Version classiqueVersion mobile

Educazione sessista

 | 
Irene Biemmi

Introduzione

Texte intégral

C’era una volta, nel paese degli elefanti, una tribù nella quale le femmine avevano gli occhi grandi e brillanti e la pelle color rosa confetto. Questo bel colore dipendeva dal fatto che le elefantine mangiavano solo peonie e anemoni fin dal primo giorno di vita. Non che le peonie e gli anemoni fossero proprio buonissimi da mangiare. Ma – questo sì – facevano venire una pelle liscia e rosa e dei begli occhi brillanti […]
Adela Turin, Rosaconfetto

  • 1 Il titolo originale era: Sessi e sessismo nei testi scolastici. La rappresentazione dei ge (...)

1Questo libro è una versione aggiornata di un volume pubblicato dalla Commissione Regionale per le Pari Opportunità della Toscana nel 20061 e ha per oggetto un tema assai poco esplorato nel nostro paese: i libri di testo e la loro funzione di veicolo di contenuti stereotipati e sessisti.

2Da diversi decenni si discute del rapporto tra scuola e questioni di genere e del contributo che gli/le insegnanti potrebbero offrire alla promozione di una cultura delle pari opportunità, rispettosa delle differenze di genere. Il dibattito per la verità è tutt’oggi circoscritto e animato in contesti di nicchia, forse perché a livello sociale non ne viene percepita la rilevanza: la scuola, nel sentire comune, è concepita come luogo in cui la parità viene effettivamente esercitata. Le donne costituiscono ormai la stragrande maggioranza del corpo insegnante (sono attualmente più dell’80 % dell’organico, una delle quote più alte a livello europeo) e le studentesse sono diventate temibili compagne di banco dei loro coetanei maschi, tant’è che dal confronto sui rendimenti scolastici escono quasi sempre vincitrici, dalla scuola primaria fino all’università. Dunque, viene da domandarsi, dove sta il problema? La scuola sembra rappresentare uno dei pochi contesti in cui le donne hanno raggiunto un pieno diritto di cittadinanza e riescono ad ottenere visibilità e successi. Si tratta, questa, di una valutazione assai superficiale che può essere confutata con alcune considerazioni.

  • 2 Questa è l’opinione espressa da molti insegnanti, uomini e donne, che ho intervistato sul (...)

3La prima è questa: da quando la professione docente si è connotata al femminile ha subito una dequalificazione a livello sociale (ma potrebbe essere valida anche la lettura contraria: le donne sono state lasciate libere di accedere alla professione quando il prestigio cominciava a declinare). In sostanza, se insegnare è (diventato) un lavoro adatto alle donne significa che è un lavoro di scarso valore2. È così che l’insegnamento è andato mutando la propria fisionomia, ponendosi in un rapporto sempre più ambivalente rispetto al mondo femminile: da opportunità inedita e ambita per le donne di lavorare fuori casa ed essere economicamente indipendenti, si è configurato progressivamente come un mestiere loro riservato, una sorta di gabbia dorata, che rischia però di diventare ghettizzante.

  • 3 Cfr. M. Barbagli e M. Dei, Le vestali della classe media. Ricerca sociologica sugli insegn (...)
  • 4 Anche in Italia, sebbene in ritardo rispetto ad altri contesti, si è sedimentato un ricco (...)

4Seconda considerazione: l’ingresso delle donne a scuola non determina automaticamente un’attenzione per le questioni femminili, né tantomeno una volontà di rinnovamento dell’istituzione scolastica. Già a partire dagli anni Sessanta si denuncia aspramente l’atteggiamento reazionario delle “vestali della classe media”, colpevoli di aver assunto un ruolo di trasmettitrici acritiche di una cultura classista e patriarcale3. Negli anni Settanta, sulla scia del neo-femminismo, matura la consapevolezza che se vogliamo che le insegnanti si pongano come promotrici di una rinnovata cultura di genere è necessario che vengano loro stesse formate a tale scopo4: non è infatti lecito pensare che le maestre e le professoresse, solo perché donne, abbiano consapevolezza della “questione femminile” e di quanto il proprio operato acritico possa danneggiare le future generazioni di bambine, ma anche di bambini. In quest’ottica, il primo scoglio da superare consiste nello sfatare il mito della neutralità, che sembra permeare ogni cellula dell’apparato scolastico (dai docenti, agli allievi, ai saperi trasmessi). I soggetti in formazione non sono neutri, ma sono maschi e femmine con peculiarità da scoprire e valorizzare; così come i docenti sono uomini e donne che insegnano in base a ciò che sanno ma anche in base a ciò che sono, e quindi anche in funzione della loro appartenenza sessuale; i saperi, infine, evidentemente parziali, connotati e dipendenti da chi li produce, non possono certo spacciarsi per impersonali e oggettivi.

5E qui approdiamo alla terza considerazione, che è quella più strettamente pertinente con gli scopi di questo libro. Si è detto che uno dei motivi per cui la scuola viene letta (in realtà fraintesa) come un ambiente affrancato da discriminazioni sessiste è che le bambine/ragazze sono eccellenti studiose e ottengono brillanti successi scolastici. Il problema adesso è interrogarsi su ciò che viene fatto loro studiare. Come credo dimostrerà la ricerca che ho condotto sui libri di lettura delle scuole elementari, la cultura che viene ancora oggi trasmessa a scuola è una cultura parziale (nella duplice accezione di incompleta e “di parte”), pervasa e viziata da un’impronta maschile che tende ad esaltare l’Uomo e a relegare ai margini le donne. Le studentesse si applicano, con tanta assiduità e dedizione, su un patrimonio di conoscenze estraneo al proprio genere, dal quale sono escluse sia come oggetto del sapere che come produttrici di sapere. Ragazzi e ragazze siedono gli uni accanto alle altre, sugli stessi banchi di scuola, ma lo strumento di lavoro che viene loro offerto crea una separazione netta nella classe: i ragazzi sono integrati nel sapere che studiano, le ragazze ne sono escluse. A queste condizioni la scuola non può offrire pari opportunità agli alunni dei due sessi.

6Per superare questa impasse si rende necessario agire su più fronti. Da un lato occorre rivisitare i programmi scolastici, i libri di testo, le materie di insegnamento in un’ottica di genere (è stato questo l’obiettivo del progetto Polite); d’altro lato è essenziale stimolare un ruolo attivo e consapevole degli/delle insegnanti, sia rispetto ad una elaborazione critica della cultura trasmessa che per quanto riguarda le modalità di interazione in classe con gli alunni dei due sessi. L’obiettivo non è quello di calare dall’alto pacchetti didattici o buone prassi da replicare nelle classi ma, al contrario, offrire spunti di riflessione che ciascun/ciascuna docente saprà elaborare in maniera originale, adattandoli ai propri alunni, nel proprio particolare contesto, nel modo più efficace.

7Partendo da questi presupposti, il libro si propone di dotare le sue lettrici e i suoi lettori di un kit di strumenti utili a smascherare i fondamenti sessisti su cui si reggono i testi scolastici. Questi strumenti sono sia di tipo teorico che pratico: ponendo come incipit una riflessione sulla lingua e sulle dissimmetrie di genere che questa incorpora e al tempo stesso produce, si approderà a proposte operative per analizzare e valutare in ottica di genere il materiale didattico. Nell’auspicio di chi scrive questa capacità di analisi e di valutazione potrà essere utile a varie categorie di utenti. In primo luogo potrà essere utilizzata in ambito professionale dalle maestre e dai maestri delle elementari come un (ulteriore) criterio di scelta circa il libro di testo da adottare (come si vedrà ci sono case editrici più e meno virtuose da questo punto di vista), ma anche come opportunità di sottoporre a critica quelli già in uso. Più in generale il libro potrà essere utilizzato da tutti coloro che svolgono a vario titolo il ruolo di educatrici/educatori, in primis i genitori attenti che impareranno a selezionare con maggiore accuratezza le favole da leggere ai propri figli e alle proprie figlie, evitando di replicare all’infinito un immaginario di Principi azzurri e Belle addormentate nel bosco. In questo senso credo che dotarsi di “lenti di genere” per guardare la realtà sia arricchente e stimolante da vari punti di vista, evidentemente non solo per leggere i libri di testo.

8Il volume si struttura in due parti. La prima, “Lo stato dell’arte”, consiste in una rassegna della letteratura pubblicata in Italia sul tema del sessismo, con particolare riferimento alla lingua e ai libri di testo. Il primo capitolo si apre con le ricerche di Alma Sabatini che a metà degli anni Ottanta ha inaugurato in Italia un filone di studi sulla “donna nella lingua” che, a fasi alterne, si è prolungato fino ai giorni d’oggi; il capitolo prosegue con una ricognizione della (scarsa) produzione sul tema degli stereotipi di genere perpetuati attraverso la letteratura per l’infanzia e i testi scolastici. Il secondo capitolo, introdotto da un breve excursus sui principali riferimenti normativi sulle pari opportunità a livello internazionale, è dedicato al Progetto Polite (acronimo di Pari Opportunità nei Libri di TEsto). Si tratta di un progetto europeo di autoregolamentazione per l’editoria scolastica realizzato tra la fine degli anni Novanta e i primi anni del Duemila il cui esito finale è stata la stesura di un Codice di autoregolamentazione per gli editori volto a fornire alcune linee guida affinché la prospettiva di genere divenga criterio orientativo nella stesura dei futuri libri di testo. Avremo, purtroppo, occasione di constatare la scarsa ricaduta del Codice nella produzione editoriale italiana, dato che i libri che ho esaminato, editi proprio agli inizi del Duemila, non sembrano nel complesso essere in sintonia con i principi espressi dal Polite.

9La seconda parte del libro, “La ricerca sperimentale”, riporta i risultati della ricerca sui libri di lettura della scuola elementare. Questa parte della tesi è strutturata a sua volta in tre capitoli dedicati rispettivamente all’analisi quantitativa (terzo capitolo), all’analisi qualitativa (quarto capitolo) e ad una valutazione complessiva dei risultati della ricerca (quinto capitolo). L’indagine ha preso in esame i libri di lettura per la classe quarta elementare di dieci importanti case editrici: De Agostini, Nicola Milano, Capitello, Piccoli, Fabbri, Raffaello, Piemme, Elmedi, Giunti e La Scuola. Ad un primo livello, è stata realizzata un’analisi quantitativa dei testi e delle immagini utilizzando un’apposita griglia di analisi che viene presentata minuziosamente al lettore allo scopo di dotarlo di un primo strumento per analizzare i libri di testo in ottica di genere. Il secondo livello di analisi, quello qualitativo, si propone di indagare in maniera più approfondita le connotazioni del femminile e del maschile che emergono dalla lettura dei testi presi in esame. Anche in questo caso è stato creato un strumento di analisi ad hoc – la scala di sessismo – che può essere fatto proprio dal lettore e utilizzato per “leggere” e valutare ulteriori testi. Nell’ultimo capitolo si è cercato di valutare complessivamente i risultati della ricerca, integrando i due livelli di analisi. Questa lettura incrociata ha messo in luce le diverse strategie utilizzate dalle case editrici per risolvere l’annoso problema di una rappresentazione paritaria dei due sessi. Qualcuna ha investito soltanto su una parità “formale”, numerica, di maschi e femmine; qualche altra è andata più a fondo nella questione, proponendo una revisione dell’immaginario femminile e maschile attraverso la rottura di alcuni stereotipi sessisti; in certi casi, infine, si è tentato di agire su entrambi i fronti. Si tratta appunto di semplici tentativi, che spesso appaiono più come frutto di scelte individuali e occasionali che non come esito di una programmazione condivisa e lungimirante. In sostanza il tema di un’equa rappresentazione dei generi nei testi scolastici non è stato assimilato adeguatamente nel nostro paese, neppure sotto la spinta del Polite, e niente lascia supporre che possa essere riportato all’attenzione dai nostri attuali governanti. Non rimane che mantenere vigile l’attenzione e continuare a formarsi, aspettando un contesto sociopolitico favorevole per un’effettiva attuazione dei principi della parità e di una cultura della differenza.

10I.B.

11settembre 2010

Notes

1 Il titolo originale era: Sessi e sessismo nei testi scolastici. La rappresentazione dei generi nei libri di lettura delle elementari.

2 Questa è l’opinione espressa da molti insegnanti, uomini e donne, che ho intervistato sul fenomeno della femminilizzazione dell’insegnamento e su questioni più ampie legate alla professione docente. I risultati della ricerca sono pubblicati nel volume: I. Biemmi, Genere e processi formativi. Sguardi femminili e maschili sulla professione di insegnante, Pisa, ETS, 2009.

3 Cfr. M. Barbagli e M. Dei, Le vestali della classe media. Ricerca sociologica sugli insegnanti, Bologna, il Mulino, 1969; E. Gianini Belotti, Dalla parte delle bambine, Milano, Feltrinelli, 1973; Scuola di Barbiana, Lettera a una professoressa, Firenze, Libreria Editrice Fiorentina, 1967.

4 Anche in Italia, sebbene in ritardo rispetto ad altri contesti, si è sedimentato un ricco patrimonio di elaborazioni teorico-pratiche volto ad alimentare una cultura di genere e delle pari opportunità in ambito educativo. Si tratta di un dibattito a più voci, all’interno del quale mi permetto di segnalare i contributi di Barbara Mapelli, Anna Maria Piussi, Simonetta Ulivieri.

© Rosenberg & Sellier, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search