Version classiqueVersion mobile

Le leggi dell’imitazione

 | 
Gabriel Tarde

Capitolo VIII. Note e corollari

Texte intégral

1Dopo aver studiato le principali leggi dell’imitazione, non ci rimane che comprenderne il senso generale, integrandole con alcune osservazioni e mostrando diverse conseguenze importanti che ne derivano.

  • 1 Per esprimere il mio pensiero fino in fondo, a proposito dell’origine sconosciuta e inconoscibile d (...)

2La legge suprema dell’imitazione sembra essere la sua tendenza a una progressione indefinita. Questa specie di ambizione immanente e immensa1, che è l’anima dell’universo, e che si traduce dal punto di vista fisico nella conquista luminosa dello spazio, dal punto di vista vitale nella pretesa di ogni specie, anche la più umile, di riempire la terra intera dei suoi esemplari, sembra spingere ogni scoperta oppure ogni invenzione, anche la più futile, come anche ogni innovazione individuale, perfino la più insignificante, a disseminarsi per tutto il campo sociale allargato indefinitamente. Ma questa tendenza, quando non viene assecondata dall’incontro con invenzioni logicamente e teleologicamente ausiliarie, o dal favore di alcune forme di prestigio legate a presunte superiorità, è impedita da diversi ostacoli, che essa deve superare o aggirare. Questi ostacoli sono: o le contraddizioni logiche e teleologiche che le vengono opposte da diversi tipi di invenzioni, oppure le barriere che mille cause, principalmente pregiudizi e forme di orgoglio razziale, hanno innalzato tra le diverse famiglie, le diverse tribù, i diversi popoli e, all’interno di ogni popolo oppure di ogni tribù, tra le diverse classi. Ne consegue che, quando nasce una buona idea all’interno di uno di questi gruppi, essa si diffonde facilmente al loro interno, ma viene arrestata dalle sue frontiere. Fortunatamente, questo arresto costituisce soltanto un rallentamento. Innanzitutto, per quanto riguarda le barriere tra le classi, è vero che, quando un’innovazione felice, nata per caso in una classe inferiore, progredisce al suo interno, in tempi di aristocrazia ereditaria e di disuguaglianza per così dire fisiologica, essa non si diffonde alle altre classi, a meno che il vantaggio di adottarla non appaia evidente anche alle classi alte; ma, in compenso, le innovazioni prodotte o accolte da queste ultime discendono facilmente agli strati inferiori abituati a subire il loro prestigio, come abbiamo mostrato in precedenza. E, in conseguenza di questa caduta prolungata, a poco a poco, succede che gli strati inferiori, innalzandosi un po’ alla volta, accrescano del loro afflusso successivo le classi alte. Così, a forza di assimilarsi ai loro modelli, le copie diventano uguali a loro, cioè acquistano la capacità di venire modellate a loro volta, assumendo una superiorità non più ereditaria e legata a tutta la persona, ma individuale e parziale. Vediamo quindi che il corso dell’imitazione dall’alto in basso non ha smesso di applicarsi; ma la disuguaglianza che presuppone ha cambiato di senso. Al posto della disuguaglianza aristocratica, organica per natura, abbiamo una disuguaglianza democratica, di origine tutta sociale, che possiamo chiamare uguaglianza se vogliamo, ma che consiste, in fondo, nella reciprocità delle forme di prestigio sempre impersonali, esercitate alternatamente da un individuo all’altro e da una professione all’altra. In questo modo il campo dell’imitazione ha continuato ad allargarsi, e si è affrancato dall’ereditarietà.

3In secondo luogo, per quanto riguarda le barriere tra le diverse famiglie, tra le tribù o tra i popoli, dobbiamo considerare innanzitutto che se le conoscenze o le istituzioni, le credenze o le industrie di uno di questi gruppi nel momento in cui è vittorioso e potente, penetrano senza fatica all’interno dei gruppi vicini, vinti e umiliati, in compenso, gli esempi dei vinti e dei deboli, eccetto il caso in cui la superiorità della loro civiltà appaia manifesta, non hanno nessun effetto sui vincitori e sui forti. Da ciò consegue, tra parentesi, che la guerra ha un effetto molto più civilizzatore per il vinto che non per il vincitore; poiché quest’ultimo non si degna di mettersi alla sua scuola, mentre il primo, subendo l’ascendente della vittoria, attinge dal nemico numerose idee feconde e le aggiunge al suo fondo nazionale. Gli Egizi non hanno appreso nulla dai libri degli Ebrei prigionieri, e hanno commesso un grave errore; mentre i Giudei hanno guadagnato molto dal prendere ispirazione dai geroglifici dei loro padroni. Ma quando un popolo assoggetta gli altri con il suo splendore, questi ultimi, come abbiamo detto, lo imitano, anche se fino a quel momento avevano imitato soltanto i loro padri. Ora, questa propagazione extranazionale dell’imitazione, alla quale ho dato il nome di moda, non è altro, in fondo, che l’applicazione ai rapporti tra stati della legge che governa i rapporti tra le classi. L’imitazione, grazie all’invasione della moda, discende sempre dallo stato momentaneamente superiore agli stati momentaneamente inferiori, così come discende dai gradi più alti a quelli più bassi della scala sociale. Di conseguenza, non si sarà sorpresi nel vedere il regno della moda produrre effetti simili a quelli prodotti da quest’ultima legge. In effetti, così come l’irradiamento esemplare delle classi alte, all’interno delle quali l’imitazione è facile e reciproca, prepara il loro allargamento, attraverso l’assorbimento delle classi inferiori, parimenti, il prestigio contagioso degli stati predominanti ha come risultato quello di preparare l’allargamento di questi stati, inizialmente famiglie, poi tribù, più tardi città e nazioni, accresciuti incessantemente dall’assimilazione dei vicini che vi si annettono o dall’annessione dei vicini che si assimilano a essi.

4Altra analogia: così come il gioco dell’imitazione dall’alto in basso, a lungo andare, produce quella che chiamiamo uguaglianza democratica, cioè la fusione di tutte le classi all’interno di una sola, in cui si pratica ammirevolmente l’imitazione reciproca attraverso l’accettazione delle rispettive superiorità, parimenti, l’esercizio prolungato dell’imitazione-moda finisce per mettere i popoli allievi allo stesso livello del popolo maestro, sia in fatto di armamenti sia in fatto di arti e di scienze, e crea tra loro una specie di federazione che, in epoca moderna, è stata chiamata, per esempio, equilibrio europeo: con questa espressione si intende la reciprocità dei servizi e dei prestiti di tutti i tipi che si fanno continuamente tra loro i diversi grandi focolai tra i quali è suddivisa la civiltà europea. – In questo modo, anche nei rapporti internazionali, il dominio libero e non ostacolato dell’imitazione si è allargato quasi senza interruzione.

5Ma, nello stesso momento, la Tradizione e la Consuetudine, forme conservatrici dell’imitazione, fissano e perpetuano le loro nuove acquisizioni, consolidando i loro ampliamenti, sia nell’ambito di ogni classe alta, sull’esempio delle classi superiori, sia nell’ambito di ogni popolo, innalzato dall’esempio dei suoi vicini più civilizzati. Allo stesso tempo, ogni germe di imitazione deposto nel cervello di un imitatore qualsiasi sotto forma di una credenza o di un’aspirazione, di un’idea o di una nuova facoltà, in seguito si sviluppa in manifestazioni esteriori, in parole e in azioni che invadono interamente il sistema nervoso e il sistema muscolare, conformemente alla legge del movimento dall’interno all’esterno.

  • 2 [Probabilmente Tarde si riferisce al discorso pronunciato il 9 ottobre 1882 a Eisenach, in commemor (...)

6Ecco quindi le leggi dei nostri capitoli precedenti ricondotte a uno stesso punto di vista. Attraverso di esse si traduce e si soddisfa sempre meglio la tendenza dell’imitazione, affrancata dalla generazione, a una progressione geometrica. Ogni atto imitativo ha dunque l’effetto di preparare le condizioni che renderanno possibili e sempre più facili nuovi atti imitativi sempre più liberi e razionali e, nello stesso tempo, sempre più precisi e rigorosi. Queste condizioni sono la soppressione graduale delle barriere tra le caste, le classi, le nazionalità, e aggiungo la diminuzione delle distanze grazie alla rapidità dei mezzi di trasporto e anche alla densità della popolazione. Quest’ultima condizione si realizza man mano che invenzioni agricole o industriali feconde, cioè largamente imitate, e la scoperta non meno feconda di nuove terre, permettono alle razze più inventive, e allo stesso tempo più imitative, di pullulare sul globo. Supponete tutte queste condizioni riunite e spinte al massimo grado: la trasmissione imitativa di un’iniziativa felice apparsa non importa dove avrebbe luogo quasi istantaneamente su tutta la massa umana, come la propagazione di un’onda in un ambiente perfettamente elastico. Noi procediamo verso questo strano ideale; e già adesso la vita sociale, considerata sotto certi aspetti particolari in cui si incontrano casualmente le più essenziali tra le condizioni indicate, per esempio nel mondo degli scienziati, che, anche quando sono molto lontani, sono in perpetuo contatto attraverso moltissime comunicazioni internazionali, oppure nel mondo dei commercianti, che sono continuamente in contatto al di sopra di tutte le frontiere, lascia intravedere la realtà della tendenza che sto segnalando. In un discorso pronunciato nel 1882 sul successo delle teorie di Darwin, Haeckel diceva: «L’influenza prodigiosa che la vittoria decisiva dell’idea unitaria esercita su tutte le scienze, influenza che, di anno in anno, aumenta in progressione geometrica, ci apre le prospettive più consolanti»2. Il fatto è che questo successo di Darwin e di Spencer è stato di una velocità fulminante. Quanto alla rapidità dell’imitazione commerciale, quando si è smesso di ostacolarla, essa è stata osservata in ogni tempo, e non soltanto nel nostro secolo. Che si legga in Ranke il quadro dei progressi di Anversa nell’intervallo tra il 1550 e il 1566. Il commercio di questa città con la Spagna era raddoppiato durante questi sedici anni; con il Portogallo, la Germania, la Francia, più che triplicato; con l’Inghilterra, era diventato venti volte più forte! Sfortunatamente, la guerra venne a mettere fine a questa prosperità. Ma tali slanci intermittenti rivelano la forza costante che spinge verso questo dispiegamento indefinito.

I

7A questo punto, è bene mettere in luce un’osservazione più generale, di cui stiamo per indicare una conseguenza importante, segnalando il passaggio dall’imitazione unilaterale all’imitazione reciproca. Infatti, il semplice gioco dell’imitazione ha avuto come effetto non soltanto di estenderla, ma di renderla reciproca. Ora, questo effetto, che essa produce su se stessa, lo produce anche su molte altre tipologie di relazioni tra le persone. Dappertutto, a lungo andare, essa trasforma i rapporti unilaterali in rapporti reciproci.

  • 3 Si veda a questo proposito il terzo volume della Sociologia di Spencer [H. Spencer, Principes de so (...)
  • 4 Mi riferisco alle relazioni degli uomini tra loro; nelle relazioni tra l’uomo primitivo e gli anima (...)

8È da molto tempo che non crediamo più al «contratto sociale» di Rousseau; sappiamo che il contratto, lungi dall’aver costituito il primo legame tra le volontà umane, è stato un nodo lento a formarsi, e che ci sono voluti secoli di sottomissione all’impero del decreto non concesso, del comando passivamente obbedito, perché sia venuta l’idea di questa specie di decreto reciproco, di legame complesso, attraverso il quale due volontà si sottomettono l’una all’altra, e volta per volta si comandano e si obbediscono a vicenda. Tuttavia, molti sono ancora convinti, errore del resto assai simile, che lo scambio debba essere collocato all’inizio dell’umanità. Questo non è affatto vero. Prima di avere l’idea dello scambio, si è avuta quella del dono o del furto, relazioni molto più semplici3. – Ci si convincerà anche, per ipotesi, che gli uomini abbiano cominciato con il discutere tra loro, chiacchierare, scambiarsi le loro idee, come fanno i pastori in un’egloga? Niente affatto, questo scambio non è più originario di quello dei loro prodotti. La discussione presuppone che ci si conceda, da una parte e dall’altra, il diritto di istruirsi a vicenda, e, in primo luogo, che si possieda l’idea della verità, cioè di una percezione o di un’opinione individuale alla quale si attribuisce il potere legittimo di dover essere accettata da tutti i cervelli in buona salute. Sarebbe mai possibile l’idea di un tale potere senza l’esperienza preliminare del potere esercitato da un padre, da un prete, da un precettore? Non è forse il dogma soltanto che ha potuto far concepire il vero? – Parimenti, se qualche lettore di idilli fosse indotto a pensare che gli uomini primitivi, anche i selvaggi più mansueti, conoscessero la cortesia e i riguardi reciproci, occorrerebbe dargli le prove che in Francia e dappertutto, l’urbanità, nata da omaggi e da complimenti senza alcuna reciprocità, rivolti ai capi, ai signori o ai re, ha costituito la graduale volgarizzazione, facile da individuare in storia, di questa adulazione unilaterale, divenuta reciproca diffondendosi. – Ahimè! Non è nemmeno consentito credere che la guerra, se intendiamo con questo termine una lotta ad armi più o meno pari e uno scambio di colpi, sia stato il primo rapporto internazionale tra i gruppi umani. La caccia, cioè l’uccisione o l’espulsione di qualcuno che non può difendersi, di una tribù pacifica da parte di un’orda di briganti, ha certamente preceduto la guerra degna di questo nome4.

  • 5 Originariamente (si veda a questo proposito Paul Viollet, Histoire du droit français, p. 385) [P. V (...)

9Ora, in che modo la caccia umana ha fatto posto alla guerra umana? In che modo l’adulazione ha fatto posto alla cortesia, la credulità al libero esame e il dogmatismo all’insegnamento reciproco? La docilità al libero consenso e l’assolutismo al self-government? Il privilegio alla legge uguale per tutti, il dono o il furto allo scambio?5 La schiavitù alla cooperazione industriale? Il matrimonio primitivo, infine, appropriazione della moglie da parte del marito senza alcuna reciprocità, al matrimonio, così come lo conosciamo noi oggi, appropriazione del marito da parte della moglie e della moglie da parte del marito? Rispondo: attraverso l’effetto lento e inevitabile dell’imitazione in tutte le sue forme. Sarà facile mostrarlo rapidamente, non fosse che attraverso l’indicazione delle fasi attraversate dalle trasformazioni di cui si tratta.

10All’inizio, un uomo soltanto monopolizza il potere e il diritto di insegnare; nessuno glielo contesta. Tutto ciò che dice dev’essere creduto all’unanimità, e soltanto lui ha il diritto di rendere degli oracoli. Ma, a lungo andare, in quelli che accettano con la maggiore credulità tutte le parole del maestro, nasce il desiderio di essere infallibili come lui, di assomigliargli anche in questo. Di qui, gli sforzi intellettuali da parte dei filosofi, che finiranno un giorno o l’altro per far riconoscere a ogni individuo il diritto di poter diffondere la sua fede particolare e di evangelizzare perfino i suoi antichi apostoli. Ma, prima che questo possa accadere, essi debbono limitarsi a più umili pretese; e l’imitazione dei teologi costituisce a tal punto l’anima della loro rivolta dissimulata che essi si sentono felici soltanto se, pur sottomettendosi interamente al dogma senza discutere, ma al dogma per la prima volta circoscritto in una sfera specifica, ottengono di dogmatizzare all’interno del loro piccolo dominio, imponendo agli scienziati o agli sperimentatori alcune idee maestre ritenute indiscutibili: le teorie di Aristotele o di Platone, per esempio, in quanto non contrarie alla fede religiosa. D’altra parte, nello stesso periodo di transizione, certi scienziati, del resto piegati fino a un certo punto sotto il giogo metafisico, intendono dogmatizzare anche loro. Si tratta di una serie di rimbalzi dogmatici che rendono palpabile il bisogno di imitazione da cui deriva questa singolare tappa del pensiero. È indubbio che la liberazione della ragione umana sia stata una conseguenza di questo processo. In effetti, c’è qualcosa di contraddittorio e di fittizio nell’attitudine di una ragione individuale che sente già la sua forza, ma che, credendosi in diritto di imporre le proprie convinzioni senza discutere a certe persone, si crede anche in dovere di accettare senza esaminarle alcune convinzioni ricevute da altre. Tale timidezza stride con un tale orgoglio. Così arriva il momento in cui una ragione individuale, più ardita e più conseguente delle altre, si accorge di volere anch’essa dogmatizzare senza restrizione, opporre e imporre le proprie convinzioni in alto e in basso. E il suo esempio viene presto seguito; la discussione diventa generale, e il libero pensiero non è altro che questo scontro reciproco e questa reciproca limitazione di infallibilità individuali che si vogliono affermare, molteplici e contrarie.

11All’inizio, un uomo comanda e gli altri obbediscono. L’autorità viene monopolizzata, come l’insegnamento, dal padre o dal maestro; il resto del gruppo deve soltanto obbedire. Ma questa autorità autocratica presto diventa oggetto di invidia; gli ambiziosi, tra i sottoposti, immaginano inizialmente di conciliare la loro soggezione con la loro sete di potere, e immaginano in primo luogo di limitare, di circoscrivere, l’autorità dei loro maestri, e poi di rovesciarla, limitata e circoscritta, su dei sudditi di secondo grado. Si tratta di una cascata di comandi limitati, ma indiscutibili. Il sistema feudale ha rappresentato la realizzazione di questa idea su grande scala. Ma, a dire il vero, l’organizzazione militare di tutti i tempi ne è la prova più evidente; e questo esempio dimostra che la concezione di cui stiamo parlando, come anche la concezione analoga di cui abbiamo parlato in precedenza, quella della gerarchia dei dogmatismi, risponde a un bisogno permanente delle società, come il bisogno della difesa della patria o quello dell’educazione dei figli. – Più tardi, tuttavia, si osa ancora di più, si vuole poter comandare sotto certi aspetti alle stesse persone alle quali sotto altri aspetti si obbedisce, e viceversa, oppure poter comandare in un certo momento a coloro ai quali si è obbedito o si obbedirà in un momento diverso. Questa reciprocità si ottiene attraverso il libero accesso di tutti gli individui agli impieghi pubblici, alle magistrature vitalizie o temporanee, e attraverso il diritto di voto concesso a tutti. Il solo fatto di votare comporta nell’elettore l’impegno a sottomettersi all’eletto chiunque esso sia, attribuendo in questo modo ai suoi decreti il carattere di un tacito contratto. – Si dica pure se la sovranità popolare costituita in questo modo è qualcosa di diverso dalla moltiplicazione in milioni di esemplari della sovranità monarchica, e se, senza l’esempio offerto da questa, impersonificata in particolare dalla figura di Luigi XIV, essa avrebbe mai potuto essere concepita?

  • 6 Più i servizi di tutti i tipi diventano reciproci nel corso del progresso industriale e commerciale (...)

12Tutti i progressi o i cambiamenti sociali che hanno avuto luogo attraverso il passaggio dal rapporto unilaterale al rapporto reciproco, conseguenze, secondo il nostro punto di vista, dell’imitazione in atto, Spencer li attribuisce al passaggio dal «militarismo» all’«industrialismo»; ma anche lo sviluppo industriale è soggetto alla legge di cui si tratta. In effetti, il primo germe dell’industria è costituito dal lavoro servile non remunerato oppure dal lavoro della donna, che è la schiava-nata dell’uomo primitivo. L’Arabo, per esempio, si fa servire, nutrire, vestire, e anche ospitare dalle sue numerose mogli, come faceva l’antico Romano con le sue schiave; per questo la poligamia a lui è tanto necessaria quanto a noi lo sono i nostri vari fornitori. – I rapporti tra il produttore e il consumatore inizialmente erano abusivi quanto quelli tra padre e figlio o tra moglie e marito. Ma a forza di lavorare gratis per gli altri, lo schiavo aspira a far lavorare gratis qualcuno per sé, e finisce, grazie alla graduale limitazione del potere dei suoi padroni, che non si estende più a tutti i suoi atti né a tutto il suo tempo, col farsi un gruzzolo che lo conduce prima all’affrancamento, e poi all’acquisto di uno o più schiavi, che diverranno a loro volta le sue vittime. Se davvero non sognava nient’altro che la libertà, avrebbe dovuto affrettarsi a gioirne isolatamente, servendosi completamente da solo. Ma no, egli copia i bisogni dei suoi antichi padroni, vuole essere servito dagli altri, come quelli, per la soddisfazione di questi bisogni; e quando questa pretesa si generalizza, viene un momento in cui tutti questi antichi schiavi affrancati, che pretendono a loro volta di possedere degli schiavi, si asserviscono tra loro alternatamente oppure reciprocamente. Di qui, la divisione del lavoro e la cooperazione industriale6.

13Beninteso, sia detto una volta per tutte, il desiderio di imitare non sarebbe riuscito da solo a realizzare le trasformazioni di cui abbiamo parlato, né quelle che seguiranno, se alcune invenzioni o scoperte capitali non le avessero rese possibili. L’invenzione del mulino ad acqua, per esempio, alleviando considerevolmente il lavoro degli schiavi, ha preparato la loro emancipazione futura; e, in generale, senza un numero sufficiente di macchine inventate nel corso del tempo forse ci sarebbero ancora degli schiavi tra noi. Soltanto le scoperte scientifiche, astronomiche in particolare, hanno permesso alla ragione individuale di lottare vittoriosamente contro l’autorità dei dogmi. Soltanto le scoperte o le invenzioni giuridiche, le formule dei nuovi diritti resi pubblici dai giornalisti o dai letterati, hanno permesso alla sovranità nazionale di sostituire, moltiplicandola, la sovranità regia. – Ma è anche vero che il bisogno di imitare il superiore, di essere creduto, di essere obbedito, di essere servito come lui, costituiva una forza immensa, anche se virtuale, che spingeva verso le trasformazioni di cui sto parlando; ed essa non aspettava altro che il necessario accidente, rappresentato da queste invenzioni o da queste scoperte, per svilupparsi.

14Continuiamo. La caccia umana, come abbiamo detto, costituisce il primo rapporto internazionale. Una tribù, una popolazione, grazie alla scoperta di una nuova arma o di un nuovo perfezionamento di cui conserva gelosamente il segreto, distrugge o sottomette tutte le sue vicine. In questo modo sono avvenute, senza dubbio, le fulminanti conquiste degli antichi Ariani, in possesso dei metalli, contro popoli armati di selce, levigata o scheggiata; allo stesso modo si sono realizzate anche le «colonizzazioni» degli europei in America, tra poveri Indiani sprovvisti di fucili e di cavalli, che facevano la fine della selvaggina. Ora, a questa guerra in qualche modo unilaterale, in che modo è succeduta la guerra vera e propria, la caccia reciproca, secondo l’uso delle nazioni civili quando si combattono tra loro? Grazie alla diffusione imitativa, in tutti questi popoli, delle armi e delle tattiche che hanno permesso di trionfare a uno di essi. Ma essi sognano di imitare anche un’altra cosa da questo vincitore, e aspirano a esercitare come lui un monopolio militare, a scoprire qualche nuova arma fulminante che li renda invincibili e riporti la guerra a non essere nient’altro che una caccia. Per fortuna, questo sogno non viene mai realizzato, se non in piccola parte, sebbene i Prussiani a Sadowa, con il loro fucile ad ago, abbiano veramente trattato gli Austriaci come fa un bracconiere con la lepre. – Come tappa intermedia tra i due termini di questa evoluzione, segnalo alcune epoche barbare, in cui un popolo completamente sconfitto e divenuto tributario si consola della sua disfatta annientando senza motivo il più debole tra i suoi vicini, rendendolo tributario a sua volta. In Gallia, al tempo di Cesare, esistevano popoli clienti di altri popoli, regime internazionale che potrebbe essere definito come il sistema feudale applicato al rapporto tra stati.

  • 7 Oppure, se il superiore restituiva il saluto, la visita, il complimento, era sempre l’inferiore che (...)

15Ho tenuto per ultimo un esempio che, sebbene meno importante, è il più adatto a illustrare la verità della nostra tesi. In ogni società democratica, che è sempre stata preceduta da un regime aristocratico, monarchico o teocratico, vediamo le persone in strada salutarsi a vicenda, avvicinarsi per farsi delle cortesie, che vengono sempre restituite, e stringersi reciprocamente la mano. Da dove provengono tutti questi usi? Lascio a Spencer il compito di dimostrare magistralmente l’origine regale o religiosa di tutto questo, e di come la prostrazione di tutto il corpo di fronte al capo si sia lentamente trasformata in una leggera inclinazione del busto oppure in un colpo di cappello. Aggiungiamo che, se il colpo di cappello è ciò che resta, molto indebolito, della prostrazione originaria, ne è anche la forma resa reciproca. Dirò altrettanto dell’omaggio e dell’adulazione di corte, il cui incenso grossolano, bruciato sull’altare dei grandi, ci soffoca a distanza di un secolo o due, quando ce ne arriva una folata nella dedica di un vecchio libro. I complimenti che attualmente si fanno tra loro le persone di rango molto elevato sono ben lontani da queste iperboli, ma hanno il vantaggio di essere reciproci, come lo sono diventate anche le visite di cortesia che, avendo un tempo il carattere di un omaggio, erano unilaterali. La cortesia non è altro che la reciprocità nell’adulazione. E noi sappiamo, del resto, tanto da non poterne più dubitare, che «ogni piccolo principe vuole avere i suoi ambasciatori, ogni marchese vuole avere i suoi paggi», ogni cortigiano vuole avere la sua corte; il bisogno generalizzato di essere adulati, visitati, salutati come un grande, è stato il movente segreto che ha reso un po’ alla volta, in Francia e altrove, tutto il mondo educato; in principio la corte, poi la città, i castelli e tutte le classi, fino alle ultime. Lo stadio intermedio, analogo alle fasi transitorie di cui abbiamo parlato in precedenza, è stata l’urbanità caratteristica dell’Ancien régime a partire da Luigi XIV. Ciascuno degli innumerevoli livelli tra i quali era suddivisa la società del tempo si faceva rendere dal livello inferiore quelle cortesie gratuite, quelle visite e quei saluti che il livello superiore gli negava7. Si trattava di una cascata di impertinenze, come osserva La Bruyère da qualche parte. Ma con l’avanzare verso la fine di questo mondo scomparso, gli sguardi si fanno reciproci e si percepisce che «l’uguaglianza» si sta avvicinando. Effettivamente, tra tutti i mezzi di livellamento inventati nel corso della civiltà, non ce n’è forse nessuno di più potente, né di più inosservato, della cortesia dei modi e dei costumi. Quello che Cicerone ha detto a proposito dell’amicizia «amicitia pares aut facit aut invenit», è perfettamente applicabile all’urbanità, e specialmente alla vita di salotto. Il salotto ammette soltanto degli uguali, oppure eguaglia quelli che ammette. Per mezzo di questo secondo carattere, esso tende costantemente a diminuire, anche rispetto all’esterno, quelle disuguaglianze sociali, che, al suo interno, vengono momentaneamente cancellate. Quando dei funzionari di rango gerarchico molto diverso si sono frequentati a lungo in società, le loro relazioni istituzionali avvengono soltanto nell’intervallo tra i loro incontri mondani; essi si sono livellati. Meglio delle ferrovie, le maniere cortesi sopprimono le distanze, non soltanto tra i funzionari, tra i magistrati e tra gli ufficiali, ma tra tutte le classi sociali che, a lungo andare, si riavvicinano a forza di colpi di cappello e di strette di mano. Ogni giorno, nella nostra società in via di trasformazione, migliaia di persone si sentono tutte adulate nel sentirsi chiamare signore e signora. In questo, come sotto tanti altri aspetti, per l’aiuto che presta al regno della moda, o per la sua infatuazione nei confronti delle idee filosofiche del xviii secolo, la nobiltà d’Ancien régime ha contribuito a distruggere i propri fondamenti e «si è seppellita nel suo trionfo».

II

  • 8 Intendo i termini reversibile e irreversibile non nel senso che gli viene attribuito dalla lingua g (...)

16Le considerazioni precedenti sul passaggio dall’unilaterale al reciproco ci conducono molto naturalmente a trattare una questione che possiede un interesse maggiore, e che avrebbe meritato di essere affrontata dai sociologi, voglio dire la questione di sapere quello che c’è di reversibile e di irreversibile in storia8. Tutti sanno che, sotto certi aspetti, una società può attraversare in un senso precisamente contrario alcune fasi che ha già attraversato in passato, ma che, per altri aspetti, questa regressione le sarebbe impossibile. Abbiamo visto in precedenza che, dopo essere passati dalla consuetudine alla moda predominante, i popoli possono ritornare dalla moda alla consuetudine, ma allargata, mai ristretta; ma possono anche, dopo aver sostituito a delle relazioni unilaterali delle relazioni reciproche, retrocedere da queste a quelle? Per niente, e ne abbiamo detto implicitamente la ragione. «I monopoli – dice molto correttamente Cournot – le grandi compagnie commerciali e militari, la tratta, la schiavitù dei neri, e tutte le istituzioni coloniali che fanno riferimento a esse, sono cose che il mondo non vuole più, che sono scomparse oppure stanno scomparendo, senza che si possa credere che rinasceranno mai, come la schiavitù e il foro antichi, o la feudalità medievale». È vero; ma su che cosa si fonda questa convinzione? Bisogna dirlo; e Cournot non lo dice. Sappiamo adesso che questo passaggio, necessario e irreversibile, dal monopolio alla libertà commerciale, dalla schiavitù all’aiuto reciproco, è un corollario delle leggi dell’imitazione. Ora, queste leggi possono smettere di agire, in tutto o in parte; e, in questo caso, una società muore di una morte che può essere parziale o totale; ma non possono mai rovesciarsi.

17Sarebbe mai possibile immaginare che un grande impero, come l’Impero romano di Marco Aurelio, torni indietro, ridiventi una repubblica italiana ellenizzata da qualche Scipione, poi una repubblica incolta e fanatica diretta da un Catone il Vecchio, e infine una piccola borgata barbara organizzata da un Numa? Oppure potrebbe essere immaginabile che dopo essere passata dalla criminalità violenta alla criminalità astuta e voluttuosa, come succede sempre, e aver scambiato i suoi crimini con i suoi vizi, una società smetta di essere viziosa per ritornare a essere rigidamente sanguinaria? Sarebbe come se un organismo adulto retrocedesse dalla maturità alla giovinezza, e dalla giovinezza all’infanzia, finendo per rientrare all’interno dell’ovulo dal quale è uscito; oppure che un astro carbonizzato, come la luna, ricominciasse a percorrere al contrario la serie esaurita dei suoi antichi periodi geologici, delle sue faune e delle sue flore scomparse. La dissoluzione, sebbene Spencer lo abbia creduto, non è mai il contrappeso simmetrico dell’evoluzione. Forse tutto questo significa che il mondo ha veramente un senso e un fine; oppure che, sempre scontenta dei suoi destini, e preferendo l’ignoto, il nulla stesso al suo passato, ogni realtà si rifiuti, prima di tutto, di rivivere la sua stessa vita, di tornare indietro?

  • 9 [A. Cournot, Traité de l’enchaînement des idées fondamentales dans les sciences et dans l’histoire, (...)

18Mi affretto ad aggiungere che, per un aspetto importante, la reversibilità o l’irreversibilità storica non è interamente spiegabile attraverso le sole leggi dell’imitazione. Le invenzioni e le scoperte che appaiono successivamente, e di cui l’imitazione si impossessa al fine di diffonderle, non si susseguono in maniera casuale; un legame razionale, sul quale non dobbiamo insistere in questa sede, ma che è stato chiaramente indicato da Auguste Comte nelle sue considerazioni sullo sviluppo delle scienze, ed è stato esplicitamente sviluppato da Cournot nel suo magistrale trattato sulla Concatenazione delle idee fondamentali 9, collega le une alle altre; e, in larga misura, non si potrebbe ammettere che il loro ordine, per esempio l’ordine delle scoperte matematiche da Pitagora fino a noi, avrebbe potuto essere invertito. Qui l’irreversibilità si fonda sulle leggi della logica inventiva, e non su quelle dell’imitazione.

19Fermiamoci un istante per giustificare, di passaggio, la distinzione che abbiamo appena stabilito. L’ordine delle invenzioni successive e l’ordine delle imitazioni successive sono due cose diverse, sebbene imitazione significhi invenzione imitata. In effetti, le leggi che governano la prima di queste due serie, non potrebbero essere confuse con le leggi, anche logiche, che governano la seconda. Non è necessario che le invenzioni imitate percorrano tutti i passaggi della serie irreversibile che le invenzioni, imitate o no, debbono necessariamente percorrere uno alla volta. A rigore, sarebbe possibile immaginare che tutta la serie delle invenzioni logicamente precedenti all’ultima, che costituisce il perfezionamento finale, abbia luogo all’interno di uno stesso cervello di genio; e, infatti, non è raro che un inventore scavalchi parecchi gradi oscuri di questa scala fino a raggiungere il livello luminoso. Le leggi dell’invenzione appartengono essenzialmente alla logica individuale; quelle dell’imitazione appartengono in parte anche alla logica sociale. – D’altronde, dato che l’imitazione non dipende esclusivamente dalla logica sociale, ma anche da influenze extralogiche, non è abbastanza chiaro che la stessa invenzione si produce, dal punto di vista cerebrale, sulla base di condizioni che non consistono soltanto nell’apparizione mentale delle premesse di cui costituisce la logica conseguenza, ma anche in altre associazioni di idee che definiamo ispirazione, intuizione, genio?

  • 10 Si veda la “Revue Scientifique”, 1° dicembre 1888, articolo di Giard [A. Giard, Histoire du transfo (...)

20Tuttavia, non dimentichiamo che ogni invenzione, ogni scoperta, consiste in un incontro mentale di conoscenze precedenti e il più delle volte trasmesse dagli altri. In che cosa è consistita la tesi di Darwin sulla selezione naturale? Nell’aver affermato la concorrenza vitale? Niente affatto, ma nell’aver combinato, per la prima volta, questa idea con quelle di variabilità e di ereditarietà 10. La prima, definita già da Aristotele, era rimasta sterile fintanto che non era stata associata alle altre due. – Partendo da questo esempio, si può dire che il termine generico, di cui l’invenzione non è che una specie, sia l’interferenza feconda tra le ripetizioni. Se le cose stanno così, mi sarà forse consentito formulare, senza insistere, un’ipotesi che mi viene in mente a questo proposito. Per quanto numerose possano essere le differenti varietà di cose che si ripetono, se si presuppone che i focolai di questi irradiamenti ripetitori, detti anche invenzioni, oppure i loro analoghi biologici e fisici, siano dispersi in modo regolare, i loro incontri potrebbero anche essere previsti; e questi stessi incontri, che costituirebbero dei nuovi focolai, presenterebbero nella loro disposizione la stessa regolarità dei focolai primitivi. Tutto sarebbe quindi regolare in un universo di questo tipo, per quanto complicato possa essere; nulla sarà, né potrà apparire accidentale. Se invece si ammettesse che i focolai primitivi sono dispersi in modo irregolare, i focolai secondari dovrebbero manifestare anch’essi una dispersione disordinata, e la loro irregolarità sarebbe proporzionata a quella dei focolai primitivi. Così, non esisterebbe nient’altro che una stessa quantità di irregolarità, per così dire, manifestata nelle forme più diverse. Aggiungiamo che queste forme successive, malgrado tutto, debbono possedere una certa somiglianza difficile da definire. L’irregolarità originaria si riflette nelle irregolarità derivate, che costituiscono le sue immagini ingrandite. Da ciò concludo che, se l’idea di Ripetizione domina tutto l’universo, essa non lo costituisce affatto. Poiché al fondo di tutto ci dev’essere, almeno credo, una certa quantità di diversità innata, eterna, indistruttibile, senza la quale il mondo sarebbe di una piattezza pari soltanto alla sua immensità. Stuart Mill era stato condotto dalle sue riflessioni a qualche postulato dello stesso tipo.

21Comunque stiano le cose rispetto alla congettura che ho appena azzardato, mi sembra certo che per riuscire a spiegare a fondo il carattere irreversibile delle trasformazioni sociali, anche di quelle più semplici, bisognerebbe combinare tra loro i due tipi di leggi che abbiamo appena distinto. Per esempio, consideriamo i cambiamenti nella consuetudine che hanno avuto luogo in Francia da tre secoli a questa parte, e supponiamo che si fossero compiuti in senso contrario. A priori, l’ipotesi sembrerebbe accettabile, o almeno non implicare una contraddizione maggiore dell’idea di suonare una melodia alla rovescia, cominciando dall’ultima nota per finire con la prima. Fatto strano, detto tra parentesi, in questo modo si produce una melodia completamente nuova che, senza aver nulla in comune con l’altra, è talvolta soddisfacente. Ma ci si immagini i cortigiani di Luigi XIV vestiti in giacca o in abito nero, in pantalone e cappello di seta, secondo le nostre mode attuali, poi, gradualmente, il pantalone venire sostituito dalla culotte corta, i capelli corti dalla parrucca, la giacca dall’abito ricamato, dorato, multicolore, con la spada al fianco, e i nostri contemporanei democratici vestiti come i famigliari del Re Sole; sarebbe grottesco, ed esisterebbe una tale dissonanza tra l’abbigliamento dell’uomo e le sue idee, tra la successione degli abiti e quella degli avvenimenti, delle opinioni e dei costumi, che è inutile insistere sull’impossibilità della cosa. Questo è impossibile perché gli avvenimenti, le opinioni e i costumi, di cui i vestiti debbono essere fino a un certo punto la traduzione esteriore, si sono susseguiti a partire da Luigi XIV secondo una determinata logica in base alla quale le leggi, comprese le leggi dell’imitazione, impediscono che la loro melodia, per così dire, possa essere suonata al contrario. Ciò è vero a tal punto che il controsenso contenuto nell’ipotesi in questione apparirebbe infinitamente meno assurdo se si trattasse di abiti femminili. Si può, a rigore, senza del resto modificare in nulla la storia moderna, immaginare che le dame di corte, nel xvii secolo, abbiano potuto indossare gli abiti e anche i cappelli dei nostri eleganti del xix, che più tardi siano arrivate la crinolina, poi gli alti corpetti greci di Mme Récamier e di Mme Tallien, e che queste metamorfosi abbiano potuto condurre le nostre contemporanee a vestirsi come Mme de Maintenon, o a pettinarsi come Mlle de Fontange. Sarebbe un po’ strano ma non insensato. Perché, tuttavia, la corrente delle mode femminili si può immaginare di risalirla, senza che sia necessario immaginare che si stia risalendo anche la corrente dei costumi e delle idee, mentre ciò non potrebbe accadere a proposito delle mode maschili? Questo si spiega senza alcun dubbio in base alla partecipazione infinitamente inferiore delle donne alle opere della politica e del pensiero, in base alla loro preoccupazione dominante, in tutti i tempi e in tutti i paesi, di piacere fisicamente e, malgrado il loro amore per il cambiamento, in base all’immutabilità fondamentale della loro natura, resistente all’usura della civiltà.

  • 11 Che cosa diventa in questo caso la famosa legge della differenziazione progressiva, considerata com (...)
  • 12 Si veda Babeau, La ville sous l’Ancien régime [cit.].

22Ma, osserviamolo, sia per le donne, sia per gli uomini, non sarebbe possibile immaginare che la successione delle invenzioni relative alla tessitura, alle quali dobbiamo stoffe sempre più variegate e complicate, possa aver luogo in senso contrario, dall’estrema complicazione alla semplicità originaria. Le leggi della logica lo vietano. Esse vietano anche di immaginare che la serie delle armi, a partire dal medioevo, possa essere percorsa a ritroso, e che si possa passare dai fucili ad ago ai fucili a pietra, agli archibugi, alle balestre e agli archi, o dai cannoni Krupp alle colubrine e alle baliste. – Inoltre, le leggi dell’imitazione mostrano l’impossibilità di ammettere che, maschili o femminili, gli abiti, dopo essere stati sotto Luigi XIV, per ipotesi, più o meno simili come tagli e come tessuti per tutte le classi della nazione e per tutte le province francesi, così come lo sono ai giorni nostri, possano differenziarsi gradualmente e diventare nel nostro secolo diversi da una classe all’altra, da un campanile all’altro, come lo erano un tempo. Questo è inammissibile11, anche ammettendo nello stesso momento che, dopo essere esistiti sotto Luigi XIV, tutti i nostri telegrafi e tutte le nostre ferrovie siano andati distrutti, portando con sé i potenti bisogni di relazione e di assimilazione che hanno fatto nascere. Questa morte violenta della nostra civiltà potrebbe anche colpire, paralizzandole, tutte le sue funzioni imitative, ma non le farebbe affatto retroagire. – Leggiamo in una cronaca12 che Luigi XIII, entrando a Marsiglia, ammirò molto i soldati della milizia e fu soddisfatto soprattutto di vedere «che ce ne erano di vestiti da selvaggi, da Americani, da Indiani, da Turchi e da Mori». In effetti, è soltanto sotto Luigi XV che l’uniforme si generalizzerà. Ci si immagini l’effetto che potrebbe provocare ai giorni nostri il ritorno a questa antica diversità degli abiti militari, se potesse aver luogo? Non si riuscirebbe a sopportare questa diversità di abbigliamento, cioè essa non sembrerebbe affatto naturale, normale, eccetto il caso in cui si fosse diffusa per moda; e, in questo caso, questa stessa multiformità sarebbe soltanto una specie di uniforme, una somiglianza che consiste nel copiare la diversità altrui.

23Facciamo riferimento a questa specie di irreversibilità storica, della quale le leggi dell’imitazione sono sufficienti a rendere conto, come, del resto, le leggi della generazione e dell’ondulazione sono sufficienti a spiegare alcune specie, ma non tutte, di irreversibilità naturale. Una grande lingua nazionale, nata da un piccolo dialetto locale, non potrebbe ritornare alla sua origine; non perché non possa, in seguito a qualche catastrofe politica, suddividersi in tanti frammenti che diventeranno poi dei dialetti; dato che, in questo caso, la differenza tra i dialetti sarà imputabile all’imprigionamento forzato, all’interno di ogni provincia, di innovazioni linguistiche nate sul posto, e che in precedenza si erano irradiate su tutto il territorio. D’altronde, ognuno dei dialetti creati in questo modo non assomiglierà in nulla al dialetto originario e tenderà, non tanto a riprodurre quest’ultimo, quanto piuttosto a diffondersi nei suoi vicini e a ristabilire a suo profitto l’unità della lingua al di sopra di una vasta area. Ciò che ho detto a proposito della lingua è ugualmente applicabile alla religione. – Ma gettiamo un colpo d’occhio sull’insieme della vita sociale.

24È stato spesso osservato che la civiltà ha l’effetto di innalzare il livello medio delle masse dal punto di vista intellettuale e morale, estetico ed economico, piuttosto che di innalzare ulteriormente sotto questi diversi aspetti soltanto le vette più alte della società. Ma questa formula vaga, senza contorni definiti, ha potuto essere negata, non senza ragione, in quanto si è omesso di indicare la causa del fatto che si voleva spiegare. Questa causa, noi la conosciamo. Poiché ogni invenzione, una volta che ha preso slancio, se non viene respinta dalla massa delle invenzioni già insediate all’interno di un contesto sociale, deve diffondersi e insediarsi a sua volta, conquistando l’una dopo l’altra tutte le classi fino alle ultime; ne consegue che il risultato finale a cui tende la propagazione indefinita di tutti questi irradiamenti, i cui focolai compaiono di tanto in tanto sulle alture, dev’essere un’illuminazione generale uniformemente ripartita. È così che, in virtù della legge dell’irradiamento ondulatorio, le fonti di calore apparse l’una dopo l’altra tendono a produrre, in base a una famosa conseguenza dedotta dai fisici, un grande equilibrio termico universale, superiore alla temperatura attuale degli spazi interstellari, ma inferiore a quella dei soli. È così che, parimenti, la distribuzione delle specie, in base alla legge della loro progressione geometrica, oppure, in altri termini, del loro irradiamento prolifico, tende a riempire tutta la terra, ancora popolata in modo molto disomogeneo, di uno strato omogeneo di viventi, uniformemente più denso di quanto non lo sia in media la sua popolazione attuale. – I termini dei nostri paragoni, come vediamo, si corrispondono esattamente: la superficie terrestre è il campo aperto all’irradiamento della vita, lo spazio è il campo aperto all’irradiamento del calore e della luce, la specie umana, in quanto specie vivente, è il campo aperto all’irradiamento del genio inventivo. – Ora, detto questo, è chiaro che la tendenza a un’assimilazione cosmopolita e democratica è una tendenza storica inevitabile, per la stessa ragione per la quale il popolamento uniforme e completo del globo e il riscaldamento uniforme e completo dello spazio fanno parte dei fini dell’universo vivente e dell’universo fisico. Questo fatto è necessario, poiché delle due forze capitali che ci servono a interpretare tutto lo sviluppo storico, l’invenzione e l’imitazione, la prima, fonte di privilegi, di monopoli, di disuguaglianze aristocratiche, è intermittente, rara insomma, eruttiva in certe epoche lontane, mentre la seconda, così democratica e livellatrice, è continua e incessante, come l’azione sedimentaria dell’Eufrate o del Nilo. Ma si comprende anche che può accadere facilmente, nei periodi in cui le creazioni del genio si sospingono e si stimolano a vicenda, nelle epoche turbolente e inventive come la nostra, che il progresso della civiltà sia accompagnato da un aumento momentaneo di disuguaglianza di ogni tipo, oppure, se la febbre immaginativa si è specializzata, di un certo tipo preciso. Ai giorni nostri, in cui lo spirito creatore si è rivolto soprattutto verso le scienze, lo scarto tra l’élite dei nostri grandi scienziati e la feccia dei nostri analfabeti più grossolani è molto più ampio, dal punto di vista della somma e del peso delle conoscenze, di quanto non lo fosse nel medioevo o nell’antichità. Tutta la questione sta nel sapere se, nei periodi innovatori di cui sto parlando, l’eruzione precipitosa delle invenzioni abbia proceduto più velocemente della colata della loro lava, cioè del loro esempio, ai piedi dei loro autori. Ora, ci troviamo di fronte a una questione di fatto, che soltanto la statistica può risolvere.

  • 13 Osserviamo che, attraverso una serie regolare e ininterrotta di trasformazioni, l’organizzazione ec (...)
  • 14 Impero bizantino, termine della civiltà greco-romana; Impero cinese, termine della civiltà cinese; (...)

25Persuaso che il passaggio dal regime aristocratico al regime egualitario sia irreversibile, Tocqueville respinge l’idea che, in un contesto di uguaglianza, possa formarsi un’aristocrazia qualsiasi. Ma bisogna intendersi13. Se, in conseguenza della causa che ci è nota, le società procedono verso un’assimilazione crescente e un’accumulazione incessante di somiglianze, non ne consegue affatto che esse avanzino anche verso un’uguaglianza sempre maggiore. Poiché l’assimilazione imitativa è soltanto il tessuto di cui sono fatte le società; questo tessuto viene ritagliato e lavorato dalla logica sociale, che tende all’unificazione più solida possibile, attraverso la specializzazione delle attitudini e il loro mutuo soccorso, e attraverso la specializzazione delle intelligenze e la loro conferma reciproca. È dunque possibilissimo, e anche probabile, che una gerarchia molto stabile costituisca il termine fatale di ogni civiltà14, sebbene ogni civiltà esaurita, giunta alla sua fioritura finale, si riconosca dalla diffusione degli stessi bisogni e delle stesse idee, se non anche degli stessi poteri e delle stesse ricchezze, in tutta la massa dei cittadini. Quello che possiamo concedere a Tocqueville, è soltanto che non accade mai che un’aristocrazia fondata sul prestigio ereditario del sangue risorga all’interno di un paese dopo essere stata distrutta. Sappiamo infatti che la forma sociale della Ripetizione, l’imitazione, tende ad affrancarsi sempre di più dalla forma vivente, l’ereditarietà.

  • 15 [C. Gide, A quoi servent les colonies, Paris, Delagrave, 1886] Gide fa esplicito riferimento alle « (...)

26Siamo anche in diritto di affermare che gli agglomerati nazionali si ingrandiranno sempre di più e, di conseguenza, diventeranno più radi, e che mai, senza catastrofe, avverrà il contrario. Questo è un effetto (indicato da Gide nel suo opuscolo sulle colonie)15 dell’assimilazione universale, soprattutto in fatto di armamenti. In effetti, «il giorno in cui saremo tutti fusi nello stesso stampo, il giorno in cui tutti gli uomini avranno lo stesso valore, è chiaro che la potenza di ciascun popolo sarà matematicamente proporzionale al numero della sua popolazione», e, di conseguenza, la lotta tra un piccolo stato e uno più grande diverrà impossibile o disastrosa per il primo. Nuovo argomento da aggiungere alle numerose ragioni che abbiamo di prevedere nell’avvenire qualche impero colossale. In ogni epoca, fino alla nostra, abbiamo visto gli stati più grandi estendersi tanto lontano, o più lontano, quanto i mezzi di comunicazione allora in uso permettessero loro dal punto di vista pratico. Ma, ai giorni nostri, è chiaro che le grandi invenzioni del nostro secolo renderebbero possibili e durevoli agglomerati molto superiori in estensione a tutti quelli esistenti. Ci troviamo quindi di fronte a un’anomalia storica senza precedenti, e dobbiamo credere che sarà destinata a scomparire. Il mondo è adesso più maturo per la concentrazione di tutta l’Europa, dal Nord Africa fino alla metà dell’Asia, all’interno di un solo stato, come non è mai accaduto né per la conquista romana, né per quella araba o per l’Impero di Carlo V. – Significa forse che dobbiamo aspettarci di veder sorgere un unico impero, esteso a tutta la terra? No. Dalla legge sviluppata in precedenza sull’alternanza della moda e della consuetudine, sul ritorno finale, inevitabile, al protezionismo consuetudinario dopo un periodo più o meno lungo di libero scambio degli esempi, consegue che l’allargamento naturale, non dico fittizio, di uno stato qualsiasi, non potrebbe mai superare certi limiti. Di conseguenza, non c’è modo di concepire la speranza che un singolo stato regni durevolmente su tutta la terra e che la possibilità della guerra venga soppressa. Anzi, man mano che l’unificazione, o almeno la federazione, delle nazioni civili diventa più desiderabile ed è voluta più ardentemente, gli ostacoli che si oppongono alla sua realizzazione, orgoglio e risentimenti patriottici, pregiudizi nazionali, interessi collettivi mal compresi o concepiti in modo ristretto, ricordi storici accumulati, non smettono di crescere. Si direbbe che questa aspirazione crescente, bloccata da questa progressiva difficoltà, costituisca il supplizio infernale al quale la civiltà condanna l’uomo. Sempre più brillante, ma sempre più lontano, risplende ai nostri occhi, così sembra, il miraggio della pace perpetua e universale.

  • 16 È un errore di alcuni storici quello di provare, o esibire, un disprezzo ingiustificabile per tutte (...)
  • 17 pittoresco di questa «ricca diversità» che il periodo caotico dei Merovingi e dei Carolingi stava p (...)

27Tuttavia, in un senso relativo e limitato, abbiamo motivo di credere che questo ideale si realizzerà temporaneamente grazie alle conquiste future di un popolo – non sappiamo ancora quale – destinato a questo ruolo glorioso. Ma allora, quando questo impero si sarà insediato e avrà dato a gran parte del mondo una sicurezza paragonabile alla maestà della pace romana, decuplicata in estensione e in profondità16, potrà accadere che un fenomeno sociale del tutto nuovo, né conforme, né contrario, ai princìpi esposti più sopra, appaia ai nostri nipoti. Ci si può chiedere, in effetti, se la somiglianza universale, in tutte le sue forme attuali o future, relativamente alla consuetudine, all’alfabeto, alla lingua, alle conoscenze, al diritto ecc., sia l’ultimo frutto della civiltà, oppure se essa non abbia piuttosto come unica ragion d’essere e come conseguenza finale la nascita di differenze individuali più vere, più intime, più radicali, e allo stesso tempo più delicate, delle dissimiglianze distrutte. Certo, dopo un’inondazione cosmopolita che avrà portato un’alluvione densa di costumi e di idee su tutta l’umanità, non si riformeranno più le nazionalità smantellate, gli uomini non ritorneranno più al culto cinese degli antenati, al disprezzo degli usi stranieri, e non preferiranno più all’accelerazione del loro grande cambiamento d’insieme, al quale partecipano tutti, l’accentuazione della loro originalità esterna fissa e consolidata. Ma può perfettamente accadere che la civiltà un giorno si arresti per raccogliersi e procreare, che il flusso dell’imitazione abbia i suoi argini, e che, in seguito17 all’effetto stesso della sua diffusione eccessiva, il bisogno di socialità diminuisca, o piuttosto si modifichi e si trasformi in una specie di misantropia generale, del resto molto compatibile con una moderata circolazione commerciale e una certa attività di scambi industriali ridotti allo stretto necessario, ma soprattutto molto adatta a rinforzare in ciascuno di noi i tratti distintivi della nostra individualità profonda. A quel punto sboccerà il fiore più alto della vita sociale, la vita estetica, che, eccezione ancora così rara e incompleta ai giorni nostri, si generalizzerà consumandosi; e la vita sociale, con il suo complicato apparato di funzioni assoggettanti, di monotone ripetizioni, apparirà infine per quello che è, come la vita organica di cui rappresenta la prosecuzione e il complemento: ossia, un lungo passaggio, oscuro e tortuoso, dalla diversità elementare alla fisionomia individuale, un alambicco misterioso, dalle innumerevoli spirali, in cui l’una si sublima nell’altra, in cui lentamente si estrae, da un’infinità di elementi piegati, macinati, spogliati dei loro caratteri differenziali, questo principio essenziale così volatile, la singolarità profonda e sfuggente delle persone, il loro modo di essere, di pensare, di sentire, che non è che per una volta e soltanto per un istante.

Notes

1 Per esprimere il mio pensiero fino in fondo, a proposito dell’origine sconosciuta e inconoscibile delle ripetizioni universali, credo che forse a spiegarle non sia sufficiente soltanto un’ambizione immensa e universalmente diffusa. Confesso che ci sono giorni in cui mi viene in mente un’altra spiegazione. Penso che il piacere di ripetersi indefinitamente, senza mai stancarsi, sia uno dei segni dell’amore; infatti è caratteristica dell’amore, nella vita e nell’arte, quella di dire e di ripetere sempre la stessa cosa, di dipingere e ridipingere sempre gli stessi soggetti; e mi chiedo allora se questo universo che sembra compiacersi delle sue monotone ripetizioni non riveli, nelle sue profondità, un dispendio infinito di amore nascosto, ancor più che di ambizione. Non posso vietarmi di congetturare che tutte le cose, a dispetto delle loro lotte reciproche, siano state fatte separatamente con amore, e che soltanto così si spieghi la loro bellezza, malgrado il male e l’infelicità. – Ma altre volte, pensando alla morte, sono indotto a giustificare il pessimismo. Tutto si ripete e nulla rimane: questi sono i due caratteri del nostro universo, e il secondo deriva dal primo. Perché bisogna proprio che sia utopico immaginare un mondo perfetto, stabile e originale, in cui tutto rimane e nulla si ripete?… – Ma bando a questi sogni!

2 [Probabilmente Tarde si riferisce al discorso pronunciato il 9 ottobre 1882 a Eisenach, in commemorazione della morte di Darwin, intitolato Die Naturanschauung von Darwin, Goethe und Lamarck].

3 Si veda a questo proposito il terzo volume della Sociologia di Spencer [H. Spencer, Principes de sociologie (ed. orig. 1874-1875), t. ii, vol. 3. Relations domestiques, trad. fr. di É. Cazelles e J. Gerschel, Paris, Baillière, 1879; trad. it. di A. Salandra e G. Salvadori, riv. da C. Antiochia, P. Migliucci, S. Piccone Stella, Principi di sociologia, Torino, Utet, 1968, 2 voll.], in cui si spiega come i regali, inizialmente volontari e unilaterali (sia dal superiore all’inferiore, che viceversa), siano divenuti un po’ alla volta abituali, obbligatori e reciproci. Ciò che Spencer dimentica di dire, è il ruolo capitale dell’imitazione in questo passaggio.

4 Mi riferisco alle relazioni degli uomini tra loro; nelle relazioni tra l’uomo primitivo e gli animali – relazioni che non hanno nulla a che vedere direttamente con la sociologia – sembra invece essersi verificato il contrario, perché si è combattuto contro le grandi belve prima di essere stati in grado di cacciarle, come abbiamo visto più sopra.

5 Originariamente (si veda a questo proposito Paul Viollet, Histoire du droit français, p. 385) [P. Viollet, Précis de l’histoire du droit français, Paris, Larose et Forcel, 1886] l’amministrazione dei sacramenti da parte dei curati era gratuita; si trattava di un puro dono. A poco a poco, le popolazioni risponderanno a questi doni con altri doni, con regali spontanei e niente affatto obbligatori; finché le offerte non diventarono dei canoni fissi. – Le società di assicurazione contro l’incendio sono delle società di mutuo soccorso; esse hanno assunto questa forma reciproca fin dal 1786; ma erano state precedute da società di soccorso non mutuo, cioè da elemosine organizzate in favore delle vittime degli incendi (si veda Babeau, La ville sous l’Ancien régime [cit.], t. ii, p. 146). – Anche il diritto al divorzio ha cominciato con l’essere unilaterale, a esclusivo profitto del marito, prima di diventare reciproco ecc.

6 Più i servizi di tutti i tipi diventano reciproci nel corso del progresso industriale e commerciale, e più i bisogni soddisfatti in questo modo assumono un aspetto arbitrario e capriccioso. Sempre più il consumatore (che, d’altronde, è, nello stesso tempo, produttore) intende essere servito quando più gli pare e come più gli sembra, e trovare ogni cosa secondo il piacere dei suoi desideri del momento, per quanto fugaci e stravaganti possano essere. Questa viene chiamata, in linguaggio nobile, emancipazione dell’individuo. – Ora, questo fatto si spiega facilmente in base alle leggi dell’imitazione. All’inizio, il capriccio è un monopolio del padrone, pater familias o re, che si fa servire dai suoi figli, dai suoi schiavi o dai suoi sudditi, senza alcuna reciprocità; e anche del dio, che i suoi adoratori servono prostrati senza avere il diritto di esigere da lui nulla di equivalente ai sacrifici fatti ai suoi piedi. Se dunque la reciprocità dei servizi si è prodotta a lungo andare soltanto attraverso l’imitazione prolungata e diffusa del servizio unilaterale, di cui beneficiavano i padri di famiglia, i re e le loro copie, i nobili, gli dèi e i semi-dèi, è naturale che i consumatori, cercando di imitare i capi di un tempo, almeno in quanto consumatori, abbiano finito per infondere ai loro bisogni l’aspetto di un capriccio in qualche modo regale e divino. – Per questo, il lasciar-fare e il lasciar-andare democratici, sempre crescenti, derivano in linea diretta dall’assolutismo monarchico e teocratico.

7 Oppure, se il superiore restituiva il saluto, la visita, il complimento, era sempre l’inferiore che cominciava a salutare, a fare visita, a complimentarsi. Esisteva a quel tempo un saluto obbligatorio da una classe all’altra, e da un grado all’altro; oggi conosciamo soltanto il saluto da persona a persona, e facciamo in modo che non sia sempre lo stesso a salutare per primo. – In La Bruyère vediamo rappresentata la fase transitoria tra l’unilaterale e il reciproco in fatto di cortesie. Il suo Menippo, quando viene salutato, si trova «nell’imbarazzo di sapere se deve restituire il saluto o no, e, mentre delibera, voi siete già al di fuori della sua portata». Ecco un tratto che appare molto invecchiato: capita mai di vedere oggi una persona qualsiasi, per quanto in alto si trovi, esitare nel restituire un colpo di cappello di fronte all’ultimo dei suoi concittadini?

8 Intendo i termini reversibile e irreversibile non nel senso che gli viene attribuito dalla lingua giuridica e dal dizionario, ma nell’accezione che gli viene data dai fisici, nel campo della termodinamica in particolare, in cui viene chiamata reversibile una macchina il cui gioco può avvenire indifferentemente in due sensi opposti.

9 [A. Cournot, Traité de l’enchaînement des idées fondamentales dans les sciences et dans l’histoire, Paris, Hachette, 1861].

10 Si veda la “Revue Scientifique”, 1° dicembre 1888, articolo di Giard [A. Giard, Histoire du transformisme, “Revue scientifique”, a. xxv (1er décembre 1888), t. xvi, n. 22, pp. 689-699].

11 Che cosa diventa in questo caso la famosa legge della differenziazione progressiva, considerata come una necessità dell’evoluzione universale?

12 Si veda Babeau, La ville sous l’Ancien régime [cit.].

13 Osserviamo che, attraverso una serie regolare e ininterrotta di trasformazioni, l’organizzazione ecclesiastica dell’Europa cristiana è passata dalla democrazia evangelica, egualitaria, all’aristocrazia dei primi vescovi, poi alla monarchia mitigata del vescovo di Roma, moderato dai concili, fino ad arrivare all’assolutismo del papa infallibile; che è precisamente l’opposto dell’evoluzione che ha avuto luogo nella società civile. Ma, in compenso, in entrambi i casi, ci si è evoluti dalla multiformità all’uniformità, dalla divisione alla centralizzazione.

14 Impero bizantino, termine della civiltà greco-romana; Impero cinese, termine della civiltà cinese; Impero mongolo, termine della civiltà indù; faraonismo, termine della civiltà egizia…

15 [C. Gide, A quoi servent les colonies, Paris, Delagrave, 1886] Gide fa esplicito riferimento alle «leggi dell’imitazione», perché è stato tra i primi ad accettare questo punto di vista, e nei suoi Principes d’économie politique [Paris, Larose et Forcel, 1884] dà un’ottima accoglienza alla nostra teoria del valore, che è un’applicazione di questo punto di vista generale, nella forma in cui è stata esposta da molto tempo in diversi articoli della “Revue philosophique”.

16 È un errore di alcuni storici quello di provare, o esibire, un disprezzo ingiustificabile per tutte le grandi somiglianze sociali, di tipo linguistico, religioso, politico, artistico ecc., che si sono realizzate evidentemente grazie all’imitazione di un modello prestigioso, che si tratti del prestigio di un conquistatore o semplicemente di uno straniero. Essi hanno l’abitudine di trattare sdegnosamente i grandi agglomerati di popoli, le grandi unità sociali rese possibili in questo modo, per esempio l’unità dell’Impero romano, e di dichiararle fittizie. Il che non impedisce loro di ammirare molto, forse troppo anche, altre somiglianze, altre unità, che essi ritengono naturali e spontanee, perché non vedono che anch’esse sono provocate dall’imitazione, imitazione inconscia e irriflessa in certi casi invece di un’imitazione consapevole e voluta, ma pur sempre imitazione. Il culto superstizioso dell’inconscio e l’ignoranza del ruolo capitale svolto dall’imitazione all’interno degli affari umani, nelle sue varie forme, visibili o soltanto abbozzate, genera anche nelle menti migliori queste frequenti contraddizioni.

Ed ecco un esempio, che attingo dalla profondissima Histoire des institutions politiques di Viollet (p. 256) [P. Viollet, Histoire des institutions politiques et administratives de la France, t. i: Période gauloise. Période gallo-romaine. Période franque, Paris, Larose et Forcel, 1890]. Questo storico, così distinto del resto, fa parte del gran numero di quelli che oppongono la vecchiaia dell’Impero romano alla giovinezza feconda ed estrosa della barbarie germanica. Egli considera artificiale la grande unità imperiale e, per contrasto, è portato a considerare naturale, nata da sé, ogni piccola unità prodottasi dalla divisione dell’Impero. A suo parere, questo spaventoso caos, dal vi al x secolo, interrotto soltanto dall’epoca di Carlo Magno, glorioso e consapevole imitatore dei Cesari, è una crisi generatrice; queste tenebre sono «un’aurora». Tutto gli appare allora degno di ammirazione, in primo luogo la divisione, che è pure una retrocessione evidente a non so quanti secoli addietro, e anche, il che mi sembra contraddittorio, la tendenza manifesta, ma impotente, a ricomporre l’unità distrutta, sotto forma di nazionalità nuovamente crescenti. «L’Occidente – dice – felicemente e definitivamente diviso, non avendo più nessun altro legame incontestato che una comunione di credenze religiose e filosofiche, tra altre istituzioni simili nate, per così dire, spontaneamente, da bisogni simili, stava per offrire lo spettacolo ammirevole di una diversità mille volte più ricca, più feconda e più armonica della più sapiente unità». Ora, non dimentichiamo che, senza la lunga durata dell’Impero, senza questa secolare propagazione di correnti imitative in fatto di lingua, di idee, di costumi, di istituzioni, la somiglianza dei bisogni non sarebbe affatto esistita tra tanti popoli originariamente diversi. E, quanto alla comunanza delle credenze religiose, e anche filosofiche, è chiaro che essa è stata provocata da queste conversioni multiple, da questi contagi imitativi delle anime e delle coscienze, che soltanto l’unità romana ha reso possibili. – Così, ciò che questo scrittore esalta come contrario alla fittizia unità imperiale, è imperiale d’origine. Sopprimetelo, e non rimarrà nient’altro che una divisione illimitata che ci riporta allo stato selvaggio.

Se ci si convincesse a fondo di questa verità di osservazione, cioè del fatto che l’uomo in società, a meno che non inventi, cosa assai rara, o a meno che non obbedisca a impulsi di origine puramente organica, fatto che diventa anch’esso sempre più raro, imita sempre agendo o pensando, sia che ne abbia sia che non ne abbia coscienza, sia che ceda a un impulso detto imitativo sia che compia una scelta ragionata e riflettuta tra i modelli che si offrono alla sua imitazione; se si sapesse tutto questo, e se si partisse da ciò, ci si guarderebbe bene dall’ammirare nei fatti sociali, con una superstizione infantile, le grandi correnti di imitazione inconscia e irriflessa, e si riconoscerebbe, al contrario, la superiorità degli atti imitativi volontari e ragionati.

Si vedrebbe anche quello che c’è di invincibile e di irresistibile, in virtù delle leggi dell’imitazione, nell’immensa spinta universale verso l’uniformità. Non contesto l’aspetto

17 pittoresco di questa «ricca diversità» che il periodo caotico dei Merovingi e dei Carolingi stava per manifestare nella belle époque feudale. Ma, a partire dai tempi moderni, non vediamo invece ricomporsi, e anche allargarsi, l’uniformità, e, insomma, il mondo civile attualmente non è in procinto di fondersi in uno stesso stampo? Al fondo di quale deserto africano, di quale borgata cinese, bisogna andare oggi per non vedere più gli stessi cappelli e gli stessi abiti, gli stessi sigari e gli stessi giornali?

Così, malgrado la frammentazione politica, che è rimasta, sebbene in misura minore, il livellamento sociale si è ricostituito. Non è dunque all’unità politica che bisogna imputarlo, nel caso dell’Impero romano, come alla sua sola o principale causa. La conquista romana ha favorito l’assimilazione sociale europea, l’ha accelerata, e, in questo, essa ha reso un grande servizio alla causa della civiltà; poiché la civiltà non è altro, precisamente, che questo lavoro di unificazione e di complicazione sociale, di reciproca imitazione armoniosa. Ma, anche senza la conquista di Roma, l’unità sociale dell’Europa sarebbe avvenuta ugualmente – solo che sarebbe avvenuta come quella dell’Asia o dell’Africa, cioè meno bene, molto meno tranquillamente, attraverso spaventosi massacri e, senza alcun dubbio, il progresso delle invenzioni e delle scoperte sarebbe arrivato meno in alto, proprio come in Asia e in Africa.

Perciò non confondiamoci a quelli che pensano che l’unità imperiale sia stata disastrosa anche per il ricordo che ha lasciato, e che ha allucinato il medioevo. «Questa idea funesta della monarchia universale è durata più di mille anni…». Funesta in che cosa? Non è abbastanza evidente che il poco di ordine e di armonia che restavano in questa anarchia di feudi battaglieri, polvere politica del blocco imperiale, gli veniva proprio dal sogno e dal ricordo dell’Impero, e che, senza il papa, imperatore spirituale, senza lo stesso Cesare tedesco, questa polvere probabilmente non sarebbe mai stata capace di riprendere vita e organizzazione?

L’inclinazione a imitare lo straniero oppure il vicino non aumenta in maniera direttamente proporzionale al moltiplicarsi delle relazioni. Senza dubbio, quando queste relazioni sono più o meno nulle, non conoscendolo, non si potrebbe manifestare la tendenza a imitarlo; ma, all’inverso, quando lo si conosce troppo bene per poter continuare ad ammirarlo o a invidiarlo, si smette di modellarsi su di lui. C’è dunque un punto, tra il difetto e l’eccesso di comunicazione, al quale si collega il più alto grado del bisogno di imitare gli altri. Come determinare questo punto? È difficile. Si può dire che sia il punto ottico in cui si è abbastanza vicini per avere tutta l’illusione del decoro e non abbastanza per vedere dietro le quinte.

Ciò che è essenziale notare, è la conseguenza di questo fatto: ne deriva che le comunicazioni tra i popoli e tra le classi, a forza di moltiplicarsi attraverso le ferrovie, i telegrafi e i telefoni, avranno l’effetto di ricondurli separatamente al gusto e al devoto mantenimento delle loro originalità caratteristiche, dei loro usi e costumi particolari… Forse che questo ritorno allo spirito nazionale, che si osserva anche oggi, non ha in parte (in piccola parte) questa causa, nello stesso momento in cui la sua causa principale è il militarismo?

© Rosenberg & Sellier, 2012

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search