Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Politica Lacaniana

 | 
Paola Bolgiani
, 
Rosa Elena Manzetti

Quattro impasses della nostra civiltà

Follia, una delle impasse nella civiltà

Francesca Biagi-Chai

Texte intégral

1La follia, il concetto di follia, che dall’antichità fino a oggi attraversa i secoli, è intrinseca alla condizione stessa dell’uomo. La follia è ineliminabile e perciò irriducibile. Punto di impasse del discorso comune, quello della società che, non sapendo rispondere alla follia, non si dà pace nel doverla negare, ridurre, nel tentativo di darne una spiegazione.

2Il diverso uso della lingua nel folle, fa da leva a ciò che possiamo chiamare un grado zero del razzismo. La follia ne è interrogata in quanto essa stessa è interrogazione, sia genio, crimine o semplice ma radicale bizzarria. La differenza che si evidenzia nel godimento è visibile, percepibile in ciò che si presenta come muro dell’incomunicabilità, rispetto al soggetto nevrotico che fa dell’intimo, del segreto del proprio godimento, che, nascosto, va ritrovato, il pinnacolo del suo essere al mondo. Il non essere come tutti porta il folle a essere interdetto, escluso, imprigionato o legato, diceva Voltaire. Questo fa sì che la società, nel momento storico della nascita della clinica psichiatrica con Pinel, lo ritenga malato, senza considerare più di tanto l’altra faccia, quella del genio, del poeta, ma anche del potere, dell’uomo pieno di sé.

3Non è da oggi, nel mondo attuale della cifra, che dall’alto della normalità, si pretende di riassorbire la follia volendola normalizzare. La psichiatria non ha mai fatto altro, oscillando tra momenti in cui si cercano le cause a altri in cui ci si concentra sui fenomeni. La psicoanalisi è l’unica a annodare gli uni e gli altri, a renderli solidali senza volontà di riduzione. In questo contesto, la risposta che Lacan dà a Henry Ey, mette in prospettiva la significazione, o meglio, il posto che Lacan dà alla follia. Mette in prospettiva quel che sarà successivamente, il parlessere come definizione dell’inconscio e, al di là della clinica, il sinthomo. Nel 1946 dunque, Lacan pronuncia la celebre frase ormai classica:

  • 1 J. Lacan, Discorso sulla causalità psichica [1946], in Scritti, vol. 1, Torino, Einaudi, 2 (...)

Lungi dunque dall’essere il fatto contingente delle fragilità del suo organismo, la follia è la virtualità permanente di una faglia aperta nella sua essenza. […] L’Essere dell’uomo non solo non può essere compreso senza la follia, ma non sarebbe l’essere dell’uomo se non portasse in sé la follia come limite della sua libertà1.

4Ogni parola qui conta, la faglia è per tutti incolmabile, solo ne risponde la difesa contro il reale. L’Altro è barrato e proibisce ogni adeguamento. «Il rapporto sessuale non esiste», anche se nella follia il soggetto tende a raggiungerlo, si applica nella follia e per questo la sua libertà ha una dimensione mortale, quella della pulsione di morte. Non c’è altra realtà per l’uomo se non attraverso il reale proprio, e il folle ce lo ricorda, poeticamente o violentemente, portandoci al limite del discorso, ma il limite è sempre spostato poiché la chiusura è impossibile, al contrario di Henry Ey, che fa dell’organismo e della sua evoluzione il luogo di una storia, e della pazzia un incidente evolutivo. Oggi, nel punto di lettura di Lacan al quale ci ha portato l’insegnamento di Jacques–Alain Miller, possiamo anche noi rispondere a altri: a Foucault, a Deleuze e Guattari, all’antipsichiatria, alla modernità.

5Il primo fa della follia un fatto sociale, e ne denuncia l’esclusione nel grande confinamento generatore di alienazione. Ma il pazzo, per lui, risulta assimilato al proprio corpo e «il manicomio come corpo dello psichiatria, gonfiato, esteso». Corpo senza linea di fuga nel quale Lacan riconosce «la negazione dell’uomo».

6Deleuze a suo modo fa anche lui sparire la follia nella schizofrenia, pure paradossalmente facendone un paradigma, il modello valorizzato delle macchine desideranti, che con la schizo-analisi dovevano far saltare i sembianti, rompere la credenza nell’Edipo per un al di là. La famosa clinica di Laborde gestita da Guattari, però, non era che un’altra modalità della famiglia, una famiglia politico-sociale appena più permissiva, considerando che il concetto di libertà è impossibile da scrivere nel reale. Così ne è anche dell’antipsichiatria che, come dice Lacan, «libera solo gli psichiatri», tentando di privilegiare sempre solo risposte umano-sociali, modifiche organizzative, evitando un sapere sulla follia, sul reale della follia.

7Nulla di nuovo allora nel campo del trattamento dei pazzi da parte delle società, se non la lenta installazione di un cinismo insidioso. In effetti lo psichiatra, come medico del suo tempo, contribuisce ai rimaneggiamenti piegandosi al disagio della civiltà che l’epoca della caduta degli ideali richiede. Oggi, nell’era della «promozione allo zenith dell’oggetto a», il succedersi, a ritmo accelerato, dei significanti padroni per dire la follia allontanandosi dal significante e della sua funzione, valgono come segni. Segni che portano a trattarla come oggetto di scarto, rovescio del suo zenith.

8Depressione, bi-polarità, DSM, perversi narcisistici, sono altrettante etichette dalle quali non esce nessun soggetto. Si verifica quanto sia deleterio nelle coppie l’uso di quest’ultima categoria: sempre di più uomini o donne, dal loro vicolo cieco, puntano sull’altro l’accusa della perversione, accompagnati dagli avvocati. «La civiltà è fogna» dice Lacan: in effetti accumula spazzatura, rifiuti. È questo, infatti, che oggi si verifica: stiamo sempre accumulando oggetti, tentando anche di far entrare in questa categoria animali e uomini secondo il principio inflazionistico del capitalismo, ed è questo che oggi «cammina nella profondità del gusto».

9Possiamo qui, attraverso il concetto di discorso di Lacan come equivalente del legame sociale, riallacciare la psicanalisi alla politica. Il discorso dell’analista, coinvolto con gli altri discorsi, li illumina a «luce radente», dice. La luce radente mette in rilievo le asperità, che senza di essa non si vedrebbero; in questo caso tutti questi arrangiamenti superficiali dicono lo stesso rapporto alla follia come pura patologia o come oggetto sociale, in una specie di opposizione che fa da impasse fra etica e moda, etica e ideologia.

10Con Lacan la follia eccede la psicosi e indica l’uscita dall’impasse. La possibilità che, per la prima volta nella storia, la follia possa essere una risposta o un’interrogazione fondamentale posta nel singolare del godimento, che consegue dal significante, fa la sua entrata nella civiltà. Il reale, quello che la psicanalisi definisce come tale nel suo annodamento all’imaginario e al simbolico, permette la congiunzione della patologia a un suo al di là, all’essere come parlante. Poniamo qui che la differenziazione tra follia e psicosi, mantenuta fino all’ultimo da Lacan, può rispondere alle impasse della civiltà in questo campo, senza negarne la clinica. È da prendere sul serio lo sviluppo che dà Jacques-Alain Miller del detto di Lacan: «Siamo tutti folli», che si collega con la «preclusione generalizzata». Il reale è fuori senso e, lo è per tutti, con modi tanto diversi quanto singolari. Cosi dice J.-A. Miller della follia, in diversi insegnamenti, con l’insistenza del reale che porta oltre ogni forma di globalizzazione e quindi di segregazione, di senso di appartenenza o di idealismo: «La follia della quale si tratta, questa follia generica e generale, universale, non è la psicosi. La psicosi è la categoria della clinica con la quale si tenta di catturare qualcosa che certo si include comunque in quell’universale lì». Con Joyce come sinthomo eretico, che fa dell’eresia un discorso non di pienezza identificatoria immaginaria, ma di messa in gioco dell’oggetto a, si può reinterpretare la follia. E con essa si può far ritorno sulla psicosi al fine di non banalizzarla, di non negarla: trattarla, quando si fa fuori discorso, educando la società al reale, nel ricovero, nelle perizie giudiziarie, riconoscerla quando si avvicina alla rottura e vale solo per l’analista nell’intimità della cura come psicosi ordinaria, identificarla nei legami inconsci dove si è modellata la sorte di chi è parente del folle come nel film È solo la fine del mondo.

11Lo si fa denudando il luogo da dove si parla, si crea, si agisce. Quello che l’artista fa nella sua follia, cioè identità, anche l’analista lo realizza nella sua etica. Etica che diventa necessariamente politica affinché la psicoanalisi non ceda le armi di fronte alle impasse della civiltà.

Dibattito

Jacques-Alain Miller

12Farò una riflessione che è comune ai due interventi. Viviamo in un’epoca in cui il si impersonale sa che non c’è relazione sessuale. È un sapere che di fatto è diffuso, che Lacan ha nominato quando il fenomeno si produceva, formulando che è una relazione che non si può scrivere. Ciò che si può scrivere è la relazione giuridica, c’è il diritto, e siamo in un’epoca in cui si sa che non c’è limite a ciò che il diritto può formulare come relazione giuridica, precisamente per accompagnare tutte le invenzioni di relazioni sessuali e di identità sessuali.

13Per quello che riguarda la follia, possiamo dire che la clinica ha indietreggiato di fronte al giuridico e che il giuridico è entrato nella clinica in modo molto potente, richiedendo che in qualsiasi momento il soggetto sia trattato come un soggetto di diritto. Si comprende che il tempo della scelta corrisponde alla crescita del diritto. A ciascuno la propria scelta, significa che si ha diritto. Ovviamente ciò rappresentava un’impasse per la psicoanalisi, in quanto era accostata ai divieti posti dalla civiltà che aveva la funzione di allentare, e ci è riuscita troppo bene. In fondo si tratta di un’impasse che minacciava la psicoanalisi, e possiamo dire che Lacan ha spostato la psicoanalisi in funzione di questa impasse. L’ultimo insegnamento di Lacan è la soluzione che egli ha trovato a questa impasse della psicoanalisi rispetto al diritto e alla promozione della scelta. Egli ha sciolto l’antica alleanza tra psicoanalisi e divieto e l’ha legata al sinthomo, il cui perno non è più il divieto.

Francesca Biagi-Chai

14Il diritto giuridico è il rovescio di quello che ora sta succedendo per i pazienti, perché fa sì che i pazienti psicotici – non folli, ma psicotici – cadano come scaro da questa spinta verso il tutto diritto. Questo è il punto preciso in cui per la psicoanalisi c’è una dimensione politica da tenere: per questo ho costruito così il mio intervento, per mettere il sinthomo in prospettiva e da quella prospettiva rileggere la psicosi per poter intervenire quando i soggetti cadono, perché il reale, che è il loro intimo reale, è stato misconosciuto. Ci vuole un punto di lettura che sia pari a quello della società, per poi poter denunciare da lì il fatto che nella società si vuole che tutti siano assolutamente identici, non malati, soggetti di diritto o… o niente, cadendo nello scarto. Viviamo nell’epoca degli scarti: ogni oggetto ha un rovescio e il suo rovescio è lo scarto. Prima c’era uno scarto di tipo immaginario: mettiamo i pazienti tutti insieme, stanno bene… era una forma minima perché era collettivizzata. Oggi, nei più diversi luoghi, si trovano dei pazzi di cui nessuno si occupa, che nessuno ascolta, per i quali non c’è un posto. Siamo ritornati a prima di Pinel.

15Allora occorre andare oltre la clinica per poter rileggere la clinica dal punto di vista della follia.

Raquel Cors

16Ho pensato questo testo per l’epoca che ci riguarda per la questione politica nel Campo freudiano, e ho osato una lettura di un rifiuto del femminile con terribili conseguenze che molti di noi conosciamo nella politica del Campo freudiano. Tuttavia la lettura che faccio del sesso come identificazione alla posizione femminile ha più a che vedere con la logica della fine dell’analisi. È la logica che ci insegnano gli AE della Scuola e richiede un percorso analitico di un certo tempo logico e cronologico, perché il rovescio del discorso analitico è la follia del ϕ zero e del sesso come identificazione illimitata.

17L’epoca attuale è l’epoca maschio, dal lato maschile delle formule della sessuazione e sia il femminismo o la sessualità per come la conosciamo oggi giorno, si instaura sempre dal lato maschile, e per questo sostengo che c’è un rifiuto del femminile nella civiltà attuale, che si tratti di uomini o donne. Si tratta di una delle impasse che incontriamo.

Notes

1 J. Lacan, Discorso sulla causalità psichica [1946], in Scritti, vol. 1, Torino, Einaudi, 2002, p. 170.