutte e tutti chiamati ad avere un’attitudine attiva. Si tratta di muoversi attraverso un lavoro modesto e quotidiano che si avvia da desideri o necessità di singoli e singole e può costruire nuove pratiche e anche una riflessività innovata nel momento in cui queste pratiche si fanno discorso condivisibile e le trasformazioni trovano luogo e dicibilità sociale, alcuni tratti di comunanza che pure sappiano rispettare le differenze e peculiarità di ogni percorso.

13Mi sembra che tutto ciò apra il campo a cambiamenti profondi e vasti le cui possibilità di realizzazione dipendono però dalla capacità, di ognuno e collettiva, di sostenerli, ammettendone limiti, temporaneità, necessità di continui ripensamenti e innovazioni. Limiti che derivano dalle difficoltà e vincoli – mancanza di lavoro, precarietà economica, crisi di modelli e impoverimento di riferimenti collettivi e altro ancora – in cui queste scelte (spesso necessitate) si concretizzano.

14Le considerazioni che precedono potrebbero riguardare molte aree del vivere contemporaneo, ma in questo mio lavoro intendo soffermarmi sui mutamenti delle soggettività sessuali, sull’emergere, anche se ancora faticosamente dicibile, di differenti orientamenti affettivi e sessuali, sulla ricerca di nuove forme di creare intimità, luoghi, modi e tempi inediti di invenzione di relazioni d’amore e di condivisione.

15Nei contesti del privato, che sono quelli coinvolti in queste opere di trasformazione, ognuno coi propri comportamenti può divenire innovatore o innovatrice, talvolta anche senza averne consapevolezza o intenzione, poiché nel sistema complesso in cui viviamo ogni modificazione nel microcosmo di ciascuno si trasferisce nel collettivo, nel sociale, può divenire atto politico.

16Nell’ambito che qui mi interessa, delle soggettività sessuali o di genere, i vissuti della propria diversità, l’assunzione di un pensiero di parzialità anche da parte di chi si colloca nella cosiddetta e presunta normalità, possono contribuire a modificare il proprio contesto, creando nuovi modelli, oltre a quelli proposti dalla prepotenza della consuetudine, alternative che divengono sempre più possibili quanto riescono a mostrarsi nella loro visibilità, divenendo discorso condiviso, pratica in cui riconoscersi insieme con altri e altre.

17Testimone, ognuno, della propria vita e delle proprie scelte, quel lavoro modesto e quotidiano di cui si diceva, in cui si impara a esercitare la capacità critica, a rendersi responsabili di ciò che si pensa e si fa, più interessati e interessate a capire che a giudicare. E questa testimonianza, se diviene narrazione, se pure di vicende personali, indica e si colloca in un orizzonte sociale e culturale in continuo movimento ed essa stessa, come si accennava in precedenza, si presenta nella propria mutevolezza, temporaneità e appartenenza a luoghi, tempi o condizioni particolari, il che non apre a possibili accuse di relativismo, ma insegna che ognuno può cambiare sé e i tempi che abita, ma è radicato e radicata in una storia che è la sua, ed è quindi unica. Presenta quindi un modello che può essere utile ad altri e altre ma non è universalizzabile, si propone anzi come alternativa a ogni forma di falsa universalità.

18Si pone evidentemente e a questo punto la questione del soggetto e della sua (necessaria?) definizione di appartenenza sessuale, la prima che viene richiesta fin dalla nascita e che appartiene alla prima domanda che ci poniamo nell’incontro con l’altro e l’altra, ma anche in alcuni momenti cruciali dell’incontro con noi stesse e stessi. Questa domanda, nella sua perentorietà e univocità, desideriamo porla a critica, poiché la pensiamo come un possibile limite allo sviluppo delle biografie delle persone.

  • 5 G. Homayounpour, J. Wolff Bernstein, Trans/vitae. Le politiche dell’ambiguità, Milano-Udine, Mimesi (...)

Chi è davvero uomo? Chi è davvero donna? E perché dovremmo desiderare una risposta a queste domande? […] So tutto di te e tu sai tutto di me, siamo un’unica entità. Se tu sostieni di essere un uomo, sii uomo: procurati un pene, sposa una donna e adotta un bambino; è questa la foto la cui cornice è già pronta nella mia mente. Se sostieni di essere una donna, procurati una vagina e vivi all’altezza di quella che è la mia molto nitida idea di donna. Se vuoi essere legittimato/a, devo sapere cos’hai sotto la biancheria. Devo sapere e vedere: niente segreti, niente trucchi. Sii come tutti gli altri.
In questo discorso non c’è spazio per la fantasia o per la comunicazione simbolica, nessuna possibilità di divenire, nessun segreto, nessuna piacevole incertezza. Questa, dunque, è la morte del desiderio, la morte del soggetto5.

19La posizione espressa dall’autrice di questo brano, una psicanalista, appare molto decisa, condivisibile forse nei contenuti, più difficile forse da accettare per il tono risoluto, soprattutto nelle frasi finali. Ma la accogliamo perché è anche da qui, da queste domande che si origina e sviluppa lo spirito critico, l’assunzione della criticabilità dell’esistente come modalità di vivere nel presente e sapergli al contempo resistere.

20E non si tratta di posizioni puramente negative, ma di pratiche che già a partire da qui si propongono come affermative, perché presentano delle alternative e possibili, diversi percorsi di sviluppo.

21 Il pensiero critico, quindi, e le azioni che suggerisce è creativo e presenta un’immagine doppia, virtuosamente doppia: da una parte critica e mira a erodere ciò che critica, dall’altra afferma e propone. D’altronde vogliamo credere a uno spirito di criticità che non si presenti come giudice assoluto, bene di qui, male di là: delle dicotomie nette e distinte probabilmente non ne possiamo più, per il male che ci hanno fatto, semplificando e quindi deformando la realtà che di ben più complesse e plurime forme è fatta.

22Sovvertire i codici dominanti, rompere il succedersi di ripetizioni che si legittimano nel loro continuo riannodarsi al precedente, abbassare i toni delle retoriche che si infiammano delle loro stesse parole: un lavoro di critica che può trovare modi meno perentori ma efficaci anche nell’esercizio dell’ironia, una competenza che il femminismo, soprattutto dei primi tempi, ci ha re-insegnato e che quindi si può apprendere e può competere anche con forze di molto superiori.

  • 6 Trovo questa bella definizione in M. Zambrano, Il pagliaccio e la filosofia, Roma, Castelvecchi, 20 (...)

23Leggerezza contro pesantezza, alleggerimento anche dell’io che si propone cercando di non chiudersi nella trappola autoreferenziale delle infinite ragioni che pensa di impersonare. L’ironia consente di vivere all’interno della complessità, nei labirinti di sentimenti anche tra loro contrastanti, un ponte tra le contraddizioni inevitabili di cui si diceva all’inizio, una porta d’accesso anche a ciò che appare incomprensibile ma non per questo deve essere messo da parte, accesso a realtà sproporzionate o estranee. Ironia come gesto pensante6.

24O come metodo? Come condizione che consente di sopportare ciò che deve essere alla base di questa ricerca di trasformazioni profonde, che riguardano ciascuno e ciascuna, le relazioni di intimità, e si diffondono nel sociale, si allargano al politico: sopportare che i cambiamenti non si fermino mai, che nel momento in cui li si nomina essi siano o stiano diventando già altro, sopportare la consapevolezza di non poterli mai conoscere o possederli del tutto.

25Un metodo che ho cercato di rispettare in questo volume, adottando anche registri diversi nel mio discorso: riflessioni di ordine generale e teorico si alternano con narrazioni e testimonianze, interviste e alcuni stralci letterari. Con la convinzione che le storie narrate da singoli e singole possiedono la capacità di suscitare memoria e desideri, di reinventarli anche per altri e altre, racconti di vita che generano altri racconti.

26E in un momento di grandi cambiamenti nelle soggettività sessuate, nelle relazioni affettive, di nuove storie c’è assoluto bisogno, per creare culture, tradizioni, simbolici finora inediti, se pure sempre con l’intenzione di rivederli, mutarli, lasciare che ciò che sembra conquistato divenga una nuova soglia da cui affacciarsi.

27 La mia interpretazione di quanto accade e mi viene narrato percorre e riordina, per quanto possibile, quanto raccolto. Senza la pretesa di creare nuove categorie, ma cercando di individuare tendenze prevalenti, possibili percorsi vicini o paralleli, proposte trasferibili anche in realtà diverse. Quindi non una raccolta che affida solo alla narrazione la sua ricchezza, ma il tentativo di adottare codici interpretativi innovati, forme e possibilità del discorso che si adattino sufficientemente a quanto il continuo divenire ci racconta.

28Penso al lavoro che ho svolto per questo libro come a un’ulteriore attività di pensiero critico, che raccoglie le intuizione di complessità e criticabilità, con l’intento soprattutto di contribuire a capire e trovare le parole per linguaggi adeguati alle nuove narrazioni.

29Non mi pongo dunque al di fuori di quel che racconto ma sono ben consapevole di essere immersa a mia volta nella corrente dei cambiamenti che percepisco accadere e rispetto ai quali non mi considero una semplice osservatrice ma soggetto partecipe e attivo anche grazie a questo stesso volume.

30Questo libro è nato come un progetto condiviso tra me e Stefano Ciccone: per vari motivi non abbiamo potuto proseguire un cammino pensato come comune e Stefano qui si limita a contribuire con uno scritto. Desidero però ricordare che abbiamo insieme svolto un lavoro iniziale di ideazione, di proposta e di struttura del volume che ho rispettato nel mio lavoro successivo. E sono grata quindi al mio “mancato” coautore per quanto ha proposto all’inizio del progetto, degli stimoli, e delle critiche con cui ha saputo intervenire nel mio solitario lavoro che è seguito.

31Non sono poche le persone che vorrei ricordare per l’aiuto e la fiducia che hanno dato a questo mio lavoro. Ma in particolare desidero ringraziare chi ha offerto senso e contenuti al libro attraverso la propria testimonianza biografica e le proprie riflessioni. Le vostre parole mi hanno aperto a esperienze che conoscevo con troppa approssimazione, mi hanno avviato a interpretazioni e modi di pensiero che mi hanno mutato.

32Infine voglio ricordare la genesi del titolo Nuove intimità. Ho ripreso il termine dal saggio di Alessia Acquistapace Decolonizzarsi dalla coppia. Una ricerca etnografica a partire dall’esperienza del Laboratorio Smaschieramenti, in, Gaia Giuliani, Manuela Galetto, Chiara Martucci (a cura di), Lamore ai tempi dello tsunami. Affetti, sessualità, modelli di genere in mutamento, Verona, Ombre corte, 2014, pp. 69-85. Per maggiori informazioni sul Laboratorio si veda http://smaschieramenti.noblogs.org.

33La riflessione prosegue oggi nella sezione del blog SomMovimento NazioAnale dedicata alle altre intimità (http://sommovimentonazioanale.noblogs.org/​altre-intimita/​). Recentemente il termine è stato proposto anche nel gruppo, coordinato da Lea Melandri, che ha curato le ultime edizioni del ciclo di seminari Il corpo e la polis, presso la Libera Università delle Donne di Milano.

Notes

1 R. Braidotti, In metamorfosi, Milano, Feltrinelli, 2003.

2 M. Foucault, Bisogna difendere la società, Milano, Feltrinelli, 1998.

3 Nella serie di lezioni tenute al Collège de France tra il 1974 e il 1975, raccolte in un volume tradotto in italiano, Gli anormali, Michel Foucault tratta il problema di quegli individui definiti “pericolosi” seguendo diverse piste di ricerca, in particolare medica e giuridica. Tra i pericolosi sono compresi gli ermafroditi – persone che nascono con gli attributi sessuali di ambedue i sessi – e l’attenzione dell’autore si concentra su due narrazioni o casi, rispettivamente accaduti nel xvii e xviii secolo. Per quello che qui ci riguarda appare interessante la sua analisi del passaggio dalla rilevazione medica al giudizio morale. In ambedue le vicende si tratta di persone battezzate come donne, che nel tempo assumono comportamenti e identità maschili sposandosi e avendo dei figli. «Lattenzione del legislatore si appunta su di loro proprio nel momento in cui stabiliscono una relazione con un’altra persona e formano una famiglia. A questo punto non interessa minimamente l’anormalità fisiologica quanto l’anormalità dei comportamenti. Ambedue le persone ermafrodite, registrate come donne, sposano donne, si dimostrano dunque, secondo gli atti dei processi “perverse”, la loro anomalia non ha quindi carattere giuridico-naturale, bensì giuridico-morale: sono dei mostri non nel fisico ma nel comportamento e questo stabilisce la necessità della loro condanna, come trasgressione di un sistema di norme. La condanna morale avviene nei confronti di una trasgressione alla legge e alle norme dei comportamenti, ma – e qui sta il suo significato che segna il formarsi di culture e mentalità che proseguiranno e si consolideranno fino alla contemporaneità – questo passaggio non abbandona il terreno della “naturalità”, lo aggira, lo sospende momentaneamente e momentaneamente lo elude, per poi rimpossessarsene per rendere più incisiva la condanna, per rendere l’anormale più mostruoso, perché con il suo comportamento “perverso” non trasgredisce solo le norme umane ma la natura che vuole l’incontro solo e soltanto tra uomo e donna. Sta qui il fulcro delle attenzioni, nel formarsi delle norme morali e dei giudizi e pregiudizi, che non colpiscono quando si tratti di anormalità fisica ma solo quando si trasforma in trasgressione sociale – il formarsi di una famiglia – per poi riprendere il richiamo perentorio alla natura per rendere più “scandaloso” il comportamento che condanna» (M. Foucault, Gli anormali, Milano, Feltrinelli, 2017, p. 68 sgg).

4 G. Zanetti, Le “regole del gusto” nel dibattito Lgbt, in “GenIus”, rivista di studi giuridici sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, 5, 1, p. 66.

5 G. Homayounpour, J. Wolff Bernstein, Trans/vitae. Le politiche dell’ambiguità, Milano-Udine, Mimesis, 2017, pp. 19-20.

6 Trovo questa bella definizione in M. Zambrano, Il pagliaccio e la filosofia, Roma, Castelvecchi, 2015, p. 15.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search