Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Parole minori

 | 
Nicola Purgato

Quarta parte Giovani digitali?

Dalla parola virtuale allo Spazio Parola

Emanuela D’Alessandro

Texte intégral

L’uso-abuso dei social network: relazioni virtuali

1Da qualche anno opero in un Centro Diurno che accoglie giovani dalle problematiche più svariate, tra le quali il ritiro sociale è spesso una costante. L’uso da parte di molti dei ragazzi del mezzo informatico si rivela, sin dagli inizi, una vera e propria dipendenza: qualcuno lo utilizza dall’inizio delle attività fino alla chiusura. Questo aspetto rappresenta per l’équipe un problema complesso, anche perché non vi è nessun’altra attività che li coinvolga.

2Decidiamo che per un certo periodo i ragazzi possano utilizzare il computer senza limitazioni temporali e, nel frattempo, ci interroghiamo su questo ab-uso e su come introdurre nel momento opportuno una graduale regolamentazione rispetto al suo utilizzo. Per prima cosa inseriamo delle password, in modo che solo chiedendone all’operatore la digitazione un ragazzo possa utilizzare il Pc, cosicché questo non rimanga immediatamente disponibile e si possa usufruirne solo attraverso la domanda rivolta all’altro. Questa prima novità provoca malcontento, i ragazzi fanno fatica a accoglierla, tanto che alcuni addirittura minacciano di smettere di frequentare il Centro. Grazie ad alcune riunioni straordinarie indette anche alla presenza del coordinatore, i ragazzi accettano che l’accesso al Pc sia mediato da un operatore e cerchiamo di definire con loro degli orari per l’utilizzo che, pur comprendendo gran parte del pomeriggio, introducano una scansione, nel tentativo di creare degli argini all’uso senza limite dell’ “oggetto-computer”.

  • 1 Si tratta di un’altra struttura semiresidenziale, facente parte della stessa realtà istitu (...)

3Le questioni più complesse riguardano l’uso massiccio di Facebook, e, nello specifico, della chat Messenger. Alcuni ragazzi usano i social network per “conoscere gente nuova” cui chiedere l’amicizia virtuale e scrivere in chat. Altra attività è quella di inserirsi in svariati gruppi virtuali che si raccolgono spesso sotto le insegne «Amicizia» e «Amore», o che fanno esplicitamente riferimento alla sessualità o a occasioni di incontri erotici. Messenger viene anche utilizzato per chattare coi ragazzi conosciuti di persona, in particolare con alcuni ospiti del Centro adiacente1. Una svolta ha luogo quando dal virtuale puro creiamo l’occasione perché i ragazzi dei due Centri possano incontrarsi, iniziando una frequentazione costante durante un atelier settimanale. Da quel momento, tuttavia, iniziano alcune problematiche relative all’abuso, da parte di alcuni ragazzi, delle chat di Messenger e di WhatsApp, mediante le quali alcuni incalzano altri con messaggi fino a che questi, esasperati, li “bloccano” nelle comunicazioni.

L’atelier Spazio Parola: la questione del limite dal tempo virtuale al tempo reale

4Lo Spazio Parola è uno degli atelier che compongono la programmazione giornaliera delle attività del Centro, ma occupa una posizione speciale poiché è l’unico a rimanere fisso nella programmazione, a differenza degli altri che vengono rinnovati a partire dai desiderata dei ragazzi. Si tratta di un gruppo di discussione che si tiene ogni settimana con tutti i ragazzi presenti e due operatori, il cui dispositivo prevede che un operatore conduca, raccogliendo gli argomenti che i ragazzi vogliono trattare e dando la parola a ciascuno, mentre l’altro trascrive fedelmente tutto ciò che viene detto. Lo Spazio Parola assume la sua importanza in particolar modo quando si sviluppa, nelle relazioni tra i ragazzi, qualcosa che potremmo definire “sintomatico”, in quanto segno di una problematica che si sta creando, ma che non ha ancora trovato una via e un luogo per venire esplicitata. L’équipe discute, in un delicato passaggio del lavoro con gli ospiti, sull’eventualità o meno di mantenere questo atelier, che sembra essere apertamente rifiutato dai ragazzi perché noioso, mentre loro chiedono di impiegare il tempo con altre attività. Ci domandiamo dunque se l’atelier non si stia mantenendo in vita solo per una sorta di tradizione, come fosse un automatismo. Decidiamo, infine, di preservare questo spazio, ritenendolo un momento privilegiato in cui può emergere la parola e la soggettività di ciascuno in una cornice spazio-temporale dedicata. L’esistenza di un tale spazio è tanto più importante in un contesto in cui molti dei ragazzi hanno in generale grandi inibizioni nel loro rapporto con la parola. Si decide però di rendere libera la partecipazione a tale atelier, prima vissuta dai ragazzi come obbligatoria. Questo semplice atto fa sì che tutti i movimenti di protesta e malcontento nei confronti dell’atelier (che consistevano, per esempio, nel disturbarne lo svolgimento) terminino. Spesso è capitato che alcuni ragazzi dichiarassero di non volervi partecipare, non sedendosi fisicamente al tavolo con gli altri, per poi però intervenire a loro modo, magari ad alta voce da lontano o avvicinandosi incuriositi. Lo Spazio Parola è inteso come un luogo terzo rispetto al dialogo vis-à-vis tra ospite e operatore o tra ospiti, diverso dunque dalla relazione immaginaria speculare. Con relazione immaginaria si intende quella col proprio simile, nella quale vengono veicolate anche tutte le istanze di amore e aggressività insite nelle relazioni interpersonali. Nel caso dello Spazio Parola, invece, introduciamo la presenza di un terzo rispetto alla reciprocità del vis-à-vis, una sorta di testimone. Ciò avviene all’interno di una cornice che può dare regolamentazione e stabilita tramite un accordo a priori a cui tutti, operatori compresi, fanno riferimento.

5Per i nostri giovani ospiti il rapporto con la parola rappresenta spesso una difficoltà, poiché implica il confrontarsi con una cornice simbolica che assume un valore e una portata differenti dal dialogo uno a uno. Spesso allora i ragazzi richiedono un ascolto della propria parola all’interno di spazi non strutturati (come, per esempio, i corridoi o gli intermezzi tra un’attività e l’altra), oppure chiedono di poter parlare singolarmente con un operatore nella modalità di un colloquio. Tuttavia abbiamo osservato che, proprio nei momenti in cui i ragazzi hanno la possibilità di parlare allo Spazio Parola, piuttosto che nelle altre occasioni meno istituzionali, questo ha un effetto molto pacificante rispetto alle questioni problematiche e talvolta angoscianti che portano.

6In questo luogo, infatti, avviene una mediazione invisibile tra i partecipanti, data dal fatto che non si parla direttamente tra soggetti, ma che questi parlano all’interno di un “contenitore di parole” nel quale, per esempio, ci sono delle semplici regole di conversazione (si parla uno per volta, qualcuno coordina dando la parola alternativamente a ciascuno…). A sottolineare che si tratta di un contesto ben diverso dal comune dialogare fatto di pura spontaneità, sottolineiamo il fatto che gli incontri vengano trascritti: questo dà l’idea di un contesto artificiale, non perciò di un incontro contingente, ma costruito e programmato nello spazio e nel tempo (si danno un orario e un luogo stabiliti), nel quale la parola ha un’importanza tale da venire messa nero su bianco, così da farle acquisire forza e durata nel tempo. La funzione della trascrizione è duplice: da un lato serve a mettere in forma, e dare un contenimento e un limite alla parola dei ragazzi, costituendo una memoria storica del gruppo, ma dall’altro quanto scritto viene anche ripreso, letto e discusso nella riunione d’équipe settimanale, e i ragazzi sanno che il materiale sarà oggetto di discussione in équipe.

7Il mondo virtuale rappresentato dai social è intriso del registro immaginario che spesso desta confusione e spaesamento nei giovani ospiti che vi si trovano immersi. La parola “incarnata” è per la nostra équipe ciò che serve a operare una sorta di “svuotamento” di questo mondo: si tratta di una vera e propria bonifica operata dalla parola sull’oggetto di godimento, che in questo caso è il Pc con tutte le immagini e i rapporti virtuali tramite esso intrattenuti.

  • 2 Per approfondire la nozione di oggetto si vedano J. Lacan, Il Seminario, Libro IV, La rela (...)

8Quando parliamo di oggetto, riferendoci in questo caso al Pc, intendiamo l’oggetto di soddisfazione che il soggetto cerca di avere sempre a disposizione. Nel caso dell’uso del computer questo rimane un oggetto concreto quando viene utilizzato da loro, ma assume il valore di oggetto simbolico, per esempio, dal momento in cui si parla di esso in sua assenza (come quando i ragazzi parlano dell’uso del Pc allo Spazio Parola). Parlare dell’oggetto senza averlo davanti, alludendovi soltanto, implica necessariamente una perdita per chi ne parla, dato che nominandolo si rinuncia al suo uso concreto2.

9I ragazzi allo Spazio Parola iniziano a parlare delle loro conoscenze via chat come se si trattasse di amicizie reali, sembrano vivere in un mondo creato virtualmente e discutono di tutte le problematiche sopra citate relative all’abuso, da parte di qualcuno, dei mezzi informatici: «Se scrivi cinquanta messaggi al gruppo tu rompi le palle agli altri […] così le persone si allontanano da te…».

10Per risolvere alcune questioni emerse dalle conversazioni avvenute via chat che hanno prodotto litigi e incomprensioni, l’équipe decide di organizzare anche degli incontri vis-à-vis, una sorta di Spazio Parola speciale, tra i ragazzi coinvolti in tali vicende. Essi infatti appaiono molto angosciati rispetto a quello che accade loro nelle relazioni virtuali e spesso interpellano gli operatori. Essi si servono dunque di un terzo, l’adulto, domandando di essere aiutati nel far fronte a quella particolare forma di esclusione che consiste nell’essere “bloccati” ed estromessi da una chat. Per i ragazzi è possibile fare questa operazione di passaggio dalla parola virtuale all’incontro verbale reale solamente se l’adulto di riferimento è disponibile e sensibile alla loro domanda, più o meno esplicita, di essere aiutati a farlo. Essi infatti mostrano una difficoltà nell’essere loro stessi a prendere l’iniziativa, ma hanno bisogno di un mediatore (nel nostro caso l’operatore presente).

11Inoltre bisogna considerare che, se il linguaggio strutturalmente implica l’insorgere del malinteso e del fraintendimento, tali fenomeni avvengono ancora più frequentemente nelle comunicazioni via chat. In esse infatti l’interpretazione delle parole scritte dall’altro (a volte con annessi emoticon che vorrebbero facilitare la lettura) può far sorgere i significati più diversi. I ragazzi avvertono dunque la necessità impellente di chiarire la loro posizione con l’altro, ragione per cui si decide di creare degli appositi tempi e spazi, che fungano da cornici simboliche, in cui questo incontro nella realtà tra ragazzi possa accadere. Il passaggio da conversazione virtuale a incontro vero e proprio è molto importante, perché vengono meno una serie di fraintendimenti e malintesi all’ordine del giorno nelle conversazioni scritte. Tuttavia l’incontro nella realtà aggiunge una componente fisica che implica anch’essa una serie di elementi, rendendo comunque complessa la decifrazione dei messaggi tra gli interlocutori: lo sguardo, il tono di voce, le espressioni facciali… anche queste variabili possono creare fraintendimento. Nonostante questo, è solo grazie a questa comunicazione “incarnata” richiesta dai ragazzi stessi che spesso molte contese e molti litigi scoppiati a livello virtuale possono dipanarsi e gli ospiti coinvolti possono pacificarsi non essendo più soli nel proprio rapporto con lo schermo, ma inseriti in una cornice adeguata, in cui la loro parola sembra davvero assumere un valore nuovo. Parlandosi faccia a faccia infatti è possibile correggersi, rielaborare frasi se queste vengono male-intese, diversamente dalla parola scritta e inviata simultaneamente, che rimane fissa e non modificabile.

12Propongo di seguito un’esemplificazione che evidenzia come in differenti passaggi si possa lavorare con un ragazzo completamente assuefatto al suo rapporto con l’oggetto di godimento, introducendo qualcosa che lo sostenga in un diverso modo di relazionarsi. Possiamo mettere in evidenza una scansione in tre tempi: dal tempo del Web (la parola virtuale), al tempo della parola concreta, passando per lo Spazio Parola.

13Tempo Uno del Web: un ragazzo guarda su Facebook alcune donne semisvestite, dicendo «Queste immagini mi escono». A questo livello esistono solo le immagini virtuali e vi è un operatore in carne e ossa che, con il suo andirivieni, può, se si accorge della presenza di immagini troppo inadeguate, chiedere al ragazzo di toglierle, appellandosi al fatto che il Centro è frequentato anche da minori, per i quali tali immagini potrebbero essere poco adeguate. Il ragazzo accetta questo limite, che è efficace tuttavia solo mediante la presenza concreta di un altro che si faccia carico della responsabilità di qualcosa che lui da solo non è in grado di assumere.

14Tempo Due dello Spazio Parola: alcuni ospiti decidono di parlare delle immagini di donne semisvestite che il ragazzo guarda su Facebook. L’argomento viene portato per segnalare che al Centro vi sono alcuni ospiti minorenni che non possono vedere tali immagini. L’ospite interpellato, maggiorenne, interviene: «Propongo che, se mi esce una foto di una donna svestita e l’educatore mi vede, dica “Cambia!”, se ci sono dei minori». Ma subito dopo, forse resosi conto di aver appena detto qualcosa che lo limiterebbe, il ragazzo rettifica: «Che i minori non vengano, se un minorenne non può guardare!».

  • 3 Cfr. D. Cosenza, Jacques Lacan e il problema della tecnica in psicoanalisi, Roma, Astrolab (...)

15Analizziamo quanto avvenuto: vi è in primo luogo l’intervento di un terzo nella questione ragazzo / oggetto-computer, mediante una parola esterna alla relazione diretta tra ragazzo e operatore, cioè a partire dal dispositivo istituzionale. Questo terzo è un Altro, e lo scrivo con la lettera maiuscola in quanto non si tratta del rapporto con il simile, di cui abbiamo parlato sopra, ma dell’alterità rispetto alla dualità dei rapporti interpersonali. Questa entità terza può essere incarnata da una persona (il terzo come “testimone”, di cui abbiamo parlato sopra), ma è anche il linguaggio stesso, che è in gioco mentre due persone parlano, per il fatto stesso che usano la parola. La parola stessa dunque, e ogni altra entità simbolica, costituisce il nostro Altro, la cui entrata in gioco porta la contesa tra due persone a un livello diverso. Questa messa in parola ha degli effetti sul ragazzo: la sua prima reazione, come abbiamo visto, è quella di rifiutare qualunque responsabilità, delegando all’altro ogni controllo. Subito dopo però con le sue parole sembra chiedere all’altro di limitarlo, ma una volta messa in parola questa richiesta si rende conto di quello che ha detto e pare non riconoscerlo, forse perché si accorge che ciò che ha lui stesso pronunciato gli sottrarrebbe del godimento, dunque rettifica. Da qui in poi però inizierà a porsi la questione del limite. Possiamo dire che emerge una domanda inconscia di essere limitato nel suo godimento? Forse egli incontra un limite per il fatto stesso che ne parla. Il ragazzo dice qualcosa senza sapere bene quello che dice, e poi si ferma perché si accorge di aver detto altro da quello che voleva. Per Lacan è innanzitutto l’inconscio che interpreta, prima ancora dell’analista (sogni, lapsus, sintomi nevrotici sono già interpretazioni implicite del desiderio del soggetto), quindi è necessario lasciare spazio alla parola, ascoltarla, per poter far sì che qualcosa dell’inconscio emerga3. L’interpretazione è infatti una nozione che deriva dal concetto stesso di inconscio «strutturato come un linguaggio». Proprio perché l’inconscio, per Lacan, è strutturato come un linguaggio; l’interpretazione nella pratica della psicoanalisi diviene possibile.

16Nel caso che abbiamo analizzato l’inconscio si manifesta dal momento in cui parlare in un contesto costruito e circoscritto simbolicamente sembra mettere il ragazzo in condizione di cogliere alcuni aspetti problematici, rispetto alla Legge, relativamente ai suoi comportamenti. Questo tipo di consapevolezza pareva precedentemente del tutto assente. Il ragazzo si ferma proprio mentre sta mettendo in parola ciò che prima era solo agito nella realtà; si accorge dunque che il suo dire mette in qualche modo in questione la legittimità del suo uso del Pc. Ciò evidenzia che, rispetto alla sua intenzione comunicativa, il ragazzo non solo dice più di quel che dice, ma solo parlandone a un altro riesce a cogliere questo scarto tra il suo voler dire, ciò che dice effettivamente, e la perdita che questo implicherebbe. Si può cogliere forse in un simile esempio in che senso si possa dire che è prima di tutto l’inconscio stesso che interpreta.

17Nel medesimo Spazio Parola questo ragazzo chiede di fare delle uscite al parco con le ragazze del Centro adiacente e nell’incontro seguente farà la richiesta di andare a fare un atelier di karaoke nell’altro Centro per imparare a cantare.

18Inizialmente era deresponsabilizzato rispetto alla sua ricerca di immagini sui social, delegando al social network la responsabilità di mostrargliele ( «Mi escono le foto») e sembrava che fosse l’operatore colpevole di non sorvegliare abbastanza i minori che potevano vedere tali immagini, dunque chiedeva che fosse l’operatore a mettere un limite laddove lui non era in grado di farlo. Avviene poi, come abbiamo visto, un primo movimento di spostamento dalle relazioni create virtualmente al desiderio di coltivarne altre nel mondo reale, quando il ragazzo chiede di fare delle uscite con le ragazze dell’altra struttura.

19Possiamo notare che l’oggetto guardato su internet dal ragazzo, ossia le immagini delle donne, subisce alcune trasformazioni nel corso degli eventi. Inizialmente, allo Spazio Parola, quando l’altro mette in parola il problema delle immagini vietate ai minori, è messa in campo un’interrogazione, prima inesistente, su un oggetto proibito e da qui la problematica di capire cosa sia vietato e chi possa vietarlo. L’oggetto osceno inizia a fare problema laddove prima era solo oggetto di godimento e sembra esplicitarsi la necessità di porvi un limite. Per questo ragazzo fino a ora era stata necessaria una figura incarnata che ponesse tale limite; dal momento in cui invece egli pone la questione del limite allo Spazio Parola, sembra che possa lui stesso darsi una regolazione, senza che ci sia bisogno di un adulto in carne e ossa che gli ponga dei divieti. Inoltre, quando il ragazzo chiede di poter incontrare le ragazze del Centro accanto, l’oggetto “ragazze” acquista una nuova dimensione incarnata e non più solo virtuale: chiede di incontrare delle ragazze vere. Ancora un ulteriore sviluppo ci sarà quando chiederà di incontrarle nel contesto di un atelier in cui possa imparare a cantare: il ragazzo sembra decidere così di inserire l’oggetto-ragazze in una dimensione simbolica (l’atelier karaoke, che ha un luogo e un orario definiti ed è fatto di voce, musica…). Non si limita, infatti, a volerle incontrare, ma chiede all’équipe che questo incontro avvenga nello spazio simbolico – ovvero concordato, oltre che circoscritto nel tempo e nello spazio – di un’attività strutturata. Il ragazzo manifesta anche il suo interesse per un’attività (il canto) in cui compare un altro oggetto, la voce, che il ragazzo chiede di trattare nell’atelier karaoke assieme alle ragazze.

Il ruolo dell’adulto nel passaggio da virtualità a parola

20Il ruolo dell’adulto si rivela fondamentale per aiutare i ragazzi a districarsi nella giungla rappresentata dai social network rispetto alle relazioni e ai rapporti tra pari. Al Centro abbiamo cercato di non tenere una posizione controllante, ma neppure ci siamo posti in relazione speculare coi ragazzi. Abbiamo invece optato per una terza via, quella di servirci dello strumento dello Spazio Parola mettendo in circolo la parola, all’interno di quella che ho definito una cornice simbolica in cui i ragazzi possono porsi delle questioni. Nel lavoro in istituzione non è possibile fare un uso dell’interpretazione affine a quello di cui disponiamo nelle sedute analitiche; si possono tuttavia sostenere le condizioni grazie alle quali qualcosa emerga dell’inconscio. In questo contesto l’interpretazione non è dunque la parola del terapeuta che fa da taglio rispetto al dire del soggetto, ma sono i ragazzi stessi a accorgersi di questioni che prima agivano solamente o che non sanno di desiderare e domandare. Il lavoro di lettura dell’équipe darà il valore di un’interpretazione a questi passaggi che i ragazzi compiono, senza però esplicitarlo a essi, escludendo dunque di fare un’interpretazione che supponga su di loro un sapere da parte nostra. Questa interpretazione da parte dell’équipe serve talvolta a ipotizzare delle strategie di intervento con i ragazzi e non tanto a comunicarle a loro (il contesto non sarebbe neppure quello più opportuno, dato che il Centro è organizzato con atelier/laboratori e non con colloqui clinici).

21Abbiamo finora parlato di un contesto istituzionale orientato dalla psicoanalisi a partire dagli insegnamenti di Freud e Lacan, tuttavia sappiamo bene che l’ondata social sta investendo ogni altro contesto, educativo e non, e riguarda sia giovani (di età sempre più inferiore), che adulti, e dunque anche genitori, insegnanti e qualsiasi figura di riferimento per i ragazzi. Ogni adulto deve necessariamente fare i conti con queste nuove modalità di relazione sociale virtuali, in cui anch’egli è preso, inserito sia nel legame con l’oggetto virtuale, sia in quello con il ragazzo (figlio, allievo, educando…). Nel caso dell’uso dei social network dunque è molto importante che ciascun adulto consideri, nell’interazione col ragazzo, che ne è del proprio rapporto con l’oggetto virtuale. Operare in un’istituzione orientata dalla psicoanalisi significa innanzitutto cercare, grazie alla propria formazione analitica e al lavoro di équipe, di fare attenzione alla messa in gioco di dinamiche che ci riguardano personalmente nell’intervento educativo e clinico e nella relazione con i ragazzi. Cerchiamo di farlo per quanto questo possa essere possibile, dato che non si può mai eliminare del tutto la propria soggettività, ma tentiamo almeno di non farci guidare nell’azione dai nostri preconcetti, dal nostro sapere precostituito, dalle nostre credenze personali e di ascoltare attentamente, invece, ciò che viene dal ragazzo. Nel caso dell’uso dei social, ci chiediamo qual è per lui il significato dell’uso del computer, cosa muove il suo interesse più particolare nel chattare o nel guardare certe immagini su Facebook. Solamente considerando quello che per il singolo ragazzo può rappresentare l’uso dei social, quali le risorse e quali invece le difficoltà, siamo stati in grado come équipe di cercare delle soluzioni, trovare degli strumenti di lavoro adeguati, che ci aiutassero a tenerci lontani dalla tentazione di proibirne l’utilizzo tout court, di mettere dei limiti a partire da una posizione di autorità, imponendo semplicemente delle regole. Abbiamo invece considerato cosa muoveva il desiderio e le passioni dei ragazzi, cosa catturava la loro attenzione, in modo da sintonizzarci con questo e fornire loro alcuni dispositivi simbolici (quali gli atelier/laboratori) affinché qualcosa si potesse dire, a parole o nel manipolare gli oggetti dell’atelier, riguardo i loro vissuti nel mondo delle relazioni virtuali.

22Gli oggetti virtuali possono così diventare uno strumento prezioso di lavoro: grazie a essi siamo riusciti a creare un legame con i nostri ospiti. Utilizzando proprio Facebook, WhatsApp, Messenger… abbiamo cercato di aiutare gli ospiti a accedere a un diverso uso di essi, per esempio introducendone una regolamentazione che non li assorbisse totalmente e che lasciasse spazio alla relazione con noi e con gli altri ragazzi. Ci siamo così serviti dell’oggetto virtuale per aiutarli a accedere al legame sociale e a un nuovo rapporto con la parola.

Notes

1 Si tratta di un’altra struttura semiresidenziale, facente parte della stessa realtà istituzionale, con cui abbiamo una stretta collaborazione e i cui ospiti sarebbero in effetti raggiungibili molto facilmente anche nella realtà, essendo prevista la possibilità di organizzare attività comuni [N. d. A.].

2 Per approfondire la nozione di oggetto si vedano J. Lacan, Il Seminario, Libro IV, La relazione oggettuale [1956-1957], Torino, Einaudi, 2007 e Id., Il Seminario, Libro X, L’Angoscia [1962-1963], Torino, Einaudi, 2007.

3 Cfr. D. Cosenza, Jacques Lacan e il problema della tecnica in psicoanalisi, Roma, Astrolabio, 2003, p. 114.

Auteur

Psicologa, psicoterapeuta, partecipante Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, cooperativa sociale Artelier, operatrice presso il Centro Diurno di Riabilitazione Psicosociale Antennina di Cerro Maggiore (MI).