Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Desideri decisi di democrazia in Europa

 | 
Rosa Elena Manzetti

Parte prima. Desideri decisi di democrazia

I nostri mezzi

Christiane Alberti

Texte intégral

1La recente elezione presidenziale in Francia è stata l’occasione di un’esperienza inedita per gli psicoanalisti, da cui dobbiamo trarre le conseguenze. Nel contesto di una mancanza da parte dei politici a contrastare la possibile elezione alla magistratura suprema di un rappresentante dell’estrema destra, si è trattato, a partire dall’atto compiuto da Jacques-Alain Miller, di riunire l’opinione illuminata per una lotta contro Marine Le Pen, ma anche di lavorare per costituirla. Abbiamo giocato la nostra partita in quanto attori della società civile, contando sulle nostre forze. A partire dalla nostra condizione di psicoanalisti, abbiamo preso pubblicamente posizione, senza che fosse una posizione partigiana.

2Come rendere conto di questa posizione, al tempo stesso non partigiana e in sintonia con il discorso analitico? Una posizione che trova la sua causa al di là dei partiti, nella psicoanalisi.

Realismo superiore

  • 1 G.W.F. Hegel, Lo Stato è la realtà dell’idea etica: Lineamenti di filosofia del diritto [1 (...)

3Le scelte fatte sono la manifestazione di un punto di vista etico, consistente, in particolare, nel trarre le conseguenze dell’astensione e della scheda bianca. Un principio di realismo superiore che, nel solco di Hegel, trova il suo riferimento nella sua morale oggettiva1, ci ha guidato in ogni tappa di questa campagna. Questo principio consiste nell’attaccarsi alle condizioni concrete, pratiche, di attuazione della cosa da raggiungere – ossia bloccare l’elezione di Marine Le Pen – a dispetto di tutti gli ostacoli che si presentavano. Noi volevamo che Marine Le Pen non venisse eletta. Volevamo che le condizioni materiali e discorsive della nostra pratica fossero preservate, ma non solo.

Desiderio di democrazia

  • 2 B. Kriegel, Etat de droit ou Empire? Paris, Bayard, 2002.

4Questa prospettiva ci ha condotto in particolare a opporre il riferimento allo Stato di diritto alla china populista – che si trattasse della tendenza esito della corrente propriamente anti-illuminista o della protesta romantica cara alla Francia. È dal diritto che il popolo trae la propria definizione, e la sua norma risiede nella forma della legge. Lo Stato non è assimilabile al potere, né alla forza, né alla violenza, ma al diritto e alla legge – opere umane in continuo movimento, contrappeso alla vox populi, se consideriamo, con Blandine Kriegel2, che lo Stato moderno non proviene dall’impero romano germanico, ma dal rinnovamento repubblicano delle monarchie del Rinascimento. È una creazione permanente, che non appartiene a nessuno ma a tutti, un’istituzione che non è al di là, ma da e per gli individui. A ogni modo è utile interrogarsi sullo Stato di diritto oggi, in un momento in cui si rimette in causa il principio della rappresentanza e del parlamentarismo, così come i progetti poco credibili dei regimi costituzionali alternativi. D’altronde questa critica è antica e ha sempre accompagnato la teoria dello Stato moderno.

5Non si trattava solo di difendere lo Stato di diritto poiché esso condiziona la pratica della psicoanalisi. Non si trattava nemmeno di una posizione legittimista. Questo riferimento alla politica è di un’altra portata: un desiderio che nasce da una scelta forzata.

6Partendo da una situazione data, possiamo considerare che ci sia oggi un’alternativa agli ideali democratici? No. In ogni caso, noi abbiamo a che fare non con una condizione fissata, ma con un processo: lo Stato di diritto consente la vita democratica ed è grazie alla vita democratica che lo Stato di diritto si realizza. La democrazia è conversazione e non unicamente legalismo. Essa tiene conto contemporaneamente delle leggi e dei costumi democratici, dei regolamenti e delle conversazioni.

7Il contesto in cui dobbiamo trarre delle conseguenze è quello di una avanzata dei populismi e del discorso delle tecnoscienze che inaspriscono la segregazione. Noi scegliamo di inscriverci nel movimento contemporaneo della democrazia, e non di tirarcene fuori in nome dell’extraterritorialità dell’anima bella psicoanalitica. Da questo posto noi possiamo introdurre una sovversione.

  • 3 C. Tiercelin, Connaissance, vérité et démocratie, Cours au Collège de France, 2016-17.

8È ciò che abbiamo fatto, entrando senza indugio nella discussione con i deputati – che sono essi stessi dei soggetti divisi – su un progetto di risoluzione volto a interdire la psicoanalisi con gli autistici. C’è voluta una campagna in direzione dell’opinione pubblica affinché la risoluzione fosse respinta dalla maggioranza dei gruppi dell’Assemblea nazionale – cosa che non era scontata in precedenza. Più precisamente, scegliere la sovversione ci conferisce un posto, mentre l’opposizione pura e semplice, senza ingaggiarsi nel dibattito, equivale a rinforzare ciò che si denuncia. Certo sono dei significanti con il loro peso di immaginario, sono degli ideali, ma si può farne a meno? Possiamo fare a meno della nozione di verità in democrazia? Mi riferisco qui a Lacan, considerando che noi viviamo in un’era di riapertura della questione della verità. Segnalo anche l’attualità del lavoro di Claudine Tiercelin, all’interno del suo corso al Collège de France, dal titolo Conoscenze, verità e democrazia3, che mira a reintrodurre la questione della verità in politica e a mettere in questione il relativismo cinico delle fake news.

Consenso o insubordinazione?

9Il dibattito avvenuto nel momento della suddetta elezione presidenziale ha messo in gioco il rapporto che ciascuno intrattiene con il significante padrone, S1. Poiché un’analisi conduce a distanziarsi dalle identificazioni di massa, sempre segregative, vi si fa l’esperienza non di un’opposizione agli S1, ma di un uso degli S1 diverso dalla cattura operata dagli S1. Il soggetto è condotto a separarsi dal significante padrone, al quale lo lega un peso di godimento. Dominique Laurent ne aveva proposto la felice formula: “un rapporto diritto al significante padrone”.

  • 4 F. Gros, Désobéir, Paris, Albin Michel, 2017.

10L’ultima opera di Frédéric Gros, intitolata Disobbedire,4 esprime una tendenza della vita politica francese, in cui in termini di prospettiva politica, disobbedire dovrebbe essere l’urgenza imperiosa: la democrazia secondo Gros designa «una tensione etica al cuore di ciascuno». È a partire da un sé politico che, secondo lui, si edificano i movimenti di disobbedienza. Valutiamo che questo invito alla disobbedienza permanente in nome dell’obbedienza, della fedeltà a se stessi, poggia interamente, non sulla supposizione di un soggetto, ma sul riferimento a un “sé indelegabile”, a una determinazione individuale, a un dibattito tra sé e sé e con altri, mentre il soggetto lacaniano non è nessun io, nessuna sostanza, ma una realtà transindividuale: «L’inconscio, è la politica».

11Quali conseguenze?

Un legame sociale che va oltre la cura

  • 5 J. Lacan, Conférence de Louvain, “La Cause du Désir”, 96, pp. 7-30.

12L’attualità si orienta a partire dall’edizione recente a opera di Jacques-Alain Miller della Conférence de Louvain5 di Lacan. Prenderei qui in considerazione due punti che ci illuminano. In primo luogo una determinazione essenziale del disagio della civiltà per via del discorso scientifico – più specificatamente per via delle tecnoscienze – in quanto esso si impone come ideologia dominante delle società contemporanee. Nominando, indicando la crisi aperta dalla generalizzazione degli effetti del sapere, Lacan segnala la rimessa in causa di tutte le strutture sociali. Potremmo pensare che l’universalizzazione, inerente gli effetti del discorso scientifico, omogeneizzi i rapporti, mentre al contrario essa aumenta la segregazione. I dispositivi che consentono l’integrazione, persino l’assimilazione degli individui in una società, tutta la potenza sincretica del politico, sono andati in frantumi. Il declino del comune si accompagna a una spinta planetaria alla segregazione.

  • 6 Id., Il Seminario, Libro XX, Ancora [1972-1973], Torino, Einaudi, 2011, p. 28.
  • 7 Ivi, p. 51.

13All’interno di questo contesto discorsivo Jacques Lacan propone di fare della psicoanalisi il campo di un esercizio più esteso rispetto a quello della cura. Il legame sociale assolutamente inedito che si instaura tra analista e analizzante, che sposta da “io e tu, noi e loro”, si può estendere al di là della cura. L’esperienza dell’analisi permette di puntare sulle risorse del discorso, che non è altro che «un legame tra coloro che parlano»6. La politica in fondo è il legame sociale. Ed è la nostra arma contro la pulsione di morte: «In fin dei conti non c’è che questo, il legame sociale»7, ovvero ciò che fa tenere insieme i corpi, mentre il loro godimento genera piuttosto segregazione.

  • 8 J.-A. Miller, Lacan et la politique, “Cités”, 71.

14In questo senso la psicoanalisi vuole del politico. Siccome essa lo disidealizza, la sua influenza è quella di un contagio, descritto in questi termini da Jacques-Alain Miller: «Una dilatazione tranquilla, l’espansione di un profumo, uno spirito invisibile che prende tutte le budella, tutti gli organi della vita spirituale» – avrete riconosciuto i termini di Hegel – a proposito dei Lumi nella Fenomenologia dello spirito8.

15Gli psicoanalisti possono contribuire utilmente al dibattito pubblico sulle questioni politiche, alle questioni dell’intimo o della società. È l’ambizione del Forum di Torino. È in questa accezione che intendo quel che Lacan nomina nella sua conferenza di Lovanio, «i nostri mezzi». Éric Laurent

16Ciò che ha messo in evidenza Cristiane Alberti è un paradosso del rapporto del diritto con il significante padrone, che include il diritto a disubbidire. Non c’è una relazione democratica con il padrone se non c’è questo diritto a disubbidire. Questo è stato presente nella tradizione democratica nord-americana ed è una delle cose fondamentali della virtù democratica. Il diritto a disubbidire, dopo l’elezione di Trump, è stato sottolineato come una necessità nelle grandi città americane, come zone di disubbidienza agli ordini di Trump nei confronti degli emigranti, per esempio. È molto importante riconoscere questo. Queste zone di disubbidienza sono le zone franche. Il problema è non rimanere lì, ma articolarle con la ragione positiva del potere e fare in modo che i giovani seguaci di Bernie Sanders, di Jeremy Corbyn o dell’indipendentismo catalano, si trasformino in elettori che hanno incidenza a tutti i livelli, sia a livello della politica di vicinanza, per esempio i comitati di quartiere, senza dimenticare i livelli più forti, come diceva Elisabetta Galeotti, in quanto questi livelli non sono più promesse. Occorre articolare il livello della politica di vicinanza in cui si passa dalla zona franca alla zona franca come azione di politica democratica, dal livello della vicinanza a tutti gli altri che si allontanano da questa vicinanza primaria. Questo va contro la politica come la presenta Badiou in Francia, una politica che non ha nessun contatto con il potere o con la rappresentazione democratica, che è una menzogna e non si occupa di niente. Abbiamo una versione più divertente, più comica, di Žižek, meno pesante di quella di Badiou, ma è la stessa cosa. È molto diversa la linea di Rancière come teorico di sinistra in Francia. Rancière parla di politiche delle oasi, ma le oasi, le zone franche, hanno bisogno di essere zone di azione e probabilmente, al di là della passione triste che attraversa tutta la politica, abbiamo bisogno di trasmettere questa passione gioiosa per ripensare la relazione con la politica positiva.

Joaquín Caretti

17Volevo porre a Christiane Alberti una questione che mi sembra essenziale rispetto ai modi in cui uno psicoanalista può intervenire in politica. Lei fa la differenza tra l’intervento secondo la via della sovversione e l’intervento di qualsiasi posizione politica secondo la via dell’opposizione. Quest’opposizione verrebbe a consolidare ciò che si denuncia. Per la politica non c’è altro modo, se non quello di opporsi, rischiando di consolidare ciò che si denuncia. Ciò che mi interessa domandarle è cosa voglia realmente dire la possibilità d’intervenire secondo la via della sovversione.

18Vorrei porre anche una questione a Elisabetta Galeotti. Lei ha iniziato il suo discorso dicendo che ci sono promesse irrealizzabili. Penso che occorra analizzare maggiormente questo. Perché ci sono, in politica, delle promesse irrealizzabili? Perché in questo momento sorgono delle promesse o delle questioni che per il popolo, per la gente, per gli operai sono importanti e che non vengono realizzate? Se non ci poniamo la questione delle promesse irrealizzabili e pensiamo che ci sia qualcosa, una forza superiore, che condiziona l’economia di Europa, per esempio, non possiamo avere un atteggiamento benevolo, un atteggiamento di razionalità benevola con l’Altro, domandare alle persone che si trovano sottomesse a programmi economici che impoveriscono in maniera radicale, di avere un atteggiamento benevolo con l’Altro. Mi sembra che occorra cominciare a domandarsi perché abbiamo la politica che abbiamo, che porta in qualche modo a non avere fiducia nella democrazia. La conseguenza non è soltanto che le persone diventano più povere, ma che smettono di avere fiducia nella democrazia e aderiscono a politiche populiste. Vi è un rapporto diretto tra le politiche che vengono attuate e la crescita dei populismi. Ci potrà essere una posizione benevola, ma soltanto a patto di certe condizioni di democrazia reale.

Elisabetta Galeotti

19Brevemente sull’osservazione che mi è stata fatta sul perché ci sono delle promesse irrealizzabili nella democrazia. Io non parlavo di promesse irrealizzabili in generale, in astratto, non è che la promessa di uguaglianza e libertà e solidarietà non si possano realizzare. Volevo dire che le promesse su cui si è basato il patto democratico – storicamente dalla fine della guerra alla crisi economica – sono state la promessa di un ampliamento del benessere, di un ampliamento dei diritti, di una maggiore inclusione, di un ampliamento del welfare state. In generale il patto democratico che c’è stato in Italia, ma anche in tutta Europa, era basato su un certo trend economico che si è interrotto. Non voglio dire che queste cose non si possono più realizzare, ma non sono più credibili i politici che ci dicono che i nostri figli staranno meglio di noi, perché in questo momento non si sono politiche che supportino queste promesse e non si vedono le prospettive. Non dico che i politici non le debbano cercare, ma in questo momento non sono credibili. Sembrano, agli occhi di chi ascolta, dei cittadini, delle false promesse, delle cose da non credere. Mentre i cittadini sono più sensibili a chi invece dice, state male, state peggio, allora mettiamo gli italiani prima, mettiamo i lombardi prima, perché sono gli immigrati colpevoli di questa situazione, pigliano soldi dallo Stato, usano i nostri servizi, vi portano via il lavoro. Tutti i dati mostrano che ci sono due mercati del lavoro diversi, quello del mercato dei cittadini italiani e quello degli emigrati. Ma questi dati, i politici non populisti non riescono a comunicarli e gli altri li cavalcano.

Luciano Violante

20Vorrei esprimere un’opinione un po’ diversa. In realtà l’estensione dei diritti c’è stata soltanto durante il bipolarismo internazionale, durante la guerra fredda, non dopo la guerra fredda, perché i due sistemi hanno entrambi dato il meglio dovendo competere. Non perché c’era la crescita, ma perché c’era la lotta con l’altro e bisognava dimostrarsi meglio dell’altro. Quando il sistema sovietico è crollato, siamo inciampati nei nostri allori. Avevamo vinto, a quel punto non c’era più bisogno di dimostrarsi migliori degli altri. Le disuguaglianze sono cominciate quando è finita la guerra fredda.

21Secondo dato, il politico abile non deve promettere singole cose. Deve promettere un futuro con tante cose dentro. Guai se si limita a promesse specifiche, perché esse aprono un problema: perché questo e non altro? Invece se disegni un futuro per il quale ti impegnerai, ciascuno può trovare in questo futuro la sua collocazione. Il problema è che oggi molto spesso i nostri politici si occupano di micro promesse e non di altro. Seguendo un po’ la campagna elettorale in Francia e in Germania, ho notato che mentre in Francia Macron è stato in grado di disegnare un futuro, buono o cattivo dipende dai punti di vista, nella campagna elettorale tedesca, la signora Merkel invece si è concentrata su singole questioni, e non su un disegno complessivo: ha perso il 9 % di consensi.

Éric Laurent

22Mi sembra una questione molto importante. È vero che il contenuto centrale del messaggio di Macron, la cosa importante, è stata promettere un futuro. In contrasto con l’ex presidente Hollande, che nella sua prima trasmissione televisiva da presidente ha elencato 101 proposte cruciali con infiniti dettagli tecnocratici, che gli hanno subito fatto perdere molto consenso.

Gabriele Magrin

23Vorrei aggiungere qualcosa sul populismo. Partirei da questa osservazione: antipolitica e populismo sono due termini che spesso sovrapponiamo. Ma c’è una differenza sostanziale tra i due. L’antipolitica è una componente della politica democratica che si serve della sfiducia: il vigilare sui rappresentanti, controllare il loro operato, chiederne il controllo da parte degli organi giudiziari, fa parte della vita democratica. Il populismo invece assume l’elemento di sfiducia e ne fa un’ipostatizzazione, vampirizza la democrazia amplificando la sfiducia e portandola a vantaggio di un soggetto unico che parla a nome o diviene incarnazione del popolo: sia un leader, una nazione o un partito xenofobo. Se è cosi, intanto questo distinzione va mantenuta: l’antipolitica è un elemento della politica democratica, il populismo è la minaccia delle democrazie. Se su questa base ci trovassimo d’accordo, ecco che siamo forse al punto di svolta del nostro discorso, nel senso che potremmo cominciare a riflettere sulle nostre possibilità di azione in senso positivo. Rispetto a quello che Elisabetta Galeotti e Luciano Violante ci hanno detto sulle evoluzioni intervenute in questi decenni, è evidente che oggi soprattutto dopo la crisi economica, ci sono molti patti da riscrivere che rischiano di essere riscritti dall’alto in forma populistica o tecnocratica e, se così sarà, probabilmente corrisponderanno a promesse che non possono essere mantenute. I patti devono essere riscritti democraticamente: questo è il bisogno di democrazia che abbiamo e il crinale sul quale ci stiamo muovendo. Quali sono i patti da riscrivere e le fratture da sanare? Ci sono diseguaglianze crescenti e c’è quindi un patto economico interno alla società da riscrivere, c’è un patto generazionale che si è incrinato in questi decenni e c’è poi un gigantesco nodo da sciogliere relativo al patto di cittadinanza, che va riformulato perché i cittadini hanno cambiato e moltiplicato identità e provenienza. C’è un patto di solidarietà fiscale che non è solo interno agli stati, ma riguarda i paradisi fiscali, i tanti modi per i poteri economici e finanziari di sfuggire al minimo dovere di solidarietà. I patti da riscrivere sono entusiasmanti sfide democratiche e questo è un elemento per cui non disperare.

Éric Laurent

24Certo il futuro non può più essere l’ampliamento del welfare state. Questo è chiaro. C’è bisogno di inventare qualcos’altro di entusiasmante. Xavier Esqué

25Come diceva Gabriele Magrin, i patti sono svuotati, occorrono nuovi patti. Il problema è – si tratta di una difficoltà dell’epoca – che per stabilire dei patti occorre avere una minima visione del futuro e oggi, con il discorso della scienza e il capitalismo, questa visione del futuro diventa complicata. È qualcosa da tenere in considerazione.

Éric Laurent

26Però si può dire che la riformulazione di un patto democratico, se non si riformula a un livello più alto del welfare state, si riformula in nuove forme come ricerca di un patto di vicinanza. Il laboratorio catalano ci mostra la ricerca di cose comuni. La ricerca, in diversi paesi europei, di nuovi spazi, di temi come l’inquinamento, di ricerca di modi di vivere diversi, sono tutti elementi positivi, che testimoniano della ricerca di ciò che è comune, ripensato nella congiuntura attuale. Michela Murgia

27Una cosa a proposito dello scambio tra Luciano Violante e Éric Laurent, sul politico che deve emozionare e sul possesso di una narrazione che si appoggia sul fondo emotivo delle masse in ascolto. Mi rendo conto che il mio intervento può essere apparso molto ottimistico in relazione al fatto che una narrazione efficace garantisca un contesto democratico. Il vostro scambio lo ha reso manifesto. La narrazione, quando è efficace, può essere usata dai populismi con un’efficacia superiore a quanto possono fare le democrazie. Perché il populismo, essendo antidemocratico, la prima cosa che fa è impossessarsi degli strumenti di diffusione della narrazione. Dal momento in cui gli strumenti sono accentrati nelle mani di qualcuno, si stabilisce il gioco della narrazione unica. Quando si dispone di una narrazione unica, si escludono in automatico le contro narrazioni. In assenza di contro narrazioni, la narrazione diventa uno strumento oppressivo. In questo senso, quando sento i politici parlare di storytelling, appropriarsi dei meccanismi del mio mestiere e piegarli al racconto di un mondo, cercando di convincere qualcuno che quello possa essere il mondo di tutti, io alzo sempre le antenne, e mi domando quale spazio esista dentro quella proposta narrativa per un’altra proposta narrativa. Se io volessi smentire quello che quel politico sta facendo, perché ha in mano tutti i mezzi che servono avendo il potere, potrei farlo? Se la risposta è no, è evidente che la narrazione non costruisce democrazia, ma consolida meccanismi antidemocratici, anche all’interno delle democrazie. In Italia il problema dell’accentramento dei mezzi di comunicazione ce l’abbiamo, non soltanto sul fronte proprietario vero e proprio, ma anche sul fronte della lottizzazione politica, per cui le forze politiche che hanno maggiore potere sono anche quelle che assumono il controllo delle narrazioni. La presenza di una narrazione senza contro narrazione non è storytelling, è propaganda, che è uno dei marcatori identitari del fascismo, anche all’interno delle società democratiche.

Éric Laurent

28Sì, abbiamo la comunicazione. Una delle forze del populismo di fronte ai poteri è stato il cinismo comico. Ricordiamo l’esperienza greca, di fronte al cinismo comico, al gruppo di avversari della democrazia, come Aristofane – comico geniale però avversario della democrazia – c’era la narrazione tragica. Ma non siamo nell’epoca della tragedia. Inventare una narrazione post-tragica può includere il fatto che l’oggetto perso del welfare state può essere incluso nella narrazione post-tragica nella nostra epoca europea. Credo che possa essere trasmessa per costruire una narrazione che includa una forma di futuro.

Luciano Violante

29Sono d’accordo con quello che diceva Michela Murgia. Le narrazioni possono essere tante. Di per sé la narrazione non legittima tutto. Se c’è spazio per narrazioni diverse, siamo in democrazia, se lo spazio è di una sola narrazione, evidentemente no. Il punto è che lo spazio bisogna conquistarselo, non viene regalato. Proprio l’idea del conflitto che è tipico della democrazia, comporta che ciascuno deve conquistarsi uno spazio nel quale fare la sua narrazione. La narrazione di per sé non è salvifica. Sta di fatto che ce ne possono essere tante diverse, questo comporta il conflitto, il contrasto tra diverse narrazioni, e fa sì che poi può prevalere l’una o l’altra. Certamente anche un ragionamento populista può dare un’identità di cui parlavo, solo che è un’identità falsa. Una narrazione populistica è essenzialmente una narrazione contro. La narrazione democratica è una narrazione essenzialmente per. Qui c’è il punto di differenza tra l’una e l’altra. Vedo però che scompare dal nostro ragionamento la narrazione dell’élite. C’è anche quella. Non abbiamo tempo per approfondirla, ma non si può parlare di populismo in modo completo se non si parla anche di populismo dall’alto, di questa altra forma che è l’elitismo. Viaggiare tra elitismo e populismo genera disorientamento agli occhi delle persone. L’esistenza di diverse narrazioni è una garanzia per la democrazia. Il punto di fondo è come si distinguono? Le narrazioni che sono soprattutto contro, sono narrazioni che hanno dentro di sé un elemento dispotico. Una narrazione ragionevole per il futuro dà speranza ed è quella da scegliere tra le due. Si può verificare se è una narrazione populista o meno, a seconda se ha dentro di sé il punto di fondo dell’essere contro, della demonizzazione dell’altro, o quella invece dell’apertura al futuro. Christiane Alberti

30Desidero dire qualcosa a proposito di ciò che sottolineava Éric Laurent sul fatto che la democrazia include il diritto alla disubbidienza. Ho ripreso il libro di Frédéric Gros, nel contesto della situazione politica francese nel momento delle elezioni presidenziali, per mettere in rilievo che la sola prospettiva della disubbidienza non basta a definire una prospettiva politica per la gioventù. La domanda è: quale prospettiva si propone loro con la semplice ribellione? Per rispondere a tale domanda ho utilizzato il termine “sovversione” proposto da Lacan per situarsi in relazione al discorso del padrone. Sta a noi farlo significare ora, a partire dai Forum, dalle Conversazioni o altro, tramite cui partecipiamo al dibattito democratico in cui scegliamo di inscriverci, piuttosto che semplicemente opporci ai politici.

Notes

1 G.W.F. Hegel, Lo Stato è la realtà dell’idea etica: Lineamenti di filosofia del diritto [1821], Roma, Laterza, 2016, p. 195.

2 B. Kriegel, Etat de droit ou Empire? Paris, Bayard, 2002.

3 C. Tiercelin, Connaissance, vérité et démocratie, Cours au Collège de France, 2016-17.

4 F. Gros, Désobéir, Paris, Albin Michel, 2017.

5 J. Lacan, Conférence de Louvain, “La Cause du Désir”, 96, pp. 7-30.

6 Id., Il Seminario, Libro XX, Ancora [1972-1973], Torino, Einaudi, 2011, p. 28.

7 Ivi, p. 51.

8 J.-A. Miller, Lacan et la politique, “Cités”, 71.

Auteur

Psicoanalista membro della École del Cause Freudienne (ECF) e dell’Associazione Mondiale di Psicoanalisi (AMP).

Acheter

Volume papier

Rosenberg & Sellier