Version classiqueVersion mobile

Le Monde végétal (XIIe-XVIIe siècles)

 | 
Allen J. Grieco
, 
Odile Redon
, 
Lucia Tongiorgi Tomasi

I. Du bon usage des plantes

Erbe selvatiche e leguminose nel lungo periodo: il caso della Medicago prima del 1600

Mauro Ambrosoli

Résumé

Herbes sauvages et légumineuses dans la longue durée : le cas de la Medicago avant le XVIIe siècle

Le sainfoin a été cultivé avec d’autres plantes fourragères en Asie centrale dès le VIIIe siècle avant notre ère, pour pourvoir à l’alimentation des animaux. De là cette culture se diffusa vers l’Orient et, au Ve siècle, vers l’Occident ; elle était bien connue des agronomes romains. Mais autour des VIe-VIIe siècles après J. C. des confusions terminologiques s’introduisent, en Italie, entre le sainfoin et d’autres plantes fourragères, révélant l’abandon de ce type de culture ; or le sainfoin ne résiste que cultivé. Au contraire le sainfoin était toujours bien connu et cultivé en Méditerranée orientale, en Espagne, et dans certaines régions de France. Dans les années 60 du XVIe siècle la culture du sainfoin reprend en Italie, à l’initiative de botanistes et de propriétaires fonciers de l’Italie du nord.

Texte intégral

  • * I nomi botanici usati in questo articolo sono quelli del sistema Linneano salvo dove specificato di (...)

1Tra le più antiche piante coltivate dall’uomo si possono indubbiamente annoverare le seguenti specie: Medicago, Onobrychis, Trifolium, Trigonella, Astragalus e Melilotus*. Tali piante, usate da millenni, si coltivavano sia come foraggio per il bestiame grosso e per le pecore, sia per restituire fertilità ai coltivi eccessivamente sfruttati grazie all’azoto fissato nel terreno attraverso i noduli che si sviluppano sulle loro radici.

2La diffusione di vari tipi di trifoglio, di veccie, di lupini, di lupinella ed in particolare dell’erba medica non può che interessare lo storico poiché tale diffusione ci offre la possibilità di seguire con grande precisione la continua rielaborazione delle conoscenze botaniche che sono alla base di qualsiasi attività agricola. L’intervento del coltivatore interagisce continuamente con l’ambiente. Lo scambio continuo tra l’ambiente selvatico e quello coltivato ha contribuito quindi, sin dai primi anni del ‘500, in modo determinante alla crescita delle conoscenze botaniche e agrarie. In tempi più recenti, invece, l’eliminazione capitalista di un gran numero di raccolti “non convenzionali” ha determinato una riduzione degli “inputs” naturali in agricoltura ed ha così prodotto una nuova routine che è responsabile di un pericoloso impoverimento del patrimonio naturale.

  • 1 Cfr. flannery in p.s. ucko e g. w. dinbley ed., The Domestication and Exploitation of Plan (...)

3Le più antiche testimonianze della coltivazione di erba medica e di qualche altra pianta foraggera ci vengono dall’altipiano iraniano e dall’Asia medio-centrale ai tempi della prima rivoluzione agricola e cioè intorno al 7.500 a. C. I primi coltivatori provarono che l’allevamento di certi animali (onagro, maiale, gazella) e la coltivazione di certe piante (avena, orzo, grano) erano preferibili al consumo di specie selvatiche. In queste prime colture il genere della Medicago cresceva vicino ad altre specie come l’Astragalus e la Trigonella. Da allora l’uomo, e non la natura, ha deciso quale fosse la differenza tra un raccolto ed una pianta infestante. Un esempio di questo ci viene dal fatto che l’adozione del grano come pianta da raccolto ha determinato che le leguminose selvatiche ed altre piante foraggere (Lolium per esempio) vennero considerate comuni infestanti e furono rimosse dai campi per far posto alla coltivazione del grano. Le leguminose si ritirarono o sulle pendici delle montagne o sul margine delle terre coltivate: il loro posto nella dieta umana finì verso il 6.000 a. C., ma da quel momento divennero alimentazione per pecore e capre. Medicago, Trigonella, Onobrychis crista galli (Lam.), e Vicia Narbonensis sono apparse tutte insieme a Beidham (Giordania del Sud) ed infatti, l’origine della Medicago va cercata senza alcun dubbio nel Medio Oriente poiché risulta introvabile nei reperti archeologici dei siti dell’Europa del Sud (Grecia, Macedonia, Bulgaria)1.

  • 2 Cfr. b. meissner, Babylonien und Assyrien, Heidelberg, 1920, p. 210.

4La medica lasciò l’altipiano iraniano in epoca assai più recente: il Re assiro Merodachbaladam andava fiero del fatto che aveva fatto coltivare nei giardini reali di Babilonia la pianta di “aspatu” (erba medica) che si affiancava al crescione, all’insalata, alla bietola ed a certe spezie come il coriandolo, il cardamomo, e all’issopo2. L’erba medica non era sola, poiché aveva portato con se la sua più comune erba infestante e cioè la Trigonella. Sin dall’inizio l’erba medica ed il fieno greco diventarono compagni di strada legati in un rapporto signore/suddito che variò nel tempo secondo la diversità degli “inputs” agricoli. Infatti, l’erba medica domina nei prati solo quando è seminata e curata ed in tali casi il fieno greco appare come una pianta infestante. Nei prati naturali, invece, il fieno greco ritrova il suo ruolo dominante.

  • 3 Cfr. e. bretschneider, Botanicon Sinicum, Shanghai, 1893, part. III: Botanical Investigati (...)

5La coltivazione dell’erba medica si spostò anche verso Oriente (passando per l’Afghanistan e l’altopiano del Pamir dove questa pianta cresceva già allo stato selvatico). In questa avanzata verso Oriente portò con sè il suo nome persiano “aspatu” (che significa “miglior foraggio per cavalli”) e finì per approdare in Cina. Nel 126 a. C. il generale Can’k’ien riportò dalla Persia i famosi cavalli celesti, ma anche i semi dell’ “aspatu”3. I cavalli persiani furono poi allevati in Cina per il servizio postale imperiale mentre l’erba medica venne acclimatata nei giardini imperiali da dove si diffuse nel resto del paese per essere usata come foraggio per bestiame ma anche, in certi casi, per il consumo umano durante periodi di carestia. Essendo seminata in modo intensivo e solo in giardini, questa specie resistette a lungo al processo di imbastardimento rimanendo incontaminata (Medicago sativa) ed è solo dal ‘500 in poi che vengono identificate piante che possono essere identificate con specie inselvatichite (M. denticulata, lupulina, minima). Non esiste invece alcuna confusione con il fieno greco la cui semente è sempre associata all’importazione e agli stranieri.

  • 4 Cfr. theophrastus, De causis plantarum, trad. di b. einarson e g. k. kink, Loeb Classical (...)

6L’erba medica attraversò il Mediterraneo nel V secolo a. C. ai tempi della guerra con la Persia. Ricordata già da Aristofane questa pianta era ben conosciuta dal grande botanico Teofrasto che nel IV secolo a. C. ne ricordava alcune caratteristiche: migliorava quando era falciata ed era seccata per diventare foraggio per il bestiame e cambiava aspetto quando era in contatto per un periodo più o meno lungo con il letame di pecora4. Questo cambiamento d’aspetto dell’erba medica si riferiva probabilmente al fatto che una delle infestanti come l’Onobrychis, il Melilotus, o la Trigonella prendeva il sopravvento o che si sviluppasse la M. Falcata.

7Bisogna però attendere gli scrittori agrari latini, i Rerum Rusticarum Scriptores (ai quali bisogna aggiungere Virgilio e Plinio) per avere il corpo più sostanzioso e duraturo lasciatoci dal mondo antico sull’erba medica e le foraggere, notizie che furono sfruttate fino al secolo scorso. L’herba medica dell’epoca classica fu introdotta in Italia nel I secolo d. C., dove continuò ad essere coltivata seguendo più o meno le regole ricordate fino da Columella. Quest’erba richiedeva una preparazione del campo che si avvicinava alle cure orticole in quanto richiedeva un forte dispendio di mano d’opera già durante il primo anno quando veniva seminata, sarchiata ed irrigata. Le cure proseguivano anche negli anni seguenti con ripetute sarchiature e rinnovate seminagioni. Tutte queste cure portavano ad una buona quantità di fieno: un iugero di terra bastava per mantenere tre cavalli un anno intero.

  • 5 Dalla vasta bibliografia dei Rerum Rusticarum Scriptores ricordo solo m. p. cato, De agric (...)

8La parola Medica fu, comunemente, pronunciata Melica, come vedremo meglio in seguito, sin dagli inizi della coltivazione di quest’erba nel mondo romano e dunque molti secoli prima dell’introduzione del Surghum in Italia5.

  • 6 Cfr. Pedacios dioscorides, De Materia Medica Libri V, a cura di m. wellman, Berlino, 1906- (...)
  • 7 Cfr. k. hofman e t. n. auracher, “Der Longobardische Dioskorides des Marcellus Virgilius”, (...)

9Nei Rerum Rusticarum Scriptores l’erba medica era sempre associata con varie altre erbe foraggere come le veccie, il trifoglio, il fieno greco e l’ocimo anche se sembra di capire che fosse tenuta separata almeno quando era coltivata. Benché la Medica fosse in genere ben conosciuta tra il I e il VII secolo (vedi gli scritti di Dioscoride, Apuleio Barbaro, Palladio e Isidoro di Siviglia)6 abbiamo almeno una testimonianza sicura che questa pianta cominciava ad essere confusa con altre specie ai tempi dell’invasione longobarda in Italia. Lo scriba ed interprete beneventano della Materia Medica di Dioscoride, il più importante trattato delle erbe dell’epoca classica, introdusse alcune aggiunte interessanti che, forse, erano rese necessarie per spiegare i nomi delle piante più difficili ai suoi committenti germanici del VII secolo. In un passo significativo ricordava infatti che Medica id est Sulla7 . Fuori dalla penisola italiana la sulla, una pianta foraggera più rustica e semiselvatica, tipica delle regioni aride come la Calabria, la Sicilia o la Spagna, era conosciuta sotto il nome di “sainfoin d’Espagne” o come Hedysarum. E’ dunque probabile che la sulla avesse preso il posto dell’erba medica o che le due piante fossero confuse l’una con l’altra, in alcune regioni d’Italia, già nel VII secolo.

  • 8 Cfr. Montpellier, Ecole de Médecine, ms. 305. Sulla diffusione del sorgo vedi anche a. m. (...)

10In un altro testo latino, l’Opus agriculturae di Palladio, copiato fuori dalla penisola italiana e più precisamente nell’oratorio di Troyes nel IX o X secolo, si legge un altro commento su questa pianta che introduce ancora altri errori: Medica: surgus ut meliga herba. Il miglio o sorgo, una pianta indiana o africana, fu introdotta a nord del bacino mediterraneo al seguito dell’espansione dell’Islam8. In questo caso l’erba medica era stata rimpiazzata con il miglio, un errore forse reso possibile dalla pronuncia sbagliata (Melica) adottata nel latino popolare e che faceva pensare alla meliga herba. L’errore però, potrebbe esser stato introdotto perché le due piante si seminavano entrambe nel mese di aprile. Comunque, sta di fatto che la zona e il periodo nel quale la Melica, miglio fu scambiata per Medica, erba medica, si estese e durò più a lungo di quanto si potrebbe pensare. Non sorprenderà che la traduzione fiorentina del Palladio risalente al ‘300 testimonia ancora una profonda confusione del copista in quanto concerne il termine Medica. La traduzione con “saggina, meliga, erba medicinale, ecc.” testimonia che l’erba medica non era più coltivata in Italia durante il Medioevo.

  • 9 Per una bibliografia aggiornata su Pier de’ crescenzI vedi il Dizionario biografico degli (...)

11Un’altra prova dell’avvento di questo abbandono ci viene dal fatto che Pier de’ Crescenzi, autore del trattato di agricoltura più importante tra il 1300 e il 1560, ricorda solo il meliloto e il fieno greco, tralasciando il trifoglio, l’erba medica e la lupinella. D’altronde recenti ricerche su piante infestanti in Toscana hanno dimostrato che l’erba medica non si riproduce se non seminata, mentre il trifoglio, la sulla, il fieno greco e la lupinella sono tutte presenti nei campi di erba medica9. Fatto sta che l’erba medica dovette aspettare ancora 150 anni dopo il Crescenzi per essere reintrodotta nell’agricoltura della penisola italiana.

  • 10 Cfr. i. low, Aramaische Pflanzennamen, Leipzig, 1881, p. 5, 11, 18- 19, 94-95, 421-422. Pe (...)

12Nel Mediterraneo orientale, invece, le cose si presentavano in tutt’altra maniera. In Siria, Bar Serapion (Ibn Serabin in arabo) aveva a sua disposizione un maggior numero di testi, sia in greco che tradotti in siriaco, che gli fornivano informazioni molto più dettagliate e complete. Per lui il meliloto poteva essere sia il meliloto vero e proprio, sia il fieno greco. “Handaquq” era la parola usata per riferirsi sia all’erba medica che al trifoglio (almeno fin tanto che venivano usati come foraggio verde). Invece, in Egitto ed in Siria lo stesso termine “Handaquq” poteva essere usato anche per parlare di fieno greco e di meliloto allo stato selvatico. Altri nomi usati per riferirsi all’erba medica erano “barsim” (usato al Cairo), “abede” (usato nelle oasi del Sud) et “cadab” (usato a Fezzan). Il termine più comune, “Handaquq”, veniva usato per riferirsi a un tipo di foraggio più che ad una specie botanica precisa: più importante appariva il fatto che il foraggio fosse consumato fresco o essicato. Una tale terminologia, che a prima vista può sembrare imprecisa, rivela invece chiaramente che il ruolo preponderante o meno dell’erba medica era variabile a seconda del terreno disponibile e delle condizioni ambientali riscontrate in una data località10.

  • 11 Cfr. l. bolens, Les méthodes culturales araho-andalouses d’après les traités d’agronomie d (...)

13Ai tempi dell’occupazione araba della Spagna, l’erba medica, più comunemente conosciuta come “alfalfa”, o anche il trifoglio venivano usate come piante d’avvicendamento dopo aver seminato frumento o grano. Tale avvicendamento rimpiazzava il letame riportando una certa vitalità ai terreni troppo sfruttati. Agronomi locali, come per esempio Ibn-Al-Awwam ed altri, lodavano le arature degli incolti per poi seminarvi vari tipi di leguminose come il “fisfisah” (erba medica), “kurt” (trifoglio d’Alessandria), e il “nadijl” (pisello grigio) che poi erano irrigati abbondantemente e falciati due volte l’anno11.

  • 12 Cfr. tra l’altro e. rollano, Flore populaire ou histoire naturelle des plantes dans leurs (...)

14L’importanza dell’erba medica in Francia alla fine del Medioevo e nel primo ‘500 era molto variabile. La terminologia usata per designare questa pianta ( “sainfoin”) rivela d’altronde una derivazione dal latino ((Herba medica – “erba sana”– sanum [sanctum] foenum – Medicus [a] – sanus [a] – sanctus [a] – “sain / saint”) ma anche nel caso di “luzerne” e “esparcette”, da nomi locali. Comunque pare certo che l’erba medica fosse coltivata lungo la strada romana che veniva dalla penisola italiana e portava a Valence. E’ probabile che questa pianta sia sparita dall’Ile de France nel corso del IX o X secolo, ma continuò ad essere coltivata in Provenza anche durante il ‘200. Sembra invece che il Sanum foenum (M. sativa) e l’“esparcette” (O. satina Lam.) fossero raccolte allo stato selvatico o forse addirittura coltivate per farne fieno. Se ora ritorniamo verso Nord, troveremo che il fieno greco era usato normalmente nelle stalle dei Duchi di Borgogna già un secolo prima dell’uso documentato del così detto “foin de Bourgogne” (M. falcata L.)12. Va ricordato però che in genere le classi superiori non si preoccupavano granché di descrivere e di annotare i vari tipi di foraggio ed è piuttosto grazie a persone meno in vista se abbiamo notizie su tali piante.

  • 13 Cfr. Jean ruell, De natura stirpium libri tres, Basileae, 1537, p. 393- 396 e la sua opera (...)

15Il botanico Jean Ruell dichiarò giustamente nel 1536 che la Medica era una pianta comune in Francia mentre in Italia era quasi sconosciuta. Si deve precisare però che la pianta e i suoi semi erano, comunque, ancora poco conosciuti nella regione parigina poiché importati dalla Borgogna da poco più di qualche generazione. Tale provenienza deve esser stata ben nota poiché la pianta era conosciuta sotto il nome di “foin de Bourgogne”. In Francia, durante il ‘500, l’erba medica era nota sotto vari nomi: al già ricordato “foin de Bourgogne”, si può infatti, aggiungere anche “grand trefflon”, “fenasse”, “soupe au vin”, “herbe aux limaissons”. L’attenta osservazione di questa pianta aveva portato Jean Ruell a capire che anche se i prati la producevano in modo spontaneo c’era comunque qualcosa altro che ne impediva la crescita e la diffusione, se non interveniva la coltivazione vera e propria13. Jean Ruell aveva capito, una generazione prima dei botanici e coltivatori italiani, che solo la coltivazione dell’erba medica permetteva il suo pieno sviluppo e quindi la maturazione dei semi.

  • 14 Cfr. Charles estienne, De re bortensi, Parisiis 1535. Il genero di Charles, Jean Liebaut, (...)

16Poco dopo (nel 1554) Charles Estienne descrisse non solo le erbe che crescevano allo stato selvatico nei prati intorno a Parigi ma anche certe pratiche agricole che consistevano nel seminare veccie ed erba medica (sanum foenum) per migliorare i prati esistenti. In questo modo i coltivatori riuscivano a contenere il numero delle infestanti che crescevano fra le piante più pregiate anche se il risultato era di produrre solo del “foin de Bourgogne” invece di far posto ad una più pregiata “luzernière”. Pochi anni dopo, nel 1564, sembra che il “sainctfoin” (la Medicago saliva di oggi) fosse coltivata nei frutteti dove produceva semi che venivano raccolti per poi essere seminati nei prati per migliorarli14. Più precisamente, allora, si può affermare che i coltivatori francesi producevano un tipo di “sainfoin”, un fieno riconosciuto a tal punto per le sue qualità che il nome stesso ( “sainctfoin”) ricordava che era un dono quasi divino per le bestie stanche e malate. Nel ’500 la parola “sainfoin” era usata per indicare quella pianta che noi oggi conosciamo come Medicago sativa o, nel peggior dei casi, Medicago falcata, ma sicuramente mai l’Onohrychis saliva Lam. Questo nuovo errore fu introdotto nel corso del ’600 e costituisce un caso complicato e quanto mai interessante, che non possiamo analizzare qui, di un raccolto che viene rimpiazzato dalla sua più comune pianta infestante.

  • 15 Cfr. n. vavilov, “The origin, immunity and breeding of cultivated plants”, Chronica botani (...)

17Il caso dell’erba medica e della lupinella in Francia è un perfetto esempio della teoria di Vavilov sulla diffusione delle piante coltivate e delle infestanti che le accompagnano. Infatti queste piante, come tante altre, si sono diffuse da est verso ovest, da terreni più poveri a terre più fertili et da sud verso nord15. Comunque quest’ultima diffusione, il viaggio verso nord, avvenne molto lentamente poiché la Germania del Nord e l’Inghilterra del Sud rimasero tagliate fuori da questa nuova gestione dei pascoli almeno fino alla metà del ’600 e forse ancora più tardi.

18Mentre in certe regioni della Spagna occupata dai Mori si era verificato un costante miglioramento dei sistemi agricoli sfruttando le piante locali e quelle importate, il grande numero di pecore e di bestiame in genere aveva obbligato la Provenza e la Linguadoca a riesumare o forse continuare alcune forme dell’antica coltivazione di piante foraggere. L’Italia del Rinascimento, invece, era rimasta in questo senso molto indietro. E’ strano, infatti, che Andrea Mattioli dichiari in una sua lettera, forse scritta nel 1549 ed indirizzata a Luca Ghini, maestro di tanti botanici europei, di non conoscere l’Herba medica. Perfino Luigi Anguillara, più tardi direttore dell’orto botanico di Padova, scriveva nel 1561 che era possibile trovare molti tipi di Medica ma che nessuno di essi produceva semi. In ogni caso, sappiamo ora che semi ancora capaci di germinare furono portati dalla Spagna a Bologna nel 1539-40 dallo studioso e uomo di chiesa Ludovico Beccadelli. Questi semi, visti da Luca Ghini, furono seminati e svilupparono in poco tempo una bella pianta che era ancora viva nel 1551.

  • 16 Cfr. m. ambrosoli, “Identificazione e riscoperta dell’erba medica nell’Italia centro-sette (...)

19Questo primo successo rimase isolato e bisogna aspettare gli anni sessanta del Cinquecento per veder mettersi in moto uno scambio di semi di quest’erba che però rimase limitato ad un gruppo di amici, tutti residenti nella valle padana. Solo in un secondo tempo si assiste ad un allargarsi dell’interesse per questa pianta dovuto al fatto che fu notata da alcuni ricchi proprietari terrieri della regione16. La provenienza spagnola della pianta sembra essere la vera ragione per cui l’herba medica era conosciuta, nella valle padana, sotto il nome di “erba Spagna”, e non tanto per una ipotetica influenza delle armate spagnole nella sua diffusione.

  • 17 Cfr. Agostino gallo, Le vinti giornate dell’agricultura e de’ piaceri della villa, Venezia (...)
  • 18 Cfr. h. marsili, “Ricerche sulla flora infestante delle colture in Italia, V : La flora in (...)
  • 19 Cfr. h. i. moore, Grassland Husbandry, London 1943, per le conseguenze del pascolo di best (...)
  • 20 Cfr. e. de toni, “Notizie su P. A. Michiel e sul suo codice erbario”, Ateneo Veneto, XXXI, (...)

20E’ possibile che la vera erba medica degli antichi fosse sparita dalla penisola italiana a causa delle invasioni barbariche17 come sosteneva Agostino Gallo nel 1565. Forse era invece rimasta nascosta sotto il nome di qualche altra pianta meno nobile, come il meliloto (Melilotus alba), il fieno greco (Trigonella) o più semplicemente il trifoglio (Trifolium pratense). Comunque sia, quello che vorrei sottolineare qui, è che la mancata coltivazione ed un eccessivo tasso d’umidità del terreno impediscono la crescita dell’erba medica e non le permettono di portare i suoi semi a maturazione. In tali condizioni la pianta si riproduce con difficoltà e comunque non migra in campi più lontani, né può dar vita ad un prato spontaneo18. Come abbiamo visto, i Romani coltivavano l’erba medica con costosi metodi orticoli che ne facevano una pianta di lusso. Le invasioni e le pestilenze dei secoli V e VII ridussero la popolazione e dunque anche la mano d’opera necessaria per tramandare questa coltivazione all’alto medio evo. A questo si può aggiungere il fatto che il bestiame che arrivò in Italia durante le invasioni praticò una doppia azione distruttiva. Gli animali grossi, equini e bovini, attaccarono per primi le piante più nutrienti, la medica e le altre leguminose; in seguito gli ovini, dal morso più radente, distrussero il resto19. In tali condizioni le infestanti più resistenti, come il meliloto ed il fieno greco, che P. A. Michiel ricordava negli anni 1560 come una pianta che “… quanto peggio viene custodito tanto meglio ci viene”, diventarono dominanti20. In zone più aride come gli Abruzzi, la Puglia e la Calabria, l’erba medica fu rimpiazzata dalla sulla che riuscì perfino a prendere il nome stesso della pianta che rimpiazzava.

21Solo l’intervento diretto dell’uomo poteva riportare l’erba medica nei campi e nei pascoli e, d’altronde, è possibile che i “laboureurs” francesi abbiano trovato la migliore soluzione al problema quando decisero di far crescere una “luzernière” in un angolo del campo mentre adibivano i pascoli alla produzione di “sain foin”.

22Una conclusione, per essere valida, deve prendere in considerazione il lungo periodo della storia delle piante foraggere: le leguminose si spostarono insieme ai coltivatori e non con gli allevatori. Gli agricoltori fecero sempre il possibile, quando l’agricoltura e l’allevamento di bestiame erano associati, per migliorare l’ambiente ed aumentare il numero delle piante coltivate servendosi di varietà che crescevano allo stato selvatico o semi-selvatico. In un mondo che si trova ad affrontare l’effetto serra, si potrà forse vedere che tutte le leguminose foraggere, che non hanno mai dimenticato la loro origine in terre aride saranno di grande aiuto ai coltivatori e al genere umano per abbassare la temperatura dei suoli e per difendere la fertilità dei terreni.

Trifoglio Rosso
Venezia, Erbario Rinio, ms. lat. VI, LX, 2548.

Notes

1 Cfr. flannery in p.s. ucko e g. w. dinbley ed., The Domestication and Exploitation of Plants and Animals, London, 1969.

2 Cfr. b. meissner, Babylonien und Assyrien, Heidelberg, 1920, p. 210.

3 Cfr. e. bretschneider, Botanicon Sinicum, Shanghai, 1893, part. III: Botanical Investigation into the Materia Medica of the Ancient Chinese, p. 16-18, 402-403; b. laufer, Sino-Iranica, Field Museum of Natural History, publ. 201, X series, vol. V, Chicago, 1919, p. 208-219, 446-447. Vedi anche j. needham, Science and Civilization in China, vol. 6 (con la collaborazione di lu gwei-djen e huang hsing-tsung), Biology and Biological Technology, I : Botany, Cambridge, 1986, p. III, 163-164, 341, 500 ; II (di f. bray) : Agriculture, Cambridge, 1984, p. 4, 293.

4 Cfr. theophrastus, De causis plantarum, trad. di b. einarson e g. k. kink, Loeb Classical Library, London/Harvard, 1976, introduzione, passim; II, 15-6 ; id., Historiae plantarum, VIII, 8.7.

5 Dalla vasta bibliografia dei Rerum Rusticarum Scriptores ricordo solo m. p. cato, De agricultura, VIII, XII, LIII, LIV (sul prato); m. t. varro, De re rustica, II ; l.i.m. columella, Res rustica, II, 7.1, 10.24, 10.26, 12.6 ; VI, 38.4 ; VII, 3.19, 4.2 ; XI, 2.75 ; t.r.æ palladius, Opus agriculturae, Februarius, VI ; Aprilis, I ; Septembris, VII ; November, XIII ; p. vergilius maro, Georgiani libri IV, 1-215 ; c. plinius sæcundus, Naturalis historiae libri XXXVII, XVIII-26.

6 Cfr. Pedacios dioscorides, De Materia Medica Libri V, a cura di m. wellman, Berlino, 1906-14, II, 5 ; c. singer, “The Herbal in Antiquity and its transmission to later ages”, Journal of Hellenic Studies, XLVII, 1927, p. 1-52 ; r. w. t. gunther, The Herbal of Apuleius Barbarus (Ms Bodley 130), Oxford, 1925 ; isidorus, Etymologiae sive originimi libri XX, XVII, 4.8 (a cura di w. n. lindsay), Oxford, 1911.

7 Cfr. k. hofman e t. n. auracher, “Der Longobardische Dioskorides des Marcellus Virgilius”, Romanische Forschungen, I, 1883, p. 49 ss., specialmente p. 49-51, 157; continuato da h. stadler, “Dioskorides Longobarda (Cod. Lat. Monac. 337)” …, X, 1899, p. 181 ss., 369 ss. ; XI, 1899, p. 1 ss. ; XIII, 1902, p. 161 ss. ; XIV, 1903, p. 601 ss. ; ma specialmente X, 1899, p. 228.

8 Cfr. Montpellier, Ecole de Médecine, ms. 305. Sulla diffusione del sorgo vedi anche a. m. watson, Agricultural Innovation in the Early Islamic World. The diffusion of crops and farming techniques, 700-1100, Cambridge, 1983, p. 9-14.

9 Per una bibliografia aggiornata su Pier de’ crescenzI vedi il Dizionario biografico degli italiani, vol. XXX, sub nomine. A questo si aggiunga m. ambrosoli, “Lettori e chiosatori delle edizioni a stampa di Pier de’ Crescenzi tra 1474 e 1561”, Rivista storica italiana, XCVI, 1984. Per quanto concerne l’erba medica in Toscana vedi m. ambrosoli, “Volgarizzamenti ed identificazione dell’ambiente naturale tra Tre e Cinquecento: l’Opus agriculturae di T. R. Æ Palladio”, Quaderni Storici, 52, XVIII, 1983.

10 Cfr. i. low, Aramaische Pflanzennamen, Leipzig, 1881, p. 5, 11, 18- 19, 94-95, 421-422. Per quanto riguarda Bar Serapion, vedi g. sarton, Introduction to the History of Science, Washington, 1949, vol. II, part. 1, p. 229 ; j. j. clement-mullet, Le livre d’agriculture d’Ibn al Awwam (Kitab al Felahah), Paris, 1864.

11 Cfr. l. bolens, Les méthodes culturales araho-andalouses d’après les traités d’agronomie des XII-XIIIe siècles, Genève, 1974.

12 Cfr. tra l’altro e. rollano, Flore populaire ou histoire naturelle des plantes dans leurs rapports avec la langue et le folklore, Paris 1896-1914, vedi soprattutto vol. III, IV sub nomine; f. mistral, Lou Tresor doù Felibrige ou Dictionnaire Provengal-Frangais, Aix-en-Provence, Avignon, Paris 1875 ; Trésor de la Langue française, Paris, 1971 ; g. brunel, “Recettes médicales du XIIIe siècle en langue de Provence”, Romania, LXXXIII, 1962, p. 154, 159, 177 ; j. brun-durand, “Censier de l’Evêché de Die, à Die, Montmaur et Aurel. Document du XIIIe siècle en langue vulgaire”, Bulletin de l’Académie delphinale, 4e s., III, 1890 (Lyon-Paris), p. 71 ; g. de manteyer, Le livre-joumal de Fazy de Rame, 1471-1507, Gap, 1932, 2 vol., I, p. 15, 57, 84 ; II, p. 216.

13 Cfr. Jean ruell, De natura stirpium libri tres, Basileae, 1537, p. 393- 396 e la sua opera precedente: Dioscoridis De medicinali Materia, Parisiis 1516.

14 Cfr. Charles estienne, De re bortensi, Parisiis 1535. Il genero di Charles, Jean Liebaut, publicò una versione francese di questa opera, La maison rustique, Paris 1564, basata su molto materiale nuovo.

15 Cfr. n. vavilov, “The origin, immunity and breeding of cultivated plants”, Chronica botanica, XII, 1951.

16 Cfr. m. ambrosoli, “Identificazione e riscoperta dell’erba medica nell’Italia centro-settentrionale: 1400-1560”, Quaderni Storici, 57, XIX, 1984.

17 Cfr. Agostino gallo, Le vinti giornate dell’agricultura e de’ piaceri della villa, Venezia 1569 e le edizioni di Brescia, 1564 e di Venezia 1565, 1567.

18 Cfr. h. marsili, “Ricerche sulla flora infestante delle colture in Italia, V : La flora infestante di un podere della regione collinare della Val d’Elsa”, Nuovo Giornale Botanico Italiano, LX, 1953.

19 Cfr. h. i. moore, Grassland Husbandry, London 1943, per le conseguenze del pascolo di bestiame su prati naturali.

20 Cfr. e. de toni, “Notizie su P. A. Michiel e sul suo codice erbario”, Ateneo Veneto, XXXI, p. II, 1908 ; id., “Il codice erbario di P. A. Michiel (Introduzione e Libro Azzurro)”, Memorie della Pont. Acc. dei Nuovi Lincei, XXVI, 1908 ; ID., I cinque libri di P. A. Michiel, Codice Marciano, trascrizione e commento, Venezia, 1940 ; Venezia, B. M., ms Ital. II, XXVI, 4860, Libro Rosso, ff. 215 v, 216 r-v, 233 r-235 v, 312 r-v, 345 r- 347 v, 384 r-v, 400 r-v.

Notes de fin

* I nomi botanici usati in questo articolo sono quelli del sistema Linneano salvo dove specificato diversamente. I termini “erba medica” (Medicago sativa) e “lupinella” (Onobrychis saliva Lam.) sono usati nel senso attuale.

Auteur

Dipartimento di Storia, Università di Torino.

© Presses universitaires de Vincennes, 1993

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search