Version classiqueVersion mobile

Educazione sessista

 | 
Irene Biemmi

Prefazione

Dacia Maraini

Texte intégral

1Vado spesso nelle scuole e incontro ragazzi di tutte le età. So che questi sono gli anni importanti per la formazione di un individuo, mi piace discutere con loro di idee e progetti culturali. Si pensa alla scuola come a una realtà omogenea e invece ci sono tantissime differenze fra scuola e scuola. Quando gli insegnanti sono appassionati e danno il buon esempio nella pratica della lettura e nella curiosità verso il mondo delle idee, i ragazzi rispondono benissimo. Quando invece i docenti sono distratti e pensano ad altro, lasciando i ragazzi soli, questi cadono nei trabocchetti del feticismo tecnologico. In questi casi capita di trovarsi di fronte a stereotipi dalle radici profonde, che sfiorano il razzismo, nati evidentemente in famiglia e nell’ambiente circostante, ma ribaditi da educatori insensibili e incapaci.

2Gli stereotipi di genere sono purtroppo ancora troppo presenti e a volte rinascono e si diffondono con nuovo vigore, grazie ai luoghi comuni a cui indulgono le immagini che riempiono le nostre case e le nostre immaginazioni: Internet, televisione, cinema, fumetti, pubblicità.

3I più piccoli, apparentemente più ingenui, hanno un criterio di giustizia molto meno convenzionale di quanto si possa immaginare, ma vengono presto trascinati nella “norma” da tutto quello che sta loro intorno, a partire dalla famiglia dove ancora, nella stragrande maggioranza dei casi, resistono marcate diseguaglianze tra uomini e donne

4Soprattutto nel Meridione d’Italia alla domanda «Cosa fa tua madre?» ci si può sentire rispondere: «Niente, sta a casa», frase che non ha bisogno di commenti. Il lavoro casalingo è gravoso ma mai remunerato, e quindi viene inteso spesso dai bambini come un dovere biologico della donna-madre-moglie.

5D’altro canto è naturale che crescendo aumentino gli stimoli esterni, ma il mondo che li circonda è pieno di pessimi modelli che influenzano negativamente la loro capacità di distinguere ciò che è giusto da ciò che non lo è. La convenzione vuole che gli uomini possano anche essere brutti, purché dispongano di potere e denaro, mentre le donne devono inseguire la bellezza e mostrarsi disponibili, perché solo così anche per loro arriverà il successo, bene primario e indispensabile.

6Senza contare che le donne continuano a essere stuprate, violentate, uccise perché ritenute una proprietà maschile, mentre agli aggressori viene spesso giustificata la violenza in quanto “colti da un raptus” perché troppo innamorati, come scrivono spesso le cronache. Ma dov’è l’amore quando si picchia, si umilia, si sfigura, si ammazza?

7Indispensabile dunque il lavoro di analisi dell’autrice di questo libro che indaga proprio nel mondo dei libri di testo e di lettura per le scuole. Un lavoro lungo e difficile, anche perché, tra telefonini e computer la dicotomia tra scuola e mondo reale si allarga a macchia d’olio. Per questo è importante dare ai ragazzi quegli strumenti critici che spesso mancano nel lungo e difficile processo di acculturazione. La lingua italiana, come ricorda giustamente l’autrice, è basata su un principio androcentrico: l’uomo è il parametro attorno a cui ruota e si organizza l’universo linguistico. Esempio paradigmatico: la stessa parola “uomo” che ha una doppia valenza perché può riferirsi sia al “maschio della specie” sia alla “specie stessa”, mentre la parola “donna” si riferisce soltanto alla “femmina della specie”.

8L’autrice, sfogliando le pagine dei libri scolastici, scopre mille piccole, a volte mascherate disparità etiche e linguistiche, che denuncia ripetendo: «Non si dovrebbero definire le donne mediante attributi fisici quando gli uomini vengono descritti attraverso attributi intellettuali o posizioni professionali».

9Senza la presunzione di poter dare immediate e facili soluzioni per risolvere gli stereotipi di genere di cui sono infarciti i testi scolastici, l’autrice li ha prima di tutto analizzati con cura mettendo in evidenza le discrepanze, per quantità e qualità, tra la rappresentazione dei modelli maschili e di quelli femminili.

10«I maschi, come dimostra l’analisi quantitativa, sono i padroni della scena: la loro importanza è sottolineata dal fatto che si parla continuamente di “loro”. Nei brani vengono descritte come naturali le loro azioni decisive, le loro gesta eroiche e avventurose, i loro viaggi, i loro mestieri, le loro caratteristiche di forza e coraggio, la loro cultura, la loro intelligenza». Le donne, invece, sono rappresentate come timide, indifese, poco determinate, piagnucolose e, nella maggioranza dei casi descritte solo fisicamente: belle, regali, eleganti, docili, e quando si accenna alla bruttezza di qualcuna, si prende un tono denigratorio, quasi che la bruttezza fosse una colpa.

11«Il tema del lavoro è quello che presenta la maggiore discriminazione nei confronti delle donne: mentre ai maschi viene associata un’ampia gamma di tipologie professionali, le donne si vedono attribuire un ristretto numero di possibilità lavorative, peraltro economicamente e socialmente poco appetibili. La maggior parte delle donne viene infatti indicata come casalinga o al massimo come insegnante».

12In questa lunga e accurata analisi Irene Biemmi inoltre chiarisce, a quanti non lo conoscono (e sono ancora molti), il vero significato del concetto di “parità di genere”, che non coinvolge solo le donne.

13«… mentre i testi analizzati relegano e condannano la donna ai lavori domestici, relegano e condannano tutti i maschi a pesanti impegni e responsabilità di lavoro che non tutti sono disposti o capaci di accettare e fare propri. Sarebbe opportuno, pertanto, che la rottura degli stereotipi sessuali avvenisse da entrambe le direzioni: il modello femminile dovrebbe avvicinarsi e fondersi con quello maschile tanto quanto il modello maschile dovrebbe imparare a rapportarsi e integrarsi con caratteristiche (sensibilità, dolcezza) e ruoli (cura dei figli) considerati finora “femminili”».

14Un libro serio e approfondito, che si dovrebbe leggere nelle scuole. Un libro che non si nasconde dietro teorie astratte, ma analizza le pagine dei testi, facendo il nome degli autori e delle case editrici. L’analisi capillare fa capire quanto poco si rifletta sulle influenze a lungo termine di un sistema di insegnamento basato spesso su luoghi comuni che riguardano i generi.

15Un grazie a Irene Biemmi per il grande lavoro fatto, per aver scritto questo libro e per la generosità e la coscienziosità che ha messo nel compilarlo.

16settembre 2017

Auteur

© Rosenberg & Sellier, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search