Version classiqueVersion mobile

Gabbie di genere

 | 
Irene Biemmi
, 
Silvia Leonelli

Parte seconda. Fuori dalla gabbie di genere: una ricerca su percorsi accademici atipici

6. Le ragazze raccontano: la scienza non è solo “roba da uomini”

Irene Biemmi

Texte intégral

Penso semplicemente che la differenza sia una cosa che la donna si è fatta mettere addosso, come un’etichetta su una bottiglia di vino che decide per te cosa sei, anche se dentro c’è tutt’altro.
(Francesca, futura enologa)

6.1. Perché così poche ragazze nelle facoltà scientifiche?

1Di fronte a questa mia domanda molte intervistate sono rimaste per un attimo in silenzio, a pensare, perché per molte di loro la scelta di iscriversi a ingegneria, informatica, geologia, agraria, scienze vivaistiche o fisioterapia è stata assolutamente naturale.

2Le ingegnere e le informatiche ipotizzano come motivo principale della scarsa partecipazione delle ragazze agli studi scientifici il fatto che sono percepiti come più difficili di quelli umanistici. Alcune intervistate confermano che non si tratta di un semplice pregiudizio, ma che questo corrisponde in parte alla realtà.

3Arianna, Emma e Sofia raccontano di un percorso iniziale molto travagliato, segnato da una grossa incertezza e dalla tentazione di mollare tutto.

Bene, adesso bene, dopo il periodo di sconforto iniziale che è normale sia per l’impatto con il mondo universitario, che è completamente diverso dalle scuole superiori, sia come pressioni che proprio sentiamo noi studenti del Sant’Anna, dovendo mantenere una certa media – 27 – e avendo corsi in più… Quindi ci sono i primi mesi di sconforto in cui credi di non essere in grado di mantenere il posto, in cui pensi: «Magari ci sono capitata a caso ma non posso, non riesco». Ma poi in realtà ti metti sotto e vedi che riesci. E ne vale anche la pena dover lavorare parecchio perché hai belle soddisfazioni. Ma all’inizio è davvero dura. Almeno una volta credo proprio d’averlo pensato: «È meglio se lascio il posto e torno a casa». (Arianna)

Ingegneria è difficile. Io mi sono bloccata su un esame e l’ho fatto dieci volte, dieci volte… (ride). L’esame di Metodi probabilistici. Poi il colmo era che erano due esami, Metodi probabilistici e Metodi matematici e se non passavi uno non potevi accedere all’altro per cui mi son trovata nella situazione che magari prendevo trenta a uno ma bocciavo all’altro per cui non potevo andare avanti. A volte ho pensato: «Ora vado a lavorare», e poi invece pensavo: «No, vado avanti». Alla fine a luglio l’ho passato e ho preso pure trenta! (Emma) Magari molte ragazze pensano che è un percorso troppo difficile e poi sono sempre considerate materie maschili (l’elettronica…). Però secondo me se ti piace la matematica e la fisica non vedo perché non dovresti scegliere questo corso. E poi comunque in effetti Ingegneria è molto difficile… Anche a me qualche volta è capitato di pensare: «Ce la farò? Basta, ora smetto». È difficile anche per i ragazzi ma forse proprio a livello mentale un uomo se la prende meno quando boccia a un esame. I ragazzi sopportano meglio un insuccesso: «Va beh son bocciato, lo rifarò». Invece vedo che le ragazze ci rimangono molto più male. (Sofia)

4Le facoltà scientifiche “fanno paura” e le ragazze – forse perché effettivamente sono difficili, forse perché sono frequentate in larga maggioranza da ragazzi – temono di non farcela:

Secondo me il problema che ci sono poche ragazze a Ingegneria dipende dal fatto che le ragazze non sono pronte a scontrarsi con una realtà come questa. Io, ripeto, non ho nessuna amica che ha avuto il coraggio di fare Ingegneria, perché è difficile, perché ti trovi in contatto con tanti ragazzi, ti devi far valere… Quindi le ragazze lo vedono come un settore troppo difficile, e troppo maschile. (Emma)

Mah… non lo so… anche le mie amiche a volte mi guardano come un’aliena (sorride). Io credo che l’idea che si ha da fuori è comunque un po’ distorta… Mi dicono: «Ah, tutta quella matematica, non so come fai!». La matematica per definizione viene percepita come difficile dalle ragazze. Però non saprei dare una spiegazione perché sembra scontato che sia così. Se uno fa ingegneria nucleare si dà per scontato che sia maschio, se uno fa ingegneria meccanica ed è una femmina “è strana”, quindi… stereotipi alla fine. (Giulia)

Comunque io quando dico che faccio informatica la gente sgrana gli occhi e mi dice: «Informatica!?», cioè mi guardano così, con gli occhi sgranati! Perché è difficilissima e poi sanno che è una cosa maschile. (Martina)

È un peccato secondo me. Io per esempio non sono proprio adatta per le cose letterarie, mi son sempre piaciute di più le materie scientifiche. Poi Informatica è una facoltà molto difficile… E poi c’è comunque un pregiudizio che le ragazze qualsiasi cosa facciano son sempre viste come un po’ inferiori. Io sinceramente quando mi sono iscritta a Informatica non ci avevo neanche pensato che era una facoltà tutta al maschile, però se una ci pensa magari comincia a dire «chissà se ne sono capace, poi son quasi tutti maschi…». Insomma possono venire dei dubbi, è normale. (Martina)

5Altra componente che secondo le intervistate potrebbe motivare la scarsa presenza femminile è il fatto che gli studi scientifici sono percepiti come aridi, meccanici, meno coinvolgenti di quelli umanistici. Rispetto a questa idea diffusa, ecco le risposte appassionate di Greta, Giorgia, Arianna e Marta, che spiegano con entusiasmo il “gusto” che si prova a risolvere problemi, a progettare, a «scoprire delle teorie su come funziona il mondo»:

Spero di diventare una brava ingegnera. E comunque non avrei mai potuto scegliere una facoltà che richiede uno studio mnemonico perché a me piace risolvere problemi… mi dà più gusto! Alla fine quando riesci a risolvere un problema sei proprio soddisfatta! (Greta)

Informatica è comunque una facoltà creativa, nonostante sia di area scientifica. Creativa perché comunque anche nella programmazione c’è l’idea di progettare, di costruire qualcosa di nuovo, però al tempo stesso ci sono anche della basi teoriche che ti aiutano. (Giorgia)

Diciamo che la soddisfazione di risolvere il problema è altissima! (ride) Mi piace un po’ anche mettermi alla prova, però non è tanto la soddisfazione di esserci riuscita per dire «quanto sono brava» ma quanto proprio la soddisfazione nell’aver risolto il problema. Cioè non è che se non ci riesco mi sento incapace, ma semplicemente mi dispiace perché non ci sono riuscita! (sorride) La sfida non è sulle mie capacità ma sulla possibilità di risolvere un problema: è possibile risolverlo e io ci voglio riuscire! (Arianna)

Mi piace la fisica. Ho anche abbastanza intuito per la matematica, riesco abbastanza a vederla, però non è che mi piaccia: non avrei mai fatto Matematica, mi annoia abbastanza. Mentre la fisica già mi piace molto di più perché è più teorica, più riflessiva, porta a fare ragionamenti logici per inventare o scoprire delle teorie su come funziona il mondo e cose del genere… (sorride). (Marta)

È solo una questione di pregiudizio. Tutti pensano che il lavoro di ingegnere sia molto pratico, molto pragmatico: ho un problema lo devo risolvere e stop. Ma non è proprio così. Secondo me sbagliano le ragazze: io, anche proprio nei contenuti delle materie che ho studiato, ho trovato cose molto più che affascinanti. (Emma)

6La maggior parte delle intervistate conviene sul fatto che alla base della segregazione formativa ci sia un problema più ampio che riguarda i pregiudizi culturali presenti nella nostra società e nelle famiglie e la tendenza a separare le attività “adatte” alle femmine e quelle “adatte” ai maschi, fin dall’infanzia.

Beh, sai, certo poi dipende anche molto dallo specifico contesto, dall’ambiente famigliare. Per esempio, suppongo io, se mia madre fosse stata casalinga e mio padre un integralista con i paraocchi con l’ambizione di una figlia sposata, probabilmente avrei fatto le magistrali e poi sarei andata a insegnare. (Marta) Poi, sai, giù da noi c’è ancora l’idea che le donne debbano, non dico stare a casa ma insomma… devono anche far quello! Io per esempio ho molte amiche che hanno le mamme casalinghe: per me è inconcepibile. Io invece son cresciuta con una mamma che ha sempre lavorato, sua madre – mia nonna – a sua volta lavorava, per cui quella per me è un’assoluta priorità. Cioè: io sono indipendente. (Emma)

Proprio qualche giorno fa leggevo sul giornale una ricerca in cui si diceva che proprio la famiglia fin da piccoli tende a dire: le macchine son da maschio, le Barbie sono da femmina. Oppure: la pallavolo la guardano le ragazze, il motociclismo i ragazzi. Cioè, fin dall’infanzia c’è questa tendenza a dire che ci sono cose da maschio o da femmina. Non so se è giusto o meno. Io dal canto mio so solo che le bambole le ho sempre odiate, ho sempre giocato a basket e mi è sempre piaciuto il calcio, odio cucinare, stirare, lavare. Anche se in futuro mi ci dovrò mettere! (ride). (Margherita)

7Altra variabile che può incidere sulle scelte delle ragazze è l’idea che la forza fisica sia una dote necessaria per svolgere certi mestieri, come il geologo, il vivaista o il fisioterapista. Ma a ben guardare anche la forza fisica appare più un condizionamento legato a stereotipi diffusi – quello della fragilità femminile contrapposta alla forza maschile – che non un effettivo dato di realtà.

Senta, io conosco due ragazze che si devono laureare in Geologia che hanno scelto per la tesi il rilevamento geologico che significa che tu alle sette e mezzo la mattina devi essere già in campagna, giri con il machete perché tu vedi una composizione geologica e il tuo compito è capire qual è stato il processo tettonico che l’ha fatta diventare così. È un lavoro molto fisico, faticoso. Quindi queste due partono la mattina all’alba e fino a sera stanno in giro a picconare… Sono due caterpillar! A loro piace tantissimo. Sono due ragazze che vivono in campagna, hanno l’orto… Una ha una forza!! Non è quindi tanto maschio/femmina, è proprio che ci vuole forza! Diciamo che per le discipline geologiche la propensione verso un indirizzo o l’altro è centrata molto sulla forza e sulla resistenza fisica. (…) Ci sono anche molti uomini che non ce la farebbero a sostenere certi ritmi, che non si sono mai alzati la mattina all’alba per fare un rilevamento geologico! (Alice)

Secondo me dipende dalla persona. A me tante persone dicono: «Fai Scienze vivaistiche?! Ma è da uomini!» Mi fanno sentire fuori luogo… Ma io non mi sento meno di un uomo, anche perché non è che devo andar lì e di forza spostare una pianta pesantissima. Il mio percorso ha proprio un altro concetto… non è proprio di forza. Le persone pensano che siccome è un lavoro manuale lo devono fare gli uomini ma non è affatto così: io abito in una zona di vivai e io le vedo le donne che lavorano le piante come un uomo. (Valentina)

Ma ormai il lavoro nei vivai è tutto meccanizzato. Io quando vado alla serra dalla zia torno stanca la sera ma perché noi non abbiamo proprio niente, neanche l’invasatrice (sorride): si portano con il carretto le piante, per cui un po’ di fatica, sì, ma tutti ce la possono fare (…). Io penso che sia una cosa soggettiva, di gusto personale. (Beatrice)

All’inizio pensavo che il fisioterapista fosse un mestiere da uomini. Lo pensavo perché io stessa ho avuto solo fisioterapisti maschi. Poi invece anche facendo il tirocinio sto vedendo che ci sono tante più donne di quello che ci si potrebbe aspettare. È stata una bella sorpresa! (…) Chiaramente ci sono alcune attività, come alzare i pazienti, cioè attività che magari richiedono una prestanza fisica, proprio a livello muscolare, più maschili. Però io su questo sono avvantaggiata perché non sono mai stata una tipa esilina, i miei muscoli ce li ho, per cui… (sorride). Io riesco ad alzare i pazienti e a fare tutto quello che c’è da fare. Poi ci sono delle tecniche particolari che ti aiutano e anche dei macchinari, e poi quasi sempre non sei da sola ma siamo in due, per cui si può far tutto. (Roberta)

Ma perché si è sempre visto come stereotipo nella donna la parte sensibile, la parte delicata fisicamente… Ma non lo è! (…) Penso semplicemente che la differenza sia una cosa che la donna si è fatta mettere addosso, come un’etichetta su una bottiglia di vino che decide per te cosa sei, anche se dentro c’è tutt’altro. E questo è sbagliato. Ho tranquillamente la possibilità di svegliarmi presto come un uomo, di faticare come un uomo, anzi forse… L’uomo magari ha più prestanza fisica ma tanto è la testa, è la forza di volontà che comanda tutto per cui la donna può far tutto, magari durando un po’ più di fatica, ma è questa la parte più bella. È la fatica che ti rende soddisfatto alla fine di un lavoro: se fosse tutto facile non avresti soddisfazione. (Francesca)

8Infine, tra le cause ipotizzate dalle intervistate circa la segregazione formativa femminile c’è anche la proiezione nel lavoro futuro: il timore di andare a lavorare in un ambiente tutto maschile oppure l’idea di fare un mestiere che annulla la componente relazionale può disincentivare la presenza femminile in certi settori. Ecco la testimonianza di Margherita:

Non credo sia tanto per gli studi ma per il lavoro a cui preparano. Una ragazza se studia può benissimo fare questo corso, il problema magari è immaginare cosa succede dopo… L’idea di andare a lavorare in una fabbrica dove tu magari sei l’unica donna che deve collaborare in una squadra di tutti uomini può intimidire e far avere delle remore. Anch’io ho questa idea, che se andrò a lavorare mi troverò in un ambiente molto chiuso, di soli uomini. Però con l’età uno la può superare questa paura ma a diciannove anni, al momento della scelta dell’università, questa cosa può fare la differenza per qualche ragazza. (…) E poi c’è anche il fatto di fare un lavoro che ti può portare a stare tutta la vita davanti a un computer, a fare programmi, anche questo per alcune può essere un problema. Cioè non è un lavoro di relazione con le persone. (Margherita)

6.2. Come si vive come gruppo di minoranza in un ambiente maschile?

9Alle intervistate è stato chiesto come si trovano in classi composte in larga maggioranza da ragazzi. Alcune raccontano di disagi iniziali che però poi sono stati superati usando una strategia di sopravvivenza molto semplice: fare gruppo tra ragazze.

Mi ricordo della mamma di una mia compagna di liceo che aveva la figlia maggiore iscritta a Ingegneria che diceva che si era trovata malissimo perché era un ambiente troppo maschile. Però io mi son detta: proviamo. (…) Forse all’inizio un pochino mi spaventava il pensiero di iscrivermi a una facoltà quasi completamente maschile, però alla fine non è una cosa che mi ha condizionato tanto. Alla fine uno poi deve studiare per conto suo. Poi ti crei il tuo piccolo gruppo e comunque sapevo che qualche donna ci sarebbe stata… (Greta)

Io arrivo da un liceo classico in cui eravamo tutte donne con due soli ragazzi in classe. Io qui mi son trovata ad avere a che fare con tanti ragazzi, non mi ci ero mai trovata e non è stato facile. E poi, non so, io non dimostro ventitre anni, ne dimostro diciotto (ride), non sembra che faccia l’università. Per cui avere a che fare con questi uomini, perché sono proprio uomini perché hanno proprio la barba! (ride) Quindi all’inizio c’è stato un po’ di imbarazzo: non avevo molte cose da condividere con loro (…). Invece poi mi son ricreduta perché ho trovato delle persone che mi sono state vicino: ragazze, ma anche qualche ragazzo. Adesso per esempio sto preparando un esame con un ragazzo con la barba alto un metro e novanta! (ride). (Emma)

Il primo giorno all’università è stato un disastro! (ride) Ero proprio disorientata, mi dicevo: ma le femmine qui dove sono? Le contavo… (ride). Però alla fine mi trovo bene. Io qui mi son fatta comunque il mio piccolo gruppo di ragazze ma stiamo anche tanto con i ragazzi e stiamo bene. (Caterina)

È ovvio che le ragazze tendono un po’ a fare gruppo, le vedi che si siedono tutte nella stessa fila… Però non c’è grande imbarazzo… Magari ti senti un po’ osservata, per qualsiasi cosa: che tu sia bella o brutta… (ride). A lezione stiamo insieme tra ragazze per cui non ci sono problemi però magari agli esami quando ti ritrovi da sola, a volte ti viene da pensare: «Ma che ci son venuta a fare io qui oggi?» (ride). Ti senti un pochino isolata: «Con chi parlo prima dell’esame? Con chi scambio due chiacchiere?». Sai, con i ragazzi non è che ci sono molti argomenti in comune (ride). (Margherita)

10Nel complesso le ragazze affermano che non hanno incontrato grosse difficoltà nel frequentare classi maschili, anzi, mettono in luce tutta una serie di prerogative positive dei loro compagni di studio: sono gentili, protettivi, tranquilli, meno competitivi delle ragazze e più diretti nella comunicazione.

Con le ragazze magari c’è più competizione mentre i ragazzi ti aiutano con disinteresse, se uno va a chiedere qualche esercizio o una spiegazione non hanno un motivo per non dartelo. (Sofia)

Mi son proprio ricreduta sui ragazzi, perché sono davvero gentili e molto più tranquilli, molto più disponibili a chiarirti dei dubbi. Invece le ragazze sono molto più competitive, insomma: le tipe del complotto! (ride). Sono più gelose delle loro cose, i ragazzi sono molto più generosi. (Emma)

Mi trovo meglio che se fosse pieno di femmine! Le femmine stanno sempre a sparlare e ragionare su tutto, fanno caso a tutte le cose mentre i maschi hanno più leggerezza, vedono una cosa ma il giorno dopo se la dimenticano (sorride). Poi sono anche carini i maschi con le femmine: le aiutano (sorride). E poi i maschi son semplici: quando ti vogliono dire una cosa te la dicono molto chiaramente per cui le cose le capisci anche meglio. (Laura)

Direi che l’atteggiamento dei maschi è quasi protettivo nei nostri confronti, del tipo: «Ce ne sono poche, vediamo di tenercele care!» (sorride). Poi sai, c’è anche l’idea che avere una ragazza nel gruppo di studio fa comodo: siamo quelle più ligie al dovere, prestiamo appunti (ride). (Giulia)

11Una mia successiva domanda mira a far emergere eventuali pregiudizi o discriminazioni vissute durante il percorso accademico, sia tra compagni che con i docenti. Rispetto ai compagni di corso Martina e Giorgia raccontano di aver vissuto alcune “sensazioni” spiacevoli, rimarcando però il fatto che si tratta di casi isolati e che in generale il clima di classe è positivo:

Io mi sono trovata per esempio il primo anno in una situazione in cui c’era un ragazzo siciliano che stava chiedendo un’opinione su un esercizio. Eravamo io, un’altra ragazza e un ragazzo. Lui ha chiesto solo al ragazzo come se noi ragazze non fossimo presenti… Poi questo ragazzo si è ricreduto col tempo, abbiamo anche preparato due esami insieme, io gli ho prestato anche degli appunti. Però la sensazione era quella: te sei una ragazza, sei a informatica, non vai bene. (…) Però devo dire che sono davvero casi isolati. Per il resto, sia con i compagni di corso che con i docenti, mi son trovata bene. (Martina)

Dal punto di vista dei ragazzi compagni di corso c’era all’inizio un po’ di pregiudizio dovuto al fatto che molti ragazzi venivano magari dai tecnici e arrivavano già qui con tanta passione per il computer e avevano anche molta più dimestichezza di noi. Però poi diciamo che alla fine si sono ricreduti perché siamo andate avanti e anche molto bene, noi ragazze, per cui… Abbiamo un rapporto normalissimo. (Giorgia)

12Anche rispetto ai comportamenti dei docenti, anch’essi in maggioranza maschi, le intervistate non hanno particolari lamentele da segnalare, salvo piccoli aneddoti che rimarcano l’eccezionalità della presenza femminile in classe, e in certi casi la loro totale invisibilità:

L’altro giorno il professore di misure elettriche ci ha detto: «Guardate che bella giornata è oggi! Andate fuori che ci sono le ragazze!». Come per dire che lì in aula non ce n’erano… (ride). Parlava al maschile, come se noi non ci fossimo. (Sofia)

Ti senti sempre un gruppo di minoranza: magari un professore ti tratta meglio all’esame perché sei una donna, quell’altro al contrario pensa che come donna non sei capace di fare questo lavoro. In ogni caso ti senti un caso particolare. Se ne parla sempre tra colleghe di queste disparità uomo-donna. Viene detto che alcuni professori fanno domande più facili alle ragazze e viene detto l’esatto contrario: però magari son solo pregiudizi. (Greta)

13Margherita nota un atteggiamento più conciliante, quasi protettivo, dei docenti maschi nei confronti delle ragazze:

Magari ogni tanto ci sono battute bonarie… si ride… però tendono molto a unificare la cosa: siamo tutti uguali, abbiamo gli stessi diritti, cose così. Poi se una ragazza è un po’ in difficoltà in sede d’esame si tende a dire: «Signorina…» (ride). Diciamo che a volte con noi sono un po’ più concilianti: magari ti danno un suggerimento… Cioè, se una ragazza tira uno sfondone, almeno che non sia proprio grave, si cerca un pochino di passarci sopra. Anche perché siamo donne quindi si arrossisce: «Oddio, che ho detto!» (ride). O a volte si fanno delle scenate un po’ fuori luogo per la tensione… Quindi magari se hai un professore davanti che non ti sta lì davanti a muso duro per una ragazza è già un aiuto! Con i ragazzi invece sono più diretti. (Margherita)

14Giulia e Martina raccontano invece due aneddoti di professori che hanno palesato atteggiamenti discriminanti nei loro confronti ma tendono, di nuovo, a rimarcare che si tratta di casi del tutto eccezionali:

Non ho mai notato niente di strano tranne un paio di casi, i professori “famosi” tra virgolette che, va beh, saranno dei geni nella loro materia ma nei rapporti umani peccano un pochino (sorride) e che quindi spesso prendono di mira le ragazze. Il caso più clamoroso è questo professore alla triennale che ci chiamava «oh bionda, oh mora, oh rossa»: ci chiamava così. A me una volta per esempio ha tirato una testata sulla spalla per scherzo; ad altre, che ne so, toccava gli occhiali… Cioè, si prendeva delle libertà completamente fuori luogo. Va beh, uno così è matto. (Giulia)

Mi è successo un caso spiacevole, ma soltanto con un professore. Io non mi sono mai trovata male agli esami. In quel caso, premetto che la materia non mi piaceva, era Programmazione 2, però ricordo che io sono stata trattata malissimo perché ero una ragazza perché pensava che avessi la media del diciotto. E se un professore mi vuole trattare male perché quel giorno gli girano, va beh… però allora lo deve fare fino in fondo: non è che se poi apre il libretto e vede che ho anche dei trenta cambia da così a così. Mantieni il comportamento! Ma si sa che a Informatica le ragazze son sempre viste un po’ così… (Martina)

15Nell’insieme non sembrano emergere particolari difficoltà di relazione con i professori maschi ma quando si incontrano donne insegnanti ci si accorge della differenza: avere modelli femminili per le studentesse è fondamentale perché dà loro forza e fa maturare la convinzione che quel mestiere è adatto anche a loro.

Per noi ragazze è fondamentale avere davanti donne insegnanti perché dimostra che ce la possiamo fare! Ci dà la carica! (Matilde)

Poi noi abbiamo alcune docenti donne: è importante perché ci fa capire che anche se è un lavoro da uomini le donne riescono e riescono anche meglio degli uomini! Sono proprio in gamba, io le stimo tantissimo, proprio per il ruolo che ricoprono. Secondo me insegnano tanto: sia a noi ragazze nel crederci, che ai ragazzi a fargli capire che ci sono anche le donne. (Emma)

6.3. I ragazzi sono più portati per le materie scientifiche?

16Di fronte alla domanda: «Cosa pensa dell’idea che i ragazzi sono più portati per le materie scientifiche?», le intervistate danno risposte combattute che tendono a sfatare questo luogo comune cercando di fornire una motivazione culturale di una differenza che risulta quindi appresa dal contesto, oppure a ricondurre questo dato a differenze e gusti del tutto individuali (non legati al genere di appartenenza).

Secondo me no, ancora non si può fare questo confronto perché siamo ancora così poche noi ragazze a Ingegneria che il confronto non si può fare. Bisognerebbe magari essere un numero equilibrato e vedere l’andamento (…). Nel mio corso ci sono ragazzi in gamba, bravi, molto volenterosi… sono bravi perché studiano molto molto molto: non è che a loro vien più facile! Ore di studio uguale riuscita all’esame: è un’equazione che vale allo stesso modo per maschi e femmine. (Matilde)

Secondo me entrambi, ragazzi e ragazze, sono portati a fare questa strada se gli piace, è una questione di interesse. Non a tutti interessa. (Greta)

Secondo me sono differenze individuali, dipende proprio dalla persona, non dall’essere maschio o femmina. Ci può essere un bravissimo letterato e ci può essere una bravissima scienziata: dipende dal gusto personale. (Antonella)

Secondo me è una cosa che deriva dal passato: non penso che sia un’indole maschile o femminile, è una questione individuale. Io dal mio punto di vista non ho mai studiato tantissimo perché le materie scientifiche mi son sempre risultate facili per cui… (Roberta)

17Soltanto Arianna e Marta ipotizzano una diversa predisposizione dei ragazzi che, a loro parere, riescono a razionalizzare meglio i problemi e a risolverli in maniera più intuitiva, ma forse – aggiunge Marta – è solo perché «fin da piccoli i ragazzi sono abituati a ragionare su certe cose…».

Io penso sia dovuto proprio a questo fatto che i ragazzi magari ragionano più a mente fredda, è vero, questo riescono più facilmente a farlo. Le ragazze invece sono un po’ più lunatiche, riescono meno a razionalizzare il problema, forse una minima predisposizione c’è in questo senso. Però non credo che in percentuale sia una differenza così significativa la capacità di razionalizzare nei maschi piuttosto che nelle femmine. (Arianna)

I ragazzi risolvono spesso i problemi in maniera più intuitiva mentre forse le ragazze arrivano a risolvere i problemi facendo più passaggi, effettivamente. Forse perché fin da piccoli i ragazzi sono abituati a ragionare su certe cose. (Marta)

6.4. Cosa farò da grande? I progetti attuali e i sogni di bambina

18Come si immaginano il loro futuro lavoro le studentesse iscritte ai corsi di laurea di ingegneria, informatica, geologia, enologia, scienze vivaistiche, fisioterapia? Che mestiere vogliono fare “da grandi”? Le intervistate rispondono a queste domande con grande entusiasmo, proiettandosi con fiducia nel futuro:

Mi piacerebbe fare Meccanica ma più su un lato energetico, andare a lavorare nel campo dei metanodotti, tipo un tecnico che deve gestire un impianto di metano o un impianto petrolifero. È un lavoro più sul campo, di monitoraggio dei macchinari per migliorare la funzionalità. (Margherita)

A me piacerebbe fare l’agronomo, aprire un’azienda vinicola per l’import-export di vini. Ambizioni a mille! (ride). (Sara)

Mi piacerebbe un lavoro che mi coinvolga nell’aspetto amministrativo dell’azienda, essere coinvolta nelle fasi decisionali, come può essere una commercializzazione. Insomma un lavoro più da ufficio. Il verde mi affascina tanto: mi piace l’idea di sapere gestire il verde in maniera rispettosa e fatta bene. Però non mi vedo lì con il pollice verde a curare direttamente le piante (ride), mi vedo più a curare gli aspetti amministrativi e comunicativi del verde. (Valentina)

Vorrei diventare un agronomo, quindi vorrei andare a consigliare alle aziende che prodotti utilizzare per le piante, come curarle se hanno certi parassiti o malattie. Il “medico delle piante” – io lo chiamo così – mi piace! Invece di curare le persone si curano le piante, mi pare importante. (Beatrice)

Vorrei diventare un enologo! Mentre frequentavo la scuola per sommelier, mi sono resa conto che amo molto stare a contatto con le persone ma non al punto tale di stare tutto il giorno chiusa in un locale. Non posso lavorare tutto il giorno in un posto chiuso, ho bisogno di stare a contatto con la natura perché son sempre vissuta così: quando ero bambina la mia domenica non era prendere il caffè in centro ma d’inverno andare a cercare i funghi nel bosco o a primavera i fiori nei prati e tutto il resto… Penso che non esista cosa più bella dello stare bene da soli e il bosco comunque te ne dà l’opportunità. Di conseguenza, conscia che mio padre ha fatto e fa tutt’ora un lavoro bellissimo – l’enologo – ho detto: prendo la sua strada. (Francesca)

19Alcune intervistate spaziano con la fantasia e cercano di unire in maniera creativa competenze differenti per inventarsi nuovi lavori, o comunque lavori poco noti. È il caso di Giulia che vorrebbe unire le sue conoscenze linguistiche – ha studiato al liceo linguistico ed è appassionata di lingue – con le competenze che sta maturando a Ingegneria meccanica:

Si potrebbe fare un discorso di mediazione linguistica su materie scientifiche, mi sto informando per capire se è possibile… Cioè se io finisco la specialistica potrei andare a fare la mediatrice linguistica proprio su quelle materie lì: perché conosci la lingua ma sai anche quello di cui parli per cui anche questo potrebbe essere un buon modo per conciliare tutto! (ride). (Caterina)

20Anche Alessandra ipotizza di poter unire la sua vecchia passione per il giornalismo con la laurea in Geologia:

L’idea di fare giornalismo comunque non me la sono ancora tolta dalla testa… Infatti ti dirò che non mi dispiacerebbe fare un master in giornalismo per poi fare giornalismo scientifico: tipo la fotoreporter del National Geographic! Quello è un altro dei miei sogni! (Alessandra)

21Infine Roberta, iscritta a fisioterapia e insegnante di danza, trova naturale “unire questi due mondi”:

A me visto che faccio danza a livelli alti, piacerebbe legare le due cose: danza legata alla fisioterapia. Io per esempio ho sempre avuto problemi alle caviglie e quindi sono sempre stata in mezzo a fisioterapisti… Io insegno già in una scuola di danza per cui mi piacerebbe anche come fisioterapista aiutare le ragazze che hanno problemi a risolverli, visto che io ho penato tanto! Unire questi due mondi: la danza e la fisioterapia. (Roberta)

22In una successiva domanda ho chiesto alle intervistate di individuare le doti necessarie per svolgere bene il proprio mestiere futuro. Per Marta, futura ingegnera aerospaziale, occorrono intuizione e creatività:

Molta intuizione, molta voglia e creatività, non troppa pedanteria dal mio punto di vista, un po’ di guizzo, di essere sveglie e non pedanti nell’applicare le formule. (Marta)

23Secondo Giulia e Margherita, future informatiche, doti essenziali sono la creatività, l’elasticità mentale, ma anche la pazienza:

L’elasticità mentale, soprattutto. Bisogna avere una certa predisposizione al problem solving, a cercare la soluzione più efficiente possibile, o più pratica possibile. Quindi per me la qualità più importante è l’elasticità mentale, per cui dato un problema la capacità di approcciarsi al problema e trovare gli strumenti per poi risolverlo, senza avere già la soluzione in tasca. (Giulia)

Sicuramente la pazienza, la calma, perché ci vuole molta pazienza nel trovare gli errori, nel pensare a trovare la soluzione ai problemi in progress, perché è un lavoro in cui mano a mano che procedi vengono fuori errori, problemi che tu devi risolvere (sorride). È un lavoro metodico ma creativo al tempo stesso. Ci sono delle cose “già pronte”, nel senso che ci sono delle basi da cui parti, per cui qualunque persona che si applica e studia riesce a fare certe cose. Poi chiaramente c’è chi ci può arrivare da solo e chi invece ha bisogno di fare più pratica. Comunque avere un’idea aiuta, la creatività aiuta, ci vuole. (Margherita)

24Per essere una brava enologa – sostengono Francesca e Chiara – bisogna avere attenzione per i dettagli, senso di responsabilità, conoscenze chimiche e poi è richiesta fantasia e attenzione oltreché la pazienza di aspettare i tempi della natura:

A livello di conoscenze deve spaziare a vari livelli, dal livello chimico a livello di responsabilità nei confronti degli altri, della salute delle persone, perché per quanto ci siano controlli è necessario avere anche questa responsabilità: l’enologo deve conoscere il territorio e deve sapere rispettarlo ma anche sfruttarlo al meglio (…). Vedendo mio padre vedo che sviluppa molto l’attenzione: mio padre è molto pignolo, perfezionista e poi bisogna avere tanta fantasia e ovviamente avere la pazienza di aspettare i tempi della natura, i tempi della terra. E poi la fantasia perché non tutti i vini sono uguali. I sapori, i gusti, li può gestire l’enologo: sta alla sua fantasia. (Francesca)

Servono non solo le capacità, che si acquisiscono, ma secondo me è proprio un modo di essere: l’attenzione ai dettagli, sapere essere attenti ai dettagli, ecco. (Chiara)

25Beatrice, futura agronoma, mette al centro l’esperienza, la pratica, ma anche la passione e la volontà:

Ci vuole di sicuro la base teorica e poi tanta esperienza, tanta pratica. Poi ovviamente passione e volontà… Se ti piace una cosa è fatta! Io del lavoro di agronomo ne vorrò fare non un lavoro ma la mia vita: in mezzo a un prato, sotto un albero mi devo sentire proprio serena, in sintonia con la natura, quasi da sentirle respirare le piante… Ora magari sembro un po’ hippy ma insomma (ride) io voglio proprio amare le piante, voglio che mi dicano quello di cui hanno bisogno… (sorride). (Beatrice)

26È interessante paragonare i progetti professionali delle intervistate con i loro sogni di bambina. Cosa sognavano di fare da grandi le intervistate? Quali erano i loro desideri quando erano bambine? I progetti erano i più vari:

La pittrice! Perché andavo da una pittrice che mi insegnava a disegnare. Poi la ballerina, poi la veterinaria che è un sogno che è durato fino alle superiori e poi mi son vista ingegnere, un mestiere che ho provato e mi è piaciuto. (sorride). (Sofia)

Alle elementari facevo sogni un po’ strani… (ride). Mi sarebbe piaciuto fare il gelataio oppure la cassiera. Mi piaceva l’idea di lavorare nei negozietti (ride), maneggiare soldi, queste cose qui (ride)… Poi a un certo punto mi sarebbe piaciuto fare il medico, proprio il pediatra per stare a contatto con i bambini. (Greta)

La biologa marina! Mi piacevano le foche (ride). (Margherita)

Hostess o direttrice di banca, due sogni un po’ schizofrenici! (ride). (Caterina)

La fioraia! (Laura)

Volevo tradurre libri! (Giulia)

Io volevo fare la biologa marina! (ride). Non so come mi era venuta in mente, forse avevo visto questa cosa in tv! Comunque vedi che la questione ambientale già c’era (ride). (Alessandra)

Io ero molto megalomane, dicevo sempre che avrei fatto un lavoro con cui mi sarei mantenuta da sola, che sarei stata autonoma, molto ragazza in carriera! (ride). Dicevo: «E se poi non troverò un uomo, pazienza, tanto io saprò badare a me stessa!». Dicevo cose di questo tipo, poi con il tempo ho calato un po’ le aspettative (ride). (Valentina)

Veterinaria! Anche le maestre delle elementari che magari vedo ancora in giro mi dicono: dovevi andare a Veterinaria! (Roberta)

Non lo so, non avevo un chiodo fisso, forse perché la professione di ingegnere ancora non la conoscevo! (ride). (Emma)

  • 1 La formazione dei titoli professionali declinati al femmine costituisce ancora oggi uno dei temi pi (...)

27Paragonando i progetti adulti con i sogni infantili, emerge un dato interessante: nessuna delle intervistate da piccola contemplava tra i mestieri possibili quello che poi ha scelto di fare una volta divenuta adulta. L’idea di poter fare l’ingegnera, l’informatica, la vivaista, la geologa… non era assolutamente prevista: nasce successivamente, in età adulta. Altro dato curioso riguarda il fatto che i mestieri citati sono declinati più spesso al femminile – pittrice, ballerina, veterinaria, cassiera, fioraia, biologa marina, hostess, direttrice di banca – e raramente al maschile – gelataio, (il) medico, (il) pediatra. Nel corso delle interviste accade il contrario: le ragazze utilizzano quasi sempre il termine al maschile per parlare della propria professione futura (l’ingegnere, il geologo, il vivaista, l’agronomo, il fisioterapista). Questo accade perché i percorsi di studio e di carriera intrapresi dalle ragazze sono ancora oggi socialmente concepiti come prevalentemente maschili e manca ancora il riconoscimento linguistico di una professionalità femminile. Nel corso delle interviste ho posto la questione del sessismo linguistico1 chiedendo alle intervistate se preferivano essere nominate al femminile o al maschile. Ecco alcuni dialoghi:

Lei preferirà essere chiamata ingegnere o ingegnera?
Non lo so, è indifferente, so che ci fanno battute… (Arianna)

Preferisce essere chiamata ingegnera o ingegnere?
Mah… credo che sia corretto ingegnere…
Beh, no, in realtà il titolo corretto sarebbe ingegnera.
Beh, comunque non credo sia molto importante la femminilizzazione del titolo. (Marta)

Un’altra curiosità: si vorrebbe definire ingegnere o ingegnera?
Direi “ingegnere”, senza alcuna accezione né maschile né femminile, insomma, in generale: ingegnere va bene per tutti. Anche ingegnera va bene, basta che non venga usato per dire: «Ah, è un ingegnere donna…», cioè senza usarlo con pregiudizi. (Matilde)

Preferisce ingegnere o ingegnera?
Ingegnere, al maschile, ingegnera non credo esista (ride). Anche le professoresse qui vedo che si definiscono ingegneri…
Invece esiste!
Ah, allora se esiste sicuramente ingegnera! Di certo! (Sofia)

Le piace di più il termine ingegnere o ingenera?
Sono abituata a dire ingegnere ma ogni tanto mi capita di dire anche ingegnera… non mi dispiace… (Greta)

Informatico o informatica: quale delle due espressioni preferisce?
Non lo so (sorride), forse informatica. (Giorgia)

A proposito: preferisce ingegnere o ingegnera?
Ingegnere! (Margherita)

Si farà definire ingegnere o ingegnera?
Ingegnere, ingegnera non mi piace. Poi mi piace l’idea che dicano: «Arriva l’ingegnere Rossi» e poi arrivo io che sono una donna (sorride). (Emma)

  • 2 B.L. Whorf (1956), Linguaggio, pensiero e realtà, Torino, Bollati Boringhieri, 1970.
  • 3 F. Sabatini, Più che una prefazione, in A. Sabatini, Il sessismo nella lingua italiana cit., p. 11.
  • 4 S. Luraghi e A. Olita (a cura di), Linguaggio e genere cit.
  • 5 P. Violi, L’infinito singolare. Considerazioni sulle differenze sessuali nel linguaggio, Verona, Es (...)

28Come si evince da questi brevi dialoghi la questione della femminilizzazione dei titoli professionali è liquidata molto sbrigativamente dalle intervistate, talvolta con un tono ironico. La maggior parte delle ragazze sembra pensarci per la prima volta nel momento stesso in cui io pongo la domanda. Ma sappiamo bene che il linguaggio, in quanto sistema che riflette la realtà sociale e al tempo stesso la produce2, è il luogo in cui la soggettività degli individui si costituisce e si modella. La lingua è «un binario su cui viaggia il pensiero»3: il nostro modo di esprimerci influenza il nostro modo di pensare e di rappresentarci il mondo. La lingua che parliamo e le pratiche sessiste che essa incorpora diventano dunque indicatori, se non addirittura responsabili, degli stereotipi di genere presenti nella società4. Rispetto al genere femminile il linguaggio ha avuto da sempre un potere di annullamento simbolico che rendendo invisibile la donna come soggetto del discorso5, la rende automaticamente invisibile anche nella realtà sociale: ciò che non viene nominato non esiste. Come non interrogarsi allora sui condizionamenti di genere insiti nella lingua che utilizziamo? Perché non iniziare a implementare pratiche linguistiche rispondenti ai cambiamenti avvenuti nella realtà? Se nella società esistono ormai molte donne laureate in Ingegneria perché non dovremmo nominarle con il loro nome (ingegnere)?

6.5. L’immagine del futuro

  • 6 La scelta di limitare la proiezione nel futuro in un arco di tempo limitato (5-10 anni) deriva dall (...)

29Dopo aver ricostruito il proprio percorso scolastico e accademico, nella parte conclusiva delle interviste è stato proposto di fare una proiezione nel futuro con una domanda aperta: «Come immagina la sua vita in un “futuro breve”6, in un arco di tempo che va da cinque a dieci anni?».

30Questa domanda ha aperto il campo a riflessioni di ampia portata che riguardano non solo la propria vita professionale ma anche quella privata-famigliare. Rispetto all’arco di tempo proposto – proiezione tra cinque e dieci anni – le ragazze hanno adottato la strategia di ragionare a piccoli passi, cominciando dagli obiettivi più urgenti, di breve periodo, per arrivare a spaziare in progetti di più lungo periodo.

6.5.1. Ragazze in viaggio: «Mi piacerebbe finire l’università e partire»

31La maggior parte della intervistate, dopo la laurea o già prima di laurearsi – nel periodo dello stage – sogna di viaggiare e di fare esperienza fuori dall’Italia.

Io sono consapevole che molto probabilmente andrò all’estero. E ne sono anche contenta nel senso che, ok, se trovo un lavoro qui che mi piace sto volentieri anche qui, ma l’idea di andare all’estero mi stuzzica abbastanza. (Arianna)

Vorrei conoscere meglio il mondo, assolutamente vorrei viaggiare, questo è un obiettivo importante che mi pongo. Vorrei studiare qui e poi magari cercare lavoro anche fuori dall’Italia: non mi voglio precludere nessuna strada. (Matilde)

Mi vedo fuori, anche all’estero, non mi spaventa la cosa. Penso che se a diciannove anni nel mio piccolo mi sono spostata dal mio paese per venire a studiare qui a Firenze, tutta sola e senza sapere niente della situazione che avevo di fronte, una volta laureata e matura non avrò problemi. (Emma)

Io vorrei fare un percorso di studio all’estero, mi piacerebbe durante la magistrale e poi in un futuro se in Italia non ci dovesse essere lavoro potrei andare all’estero. Vorrei andare in America, oppure in Germania, che sono i posti dove c’è più possibilità per un ingegnere biomedico. (Greta)

Io non vorrei solo studiare ma vorrei anche viaggiare, fare esperienze… Quindi mi piacerebbe finire l’università e partire (…). Mia mamma me lo dice sempre: «Studia e vattene da qui». Firenze ormai non mi dà più niente, son vent’anni che ci vivo. (Laura)

I primi anni saranno stage, quindi starò qui a Pistoia, ma poi mi piacerebbe andare in Inghilterra: i giardini all’inglese… Mi piacerebbe anche viverci! (Beatrice)

32Giulia è combattuta perché in prima battuta le sarebbe piaciuto fare un’esperienza di lavoro in Svizzera per avere maggiori opportunità di lavoro ma poi si è resa conto che con una laurea in Informatica potrà trovare lavoro anche rimanendo in Italia e quindi probabilmente dovrà “restare”, non senza qualche rammarico.

A livello lavorativo è un tasto dolente perché da un lato a volte sogno di andare all’estero, di andare in Svizzera perché ci sono grandi aziende. Però poi mi sono un po’ ridimensionata quando dopo la laurea triennale hanno iniziato a chiamare tante aziende per fare colloqui e mi son resa conto che è possibile avere un buon lavoro anche rimanendo in zona, a Pisa, a Livorno, a Milano… Quindi penso che forse ora mi vedrei bene anche a restare in Italia. (Giulia)

6.5.2. Prima il lavoro o la famiglia?

33Il desiderio di un’esperienza all’estero riguarda gli anni immediatamente postuniversitari o precedenti alla laurea. La proiezione nel futuro slitta poi rapidamente in avanti, verso i trent’anni, età che per le ragazze sembra fungere da linea di confine tra un “prima”, in cui si può sperimentare, viaggiare…, e un “dopo” in cui si è chiamate a fare davvero scelte importanti, cercando di combinare tra loro due ambiti prioritari: il lavoro e la famiglia. Il campione femminile si spacca in due: una parte largamente maggioritaria delle intervistate pone in primo piano il lavoro, una seconda parte dà invece priorità ai progetti familliari. Ecco alcune testimonianze di coloro che pongono al centro il lavoro e la realizzazione personale:

Avrò una concezione nordica (sorride) ma per me il lavoro è fondamentale, anche perché ho visto persone, donne, che si dedicano al 100 per cento alla famiglia e alla fine finiscono per essere frustrate, finiscono per sentirsi qualcosa in meno rispetto alla società che lavora. Non credo che riuscirei a vivere senza lavorare, senza “sporcarmi le mani”! (sorride). (Elisa)

Io sicuramente mi devo laureare e trovare un lavoro. Mi farò una famiglia, penso. Però ritorno a mia madre… Lei ha studiato e poi si è sposata e ha dovuto fare un bel po’ di rinunce. Io invece voglio, sì, una famiglia ma mi voglio anche realizzare personalmente. Per prima cosa voglio essere una persona indipendente. Per adesso prima ci sono io, poi c’è il resto. (Emma)

Vorrei fare un lavoro che mi piace. Poi io ancora sto con i miei ma vorrei presto andare via, per conto mio. Poi son fidanzata da tanti anni per cui… . vediamo… Ho anche progetti famigliari ma più avanti. Voglio prima un lavoro fisso. (Alessandra)

34Il tempo è una dimensione che viene menzionata in maniera martellante nelle risposte femminili: diventa il parametro più attendibile per misurare l’effettiva possibilità di conciliare i progetti professionali con quelli famigliari.

Sì, c’è anche un progetto di famiglia, ma dopo: prima la carriera e poi dopo i trent’anni anche la famiglia. (Matilde)

Quanto all’idea di una famiglia… credo di averla, nel senso che appena stabilizzata, perché no?, mi farebbe piacere… Ovviamente dopo aver trovato il lavoro. Certo che se i primi anni farò un lavoro per cui dovrò viaggiare continuamente so che dovrò rimandare… Ecco, dipende molto da questo la tempistica. (Arianna)

E poi il coronamento sarebbe avere una famiglia, però so bene che comunque non ci stiamo con i tempi (sorride). Cioè, se tutto va bene a ventotto o trent’anni avrò appena ingranato con il lavoro e il pensiero di avere subito una famiglia lo vedo troppo precoce. È anche vero che si invecchia (ride) e io non voglio arrivare a trentotto anni per avere il primo figlio. Io non vorrei essere un “genitore vecchio”, o comunque con uno stacco d’età così grande tra me e i miei figli. E non vorrei neanche sposarmi a trentacinque anni, perché comunque la vita se non la vivi da giovane… Cioè le esperienze importanti della vita le devi fare in un momento consono: io la vedo così. E quindi… L’unica soluzione è questa: mi laureo e poi devo trovare un marito veloce veloce! (ride). (Margherita)

Verso i trent’anni, trentadue anni, certo, voglio anche una famiglia. (Laura)

Spero di avere una famiglia, dei figli… presto, cioè presto… non a quarant’anni! (Giulia)

35Nel caso di Alice invece non si pone il problema della conciliazione perché la famiglia non viene contemplata nei propri progetti di vita:

Ma sai, io comunque non voglio figli (ride). Io sono molto radicale per cui se avessi un figlio qui in Italia avrei problemi a mandarlo a scuola perché non mi piace come funziona la scuola, non mi piace per niente… In questo momento storico non saprei dove crescere un figlio come voglio io, soprattutto in Italia. Per fortuna ho un compagno a cui piacciono molto i cani! (ride). Per ora ne abbiamo uno… Lui ha ventotto anni, per ora ha detto che va bene così. Io proprio non ho mai avuto istinto materno. (Alice)

36Sul fronte opposto ci sono coloro che sono disposte a fare rinunce nel lavoro – rispetto, per esempio, alle possibilità di carriera – pur di coronare il sogno di una famiglia e dei figli. Ecco i dialoghi che ho avuto con Caterina, Martina e Valentina:

Nel futuro si immagina anche una famiglia?
Sì, decisamente il progetto famiglia c’è! Verso i ventotto anni, i figli, è l’età giusta!
E come si fa a far tutto?
Hai voglia! La donna è capace di far tutto! E tutto in contemporanea! Poi sai, io non è che voglio fare la ricercatrice, non è che se vado all’estero è per una dimensione di far carriera, ma è solo per trovare un lavoro coerente con i miei studi. E poi non ci starei con i tempi perché se mi laureo a ventotto anni e voglio far carriera finisce che la famiglia mi tocca farla tra trentacinque e quarant’anni, ed è davvero tardi. Per me la famiglia va fatta prima. Altrimenti finisce che rimani dipendente dalla tua famiglia d’origine fino a troppo tardi. Tu devi essere indipendente con il lavoro e poi i figli vanno fatti tra i venticinque e i trent’anni, non voglio un figlio a cinquat’anni!
Quindi non rinuncerebbe a metter su famiglia per questioni di lavoro?
No, assolutamente, rinuncerei più facilmente al lavoro, la famiglia è importante. (Caterina)

Quindi se lei si proietta tra 5-10 anni, come si vede?
Io mi vedo con un lavoro normale, un figlio e una famiglia! Purtroppo è così.
… anche a costo di mettere la laurea nel cassetto?
Eh…
Vede davvero inconciliabile il lavoro con la famiglia?
No, no, vedo inconciliabile un lavoro del tipo vado all’estero, faccio carriera. Poi io sono molto legata alla mia città, anche quando sto via una settimana mi manca Pisa, non ho un carattere predisposto alla carriera. A me piacerebbe ovviamente fare il lavoro per cui ho studiato però uno si deve anche un po’ accontentare e se trovo qualcos’altro, anche non proprio inerente agli studi, pazienza. (…) Per me comunque la famiglia è un obiettivo centrale: se non avessi fatto l’università e magari a quest’età avessi avuto già un lavoro probabilmente avrei già pensato di avere un figlio. (Martina)

Ha un progetto famigliare?
Sì, certo: il mio desiderio più grande per me è la famiglia. Ora magari è meglio non dirlo ad alta voce, visto che sono una donna! (ride).
È una frase un po’ pericolosa in effetti… (sorrido)
Eh… certo… se una sul lavoro dice che il suo desiderio più grande è la famiglia non la prenderanno mai! Devo stare attenta… (ride). (Valentina)

6.5.3. L’indipendenza economica e “una stanza tutta per sé”

37Quanto è importante l’indipendenza economica per le giovani intervistate? Per molte pare un obiettivo prioritario, spesso collegato alla volontà di staccarsi dalla famiglia di origine per avere una casa e un progetto di vita autonomo.

La prima cosa che mi sono prefissata è che non voglio dipendere da nessuno, ed è dura, lo so, me ne rendo conto. Non voglio dipendere da un compagno né dalla mia famiglia, perché non lo trovo giusto. Loro – i miei genitori – spendono tanto da una vita per mantenermi agli studi e non è che me lo fanno pesare ma è proprio una cosa mia: voglio che anche loro abbiano il giusto riconoscimento… (Margherita)

I soldi sono importanti, questo sì, perché comunque ho dei progetti di mettere su famiglia e per farlo c’è bisogno di mantenerlo, un figlio. Non voglio certo contare su un marito tesoriere! (ride). Questo per me è proprio fuori discussione, per cui ho bisogno di un lavoro che mi garantisca un reddito base. (Elisa) Io spero prima di tutto di essere sistemata dal punto di vista lavorativo ed economico e di essere indipendente e già di avere “una stanza per me”, anche in affitto (sorride). (Margherita)

38Indipendenza economica non significa necessariamente guadagnare molti soldi: giusto quel che basta per “vivere tranquillamente”.

Non mi immagino certo ad ammazzarmi di lavoro, non voglio diventare una donna in carriera. Voglio un lavoro che mi permetta di vivere tranquillamente ma non voglio certo una Ferrari! (Laura)

No, in realtà lo stipendio non è così importante. Cioè preferisco sinceramente la soddisfazione professionale che il mero guadagno. Un lavoro soddisfacente con un guadagno inferiore lo ricerco molto di più che il viceversa. (Marta)

6.6. Parlando di pari opportunità con le ragazze

6.6.1. La conciliazione: un’impresa possibile?

39In chiusura della parte dedicata al lavoro ho posto una domanda sulla conciliazione tra vita privata e vita affettiva e famigliare: «Pensa che riuscirà a conciliare il suo lavoro con una vita famigliare, magari con dei bambini?».

40Alcune intervistate si sono dimostrate ottimiste. Pur non sottovalutando la portata del problema, con un pizzico di leggerezza e qualche inevitabile forzatura riescono a far quadrare il cerchio: la conciliazione diventa allora un’impresa possibile. Ingredienti fondamentali per la buona riuscita del progetto sono: un marito “moderno”, asili nido, babysitter, e se possibile un aiuto da parte dei nonni (o meglio, delle nonne).

Non so come farò ma insomma penso che ci si possa riuscire! (ride). Anche perché a me una famiglia mi piacerebbe averla, però non vorrei mai rinunciare al lavoro dopo tutto questo studio… Magari bisognerebbe trovare un padre un po’ “moderno” (sorride), oppure mandare il bimbo al nido, ci sono queste strutture pubbliche per cui si potranno sfruttare, penso (…). Bisogna essere ottimisti, per forza! (Greta)

Sì, sicuramente è un lavoro impegnativo, un lavoro che richiede molto tempo però non credo che sia veramente così pesante. Sì, magari avrai meno tempo per sbrigare le faccende di casa… però non vedo molto una limitazione, credo di poter conciliare le cose. Anche perché se riuscissi a trovare un lavoro che magari mi impegna otto ore ma poi a casa non devo fare altro perché ho un aiuto domestico… Non mi pongo veramente questo problema. (…) Nel caso di bambini sono cosciente che è difficile però per esempio se lavorerò vicino casa mi farò aiutare da mia madre, oppure potrei assumere una babysitter, oppure li potrei mandare all’asilo. Non credo sia un problema (sorride). (Arianna)

Sì, spero di sì, non credo ma spero di sì! (ride). Una soluzione la troverò. Un compagno che anche lui lavora… Magari due figli… Insomma se riesco a trovare un buon lavoro, con un compagno che mi sta accanto, si può far tutto! (Sofia)

Fare l’ingegnere alla fine è molto simile a un lavoro in banca o in azienda. Ci sarà da lavorare un tot di ore al giorno, ma come in tutti i mestieri (ride). Non sono preoccupata, per ora (sorride). (Margherita)

41Roberta e Chiara sono le più ottimiste e non vedono particolari difficoltà:

Secondo me è possibile. Vedo che se lavori nel pubblico per esempio i fisioterapisti lavorano la mattina e il pomeriggio sono a casa. Lavorare nel privato i tempi te li gestisci come vuoi, per cui… (Roberta)

Sì, certo, si può fare! Anche perché penso che qualsiasi tipo di lavoro non sia vincolante, cioè se uno ha la volontà riesce a far tutto. Si può fare… almeno credo! (ride). (…) Vorrei creare uno spazio per formare una famiglia “classica” perché a me è piaciuto vivere in una famiglia così quindi spetterà a me gestire al meglio le cose: gestire il lavoro e la famiglia, insieme, magari più avanti. (Chiara)

42Sul fronte opposto un gruppo consistente di intervistate vive il problema della conciliazione in maniera assai più conflittuale e preferisce lasciare in sospeso la questione, posticipando al futuro una sua soluzione. I problemi principali sono legati alla fase di avvio del lavoro, alle possibilità di carriera, aggravate nel caso sia necessario spostarsi all’estero:

Mi dicono: «Ma poi quando trovi lavoro come fai? Se vuoi anche avere una famiglia come fai?». Perché il problema poi è anche la carriera. Perché se ti limiti a un lavoro normale, ok, ma se prosegui… Poi qui a Pisa informatica è molto prestigiosa per cui se poi ti iscrivi anche alla magistrale puoi davvero far carriera, quindi una donna per fare carriera tante volte è obbligata a delle scelte, ma questo non sono nell’informatica: o te fai carriera o fai un figlio. (Martina)

Io penso che all’inizio sia un impegno non indifferente, anche perché uno ha faticato tanto e vuole ottenere tanto. Quindi i primi anni la vedo dura conciliare i tempi del lavoro con la famiglia. Poi, sai, dipende dove andrò a lavorare. Un conto è se vado a lavorare qui in zona in un ufficio, ma se vado a lavorare in mezzo al mare o nel deserto… la vedo difficile. Ci penserò… Il fatto è che almeno all’inizio la cosa più importante per me sarà il lavoro: dal momento che ho studiato tanto voglio anche togliermi delle soddisfazioni. (Margherita)

Il problema che vedo è che è molto difficile che trovi questo lavoro qui, rimanendo in zona… All’estero lo troverei di sicuro. Questa cosa mi mette un po’ d’ansia… Poi come farei? Ho il ragazzo qui: o lascia il lavoro lui e si parte insieme, ma… E poi anche se trovo lavoro qui, in un’azienda, si tratta comunque di fare di continuo trasferte all’estero. Come farei con dei figli? È bene che non ci pensi (ride). (Alessandra)

Sì, sì… (sospira). Immagino probabilmente una vita di coppia, con eventuali figli, però è ancora abbastanza vago… Bisogna vedere io che farò, dove sarò, la persona che mi sarà accanto che farà e dove sarà… Insomma, vedo un po’ di problematiche proprio di gestione del rapporto… (Marta)

43In tutti i casi un requisito necessario per poter riuscire nella difficile impresa della conciliazione è instaurare una relazione di coppia paritaria, come sintetizza bene Marta:

Certo bisogna avere accanto una persona affidabile, capace di sopportare o meglio supportare (ride) la cosa. Bisogna essere una coppia alla pari: quello certamente, per forza di cose, ovviamente! Beh, potremo avere gli stessi orari di lavoro e non vedo perché dovrei fare più io che lui, in casa. Pari in tutto e per tutto! (Marta)

  • 7 Il rapporto problematico tra donne e tempo, teorizzato con la categoria della “doppia presenza”, è (...)

44La conciliazione dei tempi di vita e dei tempi di lavoro è dunque una questione all’ordine del giorno per le giovani donne7, mentre vedremo che è vissuta con molta più leggerezza dai loro coetanei maschi.

6.6.2. Le relazioni di genere nella famiglia di origine e le rinunce delle madri

45Come talvolta accade nell’ambito della ricerca qualitativa, e in particolare nelle interviste biografiche, nel corso della ricerca possono emergere dei temi non previsti inizialmente nella traccia d’intervista che però si affermano con forza come questioni centrali per gli intervistati e che dunque è doveroso integrare in fase di analisi dei dati. Abbiamo appena visto che, parlando della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, le intervistate danno per scontata un’equa ripartizione dei lavori di cura e domestici con il proprio futuro compagno/marito. Ragionando sul proprio modello ideale di famiglia le intervistate prendono spesso le distanze dai modelli di genere della propria famiglia di origine.

46Le madri di Beatrice e Valentina sono donne lavoratrici ma, nonostante questo, il carico del lavoro domestico e famigliare cade quasi completamente su di loro. Nell’immaginario della propria futura relazione di coppia le intervistate reputano inaccettabile questo squilibrio di ruoli e si distanziano fortemente dal modello materno.

Io credo che le donne tutt’oggi siano penalizzate. Vedendo la mia mamma direi proprio di sì perché lei a volte torna molto tardi la sera e comunque deve cucinare e vedo mio padre che arriva alle otto e si mette a tavola a guardare la tv. Non è che dice: «Che si cucina stasera?». Al massimo apparecchia… Se il mio futuro marito mi tratta così, stop. Io pongo le regole: te torni, sono stanca anch’io sicché mi aiuti a cucinare o comunque a sistemare in casa. Bisogna fare proprio metà e metà. Ecco, vedendo mia madre, non mi ci vorrei proprio ritrovare in quel modo! Comunque i miei genitori sono degli anni Sessanta, io spero che la mentalità delle generazioni del Duemila sia diversa. Siamo alla pari. Non esiste proprio più che la donna sta a casa e l’uomo porta a casa il pane. (Beatrice)

Mio padre non si è occupato della casa perché ha sempre fatto un lavoro che l’ha portato fuori di casa. Lavora nei vivai e quindi nelle sere d’estate in cui il sole cala alle nove, lui torna a casa alle nove. Lui è quello che ha sempre mantenuto la famiglia, cioè anche mia madre mantiene la famiglia, ma in misura minore e questo le consente di godersi di più la famiglia. Io invece la mia futura famiglia la vorrei alla pari: se c’è la possibilità di guardarli tutte e due i figli è decisamente meglio. Se penso di avere un marito che i miei figli li vede poco… secondo me è proprio brutto! I figli devono crescere in egual misura con una figura materna e una figura paterna. (Valentina)

47Beatrice pronuncia una frase forte: «Vedendo mia madre, non mi ci vorrei proprio ritrovare in quel modo!». Molti ritratti che le intervistate fanno delle proprie madri sono segnati da rinunce, percorsi interrotti e mai ripresi. Tutto per questioni legate alla maternità e dunque – di nuovo – all’annosa questione della conciliazione tra vita privata e professionale. Alcune delle madri delle intervistate hanno dovuto interrompere precocemente gli studi, altre hanno interrotto il lavoro dopo la nascita dei figli: in certi casi hanno ricominciato a lavorare una volta che i figli erano cresciuti, in altri non hanno più ripreso il lavoro e sono diventate casalinghe.

Mia mamma ha un diploma professionale e ha ricominciato a lavorare da poco perché aveva smesso per occuparsi di noi tre figlie. Adesso fa la segretaria in un’azienda. In passato aveva lavorato, poi quando è nata la prima figlia aveva smesso e ha ricominciato quando io facevo i primi anni delle medie. (Arianna)

Quando sono nata io mia mamma aveva ventotto anni e quando è nato mio fratello aveva solo venticinque anni per cui a quell’epoca faceva ancora stage, tirocini… Aveva un diploma in geometra ma ha dovuto cambiare lavoro per stare di più con noi. (Caterina)

Mamma aveva iniziato l’università, faceva Lingue, ma non l’ha conclusa. Non me l’ha mai voluto dire il perché (ride). Poi ha lavorato in un negozio ma è nato mio fratello ed è diventata casalinga, per scelta. (Giorgia)

Mia madre è diplomata in ragioneria, ha lavorato un pochino ma non le piaceva il suo lavoro e siccome aveva già avuto me, mio padre le ha detto: «Senti, visto che hai già una figlia, rimani pure a casa e faccio io due lavori». Infatti mio padre ha lo studio come ingegnere edile ma la mattina insegna matematica a scuola. Doppio lavoro. Mia mamma invece sta a casa, gestisce tutto. (Alice)

La mamma non lavora, è casalinga. È diplomata in maestra d’asilo, ha lavorato solo i primi anni, poi sono nata io, poi mia sorella, e ha smesso. (Chiara)

48Generalmente le intervistate non fanno commenti su un fatto che pare quasi scontato: quando nascono uno o più figli è normale che una mamma smetta – momentaneamente o definitivamente – di lavorare. Emma, Greta e Giulia raccontano invece con amarezza la storia delle loro madri che non hanno potuto portare a termine gli studi universitari oppure non hanno avuto modo di sfruttare appieno il proprio titolo di studio per retaggi culturali e limitazioni famigliari.

Mia mamma ha studiato psicologia a Roma, è stata fuori per quattro anni, negli anni Settanta, si è laureata nel 1980. Mia madre è stata una delle prime donne laureate a Lanciano. Poi però suo padre gli ha detto che dopo la laurea doveva rientrare a casa… Gli ha detto: «Tu la residenza a Roma non la prendi, devi tornare a casa». Quindi le ha dato questa grande opportunità per l’epoca di andare a studiare fuori sede, però poi l’ha bloccata appena laureata. Così mia madre ha ritirato fuori il diploma magistrale e ha iniziato a lavorare come maestra elementare a Lanciano. (Emma)

Mia mamma si è diplomata al liceo scientifico, poi ha iniziato a studiare Lettere, aveva fatto tutti gli esami, aveva anche la media del trenta, poi però per problemi famigliari non ce l’ha fatta a chiudere gli studi e ha lasciato la tesi in sospeso. Adesso è impiegata ai monopoli di stato, nell’agenzia tabacchi, giochi… È un’impiegata. (Greta)

Mia madre ha studiato a ragioneria poi aveva iniziato l’università, informatica, ma non l’ha portata a termine. (…) Lì per lì era convinta dell’idea di smettere perché c’ero io piccina quindi… Poi ha detto: «per ora smetto poi vediamo» e poi quel “vediamo” è diventato “mai”. Ora però mi dice che poi un po’ se ne è pentita perché se avesse stretto un pochino di più i denti, anche perdendo un anno o due. Aveva solo ventuno anni: ha interrotto gli studi e poi se ne è pentita. (Giulia)

49Infine Martina racconta con un pizzico di ironia la storia di sua madre che ha deciso di fare la mamma a tempo pieno fino a quando lei ha compiuto dodici anni, quando invece sarebbe potuta rientrare al lavoro molto prima:

Mia mamma ha un diploma di terza media e adesso lavora in un call center alle poste. Quando ha avuto me ha smesso di lavorare e mi ha cresciuto (…) Si è occupata di me anche troppo! Fino a che non avevo dodici anni! Infatti io sono anche stata poco con i nonni, son cresciuta con mia madre e le sue amiche, si andava ai giardini… D’altra parte lei dice sempre: «Ti ho fatta e ti ho vissuta, per tutta l’infanzia, i compleanni…». Però secondo me è giusto che sia tornata a lavoro: ci sarebbe potuta tornare anche prima! (sorride). (Martina)

50Volendo tentare un’analisi d’insieme di queste testimonianze sulle rinunce materne e sui ruoli di genere nella famiglia d’origine si può osservare una contraddizione di fondo: le intervistate accettano con estrema naturalezza un modello materno dal quale però prendono al tempo stesso assoluta distanza. Come dire: nella generazione appena precedente a quella delle intervistate era normale che le donne avessero come obiettivo centrale nella vita la maternità e la costituzione di una famiglia, ed era dunque normale che facessero rinunce – in primis sul lavoro – a tale scopo. Ciò che era normale per le madri diventa inaccettabile per le figlie ventenni di oggi, che vedono come obiettivo largamente prioritario quello dell’affermazione professionale. Al massimo possono pensare di scendere a compromessi sulle possibilità di carriera, ma certamente non rinuncerebbero mai al lavoro in sé, che è visto come elemento fondante della propria progettualità futura.

6.6.3. Esistono davvero pari opportunità nello studio e nel lavoro?

51Di fronte a questa domanda la reazione delle intervistate è nuovamente contraddittoria: da un lato non hanno difficoltà nell’ammettere che viviamo ancora in un paese tendenzialmente discriminante e sessista, soprattutto nell’accesso al mondo del lavoro, dall’altro – e quasi per rivalsa – le giovani donne tendono a minimizzare i retaggi di questa cultura sessista affermando tenacemente che ciò che conta è il merito, e la differenza di genere non deve “fare differenza”.

52Emblematico il caso di Giulia che afferma e al tempo stesso nega le discriminazioni sul lavoro. Ecco il nostro dialogo:

Secondo lei un laureato o una laureata in Informatica hanno le stesse opportunità lavorative?
So che le discriminazioni, se ci sono, non sono solo in questo settore. So di alcune mie amiche che dopo la triennale in altri ambiti o dopo il diploma sono state scartate e hanno preferito dei ragazzi rispetto a loro per il solo fatto che erano donne. Per i soliti problemi: la famiglia, se hanno figli stanno in maternità un anno a casa… Però credo che questo sia un problema non specifico del settore informatico ma più generale.
Quindi lei crede che per un’azienda avere davanti un informatico o un’informatica non faccia differenza?
Non credo… spero proprio che non sia così (sorride). So di alcune amiche laureate qui alla triennale che non hanno trovato grandi problemi a trovare lavoro. (Giulia)

53Chiara, futura enologa, cerca di controbilanciare il timore di possibili discriminazioni sul lavoro riaffermando certe qualità femminili:

Non saprei… magari per certi lavori in effetti per una donna è più difficile… Magari nella vigna, invece che in cantina, forse preferiscono di più un uomo per via della forza fisica… Vedo che magari anche nei tirocini se c’è da scegliere uno per un lavoro nei campi, nella vigna, e magari il gestore ha una mentalità di un certo tipo, può preferire un maschio. Però in altri lavori io credo che siano più portate le donne, per esempio nel gusto, nell’assaggiare un vino, capire se è più forte o più delicato… Io sarò di parte (ride), ma credo che siano più portate le donne a far questo. Ci spero almeno (ride). (Chiara)

54Matilde spera che alla fine sia riconosciuto il merito:

Spero che alla fine venga riconosciuto il valore, la capacità e l’impegno della persona e non sia portato avanti solo in quanto donna o uomo. Se l’individuo, cioè il datore di lavoro, non si lascia guidare da questi pregiudizi futili e infondati non ci sono problemi neanche per le donne. (Matilde)

55Sara ritiene che se al posto di “capi-uomini” ci fosse qualche “capo-donna”, la situazione cambierebbe sensibilmente, a vantaggio delle donne:

Sì, non saprei spiegarti ma gli uomini hanno una diversa visione… I capi sono sempre uomini e quindi vedono gli altri uomini in una certa maniera, mentre le donne – ai loro occhi – saranno sempre più… come dire… sottomesse. Ai loro occhi ovviamente.
Quindi sarebbe meglio ci fossero più donne nei lavori di potere?
Eh sì. Avere un capo-donna cambierebbe i rapporti. Avere una donna come capo per me sarebbe bello. (Sara)

56Marta, Elisa e Caterina non negano eventuali forme di discriminazione tutt’ora presenti ma affermano caparbiamente che è controproducente focalizzarsi sulle differenze di genere: no, dunque, alle “quote rosa” e ai “fiocchi rosa”.

Io ritengo che anche il fatto di focalizzarsi su questa differenza di genere non faccia che peggiorare le cose. Per esempio: con le quote rosa non facciamo che enfatizzare e perpetuare la coscienza del problema. Oppure il premio “fiocco rosa”… Mia madre, che lavora in ambito medico, mi racconta che se impieghi nell’ospedale un tot di donne ti danno il premio. Dal mio punto di vista una cosa del genere non dovrebbe aver motivo di esistere, altrimenti si ritiene che effettivamente ci sia una distinzione. Siccome si è detto che siamo pari, queste cose non hanno senso di esistere. (Marta)

Tempo addietro ho militato per un certo periodo in un gruppo giovanile e si parlava anche di pari opportunità e si parlava per esempio anche delle quote rosa. Secondo me non è giusto: non è perché sono donna che mi devono essere garantite delle cose. Non è che siccome son bionda mi spetta un posto in parlamento! (sorride). Secondo me stiamo andando verso una tutela eccessiva di genere, mi sembra… Anche rispetto a questo lavoro, che posso dire? Magari ci saranno persone vecchio stampo che vedranno male le figure femminili però mi aspetto di lavorare con persone che son vissute in un certo momento storico per cui abbiano sorpassato questa classificazione in base al sesso delle persone. (Elisa)

Secondo me è sbagliato soffermarsi troppo sui generi: ragazzi e ragazze, a parità di studi, a parità di qualità, hanno le stesse opportunità e questo penso che il mio futuro datore di lavoro lo pensi! (ride). (Caterina)

57Nel complesso le intervistate fanno propria una strategia di sopravvivenza comune: sono consapevoli che incontreranno probabilmente discriminazioni in quanto donne, soprattutto nei loro settori professionali, ma poiché non hanno modo di far niente per rimediare al problema reale mettono davanti i principi, poco conta che siano del tutto utopici. In base a questi principi alla fine dovrà valere il merito, le distinzioni in base al sesso dovranno essere superate, le differenze non avranno più motivo di esistere. Dopotutto – ci ricorda Caterina – «Ragazzi e ragazze, a parità di studi, a parità di qualità, hanno le stesse opportunità». Non è forse giusto?

Notes

1 La formazione dei titoli professionali declinati al femmine costituisce ancora oggi uno dei temi più discussi all’interno di un ambito di studi, quello sul sessismo linguistico, che è stato introdotto in Italia da Alma Sabatini a metà degli anni Ottanta (A. Sabatini, Il sessismo nella lingua italiana, Roma, Presidenza del Consiglio dei Ministri, 1987). Da allora in Italia si è sedimentata una tradizione di studi che, a fasi alterne, si è protratta e arricchita fino a oggi. Si vedano in particolare i seguenti contributi: M.S. Sapegno (a cura di), Che genere di lingua? Sessismo e potere discriminatorio delle parole, Roma, Carocci, 2010; S. Luraghi e A. Olita (a cura di), Linguaggio e genere, Roma, Carocci, 2006; C. Robustelli, Lingua e identità di genere. Problemi attuali nell’italiano, “Studi Italiani di Linguistica Teorica e Applicata”, vol. 29, n. 3, 2000.

2 B.L. Whorf (1956), Linguaggio, pensiero e realtà, Torino, Bollati Boringhieri, 1970.

3 F. Sabatini, Più che una prefazione, in A. Sabatini, Il sessismo nella lingua italiana cit., p. 11.

4 S. Luraghi e A. Olita (a cura di), Linguaggio e genere cit.

5 P. Violi, L’infinito singolare. Considerazioni sulle differenze sessuali nel linguaggio, Verona, Essedue, 1986.

6 La scelta di limitare la proiezione nel futuro in un arco di tempo limitato (5-10 anni) deriva dalla constatazione di una crescente difficoltà dei giovani a fare progetti di lungo periodo. Come dimostrano le ricerche sociologiche sul rapporto tra i giovani e il tempo (Cfr. A. Cavalli, a cura di, Il tempo dei giovani, Bologna, il Mulino, 1985) la strategia più seguita dai giovani pare essere quella della “presentificazione”, o se si preferisce della “defuturizzazione”: si tratta di un modo di vivere il tempo in cui il futuro diventa irrilevante, al punto da scomparire, perché viene a mancare l’elemento della progettualità. Nei giovani e nelle giovani prevale dunque una concezione del futuro decisamente a breve termine, quasi un’estensione del tempo presente. Carmen Leccardi, in un’indagine sui progetti sul futuro di un gruppo di studentesse milanesi della secondaria superiore condotta alla fine degli anni Ottanta, utilizzò l’etichetta “futuro breve” proprio per indicare una particolare concezione del futuro di queste giovani donne che è misurabile in mesi piuttosto che in anni. Cfr. L. Carmen, Futuro breve. Le giovani donne e il futuro, Rosenberg & Sellier, Torino, 1996.

7 Il rapporto problematico tra donne e tempo, teorizzato con la categoria della “doppia presenza”, è un tema storico del dibattito femminista in Italia. Tra i contributi più significativi: F. Bimbi, La donna nella famiglia: dal dono materno all’orizzonte della doppia presenza, “Fare scuola”, n. 4, 1986; L. Balbo (a cura di), Tempi di vita. Studi e proposte per cambiarli, Milano, Feltrinelli, 1991; C. Saraceno, Tempo della famiglia e discontinuità femminile, in L. Balbo e R. Siebert Zahar (a cura di), Interferenze. Lo Stato, la vita familiare, la vita privata, Milano, Feltrinelli, 1979; C. Saraceno, Le donne e il tempo della vita quotidiana, in Ead., Pluralità e mutamento. Riflessioni sull’identità al femminile, Milano, Franco Angeli, 1987; S. Tabboni, Costruire nel presente. Le giovani donne, il tempo e il denaro, Milano, Franco Angeli, 1992. Tra i contributi più recenti segnalo: F. Dovigo, Strategie di sopravvivenza. Donne tra famiglia, professione e cura di sé, Milano, Bruno Mondadori, 2007.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search