Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Politica Lacaniana

 | 
Paola Bolgiani
, 
Rosa Elena Manzetti

Introduzioni

A più voci

Paola Bolgiani

Texte intégral

1Parigi, 7 marzo 2017: il Consiglio dell’École de la Cause Freudienne prende una decisione che non ha precedenti nella storia della psicoanalisi, un appello pubblico a votare contro Marine Le Pen e il Front National alle elezioni francesi. Il partito di Marine Le Pen nella campagna elettorale non solo sta crescendo nei consensi, ma si presenta, e tende a essere presentato dai media, come un partito fra gli altri, ottenendo una legittimazione inquietante per un partito postfascista che conserva integri, anche se adattati alla realtà contemporanea, i riferimenti del passato. I colleghi francesi, come collettivo psicoanalitico, decidono di prendere una posizione per impedire la vittoria del Front National, producendo, nel brevissimo volgere dei due mesi che li separano dalle elezioni, una mobilitazione impressionante: raccolte di decine di migliaia di firme e una serie di forum anti Marine Le Pen nelle principali città francesi e in Belgio, forum che man mano raccolgono l’adesione di un numero crescente di intellettuali e politici di diversi schieramenti.

  • 1 J.-A. Miller, Champ freudien année Zero, “Lacan Quotidien”, 718, 2017, http://www.lacanquo (...)

2Ma ecco che, quando Macron ottiene la vittoria, il movimento non si arresta. Jacques-Alain Miller rilancia, e rilancia sul fatto che gli psicoanalisti, collettivamente, non possono essere estranei a quanto accade nel mondo, nel nostro mondo. «Ho pensato fosse opportuno traferire su scala mondiale le lezioni dell’esperienza francese, così ho creato il 14 maggio scorso, la Movida Zadig, Zero Abjection Democratic Intenational Group», scrive Miller nel testo Campo freudiano anno Zero1 e annuncia la creazione di una rivista, “Heretic” (poi diventata “Hérétics”).

3Il 13 maggio nella conferenza tenuta a Madrid, Jacques-Alain Miller espliciterà il suo progetto:

  • 2 S. Freud, Psicologia delle masse e analisi dell’io [1921], in Opere, vol. 9, Torino, Bolla (...)
  • 3 J.-A. Miller, Conferenza di Madrid, “Lacan Quotidien”, 700, 2017, http://www.lacanquotidie (...)

Pensare che la psicoanalisi sia esclusivamente un’esperienza dell’uno per uno, un’esperienza intima che sfugge al caos, al disagio che prevale al difuori, è un errore. Ve lo dimostro sul campo. Freud ha scritto un libro intitolato Psicologia delle masse e analisi dell’io. Che cosa si legge nella sua breve introduzione? Una frase. Forse la frase più importante di tutta l’opera di Freud […]: “Nella vita psichica del singolo, l’Altro è regolarmente preso come modello, come oggetto, come soccorritore, come nemico, e pertanto in questa accezione più ampia, ma indiscutibilmente legittima, la psicologia individuale è al tempo stesso fin dall’inizio, psicologia sociale”2.3

4Da quel momento, i fatti si succedono con rapidità. La conferenza di Madrid segna un nuovo punto di riferimento. Riprendo un brano che mi pare significativo, citato anche nell’intervento introduttivo al Convegno di Torino: «Ho un progetto: essere presenti, non soltanto nella clinica, nella psicologia individuale, come dice Freud, ma anche nella psicologia individuale in quanto collettiva, vale a dire nel campo politico. Non come un partito politico, ma per come gli psicoanalisti possono apportare qualcosa all’umanità in questo momento della o delle civiltà».

5Pochi giorni dopo, sempre su iniziativa di Miller, Zadig fa il suo ingresso in Italia. Miller partecipa al Convegno Nazionale della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, alla fine del mese di maggio, dove interviene con il testo Elogio degli eretici, e anticipa fin da quel momento, una seconda tappa, per l’inizio del mese di luglio, con un seminario di Politica Lacaniana. Il tema della scelta, come si potrà leggere in questo libro, che si apre con la dialettica che queste due conferenze costituiscono, è dominante. Ma lo è anche la dimensione di un lavoro collettivo, a più voci, testimoniato dai contributi diversi a variegati che seguono, lavoro collettivo che è un primo passo necessario di un movimento che voglia avere una risonanza, nel e al di là del campo della psicoanalisi, e che voglia coinvolgere altri discorsi, altri saperi, sensibilità diverse, per porre, a ciascuno, la domanda: quali atti, singolari e collettivi, di fronte al “disagio della civiltà “contemporaneo e alle forme che questo prende a livello sociale, economico, politico? Per cercare delle risposte, occorre conversare, dibattere, discutere. Dunque, occorre aprire dei luoghi e dei momenti di dibattito, con altri, del Campo freudiano e fuori dal Campo freudiano.

6Jacques-Alain Miller, con gli atti compiuti, che abbiamo qui riassunto per sommi capi, ha prodotto disturbo, disturbo nelle difese che potevano farci credere che, come psicoanalisti, fossimo nell’ortodossia analitica, al riparo dal disordine del mondo. Ha invitato gli psicoanalisti a prendere atto che la loro funzione non si esaurisce nella cura individuale, ma va al di là, poiché la psicoanalisi non è una terapeutica, ma ha effetti sul modo con cui un soggetto si posiziona rispetto al simbolico, all’Altro, e dunque al mondo che lo circonda, e ha effetti sul modo con cui ci si rapporta al godimento, elemento irriducibile a ogni universale. Ci ha spinti a interrogarci sugli effetti dell’analisi, rimandando ciascuno alla solitudine del suo rapporto alla causa analitica, cioè mettendo alla prova il transfert di ciascuno, uno per uno, verso la psicoanalisi, nonché la possibilità che questo produca quel contagio che può entusiasmare altri.

Notes

1 J.-A. Miller, Champ freudien année Zero, “Lacan Quotidien”, 718, 2017, http://www.lacanquotidien.fr/blog/wp-content/uploads/2017/06/LQ-718-B.pdf.

2 S. Freud, Psicologia delle masse e analisi dell’io [1921], in Opere, vol. 9, Torino, Bollati Boringhieri, 1989, p. 261.

3 J.-A. Miller, Conferenza di Madrid, “Lacan Quotidien”, 700, 2017, http://www.lacanquotidien.fr/blog/wp-content/uploads/2017/05/LQ-700-5.pdf.