Version classiqueVersion mobile

Le leggi dell’imitazione

 | 
Gabriel Tarde

Capitolo VI. Le influenze extralogiche

Texte intégral

1Dobbiamo adesso studiare le cause non logiche di favore o di sfavore rispetto ai diversi tipi di imitazioni in concorrenza tra loro, che ci forniscono la ragione del loro successo o del loro insuccesso.

2Prima di cominciare queste considerazioni, spendiamo tuttavia qualche parola a proposito di alcune modalità che possono riguardare un’imitazione qualunque, relative sia alla sua esattezza o inesattezza, sia al suo carattere cosciente o inconscio.

 

31. Innanzitutto, l’imitazione può essere precisa o imprecisa. Chiediamoci se, nel corso della civiltà, man mano che si moltiplicano e che si complicano gli atti o le idee da imitare, l’imitazione diventi più rigorosa o più confusa. Si potrebbe pensare che ogni nuovo livello di complicazione porti con sé un aumento di inesattezza. Eppure si osserva proprio il contrario. L’imitazione costituisce a tal punto l’anima elementare della vita sociale che, nell’uomo civilizzato, l’attitudine e l’abilità a imitare crescono ancor più velocemente del numero e della complessità delle invenzioni. Così essa stabilisce delle somiglianze sempre più perfette; in questo fatto, la sua analogia con la generazione e l’ondulazione continua. Le vibrazioni luminose, molto più numerose e delicate delle vibrazioni sonore, si trasmettono dalle stelle a noi con un meraviglioso rigore, che le vibrazioni sonore non posseggono. Le vibrazioni elettriche, non meno numerose e complesse, si propagano con un’incomparabile fedeltà, che sembrerebbe incredibile, se il telegrafo, il telefono e il fonografo non la testimoniassero con evidenza. Un rumore è costituito da una serie di onde molto poco simili tra loro, mentre un suono è costituito da una serie di onde molto simili; ciò non impedisce alle onde sonore, con i loro grovigli di armoniche, di essere più complesse delle onde rumorose. – È proprio vero che l’ereditarietà, quando deve riprodurre degli organismi superiori, costituiti dagli organi e dai caratteri più diversi, produce somiglianze meno esatte di quando deve riprodurre degli esseri inferiori? Niente affatto; il tipo di un felino o di un’orchidea viene conservato tanto fedelmente quanto quello di uno zoofita o di uno champignon. Non c’è bisogno di spingersi fino alle più piccole particolarità delle razze umane per osservare che, se viene dato loro il tempo di stabilizzarsi, si perpetuano ereditariamente con la maggior perfezione.

  • 1 Nulla eguaglia la stranezza di ogni tipo di culto, se non la sua persistenza. Ma si può dire altret (...)

4Considerata sotto tutti i punti di vista, la vita sociale, sviluppandosi, conduce inevitabilmente alla formazione di un’etichetta, cioè al più completo trionfo del conformismo sulla fantasia individuale. La lingua, la religione, la politica, la guerra, il diritto, l’architettura, la musica, la pittura, la poesia, l’educazione… danno luogo a un conformismo tanto più perfetto, a un’etichetta tanto più esigente e tirannica, quanto più a lungo sono continuate e si sono sviluppate pacificamente. L’ortografia o correzione purista, etichetta linguistica, e il rituale, etichetta religiosa, quando la lingua e la religione sono entrambe molto antiche e molto originali, sono più o meno equivalenti per rigore arbitrario1. Di secolo in secolo, fin dalla nascita, vediamo il cristianesimo mostrarsi sempre più esigente in fatto di regolarità, di uniformità, di ortodossia, sempre più complicate. Le lingue selvagge, secondo Sayce e Whitney, seppur molto povere, sono variabili al massimo grado, continuamente alterate e trasmesse in maniera infedele, mentre le lingue civili, che, al contrario, sono molto ricche, si mostrano stabili e uniformi. La procedura, etichetta giuridica, è anch’essa molto formale quando il diritto è molto antico, per quanto complicato possa essere diventato. Il cerimoniale, etichetta delle relazioni mondane, è meno rigoroso nelle nazioni in cui il mondo è più recente del diritto e della religione. Accade lo stesso, per una ragione opposta, nella società cinese. La prosodia, etichetta poetica, diventa sempre più dispotica man mano che si compongono un maggior numero di versi, e, cosa strana, con l’aumentare dell’immaginazione poetica. La pedanteria e la routine amministrativa, etichetta del governo, fanno progressi ogni giorno di più insieme al complicarsi dell’apparato. L’architettura esige dagli architetti una ripetizione sempre più servile dei suoi modelli consacrati e momentaneamente in auge; lo stesso avviene per la musica; la pittura esige anch’essa pittori che riproducano con un’esattezza sempre più fotografica i modelli esterni o tradizionali. – Sotto l’Ancien régime, l’uniforme militare era meno universale e meno rispettata che ai giorni nostri: e più si risale nel passato, più vediamo manifestarsi la varietà individuale dei costumi all’interno dei ranghi dell’esercito. A Firenze, nel medioevo, se si crede a Burckhardt, ognuno si vestiva secondo il suo bel piacere, come al ballo mascherato. Come ci si scandalizzerebbe oggi di una tale licenza!

  • 2 Ce ne sono di molto strani. Nel momento in cui si consuma il matrimonio dell’imperatore cinese, la (...)
  • 3 Tutto quello che c’è di vero nei capitoli di Spencer relativi a quello che egli chiama il governo c (...)

5Ma questo bisogno di conformismo è per l’uomo sociale così naturale che quando raggiunge un certo grado di forza diventa cosciente, e per soddisfarsi impiega mezzi violenti e sbrigativi. Tutte le antiche civiltà hanno avuto i loro maestri di cerimonia, funzionari di alto rango incaricati di perpetuare i riti tradizionali2. Non soltanto negli stati monarchici, in Egitto, in Cina, nell’Impero romano, nel Basso Impero, all’Escorial sotto Filippo II e i suoi successori, a Versailles sotto Luigi XIV, ma anche nelle repubbliche, a Roma, in cui il censore vigilava sulla stretta osservanza degli antichi costumi, nella stessa Atene, in cui la vita religiosa era assoggettata al formalismo più assoluto, troviamo queste specie di ciambellani con nomi diversi. Oggi ce ne lamentiamo, dimenticando che i nostri grandi sarti, i nostri grandi modisti, i nostri grandi industriali e anche i nostri giornalisti, si rapportano precisamente all’imitazione-moda nello stesso modo in cui i maestri di cerimonia civili o religiosi si rapportavano all’imitazioneconsuetudine, e sono in procinto di assumere l’importanza buffonesca di questi ultimi. Attraverso di loro, i nostri abiti, le nostre conversazioni, le nostre conoscenze, i nostri gusti e i nostri bisogni di tutti i tipi vengono ritagliati in un modulo uniforme dal quale appare sconveniente liberarsi, e la cui uniformità, da un capo all’altro di un continente, viene considerata come il segno più evidente della civiltà, più o meno come la perpetuità, attraverso i secoli, delle tradizioni, delle leggende, degli usi, veniva considerata un tempo, e con maggiore saggezza, come il fondamento della grandezza dei popoli3.

 

62. In secondo luogo, l’imitazione può essere cosciente o inconscia, ponderata o spontanea, volontaria o involontaria. Ma non attribuisco a questa suddivisione un’importanza capitale. È vero che, nella misura in cui un popolo si civilizza, il suo modo di imitare diventa sempre più volontario, cosciente, ponderato? Crederei piuttosto il contrario. Così come nell’individuo quella che è diventata un’abitudine inconscia ha iniziato con l’essere un atto voluto e cosciente, allo stesso modo, nella nazione, tutto ciò che si fa, tutto ciò che si dice per tradizione o per consuetudine ha cominciato con l’essere un’importazione difficile e discussa. Debbo aggiungere, è vero, che molte imitazioni sono inconsce e involontarie fin dall’inizio; come quella dell’accento, dei modi di fare, molto spesso delle idee e dei sentimenti caratteristici dell’ambiente in cui si vive, ed è chiaro anche che l’imitazione della volontà altrui, poiché non saprei definire altrimenti l’obbedienza spontanea, è necessariamente involontaria. Ma osserviamo che queste forme di imitazione involontarie e inconsce non diventano mai volontarie e coscienti, mentre le forme volontarie e coscienti tendono ad assumere i caratteri opposti. Distinguiamo inoltre tra la coscienza o la volontà di imitare qualcuno quando si pensa o si agisce in un certo modo, e la coscienza di concepire questo pensiero o la volontà di compiere questo atto. Intesa in quest’ultimo senso, la coscienza o la volontà è il fatto costante, universale, che il progresso della civiltà non aumenta né diminuisce. Nel primo senso, non c’è niente di più variabile, e la civiltà non sembra favorire la crescita di questo aspetto. Certamente il barbaro, agli occhi del quale l’antica consuetudine della sua tribù rappresenta la giustizia stessa, e la religione della sua tribù la verità in persona, non ha meno coscienza di imitare i suoi antenati e non vuole imitarli di meno praticando i loro riti giuridici o religiosi, di quanto l’operaio e anche il borghese moderno non sappia e non voglia imitare il suo vicino, il suo padrone, il suo giornalista, ripetendo ciò che ha letto nel suo giornale di fiducia o acquistando il mobile che ha visto nel salotto del suo padrone o del suo vicino. Ma, a dire il vero, in entrambi i casi, ci si ingannerebbe nel credere che si imita perché lo si è voluto. Poiché questa stessa volontà di imitare viene trasmessa per imitazione: prima di imitare l’atto dell’altro, si comincia con il provare il bisogno da cui nasce questo atto, e non lo si prova proprio nello stesso modo se non perché è stato suggerito.

  • 4 A dire il vero, questo corso dall’interno all’esterno, dalla cosa significata al segno, risponde a (...)

7Detto questo a proposito dei caratteri intrinseci delle imitazioni, occupiamoci adesso delle differenze che esse manifestano nel corso del loro sviluppo, che riguardano sia il loro oggetto (a seconda che esso sia, in particolare, un segno o una cosa significata, un modello esterno o un modello interno), sia le persone, le classi, e anche i luoghi da cui esse provengono, che sono ritenuti superiori o inferiori, sia i tempi, presente o passato, in cui esse sono sorte. In questo capitolo, mi propongo di dimostrare che, a ugual valore logico o teleologico per ipotesi: 1) l’interno dei modelli sarà imitato prima del loro esterno4, e 2) gli esempi delle persone o delle classi, e anche delle località, ritenuti superiori, prevarranno sugli esempi delle persone, classi, località inferiori. Nel capitolo seguente, mostrerò che questa presunzione di superiorità si applica: 3) tanto al presente quanto al passato, e costituisce una ragione efficace di favore, di portata storica considerevole, per gli esempi dei nostri padri o per quelli dei nostri contemporanei.

I. Imitazione dall’interno all’esterno

8Sarebbe giunto il momento, se non esitassi di fronte alle difficoltà di un lavoro di questo tipo, di dissodare un campo del tutto inesplorato, mettendo a confronto le diverse funzioni della vita organica o psicologica dal punto di vista della loro tendenza, più o meno esplicita nella media dei casi, a trasmettersi per imitazione. Questa trasmissibilità relativa è molto variabile da un’epoca all’altra e da una nazione all’altra. Essa diventerà misurabile con qualche precisione soltanto il giorno in cui la statistica avrà mantenuto tutte le sue promesse. Ci basterà dunque spendere soltanto qualche parola a questo proposito.

  • 5 Il più vivo piacere dei bambini è quello di riprodurre tutti i rumori che li colpiscono, ancor più (...)

9La sete non è forse più contagiosa per imitazione di quanto non lo sia la fame? Così mi sembra. In questo modo possono essere spiegati i progressi così rapidi dell’alcolismo; se la golosità ha progredito allo stesso modo, come si può vedere dall’alimentazione più abbondante e più varia del borghese, dell’operaio e del contadino, il suo sviluppo, a colpo sicuro, è stato più lento. Su un grande territorio troviamo diffuse le stesse bevande (qui il tè, là il vino, altrove la birra, il mate ecc.), mentre regna ancora la più grande diversità dei cibi locali. – La sete è più o meno contagiosa dei desideri sessuali? Lo è meno, credo. Il primo vizio che si sviluppa nei grandi assembramenti di uomini e di donne, nelle città in fase di popolamento, è la depravazione, anche prima dell’alcolismo. – Più facilmente comunicabili ancora sono i movimenti delle gambe, e soprattutto quelli degli arti superiori. L’allenamento alle marce collettive costituisce una delle grandi forze militari. La tendenza degli eserciti a marciare allo stesso passo e nella stessa maniera è innata prima di diventare obbligatoria. È stato provato, attraverso sofisticate misurazioni che, in una stessa città, tutti camminano mediamente alla stessa velocità. Quanto ai gesti e ai modi di fare, essi si trasmettono alle persone abituate a vivere insieme e servono a caratterizzarle ancor più rapidamente delle particolarità della locomozione. In parte per questa ragione, le convulsioni isteriche nelle nostre case di cura assumono facilmente il carattere di un’epidemia, come un tempo le possessioni diaboliche nei conventi. La funzione vocale è eminentemente imitativa, come del resto tutte le funzioni relazionali, ma soprattutto in ciò che essa ha di spirituale, la dizione e la pronuncia, e non il timbro vocale5. Anche l’accento si trasmette, ma lentamente e durante la giovinezza. Ogni città conserva il suo accento caratteristico, anche molto tempo dopo che ha cominciato ad alimentarsi e a vestirsi come tutte le altre. – Lo sbadiglio, intendo lo sbadiglio di noia, che ha un’origine mentale, si trasmette molto più contagiosamente dello starnuto o della tosse.

10Si trasmettono più facilmente per imitazione le funzioni dei sensi superiori di quelle dei sensi inferiori. Se vediamo qualcuno guardare o ascoltare, siamo molto più portati a imitarlo che se lo vedessimo annusare un fiore oppure gustare un cibo. Ecco perché nelle grandi città si forma così velocemente una piccola folla attorno a un curioso. Ci precipitiamo alla porta dei teatri in cui vediamo fare la fila, molto più che nei ristoranti in cui vediamo gli avventori mangiare con grande appetito.

  • 6 Almeno durante il periodo ascendente di un popolo. È riservato al suo declino vedere i giudizi deni (...)

11Tutte le passioni prevalgono in contagiosità imitativa sui semplici appetiti, e tutti i bisogni di lusso sui bisogni primitivi. Ma, tra le passioni, diremo che l’ammirazione, la fiducia, l’amore e la rassegnazione, sono superiori in questo al disprezzo, alla sfiducia, all’odio e all’invidia? Sì, in generale6. Se fosse altrimenti, la società non durerebbe. Certamente per la stessa ragione, e malgrado frequenti epidemie di panico, la speranza è più contagiosa del terrore. Anche la pigrizia lo è più dell’ambizione; l’avarizia, il gusto del risparmio, lo è più dell’avidità. E questo fatto è molto positivo per la pace sociale. Il coraggio lo è più della vigliaccheria? Questo è molto meno certo. – La curiosità merita qui un posto a parte, se non il posto d’onore. Tutte le masse umane che finiscono per compiere delle rivoluzioni, religiose, politiche, artistiche o industriali, all’inizio si costituiscono sotto l’influsso di questo sentimento. Quando vediamo una persona curiosa di una cosa qualsiasi, della quale prima non ci curavamo affatto, subito diventiamo desiderosi di conoscere questa cosa, e questo movimento si propaga molto rapidamente, e, col propagarsi, l’intensità di questo desiderio aumenta in ogni individuo per effetto dell’influenza reciproca. Ogni volta che una novità qualsiasi, in fatto di predicazione religiosa, di programma politico, di idee filosofiche, di prodotti industriali, di versi, di romanzi, di drammi o di opere, sorge in un luogo ben visibile, cioè in una capitale, è sufficiente che l’attenzione di dieci persone sia palesemente concentrata su questa cosa perché presto cento, mille, diecimila persone si interessino e si appassionino a essa. Talvolta il fenomeno assume i caratteri di una nevrosi. Nel xv secolo, quando il suonatore di cornamusa tedesco Hans Böhm cominciava a predicare il suo vangelo di uguaglianza fraterna e di comunione dei beni, ebbe luogo un esodo epidemico. «I compagni operai – riporta un cronista dell’epoca (citato da Jansenn) – abbandonavano frettolosamente le loro officine e le ragazze delle fattorie accorrevano tenendo ancora in mano le loro falci», e più di trentamila persone si ritrovavano nel giro di poche ore radunati in un deserto in cui non avevano nemmeno da mangiare. – La folla è irresistibilmente predisposta, una volta che è stata sovraeccitata [surexcitée] la curiosità generale, a lasciarsi conquistare dalle idee e dai desideri di tutti i tipi che il predicatore, l’oratore, il drammaturgo o il romanziere alla moda cercano di popolarizzare.

12Ribot fa osservare che la memoria dei sentimenti è molto più longeva di quella delle idee. Potremmo dire lo stesso a proposito dell’imitazione dei sentimenti rispetto all’imitazione (cioè alla propagazione) delle idee. Certamente i costumi, i sentimenti morali e le religioni, che consistono in condizionamenti reciproci di modi di essere emotivi, sono più tenaci delle opinioni e degli stessi princìpi.

13Ma basti soltanto accennare a un tipo di ragionamento che non intendo approfondire ulteriormente. Arriviamo a un’idea di una portata più generale.

  • 7 Inoltre, il comando era originariamente un esempio dato, e si possono seguire le gradazioni di ques (...)

14Tutte le imitazioni che non hanno a che fare con la logica rientrano in queste due grandi categorie: credulità e docilità, imitazione delle credenze e imitazione dei desideri. Può sembrar strano sentir chiamare imitazione l’adesione tutta passiva a un’idea altrui; ma se, come sto dicendo, il carattere passivo o attivo del riflesso di un cervello su un altro conta assai poco, l’estensione che attribuisco al senso usuale di questo vocabolo mi sembra molto legittima. Se diciamo che lo scolaro imita il suo maestro quando ripete le sue parole, perché non potremmo dire che l’ha imitato fin dal momento in cui ha adottato mentalmente l’idea espressa in seguito verbalmente? Si potrebbe anche essere sorpresi del fatto che io consideri l’obbedienza come una specie di imitazione, ma questa assimilazione, che sarebbe facile giustificare ugualmente, è necessaria, e da sola permette di riconoscere al fenomeno dell’imitazione la profondità che gli compete. Quando una persona ne copia un’altra, quando una classe comincia a vestirsi, ad ammobiliare la propria casa, a distrarsi, prendendo a modello i vestiti, i mobili, i divertimenti di un’altra classe, è perché ha già attinto da essa i sentimenti e i bisogni di cui questi modi di agire sono soltanto la manifestazione esteriore. Di conseguenza, essa aveva potuto e dovuto attingerle anche le sue volizioni, cioè volere conformemente alla sua volontà7.

  • 8 Dev’essere così, osserviamolo, se vogliamo che l’azione a distanza da un cervello all’altro, che ch (...)

15Potremmo mai negare che il volere sia, insieme all’emozione e alla fiducia, il più contagioso degli stati psicologici? Un uomo energico e autoritario esercita sulle nature più deboli un potere irresistibile; gli offre ciò che loro manca, una direzione. Obbedirgli non è un dovere, ma un bisogno. È da qui che comincia ogni legame sociale. L’obbedienza, insomma, è sorella della fede. I popoli obbediscono per la stessa ragione per la quale credono; e, così come la loro fede non è altro che il prodotto dell’irradiamento di quella di un apostolo, la loro attività non è altro che la propagazione della volontà di un capo [maître]. Ciò che il capo vuole o ha voluto, essi lo vogliono; ciò che l’apostolo crede o ha creduto, essi lo credono; ed ecco perché, in seguito, ciò che il capo o l’apostolo fa o dice, essi lo fanno o lo dicono a loro volta, oppure manifestano una tendenza a farlo o a dirlo. Le persone o le classi che siamo maggiormente portati a imitare sono, in effetti, quelle a cui obbediamo più docilmente. Le masse hanno sempre posseduto un’inclinazione naturale a copiare i re, la corte, le classi superiori, nella misura in cui hanno accettato la loro dominazione. Negli anni che hanno preceduto la Rivoluzione francese, Parigi non copiava più le mode della corte, non applaudiva più le pièces teatrali che piacevano a Versailles; ciò è accaduto perché lo spirito di insubordinazione aveva già fatto rapidi progressi. In ogni tempo, le classi dominanti sono state o hanno cominciato con l’essere le classi modello. Vediamo chiaramente manifestarsi all’interno della culla della società, la famiglia, questo intimo legame tra l’imitazione propriamente detta, l’obbedienza e la credulità. Il padre, soprattutto all’inizio, è visto dal figlio come l’oracolo infallibile e il sovrano assoluto; per questa ragione, egli è il suo modello supremo8.

  • 9 «In tema di abbigliamento – dice Bodin – si considererà sempre sciocco e goffo chi non si conforma (...)

16L’imitazione, dunque, procede dall’interno all’esterno dell’uomo, contrariamente a ciò che alcune apparenze potrebbero lasciar credere. A prima vista sembra che un popolo o una classe che ne imita un’altra cominci con il copiare il suo lusso e le sue belle arti, prima di conformarsi ai suoi gusti e alla sua letteratura, alle sue idee e ai suoi disegni, in una parola al suo spirito; ma, in realtà, accade proprio il contrario. Nel xvi secolo le mode giungevano in Francia dalla Spagna9. Questo perché la letteratura spagnola si era già imposta insieme alla potenza spagnola. Nel xvii secolo, quando si è affermata la supremazia francese, la letteratura francese ha regnato sull’Europa e, al suo seguito, le arti francesi, le mode francesi, hanno fatto il giro del mondo. Se, nel xv secolo, l’Italia, quantunque sconfitta e indebolita, ci invadeva con le sue mode e con le sue arti, ma prima di tutto con la sua meravigliosa poesia, ciò accadeva perché il prestigio della sua civiltà superiore, e dell’Impero romano che riesumava trasfigurandolo, riusciva a soggiogare i suoi stessi vincitori, le cui coscienze si erano del resto già italianizzate da molto tempo, e molto prima la stessa cosa era accaduta per le abitazioni, per i vestiti e per i mobili, con l’abitudine alla sottomissione al papa d’oltralpe.

17Questi stessi Italiani, che si mettono a imitare l’antichità greco-romana da essi restaurata, hanno forse iniziato con il copiarne le apparenze, nelle statue, negli affreschi, nei periodi ciceroniani, fino ad arrivare per gradi a immedesimarsi nella sua anima? Niente affatto. Il loro affascinante modello li ha colpiti prima di tutto al cuore. Questo neopaganesimo ha rappresentato la conversione di un popolo inizialmente di letterati, poi di artisti (questo ordine è irreversibile), a una religione morta; e, morta o viva, non importa, quando una nuova religione, prescritta da un apostolo incantatore, si impadronisce di un uomo, essa non comincia con l’essere praticata, ma con l’essere creduta. Non comincia con delle pagliacciate che conducono gradualmente alle virtù e alle convinzioni volute: al contrario, è soprattutto sui neofiti che lo spirito di una religione agisce indipendentemente dalle sue forme esteriori, e il formalismo del culto diventa vuoto e insignificante soltanto molto più tardi, quando la religione si è ritirata dai cuori, anche se sopravvive negli usi. Così, il neofita del primo Rinascimento persevera ancora nelle sue abitudini di vita cristiana e feudale, ma è già pagano nella fede, come è testimoniato dalla sua esuberanza sensuale e dalla sua passione dominante per la gloria; e diventerà pagano prima nei costumi, poi nei modi di fare, soltanto in seguito. – È accaduto lo stesso, risalendo più indietro nel tempo, per i barbari del v o vi secolo, per un Clodoveo per esempio, o per un Childerico, che si sforzavano di piegarsi agli usi romani e si fregiavano delle insegne consolari. Prima di romanizzarsi in questo modo, goffamente e superficialmente, essi avevano subìto una romanizzazione molto più profonda, cristianizzandosi; perché, in quell’epoca, la civiltà romana dalla quale erano affascinati sopravviveva soltanto grazie alla religione cristiana.

18Due popoli che praticano religioni diverse entrano in contatto: pagani e cristiani, cristiani e musulmani, buddisti e seguaci di Confucio… Ciascuno di essi, per celebrare i propri dogmi, attinge dall’altro nuovi riti e, allo stesso tempo, praticando in tutto e per tutto i suoi riti più antichi, accoglie nuovi dogmi più o meno contraddittori rispetto ai primi. Ora, la propagazione dei riti procede più o meno velocemente rispetto a quella dei dogmi? Meno velocemente e, di qui, insomma, la persistenza di riti antichi all’interno di religioni nuove. – Ugualmente, due popoli si prendono a prestito a vicenda le loro lingue e le loro idee, ma le loro idee più velocemente delle loro lingue: oppure le loro procedure e le loro cerimonie insieme ai loro princìpi giuridici, ma questi ultimi più rapidamente delle prime. Di qui, la persistenza delle stesse forme giuridiche anche molto tempo dopo il rinnovamento del diritto, a Roma, in Inghilterra, in Francia, dappertutto.

19Questo è il corso [marche] dell’imitazione da un popolo all’altro; e anche da una classe all’altra all’interno di uno stesso popolo. Si è mai vista una classe che entrando in contatto con un’altra classe di cui non abbia mai, per ipotesi, subìto la dominazione, si accorga di attingere a essa il suo accento, i suoi vestiti, i suoi mobili, le sue costruzioni, finendo con l’accogliere le sue credenze e i suoi princìpi? Sarebbe il rovesciamento dell’ordine universale e necessario. In effetti, la prova più forte che l’imitazione procede dall’interno all’esterno è che, nei rapporti tra le diverse classi, l’invidia non precede mai l’obbedienza e la fiducia, ma, al contrario, è sempre il segno e la conseguenza di un’obbedienza e di una fiducia anteriori. La devozione docile e cieca ai patrizi romani, agli eupatridi ateniesi, ai nobili francesi dell’Ancien régime, ha preceduto l’invidia che essi hanno ispirato, cioè il desiderio di imitazione esterna. L’invidia è il sintomo di una trasformazione sociale che, avvicinando le classi, diminuendo la disuguaglianza tra le loro risorse, ha reso possibile, non soltanto, come in precedenza, la trasmissione dei disegni e dei pensieri dall’una all’altra, la loro comunione patriottica o religiosa, la loro partecipazione allo stesso culto, ma anche la diffusione del lusso e del benessere. L’obbedienza genera l’invidia come la causa l’effetto. È per questo motivo che, per esempio, quando l’antica plebe o la borghesia guelfa nelle città italiane del medioevo giunge al potere, il modo in cui essa ne fa uso attesta e prolunga la sua precedente sottomissione, poiché le sue leggi oppressive contro le aristocrazie sono suggerite dal bisogno di copiare i suoi antichi maestri.

  • 10 A partire da un certo punto, le disuguaglianze sociali sono tanto più faticose da sopportare da par (...)

20Si osserverà che l’obbedienza e la fiducia, imitazione interna di un individuo che viene riconosciuto superiore, sono generate da un’ammirazione devota e, per così dire, amorosa, così come l’imitazione esterna del superiore che viene contestato o negato deriva da un’invidiosa denigrazione; ed è chiaro che le popolazioni passano dall’amore all’invidia dissimulata, oppure dall’ammirazione al disprezzo manifesto, nei confronti dei loro vecchi maestri, ma non ripassano mai, almeno rispetto a loro, dall’invidia all’amore, dal disprezzo all’ammirazione. Per soddisfare il loro costante bisogno di ammirare e di amare, esse devono crearsi di tanto in tanto nuovi idoli, salvo poi distruggerli a suo tempo10.

21Si dice, molto erroneamente, che soltanto il timore li piega. Niente affatto, tutto induce a credere che vi siano stati dispendi inauditi di amore, e di amore non corrisposto, all’origine di tutte le grandi civiltà, o, per meglio dire, di tutte le istituzioni religiose o politiche, anche in epoca moderna. Con questo fatto si spiega tutto; senza di esso non si spiega nulla. Il re-dio, descritto così fortemente da Spencer, sarebbe stato ucciso fin dal suo avvento se fosse stato soltanto odiato; ma egli è amato. E, per risalire alla culla delle società, crediamo forse che l’antico patriarca, il primo dei re-dèi, abbia dovuto la sua autorità assoluta sui suoi figli e sui suoi schiavi esclusivamente al loro terrore? I suoi figli, se non i suoi schiavi, l’amavano, a colpo sicuro, e senza dubbio molto più di quanto non li amasse lui stesso; poiché sembra che anche in questo caso, come in tutti gli altri, il legame unilaterale abbia dovuto precedere il legame reciproco. I documenti antichi fanno pensare che i padri di una volta fossero lontani dall’eguagliare in tenerezza paterna i padri di oggi. Non parlo delle madri, il cui affetto è molto più vitale che sociale nelle sue cause, e deve proprio a questo carattere la sua profondità e la sua relativa immutabilità. Lo stesso amore filiale, dunque, inizialmente doveva essere in parte un amore non ricambiato, molto poco reciproco. Ci si può immaginare il capofamiglia delle epoche primitive, re, giudice, prete, unico istitutore, come un Luigi XIV in miniatura, che non ammette su di sé alcun diritto da parte dei suoi sudditi, e si offre egoisticamente alla loro adorazione, anche se si fa un dovere di proteggerli in vista della propria glorificazione, di cui, del resto, essi gli erano riconoscenti come a un benefattore. Di qui la sua apoteosi, necessaria al culto del focolare e alla perpetuazione della famiglia, fondamento della città e della civiltà.

22Fino a che punto egli sia creduto e obbedito, la Bibbia e tutte le più antiche legislazioni possono fornircene la prova. Quasi senza proferir parola, il suo pensiero viene immaginato, la sua volontà voluta; ed è per questo motivo che i suoi figli manifestano un’inclinazione così viva a seguire in tutto e per tutto il suo esempio, a riprodurre il suo accento, il suo linguaggio, i suoi gesti, le sue maniere. Essi sono stati indotti a crederlo e a obbedirgli, non tanto per averlo imitato sterilmente dall’esterno – in questo modo la formazione del legame sociale sarebbe stata impossibile – quanto per averlo compreso con la docilità e con la fede. – Ma andiamo ancora più indietro, a quell’alba della preistoria in cui l’arte della parola era sconosciuta. In che modo avveniva allora il trasferimento da un cervello all’altro del loro contenuto interno, delle loro idee e dei loro desideri? Avveniva, in effetti, se facciamo riferimento a ciò che accade all’interno delle società animali, i cui membri sembrano comprendersi quasi senza segni, in virtù di una specie di elettrizzazione psicologica per influenza. Dobbiamo quindi ammettere che, fin da allora, e forse con una notevole intensità, poi diminuita, si esercitava un’azione intercerebrale a distanza, di cui la suggestione ipnotica può darci vagamente l’idea, tanto quanto un fenomeno morboso può assomigliare a un fatto normale. Questa azione costituisce il problema elementare e fondamentale che la psicologia sociologica (che comincia là dove la psicologia fisiologica finisce) deve sforzarsi di risolvere.

23L’invenzione del linguaggio ha stranamente facilitato, ma non certo creato per la prima volta, il trasferimento delle idee e delle volontà da una mente all’altra e, di conseguenza, il corso dell’imitazione ab interioribus ad exteriora; poiché, senza questo corso preesistente, la creazione del linguaggio sarebbe stata impossibile da concepire. Il difficile non sta nel comprendere il fatto che un uomo, il primo inventore della parola, si sia reso conto di associare nella propria mente un pensiero a un suono (completato da un gesto); ma nel comprendere il fatto che egli abbia potuto suggerire questo legame agli altri soltanto facendogli udire questo suono. Se questo ascoltatore si fosse limitato a ripetere il suono in questione, come un pappagallo, senza attribuirgli il senso voluto, non si capisce come questa eco superficiale e meccanica avrebbe potuto condurlo alla comprensione del significato attribuito a esso da un estraneo, e farlo così passare dal suono alla parola. Occorre dunque ammettere che il senso gli è stato trasmesso insieme al suono, che, in questo modo, ha riflettuto il senso. Certamente l’ammissione di questo postulato non deve costare granché a chi conosce le grandi imprese ipnotiche, i miracoli di suggestione, tanto volgarizzati negli ultimi tempi.

24Del resto, l’osservazione dei bambini che hanno appena cominciato a parlare, tra i due e i tre anni, conferisce molta forza a questa ipotesi. Ci si accorge facilmente che essi comprendono ciò che gli si dice molto tempo prima che siano in grado di dire le stesse cose. Come potrebbe accadere tutto questo se, in loro, l’imitazione delle persone adulte non avesse luogo ab interioribus ad exteriora? Ora, ammesso questo punto, la creazione del linguaggio, che è sembrata così meravigliosa, non presenta più nessuna difficoltà. La parola non era affatto, all’inizio della storia, quello che è diventata ai giorni nostri, cioè uno scambio di indicazioni e di avvisi reciproci. In virtù di questa legge che abbiamo spesso formulato, secondo la quale l’unilaterale, in tutto e per tutto, precede il reciproco, la parola ha dovuto essere all’inizio soltanto un’indicazione e un comando del padre rivolto ai figli, senza reciprocità; una preghiera rivolta a un dio senza risposta; cioè una specie di funzione sacerdotale e monarchica, eminentemente autoritaria, accompagnata da un’allucinazione o da un’azione suggerita, un sacramento, un augusto monopolio. Soltanto il capo aveva il diritto di parlare, o «di alzare la voce» all’interno del suo dominio, come il professore oggi nella sua scuola. Soltanto un’élite, d’altronde, sapeva parlare, oggetto prima di ammirazione e poi di invidia.

25Più tardi, il diritto di scrivere è stato monopolizzato dalle classi superiori nello stesso modo; da qui, questo carattere prestigioso che la scrittura, dopo le Sacre Scritture, custodiva ancora fino a poco tempo fa agli occhi degli analfabeti. Se la parola ha perso completamente questo prestigio, è senza dubbio perché è molto più antica. Ma essa un tempo lo ha posseduto, come prova, in particolare, la virtù specifica attribuita alle espressioni dette sacramentali nelle antiche procedure giuridiche, come anche la forza magica attribuita nei Veda alla Preghiera divinizzata dagli ariani, come lo è il Verbo, il Logos, dai Bizantini e dai cristiani. – In un altro capitolo mostreremo che i bisogni di consumo, in ogni ordine di fatti, hanno preceduto i bisogni di produzione, e che questo importante fenomeno si ricollega al corso dell’imitazione dall’interno all’esterno; se questo è vero, il bisogno di ascoltare ha dovuto necessariamente precedere il bisogno di parlare.

26L’azione a distanza di un cervello dominante sui cervelli dominati, una volta che è stata facilitata e regolarizzata dall’abitudine alle comunicazioni verbali, acquista una forza irresistibile. Ci si può fare un’idea di ciò che dev’essere stato in origine il linguaggio come strumento di governo, osservando il potere esercitato ai giorni nostri dalla sua forma più recente, la stampa periodica, benché si sia parzialmente neutralizzata diffondendosi e combattendosi da sola. È grazie alla parola che l’imitazione, nel mondo umano, ha accentuato questo suo carattere peculiare dell’applicarsi innanzitutto a ciò che vi è di più interno nel suo modello vivente, e di riprodurre questo aspetto nascosto, rappresentazioni e disegni, con una precisione incredibile, prima di coglierne e di rifletterne, con minor esattezza, gli aspetti esterni, attitudini, gesti, movimenti. Nelle tribù animali accade esattamente il contrario, perché l’imitazione può esercitarsi soltanto in maniera vaga sulla riproduzione dei canti, dei gridi, degli atti muscolari, e perché la trasmissione dei fenomeni nervosi, delle idee e delle volontà, è sempre imprecisa, il che condanna queste società a rimanere bloccate su se stesse. Infatti, un’idea di genio, per ipotesi, potrebbe anche apparire nel cervello di un bisonte o di un corvo, ma morirebbe con lui e andrebbe necessariamente perduta per la comunità. Negli animali è prima di tutto il muscolo a imitare il muscolo; negli umani invece è prima di tutto il nervo a imitare il nervo, il cervello a imitare il cervello. Ecco la differenza più rilevante, che rende conto della superiorità delle nostre società. Nessuna buona idea va perduta, e ogni ingegno superiore sopravvive nella posterità, che innalza alla sua altezza. Queste buone idee hanno potuto anche non essere per molto tempo nient’altro che visioni folli o capricci dispotici; non importa, esse hanno almeno prodotto, comunicandosi dal capo alle moltitudini, questo bene immenso e fondamentale, l’unanimità, religiosa o politica, che da sola ha reso possibile l’azione collettiva, disciplinata, militare; come, più tardi, quando si saranno fatte luce le idee vere e le direzioni utili, l’unione spirituale generale in una stessa scienza e in una stessa morale da sola renderà possibile un grande sviluppo artistico e industriale.

27Osserviamo, a proposito delle arti, che la loro evoluzione non procede affatto dalle più esterne alle più interne, dall’architettura, attraverso la scultura e il disegno, fino alla musica e alla poesia, come pretende Spencer. Ma, al contrario, esse cominciano sempre attraverso un libro, un’epopea, un’opera poetica qualsiasi, dotata di una notevole perfezione relativa, come l’Iliade, la Bibbia, Dante ecc., insomma, da un’alta fonte iniziale dalla quale conseguono tutte le belle arti.

  • 11 Non voglio negare che, talvolta, l’esterno del modello venga imitato escludendo il suo interno. Ma (...)

28Questo corso dall’interno all’esterno, se cerchiamo di definirlo con più precisione, significa due cose: 1) che l’imitazione delle idee precede quella della loro espressione; 2) che l’imitazione dei fini precede quella dei mezzi. L’interno [dedans] è costituito dai fini o dalle idee; l’esterno [dehors], dai mezzi o dalle espressioni. – Senza dubbio, siamo portati a copiare dagli altri tutto quello che ci appare come un nuovo mezzo adatto a conseguire le nostre finalità consolidate, a soddisfare i nostri bisogni consolidati, oppure come un nuovo modo per esprimere le nostre idee consolidate; e iniziamo a farlo nello stesso momento in cui cominciamo ad accogliere delle innovazioni che suscitano in noi nuove idee, nuove finalità. Soltanto che queste nuove finalità, questi bisogni di nuovi consumi, entrano in noi molto più facilmente e si propagano molto più rapidamente di queste espressioni e di questi mezzi11. Una nazione che si sta civilizzando, e i cui bisogni tendono a moltiplicarsi, consuma molte più cose di quante non possa e non voglia produrre. – Dal punto di vista estetico, ciò significa che la diffusione dei sentimenti precede quella dei talenti. I sentimenti sono le abitudini del giudizio e del desiderio che, a forza di ripetersi, diventano automatiche e quasi inconsce. I talenti sono le abitudini agli atti che, a forza di ripetersi, hanno acquisito anch’esse una facilità macchinale. Sentimenti e talenti costituiscono dunque entrambi delle abitudini, e tra loro l’unica differenza è quella tra l’interno e l’esterno, dal fatto interno al fatto esterno. Ora, non è forse vero che i sentimenti estetici si formano e si diffondono molto tempo prima dei talenti in grado di soddisfarli? E non possiamo averne la prova da questa semplice osservazione, dal fatto che il virtuosismo dei periodi di decadenza sopravvive all’esaurimento dell’ispirazione?

29Un’arte non si fa la sua religione; uno stile non si fa il suo pensiero; ma una religione, alla lunga, si fa la sua arte, che la esprime e la illustra, e un pensiero si fa il suo stile. Sarebbe mai possibile immaginare la pittura di Cimabue e di Giotto anticipare la diffusione della fede cristiana? – In base alla nostra legge si spiega molto bene perché la fusione delle credenze, sempre e dappertutto, sia avvenuta molto tempo prima della fusione dei costumi e delle arti, e perché, di conseguenza, anche nelle età caratterizzate da piccoli stati contrapposti e ostili, una religione comune abbia potuto diffondersi su un vasto territorio. È noto che gli oracoli e i giochi, soprattutto l’oracolo di Delfi e i giochi di Olimpia, hanno plasmato fin dall’inizio e rafforzato incessantemente il sentimento della nazionalità ellenica, malgrado il frazionamento dei piccoli stati greci. Ma, molto tempo prima che i giochi diventassero un centro comune, un’occasione per incontrarsi e per imitarsi reciprocamente dal punto di vista della vita esteriore, l’autorità degli stessi oracoli veniva riconosciuta da tutti. La loro origine si perde in un’antichità favolosa. – Nel medioevo, ugualmente, una stessa fede governava l’Europa molti secoli prima che le grandi monarchie, con le loro corti brillanti e i loro scambi di lusso contagioso, avessero cominciato a uniformare l’aspetto esteriore dei popoli. Non esiste esempio contrario.

30Sappiamo che i cambiamenti legislativi e giuridici seguono a grande distanza, senza mai precederli, almeno se nascono vitali, i cambiamenti intellettuali o economici a cui corrispondono. La nostra tesi vuole così. Essa vuole anche, come corollario, che le leggi, impalcatura esterna delle società, sopravvivano per molto tempo alla loro ragion d’essere interna, ai bisogni e alle idee di cui sono l’espressione. Venute dopo, o sviluppandosi meno velocemente, esse debbono o possono continuare anche in seguito. – Lo stesso accade per i costumi di tutti i tipi, come dimostra l’osservazione; e soltanto questo fenomeno generale permette di comprendere il caso particolare di cui si è appena discusso. Le sopravvivenze [survivances] consuetudinarie, per impiegare l’eccellente termine di Lubbock, sono state messe in luce così bene che è inutile citarne i numerosi esempi. Ricordiamo tuttavia che, abolito e dimenticato il matriarcato, abbiamo visto il suo simulacro perpetuarsi nell’accubito [couvade], maternità fittizia ad uso del padre, e che, caduto in desuetudine il ratto delle donne, le cerimonie matrimoniali ne hanno conservato la finzione. Fino al matrimonio di Luigi XVI è esistito in Francia, almeno in alcune province, l’uso di pagare tredici denari al momento della conclusione di un matrimonio, che costituisce un retaggio del tempo in cui il marito acquistava la propria donna. Abbiamo visto sètte che respingevano il dogma dell’eucarestia, simulare la comunione, e liberi pensatori che si opponevano al battesimo dei loro figli, festeggiare il loro quasi-battesimo civico. Del resto, qual è la religione vivente che non abbia attinto i suoi riti, le sue processioni, gli scenari del suo culto, da qualche religione morta? La conservazione di una radice linguistica il cui senso è cambiato, non è forse anch’essa una sopravvivenza dello stesso tipo, complicata, come nel caso precedente, dall’introduzione di un nuovo senso che adatta un vecchio organo a una funzione più giovane? Ho appena parlato delle sopravvivenze giuridiche; i nostri codici ne sono pieni. Senza il diritto feudale, benché sia morto da secoli, sfido un giurista a spiegare la famosa distinzione del diritto possessorio e del petitorio, incubo dei nostri giudici di pace. Nella sfera della poesia e dell’arte, infine, non c’è niente di più abituale del vedere le spoglie di una scuola la cui anima si è estinta transitare a nuovi ingegni.

31Che cosa prova tutto questo? Innanzitutto, la tenacia, la forza dell’inclinazione che porta l’uomo a imitare il passato. Ma, inoltre, in queste simulazioni estetiche, rituali o puramente di routine, di credenze e di bisogni scomparsi, vediamo l’aspetto esteriore dell’imitazione sopravvivere al suo aspetto interno, il che è naturale se i suoi aspetti interni sono più antichi o si sono evoluti più rapidamente dei suoi aspetti esterni.

32Le sopravvivenze di cui si tratta ci forniscono quindi la controprova della nostra legge. Non se ne potrà più dubitare se si presta attenzione all’osservazione seguente. Diffondendosi, i titoli onorifici (seigneur diventato sieur), le forme di saluto (inginocchiamento feudale diventato una leggera inclinazione della parte alta della testa), i complimenti, i modi di fare, si abbreviano, si attenuano e si semplificano. Spencer lo ha dimostrato magistralmente. Questo fatto richiede di essere confrontato a fatti simili. Una parola, a forza di venire utilizzata e di volgarizzarsi, si contrae, si attutisce, si leviga come un sasso a forza di rotolare; una credenza religiosa perde la sua intensità, un’arte si degrada ecc. Da tutto ciò sembra derivare che l’imitazione conduce al necessario indebolimento della cosa imitata; da questo fatto consegue la necessità di nuove invenzioni, di nuove fonti di imitazione ancora fresche, così da rinvigorire per tempo l’energia sociale che si sta estinguendo. E, in questo, c’è molto di vero, come vedremo più avanti. – Ma accade sempre così? No, queste somiglianze hanno luogo soltanto tra i periodi finali delle diverse evoluzioni che abbiamo messo a confronto. Prima di contrarsi, una parola ha dovuto formarsi, alimentarsi, crescere, attraverso una serie di imitazioni ascendenti e non ancora discendenti. Prima di attenuarsi, un’etichetta ha dovuto stabilirsi, rafforzandosi sempre di più a ogni imitazione di cui è stata l’oggetto. Un dogma, un rito, prima di declinare, ha dovuto imporsi e crescere durante tutta la giovinezza della religione alla quale appartiene.

  • 12 «Il cerimoniale è il grande museo della storia», dice molto giustamente Paul Viollet. Se è vero, e (...)

33Da dove proviene questo contrasto? Non proviene forse dal fatto che, nel primo periodo, l’imitazione era soprattutto interna, concentrata sulle credenze o sui desideri da propagare (di cui le forme esteriori non erano altro che l’espressione, l’aspetto secondario), credenze e desideri rafforzati gradualmente dalla loro stessa propagazione e dalla loro influenza reciproca, in virtù della loro legge di sviluppo; mentre, nel secondo periodo, le forme esterne hanno continuato a diffondersi malgrado il prosciugamento graduale della loro fonte interna e, di conseguenza, hanno dovuto indebolirsi? Così, il fenomeno può essere spiegato grazie al fatto che l’imitazione ha proceduto dall’interno all’esterno, dalla cosa significata al segno. – Ora, per quale motivo arriva un momento in cui non viene più riprodotto l’aspetto interno del modello, cioè la fede o il desiderio contenuti nella parola o nell’atto in questione, ma soltanto l’aspetto esterno? Ciò accade perché un’altra fede o un altro desiderio, in tutto o in parte inconciliabili con la prima credenza e il primo desiderio, riesce a diffondersi negli stessi ambienti in cui questi ultimi si erano diffusi. Allora il modello viene colpito al cuore, anche se continua a sopravvivere soltanto nel suo aspetto esteriore, ripetendosi e declinando sempre di più, fino al momento in cui viene rivitalizzato da una nuova anima12. Sappiamo, dagli scritti di Tertulliano e dalle scoperte archeologiche, che i primi cristiani e le prime cristiane, malgrado il fervore della loro fede e la sincerità della loro intima conversione continuavano apparentemente a vivere, ad abbigliarsi, a pettinarsi, e anche a divertirsi, come i pagani, qualunque fosse l’indecenza anticristiana dei vestiti e dei divertimenti di cui si tratta.

34Non potrei concludere questa esposizione relativa all’imitazione ab interioribus ad exteriora senza far brevemente osservare al lettore l’analogia che, anche da questo punto di vista, come da tanti altri, l’imitazione manifesta rispetto alle altre forme della Ripetizione.

35È chiaro, in conseguenza dell’impenetrabilità che caratterizza lo studio della vita, che tutti i suoi sviluppi, dalla fecondazione fino alla morte, procedono da non so quale azione tutta interiore, assolutamente sottratta ai nostri occhi, di una fede vitale, per così dire, o di un’ispirazione vitale infusa al germe dai suoi progenitori, e che precede tutte le sue manifestazioni. L’evoluzione dell’individuo è la progressiva manifestazione di un potenziale [élicitation]. Al momento della fecondazione, i genitori si sono ripetuti nel figlio in ciò che hanno di più interno dal punto di vista vitale, prima di potersi ripetere, grazie a questa trasmissione, nei loro caratteri più visibili ed esterni, dato che il germe fecondato racchiude in potenza tutta la sua crescita futura; parimenti, al momento della conversione di un catecumeno, un apostolo si ripete in lui nel suo aspetto socialmente più profondo, che presto diventerà fonte di preghiere e di pratiche religiose in cui le sue verranno riprodotte non meno fedelmente. – L’analogia con i fenomeni fisici dello stesso ordine è più congetturale. Conosciamo tuttavia l’inutilità degli sforzi fatti per comprendere, per esempio, la trasmissione, la ripetizione dei movimenti, sia attraverso il contatto che a distanza, a meno che non si supponga la comunicazione preliminare di una forza, di una tendenza nascosta; e anche i tentativi fatti per spiegare le combinazioni e le formazioni chimiche per mezzo di raggruppamenti di atomi vuoti al loro centro, sprovvisti di interno, non sono stati più fortunati. – Concludiamo che, nel mondo naturale e anche in quello sociale, la Ripetizione, cioè l’Azione, procede, non lo dirò mai abbastanza, ab interioribus ad exteriora.

36Tra le altre obbiezioni che potrebbero essere mosse a questa tesi, le si opporrà forse la rapidità delle donne nell’adottare gli stili stranieri importati dalla moda, anche molto più velocemente delle idee straniere? Ma in questo caso l’interno, la cosa significata, è: o l’affermazione vanitosa di sé – quando la donna, per innalzarsi di una tacca, imita lo stile di una classe superiore il cui orgoglio, i cui vizi e le cui pretese hanno cominciato ad affascinarla – oppure il desiderio sessuale di piacere, quando imita le sue simili, le sue uguali, perché si è lasciata convincere, spesso a torto, che l’adozione di nuovi tipi di pettinatura o di abbigliamento la renderà più bella. – Del resto, l’esempio della donna è adatto a illustrare non soltanto la legge di cui stiamo parlando, ma anche quella della propagazione imitativa dall’alto in basso, di cui parleremo più avanti. Ogni donna, come sappiamo, imita l’uomo che ama o che ammira, di cui subisce l’ascendente. Ma possiamo anche osservare che i sentimenti e le idee di quest’uomo le si comunicano molto tempo prima che lei abbia copiato i suoi modi di essere, adottato le sue locuzioni, contratto i suoi tic letterari e il suo accento. Quando una donna passa da una famiglia a un’altra che ritiene superiore alla sua, da un ambiente a un altro che considera superiore al suo, assorbe immediatamente le idee, le passioni, i pregiudizi, i vizi o le virtù che regnano nella sua nuova società, e se ne satura molto più velocemente di quanto non faccia un uomo nello stesso caso. Se, inizialmente, sotto molti aspetti – in ciò che concerne, in particolare, le credenze religiose – la donna non lascia affatto trapelare la sua impressionabilità agli esempi interni, ciò significa precisamente che il principio dell’imitazione dall’interno all’esterno le si può applicare alla perfezione. In lei, ancor più che nell’uomo, in virtù di un corollario di questo principio, le manifestazioni esteriori di un’antica credenza, nelle parole, nei gesti, nei modi di fare, nelle pratiche, continuano per molto tempo, anche dopo la sua scomparsa e la sua sostituzione clandestina con un’altra. Occorre che quest’altra abbia scavato a lungo il suo seggio nell’anima femminile perché quest’ultima si decida ad adottare la livrea del suo nuovo culto. Questo fatto si è verificato in ogni tempo e si può vedere ancora oggi. Nel xvi secolo, Margherita di Valois e il suo entourage femminile si erano convertite sinceramente al calvinismo – è stato anche per questo motivo che la dottrina di Calvino, così poco fatta del resto per piacer loro, ha cominciato a diffondersi in Francia – anche se continuavano apparentemente a praticare la religione cattolica, un po’ senza dubbio per paura del rogo, ma soprattutto in conseguenza di questa necessità logica che vuole che le cose significate precedano i loro segni.

II. Imitazione del superiore da parte dell’inferiore

37Il carattere interno e profondo manifestato dall’imitazione umana, fin dai tempi più lontani, questo privilegio di collegare gli animi tra loro a partire dal loro centro, portava con sé, come abbiamo visto, l’aumento della disuguaglianza tra gli uomini e la formazione di una gerarchia sociale. Questo fatto era assolutamente necessario, in quanto il rapporto da modello a copia era, di conseguenza, anche un rapporto da apostolo a neofita, da maestro ad allievo. Dunque, proprio perché l’imitazione procede dall’interno all’esterno, essa deve consistere anche in una discesa dell’esempio dal superiore all’inferiore. Questa è una seconda legge, parzialmente contenuta nella prima, ma che richiede un esame a sé.

38Intendiamoci bene, del resto, sull’esatta portata sia delle considerazioni che andremo a fare, sia di quelle precedenti. Innanzitutto, abbiamo preso le mosse, come sappiamo, dall’ipotesi secondo la quale l’influenza prestigiosa della superiorità presunta non venga affatto neutralizzata dall’azione delle leggi logiche. Per quanto infimo, per quanto poco venga considerato l’autore o l’importatore di una nuova idea, la cui verità o utilità relativa è evidente, essa finisce necessariamente per diffondersi nel pubblico. Il Vangelo, introdotto dagli schiavi o dai giudei all’interno del mondo romano più aristocratico, si è propagato in questo modo, poiché rispondeva molto meglio del politeismo ai problemi capitali della coscienza. Ugualmente si è propagato, in un certo periodo dell’antico Egitto, malgrado il disprezzo degli Egizi per gli asiatici, l’uso del cavallo, importato dall’Asia, proprio perché, per molti lavori, il cavallo era evidentemente preferibile all’asino, in uso fino ad allora. Gli esempi di questo tipo sono innumerevoli. Allo stesso modo, anche il più esterno degli esempi, un’articolazione verbale staccata dal suo senso, un rito religioso staccato dal suo dogma, una particolarità dei costumi staccata dal bisogno che esprime, un’opera d’arte staccata dall’ideale sociale che rappresenta, si diffonde facilmente all’interno di un ambiente straniero nel quale i princìpi o i bisogni già consolidati possano trarre vantaggio dalla sostituzione di questa nuova espressione, più pittoresca per esempio, più chiara o più forte, alla loro espressione tradizionale.

39In secondo luogo, anche nel caso in cui non intervenga l’azione delle leggi logiche, non è soltanto il superiore che si fa imitare dall’inferiore, il patrizio dal plebeo, il nobile dal contadino, il chierico dal laico, più tardi il parigino dal provinciale, il cittadino dal campagnolo ecc., ma è anche l’inferiore che, in una certa misura, molto minore, è vero, viene copiato o tende a essere copiato dal superiore. Quando due uomini si trovano l’uno di fronte all’altro e in contatto prolungato, per quanto alto sia l’uno e per quanto basso sia l’altro, finiscono con l’imitarsi a vicenda, ma uno di essi molto di più di quanto non faccia l’altro. Il corpo più freddo modifica la temperatura di quello più caldo. Il più altero gentiluomo di campagna non può fare a meno di assomigliare almeno un po’, per l’accento, i modi di fare, la forma mentis, ai suoi domestici e ai suoi mezzadri. Per la stessa ragione, molti provincialismi, espressioni rurali, talvolta si introducono nel linguaggio delle città e anche delle capitali, e termini gergali penetrano all’interno dei salotti; e questa influenza dal basso verso l’alto si può constatare in tutti gli ordini di fatti. È anche vero che, in generale, il notevole irradiamento che procede dal corpo caldo verso i corpi freddi, e non l’irradiamento insignificante dal corpo freddo verso il corpo caldo, in fisica costituisce il fatto capitale, che contribuisce a spiegare la tendenza finale dell’universo a un eterno equilibrio termico; e, parimenti, anche in sociologia, l’irradiamento degli esempi dall’alto in basso è l’unica cosa che conti, in ragione del livellamento generale che tende a produrre all’interno del mondo umano.

 

401. Detto questo, cerchiamo di mettere in luce questa verità. Che gli amanti si copino tra di loro, o piuttosto, dato che questo fenomeno comincia sempre con l’essere unilaterale, che l’amante copi l’amato, è un fatto assolutamente naturale. Ma vediamo ovunque le persone scimmiottarsi [se singer] anche quando si oppongono tra loro, e questo prova la profondità dell’azione dell’imitazione all’interno del cuore umano. I vinti si modellano sempre sui vincitori, non fosse che per preparare una rivincita. Quando copiano la loro organizzazione militare, essi hanno la cura di dire, e lo credono sinceramente, che la sola ragione di questa copia derivi da un calcolo utilitario. Ma questa spiegazione dev’essere ritenuta insufficiente, se si confronta questo fatto con molti altri fatti connessi, in cui il sentimento dell’utilità non svolge alcun ruolo.

  • 13 I Giapponesi, a quanto pare, prima di entrare in comunicazione con la Cina, possedevano una scrittu (...)

41Per esempio, il vinto assume dal vincitore non soltanto le sue armi migliori, i suoi cannoni di portata superiore, i suoi metodi preferibili, ma anche molte particolarità insignificanti, molti usi militari la cui acclimatazione, ammettendo che sia possibile, solleva difficoltà che non hanno nessun rapporto con il loro infimo vantaggio. Durante il xiii secolo vediamo Firenze e Siena, sempre in guerra tra loro, opporsi non soltanto truppe organizzate nello stesso modo, ma anche precedute da questo strano carro (il carroccio) e da questa singolare campana (la martinella), il cui uso era originariamente caratteristico della Lombardia, cioè della parte dell’Italia da molto tempo più potente (tanto che lombardo e italiano avevano allora lo stesso senso), e che viene in seguito importato con alcune modifiche a Firenze, da cui si diffonde, grazie al prestigio di questa fiorente città, nelle città limitrofe sue nemiche. Eppure il carro costituiva un ingombro e la campana un vero e proprio pericolo. Perché dunque ognuna di queste città ha adottato queste due particolarità, invece di conservare i suoi usi caratteristici? Per la stessa ragione per la quale le classi inferiori della società, cioè i vinti o i figli dei vinti nelle guerre civili, copiano le classi superiori in fatto di abbigliamento, di modi di fare, di linguaggio, di vizi ecc. Non si vorrà dire che questa imitazione rappresenti un’operazione militare in vista di una rivincita. Si tratta molto semplicemente della soddisfazione di un bisogno particolare, fondamentale nella vita sociale, che finirà col preparare le condizioni della pace futura, attraverso molti combattimenti!13.

  • 14 [H. Baudrillart, Histoire du luxe privé et public, depuis l’antiquité jusqu’à nos jours, Paris, Hac (...)

42Qualunque sia l’organizzazione di una società, aristocratica o democratica, se vediamo l’imitazione compiere rapidi progressi, possiamo essere sicuri che la disuguaglianza tra le sue diverse classi è molto accentuata, anche se può essere più o meno visibile. E ci basterà sapere in quale senso scorra la corrente principale degli esempi, attraverso dei riflussi poco importanti, per dire dove si trovi il vero potere. Se una nazione è strutturata in modo aristocratico, non c’è niente di più semplice. In tutti i casi e in tutti i tempi, vediamo la nobiltà, fin che può, imitare i suoi capi, re o sovrani, e la plebe, anch’essa fin che può, imitare la nobiltà. A Costantinopoli, sotto gli imperatori bizantini, «la corte guarda al principe – dice Baudrillart nella sua Storia del lusso14 – e la città guarda alla corte per conformarsi a essa; il povero volge i suoi occhi verso il ricco e vuole avere la sua parte di lusso». È accaduto lo stesso in Francia sotto Luigi XIV. Sempre a proposito di lusso, Saint-Simon scrive: «È una piaga che, una volta introdotta, è diventata il cancro interno che divora ogni singola parte, perché dalla corte si è comunicato rapidamente a Parigi, nelle province e negli eserciti». Nel xv secolo, si pensava, dice Barante, «di vietare severamente tutti i giochi di dadi, di carte e di pallacorda, che si erano introdotti nel popolo a imitazione della corte». Questi innumerevoli giocatori che vediamo mescolare le carte nei caffè e negli alberghi sono dunque dei copisti senza saperlo delle nostre antiche corti monarchiche. Le forme e i riti della cortesia si sono diffusi nello stesso modo. Cortesia deriva da corte, come civiltà deriva da città. L’accento della corte, più tardi l’accento della capitale, si diffonde un po’ alla volta in tutte le classi e in tutte le province della nazione. Possiamo essere sicuri che un tempo sia accaduto lo stesso per l’accento babilonese, per l’accento ninivita, per l’accento menfico, e la stessa cosa sta accadendo oggi all’accento parigino, fiorentino o berlinese. Questa trasmissione dell’accento, proprio perché è una delle forme più inconsce, più irresistibili e più inspiegabili dell’imitazione, è adatta a mostrare la profondità di questa forza e la verità della legge di cui stiamo parlando. Quando vediamo il prestigio riconosciuto alle classi superiori da quelle inferiori, ai cittadini dai rurali, ai bianchi dai neri nelle nostre colonie, agli uomini dai bambini, ai grandi dai piccoli nei collegi, esercitarsi perfino sull’accento, non possiamo dubitare che esso si eserciti a fortiori sulla scrittura, sui gesti, sulla mimica, sui vestiti, sugli usi.

  • 15 Fin dove possa spingersi questa tendenza, lo possiamo vedere dall’esempio seguente. Nel 1705, secon (...)
  • 16 In Germania accadeva lo stesso, come è stato abbondantemente provato da Jean Janssen nel suo L’Alle (...)
  • 17 Questo contagio del lusso è spesso servito da veicolo a utili diffusioni: «Le nostre specie (animal (...)

43Merita di essere segnalata la forza della tendenza a imitare il superiore gerarchico, e la rapidità con la quale, in ogni tempo, questa tendenza ha trovato soddisfazione al minimo bagliore di prosperità15. La frequenza degli editti suntuari durante tutto l’Ancien régime ne è la prova, come la molteplicità delle dighe di un fiume attesta l’impetuosità del suo corso. La prima corte francese risale a Carlo VIII. Ma bisognerebbe guardarsi dal credere che il contagio imitativo della cortesia e del lusso cortigianeschi abbia impiegato molti secoli per discendere in Francia fino al basso popolo. Fin da Luigi XII questa influenza si faceva sentire dappertutto. I disastri delle guerre di religione, nel xvi secolo, hanno arrestato questo sviluppo; esso è ripreso molto velocemente durante il secolo seguente, ma la miseria causata dalle ultime guerre del Gran Re ha provocato un nuovo stallo. Nel corso del xvii secolo, una nuova spinta; in epoca rivoluzionaria, altro stallo. A partire dal primo Impero, la ripresa si è compiuta su grandissima scala, ma da allora in forme democratiche, di cui per il momento non ci dobbiamo occupare. Sotto Francesco I, sotto Enrico II, l’irradiamento lussuoso di Luigi XII è continuato. In quest’epoca, una legge suntuaria vietava «a tutti i contadini, uomini di fatica e valletti, eccetto che per gli addetti ai principi, di portare il farsetto di seta, calzoni ornati o con lo sboffo di seta». Dal 1543 alla Lega, otto grandi ordinanze contro il lusso. «Esse, dice Baudrillart, si rivolgono a tutti i sudditi; vietano l’uso dei drappi d’oro, d’argento e di seta». Queste erano le regole generali dell’eleganza alla vigilia delle guerre di religione16. Per motivare le leggi di proibizione commerciale, «una delle ragioni invocate più spesso era che la Francia si sarebbe rovinata nell’acquistare beni di lusso». Del resto, lo stesso fatto è attestato dalla prosperità delle industrie del lusso, che presuppone una clientela estesa17.

  • 18 Se la nobiltà gallica, dopo la conquista, ha cominciato ad adottare la lingua e gli usi romani, è p (...)

44Se ritorniamo all’antichità classica, e ancora più indietro, potremmo verificare la stessa legge. Vediamo, da un testo di Sidonio Apollinare, che in Gallia l’uso della lingua latina comincia a diffondersi all’interno della nobiltà gallica, da cui discende, assieme ai costumi e alle idee romane, in seno al popolo18.

45Altro esempio. Immaginiamo il bacino del Mediterraneo nell’viii secolo avanti Cristo, all’epoca della grande prosperità di Tiro o di Sidone, quando i Fenici, diffusori europei dell’arte egizia e assira, risvegliavano la Grecia e tanti altri popoli al gusto del lusso e del bello. Questi mercanti andavano esponendo sulle piazze non soltanto tessuti comuni e a buon mercato, come gli Inglesi di oggi, ma anche, come i Veneziani nel medioevo, prodotti raffinati rivolti ai ricchi di tutti i paesi, vestiti di porpora, profumi, coppe d’oro, statuette, armature di pregio, ex voto, gioielli incantevoli per la loro grazia e la loro relativa leggerezza. A quel tempo dappertutto, in Sardegna, in Etruria, in Grecia, nell’Arcipelago e in Asia Minore, nella stessa Gallia, si potevano vedere le classi alte, una rara élite, indossare degli elmi, delle spade, dei braccialetti, delle tuniche ecc., più o meno simili da un’estremità all’altra di questa vasta regione, mentre le popolazioni plebee continuavano a differenziarsi per i loro usi e le loro armi caratteristiche. Del resto, questa stessa plebe, così diversa dai suoi capi nell’aspetto esterno, somigliava loro esattamente a proposito delle idee e delle passioni, della natura delle superstizioni religiose e dei princìpi morali.

  • 19 Preveniamo un’obbiezione. Ci si potrebbe replicare che imitando le mode straniere in fatto di abbig (...)

46È esattamente lo stesso spettacolo che ha colpito, nel xiv o nel xv secolo della nostra era, un Arthur Young qualunque in viaggio attraverso la Francia e l’Europa. In quest’epoca i prodotti veneziani, tanto uniformi quanto universalmente diffusi, già assimilavano e riempivano i palazzi, i castelli, le belle ville delle grandi città, mentre le case e le casupole, nelle quali regnava la stessa religione e la stessa morale delle abitazioni nobili e sontuose, rimanevano ancora differenziate nella loro originalità consuetudinaria. – Ora, a poco a poco, e dall’alto in basso, l’assimilazione è continuata, sia nell’antichità sia in epoca moderna, fino a quando, alla fine, è stata possibile una grandiosa industria da esportazione, ad uso non di un’élite soltanto, ma dell’intera massa di un grande popolo, a maggior profitto dell’Inghilterra oggi, dell’America domani19.

  • 20 Ancora un esempio: è attraverso l’aristocrazia romana, all’epoca degli Scipioni, che le idee greche (...)
  • 21 Succede talvolta, anche abbastanza spesso, che i conquistatori prendano esempio dai vinti, attingan (...)

47Gli apologeti dell’aristocrazia sono dunque passati, credo, a lato della sua migliore giustificazione. Il ruolo principale di una nobiltà, il suo contrassegno distintivo, è il suo carattere iniziatore se non inventivo. L’invenzione può anche partire dai più bassi ranghi del popolo; ma, per diffonderla, c’è bisogno di una cima sociale in grande evidenza, di una specie di castello d’acqua sociale da cui deve discendere la cascata continua dell’imitazione. In ogni tempo e in ogni paese la classe aristocratica è sempre stata aperta alle novità straniere e pronta a importarle20, così come uno stato maggiore è la parte meglio informata di un esercito sulle innovazioni militari sperimentate all’estero, la più indicata ad adottarle con intelligenza, e in questo modo può rendere gli stessi servizi che rende attraverso la disciplina di cui è l’anima. Per tutto il tempo in cui dura la vitalità di una nobiltà, la si può riconoscere proprio da questo segno; e quando, all’inverso, si ripiega sulle tradizioni, le custodisce gelosamente, le difende contro le richieste di un popolo che essa stessa ha iniziato un tempo ai cambiamenti, per quanto possa essere ancora utile in questo ruolo moderatore, complementare al primo, si può dire che la sua grande opera sia stata compiuta e il suo declino iniziato21.

 

  • 22 In India, secondo Barth, alla testa di tutte le innovazioni religiose, da cui in questo paese prove (...)

482. A questo proposito, malgrado le apparenze contrarie, la gerarchia ecclesiastica assomiglia alla gerarchia civile. Senza la forte costituzione aristocratica del clero cristiano, la propagazione prima degli stessi dogmi, poi degli stessi riti, all’interno della divisione del mondo feudale, non avrebbe mai potuto ricoprire l’immenso spazio che sappiamo e produrre questa grande unità, spirituale e rituale allo stesso tempo, chiamata cristianità. È in mancanza di un’organizzazione piramidale dello stesso tipo che il protestantesimo, benché apparso in un’epoca di grandi stati centralizzati e non più divisi, maggiormente favorevole di conseguenza alla diffusione di una dottrina e di un culto uniformi, si è disgregato in un’infinità di sette diverse. Ora, finché la corte pontificia e il corpo episcopale del clero cattolico hanno costituito una nobiltà vivace, il loro carattere peculiare è stato quello di monopolizzare le iniziative religiose; e la loro propensione iniziatrice è attestata dalle singolari complicazioni del dogma e del culto che, in ogni concilio, in ogni sinodo, si arricchivano diffondendosi. Attraverso queste riunioni frequenti, e frequentemente riformatrici, i vescovi e gli abati si tenevano al corrente delle nuove mode in fatto di teologia, di casuistica, di liturgia, e le facevano penetrare in seno al popolo22. Il loro gusto per l’innovazione si spingeva anche più lontano, e non si limitava ai confini del campo religioso. L’alto clero era divenuto depravato alla fine del medioevo per la stessa ragione per la quale, più tardi, la nobiltà francese si è rammollita: perché in quest’epoca era, tra tutte, la classe superiore e dirigente, la prima toccata dall’alba civilizzatrice che stava sorgendo. Supponete che le vette ecclesiastiche dell’Europa di allora si fossero rifiutate di subire l’influenza delle nuove invenzioni, delle nuove scoperte e, di conseguenza, dei nuovi costumi; a colpo sicuro, l’avvento della civiltà moderna sarebbe stato ritardato di alcuni secoli, se non rinviato indefinitamente.

  • 23 L’abate Petitot, l’istruttivo viaggiatore, osserva che, presso gli eschimesi, gli uomini, ma non le (...)

49Nei periodi di aristocrazia teocratica, se la casa contadina si modella sul castello, il castello a sua volta si modella sulla chiesa o su un tempio qualsiasi della divinità, inizialmente per il suo stile architettonico, poi per le varie forme del lusso e dell’arte che vengono esibite al suo interno, prima di irradiarsi nel mondo inferiore. Nel medioevo, l’oreficeria e l’ebanisteria, impiegate per l’abbellimento delle cattedrali, fungono da regola all’oreficeria e all’ebanisteria profane, che riempiono di gioielli e di mobili in stile ogivale le dimore feudali. La scultura, la pittura, la poesia, la musica, si sono secolarizzate nella stessa maniera. Parimenti, le corti monarchiche hanno creato, sotto forma di adulazione, di cortesia unilaterale e molto circoscritta, l’abitudine generalizzata, e in seguito resa reciproca, di essere amabili ed educati con tutti; allo stesso modo, anche l’esempio del comando di un capo, o dei privilegiati che fanno parte di un’élite, non ha dovuto far altro che diffondersi per dare i natali al diritto, comando di ciascuno su tutti e di tutti su ciascuno, privilegio generale. Così, all’inizio di ogni letteratura troviamo un libro sacro, il Libro per eccellenza, di cui tutti i libri mondani scritti più tardi non sono altro che un riflesso sfuggito dai santuari: anche all’inizio di ogni scrittura, una scrittura ieratica – all’inizio di ogni musica, un canto-piano, una melopea religiosa – all’inizio di ogni statuaria, un idolo – all’inizio di ogni pittura, un affresco in un tempio o in una tomba, oppure una miniatura monastica di un libro sacro… I templi quindi, prima dei palazzi, possono essere considerati come dei focolai secolari, e a lungo necessari, dell’irradiazione civilizzatrice, sia nel senso esterno e superficiale del termine che in quello interno e profondo, sia per quanto riguarda l’arte e l’eleganza che per quanto riguarda le convinzioni e le massime23.

 

  • 24 «Come può accadere – si chiede Melchior de Vogüé – che i neri feticisti (braccati dai cacciatori di (...)

503. Nei periodi in cui il governo sacerdotale sta declinando, in cui gli insegnamenti del prete costituiscono sempre meno la fonte delle credenze, i suoi esempi lussuosi e artistici vengono seguiti sempre di più, in quanto non si teme di profanare gli aspetti decorativi del culto mondanizzandoli. Parimenti, è soltanto quando il governo aristocratico si indebolisce, quando si obbedisce sempre di meno ai privilegiati, che si osa copiarli dal punto di vista dell’aspetto esteriore. Sappiamo che questo fatto è conforme al corso ab interioribus ad exteriora; ma esso si spiega anche, in parte, attraverso l’applicazione di un’altra legge molto generale che dev’essere combinata con quella dell’imitazione del superiore. Se questa legge agisse da sola, dovrebbe essere imitato il superiore in assoluto; mentre, in realtà, colui che è maggiormente imitato è il più alto tra i più vicini. In effetti, è in ragione inversa della distanza dal modello, e non soltanto in ragione diretta della sua superiorità, che l’influenza del suo esempio risulta efficace. Il termine distanza dev’essere inteso nel senso sociologico della parola. Per quanto geometricamente lontano possa essere uno straniero, è vicino in questo senso se i contatti con lui sono numerosi e quotidiani e se si dispongono di tutte le possibilità per soddisfare il desiderio di imitarlo. Questa legge dell’imitazione del più vicino, del meno distante, dà ragione del carattere progressivo e graduale della propagazione di un esempio partito dall’alto di una società. Come corollario, possiamo sostenere che quando ci troviamo di fronte a una classe inferiore che comincia per la prima volta a imitare una classe molto superiore, significa che la distanza tra loro è diminuita24.

 

  • 25 Tocqueville (Démocratie en Amérique) [De la démocratie en Amérique, Paris, Gosselin, 1835-1840, 4 v (...)

514. Chiamiamo democratico il periodo che comincia a partire dal momento in cui, per motivi diversi, la distanza tra le classi è diminuita al punto da diventare compatibile con l’imitazione dell’aspetto esteriore anche dei più alti da parte dei più bassi. Perciò, in ogni democrazia, in cui la febbre dell’assimilazione interna o esterna è molto intensa, come la nostra, possiamo essere sicuri che è presente una gerarchia sociale delle superiorità riconosciute, ereditarie o selettive, in potenza o in atto. Nella nostra società non è difficile capire da chi sia stata sostituita l’antica nobiltà, dopo che ha in gran parte perduto lo scettro dell’eleganza. Innanzitutto, la gerarchia amministrativa è andata complicandosi, sviluppandosi in altezza per mezzo del numero dei suoi gradi, e in estensione attraverso il numero dei suoi funzionari; la gerarchia militare, ha fatto lo stesso, in virtù delle cause che costringono gli stati europei moderni all’armamento universale. Inoltre, i prelati e i principi di sangue, i monaci e i gentiluomini, i monasteri e i castelli, sono stati abbattuti soltanto per il maggior profitto dei giornalisti25 e dei finanzieri, degli artisti e dei politici, dei teatri, delle banche, dei ministeri, dei grandi magazzini, delle grandi caserme e degli altri monumenti raccolti all’interno del perimetro di una stessa capitale. Tutte le celebrità si danno qui appuntamento; e che cosa sono le diverse specie di notorietà e di gloria esistenti in una società, con tutti i loro gradi disuguali, se non una gerarchia di posti brillanti occupati o disponibili, di cui soltanto il pubblico dispone o crede di poter disporre liberamente?

52Ora, invece di semplificarsi e di abbassarsi, questa aristocrazia delle situazioni di orgoglio, questo podio fatto di seggi o di troni luminosi, continua a crescere proprio grazie agli effetti delle trasformazioni democratiche, che abbassano le frontiere tra le nazioni e tra le classi e fanno eleggere i famosi attraverso il suffragio sempre più universale, sempre più internazionale. Con l’aumentare del numero degli spettatori nel parterre, in procinto di applaudire o di fischiare, aumenta la quantità di gloria da ripartire tra gli autori, e aumenta, di conseguenza, la distanza tra l’uomo più oscuro della sala e l’attore più acclamato sulla scena. L’apoteosi di Victor Hugo, che sarebbe stata impossibile trent’anni fa, ha manifestato l’esistenza di un’alta montagna di gloria letteraria che si è innalzata di recente, come hanno fatto un giorno i Pirenei, in mezzo a una vasta pianura, piatta e uniforme, e che si offre ormai all’ambizione dei poeti futuri, con il suo corteo di picchi meno alti, scaglionati ai suoi piedi. Tutte le montagne di questo tipo spingono invisibilmente al di sotto della pavimentazione delle grandi città, in cui esse si stringono come i tetti delle case. La crescita prodigiosa, l’ipertrofia delle grandi città, e in primo luogo della capitale, in cui i privilegiati abusivi si moltiplicano e si insediano mentre le ultime tracce dei privilegiati di un tempo vengono cancellate gelosamente: ecco il tipo di disuguaglianza che i tempi nuovi si accingono a scavare e che è indispensabile, in effetti, per mantenere, per dispiegare il largo corso della loro produzione e del loro consumo industriale, cioè dell’imitazione su immensa scala. Il corso di un tale Gange esigeva tale Himalaya. L’Himalaya della Francia è Parigi. Parigi troneggia regalmente, orientalmente, sulla provincia, certamente più di quanto non abbia mai troneggiato la corte sulla città. Ogni giorno, attraverso il telegrafo o il treno, essa invia le sue idee alla Francia intera, le sue volontà, le sue conversazioni, le sue rivoluzioni tutte compiute, i suoi vestiti, i suoi mobili completi. La fascinazione suggestiva, l’imperativo che essa esercita istantaneamente su di un vasto territorio è così profonda, completa e continua, che quasi nessuno ne è esente. Questa magnetizzazione è diventata cronica. Si chiama uguaglianza e libertà. L’operaio delle città può anche credersi egualitario e lavorare per distruggere la borghesia, ma, diventando borghese in tutto e per tutto, finisce ugualmente per rappresentare anch’egli un’aristocrazia, molto ammirata, molto invidiata dal contadino. Il contadino si rapporta all’operaio come quest’ultimo fa col suo padrone. Di qui l’emigrazione dalle campagne.

  • 26 [A. Luchaire, Les communes françaises à l’époque des Capétiens, Paris, Hachette, 1890].
  • 27 Si veda l’Histoire générale di Lavisse e Rambaud, t. ii, p. 431 e segg. [E. Lavisse – A. Rambaud, H (...)

53Le comuni giurate del medioevo potevano anche sorgere animate da uno spirito di ostilità contro il signore del luogo e la feudalità in generale; ciononostante è vero che, come ci insegna Luchaire, esse avevano come effetto e come fine quello di innalzare la città in cui si costituivano al rango di signoria collettiva, vassalla o sovrana di altre signorie, tributaria o creditrice di canoni feudali, avente, nella gerarchia feudale, il suo grado particolare. I sigilli delle comuni rappresentano molto spesso degli emblemi militari: un fante, un cavaliere armato e al galoppo, proprio come i sigilli dei signori. – Lo stesso autore, nella sua profonda opera storica su questo argomento26, ha provato che il movimento emancipatore delle comuni del xii secolo non si era limitato alle città, ma che, sull’esempio di queste, anche i piccoli villaggi, alla periferia delle città o al di là di essa, si erano affrancati allo stesso modo, federandosi. Gli storici fino a oggi non avevano fatto caso a questo aspetto; tuttavia è un fatto incontestabile che ci siano state, nel medioevo, prima delle comuni urbane, e poi delle comuni rurali. Lo stesso ordine si osserva, cosa notevole, anche quando si tratta di innovazioni di natura agricola. Per esempio, «è nella città – dice Roscher – che il sistema moderno della rendita fondiaria, l’affitto sostituito al censo signorile, si è diffuso inizialmente, come possiamo vedere dalla Carta di Gand del 1259 nel Warnkoenig». – Aggiungiamo che l’emancipazione comunale non è stata generata, come credeva Augustin Thierry, da un’insurrezione popolare, da un sollevamento spontaneo di umili corporazioni di artigiani, ma invece, come hanno dimostrato nuove ricerche storiche27, da una congiura, inizialmente molto ristretta, di ricchi mercanti che, già associati in gilde o in confraternite religiose, e formando l’aristocrazia della città, «si trasformeranno in vere e proprie leghe, e raccoglieranno dietro di sé il resto degli abitanti, così che la comune sorge, in generale, da una lega tra tutti gli abitanti raccolti dall’aristocrazia borghese sotto la fede nel giuramento».

  • 28 A prima vista, la legge dell’imitazione dall’alto in basso sembrerebbe inapplicabile alla diffusion (...)

54Una capitale, una grande città, oggi è, per così dire, una prima scelta della popolazione, la sua parte migliore. Mentre, nell’insieme della nazione, la consistenza numerica dei due sessi grosso modo si bilancia, il numero degli uomini nei grandi centri urbani prevale notevolmente su quello delle donne; inoltre, la proporzione degli adulti è molto superiore a quella che si riscontra nel resto del paese; infine, e soprattutto, le città attirano da tutte le parti del paese le teste più attive, le organizzazioni più nervose, le più adatte a sfruttare le invenzioni moderne. In questo modo esse formano l’aristocrazia moderna, la corporazione di élite, non ereditaria, ma reclutata liberamente, il che non le impedisce di essere tanto sdegnosa nei confronti della popolazione inferiore e rurale quanto potevano esserlo i nobili dell’Ancien régime nei confronti dei plebei28. Questa nuova aristocrazia non è meno egoista, meno vorace e meno dispendiosa di quella passata; e, come l’antica, essa perirebbe rapidamente a causa dei vizi che la consumano, per la tubercolosi, per la sifilide, le sue malattie caratteristiche, per il pauperismo, il suo flagello, per l’alcolismo, per tutte le cause che rendono la sua mortalità straordinariamente elevata malgrado l’eccezionale scelta del suo personale, se, come tutte le nobiltà, essa non si rinnovasse molto rapidamente attraverso l’afflusso di nuovi elementi.

  • 29 Come tutte le altre branche dell’arte oratoria, la predicazione, nel passato, ha avuto le sue mode, (...)

55Le capitali oggi non sono utili soltanto al livellamento e all’omogeneizzazione di tutte le parti della nazione, ma anche all’assimilazione dei diversi popoli tra loro; e, da questo punto di vista, continuano a svolgere il ruolo delle antiche corti. Sotto i Plantageneti, il lusso inglese e il lusso francese, malgrado la rarità dei viaggi e delle relazioni, manifestavano una notevole somiglianza, che può essere spiegata soltanto attraverso l’influenza reciproca tra le corti inglese e francese, in comunicazione perpetua tra loro. Le corti erano dunque dei focolai che si facevano luce a vicenda, che si coloravano a vicenda grazie allo scambio costante dei loro raggi, attraverso le frontiere, e davano per prime ai popoli l’esempio di una certa uniformità. Lo stesso accade oggi alle capitali, figlie delle corti. Al loro interno si concentrano tutte le iniziative destinate al successo; verso di esse convergono tutti gli sguardi, e, siccome hanno rapporti incessanti tra loro, non può non accadere che una vasta uniformità universale, compensata da una grande mobilità, non costituisca il risultato della loro prolungata preponderanza. – Aggiungiamo che il corso dell’imitazione dall’alto in basso si osserva anche nelle loro relazioni reciproche. C’è sempre una capitale sulla quale tendono a modellarsi tutte le altre, in superficie e in profondità, così come un tempo c’era sempre una corte-modello in ogni cosa. Si tratta della capitale del popolo più importante, o che lo è stato fino a poco tempo prima, così come una volta era la corte del re vittorioso o abituato per lungo tempo alla vittoria, malgrado recenti sconfitte29.

56Nei paesi democratici, non sono soltanto le capitali a possedere il prestigio, ma anche le maggioranze, come ha osservato Tocqueville: «A misura – dice – che i cittadini diventano più uguali e più simili tra loro, la tendenza di ciascuno a credere ciecamente in un certo uomo o in una certa classe diminuisce. La disposizione a credere nella massa aumenta, ed è sempre più l’opinione a far muovere il mondo». – La massa, la maggioranza, è diventata la vera potenza politica, la superiorità riconosciuta da tutti, e finiamo per subire il suo prestigio per la stessa ragione per la quale un tempo si subiva quello di un monarca o di una nobiltà. Ma c’è anche un’altra ragione che ci viene offerta da Tocqueville: «Nei tempi di uguaglianza, gli uomini non hanno alcuna fiducia gli uni negli altri, a causa della loro somiglianza; ma questa stessa somiglianza dà loro una fiducia quasi illimitata nel giudizio del pubblico; poiché non gli sembra vero che, possedendo tutti gli stessi lumi, la verità non si trovi dalla parte del maggior numero». Questo fatto è in apparenza logico e matematico; se gli uomini costituiscono delle unità simili, è il maggior numero di queste unità che deve necessariamente aver ragione. Ma, in fondo, si tratta di un’illusione resa possibile dall’oblio costante del ruolo svolto dall’imitazione. Quando un’idea esce trionfante da uno scrutinio, saremmo infinitamente meno portati a inchinarci di fronte a essa se pensassimo che i 999 millesimi dei voti ottenuti costituiscono degli echi. Anche gli storici più seri si ingannano sempre e sono inclini, come la folla, a estasiarsi di fronte all’unanimità di alcuni voti popolari, suggeriti al popolo dai suoi capi, come se si trovassero di fronte a qualcosa di meraviglioso. Bisogna diffidare delle unanimità; nulla denota meglio l’intensità dell’impulso imitativo.

  • 30 La politicomania, come l’ubriachezza, ha cominciato con l’essere un privilegio delle classi superio (...)

57Il progresso verso l’uguaglianza si compie soltanto per imitazione, e per imitazione delle classi superiori. Prima che fosse possibile o soltanto pensabile l’uguaglianza politica e sociale tra tutte le classi della società, bisognava bene che si fosse stabilita in piccolo all’interno di una di esse. Ora, è innanzitutto nelle classi alte che la si è vista agire. Da Luigi XI a Luigi XVI si sono livellati, con un’imperturbabile continuità, i diversi gradi della nobiltà, un tempo separati da distanze incolmabili, all’epoca dei grandi vassalli e della feudalità pura; e ha avuto luogo anche la fusione tra la nobiltà di spada e quella di toga, sotto il prestigio schiacciante della regalità, grazie anche alla relativa molteplicità dei contatti tra i gentiluomini di ogni rango. Ora, cosa stupefacente, mentre aveva luogo questo livellamento superiore, le innumerevoli fazioni della borghesia e del popolo continuavano a tenersi a distanza tra loro, e perfino con un rafforzamento della propria vanità distintiva, fino alla vigilia del 1789. Che si legga in Tocqueville, per esempio, l’enumerazione dei ranghi sovrapposti della borghesia grande, media e piccola, all’interno di una città d’Ancien régime in questo periodo. Sicuramente la ripugnanza ad allearsi tra i consoli e i piccoli mercanti era più forte nel xviii secolo di quanto non lo fosse stata nel medioevo. Possiamo dunque avanzare in tutta sicurezza questo apparente paradosso, che, cioè, il vero lavoro preparatorio dell’egualitarismo attuale è stato eseguito in passato dalla nobiltà e non dalla borghesia. In questo processo, come è accaduto anche per quanto riguarda la diffusione delle idee filosofiche e per lo slancio impresso alla grande industria dal gusto per le mode esotiche, la nobiltà è stata inconsciamente la madre dei tempi moderni. Queste cause, del resto, sono collegate. Senza le corti, che hanno livellato i ranghi della nobiltà, non sarebbe fiorito l’irradiamento letterario (e di conseguenza filosofico) dei secoli xvii e xviii, e l’imitazione-moda, l’amore per le innovazioni imitate dall’estero, dalle corti straniere, non avrebbe prevalso sull’imitazione degli antenati nell’ambito della casta dirigente e prestigiosa. Perciò, il focolaio iniziale di tutti questi focolai, è il re30.

58Così, qualunque sia l’organizzazione sociale, teocratica, aristocratica o democratica, il corso dell’imitazione segue sempre la stessa legge: essa va, a uguale distanza, dal superiore all’inferiore, e, in quest’ultimo, agisce dall’interno all’esterno. Eppure dobbiamo osservare una differenza essenziale. Quando le superiorità che danno il tono vengono trasmesse per via ereditaria, come accade nell’antica nobiltà e nel clero delle caste, in cui vengono trasmesse attraverso la consacrazione (una specie di eredità fittizia o di adozione), come è il caso della nobiltà acquisita e del clero buddista o cristiano, esse riguardano la persona stessa, considerata in tutti i suoi aspetti. L’individuo ritenuto superiore viene copiato in tutto e per tutto, e sembra che egli stesso non copi nessun altro al di sotto di lui; questo fatto è abbastanza vero. Il rapporto tra modello e copia è grosso modo unilaterale. Ma quando a questa aristocrazia basata sul legame vitale di filiazione, reale o fittizio, viene sostituita un’aristocrazia tutta sociale nelle sue cause, reclutata per elezione spontanea, il prestigio è relativo soltanto a un certo aspetto particolare dell’uomo messo in rilievo. Lo si imita soltanto per questo aspetto, astrazion fatta per tutti gli altri. Nessuno viene più imitato in tutto e per tutto; e l’individuo più imitato è egli stesso imitatore, per altri aspetti, di qualcuno dei suoi copisti. L’imitazione, in questo modo, è diventata reciproca e si è specializzata generalizzandosi.

 

595. Eppure non è sufficiente affermare che l’imitazione si propaga dall’alto in basso; bisogna precisare, meglio di quanto non abbia fatto finora, l’idea che dev’essere collegata alla superiorità in questione. Diremo che le classi politicamente o economicamente superiori sono quelle che danno sempre il tono? No. Nei periodi in cui, per esempio, il potere, e, con il potere, la maggiore facilità nell’acquisizione delle ricchezze, appartengono ai delegati del popolo, questi ultimi sono desiderati superiori piuttosto che ritenuti superiori da coloro che li scelgono e che li innalzano. Ora, il privilegio di farsi copiare in tutti i modi deriva dalla superiorità creduta, e non da quella voluta. Volere, in effetti, che un uomo ascenda, significa riconoscere che al momento non si trova in alto, e spesso soltanto questo gli impedisce di avere prestigio. Ecco perché tanti eletti sono così poco prestigiosi agli occhi dei loro elettori. Ma, in questo caso, le classi o le persone che possiedono veramente il prestigio, sono le stesse classi che hanno posseduto il potere e la ricchezza in un’epoca ancora recente, se esse ne sono attualmente sprovviste, oppure le persone che, grazie ai loro notevoli talenti, adeguati alle circostanze, sono sulla strada che conduce agli onori e alla fortuna. D’altra parte, quando un uomo è ricco e potente da molto tempo, la considerazione sociale gli giunge inevitabilmente insieme alla convinzione, formatasi nel corso del tempo, che egli sia anche degno di questi vantaggi. Così, malgrado tutto, è certo che le due idee di potere e di ricchezza sono collegate a quella di superiorità sociale.

  • 31 È stato osservato che tutte le province romane a ovest dell’Adriatico sono state romanizzate più o (...)

60Queste idee sono collegate a essa come l’effetto alla causa. Bisogna risalire a quest’ultima; bisogna sapere quali sono le qualità che, conducendo o avendo condotto un individuo, un gruppo di individui, alla potenza e all’opulenza, lo segnalano all’ammirazione, all’invidia, all’imitazione degli altri. Nelle epoche primitive, è la forza congiunta all’abilità, il coraggio fisico; più tardi, l’abilità nel fare la guerra, l’eloquenza nell’assemblea; più tardi ancora, l’immaginazione artistica, l’ingegnosità industriale, il genio scientifico. Insomma, la superiorità che si cerca di imitare è quella che può essere compresa31; e può essere compresa soltanto quella che si crede o che si vede adatta a procurare i beni che vengono apprezzati, in quanto rispondono a dei bisogni sentiti (e che, tra parentesi, sono generati dalla vita organica, è vero, ma hanno come canale di diffusione e come stampo sociale l’esempio degli altri). Questi beni possono essere sia dei vasti domini, grandi greggi, leudi, oppure molti vasi riuniti su un’immensa tavola, che dei capitali e una clientela di elettori devoti; senza dimenticare le speranze celesti e il supposto credito presso grandi personaggi dell’oltretomba ecc.

61Se si domanda: qual è la serie delle superiorità sociali che si sono succedute nel corso della civiltà? Risponderò: essa è regolata dalla serie dei beni sociali, dalla forma così varia e mutevole, che vengono successivamente perseguiti dalla maggior parte degli uomini di una certa epoca o di un certo paese. Ora, questa stessa serie, da che cosa è spinta e diretta? Dal susseguirsi delle invenzioni e delle scoperte che si sono presentate l’una dopo l’altra alla mente umana, in certi casi ostacolandosi, in altri aiutandosi reciprocamente, e il cui ordine di apparizione, prescritto dalla logica sociale, è, in una certa misura, fatale, irreversibile. La scoperta dei vantaggi collegati alla permanenza nelle grotte e l’invenzione delle armi in selce, degli archi e delle frecce, delle punte in osso, del fuoco prodotto dallo sfregamento del legno ecc., ha fatto scoprire ai primi trogloditi il loro ideale di felicità: una caccia fortunata, degli abiti fatti di pelliccia, della selvaggina (talvolta umana!), consumata in fondo a una grotta affumicata. Più tardi, la scoperta di alcune nozioni di storia naturale, e l’invenzione capitale dell’addomesticazione degli animali, destinata a immensi sviluppi, ha fatto cambiare l’ideale, e non si è più sognato nient’altro che grandi greggi posti sotto la sorveglianza di un patriarca. In seguito, la scoperta dei primi elementi di astronomia, e l’invenzione della coltivazione delle piante, cioè dell’agricoltura, la scoperta dei metalli e l’invenzione dell’architettura, hanno reso possibile il sogno di grandi domini popolati da schiavi e governati da un palazzo, successivamente copiato nella forma delle case. Infine, la scoperta delle scienze, dalla fisica nascente dei Greci e dalla chimica balbuziente degli Egizi fino ai nostri trattati scientifici, e l’invenzione delle arti e delle industrie, dall’inno al dramma o dalla pietra per macinare il grano ai mulini a vapore, ha permesso di concepire gradualmente la felicità dei nostri milionari, la loro sicurezza tutta in biglietti di banca o in rendite di stato custodite in un hotel di Londra o di Parigi. Questo per quanto riguarda la ricchezza; quanto al potere, le stesse considerazioni sono applicabili alla successione delle sue forme storiche.

  • 32 Aggiungiamo che l’idea di nobiltà si è formata in un’epoca in cui, essendo molto semplici gli strum (...)

62Stando così le cose, la risposta definitiva alla domanda che abbiamo posto in precedenza si formula da sé: le qualità che rendono superiore un uomo, in ogni epoca e in ogni paese, sono quelle che lo fanno diventare più adatto a comprendere meglio il gruppo delle scoperte e a sfruttare quello delle invenzioni già conosciute. – Talvolta, anche molto spesso, sono delle condizioni accidentali o esterne, piuttosto che delle qualità personali, a permettere a un individuo di sfruttare più vantaggiosamente le invenzioni più importanti o di monopolizzarle per un certo periodo; e, in generale, queste due cause si combinano tra loro. La tribù oppure la città, un tempo barbara e di razza inferiore, in cui per caso nasce un’idea civilizzatrice, un miglior procedimento industriale, un’arma più potente, ne conserverà a lungo il monopolio. È stata forse un’eventualità di questo tipo ad aver consentito ai Turaniani, durante tutta l’alta antichità, di mantenere il vantaggio di esercitare pressoché da soli la metallurgia. La prosperità fenicia si spiega in parte grazie al ritrovamento sul loro litorale del piccolo animale che produce la porpora; da qui una grande industria di esportazione marittima, che arrivava al momento opportuno per incoraggiare le disposizioni naturali alla navigazione di questi popoli semitici. Il primo popolo che ha addomesticato l’elefante o il cavallo ne ha tratto certamente un immenso profitto nella guerra. Altre volte, il solo fatto di essere figli di un padre che possedeva le doti naturali richieste dalla civiltà del momento, ha costituito una condizione favorevole che ha preso il posto di queste doti; l’idea di nobiltà ereditaria proviene da qui32. Infine, quando un certo luogo ha posseduto a lungo il privilegio di attrarre gli individui meglio dotati in rapporto ai fini di un’epoca, una presunzione di superiorità finisce per collegarsi, come è stato detto in precedenza, al soggiorno in questo luogo, che costituisce effettivamente una circostanza tra le più favorevoli al buon impiego delle risorse fornite dalla civiltà del momento. Ai giorni nostri, in cui la scienza e l’industria costituiscono i grandi corpi di scoperte e di invenzioni che si tratta di conquistare per potersi arricchire, è vantaggioso abitare nelle grandi città in cui si concentrano gli scienziati, gli ingegneri, i capitali; così come è spesso sufficiente, a una donna arrivata da poco in una città di provincia, il fatto di essere di Parigi, per darvi subito il tono. Durante il periodo feudale, in cui l’arte della guerra, che costituiva la fonte di tutta la ricchezza territoriale dell’epoca, era un privilegio abituale dei castellani, l’abitante dei castelli, fosse stato anche un paggio o un domestico del signore, era ritenuto molto superiore al cittadino; eppure non in Italia, dove le città avevano saputo organizzare delle milizie preponderanti capaci di sottomettere i castelli circostanti. Quando attorno ai re si formò una corte, per ragioni analoghe, si vide un cortigiano di Versailles eclissare totalmente un notabile di Parigi, poiché il favore regale costituiva a quel tempo il bene supremo da conquistare.

63Vediamo dunque che, in ogni luogo e in ogni tempo, la superiorità sociale è determinata sia da circostanze esterne, che da caratteri interni che permettono di sfruttare a proprio vantaggio le scoperte e le invenzioni conosciute. Lasciamo adesso da parte la prima di queste due fonti di superiorità, le circostanze esterne, e occupiamoci soltanto della seconda. Sono sempre, in questo caso, delle qualità corporee senza dubbio, delle qualità organiche e individuali, a rendere superiore un uomo o un gruppo di uomini; ma ciò non impedisce che la loro superiorità non sia tutta sociale poiché essa consiste anche nella loro predisposizione eminente a servire finalità sociali. Fin dagli inizi dell’umanità, quando si pensa che regnasse la forza fisica, il selvaggio vincente non era tanto il più forte, ma il più agile, il più abile nel maneggiare l’arco, la fionda o il bastone, nel tagliare la selce. Ai giorni nostri, un individuo può anche essere molto muscoloso, fisicamente ben messo, ma se non presenta questa ipertrofia cerebrale che, un tempo anomalia e condizione di insuccesso, oggi è normalmente richiesta dalle esigenze della nostra civiltà, egli è condannato al fallimento. Nell’intervallo tra questi due termini estremi, non c’è forse una particolarità razziale o caratteriale, un tratto patologico o anche mostruoso, che non abbia avuto il suo giorno di celebrità e di affermazione. Ramses, il grande conquistatore, riesumato di recente, non ci ha forse stupiti per il suo aspetto bestiale, sebbene regale e autoritario? Quanti dei nostri criminali nati non sarebbero stati degli eroi in altri tempi? Quanti alienati non avrebbero avuto delle statue e degli altari!

  • 33 Da ciò consegue che, dappertutto, in un certo momento storico, le classi superiori sono formate da (...)

64Ma in questa fluttuante multiformità, che rende conto del carattere in parte fortuito delle invenzioni e delle scoperte, è facile osservare, nell’insieme, il graduale declino delle attitudini muscolari piuttosto che nervose, e il progresso concomitante delle attitudini nervose piuttosto che muscolari. Il contadino è più muscoloso, e il cittadino è più nervoso; la stessa differenza separa il barbaro dal civilizzato. Questo perché? Perché, da una parte, tra le invenzioni e le scoperte che vengono prodotte, dappertutto, in ogni istante, la logica sociale ne elimina meno di contraddittorie di quanto non ne accumuli di conciliabili; da qui, a lungo andare, un aumento crescente di complicazione, che necessita di una capacità cerebrale più sviluppata e di un’organizzazione cerebrale più perfezionata; dall’altra, perché l’accumulazione delle invenzioni relative alle macchine mette al servizio dell’uomo forze animali, chimiche o fisiche, sempre più importanti, e lo dispensa ogni giorno di più dall’aggiungervi il lavoro dei suoi muscoli33.

65Come vediamo, la diversità tra le razze umane, oppure, all’interno di ogni razza, la diversità delle organizzazioni individuali, può essere paragonata a una tastiera sulla quale gioca liberamente il genio inventivo, sotto l’alta direzione della logica sociale. Di qui, un corollario importante ad uso degli storici. Vogliamo conoscere la causa della prosperità o della decadenza di un popolo? Bisogna chiederla a un certo dettaglio del suo organismo che lo rendeva particolarmente adatto a utilizzare le conoscenze del suo tempo, oppure alla nascita di qualche nuova conoscenza che egli non era fisicamente adatto a sfruttare come faceva con quelle più antiche. Dati gli elementi di una civiltà, se vogliamo descrivere, a colpo sicuro, almeno dal punto di vista cerebrale, la razza in cui essa si è incarnata, lo possiamo fare seguendo lo stesso principio. È stato in questo modo, istintivamente, che abbiamo potuto abbozzare la psicologia dell’Etrusco o del Babilonese primitivo. Un popolo che, all’epoca pastorale, del resto molto robusta e meravigliosamente dotata per la caccia, fosse stato poco adatto al mestiere di pastore, proprio a causa della sua agilità e delle sue qualità più brillanti, avrebbe dovuto fatalmente soccombere, come soccombe oggi, in una città industriale, un temperamento fuori moda di poeta e di artista. In generale, a ciascun nuovo afflusso di invenzioni capitali che rifondano la civiltà, corrisponde l’avvento di una nuova razza, sia perché la razza già al potere è nata sprovvista dei caratteri necessari a utilizzare le nuove idee nascenti, sia perché, plasmata per molto tempo dalle idee antiche, essa ha anche potuto possedere in passato questi caratteri, ma li ha perduti. Ogni civiltà costituita finisce per crearsi una propria razza; la nostra, per esempio, è in procinto di fabbricarsi l’americano di domani.

  • 34 Si veda la Vie des sociétés [A. Bordier, La vie des sociétés, Paris, Reinwald, 1887], p. 159.

66Concludendo, osserviamo che le cime sociali, cioè le classi o le nazioni maggiormente imitate dalle altre classi o nazioni, sono anche quelle in cui ci si imita reciprocamente di più. Le grandi città moderne si segnalano per un’intensità dell’imitazione interna proporzionata alla densità della loro popolazione e alla varietà multiforme dei rapporti tra i loro abitanti. Di qui il carattere «epidemico e contagioso», come nota correttamente Bordier34, non soltanto di tutte le loro malattie, ma anche delle loro mode, dei loro vizi di tutti i tipi, di tutti i fenomeni caratteristici che si producono al loro interno. Le classi aristocratiche, un tempo, erano contraddistinte da un carattere analogo, e, a un grado eminente, lo erano le corti regali.

 

  • 35 Non bisogna confondere questo tentativo di soluzione del problema della feudalità con un’ipotesi ch (...)

676. La legge che ho appena sviluppato è indubbiamente molto semplice; e credo che, non perdendola di vista, si potrebbero riuscire a risolvere alcuni punti della storia rimasti oscuri. Per non citarne che uno solo, che cosa c’è di più oscuro della formazione del sistema feudale nel periodo merovingio e carolingio? Malgrado Fustel de Coulanges, che ha gettato alcuni lumi sull’argomento rivelando le origini romane di molte istituzioni credute germaniche, gran parte del problema resta ancora da chiarire, e non pretendo, certo, di essere proprio io a dissipare queste ombre. Ma mi permetto di suggerire agli storici che intendono chiarire queste oscurità che essi non hanno forse tenuto sufficientemente conto, tra le altre lacune, degli esempi dati dal re merovingio e dell’irradiamento inevitabile di questi esempi. La maggior parte di loro non ha fatto la fatica di osservare che il legame feudale tra il signore e i suoi vassalli, così come si è istituito e si è generalizzato nei secoli ix e x, assomiglia stranamente al rapporto tra il re e i suoi antrustioni, nella forma in cui aveva luogo in alcuni palazzi reali nei secoli v e vi. Ora, se anche hanno osservato questo fatto, non l’hanno messo al suo posto. L’antrustione è votato anima e corpo al suo re, come il vassallo al suo signore, in cambio della protezione che riceve. È vero che inizialmente l’antrustionato è vitalizio, ma non ha tardato a diventare ereditario, e anche proprietario. «Presto – scrive Glasson – concessioni terriere furono legate all’antrustionato, e questa dignità è stata trasmessa di padre in figlio molto tempo prima che il Capitolare di Kiersky avesse riconosciuto l’ereditarietà dei benefici e delle cariche». Così, i due caratteri principali della feudalità, la territorialità e l’ereditarietà, sono presenti nell’antrustione prima di esserlo nel beneficiario. Che cosa c’è di più naturale del vedere in quest’ultimo un copista moltiplicato del primo35, e, per la stessa ragione, del considerare i beneficiari del beneficiario, i piccoli vassalli del grande vassallo, come una nuova edizione imitativa dello stesso modello? «La questione controversa, si chiede tuttavia Glasson, è quella di sapere se soltanto il re aveva degli antrustioni, o se ne potevano possedere anche i grandi signori. A nostro avviso, non si può fornire nessuna ragione decisiva né nell’uno, né nell’altro senso». Come ammettere che i grandi signori abbiano potuto resistere al desiderio di possedere delle guardie del corpo simili a quelle del monarca? Che si rammenti La Fontaine: «Ogni piccolo principe ha i suoi ambasciatori…». – Altro carattere del legame feudale: il giuramento di fedeltà e di omaggio. Non sarà forse la copia moltiplicata del giuramento di fedeltà prestato al re merovingio dai suoi sudditi? Sotto l’Impero romano non esisteva nulla di analogo. Sarebbe molto sorprendente se questa particolarità non fosse saltata agli occhi, e se, più tardi, quando i sovrani hanno preteso dai loro uomini un giuramento in tutto e per tutto simile a quello, essa non avesse suggerito loro questa idea. – Infine, l’origine della maggior parte dei diritti feudali non si spiega molto naturalmente sulla base di alcune imposte oppure di alcuni canoni che devono essere corrisposti al monarca merovingio? Per esempio, «l’uso – dice Glasson – di corrispondere delle liberalità al re, in alcune circostanze, in particolare in occasione di feste e di matrimoni, esisteva già sotto i Merovingi… I primi Carolingi regolarizzarono questo uso e fecero di questi doni un’imposta diretta». Ora, più tardi, vediamo «sotto il regime feudale i signori esigere liberalità simili dai loro vassalli», proprio nelle stesse circostanze della vita. Tutto ciò non è abbastanza significativo? – Perché non si sarebbero dovuti imitare questi esempi regali, quando è risaputo che se ne imitavano molti altri che, in particolare, contribuiscono a spiegare i caratteri assunti dalla servitù nel medioevo? Ci si è chiesti in che modo il servo dell’epoca merovingia, al quale il suo padrone poteva richiedere qualsiasi tipo di servizio più o meno arbitrariamente, sia potuto diventare il servo dell’xi secolo, obbligato a canoni fissi? Si è risposto facendo osservare che questo cambiamento è avvenuto inizialmente all’interno dei domini reali ed ecclesiastici: «Ciò che la chiesa, le abbazie, il re facevano – sostiene il dotto autore già citato – i signori lo imitavano e il censo tendeva dappertutto a diventare invariabile».

  • 36 [N.D. Fustel de Coulanges, Histoire des institutions politiques de l’ancienne France, t. v: Les ori (...)
  • 37 [Ibidem] p. 332.

68Fustel de Coulanges è troppo chiaroveggente per aver potuto misconoscere del tutto l’importanza degli antrustioni. Nelle sue Origini del sistema feudale 36, in cui studia minuziosamente le fonti romane, gotiche, germaniche della feudalità, dedica alcune pagine, ma alcune pagine soltanto, al giuramento del re, tra tanti altri lunghi capitoli sul precario romano, il beneficio, il patronato ecc. È spiacevole, a mio umile avviso, che abbia messo la prima di queste istituzioni allo stesso livello delle altre, o anche molto al di sotto; e credo che si sarebbe guardato da questo errore se avesse tenuto conto della tendenza universale degli uomini a copiarsi tra loro, e soprattutto se avesse considerato il carattere particolarmente contagioso dell’esempio regale in tutti i periodi storici. In effetti, non si potrebbe vedere nel precario romano, o anche nel beneficio e nel patronato di tutte le provenienze, germanica, romana o gallica, nient’altro che modi di appropriazione del suolo o di assoggettamento delle persone sprovvisti di qualsiasi carattere militare e, in generale, di sanzione religiosa attraverso il giuramento. Si tratta di consuetudini che, senza alcun dubbio, hanno costituito le condizioni, le radici stesse del legame feudale, ma che non lo fondano affatto; sono troppo banali, troppo diffuse nelle nazioni più diverse, per essere sufficienti a rendere conto di una delle forme di società più originali che abbiano visto la luce. Il germe feudale fiorisce soltanto quando queste diverse origini si incontrano in un confluente singolare alla corte del re merovingio, in una forma militare e sacramentale. L’eminente storico, in un passaggio notevole, sembra quasi riconoscerlo: «Noi troviamo già qui – dice riassumendo il suo capitolo troppo breve sul giuramento reale – molti tratti che si conserveranno nella feudalità: troviamo innanzitutto, come fatto essenziale, il giuramento e il contratto; e troviamo anche, come forma caratteristica, il giuramento prestato nella mano del signore, la spada al fianco; troviamo infine alcuni termini che sono altrettanto caratteristici, quello di fedele, quello di amico o di pari, e soprattutto il termine germanico che corrisponde al termine uomo»37. Il corsivo è mio. In verità, non si capisce proprio perché, in seguito, il nostro autore non abbia attribuito maggiore importanza ad analogie così stupefacenti. Si potrà anche rileggere il suo libro, non vi si scoprirà nulla, tra le altre istituzioni analizzate con tanta cura, che richiami così da vicino – sbagliandosi di molto – la feudalità.

69Manca un solo tratto, come ripeto, a questo quadro di una somiglianza così perfetta: il titolo di antrustione è assolutamente personale, non si trasmette per via ereditaria; si diventa antrustioni del re in base a un accordo spontaneo tra le volontà; al contrario, il titolo di vassallo, nel x secolo è ereditario, e, sebbene a ogni generazione sia necessaria una nuova investitura, attraverso la prestazione di un nuovo giuramento di fedeltà e di omaggio, questo fatto serve in realtà soltanto ad attestare il carattere originariamente contrattuale e volontario di una carica divenuta a lungo andare ereditaria e trasmessa attraverso il sangue. Ma questa differenza si spiega attraverso un’altra legge dell’imitazione di cui andremo adesso a parlare, la legge della moda che si stabilizza in consuetudine, cioè del consolidamento ereditario di ciò che ha iniziato col diffondersi contagiosamente da contemporaneo a contemporaneo.

70Del resto, l’ipotesi storica che precede è stata avanzata soltanto a titolo di esempio dei servizi che potrebbe rendere, in mani più abili e sapienti, l’applicazione delle idee generali che stiamo sviluppando.

Notes

1 Nulla eguaglia la stranezza di ogni tipo di culto, se non la sua persistenza. Ma si può dire altrettanto delle lingue. Esse sono costituite da un arbitrario fisso, da un disordine stabilito, eterno come il cielo stellato. Che cosa c’è di più strano, di meno giustificabile razionalmente, dell’impiego della parola gabinetto per designare un gruppo di ministri, o del termine Porta per designare il governo ottomano? Quale rapporto logico c’è tra i termini cavallo, equus, ippos, e l’animale che rappresentano? Tuttavia non c’è stata legge, per quanto utile e sensata, che sia stata obbedita con la stessa puntualità, la stessa costanza, lo stesso rispetto, dell’uso di impiegare le parole ricevute, per quanto bizzarre possano essere. Parimenti, quale somiglianza c’è, in fondo, tra questa successione sacramentale di cerimonie che chiamiamo messa, e il sentimento di alta moralità, di raffinata spiritualità, che essa serve a esprimere tra le popolazioni cattoliche? Messa è anche una parola; e conosciamo la tenacia di questa antica parola. Questo deriva dalla difficoltà, per tutto un popolo contemporaneamente, di accordarsi sulla scelta di un’espressione migliore oppure di rinunciare ai propri bisogni espressivi, sacri o profani, difficoltà realmente insormontabile, dato che l’accordo in questione può avvenire soltanto per propagazione imitativa, e non per convenzione. – Ecco perché le persecuzioni religiose, che tendono a sopprimere o a sostituire un culto, sono apparentemente così razionali, mentre in realtà sono la cosa più assurda che ci sia, più o meno come le persecuzioni linguistiche. Queste ultime, che sono finalizzate alla sostituzione di una lingua a un’altra, talvolta non avrebbero successo senza il favore dell’imitazione spontanea del superiore, del vincitore, da parte del vinto.

2 Ce ne sono di molto strani. Nel momento in cui si consuma il matrimonio dell’imperatore cinese, la sera delle nozze, due importanti personaggi, presenti a questa solennità, cantano un duo d’amore nell’alcova imperiale.

3 Tutto quello che c’è di vero nei capitoli di Spencer relativi a quello che egli chiama il governo cerimoniale conferma implicitamente quanto abbiamo detto in precedenza. L’autore sembra credere, a torto, che la cerimonia attualmente stia diminuendo, e che essa regni in tutta la sua forza soprattutto agli inizi delle società. Ma quelle che egli assume come società primitive avevano già un lungo passato dietro di sé, in cui lentamente si era formato il cosiddetto governo cerimoniale.

4 A dire il vero, questo corso dall’interno all’esterno, dalla cosa significata al segno, risponde a un innato bisogno di logica e, di conseguenza, le considerazioni che lo riguardano avrebbero potuto trovare posto, fino a un certo punto, nel capitolo precedente.

5 Il più vivo piacere dei bambini è quello di riprodurre tutti i rumori che li colpiscono, ancor più che di copiare i gesti delle persone che li circondano.

6 Almeno durante il periodo ascendente di un popolo. È riservato al suo declino vedere i giudizi denigratori diffondersi più rapidamente dei giudizi ammirati.

7 Inoltre, il comando era originariamente un esempio dato, e si possono seguire le gradazioni di questa trasformazione progressiva dell’esempio in comando. Le ho indicate nella prefazione alla mia Logique sociale [cit.] (pagina vii): «In un branco di scimmie, di cavalli, di cani, di api e anche di formiche, il capo [chef] dà l’esempio dell’atto che ordina in pectore, e il resto del branco lo imita. Possiamo vedere gradualmente l’intenzione imperativa, inizialmente confusa con l’iniziativa dell’atto comandato, separarsi da questa. Il capo si limita ad abbozzare l’atto, più tardi ne fa soltanto il gesto. Dal gesto si passa al segno: questo segno è un grido, uno sguardo, un comportamento, e infine un suono articolato. Ma, in tutti i casi, la parola risveglia l’immagine dell’azione da compiere – azione conosciuta, beninteso, poiché non si può descrivere un lampo di genio – e questa immagine è l’equivalente dell’esempio dato inizialmente dal capo».

8 Dev’essere così, osserviamolo, se vogliamo che l’azione a distanza da un cervello all’altro, che chiamo imitazione, sia assimilabile alla suggestione ipnotica, almeno quanto un fenomeno normale e continuo può essere paragonato a un’anomalia rara di cui costituisce la riproduzione estremamente indebolita, ma su grande scala. Sappiamo fino a che punto l’ipnotizzato possa essere credulo, docile e buon commediante; sappiamo anche quanto la personalità che gli viene suggerita si insinui profondamente in lui, e quanto essa penetri o sembri penetrare innanzitutto all’interno del suo cuore, del suo carattere, prima di esprimersi attraverso le sue attitudini, i suoi gesti e il suo linguaggio. Il suo carattere dominante, è la sua credulità e la sua perfetta docilità.

9 «In tema di abbigliamento – dice Bodin – si considererà sempre sciocco e goffo chi non si conforma alla moda corrente, che ci è giunta dalla Spagna, come il guardinfante».

10 A partire da un certo punto, le disuguaglianze sociali sono tanto più faticose da sopportare da parte degli inferiori quanto meno sono profonde. Il motivo è che, diminuendo al di sotto di un certo livello, esse non producono più l’ammirazione, la credulità, l’obbedienza, tutte disposizioni favorevoli alla forza del corpo sociale, e perdono così la loro ragion d’essere. Allora esse ispirano l’invidia che è necessaria a farle scomparire. Le esigenze dell’utile, in questo caso, sono analoghe a quelle del bello, che non ammette via di mezzo tra un’ellissi disegnata chiaramente e un cerchio, tra un parallelogramma ben definito e un quadrato. Non appena la sproporzione tra i due assi dell’ellisse, tra la lunghezza e la larghezza del parallelogramma, smette di essere sufficientemente accentuata, il senso estetico vuole che venga soppressa, e lo vuole tanto più fortemente quanto più si avvicina all’uguaglianza quasi completa. – Ora, con il realizzarsi di un’uguaglianza quasi completa anche tra le diverse classi di una società, la stessa invidia, avendo terminato la sua opera assimilativa, tende a scomparire; e questa opera a quel punto si trova compromessa proprio da questo eccesso. Un bisogno di differenza individuale, di disassimilazione, oppure, come si suol dire, di libertà, si sviluppa grazie all’uguaglianza che deriva dalla somiglianza; e la società ritornerebbe alla divisione della barbarie, se non sorgessero continuamente nuovi motivi di disuguaglianza. Ma essi sorgono sempre.

11 Non voglio negare che, talvolta, l’esterno del modello venga imitato escludendo il suo interno. Ma quando si comincia in questo modo, come fanno spesso le donne e i bambini (eppure meno spesso di quanto si pensi), partendo dall’imitazione esterna, ci si limita a essa; mentre, partendo dall’imitazione interna, si passa in seguito all’altra. Dostoevskij racconta che dopo alcuni anni trascorsi al bagno tra i galeotti, dal punto di vista dell’aspetto esteriore assomigliava a loro: «Le loro abitudini, le loro idee, i loro costumi, si stringevano su di me, e divennero miei esteriormente, senza tuttavia penetrare nel mio foro interiore».

12 «Il cerimoniale è il grande museo della storia», dice molto giustamente Paul Viollet. Se è vero, e non se ne potrebbe dubitare, bisogna scartare l’idea che si fa Spencer della cerimonia, considerata come il governo primitivo. Un museo, lungi dall’essere qualcosa di primitivo, che, inizialmente completo, si impoverirebbe con il passare del tempo, si forma e cresce soltanto a lungo termine, rinnovandosi da un’epoca all’altra.

13 I Giapponesi, a quanto pare, prima di entrare in comunicazione con la Cina, possedevano una scrittura o anche diverse scritture sillabiche molto più comode e più utili della scrittura cinese. Malgrado questo fatto, non appena il prestigio della superiorità che essi attribuivano ai mandarini si è fatto sentire su questo giovane popolo così fortemente suggestionabile, esso ha adottato la scrittura cinese, che ha contribuito a ostacolare i suoi progressi.

14 [H. Baudrillart, Histoire du luxe privé et public, depuis l’antiquité jusqu’à nos jours, Paris, Hachette, 1878-1880, 4 voll.].

15 Fin dove possa spingersi questa tendenza, lo possiamo vedere dall’esempio seguente. Nel 1705, secondo il marchese d’Argenson, i valletti dei grandi signori possedevano a loro volta dei domestici.

16 In Germania accadeva lo stesso, come è stato abbondantemente provato da Jean Janssen nel suo L’Allemagne à la fin du Moyen âge [ed. orig. 1878; trad. fr. di G.A. Heinrich, Paris, Plon, 1887]. Per esempio, nel xv secolo «in Pomerania e nell’isola di Rugen, i contadini erano ricchi; essi indossavano vestiti inglesi e altri abiti costosi, simili a quelli che portavano un tempo la nobiltà e i borghesi agiati». Queste righe sono di uno storico pomeraniano dell’epoca, Kanzow. Da certe prediche sappiamo che i contadini indossavano dei vestiti di seta. – In Italia, secondo Burckhardt, nello stesso periodo, assistiamo alla stessa discesa del lusso in tutte le classi.

17 Questo contagio del lusso è spesso servito da veicolo a utili diffusioni: «Le nostre specie (animali) più utili – dice Bourdeau in Conquête du monde animal [cit.] – sono state inizialmente allevate per divertimento piuttosto che in vista dei vantaggi, allora ignoti, che il loro sfruttamento poteva procurare. La stessa ragione ci fa ricercare ancora oggi le specie nuove e singolari, e, in epoca primitiva, ogni animale catturato possedeva questa attrattiva della stranezza. Una volta, in Grecia e a Roma, si offriva, come uccello di piacere, un’oca o un’anatra a un ragazzo o a una donna amata. Fin dall’epoca di Cesare, i Bretoni allevavano, per sfoggio di lusso, polli e oche senza cibarsi della loro carne…; nel xvi secolo, il tacchino e l’anatra indiana erano presenti nei parchi signorili prima di decadere al rango di semplici volatili ed essere relegati nei cortili… Questo corso è logico e forzato. Soltanto le classi ricche sono in grado di offrire educazioni costose ed esperienze incerte; ma, quando il successo è acquisito, il guadagno diventa generale».

18 Se la nobiltà gallica, dopo la conquista, ha cominciato ad adottare la lingua e gli usi romani, è perché essa ha sentito per la prima volta la superiorità di Roma. – Perché gli Indiani d’America non si sono mai civilizzati all’europea? Perché un immenso orgoglio impediva loro di considerarsi inferiori agli angloamericani. Al contrario, i neri d’America, abituati a riconoscere la supremazia dei bianchi, anche dopo l’abolizione della schiavitù, hanno conservato una tendenza molto vivace e molto marcata a copiare in tutto e per tutto i loro padroni o i loro antichi padroni.

19 Preveniamo un’obbiezione. Ci si potrebbe replicare che imitando le mode straniere in fatto di abbigliamento, di armi e di mobili, l’aristocrazia mediterranea al tempo dei Fenici, e l’aristocrazia europea al tempo del commercio di Venezia, andava ab exterioribus ad interiora; ma sarebbe un errore. Essa subiva il prestigio di una nazione dominante, l’Egitto o l’Assiria, l’Italia o Costantinopoli, che l’aveva invasa prima con la sua letteratura, poi con le sue arti, e infine l’aveva soggiogata con la sua gloria: la funzione sociale delle aristocrazie è quella di iniziare le popolazioni all’ammirazione e all’invidia dello straniero, e di aprire così la strada all’imitazione-moda, che si sostituisce all’imitazione-consuetudine.

20 Ancora un esempio: è attraverso l’aristocrazia romana, all’epoca degli Scipioni, che le idee greche, la lingua e la civiltà greca, sono penetrate a Roma.

21 Succede talvolta, anche abbastanza spesso, che i conquistatori prendano esempio dai vinti, attingano ai loro usi, alle loro leggi, alla loro lingua. I Franchi in Gallia si sono latinizzati, hanno parlato romano… È avvenuto lo stesso per i Normanni in Inghilterra, per i Waregi in Russia ecc… Ma ciò è accaduto perché, in questo caso, il conquistatore avvertiva la superiorità sociale del vinto. E più questa superiorità era reale e sentita, più il vinto veniva copiato fedelmente dal vincitore. L’Anglosassone era di poco superiore al Normanno di Guglielmo, e così è avvenuta la fusione tra le due civiltà, in particolare tra le due lingue, in una sola civiltà, in una nuova lingua, piuttosto che il trionfo dell’elemento sassone. – Sappiamo, inoltre, che la nobiltà gallo-romana si era conservata malgrado l’invasione, e continuava a dare il tono.

22 In India, secondo Barth, alla testa di tutte le innovazioni religiose, da cui in questo paese provengono tutti i possibili cambiamenti, troviamo dei brahmani.

23 L’abate Petitot, l’istruttivo viaggiatore, osserva che, presso gli eschimesi, gli uomini, ma non le donne, fanno la loro preghiera il mattino e la sera. Da noi accade più spesso il contrario. A questo proposito, la “Revue scientifique” (21 novembre 1888) fa notare con ragione che «in tutti i popoli primitivi, la religione, come la caccia e la guerra, è appannaggio degli uomini» [L. Quesnel, Les Esquimaux, d’après M. Petitot, “Revue scientifique”, a. xxv (24 novembre 1888), t. xvi, n. 21, pp. 670-674. La citazione si trova a p. 673]. Da questo fatto si è in diritto di indurre che, se la religione più tardi sopravvive nel cuore e nelle abitudini delle donne, è perché esse l’hanno ricevuta originariamente attraverso l’esempio dei loro signori e padroni. Ancora una conferma della nostra legge.

24 «Come può accadere – si chiede Melchior de Vogüé – che i neri feticisti (braccati dai cacciatori di uomini, dai negrieri musulmani), adottino con tanta facilità la credenza dei loro persecutori (l’islamismo)?» – Imitazione del superiore. Ma bisogna anche che il superiore sia abbastanza vicino e che la superiorità non sia troppo grande da scoraggiare l’imitazione. Ecco perché il cristianesimo, tra i neri, fa pochi progressi, mentre l’islamismo fa conquiste tanto rapide quasi quanto quelle di Maometto.

25 Tocqueville (Démocratie en Amérique) [De la démocratie en Amérique, Paris, Gosselin, 1835-1840, 4 voll.; trad. it. di N. Matteucci, Scritti politici, vol. ii: La democrazia in America, Torino, Utet, 1968] ha mostrato magistralmente che «il dominio dei giornali deve crescere insieme all’uguaglianza degli uomini».

26 [A. Luchaire, Les communes françaises à l’époque des Capétiens, Paris, Hachette, 1890].

27 Si veda l’Histoire générale di Lavisse e Rambaud, t. ii, p. 431 e segg. [E. Lavisse – A. Rambaud, Histoire générale du ive siècle à nos jours, t. ii, L’Europe féodale: les croisades (1095-1270), Paris, Colin, 1893].

28 A prima vista, la legge dell’imitazione dall’alto in basso sembrerebbe inapplicabile alla diffusione del cristianesimo, che si è propagato inizialmente nelle classi inferiori. È vero che i suoi progressi non sono stati molto veloci fino al giorno in cui ha raggiunto le classi superiori e la stessa corte dei Cesari. Ma bisogna soprattutto osservare che il cristianesimo ha cominciato a diffondersi nelle città, innanzitutto nelle grandi città, e si è propagato soltanto tardivamente nelle campagne in cui erano rimasti gli ultimi contadini (pagani). Fustel de Coulanges (Monarchie franque, p. 517) [Histoire des institutions politiques de l’ancienne France, t. iii: La monarchie franque, Paris, Hachette, 1888] fa osservare questa propagazione urbana della fede cristiana. In quel tempo il cristianesimo si è diffuso attraverso le capitali, come il socialismo ai giorni nostri. «Questo male contagioso – scrive Plinio a Traiano – si è propagato non soltanto nelle città, ma anche nei borghi e nei villaggi».

29 Come tutte le altre branche dell’arte oratoria, la predicazione, nel passato, ha avuto le sue mode, la cui varietà serviva da compensazione alla relativa immutabilità del dogma. Anche in questo caso si applicano le leggi dell’imitazione. Quando è nata la scolastica, alla Sorbona, i predicatori, in principio parigini, poi provinciali, e infine rurali, hanno cominciato a pregare in quello stile, e bisogna conoscere la forza ordinaria delle correnti imitative per comprendere come questo modo di pregare così secco e rivoltante abbia potuto stabilirsi. Più tardi, alla corte educata di Luigi XIV, i predicatori, diventati anch’essi mondani e cortigiani, hanno adattato il linguaggio del mondo ai loro sermoni di Avvento, di Quaresima, o altri; e, a poco a poco, dalla corte alla città, dalla città alle grandi e poi alle piccole cittadine, si è diffusa questa riforma. Ma, al tempo in cui scriveva La Bruyère, questo uso aveva appena iniziato a diffondersi, come possiamo vedere da questo pensiero: «Si è infine bandita la scolastica da tutte le cattedre delle grandi città, e la si è relegata nei borghi e nei villaggi per l’istruzione e per la salvezza del contadino e del vignaiolo».

30 La politicomania, come l’ubriachezza, ha cominciato con l’essere un privilegio delle classi superiori. Nell’ultimo secolo questo furore imperversava tra i grandi signori, le grandi dame, i letterati; mentre il popolo e anche la piccola borghesia rimanevano relativamente indifferenti a questo tipo di emozione. Ai giorni nostri, le classi alte, istruite, tendono a disinteressarsi delle questioni politiche, oppure ne parlano con un’eccessiva moderazione. Nelle conversazioni mondane, questioni di questo tipo intervengono di passaggio, tra due storielle di attrici, come possiamo vedere dal poco spazio che occupano nei giornali che rappresentano il “bel mondo”. Ma, a misura che la passione per questi pericolosi problemi si acquieta in alto, essa discende, diffondendosi, di strato sociale in strato sociale, fino ad arrivare al tufo rurale. Viene il momento in cui politicomania e alcolismo combinati portano al culmine la follia delle masse. – Non voglio, certo, assimilare la fede e le pratiche religiose, o anche superstiziose, a queste due aberrazioni. Ma mi sarà concesso di indicare, come una delle spiegazioni della religiosità delle masse popolari, che il culto, nella remota antichità, ha cominciato con l’essere un lusso riservato a un’élite patrizia, prima di diventare un bisogno generale volgarizzato tra i plebei.

Non è soltanto, per fortuna, la passione politica a essersi propagata in questo modo, ma anche, e nello stesso tempo, l’amor di patria. Il sentimento del patriottismo è nato inizialmente tra i ranghi della nobiltà, da cui è disceso in seguito, e un po’ alla volta, per imitazione, tra i ranghi della borghesia e del popolo. Si può credere su questo punto a Perrens, lo storico democratico. Il «sentimento patriottico», dice, si è popolarizzato soltanto in seguito alla guerra dei Cent’anni, ma esso «era già vecchio tra i gentiluomini: era apparso fin dal xii secolo nei poemi che si ispiravano a essi. Douce France è, fin da allora, un’espressione favorita della poesia cavalleresca. Dopo il disastro di Poitiers, esso esplode per un momento tra i borghesi e nel piccolo popolo».

31 È stato osservato che tutte le province romane a ovest dell’Adriatico sono state romanizzate più o meno facilmente, adottando le leggi, la lingua, i costumi di Roma (Italia, Sicilia, Spagna, Gallia, Germania ecc.), mentre a est la civiltà e la lingua greche si sono mantenute e propagate anche dopo la conquista della Grecia. Ciò è accaduto perché la superiorità dei conquistatori veniva riconosciuta da parte dei vinti occidentali, Celti, Iberi, Germani, mentre la civiltà ellenica, nonostante la sua sconfitta, ha rifiutato di riconoscersi inferiore ai barbari del Tevere, e ha conservato, al contrario, l’orgoglioso sentimento della sua supremazia intellettuale. Per la stessa ragione, i Gallo-Romani, sconfitti in seguito, resistettero all’assimilazione germanica. – Un fatto del tutto analogo ha luogo tutte le volte che una plebe giunta al potere comincia a imitare le maniere e i costumi dell’aristocrazia decaduta, alla quale si continua a riconoscere lo scettro dell’eleganza. Il prestigio di Roma, di Costantinopoli, e anche di Atene, è aumentato attraverso le loro stesse sconfitte.

Come vediamo, tutta la storia romana si spiega, dal punto di vista esterno, in base alla legge dell’imitazione dall’alto in basso. Dal punto di vista interno, si spiega allo stesso modo. La plebe romana si è innalzata soltanto copiando prima i costumi, e poi gli attributi dei patrizi, e anche i loro privilegi, a cominciare dal matrimonio legale.

32 Aggiungiamo che l’idea di nobiltà si è formata in un’epoca in cui, essendo molto semplici gli strumenti e i procedimenti militari, le qualità fisiche o morali necessarie al loro sfruttamento si sviluppavano senza fatica attraverso un’educazione adeguata, e si trasmettevano facilmente attraverso il sangue – molto più facilmente dei caratteri raffinati posseduti dai cervelli moderni. Il figlio di un valoroso guerriero era dunque, a buon diritto, lui stesso considerato valoroso.

33 Da ciò consegue che, dappertutto, in un certo momento storico, le classi superiori sono formate da razze più incrociate, più complesse, più artificiali delle classi inferiori. In Egitto, il fellah è rimasto simile agli antichi Egizi, mentre i suoi capi hanno perso il tipo antico. – Più una classe è alta, più si allarga il campo territoriale dei matrimoni; la nobiltà francese d’Ancien régime si sposava tanto più lontano dal suo luogo d’origine quanto più si trovava in alto. Alla sommità c’era la famiglia reale che aveva come dominio matrimoniale l’Europa intera.

34 Si veda la Vie des sociétés [A. Bordier, La vie des sociétés, Paris, Reinwald, 1887], p. 159.

35 Non bisogna confondere questo tentativo di soluzione del problema della feudalità con un’ipotesi che è stata fatta a proposito dell’origine della nobiltà. Ci si è chiesti «se la nobiltà franca non derivi (fisiologicamente), dagli antrustioni». Glasson lo nega, e, sembra, con ragione. I nobili sono nati (nel senso vitale della parola) da funzionari reali le cui funzioni sono divenute ereditarie. Ciò non impedisce che, conquistando questa eredità, essi abbiano dovuto pensare agli antrustioni e che, in seguito, abbiano voluto possedere essi stessi degli antrustioni.

36 [N.D. Fustel de Coulanges, Histoire des institutions politiques de l’ancienne France, t. v: Les origines du système féodal, Paris, Hachette, 1890].

37 [Ibidem] p. 332.

© Rosenberg & Sellier, 2012

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search