Version classiqueVersion mobile

Luoghi e destini dell’immagine

 | 
Fabio Scotto

Verso Shakespeare: l’idea greca della parola tragica

1985-1986

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Come prepararsi alla lettura di Shakespeare, insomma è questa la domanda alla quale il corso ha tentato di rispondere da quell’inizio, nel 1983, nel quale si era creduto possibile affrontare quasi direttamente lo studio di Amleto. Cosa si deve avere in primo luogo riconosciuto del pensiero dell’epoca (e questa fu la preoccupazione del primo anno), ma, più profondamente, non ci sono nel passato della civiltà occidentale delle grandi strutture del poetico la cui ricorrenza in Shakespeare aiuterebbe a meglio comprendere la sua opera, attraverso l’accettazione o il rifiuto (e l’elaborazione) che ha potuto farne? Appariva l’ipotesi di una problematica d’insieme, soggiacente ai fatti culturali dei quali spiega il corso mentre essi la modificano, e che le grandi creazioni della poesia capterebbero nei loro specchi curvi, facendo proprie le sue contraddizioni per tentare forse di risolverle. O almeno fu questa la strada che si è creduto di potere continuare a seguire durante il secondo anno...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search