Version classiqueVersion mobile

Desideri decisi di democrazia in Europa

 | 
Rosa Elena Manzetti

Parte prima. Desideri decisi di democrazia

Virtù della ragionevolezza1

Elisabetta Galeotti

Texte intégral

  • 1 La trascrizione di questo testo non è stata rivista dall’autrice.

1La distinzione tra semplificare e banalizzare è giusta ma è anche vero che l’elitismo si nutre di parole oscure e non chiare. Quindi la chiarezza non è banalizzazione ma qualcosa di necessario.

2Tutti i relatori hanno parlato della crisi della democrazia. Vorrei darvi una lettura di questa crisi e poi un’ipotesi di speranza alla fine, che mi sembra forse un po’ eretica rispetto a quello che si è detto fin qua. Darò una lettura di questa crisi molto legata ai processi storici e quindi meno a delle teorie generali.

3Mi sembra che dopo la caduta del muro di Berlino ci sia stato un decennio in cui la democrazia sembrava essere senza rivali, nel discorso pubblico, nei fori pubblici, non nelle riflessioni dei filosofi dove invece è sempre rimasta una riflessione critica. Questa tradizione invece identificava nella governance e nella governabilità una forma antidemocratica. Per esempio in Europa c’è un deficit democratico proprio perché la Commissione sembra avere una preminenza rispetto al Parlamento Europeo. Quindi c’è una divaricazione tra quella che è stata la riflessione che poteva essere critica sulla democrazia, e il discorso pubblico, in cui la democrazia era considerata promettere benessere crescente, diritti in espansione e inclusione. Queste promesse, queste speranze si sono infrante drammaticamente con la crisi economica del 2008, che in Europa si è sentita un po’ dopo. Con la crisi economica tali promesse si sono rivelate irrealizzabili e allora la dura lezione della realtà è stata preminente. È successo allora che, da una parte, le riflessioni critiche sulla democrazia hanno ripreso vigore e hanno in qualche modo creato un pensiero alternativo e delle pratiche alternative, di cui parlava prima Gabriele Magrin. D’altra parte, si è prodotta una generale sfiducia, rabbia e mancanza di speranza nei confronti di quello che la politica poteva promettere. Questa rabbia, questa sfiducia, questa mancanza di speranza nei confronti della politica, si è poi espressa nel populismo, nell’antipolitica, per poi ritirarsi dal terreno dell’impegno.

4Gli interventi precedenti hanno toccato in vari modi tante possibili ragioni di questa sfiducia, di questa rabbia, la paura che hanno innestato e hanno nutrito questa crisi della democrazia, ma a me sembra che non si sia messo l’accento su un problema centrale, un problema concreto, non teorico. Il problema del fatto che oggi, chi vuole occuparsi di politica non è in grado di promettere molto, non ha un progetto alternativo molto chiaro. Le promesse di una riforma o di una razionalizzazione o di una redistribuzione non sono sufficienti a scaldare i cuori e di fatto non cambiano la situazione, che da molti è considerata senza speranza. Qualche anno fa mio figlio mi ha chiesto: a che cosa devo aspirare, quale deve essere il mio progetto per essere di sinistra? Dammi delle parole d’ordine. Effettivamente, non c’è più il sole dell’avvenire. Non ci sono più dei soggetti bene identificati con degli interessi ben chiari, che vanno definiti, che vanno difesi. I diritti si sono in qualche modo estesi, ma a volte si rivelano vuoti. Questo rappresenta un problema reale della difficoltà a articolare un progetto che sia diverso, che non ripeta semplicemente le parole della socialdemocrazia, della liberaldemocrazia, del welfare state, che è in affanno. Dal dopo guerra fino a una decina di anni fa, i politici promettevano sostanzialmente alla gente che sarebbe stata meglio, e se non loro, i loro figli. C’era questa proiezione verso il futuro, se non dei nostri interessi, del nostro benessere, della nostra felicità, di quelli dei nostri figli. In questo momento questo non c’è più, perché nessuno crede più che il futuro dei nostri figli sarà migliore del nostro. Sarà più difficile. Non sarà necessariamente drammatico, però non sarà facile. Non lo vediamo con ottimismo, non lo vedono loro con ottimismo. C’è una sensazione diffusa di pessimismo. Questa sensazione di pessimismo si è articolata nella critica, giusta da tanti punti di vista, che poi è diventata una critica generalizzata, nei confronti di tutte le élite, i professori universitari ne fanno parte, di tutta la classe politica, ma anche finanziaria, e in generale di tutte le persone che sono percepite come élite, in quanto partecipando di una qualche forma di potere sono in principio ma anche in pratica corrotti. Di fronte a questa idea la retorica va invece nel senso delle persone non corrotte, perché escluse dal potere. Come se l’esclusione dal potere garantisse, di per sé, l’integrità morale delle persone stesse. In ogni caso chi ha approfittato di questa situazione, di questi sentimenti diffusi nella popolazione, sono stati i politici di tipo populista, coloro che non sono in grado di dare ricette, perché ricette non ce ne sono, ma sono in grado di indicare i colpevoli. Chi sono i colpevoli? Sono i neri, gli emigrati, quelli che ci vengono a portare via il posto di lavoro, oltre ai corrotti e ai politici. Loro stessi sono politici, ma loro sono sempre da un’altra parte.

5È una cosa pazzesca che qualcuno sia riuscito a imporsi come uomo non coinvolto nei sistemi di potere quando è una persona che fa parte di quell’élite, ma certamente non ne condivideva la sofisticazione, non ne condivideva i discorsi, non condivideva i linguaggi, o i punti di vista. Però indicare i colpevoli, il capro espiatorio, funziona. Noi non possiamo promettervi niente perché la colpa è di chi vi viene a portare via il posto di lavoro, delle banche, sempre perché fanno parte della finanza internazionale, una specie di fantasma che si aggira nella globalizzazione, e più concretamente dei rifugiati, di quelli che vengono a contendere i posti all’asilo, alle case popolari… La situazione non è particolarmente incoraggiante per chi ritiene, come io ritengo, che la democrazia non abbia reali alternative, per chi è interessato alla libertà, all’eguaglianza. A che cosa possiamo fare appello? Io propongo non tanto di fare appello a un desiderio, ma a una virtù che è assolutamente impopolare – butto questa bottiglia nell’oceano con dentro questo messaggio che forse non avrà molte possibilità di essere raccolto –: la virtù della ragionevolezza. La democrazia non può vivere senza ragionevolezza. Cosa vuol dire ragionevolezza? La ragionevolezza è intanto una virtù che ha due facce, ha una faccia epistemica, perché la persona ragionevole è in qualche modo convinta che le proprie convinzioni, le idee a cui tiene, potrebbero anche essere fallibili, è convinta del fatto che c’è un fallibilismo connesso alla nostra vulnerabilità di esseri umani. La persona ragionevole non solo è convinta di questo, ma sa che anche il proprio interlocutore può essere fallibile e quindi lo tratta con rispetto. La ragionevolezza ha questa duplice faccia, la faccia epistemica e la faccia morale. La faccia morale è l’eguaglianza di rispetto. Mi rapporto con i miei simili che dissentono da me, perché la democrazia è dissenso, è disaccordo, però non trattandoli come persone che sbagliano, che io devo convincere, che devo conculcare, ma come persone con cui devo discutere, perché in ultima analisi non posso dare una prova certa delle mie idee e potrei anche sbagliare come potrebbero sbagliare loro. C’è questo rapporto di eguaglianza di rispetto e di eguaglianza di fallibilità: riconoscere che gli altri sono come noi fallibili. Questa duplice faccia della medaglia ci porta a considerare, nella discussione politica, che da una parte c’è ciò che desideriamo, il desiderabile, e dall’altra c’è ciò che è fattibile, ma ciò che è fattibile non dipende dal fatto che adeguiamo i nostri desideri al volere di chissà quale potere, ma dipende banalmente dal fatto che il mondo è abitato da tante altre persone che hanno tanti altri desideri e non necessariamente i desideri di tutti sono contemporaneamente realizzabili. Quindi tra ciò che è desiderabile e ciò che è fattibile, quello che gli inglesi chiamano la distanza tra il desiderabilty e visibility, c’è la ragionevolezza e c’è la possibilità di trovare un “compromesso”. Parola che io vorrei riabilitare nella politica. Un compromesso è qualcosa che è meno buono di ciò che le due parti vorrebbero, ma è comunque accettabile ed è meglio della non cooperazione. Naturalmente questa ragionevolezza non sembra essere la virtù oggi vincente, sembra essere una virtù recessiva. Però quello che noi possiamo fare oggi, io come docente di filosofia politica con i miei allievi, e in incontri come questo, è fare capire che se noi non usiamo questo tipo di virtù, tenendo fermi ovviamente i nostri desideri, le nostre aspirazioni e soprattutto l’aspirazione a vivere rispettosamente, pacificamente in un mondo giusto, non andremo da nessuna parte.

Éric Laurent

6Una delle promesse che rimangono al leader democratico è promettere se stesso. Obama si è promesso al popolo americano con la sua virtù. Macron in Francia, ci ha promesso la sua gioventù come un sacrificio per dare una speranza in un certo momento. È vero che in Italia Renzi ha fallito. A un certo momento ha promesso il suo carisma, che è sfumato molto rapidamente.

7La figura populista, l’invenzione italiana dei Cinque Stelle, è descritta da Beppe Servergnini quando dice che è un partito molto originale, europeo, allo stesso tempo anarchico, anti-migranti e anti-élite. È una tripartizione originale in Europa. Mi ha colpito questa strana mescolanza, che è cattiva. La virtù della ragionevolezza molto italiana a cui lei fa riferimento, sembra vicina all’appello che faceva il filosofo americano Quine quando parlava di un principio di carità interlocutoria, e anche vicina al versante del pragmatico Richard Rorty, che proponeva l’idea di un principio di minimalizzazione della crudeltà. Accogliere l’altro, convincere l’altro con il minimo di crudeltà possibile. Credo che, con la ragionevolezza, queste facciano parte della stessa famiglia di virtù.

Notes

1 La trascrizione di questo testo non è stata rivista dall’autrice.

Auteur

,
Professore ordinario di filosofia politica all’Università Piemonte Orientale Amedeo Avogadro.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search