Desktop versionMobile Version

Parole minori

 | 
Nicola Purgato

Introduzione

Nicola Purgato

Volltext

  • 1 J. Lacan (1955), Varianti della cura-tipo, in Scritti, Torino, Einaudi, 1974, vol. I, pp.  (...)

1Nel seminario Problemi cruciali per la psicoanalisi del 1965 Lacan afferma che «non vi è una sola esclamazione che non sia un grido». Un grido è sempre un appello rivolto all’Altro, la cui risposta è legata al «potere discrezionale dell’uditore»1, non tanto – come ci insegna lo psicoanalista francese – dei genitori, degli insegnanti, degli educatori e di quant’altri si prendono cura del piccolo d’uomo fin dalla sua nascita, quanto del discorso e della cultura cui loro stessi sono assoggettati. È da qui che deriva il loro senso di smarrimento e impotenza, così come quello di essere in balia di varie soluzioni prêt-à-porter offerte soprattutto per attutire il rumore e il disturbo che il “grido” arreca.

2Disturbo che il discorso contemporaneo si appassiona a isolare, misurare, confrontare, calcolare, vivisezionare nella speranza di trovare la soluzione nell’universale del dato statistico, isolando però così il grido del soggetto dall’Altro cui è rivolto fin dall’inizio. Ma il grido è sempre declinato al singolare, con sfumature e tonalità uniche, anche quando esprime un disagio o un malessere. La scienza, elemento fondamentale del discorso contemporaneo, vive dell’illusione di dominare e regolare questo “singolare” anziché fargli posto, perché questo implicherebbe «mettere in scacco gli algoritmi meglio concepiti, i database più ampi, i calcoli più sofisticati che pretendono di spiegare, valutare e prevedere tutto» (Laurent, 2016).

3Se, inoltre, teniamo conto che il discorso contemporaneo è segnato dalla diffusione e dal permanente utilizzo di internet, dove un emoticon o una foto postata su un social può contare più di una parola, il valore di appello che ogni grido contiene, qualunque sia la forma che assume o in cui si esprime, sembra ulteriormente svuotato.

4Non è un caso che le forme di disagio giovanile si moltiplichino in modo esponenziale nell’epoca in cui la dimensione relazionale del disturbo viene messa in secondo piano: la parola si riduce a un grido vuoto, diviene muta o si trasforma in agito. La violenza che constatiamo in aumento tra le giovani generazioni – dalla versione più bruta (del becero razzismo) a quella più stupida (verso un disabile), da quella rivolta agli altri (disturbi oppositivi della condotta, comportamenti devianti…) a quella rivolta verso se stessi (agitazione psicomotoria, iperattività, cutting…) – ne è la cartina al tornasole. Una violenza che non è più neppure legata ad alcun ideale, come poteva essere stato nei decenni passati.

5Oggi le forme di disagio si moltiplicano e l’unica chiave di lettura fornita è quella del disturbo cui corrisponde, come unica strategia per porvi rimedio, quella delle tecniche che mirano alla riduzione dei comportamenti devianti e alla rieducazione: in entrambi i casi è l’altro, l’esperto, che sa cosa fare, come fare, dove arrivare.

6Sta, invece, al «potere discrezionale dell’uditore» sapervi cogliere un dire che non è detto, un appello che nel tempo si è perso per strada, un grido che per la forma in cui si presenta non è stato ascoltato. Si tratta di intra-vedere le diverse modalità con cui ciascuno fa i conti con Il disagio della civiltà (Freud, 1929) che oggi prende le forme più diverse e a cui spesso gli stessi servizi deputati a farsene carico, più attenti a seguire procedure e protocolli che ascoltare la singolarità di ciascuno, non riescono a far fronte.

7In questo volume sono raccolte le testimonianze di diversi operatori che lavorano in istituzioni per minori a orientamento psicoanalitico lacaniano: dalle comunità terapeutiche ai centri diurni passando per i consultori. Persone formate dalla psicoanalisi che tutti i giorni cercano di affiancare bambini o adolescenti che vedono misconosciuto il valore di appello dei loro vissuti: dal mutismo degli hikikomori, alla violenza apparentemente ingiustificata, se non folle. Si tratta di un gruppo di lavoro che da alcuni anni riunisce i direttori delle istituzioni residenziali e semiresidenziali per minori che sono membri della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, con incontri diversamente allargati ad altre funzioni di coordinamento o agli operatori delle stesse.

8Nella prima parte del volume, il disagio che si manifesta nei minori di oggi, illustrato nei suoi tratti salienti e caratteristici, è messo in valore come rappresentativo della società contemporanea di cui è – al contempo – l’effetto.

9Nella seconda parte viene illustrato come la politica delle istituzioni per minori sia cambiata nel corso degli anni: da una politica che faceva dell’inclusione sociale il punto di forza a una in cui il focus è posto sulla rieducazione e la normalizzazione del comportamento, anche a costo di nuove forme mascherate di segregazione.

10Nella terza parte sono presentati diversi esempi di come la psicoanalisi possa orientare il lavoro clinico in istituzione con soggetti contemporanei segnati da diverse modalità di rapporto con il trauma del disagio della civiltà

11Nella quarta parte si analizza un aspetto centrale della nostra epoca che consiste nella presenza dell’oggetto digitale (telefonino, tablet, computer) utilizzato sempre più “come parte di sé” e che crea forme di isolamento o di “raggruppamento virtuale”, spesso difficili da scalfire.

12In tutte le quattro parti viene raccontato come, attraverso il tempo e la relazione, sia possibile fare un posto particolare a ciascun soggetto, per quanto grave possa essere il suo disturbo o il suo disagio, e far sì che queste “parole minori”, in qualunque modo si esprimano, tornino nuovamente a essere “lettera” indirizzata a qualcuno, qualcuno assieme a cui inventare modalità singolari per affrontare la vita e ciò che del disagio della civiltà resta inassimilabile e ineliminabile.

13Infine alcuni ringraziamenti. Uno che parte da lontano: a Domenico Cosenza, ex Presidente della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, e al precedente Consiglio per aver dato vita al “Gruppo di lavoro sulle istituzioni residenziali e semiresidenziali” afferenti alla Scuola Lacaniana di Psicoanalisi. Ma anche all’attuale Presidente Paola Bolgiani e al nuovo Consiglio per aver proseguito e sostenuto tale iniziativa. Infine, a tutti coloro che hanno collaborato a questo volume e a quanti assieme a loro permettono che ogni giorno queste realtà che mettono in valore la singolarità dei giovani e del loro disagio continuino a esistere.

Anmerkungen

1 J. Lacan (1955), Varianti della cura-tipo, in Scritti, Torino, Einaudi, 1974, vol. I, pp. 317-356 [ed. or. Variantes de la cure type, in Écrits, Paris, Seuil, 1966].

Autor

Psicologo, psicoterapeuta, membro Scuola Lacaniana di Psicoanalisi e Associazione Mondiale di Psicoanalisi, cooperativa sociale Il Lievito, responsabile clinico delle comunità educative-riabilitative per minori Antenna 112 e Antennina di Venezia delle Opere Riunite Buon Pastore, docente incaricato dell’Istituto Freudiano per la clinica, la terapia e scienza.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search