Version classiqueVersion mobile

Amore e odio per l’Europa

 | 
Domenica Cosenza
, 
Marco Focchi

Parte I. L’Europa e l’Altro

Radici dell’odio

Oscar Ventura

Texte intégral

1Difficile negare che assistiamo a un momento inquietante dello stato della civiltà nel suo insieme. E ovviamente l’Europa non è esente dalle turbolenze che possono farne vacillare il destino immediato. Diverse voci allertano del pericolo che minaccia le democrazie, dell’insieme dei diritti civili conquistati, della dignità stessa del soggetto che abita in ciascuno.

2Quel che resta del mondo intellettuale, l’opinione illuminata che ancora conservano alcuni paesi, l’apparato critico che sopravvive, eterogeneo senza dubbio, trasmette un’enunciazione pessimista sull’avvenire, un’inquietudine legittima per il destino immediato del legame sociale e i modi in cui è regolato.

3La minaccia ha nome preciso, tanto simbolico quanto incarnato. Il discorso politico si sforza di chiamarla ultradestra, per inquadrare all’interno del campo ideologico il discorso dell’odio che cresce, senza trovare formule efficaci per smorzarlo né per contenerne la deriva. Il significante neofascismo, opaco e a cui è difficile dare un significato in grado di definirlo con una certa precisione, occupa anch’esso un posto privilegiato nelle analisi.

4Ci si rifà spesso all’argomento delle attuali congiunture politiche europee come omologabili a quelle degli anni Trenta del Ventesimo secolo. E non si può negare che una serie di avvenimenti danno consistenza a questi argomenti. Il ritorno dei nazionalismi che si incarna nel sorgere di leader chiamati populisti, la violenza sempre più frequente, esercitata dagli apparati repressivi degli stati, il più delle volte con la copertura di una dubbiosa consistenza giuridica. Più elementi chiave che si materializzano nel rifiuto delle differenze, organizzano un discorso che profetizza l’inizio di una nuova forma di totalitarismo.

5Le voci di denuncia allora si moltiplicano. E danno conto dell’impotenza delle democrazie nel disattivare i meccanismi che hanno scatenato la deriva autoritaria. Si insiste tuttavia con l’idea che l’antidoto contro l’odio potrebbe essere neutralizzato dalla democrazia stessa, come se l’enorme crisi di fiducia che attraversa il legame sociale mantenesse il significante democrazia a distanza, come se fosse immune alla caduta generalizzata delle parvenze.

6Risulta evidente – e non è nulla di nuovo – il degrado cui è sottoposto il significante democrazia. Perché in realtà tutti questi avvenimenti che generalizzano l’odio si giocano nel suo quadro stesso. E spesso proprio in suo nome. Credo sia lecito domandarsi se non è arrivato il momento di fare il lutto definitivo delle forme di democrazia rappresentativa. La politica ha smesso da tempo di essere un fattore reale di potere, per diventare una burocrazia fagocitata dalla logica circolare del discorso capitalista. Questo è il reale dell’epoca. Situarlo con precisione offre, forse, l’opportunità di bucarlo.

7È curioso notare la rapidità con la quale si smarriscono – o sono seriamente messe in questione e dovrebbero essere rettificate o abolite – le conquiste raggiunte a partire da un’enunciazione politica che poneva in primo piano il comune, il cittadino, la soggettivazione dell’alterità come esercizio di una politica orientata. Il discorso dell’odio germoglia dal cuore stesso delle democrazie. E non c’è amore che possa neutralizzarlo. I veli che la democrazia poteva tessere per neutralizzare la potenza della pulsione di morte sono lacerati. Ciò che si impone è un discorso senza complessi e senza nessuna pietà. La proliferazione del cinico e della canaglia è effetto di una destituzione selvaggia dell’Altro, di un’operazione discorsiva che chiude i tempi di comprendere. Il pericolo che si sente è che l’odio suturi i buchi dove scrivere la lettera di una contro-esperienza. Qui sta la sfida.

8L’Europa corre il rischio di consegnarsi all’esperienza dell’oblio cieco di ciò che significò il suo trauma contemporaneo, il suo buco radicale che s’incarna nell’esperienza della Shoah, una coagulazione inedita della pulsione di morte, che si fissa in questo a segnare un prima e un dopo nella storia dell’umanità.

9Le sue repliche su scala planetaria non hanno potuto essere regolate dalle democrazie formatesi nel dopoguerra, al massimo sono state esteriorizzate – come quando si pretende allontanare i propri sogni. Se viene consentita e appoggiata, l’inerzia posta in gioco di questo reale senza legge non cessa di scriversi. E oggi, sotto coordinate differenti, vediamo emergere la potenza distruttiva riposta nell’uovo del serpente.

10Qualsiasi contro-esperienza contro l’odio non può non tenere conto del fatto che le democrazie del dopoguerra sono attraversate da quel buco, un vero risucchio.

11È impossibile regolare i processi di segregazione se non si ottiene una soggettivazione possibile della loro causa. Il rifiuto dell’alterità nel legame sociale, comunque lo si veda, è il fondamento della questione. E il suo trattamento non prevede una chiusura senza resti, la potenza e l’ampiezza di godimento che veicola non si disattiva.

12Per questo qualsiasi contro-esperienza democratica, se possiamo dir così, non può smettere di percorrere il bordo di quel reale che si impone. Non si tratta di costruire un destino, ma di bucare la teleologia, di prendere in contropiede le cause finali e le loro soluzioni.

13Il legame sociale non è orientato dalla rappresentatività delle burocrazie politiche, le sue parvenze sono diluite. Sono piuttosto le domande eterogenee e plurali che possono contrastare la spinta al peggio; si tratta di fare in modo di perpetuare nel tempo spazi di potere. Consapevoli del fatto che nessuna stabilizzazione nella quale si possa pensare è soltanto transitoria.

Auteur

Psicoanalista ad Alicante. Membro della Elp e dell’Amp, Ame, AE (2016-2019) e attuale presidente della Elp. Responsabile del Seminario del Campo Freudiano di Alicante

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search