Version classiqueVersion mobile

Libertà e Natura

 | 
Emilio Carlo Corriero

Cosa è natura?

Emilio Carlo Corriero

Ai miei cari nonni

Texte intégral

  • 1 Si veda E.C. Corriero, Ripensare Schelling, introduzione a I.H. Grant, Filosofie della natura dopo (...)

1Sovente la ricerca ha pensato alla filosofia di Schelling come a una successione di fasi talvolta persino prive di una adeguata connessione teorica; negli ultimi anni si insiste molto, invece, sulla coerenza interna al percorso filosofico di Schelling, spesso individuando nel pensiero sulla natura quel fil rouge che dal periodo cosiddetto critico-fichtiano conduce sino alle tarde lezioni sulla filosofia positiva. I motivi che stanno alla base di questa linea interpretativa, privilegiata dalla recente Schelling renaissance1, sono molteplici e trovano argomentazioni diverse.

2A sostegno della tesi che individua nella Naturphilosophie il Leitmotiv del programma filosofico di Schelling troviamo infatti sia argomentazioni di tipo storico-ricostruttivo, volte anzitutto a evidenziare l’originalità della sua filosofia affrancandola dal debito inizialmente contratto con Fichte e liberarandola poi dalla lettura hegeliana e posthegeliana – che tende a descriverla come una tappa da superare per giungere al compiuto Sistema del sapere –, sia tesi apertamente teoretiche che mirano a restituire Schelling al variegato dibattito filosofico contemporaneo, come è accaduto per esempio per la “svolta speculativa”, per il “nuovo realismo”, per l’attuale riflessione sul tema del “fondamento”, o per la ripresa della “metafisica della natura”.

3Lungo la strada che ha portato all’affermazione della tesi per così dire “continuista” in riferimento alla complessa e articolata opera filosofica di Schelling, il saggio di Walter E. Erhardt Nur ein Schelling ha avuto senz’altro un ruolo centrale. Quello scritto del 1977 presentava il pensiero del filosofo di Leonberg come uno sviluppo coerente e unitario che poggiava, però, non sulla questione della natura bensì sul concetto di libertà, tema che già nel 1795 Schelling stesso definiva in una lettera a Hegel come «l’alfa e l’omega della filosofia».

4A tutta prima sembra che le due posizioni, pur convergenti in quanto all’ipotesi della continuità teorica della parabola filosofica di Schelling, siano in contraddizione nei contenuti e finiscano così per dare conferma della difficoltà di affermare la coerenza teorica del filosofo. A ben vedere non è così. Non v’è dubbio che sia il tema della libertà a costituire l’asse portante del percorso schellinghiano, ma l’approccio filosofico che per Schelling può afferrarlo e dispiegarlo, per l’appunto filosoficamente, in tutta la sua complessità è quello offerto dalla sua Naturphilosophie, ovvero da una “filosofia della natura” in cui a prevalere sia il significato “soggettivo” del genitivo.

5Quella di Schelling non è infatti da intendersi come una sorta di “filosofia seconda” volta a indagare l’ambito della natura con gli strumenti propri dell’indagine filosofica. Per certi versi, in quanto si rivolge espressamente all’essere stesso o all’esistente in generale, come Schelling afferma in più luoghi, può essere definita come “filosofia prima”, anche se neppure questa definizione è di per sé sufficiente a chiarire l’originalità che si accompagna al progetto del filosofo di Leonberg, dal momento che mediante tale definizione non si coglie appieno l’idea di natura in quanto soggetto, origine o arché dell’essere in generale.

6La Naturphilosophie di Schelling è cosa affatto diversa sia dall’epistemologia, che si occupa della giustificazione e dell’espressione formale delle teorie scientifiche, sia dalla “metafisica della natura”, la quale intende offrire una visione d’insieme della natura sulla base dei risultati della scienza. Questi due aspetti sono senz’altro presenti all’interno della “filosofia della natura” schellinghiana e coprono per così dire il significato “oggettivo” del genitivo, in quanto guardano alla natura come all’oggetto privilegiato dell’indagine filosofica in generale: basti pensare per esempio, per quanto attiene al versante per così dire epistemologico, alla formulazione della dottrina delle potenze all’interno di un sistema dell’Identità o ancora alla definizione della teoria della predicazione dei Weltalter, o, per quanto riguarda la proposta teorica di una forma di “metafisica della natura”, a come i tentativi sistematici che, dal Primo abbozzo di un sistema di filosofia della natura sino ai Weltalter, passando evidentemente per le Ricerche filosofiche sull’essenza della libertà umana e per le Lezioni private di Stoccarda, intendano offrire una visione unitaria della natura (intesa come l’essere in generale) coerente con le evidenze scientifiche del tempo.

7Tuttavia, tanto l’atteggiamento “epistemologico” quanto quello per così dire “metafisico” non sono in grado di descrivere la Naturphilosophie di Schelling nella sua complessità, poiché la sua originalità sta piuttosto nel riconoscere la “soggettività” mai del tutto oggettivabile della natura, e nel presentarsi come diveniente espressione del divenire (e non dunque come elaborazione concettuale propria di una filosofia seconda, la quale determina la natura oggettivandola), che scaturisce dalla natura stessa facendo inevitabilmente parte di essa non come suo prodotto inerte, ma come articolazione dinamica e a sua volta produttrice; solo in quest’ottica si comprende cosa intenda Schelling nel Primo abbozzo affermando che «filosofare sulla natura significa creare la natura stessa» (SW, I/3, p. 5).

8La particolare nozione di natura che Schelling comincia ad articolare sin dagli anni Novanta del Settecento, combinando assieme il concetto kantiano come «insieme di tutte le cose» con quello greco che vede la Phýsis in quanto origine che custodisce gli enti nel loro divenire e come produttività permanente, contribuisce a determinare una Naturphilosophie la quale si presenta come una filosofia dinamica che, per poter pensare e ‘dire’ la natura nel suo procedere, non può prescindere da una concezione identitaria di spirito e natura: senza di essa, infatti, non si potrebbe aggirare l’impropria e apparentemente inevitabile oggettivazione della natura. Proprio della natura (come Phýsis) è infatti il nascondersi. Non nel senso che essa sfugga all’oggettivazione, ma piuttosto nel senso che quella oggettivazione, necessaria al conoscere riflessivo e determinante, non restituisce la natura come arché infinitamente potenziale – ossia come ciò che produce e accompagna costantemente i suoi prodotti –, ma soltanto gli enti (apparentemente) isolati dal divenire originario e permanente, che pure li comanda e determina, e afferrati nel Begriff, che li descrive e delimita. «Il concetto di essere come di qualcosa di originario – afferma Schelling – va semplicemente eliminato dalla filosofia della natura» (SW, I/3, p. 12); di questa origine diveniente e onnipervasiva che è la natura stessa non si può avere concetto: non può darsi infatti una conoscenza riflessiva dell’arché, essa richiede piuttosto una nuova razionalità e appunto una filosofia (la Naturphilosophie) che assume la prospettiva soggettiva di ciò che intende indagare riconoscendo che la natura tutto include, compreso l’inafferrabile passato “presupposto” al “soggetto”, che partecipa della Soggettività della natura volendola “esprimere” e così continuare.

9Nel conoscere riflessivo, noi cogliamo soltanto la natura oggettivata, vale a dire gli enti che, slegati dalla totalità diveniente-producente, non sono altro che mé ónta rispetto all’Assoluto diveniente che li origina e sempre li custodisce presso di sé. Ciò che caratterizza il nascondersi della natura è infatti la sua insopprimibile soggettività. La sua diveniente Urständlichkeit la rende inconoscibile, poiché proprio del conoscere è soltanto l’oggettivare o entificare del greifen (afferrare) del Begriff (concetto). Ma concetto e divenire si escludono reciprocamente, dal momento che non si dà concetto che di ciò che permane, di ciò che si lascia afferrare e appunto com-prendere (begreifen).

10Il sistema dinamico dell’identità è volto invece a cogliere quella soggettività senza oggettivarla, ma piuttosto “ri-conoscendola” come radice comune e unica, a cui si può “partecipare” non nella forma del conoscere, ma semmai nella forma della co-scienza, ossia di ciò che più tardi Schelling avrebbe descritto come Mit-wissenschaft dell’origine.

11Tale prospettiva filosofica, che potrebbe anche essere definita come un “Idealismo della natura”, impedisce l’oggettiva-determinazione della natura nell’ente, nel ‘prodotto’ (o nella somma dei prodotti) e quindi nel concetto che lo delimita, per poter cogliere e descrivere invece il continuo divenire della sua inesauribile ‘produttività’, la sua potenzialità, la sua dýnamis, la quale consente e include fra i suoi prodotti lo stesso “sapere” intorno a lei.

12In quest’ottica si inizia a comprendere la vicinanza del concetto schellinghiano di natura alla libertà originaria o ontologica, che è al centro di tutto il suo progetto filosofico. Proprio e solo mediante un atto di libertà si riconosce, per Schelling, la necessità di porsi fuori dalla contrapposizione soggetto/oggetto e farsi così uno con la libertà dell’origine che tutto in sé conserva e da cui tutto proviene.

13La Naturphilosophie non è semplicemente “filosofia prima” in quanto ha per “oggetto” l’essere stesso o l’esistente in generale, poiché così si presenterebbe comunque come una forma di Wissen (sapere) che nel conoscere ‘determina’ l’oggetto. Essa è una forma di sapienza, Weisheit, che è anche una filosofia dinamica e positiva, come dimostra lo stesso metodo speculativo che le si accompagna. Per Schelling, la Naturphilosophie è la sola forma di riflessione filosofica in grado di riconoscere la soggettività della natura (la sua Urständlichkeit, la sua piena autonomia), e di assumerla quale via di espressione-esplicazione di ciò che esiste e diviene. Non può esserci sapere (Wissen) della natura così come non può darsi sapere della libertà: della natura in quanto libero soggetto dell’essere in generale che tutto include (compreso il soggetto che vorrebbe ‘filosoficamente’ parlarne) non può evidentemente darsi conoscenza, a essa si accede non per la via del sapere ma semmai, come afferma Schelling nelle Conferenze di Erlangen, per la via della Weisheit, che è sempre un sapere anche pratico, in quanto crea.

14La via della sapienza, che procede dalla Mit-wissenschaft originaria, richiede un’estasi della ragione che nulla ha a che fare con una sorta di mistico abbandono della razionalità, ma anzi con un ripensamento generale del punto di vista e delle prerogative della ragione stessa. Con l’estasi della ragione, Schelling intende infatti ricondurre il soggetto all’unione originaria con il Soggetto che la natura stessa sempre è, e dunque fuori da quella contrapposizione soggetto/oggetto propria della conoscenza meramente riflessiva, che Schelling non esita a definire, nella Introduzione alle Idee per una filosofia della natura, come una «malattia dello spirito umano» (SW, I/2, p. 13).

15*

16Il pensiero della “libertà della natura”, che guida l’intero percorso di Schelling, evidenzia nei tentativi falliti di definire un Sistema del sapere come il conoscere meramente riflessivo non possa fornire l’accesso alla radice comune che precede la separazione soggetto/oggetto. A fronte di ciò la Naturphilosophie offre progressivamente la base teorico-speculativa per tendere e partecipare alla “natura della libertà” continuandola, e accompagna il procedere del filosofo sino ai tentativi di fondazione della filosofia positiva, laddove emerge in tutta la sua evidenza il problema del thaûma dell’Esistente, della libertà del Prius, ovvero della sua imprepensabile Urständlichkeit mai oggettivabile.

17In questa prospettiva si può comprendere come la filosofia di Schelling, invero tutta orientata a illuminare la questione della libertà, si presenti in fondo come il coerente e coraggioso tentativo (naturfilosofico) di dare risposta a un’unica domanda: “Cosa è natura?” La questione posta in questi termini non apre semplicemente la strada a un’ontologia come parrebbe di primo acchito. Non si tratta infatti per Schelling di rispondere alla domanda “cosa c’è? Cosa esiste?”, bensì di partire da una nozione assai più problematica, quella di natura, che appunto in sé certamente include anche una risposta di carattere ontologico, volta a chiarire cosa la natura sia in quanto somma di enti che si manifestano e appaiono a un “soggetto” che li conosce, ma soprattutto una risposta di carattere dinamico-speculativo, che deve esprimere il divenire della natura in quanto arché inesauribile e mai del tutto oggettivabile. Rispondere alla domanda “cosa è natura?” porta dunque Schelling a indagare la Soggettività di quell’oggetto impossibile, la sua insopprimibile libertà, e dunque lo conduce sulla strada di un ripensamento generale della ragione che di quell’ “oggetto” vuol parlare.

 

18I saggi qui raccolti e organizzati per sezioni procedono lungo l’inestricabile relazione tra natura e libertà, che qui ho appena voluto delineare, mostrando come tale nesso trovi espressione e conferma nelle principali tematiche affrontate da Schelling nella sua lunga carriera filosofica, dall’ambito strettamente teoretico a quello morale, da quello politico a quello estetico.

  • 2 I.H. Grant, The hypothesis of nature’s logic in Schelling’s Naturphilosophie, in The Palgrave Handb (...)
  • 3 Frank aveva esposto i nuclei essenziali della conferenza già a New York nel 2014, in occasione del (...)
  • 4 M. Frank, Reduplikative Identität. Der Schlüssel zu Schellings reifer Philosophie (Schellingiana, B (...)

19Libertà e natura. Prospettive schellinghiane si apre dunque con una prima sezione “teoretica” in cui troviamo il saggio di Iain Hamilton Grant, L’ipotesi della logica della Natura nella Naturphilosophie di Schelling, pubblicato in inglese nel 2014 nel volume The Palgrave Handbook of German Idealism 2, e il contributo di Manfred Frank, L’identità reduplicativa. Una chiave di lettura per la tarda filosofia di Schelling, testo inedito della conferenza tenuta da Frank a Torino nel 2016, nell’ambito del convegno internazione Schelling. Myth, Nature, Realism, su temi che sono al centro della sua riflessione sul pensiero del filosofo tedesco già da alcuni anni3 e che trovano uno sviluppo più ampio nella monografia di prossima pubblicazione all’interno della collana Schellingiana dell’editore Frommann-Holzboog4.

20Se nel suo testo Grant, continuando le tesi del suo Filosofie della Natura dopo Schelling, introduce la peculiarità del progetto teoretico sotteso alla Naturphilosophie di Schelling, indagando le condizioni di possibilità per la comprensione della natura come struttura autoepistemica, nel saggio di Manfred Frank, si dà seguito all’idea schellinghiana per la quale «la Naturphilosophie può sorgere esclusivamente da un sistema dell’Identità» (SW, I/5, p. 116), mostrando come il filosofo tedesco sia costantemente impegnato nel tentativo di perfezionare la formulazione del pensiero dell’identità e la sua teoria della predicazione.

 

  • 5 Il saggio è stato pubblicato per la prima volta in tedesco nel volume di Sandkühler, Idealismus in (...)

21I saggi di questa prima parte costituiscono la premessa per la sezione “etica” del volume, in cui i saggi di Emilio Carlo Corriero, Libertas sive Natura. Etica come ontologia in Schelling, e di Hans Jörg Sandkühler, La libertà umana e la necessità del diritto e dello stato5, indagano in chiave morale e politica la relazione libertà-natura aperta e articolata in chiave epistemica e predicativa dai contributi di Grant e Frank. Nel saggio Libertas sive Natura si mostra come nella filosofia di Schelling etica e ontologia siano indissolubilmente connesse, in quanto determinate dalla relazione antinomica che lega libertà e natura e che Schelling tenta di risolvere sulla base di una reinterpretazione in chiave dinamica e identitaria della natura naturans di Spinoza. La riflessione sui fondamenti etici della filosofia di Schelling comporta una adeguata verifica sulla dottrina del diritto e dello stato in relazione alla sua Naturphilosophie, che è alla base dell’ampio saggio di Sandkühler, in cui troviamo un’accurata analisi della filosofia politica di Schelling e delle diverse posizioni assunte dal filosofo circa la ‘natura’ e la legittimità del potere statuale.

 

  • 6 Il testo di Cacciari riprende e sviluppa la lectio magistralis che tenne a Torino nel 2016, in occa (...)

22Compongono poi la sezione “estetica” i saggi di Massimo Cacciari, Jason Wirth e Wolfram Hogrebe, nei quali il nesso libertà-natura viene percorso e illustrato in relazione alla filosofia dell’arte e alla filosofia positiva. Nel saggio Il Dante di Schelling 6, Cacciari sottolinea l’originalità dell’interpretazione schellinghiana della Commedia, mostrando come essa, oltre a venire intesa quale mito razionale che intreccia religione e arte, «non solo parla alla propria epoca, ma la in-forma di sé coscientemente». Eppure il mito dantesco ha per Schelling un carattere profetico che va ben al di là di questo. Secondo Cacciari, dalla nuova mitologia della Commedia viene a Schelling un primo impulso che dallo spinozismo lo porta verso l’agognato sistema della libertà: qui infatti si riconosce la libertà della Sostanza (ovvero della natura) e si prospetta per l’uomo la possibilità di superare la propria finitezza per farsi uno con quella libertà originaria.

  • 7 W. Hogrebe, Schwermut: Der späte Schelling und die Kunst, in Denken der Individualität. Festschrift (...)

23Nel saggio Tautegoria e Eautonomia: mito, immagine e immaginazione in Schelling, Jason Wirth affronta il tema della naturalità del mito nella filosofia dell’arte e nelle tarde lezioni sulla filosofia positiva, a partire dal ruolo che gioca l’immaginazione in riferimento al mito e alla libertà. Nell’evidenziare la continuità presente tra natura naturans e arte, Wirth mostra come quest’ultima sia in grado di aprire alla filosofia quell’unità originaria della libera natura, perduta nella conoscenza meramente riflessiva. Il libro si chiude infine con il contributo di Wolfram Hogrebe, Malinconia. L’ultimo Schelling e l’arte, già pubblicato nel 1995 e poi nel suo libro Echo des Nichtwissens nel 20067. Ponendo l’attenzione sulla malinconia dell’esistenza finita, che per Schelling dipende direttamente dalla teoria della gravitazione descritta nella sua Naturphilosophie, Hogrebe propone un’interessante interpretazione della relazione che lega malinconia e arte, e che conduce Schelling all’ontologia del divenire dei Weltalter. La malinconia che accompagna le opere d’arte ripete il dolore dell’essere provocato dalla gravità che rende finite le cose, e il segreto dell’arte sta nel ripetere il dolore dell’esistente in quanto oscillazione tra l’essere e il nulla: «nelle sue produzioni l’arte è la renaissance del dolore della natura nello spirito». Tale malinconica oscillazione rimanda secondo Hogrebe a un’ontologia (dinamica) del divenire che ovviamente implica anche un ripensamento della stessa razionalità.

 

24Torino, dicembre 2017

Notes

1 Si veda E.C. Corriero, Ripensare Schelling, introduzione a I.H. Grant, Filosofie della natura dopo Schelling, ed. it. a cura di E.C. Corriero, Torino, Rosenberg & Sellier, 2017, pp. 7-17.

2 I.H. Grant, The hypothesis of nature’s logic in Schelling’s Naturphilosophie, in The Palgrave Handbook of German Idealism, a cura di M. Altman, London - New York, Palgrave Macmillan, 2014, pp. 478-498.

3 Frank aveva esposto i nuclei essenziali della conferenza già a New York nel 2014, in occasione del terzo convegno annuale della North American Schelling Society e nel 2015 a Bonn presso l’Internationales Zentrum für Philosophie.

4 M. Frank, Reduplikative Identität. Der Schlüssel zu Schellings reifer Philosophie (Schellingiana, Band 28), Stuttgart - Bad Cannstatt, Frommann-Holzboog, 2018.

5 Il saggio è stato pubblicato per la prima volta in tedesco nel volume di Sandkühler, Idealismus in praktischer Absicht. Studien zu Kant, Schelling und Hegel, Frankfurt a. M., Edition Peter Lang, 2013.

6 Il testo di Cacciari riprende e sviluppa la lectio magistralis che tenne a Torino nel 2016, in occasione del conferimento della ‘Chair Jacques Derrida’.

7 W. Hogrebe, Schwermut: Der späte Schelling und die Kunst, in Denken der Individualität. Festschrift für Josef Simon zum 65. Geburtstag, a cura di T.S. Hoffmann, S. Majetschak, Berlin - New York, de Gruyter, 1995, pp. 169-181; e in W. Hogrebe, Echo des Nichtwissens, Berlin - New York, de Gruyter, 2006, pp. 277-288.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search