Version classiqueVersion mobile

La tragédie et son modèle à l’époque de la Renaissance entre France, Italie et Espagne

 | 
Michele Mastroianni

Il Cinquecento italiano: soggetti e varianti del canone tragico

Paola Trivero

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Scrive Todarov: «Il canone è marcato al tempo stesso dalla continuità e dalla trasformazione incessante; è sempre stato così, almeno nella tradizione europea»1. Vediamo la situazione del canone tragico cinquecentesco italiano, iniziando da qualche data e qualche titolo.

Luglio 1524: data fondamentale per la cosiddetta nascita/rinascita della tragedia italiana in quanto per i tipi di Lodovico Scrittore e Lautitio Perugino esce a Roma la prima edizione della Sofonisba del nobile Gian Giorgio Trissino e una seconda, nel settembre del medesimo anno in forma più emendata; nel corso del Cinquecento saranno quindici le ristampe a testimoniare l’indiscusso successo di un testo, universalmente, riconosciuto quale il primo classico exemplum della tradizione tragica italiana. Per la sua messa in scena si dovranno attendere anni: solamente nel 1562 (dodici dopo la morte dell’autore) vi sarà la sfarzosa rappresentazione di Vicenza (Palazzo della Ragione) che si avvalse degli apparati di Andrea Pa...

© Rosenberg & Sellier, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search