Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Luoghi e destini dell’immagine

 | 
Fabio Scotto

Il culto delle immagini (seguito)

1989-1990

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Il corso ha ripreso quest’anno lo studio del ruolo nella pittura di ciò che si era l’anno scorso proposto di chiamare «immagine», questo sistema di rappresentazioni, di valori tramite i quali gli elementi del quadro sono dotati dal pittore di un senso che li costituisce come mondo, immaginario ma coerente, attraente, causa di sogni, di nostalgie. E per fare ciò ci si è nuovamente accostati alla pittura che fu fatta in Italia, e specie a Roma, nel Seicento, ma non senza dover tornare a problemi ed eventi di varie epoche anteriori, fine del Medioevo o inizio del Rinascimento.

E incontrando Adam Elsheimer, il terzo grande pittore – con Annibale Carracci e Caravaggio – del primo decennio del Seicento, osservando a piacere opere in apparenza così diverse come la sua Derisione di Cerere, talmente intrisa di vita onirica, e i suoi ammirevoli disegni sulla semplice natura colta nella luce diurna, si è effettivamente meglio capito ciò che talune stranezze della carriera di Carracci o di Carav...