Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Luoghi e destini dell’immagine

 | 
Fabio Scotto

Baudelaire

1990-1991

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Trascurando per un periodo lo studio della poetica dei pittori del xvii secolo in Italia, la prima ora è quest’anno tornata a quei poeti della seconda metà del xix secolo che furono in Francia all’origine ancora mal esplorata di ogni poesia successiva.

Stavolta si tratta di capire come i giovani della fine degli anni Sessanta dell’Ottocento – Mallarmé nato nel 1842, Verlaine, nel 1844, Rimbaud, nato dieci anni dopo Verlaine ma, si sa, così precoce – presero coscienza dell’«eredità» che lasciava loro Baudelaire, morto nel 1867. Detto altrimenti, che senso gli diedero, che parte ne parve loro criticabile, e come ne discussero tra di loro, tanto che non fu sempre chiaramente che compresero di essersi impegnati in un dibattito simile. Ma lo scopo dell’indagine era anche quello di chiarire certi aspetti dell’opera di ciascuno di loro, per non dire della loro esistenza, come i rapporti conflittuali tra Verlaine e Rimbaud, che permangono oscuri a un livello più basso della loro esperienza.

E...