Version classiqueVersion mobile

Altrenapoli

 | 
Mario Pezzella

La poesia di Francesco Nappo e il popolo illetterato di Napoli

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. Nella sua introduzione alle Poesie1 di Francesco Nappo, Giorgio Agamben scrive di una polarità tra inno e elegia, presente nella poesia europea, almeno a partire da Hölderlin; in realtà non ci troviamo quasi mai di fronte a un esempio puro di una delle due forme, ma a una contaminazione, in cui ognuna di esse tocca il limite della propria forza rappresentativa ed espone la dissociazione costitutiva del linguaggio della modernità. Hölderlin è l’esponente estremo di una tensione all’inno, che però «non celebra più la presenza degli dèi, ma il loro congedo» (10), mentre Rilke scrive elegie che lamentano «l’impossibilità dell’inno, il suo non poter proferire nomi divini e parole, ma solo lamento» (10). Così le due forme si richiamano a vicenda, in una comune torsione del linguaggio, che ormai non può più dimenticare la domanda di Adorno: è possibile la poesia dopo Auschwitz, e quale poesia? Dovrà affidarsi a uno stile arduo che non musicalizza, non offra una falsa armonia del corpo e...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search