Version classiqueVersion mobile

Della critica

 | 
Luc Boltanski

Capitolo VI. L’emancipazione in senso pragmatico

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Resta da domandarsi, per concludere, in che modo quella che abbiamo chiamato sociologia pragmatica della critica possa contribuire a una critica sociale del dominio e per ciò stesso alla ricerca di nuovi percorsi di emancipazione. La soluzione non può che consistere nel potenziamento del ruolo della critica. L’obiettivo si può intendere in due modi: da un lato un incremento della potenza dei vettori della critica; dall’altro il consolidamento del suo potere, vale a dire la capacità della critica di fare presa sulla realtà per modificarne i contorni. Dal punto di vista della sociologia il primo obiettivo sottintende un’analisi del modo in cui prendono forma le collettività coinvolte in rapporti asimmetrici che comportano un certo grado di sfruttamento (il cui livello varia a seconda delle situazioni e dei contesti storici). Un’analisi di questo tipo, simile a quella abbozzata nel capitolo precedente a proposito dei dominanti, andrebbe condotta anche per i dominati. Non va dimenticato...

© Rosenberg & Sellier, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search