Version classiqueVersion mobile

Luoghi e destini dell’immagine

 | 
Fabio Scotto

Gli eredi di Baudelaire: la poetica di Mallarmé

1991-1992

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Il corso era stato inizialmente dedicato l’anno scorso al problema dell’«eredità di Baudelaire»: cioè a come i giovani poeti del decennio 1860-1870 (Verlaine, Villiers de l’Isle-Adam, Mallarmé, e subito dopo Rimbaud) avevano reagito al contributo immediatamente percepibile della poetica baudelairiana. Ma in quel momento si potette per l’appunto unicamente tentare, compito evidentemente preliminare e necessario, una descrizione di tale poetica.

Quest’anno fu deciso di dedicarci innanzitutto alla lettura che Mallarmé fece di Baudelaire, non fosse che perché fu il primo a riconoscere nel poeta dei Fiori del male non soltanto l’estensione della qualità poetica, ma il livello al quale essa si poneva, che costituisce una riflessione assolutamente fondamentale sulla poesia in quanto tale. Dato che l’edizione della corrispondenza di Mallarmé, che permette di seguire l’evoluzione del suo pensiero lettera dopo lettera, e ciò anche in rapporto a Baudelaire, è del resto uno dei mezzi più sicuri ...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search