Version classiqueVersion mobile

Gabbie di genere

 | 
Irene Biemmi
, 
Silvia Leonelli

Parte seconda. Fuori dalla gabbie di genere: una ricerca su percorsi accademici atipici

5. Le scuole medie, le scuole superiori e la scelta universitaria

Irene Biemmi

Texte intégral

Mi son detta: «Io una scelta facile non la voglio fare, mi voglio mettere alla prova!». Quindi ho cercato su internet e ho trovato ingegneria elettronica. Mi sono informata da sola: io non ho parenti ingegneri, non ho amici ingegneri. Io sono l’unica in famiglia ad aver tentato questa strada.
(Emma, futura ingegnera)
Io mi dissi: «Se non faccio questo passo qui ora non lo faccio più, e se non lo faccio mi sa che mi pento tutta la vita». E allora mi sono di nuovo iscritto all’università, a Scienze della Formazione.
(Tommaso, futuro maestro)

5.1. Ricordi delle scuole medie: «Sinceramente non ci tornerei!»

1Nella fase di avvio delle interviste ho sollecitato gli intervistati a fare un tuffo in un recente passato, quando frequentavano le scuole medie, per provare a ricostruire l’atmosfera generale di quel periodo, i ricordi dei propri compagni di classe, degli insegnanti e del proprio rapporto con la scuola. Un triennio particolare e importante, quello delle scuole medie, al termine del quale si è chiamati a maturare la prima grande scelta all’interno del proprio percorso scolastico: quella della scuola secondaria superiore. Il quadro che emerge, sia nei racconti delle ragazze che in quelli dei ragazzi, è desolante: le medie sono descritte come una fase negativa della propria esperienza scolastica, inserita in una cornice di malessere e disagio.

2Le ragazze collegano quel periodo ai cambiamenti legati all’adolescenza e a una difficoltà di integrazione all’interno delle classi, divise in tanti “gruppetti”:

Per me le elementari sono state gli anni più belli. Le medie sono state da incubo. Non ci si trovava proprio con la classe. Poi io non è che fossi tanto espansiva e magari mi ritrovavo con ragazze che già a quattordici anni hanno comportamenti… che si vogliono far vedere più grandi… discoteche… Quindi già il gruppo delle femmine era un problema. Poi tra i ragazzi ce n’erano alcuni che avevano problemi famigliari… era una classe molto a gruppetti… (Caterina)

Brutto, brutto. Ci ho pensato a lungo sul perché e alla fine ho pensato che è soprattutto una cosa di donne perché è un periodo troppo di transizione: arrivi che sei una bambina e esci che sei una ragazza. Per cui è tutto un fare paragoni: «quella c’ha già le tette», «quell’altra non è ancora sviluppata», e via dicendo. Per cui alla fine ci sono tutte queste paranoie mentali: lei è già sviluppata e tu invece sei un obbrobrio! (sorride). A quattordici anni questi cambiamenti fisici son fondamentali, poi quando sei più grande te ne puoi fregare ma a quell’età no. (Laura)

3I ricordi dei ragazzi sono tinteggiati in maniera ancora più marcatamente negativa. Le medie sono definite come un periodo “tremendo”, una parentesi buia che si colloca tra la scuola elementare – descritta come un ambiente caldo e accogliente – e la scuola superiore. Nella cornice negativa rientrano figure di insegnanti “vecchio stile”, che intimidiscono, fanno paura e creano rapporti freddi e distaccati. Tutti questi ingredienti fanno disamorare gli studenti che risultano demotivati nello studio, apatici, disorientati.

Alle medie odiavo la scuola e volevo smettere il prima possibile. Io non mi riconoscevo in quella scuola lì. Studiavo cose che non mi interessavano. E poi c’erano già alle medie dei professori in gamba ma altri vecchio stile che facevano imparare le cose a memoria e io queste cose qui non le sopportavo… Infatti anche alle superiori ho litigato tantissimo con i professori. Eppure alle medie mi adoravano tutti (sorride), ero il più bravo della classe e quindi non potevo mai fallire, dovevo sempre studiare, dovevo per forza andare bene… Ma la scuola proprio non mi piaceva. (Davide)

Io vedo in quel momento uno degli spartiacque della mia esistenza, non soltanto scolastica. Dunque, io alle medie andavo maluccio, navigavo tra la sufficienza e l’insufficienza un po’ in tutte le materie, ero un po’ un borderline. (…) Io non stavo bene a scuola. Il gap tra le scuole elementari e le medie è stato proprio tremendo. Sono arrivato in un ambiente freddo… L’unica cosa positiva è che sono maturati rapporti amicali durevoli e divertenti con i compagni, però a livello scolastico penso che siano stati anni che mi abbiano fatto più male che bene. Avevo paura, paura delle professoresse, di come trattavano gli altri: proprio dei rapporti umani scoppiati. Mi ricordo la sensazione di essere un pesce fuor d’acqua: non provavo passione per nessuna materia. (Tommaso)

4Un intervistato sofferma l’attenzione su un fattore a suo dire fondamentale per l’integrazione con i compagni di classe (maschi): sapere giocare o meno a calcio.

Alle medie mi trovavo proprio male. Perché dalle elementari alle medie ho avuto un brutto stacco, tutti compagni diversi. E poi, mi vergogno anche un po’ a dirlo ma ero quello un po’ passivo… nel bullismo, queste cose qui… alle medie ero un po’ la pecora nera, non avevo forti amicizie… ero rimasto aggrappato al passato, agli amici delle elementari. (…) Periodo proprio brutto, le medie. Era sia credo per un problema caratteriale, proprio non riuscivo a integrarmi… e poi, per esempio, a me non piaceva il calcio! (…) Già mi sentivo escluso, non ero apprezzato come giocatore. Giocare a calcio conta il 50-60 per cento nei rapporti tra ragazzi. (…). E poi anche i professori… che devo dire… Sa, non mi è rimasto nessuno in mente tra i professori quindi evidentemente non hanno contato molto. (Gabriele)

5C’è una sola testimonianza, quella di Diego, che esprime opinione positiva sulle medie, pur essendo consapevole di essere una voce di minoranza.

Mah, in controtendenza devo dire che è stato un grande periodo perché ho trovato questa sezione a sperimentazione musicale in cui si studiava uno strumento il pomeriggio, per cui era una scuola normale ma due volte a settimana il pomeriggio si suonava e c’era un pomeriggio in cui facevi musica con il resto della classe. Si preparava sempre uno spettacolo di fine anno in cui venivano coinvolte insieme tutte le classi, prima, seconda e terza, una cosa molto bella… diciamo un momento d’oro di una scuola che era davvero lungimirante nei progetti… Ho fatto delle scuole medie meravigliose. Sono stato benissimo. E anche in classe la mattina stavo bene, ho avuto un buon collegio docenti. Stranamente sono state fondamentali per me le medie. Mi rendo conto di essere stato fortunato (sorride). (Diego)

5.2. La scuola secondaria superiore

5.2.1. Come viene descritto l’orientamento tra “foglietti” e “test attitudinali”

6Nel ricostruire l’insieme dei fattori che concorrono a delineare la scelta della scuola secondaria superiore, in prima battuta ho chiesto agli intervistati e alle intervistate se avevano partecipato a un percorso di orientamento e, se sì, di che tipo. La domanda in molti casi è stata liquidata con risposte rapide, talvolta ironiche, che mettono in luce la scarsa credibilità e utilità dell’orientamento in terza media.

A scuola mi avevano dato uno di quei foglietti in cui ti scrivono qual è la scuola consigliata e a me avevano scritto lo scientifico. (Sofia)

Mi ricordo che ci fecero fare un test attitudinale e venne fuori che io ero portata per il geometra (ride). Ci credo! Uno si aggiusta le risposte e viene fuori quello che vuole! Guarda caso io volevo fare proprio quello (sorride). Poi come orientamento io non ho fatto altro, né visite nelle scuole né niente. (Sara)

Avevamo seguito dei percorsi di orientamento. Erano venuti dei professori di varie scuole a presentare i vari percorsi di studio, poi ci sono stati degli open day… ma non ricordo molto bene… (Matilde)

A scuola non mi pare che ci abbiano fatto orientamento, ci dettero quei libriccini informativi… Quindi poi ho scelto personalmente, chiaramente con il consulto della famiglia. (Antonella)

Un po’ di orientamento lo fecero: era un’ora con l’insegnante di lettere che ci fece comprare anche un libro “Impariamo a scegliere”, me lo ricordo sempre (sorride). Però sinceramente era una cosa un po’ tirata via: per esempio se non c’era tempo l’orientamento non si faceva o magari si faceva solo a ridosso dell’iscrizione alla scuola per cui era inutile. (Tommaso)

Mi ricordo che ci fecero una specie di corso per indirizzarci nella scelta, un test con dei risultati per l’indirizzamento e poi una specie di commento del professore. (sorride) Però alla fine uscirono per la maggior parte “vai dove vuoi” praticamente (ride). Quindi niente, completamente inutile (ride). I professori su di me scrissero che non manifestavo una predisposizione specifica quindi avevo libera scelta (sorride). Quindi poi ho scelto in autonomia. (Marco)

7Arianna e Matteo mettono in luce le criticità di un tipo di orientamento che sembra solo voler “pubblicizzare” un certo istituto superiore, falsando in certi casi le reali attività che si andranno a svolgere in quella scuola.

L’orientamento consisteva nelle visite alle scuole del mio paese. Diciamo che a volte queste visite che sono guidate dai professori stessi e non magari – cosa che sarebbe stata migliore – dagli alunni, sembravano un po’ un pubblicizzare (sorride). Per esempio «vedete come è bello questo laboratorio, com’è divertente fare queste cose!» (ride). Magari sarebbe stato meglio farci incontrare gli alunni, e parlare di cosa facevano in realtà in quella scuola, senza voler pubblicizzare troppo… (sorride). Anche perché poi alla fine, anche al liceo scientifico è più il tempo che si passa in classe a studiare che non quello passato in laboratorio a fare provette… è tutto volto ad attirare i ragazzini delle medie, che vedono le provette, l’acqua colorata… (sorride). Poi quando ci entri ti accorgi che non è proprio così. (Arianna)

Sì, i corsi di orientamento ci furono ma furono inutili, non si vide niente, servivano solo per saltare le lezioni di terza media. Ci facevano vedere qualche esperimentino nel laboratorio di fisica al liceo scientifico per esempio… poi mai più visto al liceo quel laboratorio (ride)! (Matteo)

5.2.2. Chi ha condizionato la scelta: gli insegnanti, la famiglia e gli amici

8Oltre a eventuali percorsi di orientamento scolastico, chi ha inciso maggiormente nella scelta della scuola superiore? I consigli degli insegnanti per molti intervistati sono risultati fondamentali.

Io alle medie ero abbastanza bravo, ero sul distinto, non tra i migliori perché avevo problemi con la condotta (ride). I professori mi hanno consigliato il liceo scientifico, io non è che fossi tanto convinto ma visto poi che anche in famiglia me lo consigliavano alla fine ho accettato di fare il liceo, anche se non è che fossi entusiasta perché sapevo che comunque era una scelta un po’ più difficile di altri percorsi. Per esempio diversi miei amici andavano al tecnico e sapevo che era una scuola più pratica, con meno cose da studiare. (Luca)

  • 1 Istituto Tecnico Industriale “Tullio Buzzi”.
  • 2 Istituto Professionale Industria e Artigianato.

La scuola superiore non l’ho scelta io (…). Mi ricordo che io volevo fare il “Buzzi” a Prato1 perché avevo letto il dépliant e mi ispirava, invece i professori mi dicevano che era troppo difficile per me – e forse avevano ragione – e se volevo rimanere sulle materie di elettronica, informatica… che erano quelle che a me piacevano, dovevo andare al “Marconi”.2 Il Marconi aveva materie tipo il Buzzi ma era più semplice e poi dopo il Marconi sarei anche potuto andare a lavorare. (Gabriele)

A me i professori delle medie avevano consigliato o lo scientifico oppure anche materie umanistiche tipo lingue, psicopedagogico. Io fin da piccola avevo l’immagine di me al lavoro come hostess oppure interprete o direttrice di banca (ride), quindi in terza media decisi di studiare lingue: il liceo linguistico. (Caterina)

Mi sono consultata con i genitori, con gli insegnanti, con gli amici meno perché volevo che fosse una scelta autonoma. I miei genitori mi avrebbero indirizzato più verso ragioneria, invece gli insegnanti mi consigliavano lo scientifico e ho scelto quello. (Roberta)

9Talvolta i suggerimenti degli insegnanti non sono rispondenti alle proprie ambizioni e certe scelte maturano per contrasto, come nel caso di Emma e Chiara.

Le scelte erano tra lo scientifico e il classico. I professori delle medie mi consigliavano lo scientifico perché dicevano che ci sapevo fare con i numeri, e in effetti la matematica mi è sempre piaciuta, fin da quando ero bambina. Mi dicevano anche che caratterialmente non ero troppo portata per studiare tanto quanto richiedeva il classico e che non ero una persona capace di rinunciare all’uscita al sabato sera (sorride). Poi i fatti hanno dimostrato il contrario, tant’è che ho scelto il classico e sono andata avanti senza dover fare grandi rinunce e sono andata avanti alla grande! (Emma)

Mi ricordo che mi consegnarono questo foglietto in cui mi consigliavano di fare un tecnico per il turismo, ma io ero convinta di voler fare un liceo e alla fine l’ho fatto e infatti sono anche andata molto bene. Non ho un bel ricordo dei professori delle medie. Mi dissero: «Ma sei proprio sicura di voler andare?» (sorride). Poi sono andata benissimo, invece. (Chiara)

10Oltre agli insegnanti, i genitori entrano nelle scelte dei figli e delle figlie, talvolta con consigli utili, in altri casi forzando decisioni che risultano poi inadatte.

Più che altro ha inciso la mamma perché lei ci ha sempre tenuto allo studio. Io volevo andare allo scientifico, il classico proprio a quell’epoca mi ricordo che sembrava una scuola arretrata, nessuno di noi delle medie ci voleva andare. (Alessandra)

Io avevo fatto un anno di scientifico, e lì come classe mi trovavo anche bene però ho perso un anno perché con la matematica non sono mai stato un genio (sorride). E poi si è pensato di fare una scuola più umanistica, visto che mi piaceva anche di più, e così mi sono iscritto al liceo pedagogico.
Perché parla al plurale?
Perché si è pensato io e mia mamma: non l’ho pensato io da solo (ride)!
Eravamo in due… tra consigli e cose varie… (Leonardo)

Inizialmente ero stato tra virgolette un pochino “forzato” dalla mia famiglia a scegliere l’indirizzo del classico, infatti il primo anno l’ho affrontato al classico e dalla seconda ho pregato la mia famiglia (sorride) di spostarmi, anche perché hanno anche loro notato un certo affaticamento in me nell’apprendere materie come il greco e il latino a livelli piuttosto avanzati. Quindi hanno deciso di assecondare il mio desiderio e di portarmi allo psicopedagogico. (Lorenzo)

Mio padre spingeva perché facessi un liceo, io ho sempre avuto problemi con la matematica mentre nelle materie letterarie ho sempre avuto buoni voti. Quindi dovevo escludere le scuole scientifiche ma anche quelle troppo professionalizzanti per cui alla fine ho finito per fare il classico, anche se non avevo granché voglia di studiare. (…) E poi, siccome ho sempre un po’ sofferto le cose calate dall’alto, che succede?, che cresco, finisco il liceo e cambio direzione. (Elisa)

Loro puntavano a un professionale, una scuola che mi portasse a lavorare, quindi erano contenti dell’alberghiero. Io nei loro piani non sarei dovuta andare all’università, infatti ancora oggi i miei sono un po’ perplessi di questa scelta. (Sara)

11Talvolta i famigliari – mamme, papà, sorelle – condizionano la scelta non intervenendo in maniera esplicita ma ponendosi semplicemente come modelli da imitare.

Io ho scelto di fare “perito industriale corrispondente in lingue estere”. All’inizio ero più indirizzato verso l’alberghiera, poi vedendo la mia mamma che aveva fatto studi più proiettati sulle lingue, ho deciso di seguire le sue orme (…). (Alessandro)

Alle superiori ho studiato a un istituto professionale, elettronica e telecomunicazioni, perché mi piaceva informatica, quel settore lì, poi ho cambiato tutto (…). Sicuramente mi son rivisto nella figura paterna: mio padre ha avuto sempre un buon lavoro, dovuto al fatto che aveva studiato nel settore elettrico. Con il suo lavoro è riuscito a costruirsi e a mantenere una famiglia, non ci ha mai fatto mancare niente, quindi mi sembrava una buona strada da seguire. (Federico)

Diciamo che non è stato facile, anche perché siamo ancora piccini in terza media, non si sa ancora bene cosa si vuol fare per cui uno va un po’ per quello che ti dicono, per le esperienze altrui. Io per esempio avevo due sorelle che avevano studiato entrambe allo scientifico, mia mamma pure, per cui avevo un po’ la strada spianata… Poi in effetti alle medie mi piaceva e studiavo volentieri matematica, geometria, scienze e quindi ho deciso di buttarmi in quella strada lì. (Greta)

12L’influenza della famiglia sulle scelte scolastiche e accademiche si gioca anche su un altro piano che riguarda, in senso più ampio, l’importanza attribuita all’istruzione, alla scuola, alla cultura in generale, nella famiglia di origine:

Ho sempre visto la differenza tra mia madre che è andata fuori a studiare e si è laureata e le altre mamme. Cioè vedevo che mia mamma è, diciamo proprio come donna, a un livello superiore rispetto alle altre… e quindi ho sempre avuto il desiderio di crescere e di diventare come lei. Poi comunque avevo anche il modello di mio padre che ha sempre sofferto tanto per non aver potuto studiare nella sua vita per cui c’è sempre stata questa volontà nella mia famiglia – come dice mio padre – di evolversi. Cioè: «Io ho sempre fatto l’operaio voglio che tu sia una persona di cultura superiore a me, qualunque scelta lavorativa poi tu faccia». (Emma)

I genitori ci hanno sempre detto: «Voi non vi preoccupate, i soldi per studiare ci stanno, sempre, oppure si trovano». Da quando eravamo piccoli ci hanno detto così. Infatti anche in questo periodo di crisi ci hanno rassicurato. (Emma) I miei nonni paterni hanno sempre dato molto valore all’istruzione. Avevano quattro figli di cui due sono andati all’università e gli altri due hanno scelto altre strade. Però l’istruzione nella mia famiglia ha sempre avuto un ruolo centrale. Mi ricordo che mio nonno diceva sempre: «Elisa, ricordati sempre, prima c’è la salute, poi la famiglia e poi la scuola» (ride). (Elisa)

13In certi casi si è colti impreparati, la scelta è frettolosa e in mancanza di altri appigli si decide di seguire gli amici:

Quando arrivò la terza media io non avevo proprio idea di cosa volessi o potessi fare. Era un problema che non mi ero mai posto, «cosa farò tra cinque anni»… E purtroppo, dico la verità, io ho seguito gli amici, due miei amici che facevano l’istituto agrario sempre per quei luoghi comuni per cui se vai a fare lo scientifico dopo sei costretto a fare l’università, ragioneria ha troppa matematica, le magistrali a quel tempo «no, perché è una cosa da donne». Per cui mi sono iscritto anch’io all’agrario. (Tommaso)

Io mi iscrissi al liceo scientifico per gli amici (sorride). Non ero abbastanza maturo da ragionare su cosa volevo fare in futuro e quindi ho detto «tutti vanno al liceo scientifico allora ci vado anch’io così mi ritrovo con gli amici». Le materie prevalenti erano matematica e fisica: non ho mai avuto particolare passione per queste materie (sorride). (Andrea)

5.2.3. Il liceo: una scelta lineare, proiettata verso l’università

14La maggior parte delle intervistate (diciassette su un totale di ventidue, pari al 77 per cento del campione) e degli intervistati (tredici su un totale di diciotto, pari al 72 per cento del campione) proviene da un percorso liceale. La scelta del liceo è quasi sempre lineare, non problematica, una sorta di percorso automatico per quegli studenti/quelle studentesse che alle scuole medie avevano buoni risultati, e che sono già proiettati verso l’università. Il liceo viene preferito ad altre scuole perché permette di lasciarsi aperte più strade per il futuro e di posticipare eventualmente la scelta di «cosa vorrò fare da grande»:

Fin dalle medie avevo visto che me la cavavo in matematica. Avevamo una professoressa molto dura, però riuscivo comunque a soddisfarla. Quindi ho deciso che forse ne sarebbe valsa la pena provare… Ho scelto il liceo scientifico anche perché comunque dà una preparazione abbastanza ampia, non era una strada troppo ristretta che poi mi avrebbe per forza portato a certe facoltà. In realtà ero anche molto brava in arte, disegno… quindi ho un po’ titubato, però diciamo che scegliere un liceo artistico sarebbe stata una scelta un po’… cioè a quattordici anni mi sarei un po’ segnata per il futuro. Quindi ho scelto lo scientifico che eventualmente in futuro mi avrebbe permesso di scegliere altro. (Arianna)

Il liceo scientifico è una scuola molto generale, indirizzata poi all’università, quindi l’avevo scelto – mi ricordo – non tanto perché pensavo che poi all’università avrei studiato materie scientifiche ma proprio perché era generale e dopo avrei potuto scegliere varie cose. (Giorgia)

  • 3 Polimoda è un centro di alta formazione per il settore moda con sede a Firenze.

Ero proprio spinta dall’idea che il liceo scientifico mi avrebbe aperto tante strade e siccome io son sempre stata indecisa su quello che avrei potuto fare all’università – prima volevo fare veterinaria, poi ingegneria, poi il Polimoda3… – ho pensato che se avessi fatto il liceo avrei avuto varie possibilità di scelta. (Valentina)

15Nella scelta del liceo è implicita l’idea di proseguire poi gli studi all’università:

Son sempre andato abbastanza bene a scuola e già ai tempi delle elementari i miei genitori comprarono la casa a Siena, in vista dell’università (ride). Quindi già sapevo che dovevo andare all’università allora scelsi la scuola che mi preparava meglio: un liceo scientifico. (Matteo)

Allora, avevo mio fratello più grande che aveva scelto il liceo classico, in più nella mia zona gli istituti tecnici non hanno una gran fama, sono proprio di basso livello. Quindi per poter andare poi avanti, facendo un progetto più a lungo termine, del tipo “voglio andare all’università”, un tecnico non sarebbe proprio stato adatto. (Emma)

Già alle medie ero convinta di volere andare all’università, per cui volevo frequentare un liceo, ma ero indecisa su quale liceo indirizzarmi. E alla fine sono andata per esclusione: lo scientifico no perché alle medie non ero portata per la matematica quindi l’ho escluso… il classico mi sembrava un po’ troppo selettivo… allora alla fine ho puntato sul linguistico. (Chiara)

16Molti intervistati scelgono un particolare tipo di liceo perché alle medie hanno maturato precise passioni per certe materie:

La scelta era tra il liceo classico e lo scientifico: diciamo che nella mia famiglia un istituto tecnico non era proprio contemplato perché già si pensava a una prosecuzione degli studi all’università. Ma in realtà io già dalle elementari avevo scelto (ride): fin dalle elementari mi piaceva la matematica! E quindi ho scelto lo scientifico. (Marta)

Io mi ricordo che sono andata a vedere due scuole: il liceo classico e il liceo scientifico. Sono andata un po’ a informarmi e appena sono entrata allo scientifico ho capito che poteva essere quello giusto: ho visto che era molto più attivo, c’erano i laboratori e poi anche se alle medie andavo bene un po’ a tutte le materie in effetti le materie scientifiche erano quelle che mi riuscivano meglio e che mi divertivano di più. (Sofia)

All’inizio mi sarebbe piaciuto fare l’entomologo, perché mi piaceva molto studiare gli insetti, poi ho abbandonato l’idea perché ho maturato altre passioni. Comunque il motivo principale per cui ho scelto lo scientifico, indirizzo tecnologico, è perché con il computer ci ho sempre smanettato bene e comunque sia ero interessato a fare un percorso che mi avvicinasse alle scienze, alla biologia, alla fisiologia: insomma una cosa che mi preparasse a diventare o un ricercatore o un medico. (Stefano)

Io ho sempre avuto interesse verso le materie del pedagogico: psicologia, sociologia… Ho fatto il liceo psicopedagogico, il “Giovanni Pascoli”, a Firenze. Io ero l’unico maschio! (ride) La mia scelta è derivata da alcuni studi che avevo fatto in precedenza, già prima di iniziare la scuola stessa, su alcuni personaggi della pedagogia del passato. Alla fine della terza media ho letto questo libro che si chiamava qualcosa del tipo La pedagogia dall’800 ai giorni nostri… Era una sorta di piccolo manuale, però quello che proprio mi interessò furono alcuni autori della pedagogia che poi ho ritrovato nel mio percorso universitario, come Dewey, per non parlare di Sigmund Freud. Mi ha interessato da subito proprio la materia della pedagogia in sé. Però la scelta non era finalizzata al lavoro, cioè non pensavo che avrei fatto l’insegnante, mi interessavano le materie. (Lorenzo)

5.2.4. La scuola superiore: com’è andata?

17Mentre i giudizi sulla scuola media risultano unanimemente negativi, quelli sulla scuola secondaria oscillano tra alti e bassi: si raccontano esperienze molto positive ma anche percorsi burrascosi. Al centro del racconto ci sono spesso gli insegnanti:

Mi son sempre trovata bene con i professori, uomini o donne che fossero. Ho avuto un’insegnante d’italiano molto severa che aveva però il grande dono di capire le persone. E anche due uomini, di storia e filosofia, due prof che avevano un metodo universitario: se non ti interessa quello che dico vai pure fuori… non obbligavano nessuno a stare in classe. (Caterina)

C’è stata una svolta il terzo anno delle superiori. Lì c’è stato un rapporto molto migliore con i professori, in particolare in seconda ho trovato una professoressa di scienze che mi ha accolto. Era un’insegnante giovane, mi è stata accanto, mi sfogavo con lei. Poi a scienze andavo bene. Io sono sempre stato più legato alle persone che non alle materie: a me è sempre interessato di più cosa mi davano gli altri che non la materia stessa. Con i professori che mi piacevano andavo bene, mi impegnavo per loro… E questo è anche il motivo per cui poi ho scelto scienze della formazione: sarebbe bello essere capace di far piacere la materia ai miei allievi. (Gabriele)

Ho avuto la fortuna di avere dei professori all’alberghiero che sono stati come dei genitori, nel senso vero della parola, senza mai mancare di professionalità, senza mai abbassarsi ma sapendo che noi eravamo dei ragazzi. Con il professore di sala bar sono ancora in contatto, lui mi ha fatto innamorare ancora di più di questo lavoro (ride). (Francesca)

Il liceo è stato faticoso. Come al solito la differenza l’hanno fatta i professori: avevo un professore, un prete, vecchissimo, che insegnava chimica, che però ci portava in laboratorio e ci faceva vedere le reazioni e questa cosa mi appassionava tantissimo e mi stimolava a studiare la materia ben volentieri. Non è vero quel che si dice «chi non ha talento insegna». Io credo che serva talento per insegnare. Per esempio la mia maestra delle elementari mi ha insegnato bene a leggere, a scrivere e io non ho mai dubbi quando scrivo. (…) Gli insegnanti fanno proprio la differenza. (Elisa)

18Gli insegnanti “fanno la differenza” in positivo ma anche in negativo, come testimoniano questi racconti:

All’inizio è stato un po’ traumatico perché avevamo questa insegnante di lettere particolarmente tosta… e ci faceva sia lettere che latino che storia (…). Ero una ragazza piuttosto studiosa, non di quelle proprio fissate con lo studio, però insomma, studiavo. Nonostante questo i primi anni del liceo direi che li ho vissuti proprio con ansia per via di quella professoressa… (Greta)

Per quanto riguarda i professori delle materie di indirizzo siamo stati un po’ sfortunati, proprio professori che non sapevano insegnare, che non sapevano tenere unita una classe e poi proprio non erano capaci di parlare in italiano! (sorride) E poi ce n’era una che incuteva timore per cui alla fine studiavi ma non ci potevi proprio parlare! Un’ansia! Io alle superiori tutti i sentimenti possibili li ho provati (sorride). (Beatrice)

Il “Buzzi” è una scuola molto difficile, c’era da studiare parecchio. C’erano dei professori davvero stronzi, non so che avessero… ci facevano vivere nel terrore, ci facevano imparare le cose a memoria. Tipo, se facevi tutto perfetto arrivavi al sei (sorride). Poi offendevano… però nessuno gli diceva niente perché erano lì da vent’anni… Io litigavo quasi con tutti. (Davide)

Di professori ne ho avuti pochissimi validi, anche nelle materie importanti come matematica, che doveva essere la materia qualificante al liceo scientifico. Non erano bravi sia nella materia che nei rapporti umani: entravano, facevano la lezione e basta. E poi avevano favoritismi: noi avevamo in classe figli di professori e di ex professori e questi anche se andavano male ci passavano comunque avanti. Noi poveri mortali… Finita quella scuola non ne potevo più, non volevo più saperne di studiare. (Matteo)

19Professori che depotenziano, che umiliano, che fanno passare totalmente la voglia di studiare, come accade a Davide:

Mi si era abbassata del tutto l’autostima alle superiori, dopo il sessanta striminzito con cui sono passato. Credevo di essere un idiota, un cretino, di non essere bravo. Anche i miei genitori ogni volta che andavano a parlare con i professori ce l’avevano sempre con me, non mi difendevano mai e credevo proprio di non essere bravo, mi avevano fatto credere così… Provavo a spiegare ai miei genitori perché non andavo bene ma che vuoi fare, anche loro hanno la quinta elementare, davano sempre ragione a quello che dicevano gli insegnanti. (…) Alla fine ci credevo anch’io, di essere scemo! Poi per fortuna all’università vado molto bene. (Davide)

5.2.5. «Le classi miste funzionano meglio»

20Nel descrivere il clima di classe alle superiori spesso gli intervistati e le intervistate menzionano le conseguenze – solitamente negative – di classi troppo sbilanciate numericamente a favore di un sesso o dell’altro. Le ragazze in particolare tendono a riportare certe dinamiche deleterie che si creano in classi quasi interamente al femminile – la divisione in gruppetti, le gelosie, le invidie – e a rimarcare invece gli effetti positivi di una presenza maschile che fa da “collante”, tenendo unita la classe.

Era una classe di ventidue donne! Da ammazzarsi! (ride) Tante gelosie, invidie e i soliti gruppetti. (…) Nelle classi tutte al femminile c’è un astio, un’invidia… sono proprio rancorose le ragazze! Messe insieme si creano dinamiche tremende. La classe era scissa in due parti: il mio gruppo era quello delle “brave ragazze” che studiavano tanto, sempre elogiate dai professori e le altre erano quelle della puzza sotto il naso, quelle un po’ più “mondane” diciamo (sorride). Per me l’esame di quinta superiore è stata davvero una liberazione perché non se ne poteva più di vederle! (Caterina)

Era una classe quasi tutta al femminile, con tutte le problematiche del caso (sorride): scannarsi e il giorno dopo essere amiche per la pelle (sorride). (Giulia)

Guardi, io al liceo mi son trovata proprio bene ma se dovessi trovare una pecca era proprio il fatto che eravamo tutte femmine e alla fine si creano situazioni un po’ pesanti. Adesso invece, in cui ci sono più maschi, o comunque la situazione è piuttosto equilibrata mi trovo molto meglio. Perché tra femmine si tendono a creare un po’ i soliti gruppetti separati, invece i maschi fanno un po’ da collante, tendono a tenere un po’ più insieme l’intero gruppo classe. (Chiara)

21I ragazzi che hanno frequentato classi molto femminilizzate alle superiori sono più moderati nei giudizi rispetto alle ragazze. Alcuni raccontano di esperienze assolutamente positive, altri, come Lorenzo, danno una valutazione nel complesso positiva, pur ribadendo la tendenza delle ragazze a costruire piccoli gruppi e la fatica da parte dei ragazzi a posizionarsi in essi:

Al liceo classico erano quasi tutte femmine, solo sei maschi. Io mi son trovato proprio bene… Io mi trovo meglio con le donne (sorride). (Edoardo)

Dalla terza in poi sono rimasto completamente solo: la classe era composta da ventiquattro alunni e io ero l’unico ragazzo. Con le compagne diciamo che il rapporto comunque è sempre stato piuttosto unito, diciamo che abbiamo deciso di fare fronte comune proprio come classe, proprio nell’organizzarsi nello studio, ci offrivamo a turno come volontari per le interrogazioni… C’è stata solidarietà insomma (sorride), nonostante fossi l’unico maschio. Poi ovviamente c’erano vari gruppi di ragazze all’interno della classe e io dovevo decidere di volta in volta con chi stare (ride), ma insomma nel complesso durante l’orario scolastico eravamo una classe compatta. (Lorenzo)

22Leonardo che è passato da un liceo scientifico a un liceo pedagogico, può fare il paragone tra le due esperienze arrivando alla conclusione che «le classi miste funzionano meglio»:

Bene, è stato bello, sono soddisfatto delle superiori. Come clima di classe ci sono stati un po’ di problemi perché tra donne c’è sempre il solito problema dei gruppetti per cui alla fine eravamo sempre io e quel mio compagno maschio, un po’ isolati. È sempre stata una classe piena di scontri, c’erano un sacco di gruppetti, litigavano tutto il giorno per cavolate (ride). Come compagni mi trovavo meglio allo scientifico: le classi miste funzionano meglio. (Leonardo)

23Gli intervistati che hanno frequentato scuole a maggioranza maschile raccontano anch’essi di esperienze negative contraddistinte da un clima volgare e a tratti violento:

Il “clima maschile” è completamente diverso dal “clima femminile”. Alle superiori il clima era proprio volgare, si parlava di calcio e anche quando si parlava di ragazze era solo da quel punto di vista lì… Son tutti così, anche nel mondo del calcio: c’è sempre il concetto dell’immigrato, degli stranieri, delle donne. Figuriamoci: io che ho sempre amato scrivere poesie… (sorride) Non era proprio l’ambiente giusto per me. (Davide)

Il liceo era molto frequentato da ragazze ma io e i miei amici capitammo nell’unica classe frequentata solo da maschi! (ride) Abbiamo fatto due anni di soli maschi, le lascio immaginare: eravamo leoni in gabbia! (ride) Abbiamo preso anche denunce… Mancando le ragazze che hanno un po’ un effetto calmante anche per i professori era un problema gestire la classe… (Luca).

Dal punto di vista dei rapporti sociali l’esperienza delle superiori è stata abbastanza conflittuale. Il clima non era buono. C’era una forte minoranza di donne e i maschi tutt’attorno si scannavano praticamente! (…) Sai al liceo siamo ragazzini e si formano i soliti gruppi con i maschi dominanti (sorride), queste cose qui insomma… (sorride). I maschi che fanno da capogruppo e gli altri che li imitano qualunque cosa facciano: fanno i bischeri e gli altri li imitano, fanno gli stronzi e gli altri li imitano (sorride). Non mi ci son mai trovato bene con queste cose qui. Mi facevano girare parecchio le scatole, non mi piace questo strutturarsi dei rapporti. (Marco)

5.3. La scelta universitaria

24Se fino a questo punto l’analisi delle interviste è stata condotta facendo una lettura in parallelo dei racconti femminili e maschili, la scelta universitaria crea uno snodo importante perché è da questo momento che le ragazze e i ragazzi del campione maturano scelte divergenti rispetto ai tipici percorsi “femminili” e “maschili”, decidendo di addentrarsi in sentieri poco battuti. Le motivazioni della scelta del percorso universitario sono molteplici e variegate sia all’interno del campione femminile che in quello maschile ma sicuramente l’appartenenza di genere diventa una variabile fondante per interpretare le interviste. Per questo motivo nei prossimi paragrafi verrà condotta un’analisi separata dei racconti femminili e maschili.

5.3.1. Le ragazze: tra scelte meditate e percorsi verso l’ignoto

25Di fronte alla domanda «Perché ha deciso di iscriversi a questo corso di laurea?», le ragazze hanno offerto una varietà di risposte che è possibile ricondurre a posteriori a due grandi categorie.

26Una prima categoria di risposta è propria di coloro che parlano di una scelta lineare, meditata e già prevista da tempo.

Diciamo che fin dai primi anni del liceo c’era l’intenzione di iscriversi a Ingegneria, poi l’ultimo anno era rimasta l’indecisione tra Ingegneria meccanica e aerospaziale che sono le più importanti, le più di tradizione, le più di prestigio, insomma. E alla fine ho scelto Ingegneria meccanica. (Marta)

Io già alle medie avevo deciso che avrei fatto Ingegneria, dal momento in cui avevo scelto il PNI (Piano Nazionale Informatica), solo che non riuscivo ad abbandonare le materie umanistiche (sorride). Io ho la testa dura, quando mi metto in testa una cosa… A un certo punto avevo pensato di studiare Lettere classiche ma lì veramente devi avere una famiglia disposta a mantenerti vita natural durante… e non era il mio caso. Sai… bisognerebbe sempre inseguire i propri sogni ma bisogna guardare anche al futuro: la pagnotta a casa è più importante. (Margherita)

Io lo avevo già deciso in quarta superiore (sorride). Sì, perché non volevo poi trovarmi con l’acqua alla gola come vedo che poi spesso succede ai miei compagni di ritrovarmi in quinta, quando c’è anche l’esame di maturità a dover scegliere in fretta. Volevo pensarci con calma. C’è stato un periodo in cui cambiavo idea ogni minuto e poi c’è stato un momento, non mi ricordo neanche quando di preciso è successo, in cui ho scelto questo corso – Enologia – che mi ha appassionato. Volevo un’università che non fosse solo teorica ma che mi permettesse di orientarmi su un qualcosa di pratico, su una professione. (Chiara)

27Sul fronte opposto c’è una seconda categoria di risposte che si caratterizza per una volontà di addentrarsi in percorsi nuovi e sconosciuti, assolutamente imprevisti, magari completamente discordanti con il percorso intrapreso nella scuola superiore. Percorsi verso l’ignoto, che generano timori ma anche forti passioni e curiosità:

In quinta io volevo fare Filosofia che sarebbe stata in qualche modo una scelta “di comodo”, nel senso che era la materia che più amavo e che più facilmente mi riusciva. Poi ho pensato: «Ho vent’anni, io voglio provare a fare una scelta diversa, se non va vuol dire che era destino che non riuscissi. Voglio confrontarmi con me stessa, voglio capire cosa posso arrivare a fare». Era proprio una sfida con me stessa. Mi son detta: «Io una scelta facile non la voglio fare, mi voglio mettere alla prova!». Quindi ho cercato su internet e ho trovato Ingegneria elettronica. Mi sono informata da sola: io non ho parenti ingegneri, non ho amici ingegneri. Io sono l’unica in famiglia ad aver tentato questa strada. (Emma)

Ingegneria meccanica era quella che mi intrigava di più… Era un po’ andare oltre la soglia del conosciuto (sorride), andare oltre le consuetudini e dire: ma chi l’ha detto che se una ragazza fa Ingegneria deve per forza fare civile o edile? Invece io l’ho scelta. Col senno di poi dico: che fatica! Però l’ho scelta e voglio arrivare fino in fondo. (Margherita)

All’esame di maturità ero ancora indecisa, ed è stata la professoressa di matematica che mi ha messo in mente di fare Ingegneria perché ero molto brava in matematica… Proseguire con lingue sarebbe stato senz’altro più semplice, ma ingegneria mi affascinava proprio perché erano materie per me quasi del tutto nuove, fisica l’avevo fatta solo un pochino nel biennio. (Caterina)

Ero indecisa tra Farmacia e Informatica. Comunque materie scientifiche, quindi quelle che poi dal punto di vista lavorativo sono le più richieste, però Farmacia l’avrei scelta solo per il lavoro ma non è che mi entusiasmasse l’idea. Mentre Informatica comunque per me era una cosa nuova perché alle superiori non l’avevo studiata. Poi ho parlato con degli amici di mio fratello che facevano Informatica e l’idea un po’ mi stuzzicava. Infatti per me è stata un po’ una scoperta: avevo proprio voglia di sperimentare cose nuove rispetto a quelle fatte al liceo. (Giorgia)

28Talvolta l’idea di intraprendere questi percorsi “controcorrente” deriva da stimoli ricevuti dai professori delle superiori:

A un certo punto alle superiori ho cominciato ad appassionarmi alle materie scientifiche. Ha inciso molto un professore che ho avuto solo per quattro mesi a matematica, in terza, perché rispetto a quello che avevamo che pensava «va beh, tanto siete al linguistico, di matematica non ve ne fregherà mai niente» questo professore insegnava anche allo scientifico, quindi ci trattava come se fossimo dello scientifico… È stato bello. Un professore che riesce a farti appassionare anche alle materie che tu avevi scelto di non studiare direi che è proprio una bella cosa. E da lì è iniziata la passione per la matematica. (Giulia)

Mi ricordo che in quinta superiore a Scienze della Terra avevo questa professoressa giovane, bravissima, con la quale feci un’interrogazione sulle rocce che mi piacque un sacco: è da lì che mi è venuta l’idea di questa facoltà. (Alessandra)

29Nel caso di Giulia iscriversi a Informatica significa invece proseguire il sogno di sua madre:

Mia mamma si era iscritta a Informatica poi ha avuto me durante gli anni dell’università e ha smesso di studiare per cui in realtà lei è stata orgogliosa della mia scelta, e può darsi che questo abbia anche influito. L’idea che mia mamma facesse Informatica quando era giovane mi è sempre piaciuta: era a metà degli anni Ottanta… lei è stata una specie di pioniera. Questa sua esperienza all’università me la raccontava anche quando ero piccola per cui penso che abbia influito. (Giulia)

5.3.2. I ragazzi: la scelta universitaria è una conseguenza di esperienze di vita

30Posti di fronte alla stessa domanda – «Perché ha deciso di iscriverti a questo corso di laurea?» – i ragazzi ricostruiscono percorsi di studio, e di vita, assai più tortuosi e tormentati. Nella maggior parte dei casi l’idea di voler diventare maestro, infermiere, assistente sociale o terapista dell’età evolutiva matura lentamente, anche grazie a certe esperienze di vita che determinano rotture nette con il passato. C’è un “prima” – in cui si va avanti per inerzia, seguendo percorsi già tracciati – e c’è un “dopo”, in cui si scopre una passione inedita, in certi casi una vera e propria “vocazione”.

31È il caso di Francesco, la cui vita cambia rotta dopo un’esperienza nel quartiere multietnico di Belleville, a Parigi. Da quel momento decide che da grande farà l’educatore:

Quando ho finito il liceo mi sono iscritto a Lettere in Sicilia poi ho abbandonato perché ci siamo trasferiti da regione a regione, ho abbandonato gli studi, sono stato in Inghilterra a lavorare, poi sono stato in Francia, a Parigi, e ho girato un po’ di posti. (…) Dal diploma delle superiori all’ingresso a Scienze dell’infanzia son passati dieci anni. A diciotto anni io non avevo ancora maturato certe decisioni, dovevo fare prima altre esperienze. Poi conoscendo persone, facendo cose, si impara a conoscere anche se stessi, si impara a conoscere anche ciò che piace realmente. La mia esperienza in Francia, nel quartiere multietnico di Belleville, è stata importante. C’erano scuole, vicino a dove abitavo, dove ogni mattina vedevo gli educatori che portavano fuori i bambini e le bambine di vari gruppi etnici. Educatori maschi! Vedevo alcuni bambini francesi e poi il resto erano algerini, tunisini… Era bellissimo. Mi è piaciuto questo clima multiculturale e quindi mi ha affascinato anche il mestiere di educatore. Infatti sono anche andato a chiedere in questi centri se potevo lavorare lì. Ho una mezza idea di tornarci, per fare l’educatore! (Francesco)

32Anche Davide, Luca, Tommaso, Diego e Matteo “scoprono” di voler diventare maestri o assistenti sociali dopo aver vissuto esperienze di vita – servizio civile, campi estivi, doposcuola, babysitteraggio… – che li avvicinano a professioni che magari non avevano mai contemplato prima come possibili.

Poi finite le superiori ho avuto la crisi esistenziale (sorride). Ho fatto un interrail e mi sono schiarito un po’ le idee… Ho visto che mi piace il contatto con le persone e quindi ho scelto di fare servizio civile e c’erano due bandi: uno per lavorare alla Misericordia e uno per fare l’insegnante di sostegno in una scuola elementare e media. Tipo, se mi avessero preso al primo probabilmente non sarei qui oggi invece per fortuna ho scelto il bando per fare l’insegnante di sostegno e quindi da lì mi è venuta la passione e un giorno ho detto: «voglio fare il maestro». Una mattina mi è venuta l’ispirazione di fare il maestro (sorride). (Davide)

Io giocavo a calcio e un giorno l’allenatore mi disse che gli mancava un mister per allenare i bambini e mi chiese se lo volevo fare. Io gli dissi di sì e iniziando ad allenare i bimbi mi è iniziata la passione per insegnare. Ero in quinta liceo. Infatti tutt’ora alleno. Quest’anno alleno i bimbi di quarta elementare. (Luca)

Una persona mi dette un contatto per un campo estivo. E quella è stata l’occasione per arrivare a fare quello che avrei dovuto fare fin dall’inizio… C’erano anche degli indizi qua e là che mi dovevano portare su questa strada. È che io – non voglio vantarmi assolutamente – ma… credo di avere un appeal particolare con i bimbi più piccoli. Me li ritrovavo sempre tutti addosso! (sorride) Bambini, cugini, vicini di casa… Io sto bene con i bimbi piccoli. E in questo campo estivo è venuta fuori questa cosa.

Io quello che ho provato da quel luglio 2011 è difficile da spiegare: mi alzavo alle sei e mezzo la mattina, tornavo il pomeriggio alle cinque però ero contento (sorride). Io mi dissi: «Se non faccio questo passo qui ora non lo faccio più, e se non lo faccio mi sa che mi pento tutta la vita». E allora mi sono iscritto di nuovo all’università, a Scienze della Formazione. Ancora cinque anni di studio! Ma tutt’ora che faccio il tirocinio non sento la fatica. (Tommaso)

Una cosa che ha influito è stata l’esperienza in parrocchia: da ragazzino vedevo ragazzi più grandi di me che facevano gli animatori, ragazzi e ragazze, ma anche proprio tanti ragazzi maschi. Erano ragazzi giovani, in gamba e io ci son proprio cresciuto e via via ho pensato: «voglio fare come lui!». (…) Da quando avevo diciassette anni ho lavorato a mia volta a contatto con i bambini, ho sempre fatto doposcuola come volontario per bambini delle elementari e mi è sempre piaciuto. È così che è nata l’idea di diventare maestro. (Diego)

Io facevo già l’animatore nei campi scuola quindi già un minimo di esperienza nel sociale ce l’avevo. Mi sembrava una cosa che mi potesse fare comodo anche per quella cosa lì: noi tutte le estati si hanno un gruppo di ragazzi delle medie gestiti insieme alla parrocchia, che seguiamo in un campo estivo. Quindi ho pensato che iscrivermi a questo corso mi poteva essere utile anche per approfondire questa cosa qui. Poi mi piace proprio l’idea lavorare nel sociale. (Matteo)

33Edoardo e Riccardo approdano alla scelta dell’università a distanza di qualche tempo dalla fine della maturità superiore, perché decidono prima di sperimentarsi nel mondo del lavoro:

Dopo il diploma al liceo classico ho deciso di smettere, di andare a lavorare, anche perché la mia famiglia non si può permettere tanto, per cui non me la sentivo di fare una scelta avventata… Ho iniziato a lavorare subito, a luglio, come babysitter. L’ho fatto per due mesi d’estate: avevo una bambina dell’età della materna e una delle elementari. Poi ho fatto il cameriere e mi son potuto prendere un appartamento per conto mio per due anni, a Colle Val d’Elsa. Ero felice dell’indipendenza economica, dell’indipendenza dalla famiglia e quell’esperienza mi è servita proprio per staccare, poi il lavoro comunque mi piaceva. Poi è successo che mio fratello si stava iscrivendo all’università, si era appena diplomato all’agrario e ho pensato: «va beh, se va lui posso andare anch’io (sorride)». Mi sono informato e ho trovato questo corso – Scienze dell’infanzia – che non conoscevo minimamente. Mi son detto: «Proviamo, i bambini mi son sempre piaciuti!» Poi son venuto qui a fare un po’ di orientamento e mi son convinto subito: mi piaceva. (Edoardo)

Ho fatto un’esperienza di lavoro di due anni in cui tramite la Usl di Volterra, seguivo un ragazzo psicotico. Quella fu una bella esperienza da certi punti di vista ma brutta da altri: brutta perché non avevo avuto la formazione adeguata per affrontare la situazione. (…) Finito questo, io da diverso tempo volevo fare un percorso di tipo teologico. Essendo evangelico, c’è un istituto a Roma che prevede questo percorso anche se non è riconosciuto dallo stato. Scelsi di fare questa cosa, anche se sapevo che non mi avrebbe portato a sbocchi professionali. Per guadagnare due soldini durante questo periodo a Roma (tre anni) mi misi a fare il collaboratore domestico. C’era questa signora disabile che non poteva proprio muoversi e io facevo commissioni per lei (la spesa…). Finita la scuola rientrai a Volterra a cercare lavoro. Dopo un annetto saltò fuori l’opportunità di fare un corso Osa (operatore socio assistenziale), anche perché sia mio padre che mio fratello avevano fatto percorsi simili. Feci questo corso di 600 ore e poco tempo dopo venne fuori questa opportunità di lavoro: a San Gimignano in un centro per anziani. (…) E dopo tutte queste esperienze mi son detto: iscriviamoci all’università! Non importa se ho quasi trent’anni perché penso che nella vita uno possa fare tutto, quindi… (sorride). In fondo l’idea di lavorare nel sociale in me c’è sempre stata, potrei dire già dalle medie. (Riccardo)

34Proprio perché la scelta matura progressivamente e a volte in maniera sofferta, quando si arriva alla decisione di iscriversi all’università tale decisione è ferma, decisa, appassionata. Ecco il racconto di Davide:

Allora, da piccolino volevo fare il calciatore, poi c’è stata la parentesi informatica ma quello non era un sogno, era più un adattarsi. Poi, questo fatto del maestro… Non mi era mai passato per la mente, ma proprio una mattina ho scoperto che mi piaceva stare con i bambini, perché facevo l’insegnante di sostegno, lì ho avuto l’ispirazione. (…) Avevo paura di non passare il test di formazione primaria. Mi ricordo che dovevo rispondere correttamente a sessanta domande su ottanta, poi ne feci bene ottanta su ottanta, non ne sbagliai neanche una! Infatti quando lo dissi a mio padre mi disse «mah, si saranno sbagliati...» (sorride), una cosa del genere… Va beh, era una cavolata come test, però è stata comunque una grande soddisfazione. Per una volta nella vita ero sicuro di quello che facevo. (Davide)

35Una volta individuata la propria strada anche studiare diventa un piacere:

Io frequento quasi sempre, a lezione non faccio né confusione né faccio tante domande. Sto attento e ascolto. Poi ha la fortuna di avere una buona memoria, per cui in poco tempo, anche in una settimana, riesco a preparare un esame e anche con un ottimo voto. Riesco a leggere una volta e mi ricordo. Quindi leggo una volta il libro e dò l’esame. Perché son materie che mi piacciono. Mi ricordo che matematica la dovevo studiare di continuo e arrivavo a malapena al sei quando avevo fortuna, invece ora riesco a leggere una volta e prendo trenta. (…) Al liceo pensavo sempre “voglio cambiare” perché proprio non mi ci sentivo, invece adesso sono proprio io: mi sento bene e non ho proprio intenzione di cambiare. (Matteo)

Notes

1 Istituto Tecnico Industriale “Tullio Buzzi”.

2 Istituto Professionale Industria e Artigianato.

3 Polimoda è un centro di alta formazione per il settore moda con sede a Firenze.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search