Version classiqueVersion mobile

Luoghi e destini dell’immagine

 | 
Fabio Scotto

Il culto delle immagini e la pittura italiana

1988-1989

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

La prima ora si proponeva di meglio comprendere un aspetto dell’esperienza del pittore – e del resto anche del poeta – che si potrebbe chiamare l’immagine, riferendosi alla celebre frase di Baudelaire, il quale parla di «passione» a suo riguardo e dice che egli stesso le dedica un «culto». Che cos’è un’immagine? Come prima approssimazione, ciò che si serba di un’opera quando in ciò che evoca non si percepisce che quanto tende a fare di questi frammenti d’apparenza pur scelti tra svariati altri un mondo in sé sufficiente, e tanto più coinvolgente per il fatto di non essere in tal modo, ma lo si sa? altro che parziale. Allora il sogno avvince lo spirito, a scapito del bisogno di conoscere. Una supposta mimesi fa leva contro la realtà, o almeno contro la sua figura convenzionale. Tuttavia, non si tratterà per il momento di subito definire troppo precisamente questa componente certamente essenziale della ricezione del quadro e del disegno figurativi. Piuttosto di cercare un ambito nel q...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search