Version classiqueVersion mobile

Educazione sessista

 | 
Irene Biemmi

Conclusioni

Texte intégral

1Con questo lavoro di ricerca mi sono proposta di indagare un campo ancora poco studiato in Italia. Il mio modesto obiettivo è stato quello di costruire strumenti metodologici utili ad indagare le modalità di rappresentazione del genere maschile e femminile nei libri di testo in uso delle nostre scuole. Il presupposto da cui sono partita è che il materiale didattico debba offrire pari opportunità agli alunni e alle alunne e debba quindi essere libero da pregiudizi sessisti. Sebbene il mio intento primario fosse quello di conoscenza, era inevitabile, e necessario, che scaturisse una lettura critica dei libri di testo esaminati. Ma una critica, per essere costruttiva, deve essere seguita da un momento positivo di riflessione e di proposta. Siamo arrivati quindi a questo punto. A prescindere dai singoli risultati ottenuti in sede di analisi quantitativa e qualitativa (che, come si è visto, sono abbastanza demoralizzanti), la mia indagine ha fatto emergere un problema di fondo: il tema delle differenze di genere e delle pari opportunità nei testi scolastici non è stato ancora assimilato adeguatamente nel nostro paese. Emerge nel complesso una conoscenza superficiale che è forse indice di un fraintendimento in merito al concetto stesso di “pari opportunità”. Richiamo di nuovo, a questo proposito, un passo della Sabatini che è estremamente efficace:

  • 1 A. Sabatini, Il sessismo cit., p. 103.

Per «parità» non si intende «adeguamento» alla norma «uomo», bensì reale possibilità di pieno sviluppo e realizzazione per tutti gli esseri umani nella loro diversità. Molte persone sono convinte di ciò, eppure si continua a dire che «la donna deve essere pari all’uomo» e mai che «l’uomo deve essere pari alla donna» e nemmeno che «la donna e l’uomo (o l’uomo e la donna) devono essere pari»: strano concetto di parità questo in cui il parametro è sempre l’uomo1.

2In effetti i pochi tentativi di cambiamento registrati vanno tutti in questa direzione: le donne e le bambine tentano di avvicinarsi al modello maschile mentre gli uomini e i bambini non esprimono la minima volontà di integrarsi con il modello femminile. In tal modo si tende ad avvalorare l’idea che il genere femminile “difetta” in qualcosa mentre il genere maschile è perfetto così com’è e può fungere da parametro di riferimento universale. Siamo ancora legati all’idea della tutela e della promozione del “sesso debole”, quando invece in altri contesti si sta cercando di portare avanti un discorso assai più complesso: riconoscere e valorizzare la cultura di cui entrambi i generi sono portatori, nel pieno rispetto delle loro differenze. Ritengo che sia proprio questa la chiave per risolvere il problema di un’equa rappresentazione dei due sessi nei libri di testo. Il punto di partenza è riconoscere a maschi e femmine pari dignità e valore. Si tratta poi di offrire ad entrambi le stesse opportunità di pensare la propria vita privata e lavorativa, senza vincoli legati alla propria appartenenza sessuale. Il progetto più ambizioso consiste a mio parere nella perfetta interscambiabilità dei ruoli. I testi scolastici dovrebbero rappresentare donne e uomini mentre cooperano sia in ambito familiare (condivisione delle attività domestiche e della cura dei figli) che lavorativo l’uomo non è più il solo a dover mantenere la famiglia; anche la donna lavora, è economicamente indipendente, e a sua volta in grado di contribuire al sostentamento della casa e dei figli).

3Se dovessi fare una (modesta) proposta per la produzione dei futuri libri di testo direi questo: per combattere il sessismo occorre innanzitutto abbattere la rigida spartizione di ruoli tra gli uomini e le donne; occorre cioè offrire ai bambini lettori e alle bambine lettrici modelli adulti positivi cui ispirarsi. La tendenza che ho rilevato va invece nella direzione opposta: i pochi tentativi di innovazione sono applicati ai giovani protagonisti delle storie (ai bambini e, soprattutto, alle bambine). I modelli adulti sono invece ancora quelli tradizionali, che vedono attribuire ai due sessi mansioni ben distinte. Ma che valore può avere, mi chiedo, presentare alle lettrici modelli di bambine intraprendenti, coraggiose e intelligenti se poi quelle stesse bambine sono destinate a diventare delle mamme-donne di casa, dipendenti economicamente dal marito? È un dato certo, infatti, che le bambine lettrici si identificano con le donne protagoniste dei brani, ne fanno proprie le caratteristiche e i ruoli e “desiderano” diventare come loro. Allo stesso modo, i bambini si identificano con gli uomini e li assumono come modelli di riferimento. Mostrare modelli di donne e di uomini non stereotipati, aventi pari dignità e valore, rappresenta il primo passo per offrire realmente agli alunni dei due sessi uguali opportunità di progettare il proprio futuro, senza vincoli legati al sesso biologico di appartenenza.

Notes

1 A. Sabatini, Il sessismo cit., p. 103.

© Rosenberg & Sellier, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search