Version classiqueVersion mobile

Altrenapoli

 | 
Mario Pezzella

Il trauma della guerra

Due scrittori a Napoli nel 1943

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Riguardo al trauma storico del 1799 e al modo in cui La Capria lo ripensa, scrive Silvio Perrella: «La sua è una sorta di psico-storia, dove si racconta la storia di una città come se fosse quella di una persona e si risale al momento in cui è avvenuto un trauma. La vita della persona-città è continuata, forse si è anche sviluppata, ma … quel trauma non lo ha mai dimenticato»1. Del resto, molte delle situazioni descritte e delle considerazioni dell’autore non riguardano solo la sua città: «Raffaele La Capria, raccontando di se stesso e di Napoli, parla di qualcosa che potremmo definire il rapporto tra il nostro inconscio collettivo e la nostra recita pubblica»2: vale a dire tra la persona e la maschera, con cui il trauma storico reale viene rimosso e reso irriconoscibile, sovrapponendo a esso un’immagine mitica o consolatoria, un’immagine di sogno.

Un trauma storico-sociale continua a insistere nell’inconscio del collettivo, come ha mostrato Kernberg3: se non viene sottratto al misco...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search