Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Nuove intimità

 | 
Barbara Mapelli

Premessa

Una giustificazione dell’autrice forse anomala e senz’altro non necessaria

Barbara Mapelli

Texte intégral

1Vorrei avviare il percorso di lettura di questo libro facendo un coming out piuttosto insolito. Non in sé – il venire allo scoperto del soggetto che scrive è una pratica abbastanza diffusa – quanto inusuale, dati i temi che qui tratto e la mia esperienza come soggetto portatore di un’identità sessuata, che non prevede giustificazioni o spiegazioni, poiché appartiene alla cosiddetta normalità. E uso quest’ultimo termine con cautela a un tempo consapevole e ironica, poiché in questo stesso testo sarà al centro di critiche e messe in discussione.

  • 1 L. Bernini, Le teorie queer. Un’introduzione, Milano-Udine, Mimesis, 2017, p. 52, n. 62.

2Nel volume si parla di nuove intimità, costruzioni di relazioni, affettività e comunanza che vedono come protagoniste soprattutto persone che appartengono alle cosiddette minoranze sessuali. E concordo con quanto scrive Lorenzo Bernini nel considerare la definizione minoranza non in termini statistici o numerici quanto come esito della produzione di riferimenti sociali che definiscono chi può esservi incluso, ed è quindi maggioranza, e chi ne viene escluso, e diviene quindi minoranza1.

  • 2 Una citazione da Nietzsche, La nascita della tragedia, che trovo in S. Stryker, Una storia del movi (...)

3Per quello che finora ho letto e studiato, per le esperienze di incontri con persone che appartengono a queste minoranze, ho capito che la ricerca, gli studi, le pubblicazioni, le iniziative su questi temi sono sempre opera di diretti e dirette protagoniste, persone che a partire dalla propria esperienza di vita si rivolgono al sociale, al pubblico e al politico con i loro lavori, attraverso una diretta linea di continuità tra esperienze biografiche e approfondimenti e confronti, scritture che sanno miscelare vissuti, intere storie di vita e approfondimenti teorici, la formazione di una coscienza e di una cultura critica. «Solo coloro ai quali una sofferenza presente opprime il petto hanno bisogno della storia critica»2.

4Ma io – e avvio dunque il mio coming out – non appartengo a queste minoranze: la mia eterosessualità che dura da una vita, le mie esperienze di sessualità e amore declinano con precisione la mia appartenenza, di fatto, alla maggioranza, a coloro che si allineano sotto il confortevole ombrello delle norme condivise e della rispettabilità sociale. Sono estranea dunque a quella continuità biografia-studio-scrittura critica cui accennavo.

5Rappresento forse un’anomalia – anche se non isolata – è quindi necessario che mi dichiari come tale e cerchi di giustificare le mie scelte e la scelta di scrivere e pubblicare un testo che non è il primo che dedico a questi temi.

6Mi sembra che esistano due ordini di motivazioni per me e potrei definirle, la prima una sorta di rottura o meglio un varco che si è aperto al mio vissuto e alle mie riflessioni in un momento ben preciso che racconterò, la seconda una continuità di percorso con i miei studi e l’impegno e la pratica femminista che ha accompagnato buona parte della mia vita.

7Questa convivenza di una rottura e di una continuità crea forse un paradosso o una contraddizione che mi preoccupano molto poco, appartengono ambedue al tessuto del mio vivere e so che i percorsi biografici – il mio senz’altro – si muovono su queste contraddizioni, che non sono apparenti ma reali, vive e sono in grado di dare continua vitalità alle trasformazioni che ci accadono o che facciamo accadere.

8Dunque, innanzitutto il momento di rottura o meglio il varco che mi si schiude davanti in seguito a una forte emozione, che mi apre gli occhi su una realtà e una condizione che conosco ma non ho mai sperimentato direttamente.

  • 3 Tratto da B. Mapelli, Sentire e pensare. Lamore tra distanze e vicinanze, differenze e persistenze, (...)

Ero stata invitata da alcune amiche omosessuali a un convegno organizzato da loro, non ricordo su quale tema, e ben presto mi ero accorta che le donne eterosessuali erano pochissime tra le presenti e io l’unica relatrice non lesbica. Iniziavo a soffrire un lieve disagio, un senso di esclusione che non derivava certamente dall’atteggiamento delle mie ospiti, tutte molto gentili e disponibili verso di me, alcune, inoltre, le conoscevo bene e da parecchio tempo. La sensazione era tutta mia e mi coglieva di sorpresa, provavo, forse per la prima volta, il sentimento di appartenere a una minoranza: capivo e condividevo in larga misura quanto veniva detto nel corso dell’incontro, ma non potevo identificarmi in alcun modo nell’appartenenza.
Un’esperienza piuttosto inusuale per una donna eterosessuale, bianca, di classe media e borghese, discretamente acculturata: un’esperienza che mi ha fatto riflettere maggiormente e con più partecipazione poiché l’avevo vissuta direttamente e sono grata a chi me ne ha dato l’occasione. In quel luogo, tra quelle donne ero minoranza e provavo tutte le emozioni che questa condizione induce e che non si possono comprendere, ne sono certa, se non le si vive direttamente. Per me è stata l’esperienza di un giorno, per le altre lì con me quella di una vita. Ho sentito quindi il bisogno di raccontarlo […] per dichiarare la parzialità del mio sguardo, il mio essere situata in luoghi e condizioni precise e formata da esperienze che hanno dei limiti netti: questa consapevolezza non può che rendermi umile rispetto ai temi che tratto e che mi mettono immediatamente di fronte alle mie responsabilità. Per questo motivo mi muoverò, il più possibile, cercando testimonianze, citando interventi diretti e pagine letterarie, in modo che alla mia voce se ne intreccino altre, anche se si tratta pur sempre di un atto arbitrario, perché chi sceglie, alla fine, sono io3.

9L’impegno che mi prendevo in quel testo – dopo aver raccontato l’episodio che mi ha suscitato tante emozioni e una riflessione che nasceva da un’esperienze diretta – l’ho rispettato anche in questo libro che immediatamente lo segue, lasciando il più possibile spazio e voce a protagonisti e protagoniste, pur nel limite già dichiarato di scelte che mi appartengono tutte.

10E ora la seconda parte del mio venire allo scoperto, la parte che registra e segnala una continuità nella mia biografia. E la continuità è rappresentata dal femminismo, nella mia interpretazione, che credo comunque abbastanza condivisa.

11Il femminismo non è stato solo il movimento di liberazione delle donne, in realtà, proponendo una visione del mondo alternativa a quella dominante e unica, falsamente neutra ma maschile, ha consentito il passaggio dall’uno al due – il passaggio più difficile – e in seguito, ma è una temporalità che può interpretarsi sia come reale che teorica, il passaggio dal due al molteplice.

12Il pensiero della differenza, che ha inaugurato e consentito, dato forma e contenuti al varco che ha eroso la visione univoca e neutralizzata della realtà, ha corso però il rischio di confermare la normatività di un mondo a percorso binario, due soli sentieri di esperienza e appartenenza, femminile e maschile.

13Ma non ci si è fermate qui. Il pensiero femminista, i pensieri, poiché sono plurali, si propongono, volendoli condensare in una definizione, come filosofie critiche, non statiche ma dinamiche, in evoluzione e, visto che il passaggio più arduo era già stato fatto – la denuncia e il superamento di un pensiero unico sul mondo – la strada era aperta, è aperta alla molteplicità.

14Una molteplicità che si nutre di confronti tra opinioni differenti, tra esperienze diverse e aiuta, così, l’emergere e il rendersi visibili di soggettività individuali e collettive, che possono farsi discorso culturale, sociale e politico.

15Una filosofia critica, dunque, che affida il suo rigore e la sua permanente attualizzazione a una concezione interpretativa che è discussione continua e aperta, infinita, con traguardi sempre temporanei, momenti di arrivo che si trasformano in soglie, su cui sostare e da cui imparare a muoversi.

16La scoperta della molteplicità e della sua fluidità è un’interrogazione e un impegno che mi/ci derivano dunque dal femminismo, interpretato come pensiero critico e come tale sempre proiettato oltre.

17Ma questa scoperta teorica non mi sarebbe bastata se non avessi avuto l’esperienza diretta, le emozioni degli incontri con chi ha vissuto e vive direttamente il significato dell’essere minoranza, fuori dagli standard sociali normativi. L’avvicinamento a un mondo che genera domande, genera pensiero, riflessione su di sé, composto di realtà che sole, ora, devo ammettere, mi sembra stimolino al pensiero e alla pratica del cambiamento, al rispetto e alla comprensione delle pluralità.

18Mi avvicino con il mio libro a questo mondo, pensando che sia lecito e forse anche giusto proporre questo mio sguardo certamente non neutro, ma composto di emozioni e pensieri, rispettoso di ogni testimonianza che riporta e che è un contributo al nostro sapere e vivere. Uno sguardo, il mio, consapevole della vicinanza a chi è protagonista della mia stessa scrittura, ma consapevole al tempo stesso della mia alterità, della irriducibilità del mio essere alle altre e altri che popolano queste pagine.

19Non sono però fuori ma dentro questo disegno complesso di vissuti molteplici, ne faccio parte e dichiaro, ancora una volta, la parzialità di quanto scrivo, penso e sento.

20luglio 2018

Notes

1 L. Bernini, Le teorie queer. Un’introduzione, Milano-Udine, Mimesis, 2017, p. 52, n. 62.

2 Una citazione da Nietzsche, La nascita della tragedia, che trovo in S. Stryker, Una storia del movimento transgender, in M. Prearo (a cura di), Politiche dell’orgoglio. Sessualità, soggettività e movimenti sociali, Pisa, Ets, 2015, p. 47.

3 Tratto da B. Mapelli, Sentire e pensare. Lamore tra distanze e vicinanze, differenze e persistenze, Pisa, Ets, 2017, p. 15

Acheter

Volume papier

Rosenberg & Sellier