Version classiqueVersion mobile

Le Monde végétal (XIIe-XVIIe siècles)

 | 
Allen J. Grieco
, 
Odile Redon
, 
Lucia Tongiorgi Tomasi

II. Science et rêve du végétal

Le amene mostruosità: coltura, selezione e manipolazione delle piante ornamentali nel XVII secolo

Milena Rizzotto

Résumé

Les « séduisantes monstruosités » : culture, sélection et manipulation des plantes ornementales au XVIIe siècle

Au cours du XVIIe siècle, beaucoup d’espèces, originaires de presque tous les continents, s’ajoutèrent aux plantes spontanées et aux espèces et variétés exotiques introduites depuis plus ou moins longtemps et cultivées dans les jardins au temps de la Renaissance. Le monde secret des plantes était de plus en plus pénétré par l’enquête expérimentale qui conférait à la botanique son autonomie scientifique ; d’autre part dans les jardins où des espèces d’origines variées étaient mises en contact, des hybridations fortuites, des cas de polyploïdie ou de mutation spontanée, et aussi une sélection voulue et étudiée, créaient de « séduisantes monstruosités », qui plaisaient au goût du jour et, sans le savoir, ouvraient la voie à la génétique moderne.

Texte intégral

Premessa

1Conoscenza dei vegetali, domesticazione delle piante utili e civiltà umana sono eventi strettamente vincolati, poiché è totale la nostra dipendenza dal mondo vegetale. La mera raccolta di piante o parti di esse e le più semplici pratiche agricole contengono già in sé gli elementi essenziali del processo selettivo che l’uomo, dapprima inconsapevolmente, in seguito con tecniche progressivamente più metodiche e mirate, ha impiegato per ottenere raccolti sempre più abbondanti, frutti e semi più voluminosi, sapori più appetibili e fiori più belli.

2Il vincolo uomo-pianta opera nei due sensi: l’uomo ricava cibo e altri prodotti dai vegetali che coltiva; le piante, dal canto loro, dispongono, tramite l’uomo, di un efficace mezzo di dispersione sulle lunghe distanze tanto che, dall’attuale distribuzione delle più importanti piante alimentari e dallo studio della loro cariologia è possibile a volte ricostruire le tappe remote della diaspora umana e le fasi migratorie ed evolutive che hanno accompagnato gli spostamenti dell’uomo.

  • 1 c. d. darlington, Chromosome Botany and the Origin of Cultivated plants, George Alien et U (...)

3Per millenni radici, fusti, foglie, frutti e semi, impiegati come alimenti, foraggi, medicinali, fibre, droghe, coloranti o materiali da costruzione e da ebanisteria hanno incrementato i commerci in tutto il mondo abitato e se pure le piante di interesse puramente ornamentale hanno fatto parte di questo flusso ininterrotto, ciò è avvenuto (almeno per quanto concerne l’Europa) in modo sporadico e per lo più casuale. Questo non significa che le piante ornamentali non venissero affatto coltivate. Infatti la coltura dei fiori ebbe inizio indipendentemente in Estremo Oriente, in Europa e nell’America precolombiana circa 4000 anni fa1.

Introduzione

4In Europa, fino a tutto il XV secolo, lo studio del mondo vegetale si applicava essenzialmente all’apprendimento dei semplici, cioè delle piante officinali, secondo la tradizione classica e medievale. Come tali venivano in pratica usate la maggior parte delle specie spontanee conosciute, più un certo numero di esotiche per lo più di antica introduzione. In tutto un migliaio di specie, elencate negli erbari medievali secondo un ordine che non era sistematico ma finalizzato all’uso di medici e farmacisti; le illustrazioni, spesso inaccurate e fantasiose, riflettono in parte la celebre dottrina della segnatura (secondo la quale negli esseri viventi o negli oggetti inanimati era presente un segno che ne indicava l’indole e l’uso), in parte erano la conseguenza dell’imprecisione o dell’interpretazione soggettiva dei copisti illustratori, che ci hanno tramandato iconografie di piante spesso non più identificabili.

5Naturalmente esisteva un corpo di conoscenze botaniche, fenologiche, pedologiche, climatiche, ed ecologiche al servizio dell’agricoltura di diretta derivazione latina, contenute in Varrone, Columella, Catone e Plinio, troppo importanti per la sopravvivenza per essere trascurate o dimenticate. Certamente nuove osservazioni di tipo naturalistico si sono aggiunte e stratificate nell’esperienza degli agricoltori, adattando la tradizione alla realtà locale. Questo patrimonio prezioso di conoscenze, frutto di osservazioni attente e acute, veniva però affidato più alla tradizione orale che agli scritti.

6A partire dal XV secolo, mentre numerosi eventi trasformavano la vita economica e sociale dei popoli europei, la “riscoperta” dei classici (in particolare di Teofrasto), i grandi viaggi per mare e il fiorire del Rinascimento in Italia, accendevano la curiosità e l’interesse degli studiosi per le scienze naturali, focalizzando gli studi botanici sulle piante vive piuttosto che sulle pagine degli erbari figurati.

  • 2 c. d. darlington, j. b. hair et r. hurcombe, “The History of the Garden Hyacinths”, Heredi (...)
  • 3 o. targioni tozzetti, Cenni storici sulla introduzione di varie piante. Nuova ristampa a c (...)

7Dalle isole atlantiche, dalle Americhe, dall’Africa e dalle Indie Orientali, raggiunte dagli europei nel corso del XVI secolo, vennero importate numerose piante. Di enorme importanza alimentare sono il mais (Zea mays L.), la patata (Solanum tuberosum L.), il pomodoro (Lycopersicon esculentum Miller), il girasole (Helianthus annus L.) e l’ananas (Ananas sativus Schult.), tutte di origine americana. Altre, come il tulipano (Tulipa gesneriana L.) e il giacinto (Jacinthus orientalis L.), furono originariamente importate a scopo alimentare ma si diffusero per il loro valore ornamentale conseguendo in breve tempo una notevole rilevanza economica – il tulipano fu introdotto per la prima volta in Europa nel 1554 da Busbeck, ma in seguito, nel 1570, venne nuovamente importato da Costantinopoli da un commerciante di Anversa, il giacinto arrivò dalla Turchia probabilmente intorno al 1560 perchè già a partire dal 1562 lo si trova descritto e rappresentato in Dodoens, Clusius, Besler, L’Obel, Sweerts, e Parkinson2. Il girasole, introdotto inizialmente in Spagna e pervenuto in Italia verso la metà del 15003, era considerato in Europa come una curiosità data la dimensione insolita per una pianta erbacea, ma si rivelò, secoli più tardi, di grande importanza alimentare.

8I lunghi viaggi per mare servirono ad aprire alla conoscenza degli Europei nuove terre e flore mai prima immaginate ma stimolarono anche le indagini sul mondo che era loro familiare sebbene in gran parte inesplorato.

9Luca Ghini (1490-1556), Andrea Cesalpino (1519-1603), Charles de l’Ecluse (1526-1609), Jean Bauhin (1541-1613) e suo fratello Gaspard Bauhin (1560-1624), per citare solo alcuni nomi fra i più importanti, indirizzarono gli studi botanici sul sentiero dell’indagine scientifica avviando le ricerche sulla morfologia e l’anatomia delle piante, elaborando i criteri necessari ad inquadrare in un ordinamento sistematico le specie vegetali (a questo contribuì in particolare modo Cesalpino) e descrivendo nuove specie locali ed esotiche.

  • 4 a. g. morton, History of Botanical Science, Academic Press, London, 1981, p. 45.
  • 5 c. d. darlington, op. cit. (vedi nota 1), p. 182.

10Poche cifre bastano a documentare il travolgente incremento di specie conosciute registrato a partire dal XVI secolo. Mentre gli erbari quattrocenteschi elencavano dalle cinquecento alle mille specie, Jean Bauhin nel 1613 descrisse circa 4000 piante (la sua Historia Universalis Plantarum venne pubblicata solo nel 1650-1651) e suo fratello, Gaspard Bauhin, incluse in Pinax (1623) circa 6000 specie4. Circa un secolo e mezzo dopo, durante il regno di Giorgio III (1760-1820) e sotto l’impulso di Sir Joseph Banks, vennero introdotte nella sola Inghilterra circa 7000 nuove specie (soprattutto ornamentali), molte di più di quante ne avessero conosciute complessivamente le generazioni precedenti5.

11L’inaspettata varietà del mondo vegetale e l’interesse per le scienze naturali, stimolato dalla scoperta di nuove piante ed animali, trasformarono anche i giardini europei. Gli orti medievali, dove si coltivavano prevalentemente semplici ed ortaggi, vennero gradatamente sostituiti dai ‘giardini di delizie’ dove principi e ricchi mercanti, oltre alle piante officinali e ai vegetali per l’alimentazione, potevano soddisfare il desiderio di possedere, loro soli, le esotiche più rare e costose e i fiori più belli. La coltura di piante esotiche pose certamente problemi di acclimatazione la cui soluzione richiese attente osservazioni e cure particolari.

12In questo clima di scoperte e di risveglio scientifico vennero fondati in Italia, dal 1543 al 1545 a Pisa, Padova e Firenze anche i primi giardini botanici del mondo, annessi a sedi universitarie e quindi strumento importante della ricerca scientifica. Questo fatto conferma sia l’opulenza della classe mercantile italiana che il fervore di studi delle nostre università.

  • 6 Catalogo dei Fiori, 1669 (Archivio di Stato di Firenze, Misc. Med.), 325/8 ; Lettere di Ce (...)

13Manoscritti, lettere e numerosi documenti testimoniano dell’attiva ricerca e scambio di piante esotiche officinali e da fiore da parte dei Medici in Toscana e di altri regnanti europei6. Mediante scambi ed acquisti di semi, bulbi e piante, i signori arricchivano i loro giardini e, per conservare la documentazione dei fiori più belli, li facevano dipingere da pittori fioranti specializzati.

14A partire dal XVI secolo l’Olanda si sostituì gradatamente a Costantinopoli come centro di produzione e commercializzazione di semi e soprattutto bulbi di piante esotiche, conquistando una preminenza che conserva tuttora.

  • 7 g. b. ferrari, Flora, ovvero Cultura di Fiori, Roma, 1638, p. 301.
  • 8 p. b. clarici, Istoria e Coltura delle piante, Venezia, 1726, p. 113.

15Non venivano trascurate dai coltivatori nemmeno le piante spontanee locali delle quali si ricercavano quelle che “felicemente tralignando, mostrino un’indole degna di essere trasferita dalla campagna alla città ... al conforto di una fiorita civiltà”7. Si raccoglievano individui con mutazioni interessanti nella struttura del fiore, come il raddoppio del numero dei petali. Per queste ricerche ci si poteva servire anche dei semplicisti. Infatti il Clarici8 raccomanda di incaricare quelli stessi che provvedono a raccogliere i semplici in montagna affinché procurino anche fiori ed in particolare “… Orchis di rara bellezza, e di strane e curiose figure, e osservare il sito, e terra ove saran cresciuti, acciocché si possa dar loro qui basso, terra e sito analoghi”, dimostrando di tenere nel dovuto conto i problemi relativi all’acclimatazione.

16A partire dal XVI secolo nei giardini d’Europa confluirono da località e per vie diverse sia specie locali spontanee che piante esotiche creando le premesse per uno sviluppo evolutivo incredibilmente rapido delle piante coltivate. Infatti, mentre l’evoluzione delle specie spontanee ebbe inizio con i primi organismi vegetali centinaia di milioni di anni fa e la domesticazione delle principali piante alimentari conta ormai decine di migliaia di anni, molte delle varietà ornamentali attualmente diffuse sono entrate in coltura solo tre o quattrocento anni fa, ma in questo breve lasso di tempo si sono diversificate fino a dare origine a migliaia di varietà.

Coltura, selezione e manipolazioni

17La convergenza di specie diverse, a volte almeno in parte sessualmente compatibili, da località geograficamente separate nei giardini d’Europa ha creato situazioni sperimentali nuove in cui si sono verificati quei processi naturali che producono variabilità e che di conseguenza sono alla base dell’evoluzione. Lo studio cariologico dei vegetali (e delle piante ornamentali in particolare), iniziato in questo secolo, ci ha dato la chiave per capire alcuni dei meccanismi evolutivi che si verificano in natura.

  • 9 c. d. darlington, op. cit. (vedi nota 1), p. 203-207.

18Le piante possono contare su varie strategie riproduttive che a volte si alternano a seconda delle condizioni ambientali. Possono essere autogame se si autoimpollinano oppure allogame se ricorrono all’impollinazione incrociata. Vi sono poi le apomittiche che formano semi senza il concorso della gamia. Infine possono propagarsi per via vegetativa mediante bulbi, tuberi, radici, rizomi, stoloni, talee e propaggini. In condizioni colturali l’isolamento o, per contro, l’abolizione delle barriere geografiche possono costringere le autogame e le allogame a cambiare il loro normale sistema riproduttivo. In queste condizioni si verificano nel genoma cambiamenti tali da portare alla formazione di mutanti che produrranno altri mutanti in quanto i caratteri stabili di una specie, una volta rotti, continueranno a mutare9. La selezione naturale e quella antropica possono determinare l’isolamento di nuove varietà perpetuabili per via clonale, cioè mediante propagazione vegetativa.

  • 10 morton, op. cit. (vedi nota 4), p. 214.
  • 11 p. b. clarici, op. cit. (vedi nota 8), p. 96.

19Il concetto antico di oltre due mila anni, secondo cui il materiale germinale era sparso per tutto il corpo della pianta e che trovava convalida nella pratica della propagazione vegetativa, per cui praticamente ogni parte della pianta (rami, radici, persino foglie, oltre naturalmente i semi) dava origine a nuovi individui simili alla pianta madre, impedì per molti secoli di riconoscere la presenza della sessualità nel mondo vegetale e, anche quando Camerarius nel 1694 scrisse la sua famosa De sexu plantarum epistola, non tutti accettarono prontamente questo concetto, per l’epoca così rivoluzionario, né forse ne vennero a conoscenza immediatamente, data la scarsissima diffusione di questo scritto10. Il Clarici nel 172611, a proposito delle talee, scrive che sono non solo analoghe ai semi, ... ma similissime e per così dire, semi effettivi, ... ma seminate anco in terra fanno radici” potendosi così perpetuare all’infinito. Sebbene nel XVII secolo la teoria della generazione spontanea di piante ed animali dal suolo e soprattutto dal marciume fosse stata quasi del tutto accantonata, tuttavia se ne discuteva ancora se non altro per confutarla e contribuiva anch’essa a generare confusione.

20Di conseguenza, ai coltivatori del XVII secolo (e dei precedenti) mancava la chiave di lettura per intervenire coscientemente nei processi di miglioramento genetico delle piante. Dato che le pratiche colturali non potevano mutare il genotipo ma soltanto influenzare il fenotipo, cioè l’individuo quale si manifesta in un determinato momento della sua vita, e solamente entro i limiti di variabilità propri della specie cui appartiene, l’unico mezzo efficace per intervenire attivamente nei processi di miglioramento era, a quel tempo, la selezione.

  • 12 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 296-297.
  • 13 c. de sercy (ed.), Nouveau Traité pour la Culture des Fleurs, Paris, 1678, p. 17-18; Trait (...)
  • 14 aristote, jardinier de Puteaux, Instruction pour le Jardin Potager, Paris, 1678, p. 16-17.
  • 15 p.b. clarici, op. cit. (vedi nota 8), pp. 81-83.
  • 16 f. arena, La Natura e Coltura dei Fiori, Palermo, 1767, 2, p. 242-251.
  • 17 g. b. terrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 297 ; aristote, op. cit. (vedi nota 14), p. 16-1 (...)
  • 18 p. b. clarici, op. cit. (vedi nota 8), p. 82.
  • 19 h. de vries,Espèces et Variétés, leur Naissance par Mutation, F. Alcan, Paris, 1909, p. 21 (...)

21Ferrari12, De Sercy13, Aristote14, Clarici15 e Arena16 danno ragguagli precisi su come selezionare le piante e i semi per cui è possibile constatare come le procedure non differissero sostanzialmente da quelle attuali. Ignorando il concorso del polline nella formazione del seme, la selezione si applicava solo sulla linea materna. Non solo la scelta della esposizione più favorevole, la preparazione accurata del terreno, la concimazione abbondante e le annaffiature opportune favorivano la crescita di individui più robusti, ma, eliminando i fiori primaticci dallo stelo, si ottenevano fiori più grandi e dai migliori di questi si raccoglievano i semi dei quali si conservavano per la semina solo quelli che “andavano a fondo” (naturalmente se messi nell’acqua) cioè i più pieni ed i più grossi17. Alcuni esperti18 consigliavano anche di preservare i semi per più anni perché quelli che alla fine germineranno produrranno i fiori più belli (anche De Vries19 adotterà la medesima pratica). In questo modo la selezione veniva operata dal tempo che provvedeva ad eliminare i semi meno duraturi.

  • 20 arena, op. cit. (vedi nota 16), 1, p. 2.
  • 21 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 504.
  • 22 h. de vries, op. cit. (vedi nota 19), p. 307-324.
  • 23 m. b. crane, et w. j. c. lawrence, The Genetics of Garden Plants, Mcmillan & Co. Ltd., Lon (...)

22Lo scopo di questi interventi era di ottenere fiori più grandi e soprattutto fiori doppi e pieni. A questo proposito Arena20 nel 1767 scrive: “Hanno i fioristi un segreto nell’arte loro, il più importante, cui si è andato lungamente in cerca”. Anche il Ferrari21 accenna a segreti che alcuni fioristi pretendevano di possedere e che si rifiutavano di rivelare. “Secretum meum mihi’’ gli rispose Polidoro Nerucci di Roma quando gli chiese di spiegargli come ottenesse anemoni doppi così belli. In realtà nessuno di loro possedeva alcun vero segreto perché studi successivi22 hanno messo in evidenza che i fiori doppi si formano in seguito a mutazione, quindi come conseguenza di un evento improvviso ed imprevedibile. Uno studio genetico effettuato sulla violacciocca (Matthiola incana (L.) R. Br.) ha rivelato che, in questa specie, il raddoppio dei petali è dovuto ad un gene recessivo che si manifesta in omozigosi, cioè quando è presente sia nel genoma del polline che in quello dell’oosfera e, in seguito ad incrocio, si segrega secondo le proporzioni mendelliane rivelando il carattere23.

  • 24 m. mosco et m. rizzotto, Fioratici. Florilegio dalle Collezioni Fiorentine del Sei-Settece (...)

23La formazione di petali soprannumerari è una delle numerose forme teratologiche che si possono manifestare nelle piante. Consiste nel raddoppio del numero dei petali, che si può verificare per formazione di una seconda corolla, accanto a quella esistente, oppure per divisione longitudinale dei petali stessi che divengono quindi sottili e di aspetto piumoso. Quando alcuni stami si trasformano in petali si parla di petaloidia. Quando sul ricettacolo si formano solo petali si ha petalomania. In caso di petaloidia il fiore può essere almeno parzialmente fertile; in presenza di petalomania invece è completamente sterile. In natura questo tipo di mutazione ha scarse possibilità di affermarsi in quanto i fiori così trasformati divengono parzialmente o totalmente incapaci di riproduzione sessuale. Si verifica più facilmente in fiori con molti stami come rose, ranuncoli, anemoni e papaveri. Non c’è teoricamente limite al numero di petali che possono formarsi sul ricettacolo di un fiore geneticamente mutato in questo senso. A condizione di avere nutrimento in abbondanza la pianta può formare tanti petali quanti ne può contenere il calice. A questo proposito è interessante riportare quanto è scritto su un cartiglio incollato sul retro di un quadro di B. Bimbi, datato 1702 e conservato a Firenze in Palazzo Pitti24. Il fiore rappresentato è una cultivar a fiore pieno di Jasminum sambac Soland (il famoso ‘mugherino del Granduca’) che per ordine del Granduca Cosimo III, fu pesato e ne furono contati i petali che risultarono in numero di 160, più un gruppetto rimasto nel mezzo, troppo piccoli per essere contati.

  • 25 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 345-347.

24Il Ferrari25 dice: “Per averne (garofani, n.d.a.) di molto doppi e foltissimi e di straordinaria grandezza si seminano al dì avanti il plenilunio .... altrimenti s’aspetta pure un’altra luna”. Consiglia poi di concimare il terreno con sangue di vacca, mettere in terra grassa e annaffiare con acqua messa a macerare con concime di polli. In questo modo il fiore verrà più doppio. Se poi il fiore troppo pieno minacciasse di guastarsi prima della schiusa, suggerisce di incidere il calice in più punti per permettere alla corolla di spiegarsi. Il Ferrari conclude confessando onestamente di non conoscere altri segreti per ottenere fiori doppi e considera con una certa incredulità quelli vantati da altri.

  • 26 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 345.

25Non è possibile ottenere una razza di fiori petalomani a riproduzione sessuata essendo sterili ma è possibile mantenerli in coltura soltanto se si prestano alla propagazione vegetativa. Infatti il Ferrari consiglia26 : “Il medesimo fiore (il garofano, n.d.a.) si moltiplichi col piantare i rampolli spiccati dalla pianta che habbiano un poco del vecchio della madre. Questi da quella non tralignano, né mutano, come i seminati, il colore; ma sempre mantengono la medesima forma e vaghezza”. Alcuni fiori petaloidei possono conservare un certo grado di fertilità, anche se ridotto, ma comunque sufficiente ad assicurare la riproduzione per seme, come avviene nella violacciocca.

Mutazioni e propagazione vegetativa

26Petaloidia e petalomania, come pure variazioni nel colore dei fiori, possono insorgere anche in seguito a mutazioni somatiche o bud sports.

  • 27 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 178.

27Un caso di questo tipo viene descritto dal Ferrari e vale la pena di riportare integralmente queste poche righe perché, anche se questo tipo di mutazione non è rara tra le piante coltivate, non è però frequente trovarne memoria negli scritti dell’epoca27. “Questo fiore, si come di origine, così di habito, e di vaghezza, Romano, hebbe il suo nascimento assai memore-vole : pero che di una radice di anemone vergato, di cui s’è detto, piantata tra i fiori di questa sorte, da un’occhio, o radicetta natale appresso, mandò fuori quest’altro fiore di color candido, listato attorno, come di un lembo così vermiglio. Questa stessa radicetta segnata, e staccata dalla madre, venendo ripiantata, fiorì sempre di indi innanzi con la medesima maraviglia; e generò poscia una simile posterità, herede di una stessa gloria”. La descrizione è così accurata che non ci sono dubbi che si tratti di un bud sport cioè di una mutazione somatica improvvisa ed ereditabile verificatasi in una gemma.

28Propagando le loro varietà più belle per via vegetativa i floricoltori ottenevano un clone cioè una serie di discendenti geneticamente identici alla pianta madre, almeno fino a che non interveniva una mutazione.

  • 28 p. morin, Remarques Nécessaires pour la Culture des Fleurs, Lyon, 1686, p. 105-106.
  • 29 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 502, 507.

29Anche l’innesto viene considerato uno dei metodi della propagazione vegetativa ma da questa pratica si ottengono per lo più delle chimere, cioè individui o singoli rami che sono costituiti dai tessuti intimamente uniti delle due piante originali, cioè del portainnesto e della marza. L’innesto, conosciuto e praticato sin dall’antichità, veniva usato ampiamente sulle piante da frutto, sugli agrumi, ma anche sulle piante da fiore. Il Morin28 riferisce che alcuni floricoltori, allo scopo di stupire, innestavano su una pianta di garofano gemme di garofani di altri colori ed ottenevano, se la pianta non moriva prima, fiori di colori diversi su un medesimo stelo. In questo caso lo scopo era appunto di produrre una curiosità. Altrove l’innesto veniva praticato con l’intento di migliorare determinate caratteristiche del fiore. Il Ferrari29 consiglia di innestare la rosa damaschina profumata ma piccola su una rosa più grande, bianca o rossa, al fine di ottenere fiori più grandi e profumati; oppure per conferire profumo alla rosa centifoglia, consiglia di innestarla più e più volte su una rosa muschiata. Se la chimera ottenuta aveva i tessuti epidermici della rosa muschiata poteva forse essere dotata anche dei relativi peli ghiandolari e quindi del profumo.

Variabilità genotipica

30All’insaputa degli stessi floricoltori, nei giardini d’Europa si creavano le condizioni ambientali favorevoli all’insorgere di una grande variabilità genotipica. L’espressione dei geni recessivi era resa possibile dall’inbreeding da isolamento che si manifestava anche in molte specie normalmente allogame ; d’altra parte l’accostamento di specie e varietà diverse, dovuto agli acquisti ed agli scambi di bulbi e semi di varia provenienza, creava i presupposti per ibridazioni spontanee. Ne risultavano mitosi e, più spesso meiosi, disturbate con appaiamento difettoso di cromosomi a basso grado di omologia ma, al tempo stesso, si verificavano le premesse favorevoli non solo alle mutazioni ma anche all’insorgere della poliploidia, come confermato negli ultimi decenni dall’indagine cariologica compiuta su molte piante ornamentali.

  • 30 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 206.

31La poliploidia è un fenomeno che si verifica nel nucleo cellulare quando al posto di 2n cromosomi, di cui n sono di origine materna ed n di origine paterna, il genotipo è composto di multipli interi di n cromosomi. Nel caso di individui con un grado dispari di ploidia, ad esempio 3n, subentra la sterilità perché alla meiosi non è possibile l’appaiamento tra cromosomi omologhi. E’ il caso di molte piante da fiore nelle quali la triploidia e la conseguente sterilità provocano un’abbondante fioritura senza formazione di frutti e di semi. Leggendo il Ferrari30 troviamo una segnalazione riferibile a piante di questo tipo. Si tratta di ciliegi e peschi da fiore che fioriscono copiosamente ma “… rade volte ne viene il frutto, che il vigor tutto va in quella fiorita mostra.”. Gli individui poliploidi, rispetto ai diploidi da cui hanno avuto origine, sono spesso più robusti, hanno fiori più grandi, fioritura tardiva, un alto grado di eterozigosi e sono di conseguenza estremamente variabili, inoltre mostrano chiaramente la tendenza alla propagazione vegetativa. In breve hanno tutte le caratteristiche ricercate dai floricoltori ma anche un inconveniente che a volte può tradursi in un vantaggio: i loro semi, soprattutto se di origine ibridogena, producono individui molto variabili, fiori di colori diversi dalla pianta madre, ma occasionalmente anche più pregevoli.

  • 31 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 146.
  • 32 c. de rcy, op. cit. (vedi nota 13).

32I tulipani, introdotti dall’Asia Minore in Europa alla metà del ‘500, rappresentano un buon esempio di variabilità dovuta ad ibridazione e poliploidia. Dice il Ferrari31 : “In niun’altra pianta con maggior varietà di colori la natura scherza più alla libera”. De Sercy32 conferma che i tulipani si rivestono di molti colori soprattutto quelli che nascono da seme. In questa pianta gli sports hanno cambiato non solo il colore ma anche la forma dei fiori; anche l’increspatura dei petali dei tulipani detti ‘pappagallo’ è dovuta ad una mutazione. Al contrario le striature di colore che si osservano in alcuni tulipani raffigurati nei dipinti secenteschi sono causate da un’infezione virale. I bulbi dei tulipani screziati erano oggetto di cure particolari affinché non tornassero di un solo colore.

  • 33 c. d. darlington et al., op. cit. (vedi nota 2), p. 233-252.
  • 34 saint-simon, Des Jacyntes, de leur Anatomie, Reproduction et Culture, Amsterdam, 1768, app (...)
  • 35 c. d. darlington et al., op. cit. (vedi nota 2), p. 233.

33Un caso interessante la cui origine è in un certo senso opposta a quella dei tulipani è offerto dal giacinto (Jacynthus orientalis L.). Lo studio cariologico delle varietà coltivate, condotto da Darlington et al.33, conferma quanto ci è stato tramandato dai botanici dell’epoca. E’ risultato che tutte le cultivar derivano da un unico antenato spontaneo nemmeno molto variabile. La forma dei cromosomi è costante anche nei poliploidi, a conferma che non ci sono state ibridazioni. Costretti dall’isolamento all’autoincrocio, i giacinti hanno subito numerose mutazioni dovute per lo più alla combinazione di caratteri recessivi. Nel Seicento esistevano varietà azzurre, bianche e rosa, oltre a fiori doppi e striati e racemi molto folti con fasciazioni. Nel trattato del marchese di Saint-Simon del 176834, sono elencate 1670 varietà e da allora ne sono state prodotte altre 300035.

  • 36 p. morin, op. cit. (vedi nota 28), p. 105.
  • 37 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 506.
  • 38 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 506.

34La variabilità dei colori e le forme teratologiche non mancavano certamente nelle piante da fiore, ma il gusto dell’epoca, orientato verso l’apprezzamento di ciò che è insolito, strano e persino mostruoso, induceva i giardinieri a crescere individui vegetali atti a stupire per i colori insoliti o le forme stravaganti. Per ottenere un mostro composto di piante diverse il Morin36 consiglia di rinchiudere tre o quattro semi di garofani diversi in una cannuccia sfilacciata e sottile e di coprirla di buona terra e concime. Questi semi di piante diverse si uniranno in una sola e faranno un’unica radice producendo una pianta ammirevole per la varietà e la diversità dei fiori. Per ottenere più o meno il medesimo risultato il Ferrari37 consiglia di seminare più semi nel letame, di annaffiare e concimare assicurando che si otterrà un “amabil mostro”. Per avere i fiori con petali increspati invece è necessario ammaccare i semi in un mortaio prima della semina38.

  • 39 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 501-503.

35L’odorosità dei fiori veniva considerata un importante complemento alla loro bellezza. Tentativi per conferire profumo ai fiori che ne erano privi consistevano nel mettere i semi nel letame di pecora ben macerato nell’aceto, con aggiunta di muschio in polvere, zibetto e ambra o “altre cose”; oppure nell’immergere i semi in profumi liquidi o in polvere e ripetere l’operazione per più generazioni. Veniva consigliato anche di forare le radici con un punteruolo e di mettervi chiodi di garofano oppure di piantare aglio e cipolla attorno alle piante di rosa per esaltarne il profumo39. A mio modo di vedere, tutte queste ricette avevano scarsa possibilità di influenzare il genotipo al punto da indurre la produzione di sostanze profumate.

  • 40 p. morin, op. cit. (vedi nota 28), p. 105.
  • 41 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 461.
  • 42 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 510.

36Non soddisfatti della grande varietà di colori che la natura offriva spontaneamente, i floricoltori non resistevano alla tentazione di produrne di nuovi ed insoliti. Per avere un garofano blu, tanto bello quanto raro, il Morin40 consiglia di innestare il garofano entro una vecchia radice di cicoria selvatica mentre il Ferrari41, dal canto suo, raccomanda di immergere i bulbi di tulipani diversi in sostanze coloranti dopo avervi praticato un’incisione. E’ anche possibile scrivere sui petali dei fiori: è sufficiente tracciare le lettere con latice di fico e poi fare aderire oro o argento in fogli42.

  • 43 c. de sercy, op. cit. (vedi nota 13), p. 41-50.

37Pur non essendo possibile in questa sede trattare dei composti biochimici che conferiscono il colore ai petali dei fiori, mi sembra interessante sottolineare l’interpretazione che ne veniva data nel XVII secolo. La grande variabilità dei colori dei tulipani che, come affermato in un trattato di floricoltura del 167843, cambiano colore tutti gli anni, viene spiegata come conseguenza dell’influsso dei quattro elementi di cui è composta la materia: se un seme è più partecipe dell’aria, il fiore sarà azzurro, se è più partecipe dell’acqua sarà bianco, se del fuoco sarà rosso; l’influsso della terra si manifesta invece con il nero. Questi erano considerati da alcuni autori i quattro colori base che compongono tutti gli altri. Se poi il seme viene influenzato da più elementi il fiore avrà più colori. Non ci viene spiegato come questo influsso si eserciti sui semi.

  • 44 h. besnier, Le Jardinier Botaniste, Paris, 1705.
  • 45 ravoux, La Culture des Fleurs, Lyon, 1712.
  • 46 p. b. clanici, op. cit. (vedi nota 8), p. 90.
  • 47 g. voorhelm, Traité sur la Jacynthe, Harlem, 1762.
  • 48 arena, op. cit. (vedi nota 16).
  • 49 arena, op. cit. (vedi nota 16), p. 98-145.

38Le teorie medievali che ancora influenzavano l’interpretazione del mondo vegetale e le pratiche colturali nel Seicento, vanno via via scomparendo dai trattati settecenteschi di giardinaggio (Besnier, 170544; Ravoux, 171245; Cianci, 172646; Voorhelm, 176247; Arena, 176748) lasciando il posto, oltre ai consigli pratici sempre validi, ai primi tentativi di intervento mirato nei processi di miglioramento delle piante. E’ del 1767 il progetto di Arena49 di ottenere mediante ibridazione programmata fiori doppi di anemoni, dimostrando quale enorme progresso sia stato compiuto in 60 anni in seguito alla scoperta della sessualità nelle piante. Questo fatto segnò il passaggio dalla selezione “inconscia”, così definita da Darwin, praticata fino allora, alla selezione metodica e consapevole.

  • 50 c. broertijes, et a. m. van hartem, Applied Mutation Breeding for Vegetatively Propagated (...)

39Tuttavia solo dopo che i meccanismi riproduttivi furono chiariti e gli studi di Mendel ci hanno permesso di interpretare e prevedere i risultati dei nostri sforzi, i tempi si sono rivelati maturi per intervenire dinamicamente nel processo di miglioramento delle piante. Con le tecniche attuali di irraggiamento per indurre le mutazioni, sono state prodotte oltre 300 cultivar nel breve periodo tra il 1960 e il 198550 di cui 272 sono piante ornamentali. Con l’uso di sostanze chimiche e di shocks termici è possibile indurre la poliploidia, mentre la coltura in vitro attualmente integra, e in qualche caso sostituisce, le antiche tecniche della propagazione vegetativa.

40Un lungo viaggio in così poche centinaia di anni.

Vaso di fiori con Iris, di Jan Breughel dei Velluti
Olio su tavola, cm. 63 x 45 (Firenze, Gallerie Fiorentine).
Esempio di composizione floreale che riunisce fiori spontanei chiaramente riconoscibili e fiori coltivati.

Notes

1 c. d. darlington, Chromosome Botany and the Origin of Cultivated plants, George Alien et Unwin Ltd, London, 1963, p. 181.

2 c. d. darlington, j. b. hair et r. hurcombe, “The History of the Garden Hyacinths”, Heredity, V, 1951, pp. 233-252.

3 o. targioni tozzetti, Cenni storici sulla introduzione di varie piante. Nuova ristampa a cura di E. Braoni, Tip. M. Ricci, Firenze, 1896.

4 a. g. morton, History of Botanical Science, Academic Press, London, 1981, p. 45.

5 c. d. darlington, op. cit. (vedi nota 1), p. 182.

6 Catalogo dei Fiori, 1669 (Archivio di Stato di Firenze, Misc. Med.), 325/8 ; Lettere di Cesare Sardi, 1706-1725 (ASF, Misc. Med.), 92/IV.

7 g. b. ferrari, Flora, ovvero Cultura di Fiori, Roma, 1638, p. 301.

8 p. b. clarici, Istoria e Coltura delle piante, Venezia, 1726, p. 113.

9 c. d. darlington, op. cit. (vedi nota 1), p. 203-207.

10 morton, op. cit. (vedi nota 4), p. 214.

11 p. b. clarici, op. cit. (vedi nota 8), p. 96.

12 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 296-297.

13 c. de sercy (ed.), Nouveau Traité pour la Culture des Fleurs, Paris, 1678, p. 17-18; Traité des Tulipes, Paris, 1678, p. 15-18.

14 aristote, jardinier de Puteaux, Instruction pour le Jardin Potager, Paris, 1678, p. 16-17.

15 p. b. clarici, op. cit. (vedi nota 8), pp. 81-83.

16 f. arena, La Natura e Coltura dei Fiori, Palermo, 1767, 2, p. 242-251.

17 g. b. terrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 297 ; aristote, op. cit. (vedi nota 14), p. 16-17.

18 p. b. clarici, op. cit. (vedi nota 8), p. 82.

19 h. de vries, Espèces et Variétés, leur Naissance par Mutation, F. Alcan, Paris, 1909, p. 213.

20 arena, op. cit. (vedi nota 16), 1, p. 2.

21 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 504.

22 h. de vries, op. cit. (vedi nota 19), p. 307-324.

23 m. b. crane, et w. j. c. lawrence, The Genetics of Garden Plants, Mcmillan & Co. Ltd., London, 1952, p. 53-

24 m. mosco et m. rizzotto, Fioratici. Florilegio dalle Collezioni Fiorentine del Sei-Settecento, Centro Di, Firenze, 1988, p. 95-97.

25 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 345-347.

26 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 345.

27 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 178.

28 p. morin, Remarques Nécessaires pour la Culture des Fleurs, Lyon, 1686, p. 105-106.

29 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 502, 507.

30 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 206.

31 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 146.

32 c. de rcy, op. cit. (vedi nota 13).

33 c. d. darlington et al., op. cit. (vedi nota 2), p. 233-252.

34 saint-simon, Des Jacyntes, de leur Anatomie, Reproduction et Culture, Amsterdam, 1768, appendice, p. 1-7.

35 c. d. darlington et al., op. cit. (vedi nota 2), p. 233.

36 p. morin, op. cit. (vedi nota 28), p. 105.

37 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 506.

38 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 506.

39 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 501-503.

40 p. morin, op. cit. (vedi nota 28), p. 105.

41 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 461.

42 g. b. ferrari, op. cit. (vedi nota 7), p. 510.

43 c. de sercy, op. cit. (vedi nota 13), p. 41-50.

44 h. besnier, Le Jardinier Botaniste, Paris, 1705.

45 ravoux, La Culture des Fleurs, Lyon, 1712.

46 p. b. clanici, op. cit. (vedi nota 8), p. 90.

47 g. voorhelm, Traité sur la Jacynthe, Harlem, 1762.

48 arena, op. cit. (vedi nota 16).

49 arena, op. cit. (vedi nota 16), p. 98-145.

50 c. broertijes, et a. m. van hartem, Applied Mutation Breeding for Vegetatively Propagated Crop, Elsevier, Amsterdam, 1988, p. 4.

Auteur

Dipartimento di Biologia Vegetale dell’Università di Firenze.

© Presses universitaires de Vincennes, 1993

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search