Version classiqueVersion mobile

Pink is the new black

 | 
Emanuela Abbatecola
, 
Luisa Stagi

Introduzione

Texte intégral

  • 1 asa è l’organizzazione di autoregolamentazione dell’industria pubblicitaria del Regno Unit (...)
  • 2 Le nuove regole contro gli stereotipi di genere nelle pubblicità non sono ancora state scr (...)
  • 3 https://www.asa.org.uk/asset/2DF6E028-9C47-4944-850D00DAC5ECB45B.C3A4D948-B739-4AE4-9F17CA (...)

1Mentre stiamo finendo di scrivere questo testo, in Gran Bretagna si stanno discutendo le nuove regole della Advertising Standards Authority (asa)1, per rendere più rigidi i criteri di valutazione di pubblicità che contengano evidenti stereotipi di genere2, che incoraggino le diseguaglianze tra uomini e donne o che reifichino il corpo femminile. Le nuove regole verranno scritte nei prossimi mesi sulla base di un rapporto3 − a cura dell’asa e intitolato Rappresentazione, percezione e danno − sulla presenza di stereotipi di genere nelle pubblicità del Regno Unito. Il rapporto riporta alcuni tipi di pubblicità che saranno vietate con l’introduzione delle nuove regole: sarà, per esempio, permessa una pubblicità con una donna che pulisce, mentre verrà vietata una in cui i componenti di una famiglia fanno confusione in casa per poi lasciare sola una donna a mettere in ordine; non si potrà mostrare che un’attività è inadatta a una ragazza perché tipicamente associata ai ragazzi o viceversa, oppure una in cui un uomo è mostrato incapace di svolgere semplici compiti domestici o di cura dei figli.

  • 4 https://www.youtube.com/watch?list=PLiHFvXh4F1n4gD5E05hEyG_1s2Xj86c4N&v=f_lSZRtWGU0.
  • 5 https://www.youtube.com/watch?v=R2R-6T-CB34.

2Una delle pubblicità che ha mosso questa iniziativa, e molte polemiche, è stato lo spot di un latte in polvere che mostrava come nel futuro immaginato di una bambina ci fosse una carriera da ballerina mentre in quella di un bambino una carriera da matematico4, sulla stessa linea di un’altra pubblicità di pannolini5 circolata in Italia nel 2015, che recitava «lei penserà a farsi bella, lui a fare goal, lei cercherà tenerezza, lui avventure, lei si farà correre dietro, lui invece ti cercherà».

  • 6 http://www.ilpost.it/2017/07/19/regno-unito-pubblicita-stereotipi-genere-sessismo/.

3Tra le motivazioni per la scelta di una politica di vigilanza su queste pubblicità, nel suddetto rapporto si afferma che esse «hanno conseguenze sugli individui, sull’economia e sulla società» e che «anche se la pubblicità è solo uno dei tanti fattori che contribuisce alle discriminazioni basate sul genere, standard più rigidi possono svolgere un ruolo importante nel combattere le disuguaglianze»6.

  • 7 http://www.ilfoglio.it/cultura/2017/07/23/news/gran-bretagna-pubblicita-ultima- (...)

4Ovviamente, questa notizia è stata subito oggetto di polemica e di derisione da parte di alcuni giornali italiani, che sono usciti con titoli come: Lui lavora e lei cucina? In Gran Bretagna sarà vietato mostrarlo negli spot. L’autorità britannica che vigila sulla propaganda commerciale contro gli stereotipi di genere. Ecco l’ultima follia del politicamente corretto7. Come sempre, cioè, ogni tentativo di mettere in discussione l’ordine sociale di genere produce scherno e altre forme di una “resistenza” sociale.

5Questo lavoro si occupa degli stereotipi di genere, di come siano rilevanti nella socializzazione e nella riproduzione di genere, di come siano naturalizzati e rassicuranti e di come, per questo, sia difficile – ma non impossibile − metterli in questione o decostruirli. Su di essi si basa l’ordine sociale di genere che è l’ambito organizzato di pratiche umane e relazioni sociali che danno forma alle maschilità e alle femminilità, secondo la celebre definizione di Rawyen Connell (2006) che riprenderemo più volte nel corso del testo.

6L’ordine simbolico di genere è un prodotto storico-culturale che definisce e legittima gerarchie e rapporti di potere, il cui farsi e disfarsi è sotto gli occhi di tutte e tutti, e proprio per questo non viene visto. Il momento migliore per vederlo è quando viene infranto, quando il disordine minaccia l’ordine, quando le prescrizioni vengono violate. È il momento in cui si attiva la collaborazione sociale che ripara la trasgressione, e che lavora per ripristinare almeno l’apparenza dell’ordine (Gherardi, Poggio 2003: 6).

  • 8 http://time.com/magazine/us/4703292/march-27th-2017-vol-189-no-11-u-s/.
  • 9 http://www.nationalgeographic.com/magazine/2017/01/gender-issue-reader-comments-faq/.

7Il 16 marzo scorso, il settimanale “Time” ha intitolato la copertina Beyond He ore She: The Changing Meaning of Gender and Sexuality8, cioè «Oltre lui e lei: come cambia il significato di genere e sessualità». Poco prima, a gennaio, il National Geographic ha dedicato il numero monografico a quella che nel titolo è definita “Gender Revolution”9.

Fig. 1. Le copertine di Time e National Geographic

Fig. 1. Le copertine di Time e National Geographic
  • 10 “National Geographic”, 2017, 6, 1, pp. 410-418.

8Il caso del National Geographic è stato così rilevante che la rivista AG-AboutGender gli ha dedicato lo spazio Incursioni del primo numero del 2017, con un articolo, a cura di Alessandra Gissi, dal titolo La ‘rivoluzione’ di gennaio. Genere e identità a partire da un numero speciale di National Geographic10. La portata storica di questo avvenimento è resa esplicita dalla (auto) definizione di rivoluzione che «da un verso sancisce il posizionamento della rivista rispetto all’argomento, dall’altro ambisce a legittimare e decretare l’acquisizione del tema delle identità di genere nel discorso pubblico e scientifico-divulgativo» (Gissi 2017: 413). Proprio la rivista National Geographic, infatti, che in passato si è caratterizzata per una visione “istituzionalizzata” nella rappresentazione e definizione delle categorie sociali, ratifica che i corpi e le identità sociali non sono dunque dati di natura ma una costruzione sociale e culturale da contestualizzare dentro processi storico-sociali. Le due copertine, una per l’edizione destinata alle edicole e l’altra per gli abbonamenti, sono entrambe assai significative. I sette giovani ritratti nella prima sono chiamati «ad autodefinirsi e fissare questa definizione dentro lo scatto» (ivi: 412). Sembra una qualsiasi foto di gruppo – di amici, familiari, compagni – ma invece ha il fine di «descrivere l’ampio “spettro” delle “identità e delle espressioni” del genere, di affermare che l’ordine binario dei generi (M/F) è “innaturale” al cospetto di una molteplicità di soggetti e soggettività e inadeguato a rappresentare non comunità patologizzate ma l’ordinario» (ibidem). La seconda copertina è una fotografia che ritrae Avery Jackson, una ragazzina transgender di nove anni, accompagnata dall’affermazione: «la cosa migliore dell’essere femmina è che adesso non devo più fingere di essere maschio» (ivi: 413). Semplice ed efficace, ha difatti scatenato molte reazioni «orgogliose, grate, furiose o scandalizzate». Susan Goldberg, prima donna a dirigere la rivista, ha così commentato le molte reazioni: «i ritratti di tutti i bambini sono belli. In particolare abbiamo apprezzato il ritratto forte e orgoglioso di Avery. Abbiamo pensato che, in un colpo d’occhio, riassumesse il concetto di “rivoluzione di genere”. Tutti ci portiamo addosso etichette applicate dagli altri. L’etichetta più resistente, e quella che probabilmente influenza di più la nostra vita, è la prima che ci viene assegnata: “è un maschietto!” o “è una femminuccia!”» (ibidem).

9Negli ultimi mesi è anche successo che uno dei primi atti del presidente del Stati Uniti Trump fosse annullare il pßrovvedimento con cui il suo predecessore Obama aveva garantito protezione ai membri della comunità lgbtqi, consentendo loro, tra le altre cose, di andare nei bagni che ritengono più affini alla propria identità di genere. Poco tempo dopo il “New York Times” ha pubblicato un articolo dal titolo Raising a Transgender Child. Al centro, il desiderio di un bambino di quattro anni − assecondato dai genitori − di presentarsi alla scuola materna «con il suo vero sé» ovvero come una bambina di nome Ellie. Secondo Alessandra Gissi, anche questi successivi episodi sono esito della risonanza, dell’onda lunga di approfondimenti, dibattiti, commenti e contrasti provocati dall’uscita del numero del National Geographic, che a sua volta è il segnale istituzionale, e quindi estremamente emblematico, del cambiamento in atto (2017).

10Se il cambiamento genera sempre reazioni – una sorta di risacca che nel testo chiameremo “controattacco”, non stupisce che possa essere in atto un processo di ri-genederizzazione, che è uno dei presupposti da cui parte questo lavoro.

Fig. 2. Campagna “BusdellaLibertà” sui muri di Roma, settembre 2017

Fig. 2. Campagna “BusdellaLibertà” sui muri di Roma, settembre 2017
  • 11 Tra gli organizzatori anche Massimo Gandolfini, Portavoce del Family Day.
  • 12 Oltre ai manifesti sono previsti bus con le medesime scritte che gireranno per alcune citt (...)

11La figura 2 mostra una recente campagna – ideata da CitizenGO e Generazione Famiglia11– che ha proprio la funzione di richiamare nelle persone, a cui capiterà di vederla12, un insegnamento, appreso nell’infanzia, sull’importanza di rigidi confini per i destini di genere. Una tale affermazione – i bambini sono maschi e le bambine sono femmine – mostra quanta paura e avversione, finanche panico, possa generare l’idea che la realtà possa essere diversa da quella che si è conosciuta durante i processi di socializzazione ed educazione. L’ordine sociale di genere infatti è qualcosa che apprendiamo fin da piccolissime/i ed è un principio organizzatore così pervasivo da divenire uno dei principali modi che si utilizzano per dare senso al mondo circostante. Come tutte le costruzioni sociali, infatti, anche l’ordine di genere è introiettato e naturalizzato attraverso un processo complesso nel quale corpi e identità di genere plasmate dal processo di socializzazione (livello individuale), si confrontano con stereotipi e aspettative sociali (livello interazionale), in un contesto organizzativo (livello macro/istituzionale) tutt’altro che neutro dal punto di vista del genere. Il genere può, dunque, essere concepito come una “struttura sociale” (Risman 2012; 2018), persistente, ma non immutabile, dal momento che un cambiamento in uno dei tre livelli che lo costituiscono (individuale, interazionale e istituzionale) ha riflessi sugli altri. Nessun ordine di genere è per sempre, ma la rappresentazione socialmente costruita di due generi, diversi e complementari, rassicura. E il cambiamento fa paura. Ogni qualvolta, dunque, che rischia di emergere o di rendersi evidente il carattere artificiale di tale costruzione binaria, si attivano dei meccanismi riparatori volti a richiamare la norma e a rassicurare sulla naturalità delle realtà che conosciamo. Ed è proprio questa la funzione di campagne simili: richiamare, attraverso la messa in risonanza, qualcosa che si tende a considerare come giusto e naturale perché appreso precocemente attraverso il sistema valoriale con cui siamo stati “programmate/i” dalla società.

12In questo libro ci si occuperà proprio di questo, dando conto di una ricerca, svolta per conto del Comune di Genova (Ufficio pari opportunità), su alcune scuole dell’infanzia. Oggetto della ricerca sono gli stereotipi di genere, strumento essenziale nel processo di semplificazione e ancoraggio dell’ordine di genere. Essendo una semplificazione rigida e grossolana della realtà, gli stereotipi di genere rappresentano una forma di difesa contro la complessità del mondo (Leccardi 2007) che, specificando come ci si aspetta che donne e uomini siano e agiscano, giustificano di fatto credenze e comportamenti delle attrici e degli attori sociali. In quest’ottica, dunque, gli stereotipi assicurano la continuazione dell’ordine e della gerarchia di genere, favorendo il mantenimento di un ordine definito da disuguaglianze e asimmetrie di potere e giustificando come naturali, desiderabili e moralmente corretti, certi ruoli e modelli di maschilità e femminilità.

13In questo lavoro mostreremo come gli stereotipi di genere rappresentino lo sfondo dell’interazione quotidiana fin dalla scuola dell’infanzia, e di come attrici e attori, partecipino, spesso inconsapevolmente, alla loro continua riproduzione. Tuttavia, gli stereotipi sono sì persistenti, ma non immutabili, e, come vedremo, bambine e bambini hanno un ruolo di rilievo nella cocostruzione della realtà anche in direzione del cambiamento, poiché soggetti dotati di agency e protagonisti di un processo di “riproduzione interpretativa” (Corsaro 1992; 2005; 2010) dagli esiti non sempre prevedibili.

14Nella prima parte del libro si ricostruirà la contestualizzazione teorica e metodologica della ricerca. Il primo capitolo ripercorrerà come sono nate e poi si sono sviluppate le ipotesi, ricostruendo il contesto da cui sono emerse le prime domande di ricerca. Il presupposto da cui siamo partite, infatti, è che sia in atto un processo di ri-genderizzazione, che riguarda soprattutto l’infanzia, e che tale fenomeno si ripercuota maggiormente sulle classi sociali più fragili. Nel secondo capitolo saranno esplicitati i concetti utilizzati nella ricerca; si tratta di una sorta di glossario strumentale a rendere più comprensibili, in particolare a un pubblico più ampio e non necessariamente di addette/i ai lavori, le riflessioni contenute nel libro. Il disegno della ricerca è stato costruito per rispondere alla declinazione – operativizzazione – dei concetti utilizzati nella costruzione delle ipotesi della ricerca, prevedendo un impianto metodologico complesso, che si avvale di diverse tecniche e strumenti, di cui si darà conto nel terzo capitolo. In questo capitolo, inoltre, si fornirà un’accurata spiegazione di come la parte successiva, si strutturi sulla base dei diversi intenti e obiettivi conoscitivi. Il quarto capitolo, infatti, ricostruirà gli atteggiamenti e gli stereotipi delle insegnanti partecipanti alla ricerca, nella considerazione dell’importanza del loro ruolo di agenti di socializzazione. Il quinto capitolo, il cuore di questo lavoro, sarà incentrato sull’analisi della parte etnografica, in cui le note, utilizzate come affreschi dal campo, rappresentano le basi su cui si dipanano le riflessioni. Il sesto e settimo capitolo, infine, cercheranno di porsi dalla parte di bambine e bambini, ricostruendo le loro visioni rispetto al genere.

15Libro e ricerca sono frutto di un lavoro comune delle due autrici, parte di un più ampio percorso di riflessione, formazione, scrittura e insegnamenti condivisi in molti anni. Per questo motivo è particolarmente difficile riconoscere i contributi individuali nelle diverse parti, tuttavia, a meri fini accademici, sono da attribuire i capitoli quinto e settimo a Emanuela Abbatecola e primo e sesto a Luisa Stagi.

16Questo, però, non è stato solo un percorso a due, perché abbiamo avuto la fortuna di condividerlo con coloro che animano l’associazione AG-AboutGender e, in particolare, con tutte le colleghe e tutti i colleghi della redazione della nostra omonima rivista, che ringraziamo sinceramente per la straordinaria esperienza intellettuale e umana che ci regalano da diversi anni.

17Infine, desideriamo ringraziare il Comune di Genova – Ufficio Pari opportunità – nelle persone che hanno promosso e animato il progetto step, da cui nasce questo libro, ma anche gli altri attori istituzionali che in questi anni ci hanno sostenuto e accompagnato, credendo nel nostro lavoro, tra i quali, in particolare, vogliamo ricordare il DiSFor (Dipartimento di Scienze della Formazione dell’università di Genova) e Palazzo Ducale-Fondazione per la cultura.

18Un ringraziamento speciale, infine, alle insegnanti delle scuole dell’infanzia che hanno partecipato al progetto e che, mettendosi in gioco con onestà intellettuale, ci hanno accolte con grande entusiasmo e spirito di collaborazione.

19Questo libro è dedicato ai nostri genitori che hanno cercato in ogni modo, per quanto potevano, di renderci libere dagli stereotipi di genere.

Notes

1 asa è l’organizzazione di autoregolamentazione dell’industria pubblicitaria del Regno Unito.

2 Le nuove regole contro gli stereotipi di genere nelle pubblicità non sono ancora state scritte con precisione, ma solo delineate dalle conclusioni dello studio: saranno introdotte dall’anno prossimo, dopo essere state scritte dall’organizzazione gemella dell’asa, la cap, che si occupa di preparare i codici di comportamento.

3 https://www.asa.org.uk/asset/2DF6E028-9C47-4944-850D00DAC5ECB45B.C3A4D948-B739-4AE4-9F17CA2110264347/.

4 https://www.youtube.com/watch?list=PLiHFvXh4F1n4gD5E05hEyG_1s2Xj86c4N&v=f_lSZRtWGU0.

5 https://www.youtube.com/watch?v=R2R-6T-CB34.

6 http://www.ilpost.it/2017/07/19/regno-unito-pubblicita-stereotipi-genere-sessismo/.

7 http://www.ilfoglio.it/cultura/2017/07/23/news/gran-bretagna-pubblicita-ultima-follia-del-politicamente-corretto-145670/.

8 http://time.com/magazine/us/4703292/march-27th-2017-vol-189-no-11-u-s/.

9 http://www.nationalgeographic.com/magazine/2017/01/gender-issue-reader-comments-faq/.

10 “National Geographic”, 2017, 6, 1, pp. 410-418.

11 Tra gli organizzatori anche Massimo Gandolfini, Portavoce del Family Day.

12 Oltre ai manifesti sono previsti bus con le medesime scritte che gireranno per alcune città italiane.

Table des illustrations

Titre Fig. 1. Le copertine di Time e National Geographic
URL http://books.openedition.org/res/docannexe/image/4921/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 41k
Titre Fig. 2. Campagna “BusdellaLibertà” sui muri di Roma, settembre 2017
URL http://books.openedition.org/res/docannexe/image/4921/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 24k

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search