Version classiqueVersion mobile

La volonté Italie-France allers-retours

 | 
Marie Bassano
, 
Luisa Brunori
, 
Cristina Ciancio
, 
et al.

Regolare la rappresentanza: sulle tracce di una « decisa e importante » novità del Progetto italo-francese

Giovanni Chiodi

Texte intégral

« Ma poiché la rappresentanza deve avere, di fronte ai terzi, una struttura unica, qualunque sia il rapporto interno da cui deriva, così è chiaro che nel tracciare la disciplina si deve fare astrazione da quel rapporto costitutivo » (Cesare Vivante, Trattato di diritto commerciale, Seconda ed. interamente riveduta e ampliata dall’autore, Torino, Fratelli Bocca Editori, 1902, p. 295).

1Questo saggio intraprende una pista di ricerca proposta dal collega David Deroussin, autore della speculare relazione francese, da me pienamente condivisa. L’indagine nasce da una domanda tanto semplice nella forma, quanto complicata nella sostanza: qual è l’origine della disciplina contenuta nel Progetto italo-francese (PFI)? Come si spiegano le soluzioni in esso contenute? Come continua la storia, nei due Paesi, dopo quel fondamentale episodio di collaborazione scientifica, che le ricerche più recenti hanno dimostrato essere stato tutt’altro che una meteora? E qui le strade si dividono, posto che, come è a tutti noto, il codice civile italiano del 1942 ha provveduto a codificare la disciplina della rappresentanza, evitando di disperdere nella cenere e nella polvere le intuizioni degli autori del PFI.

2Conviene immediatamente premettere, salvo ritornare più diffusamente sul punto, che l’innovazione del PFI consiste nel fatto di aver regolato per la prima volta la rappresentanza all’interno dei codici civili italiano e francese, dopo il BGB e il codice svizzero delle obbligazioni (OR), come fenomeno giuridico separato e indipendente dal mandato e da altri rapporti di base. Questa prima disciplina consta di otto articoli (30-37), collocati nella parte generale dei contratti.

3Di più: questi articoli compaiono già in una prima bozza, per avventura sempre di otto articoli, approvata nell’aprile 1919 dalla sezione IX della Commissione italiana per il dopoguerra, senza fornire ragioni e dando anzi per scontato che si trattasse di acquisizioni pacifiche del diritto italo-francese. L’autore di quella prima bozza, così come il passaggio dalla prima alla seconda e definitiva redazione del PFI, sono rimasti finora un mistero nella storiografia, così come il rapporto tra la prima disciplina italo-francese ed il suo retroterra scientifico e culturale.

4Un esame più approfondito del materiale disponibile mi ha consentito di giungere alla conclusione che quella primitiva redazione fu elaborata dal grande giuscommercialista Cesare Vivante, che si riferì, almeno in parte, alle proprie idee scientifiche. Detto questo, restava ancora da compiere un lavoro di scavo: perché, per comprendere le ragioni della disciplina, occorre rivolgersi al dibattito italo-francese, ponendosi alcune domande. Sul versante italiano (che è quello che mi compete), è esistita una teoria generale della rappresentanza? Come si è formata? Qual è stato il rapporto tra la dottrina italiana e quella germanica? Si può parlare di germanizzazione della scienza giuridica italiana oppure di limitato impatto della dottrina tedesca? Infine, quale fu il destino delle soluzioni del PFI in Italia, dopo la sua mancata approvazione? Per risolvere la questione, occorre ricostruire la genesi del capo sulla rappresentanza nel Libro delle obbligazioni del codice civile del 1942.

5Tutto ciò premesso, il saggio si divide in due parti. Nella prima, propongo una prospettiva in otto « stazioni » (ovvero paragrafi) intorno all’approccio italiano al problema della rappresentanza, concentrandomi in particolare sulla rappresentanza volontaria. Nella seconda parte, mi soffermo sull’itinerario della codificazione civile e in particolare, come anticipato, sull’intreccio tra il PFI e il suo contesto italiano e tra il PFI e il Libro quarto delle obbligazioni, licenziato nel 1941.

I. L’approccio italiano al problema della rappresentanza

1. Al di là del mandato, « al di là della legge »

  • 1 V. Roppo, Il contratto, in G. Iudica, P. Zatti (a cura di), Trattato di diritto privato, Milano, G (...)
  • 2 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, Torino, Fratelli Bocca Editore, 1893, n. 214, p. 2 (...)
  • 3 A. Rocco, Principii di diritto commerciale. Parte generale, Torino, Unione Tipografico-Editrice To (...)
  • 4 B. Windscheid, Diritto delle Pandette. Prima traduzione italiana sola consentita dall’Autore e dag (...)
  • 5 G. Pacchioni, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, Torino, Giappichelli, 1933, n. 1 (...)
  • 6 L. Tartufari, Della rappresentanza nella conclusione dei contratti in diritto civile e commerciale (...)

6La teoria generale della rappresentanza forma uno dei capitoli più interessanti per la storia delle relazioni tra la dottrina italiana e le altre culture giuridiche, come attesta l’intenso dibattito di fine secolo xix, che ha visto l’emersione di un discorso autonomo sulla rappresentanza, come meccanismo distinto dal contratto di mandato. Una vera e propria svolta che, nella Penisola, coinvolge non solo i civilisti ma anche i commercialisti: una sinergia dovuta alla particolare importanza rivestita dall’agire per conto e in nome di altri nel mondo dell’impresa. Sono soprattutto loro ad accreditare la rappresentanza come istituto cardine dell’economia capitalistica, cioè di una società di mercato incentrata sulla circolazione dei beni e dei servizi attraverso i contratti1. Vivante, per esempio, afferma al principio del capitolo sulla rappresentanza, nel primo volume del Trattato di diritto commerciale, che per moltiplicare i profitti è non solo utile ma necessario che il commerciante si avvalga di rappresentanti2. Gli fa eco Alfredo Rocco, che ritiene ugualmente essenziali i rappresentanti, braccio operativo degli imprenditori da quando il commercio da locale si è trasformato in nazionale, internazionale e infine mondiale3. I civilisti, dal canto loro, configurano la rappresentanza come un fenomeno « normale » e generale nel campo del diritto patrimoniale, data la complessità dell’economia moderna: un esempio suggestivo e precoce di questa consapevolezza si ritrova nelle Note di Fadda e Bensa alle Pandette di Windscheid4, mentre Giovanni Pacchioni, con il consueto linguaggio colorito, parla di « un dono di ubiquità giuridica » concesso dal legislatore ai soggetti capaci5. Più in generale, l’interesse scientifico per la rappresentanza deriva dalla coscienza dell’importanza della cooperazione nell’attività di contrattazione, nel mondo degli affari e dei negozi giuridici, ma anche nella sfera sociale. Come scrive Luigi Tartufari, uno dei pionieri italiani della rappresentanza, « la vita sociale riposa tutta sulla cooperazione6 ». È questa consapevolezza dei « tempi moderni » a rendere il tema suggestivo per i giuristi italiani e a spronarli alla ricerca di soluzioni giuridiche più sofisticate. Un’esigenza che li obbligò ad uscire dal classico schema del mandato.

  • 7 G. Pacchioni, « Se il minore emancipato possa conchiudere come rappresentante atti eccedenti la se (...)

7Il tema, tuttavia, a fine Ottocento, presentava ulteriori peculiarità e difficoltà. La rappresentanza, com’è noto, non godeva, a quel tempo, di una disciplina autonoma nel codice civile: nel periodo che ci interessa, dunque, la regolamentazione dell’istituto era « al di là della legge », secondo la felice espressione di Pacchioni7, e dunque campo aperto alle disquisizioni più disparate: le teorie « moderne » della rappresentanza, per l’appunto. Quella c.d. volontaria trovava la sua sede più prossima nel capo dedicato al mandato, cioè il contratto più comune al quale poteva connettersi il potere di rappresentanza. È proprio nelle riflessioni relative al mandato, allora, che si possono percepire i segnali di una diversa percezione, da parte della dottrina, della rappresentanza come fenomeno e congegno autonomo e distinto dal rapporto di gestione.

8La definizione del codice Pisanelli, infatti, era differente da quella francese. Quest’ultima, contenuta nell’archetipo napoleonico, usava indistintamente i termini mandato e procura, e indicava una connessione (indissolubile?) tra mandato e potere di agire in nome e per conto di altri: « il mandato o procura è un atto con cui una persona attribuisce ad un’altra la facoltà di fare qualche cosa per essa ed in suo nome » (art. 1984).

  • 8 Nel cono d’ombra napoleonico si situano, infatti, il codice per lo Regno delle Due Sicilie, art. 1 (...)

9La codificazione civile unitaria, superando l’impronta francese pedissequamente ricalcata dai codici preunitari8, individuava invece nel mandato « un contratto, in forza del quale una persona si obbliga gratuitamente o mediante un compenso a compiere un affare per conto di un’altra persona da cui ne ha avuto l’incarico » (art. 1737). L’agire in nome altrui, di conseguenza, non era più requisito essenziale del contratto, come confermato dall’art. 1744, che regolava il mandato senza rappresentanza.

  • 9 Cfr. per tutti A. Sraffa, Del mandato commerciale e della commissione (Dal Commentario al Codice d (...)
  • 10 L. Borsari, Commentario del codice civile italiano, IV.1, Torino, Unione Tipografico-Editrice Tori (...)

10La disposizione civilistica, per i giuristi meno tradizionalisti e più propensi a cogliere le innovazioni, aveva avuto il merito di scindere il mandato dalla rappresentanza, vale a dire il rapporto di base dal potere di rappresentanza9. Anche nella c.d. paleocivilistica non era mancata, tuttavia, sensibilità per il fenomeno. Luigi Borsari, per esempio, aveva colto e lodato l’innovazione italiana: « certamente più esatta e precisa si è quella del nostro articolo, grazie al senno di chi lo ha dettato »10.

  • 11 Art. 349. Il mandato commerciale ha per oggetto la trattazione di affari commerciali per conto e i (...)
  • 12 Art. 380. La commissione ha per oggetto la trattazione di affari commerciali per conto del committ (...)

11Il codice di commercio, viceversa, configurava diversamente il mandato, sdoppiandolo in due figure: il mandato commerciale, caratterizzato dall’agire in nome e per conto di altri quale connotato tipico del contratto11, e la commissione, da intendersi come un contratto diverso dal mandato12.

  • 13 E. Pacifici-Mazzoni, Istituzioni di diritto civile italiano, Terza ed. ordinata a sistema e corred (...)
  • 14 F. Ricci, Corso teorico-pratico di diritto civile, IX, Torino, Unione Tipografico-Editrice, 1886, (...)

12Nell’interpretazione dei codici, in un primo momento, la tradizione continuò a pesare, producendo letture che eliminavano le distanze rispetto al testo transalpino. In altri termini: il venir meno del nesso tra mandato e rappresentanza in campo civile fu criticato, almeno da una parte della dottrina italiana, che lo ritenne un errore concettuale. In tal modo, il potere di rappresentanza continuò a ritenersi essenziale al mandato. Pacifici-Mazzoni ad esempio, tra i primi commentatori del codice a scrivere una parte generale del negozio giuridico in cui si trova un incunabolo di trattazione sulla rappresentanza, preferì attenersi alla definizione francese di mandato13; anche Ricci e Borsari non si discostarono, nella sostanza, dal modello transalpino. Vero è che per entrambi la rappresentanza non era essenziale al mandato, ma solo nel senso che il mandatario, pur avendo ricevuto il potere di rappresentanza, poteva decidere se agire in nome proprio o altrui14.

  • 15 A. Marghieri, Il diritto commerciale italiano esposto sistematicamente, seconda ed., II, Napoli, R (...)

13Né erano da meno i commentatori del codice di commercio: si può citare, per tutte, la polemica che contrappose Ercole Vidari ad Alberto Marghieri, reo, quest’ultimo di aver sostenuto che la definizione civilistica era corretta, potendo il mandatario decidere di agire o meno con rappresentanza. Al contrario, per Vidari la definizione del codice civile era manifestamente errata, poiché il mandato era con rappresentanza o non era mandato, ma commissione15.

  • 16 R. De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, II, Quinta ed. riveduta e ampliata, Messina, Casa E (...)
  • 17 R. De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, II, op. cit., p. 421.
  • 18 Così, chiaramente, R. De Ruggiero Istituzioni di diritto civile, I, op. cit., p. 262.
  • 19 Diversamente da A. Ascoli, Diritto civile (Delle obbligazioni). Corso tenuto nella R. Università d (...)

14La tendenza a sovrapporre mandato e rappresentanza non cesserà di influenzare qualche prestigioso esponente della pandettistica italiana. Così, tanto per fare un altro esempio, Roberto De Ruggiero, co-autore del progetto italo-francese, mantiene viva questa tradizione quando afferma, nelle sue rinomate Istituzioni di diritto civile, ancora nella quinta edizione del 1930, che « il mandato vero e proprio… non si scompagna mai dal concetto di rappresentanza, esso è anzi di quella volontaria la fonte e la causa più importante »16. Approvando, inoltre, come opportuna la distinzione tra mandato commerciale e commissione, introdotta come si è visto dal codice di commercio, lo stesso giurista ritiene che « costituisce adunque una causa che denatura il mandato e trasforma il mandatario in un semplice commissionario il solo agir per conto del mandante »17. Insomma, malgrado la lettera del codice e la piena consapevolezza che al mandato non si accompagna necessariamente la rappresentanza18, il vero mandato, per il civilista romano, continua ad essere quello con rappresentanza. Eppure, negli anni in cui De Ruggiero scriveva, la dottrina italiana era già pervenuta da tempo a distinguere il mandato dalla rappresentanza, vale a dire ad isolare concettualmente il negozio di base o di gestione (non necessariamente un mandato) dal « potere » di rappresentanza, avente fonte in un negozio diverso (per i più, come vedremo, la procura, negozio unilaterale). Si può dunque affermare che De Ruggiero, pur riservando alla rappresentanza un capitolo a sé stante della parte generale del negozio giuridico, indugiasse ancora nel proporre schemi del passato in relazione al mandato19.

  • 20 A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 10: « la distinzione fra mandato commerciale e co (...)
  • 21 A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 3. Su quest’opera, accolta con favore anche fuori (...)

15Ben diversamente, nel 1933, nella seconda edizione della monografia Del mandato commerciale e della commissione, edita nel 1900 come commentario agli articoli del codice di commercio, Angelo Sraffa poteva ribadire in termini netti e inequivocabili il distacco da quella tradizione, ormai maturato nella dottrina italiana20. Egli, del resto, non era stato il primo a separare il mandato dalla rappresentanza e a parificare mandato civile e commerciale. La formula « la rappresentanza non è essenziale al mandato », ribadita anche nella sua opera, rimanda infatti al confronto instaurato alla fine dell’Ottocento con la dottrina tedesca, che ebbe come esito l’emersione di un autonomo discorso sulla rappresentanza, l’avvio della sua « costruzione giuridica »21.

  • 22 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit.
  • 23 Su Vivante “giurista-intellettuale” e sui maestri dell’età vivantiana, alcuni dei quali, come Sraf (...)
  • 24 Cfr. infatti U. Navarrini, Trattato teorico-pratico di diritto commerciale, II, Parte seconda: Dir (...)
  • 25 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, Quinta ed. riveduta e ampliata, Milano, Casa Editr (...)
  • 26 Ibidem: « Vi ha ancora chi considera la rappresentanza come un elemento essenziale del mandato e n (...)

16Un impulso decisivo a rendere autonoma la rappresentanza dal mandato si deve al civilista maceratese Luigi Tartufari22 e agli altri pandettisti italiani, molto sensibili, come lui, alla dottrina tedesca e che moltiplicheranno nel tempo le citazioni testuali, estendendole alle opere composte nel primo Novecento (il trend della dottrina è evidente: basti citare le opere di Nattini, Pacchioni, Graziani). Ma anche, e in modo assolutamente esemplare, a Cesare Vivante, il cui insegnamento23 ebbe il merito di conquistare alla rappresentanza uno spazio dogmatico autonomo nel sistema del diritto commerciale24. Essa costituisce un discorso a sé rispetto al mandato ed è un congegno essenziale, come si è detto, all’attività d’impresa25, dal momento che il commerciante-imprenditore si serve come longa manus di ausiliari, molti dei quali muniti di poteri di rappresentanza. Le lapidarie e ironiche parole che Vivante riserva ai giuristi che non distinguono tra mandato e procura indicano, perciò, per il diritto italiano, un punto di non ritorno26.

  • 27 Nel Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni del 1919 gli otto (...)

17Quando dunque, nell’aprile 1919, i giuristi italiani della Commissione del dopoguerra approvarono una prima bozza di disciplina della rappresentanza, destinata a diventare con alcune varianti un capitolo del civilistico progetto italo-francese, si può dire che, sul versante italiano, fosse già stato compiuto un robusto lavoro di preparazione, tale da consentire di racchiudere in formule legislative parte del pensiero giuridico italiano del tornante di fine secolo. Lo rivela anche la paternità di quelle prime linee generali stilate nel 1919 su incarico di Vittorio Scialoja: esse sono di Cesare Vivante che, non a caso, da scrittore molto attivo nel dibattito sul tema, si riserverà la parte sulla rappresentanza anche del progetto di codice di commercio del 192227.

18La disciplina italiana giungerà a perfezionamento con il Libro quarto delle obbligazioni, la cui genesi si intreccia con quella del progetto di codice di commercio D’Amelio del 1925 e dell’ultimo progetto ministeriale di codice di commercio Asquini del 1940. Dalla rielaborazione di tali apporti deriva la normativa poi sancita, con ulteriori modifiche, dal codice civile del 1942.

2. Oltre i paradigmi germanici ? La via « italiana » alla rappresentanza

19Della prima stagione di confronto dialettico con la dottrina tedesca sul tema della rappresentanza è utile isolare alcuni momenti significativi.

  • 28 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., 1892. Maceratese di nascita, insegnò diritto civile (...)
  • 29 A. Nattini, La Dottrina generale della procura. La rappresentanza, Milano, Società Editrice Librar (...)
  • 30 G. Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, Add. II, in G. Baudry-Lacantinerie/A. Wahl, (...)

20Si tratta di un percorso le cui tappe essenziali sono costituite dalla pubblicazione, tra 1889 e 1891 nell’Archivio giuridico e poi nel 1892 in volume separato, della prima monografia sul tema, a firma del menzionato Luigi Tartufari28 ; dalla monografia del commercialista Angelo Nattini sulla procura del 191029 ; dal primo denso saggio di Giovanni Pacchioni, allora figura di punta del diritto civile nella Facoltà di Giurisprudenza di Torino, uscito non casualmente come addizione alla traduzione italiana del Trattato teorico-pratico di diritto civile di G. Baudry-Lacantinerie e A. Wahl, curata da P. Bonfante, G. Pacchioni e A. Sraffa, con traduzione italiana dei paragrafi del BGB30.

21La rappresentanza, nel frattempo, aveva fatto ingresso nelle parti generali del diritto civile italiano (infra, nt. 35), con prospettive non sempre coincidenti. Un ruolo preminente assumono le trattazioni della rappresentanza nei trattati e nei manuali di diritto commerciale: antesignane le visioni di Cesare Vivante e Alfredo Rocco.

22Una seconda fase di riflessione è dominata dagli studi di Salvatore Pugliatti degli anni Venti e Trenta, periodo nel quale compaiono anche gli articoli di Alessandro Graziani, le monografie di Vittorio Neppi (1930) e Francesco Saggese (1933), e ulteriori lavori di autori già protagonisti della prima stagione scientifica, come Giovanni Pacchioni. Si rivela inoltre particolarmente importante, come in tutto il diritto delle obbligazioni, il pensiero di Emilio Betti, esposto sia nelle note critiche ai lavori preparatori del codice civile, sia nella Teoria generale del negozio giuridico.

  • 31 Dopo la voce di P. Cappellini, Rappresentanza (diritto intermedio), in Enciclopedia del diritto, 3 (...)
  • 32 G. Giorgi, Teoria delle obbligazioni, op. cit., n. 282ter, p. 370 : « Ma il concetto antico della (...)

23Attraverso queste e altre voci si delinea una via ‘italiana’ della rappresentanza dotata di una fisionomia peculiare rispetto al pensiero tedesco, che in Italia, fin dalla prima fase di riflessione, viene accuratamente studiato31. Si leggono e si interpretano, perciò, le maggiori opere della frase cronologica 1850-1900, che precede l’emanazione del BGB: Buchka (1852), Savigny (1853), Jhering (1857 e 1858), Laband (1866), Zimmermann (1876), Hellmann (1882), Mitteis (1885), Hupka (1900), Lenel (1896) sono gli autori più frequentati, dai quali la dottrina italiana trae alimento per una personale riflessione critica sulle varie « teorie » della rappresentanza, che hanno lo scopo di spiegare e regolare una modalità che, anche in Germania, fino al BGB era disciplinata solo dal codice di commercio del 1861 e costituiva quindi campo aperto per le invenzioni e le astrazioni dei giuristi. Se è indubbio, infatti, che al dibattito nel suo complesso abbiano fornito una spinta notevole i paradigmi scientifici della civilistica tedesca, non è meno vero che il pensiero italiano seppe assumere una sua specifica fisionomia, instaurando un contrappunto critico con le teorie germaniche. Si trattò comunque di una vera e propria invasione, come se la dottrina italiana fosse stata conquistata dai modelli tedeschi, abbandonando i consueti parametri di riferimento: un fenomeno tale da ingenerare resistenza, fastidio o per lo meno scetticismo nei civilisti più inclini a guardare verso il diritto comune o la Francia, piuttosto che ai giuristi ‘culti’ germanici, come Giorgio Giorgi32.

  • 33 L. Mossa, Diritto commerciale, Parte prima, Milano, Società Editrice Libraria, 1937, p. 70.

24Il punto di emersione della teoria generale della rappresentanza, anche in Italia, è la sua distinzione dal contratto di mandato. Un’efficace immagine del fenomeno è offerta da Lorenzo Mossa nel 1937, quando parla di una felice « emancipazione » concettuale : « liberata dogmaticamente la rappresentanza dal mandato, riconosciuta l’efficacia di rappresentanza senza mandato, e viceversa »33.

  • 34 La distinzione tra i due lati del mandato compare in R. Von Jhering, «Mitwirkung für fremde Rechts (...)
  • 35 La rappresentanza, di conseguenza, occupa uno spazio autonomo nelle trattazioni istituzionali. Per (...)
  • 36 F. Carnelutti, Teoria generale del diritto, Seconda ed. interamente nuova, Roma, Soc. Ed. del «For (...)
  • 37 R. Graziani, Negozio di gestione e procura, in Studi di diritto commerciale in onore di Cesare Viv (...)

25Il rinnovamento parte dalla Germania e si diffonde in Italia. Il paradigma della distinzione tra mandato e procura viene individuato, più che nella dottrina di Jhering, che si era limitato a distinguere tra lato interno ed esterno del mandato, in un celebre articolo di Paul Laband34. Partendo da lì, la dottrina italiana di fine Ottocento respingerà nettamente la « confusione » tra mandato e rappresentanza, e svilupperà una teoria autonoma del « potere » rappresentativo (metto l’espressione tra virgolette, a segnalare il fatto che tale qualifica sia da molti respinta, in quanto concettualmente scorretta), dei presupposti e degli effetti della rappresentanza, dei negozi di gestione. Agli inizi del Novecento, la distinzione tra rappresentanza e mandato è una cifra costante delle più importanti trattazioni sul tema35. Francesco Carnelutti la segnalerà nella sua antesignana Teoria generale del diritto come una tappa scientifica di rilevante importanza verso la costruzione del concetto di legittimazione36. La dottrina italiana partecipava ad un movimento scientifico che aveva travalicato i confini tedeschi, come attesta da Alessandro Graziani in un saggio del 1931 scritto in onore di Cesare Vivante37.

  • 38 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, op. cit., 1922, n. 268 bis, p. 264.
  • 39 Codice civile. Testo e Relazione Ministeriale (Ministero di Grazia e Giustizia), Roma, Istituto Po (...)

26Si ritiene, infatti, che il mandato sia solo uno dei contratti, come ad esempio la società, la locazione d’opere (poi contratto di lavoro), la locazione d’opera (poi appalto), ai quali può connettersi la rappresentanza che appare, pertanto, « accessoria », come dirà Vivante, di rapporti di base o di gestione che non sono necessariamente da identificarsi con il mandato38. Il termine ad quem di quest’evoluzione, per il diritto italiano, sono le parole con cui la Relazione al Codice civile del 1942 presenta le regole del capo VI: « la disciplina della rappresentanza è stata distaccata dalla sede del mandato perché la rappresentanza può aderire a rapporti diversi dal mandato: società, locazione di opere, patria potestà, tutela, ecc. Per questa più vasta considerazione del fenomeno, il nuovo codice ha potuto regolare insieme la rappresentanza legale e quella volontaria (art. 1387) »39.

27La rappresentanza si distingue, inoltre, dalle varie figure di interposizione gestoria (impropriamente detta rappresentanza indiretta), come il mandato senza rappresentanza, la commissione, la gestione d’affari altrui, in cui i soggetti agiscono in nome proprio.

  • 40 Si può avere, tuttavia, rappresentanza senza procura e rappresentanza senza rapporto di gestione ( (...)

28La rappresentanza nella conclusione dei negozi giuridici consiste essenzialmente nell’agire in nome di altri (con le precisazioni di cui infra), mediante una dichiarazione di volontà (negozio giuridico), i cui effetti si producono direttamente nel patrimonio del rappresentato, in virtù di un negozio di conferimento (che prende generalmente il nome di procura anche in Italia: infra, § 5), autonomo rispetto al rapporto contrattuale di base o di gestione40.

  • 41 G. Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, op. cit., p. 759.
  • 42 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 37, p. 56.

29L’efficacia diretta della dichiarazione formata dal rappresentante è la ragione fondamentale per la quale la dottrina italiana considera improponibile la vetusta costruzione giuridica della rappresentanza strettamente romanistica di Mühlenbruch, Puchta, Vangerow e altri pandettisti, che non ritenevano ammissibile l’effetto diretto e operavano ancora con l’antica tecnica della cessione delle azioni e dei crediti. « Il torto suo fondamentale – scrive Pacchioni – è di volere ricostruire l’istituto della rappresentanza, che nelle sue generalità è istituto moderno, in base a idee romane ormai tramontate »41. E prima ancora lo aveva sostenuto Luigi Tartufari: « anche qui la tradizione ha tentato d’opporsi alla evoluzione, da molti scrittori negandosi la giuridica possibilità di quel concetto come incompatibile con l’idea e l’essenza stessa della obligatio »42.

  • 43 In questo senso anche N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., p. 402 ; A. Rocco (...)
  • 44 Per questa distinzione cfr. S. Pugliatti, Il rapporto di gestione sottostante alla rappresentanza, (...)

30Il rappresentante, viceversa, è un soggetto che agisce in nome altrui. Come precisa Vivante, è un « cooperatore giuridico » del principale, conclude cioè affari o negozi giuridici e, in quanto tale, si distingue dai cooperatori materiali, giuristi (avvocati, notai) e non (interpreti, segretari), del commerciante43. In altri termini, è un cooperatore qualificato del commerciante, o anche del singolo soggetto che opera nel mercato (ad una cooperazione materiale e interna si contrappone una cooperazione giuridica ed esterna44), che esige attenta considerazione nella riflessione giuridica.

  • 45 E. Gianturco, Sistema del Diritto Civile Italiano, op. cit., § 66, p. 347 n. 2 ; P. Fadda-Bensa, N (...)
  • 46 Come ribadisce N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 125, p. 400, « nella c (...)
  • 47 Cass. 20 maggio 1938: « il nunzio che materialmente riferisce proposte e controproposte, raccoglie (...)

31Per questo stesso motivo egli differisce dal nuncius, che si limita ad un’attività di mera trasmissione della dichiarazione di volontà altrui o a concludere un contratto su elementi tutti predeterminati, in entrambi i casi non formando né dichiarando una volontà propria, secondo la formula risalente a Laband. La distinzione emerge limpidamente in uno dei primi tentativi di parte generale del diritto civile italiano, composto da Emanuele Gianturco: « il semplice nuncius, sia che lo si riguardi come un organo materiale di trasmissione della volontà altrui, quasi fosse una lettera, o un fattorino postale o telegrafico, sia che sia autorizzato ad esprimere verbalmente la volontà altrui… non fa che dichiarare la volontà altrui »45. Il nuncius, anche quando propone o accetta, trasmette una dichiarazione altrui46. La dimensione giurisprudenziale è altrettanto netta e si rispecchia, per esempio, nelle sentenze citate da Betti, che concorda sul fatto che il vero autore del negozio, in tale situazione, è l’interessato47.

  • 48 F. K. Von Savigny, Das Obligationenrechts als Teil des heutigen römischen Rechts, II, Berlin, 1853 (...)

32La distinzione tra rappresentante e nuncio è la principale obiezione alla quale va incontro, anche in Italia, la teoria di Savigny, che argomenta sulla base del diritto comune a favore dell’efficacia diretta del negozio concluso dal rappresentante, ma ritiene che costui non formi una dichiarazione di volontà propria, bensì dichiari quella del rappresentato, che di conseguenza è giuridicamente l’autore del negozio48.

  • 49 H. Buchka, Die Lehre von der Stellvertretung bei Eingehung von Verträgen. Historisch und dogmatisc (...)
  • 50 Di cooperazione parla L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 437-441, p. 491-496, con ri (...)

33Molto seguita anche in Italia, di conseguenza, è la teoria della rappresentazione, secondo cui il vero autore del negozio, i cui effetti si producono in capo al rappresentato, è il rappresentante49. A questa prospettiva se ne contrappone tuttavia un’altra che, rilevando l’eccessiva unilateralità della prima, ritiene che il negozio rappresentativo risulti in realtà dalla cooperazione del rappresentante e del rappresentato50.

34La questione assume particolare rilevanza, in assenza di specifiche disposizioni del codice civile e del codice di commercio, per la soluzione di varie questioni.

3. Volontà del rappresentante o volontà del rappresentato?

35Il modo di concepire il meccanismo della rappresentanza influisce, ad esempio, sul regime dei vizi del consenso (errore, violenza, dolo) e degli stati soggettivi (buona/mala fede, scienza/ignoranza): nel primo caso, si farà capo al solo rappresentante; nel secondo, anche alla volontà o allo stato soggettivo del rappresentato.

  • 51 Mentre nella prima edizione il maestro veneziano considera rilevante la volontà di entrambi, nella (...)
  • 52 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1902, op. cit., n. 247, p. 296.

36La teoria della rappresentazione è applicata in piena coerenza, a partire dalla seconda edizione del Trattato (1902)51, da Vivante, secondo il quale « l’autore della volontà che ne determina la conclusione è il rappresentante. Quindi si deve badare alla volontà che si è formata nella sua mente per determinare la validità dell’affare e il suo contenuto »52.

37Ne deriva che, ai fini dell’annullamento del contratto per errore, violenza, dolo, rileva la sola volontà del rappresentante e non quella del rappresentato.

38Ne deriva ancora, per fare un esempio relativo agli stati soggettivi, che per esercitare l’azione redibitoria nella vendita è decisiva la posizione del rappresentante e non quella del rappresentato.

  • 53 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 253, p. 269. Il rilievo del pri (...)

39Per Vivante, in entrambi i casi, non fa alcuna differenza che il mandato sia specifico o generico, e quindi che il rappresentato abbia predeterminato alcuni elementi del contratto. Hanno rilevanza, in ogni caso, l’intenzione o gli stati soggettivi del rappresentante, in piena coerenza con la teoria della rappresentazione. Vivante introduce, tuttavia, un correttivo importante, che discende dal principio di buona fede: in nessun caso il rappresentato che abbia scienza di una determinata situazione (per esempio, i vizi della cosa) potrà giovarsi dell’ignoranza del rappresentante53. Analoga è la prospettiva adottata da Alfredo Rocco.

40A mio avviso, si può pensare che Vivante abbia abbracciato la teoria della rappresentazione anche perché dava maggiore protezione al terzo. Lo si capisce dal modo in cui egli combatte gli avversari nel punto che mi avvio ad esaminare.

  • 54 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 441-449, p. 496-504.
  • 55 In realtà, A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 42, si appoggia più al primo Vivante c (...)

41Altri autori, infatti, avevano ritenuto necessari dei correttivi, che portarono ad un ripensamento della teoria della rappresentazione. Il problema che stimola questa rielaborazione è quello degli elementi del contratto predeterminati dal rappresentato. Se questi, ad esempio, nel conferire il potere di rappresentanza, determina nella specie uno o più elementi del contratto, come l’oggetto, la persona oppure il prezzo (conferendo un mandato specifico), sembra logico ritenere che sia la sua volontà a dover rilevare, piuttosto che quella del rappresentante: si pensi, ad esempio, ad un errore sull’oggetto del contratto, che sia stato specificamente determinato dal rappresentato. A seconda, dunque, del ruolo avuto dal principale o dal rappresentante nella formazione del negozio si avrà un concorso di volontà: così ritiene la teoria della cooperazione di Mitteis, che in Italia ispira la ricostruzione di Tartufari, che in realtà non accede a tutti i corollari tratti dal maestro tedesco54, e l’adesione di Sraffa55.

  • 56 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 251, p. 266, n. 7.

42Vivante, come anticipato, resta ligio alla teoria della rappresentazione, accolta anche dal BGB, perché la ritiene più favorevole ai terzi contraenti in caso di mala fede del rappresentante: questi, infatti, nell’esempio esplicitamente proposto contro Tartufari, agendo su mandato specifico, potrebbe conoscere i vizi della cosa, a differenza del suo principale; ora, per la « dottrina ambigua » del suo antagonista il rappresentato potrebbe esercitare l’azione redibitoria, mentre secondo la tesi difesa da Vivante l’azione gli sarebbe preclusa56.

  • 57 A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., n. 25, p. 45-51.
  • 58 G. Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, op. cit., p. 786. Contrario, invece, Idem, C (...)
  • 59 U. Navarrini, Trattato teorico-pratico di diritto commerciale, op. cit., n. 476bis, p. 184.
  • 60 N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 126, p. 403 : « se invece si tratti d (...)
  • 61 A. Ascoli, Diritto civile (Delle obbligazioni), op. cit., p. 183.
  • 62 G. Pacchioni, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, op. cit., n. 7, p. 288-289 : « p (...)

43Chi, come Josef Hupka, non accoglie invece questa spiegazione ne avanza un’altra: che in caso di errore su elemento predeterminato dal principale sia invalido, piuttosto, il negozio di conferimento del potere rappresentativo. In Italia, questa tesi, che permette di non smentire la teoria della rappresentazione, è accettata da Nattini57 e, sulle sue tracce, espressamente da Pacchioni58 e Navarrini59, implicitamente da Nicola Coviello60 e Alfredo Ascoli61. Viene anche percorsa una terza via, da parte di quei giuristi i quali osservano che, nel caso in questione, il rappresentante non si comporta come tale, ma è un nuncius, che esegue la volontà del rappresentato: è il ragionamento di Pacchioni62.

4. Capacità del rappresentante o del rappresentato?

44La distinzione tra rappresentante e rappresentato rileva anche sotto l’importante punto di vista della capacità del rappresentante. In questo ambito prevale la tesi per cui è necessario e sufficiente che il rappresentante, proprio perché non dichiara nel proprio ma nell’altrui interesse, abbia la capacità naturale di intendere e di volere, anche se non quella legale. Ne risulta che possono rivestire la qualità di rappresentanti i minori non emancipati, le donne sposate, gli inabilitati. È il rappresentato, invece, che deve avere la piena capacità di agire, dal momento che è nei suoi confronti che si producono gli effetti del negozio concluso dal rappresentante.

45La questione è anche oggetto di una memorabile polemica tra Pacchioni e Brugi, accesa sulle pagine della Rivista del diritto commerciale del 1916. Le due brevi note sono un piccolo capolavoro giuridico. Scritte entrambe con stile elegante ed arguto da due maestri del diritto dalla penna facile e affilata, è dall’esito di questo duello che dipende, in definitiva, la soluzione della questione.

  • 63 Così G. Pacchioni, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, op. cit., n. 15, p. 299-300 (...)
  • 64 G. Pacchioni, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, op. cit., n. 15, p. 302 : « Ora, (...)

46Pacchioni sostiene che se è il rappresentante che forma e dichiara la volontà si deve dedurre che egli deve essere anche pienamente, cioè legalmente, capace di intendere e di volere: « come potrebbesi ammettere che chi è dichiarato dalla legge incapace di compiere un determinato atto potesse farlo compiere validamente da altri senza incorrere nell’assurdo, e senza rendere superflui i principii che regolano la rappresentanza legale? »63. La teoria avversa è quindi, a suo dire, contro la logica dei princìpi64.

  • 65 B. Brugi, Istituzioni di diritto civile italiano, 1914, op. cit., § 19, p. 166, dove compare l’arg (...)

47Il suo antagonista fa valere invece il ragionamento sopra anticipato: poiché il rappresentante contratta non per sé ma per altri, vengono meno le norme sulla protezione degli incapaci, argomentando anche da una disposizione del codice di commercio riferita al mandato65.

  • 66 La prevalente dottrina fa notare che, a differenza del nuncius, il rappresentante deve avere disce (...)
  • 67 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 252, p. 269: « Ciò sembrerà log (...)
  • 68 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 252, p. 269.

48Delle due, è la tesi sostenuta (anche) da Brugi ad avere più fortuna: già accolta dal BGB (§ 165) e dalla communis opinio dei giuristi italiani66, incluso Vivante67, oltre che applicata dalla giurisprudenza68, essa è destinata a divenire norma di legge, di lì a poco, con il PFI e il Libro quarto delle obbligazioni.

49L’opinione, come si è detto, era fondata su ragioni teoriche (la scissione tra fattispecie ed effetto, tipica della rappresentanza), ma anche pratiche: non si voleva privare un soggetto della possibilità di avvalersi della collaborazione, in veste di rappresentanti, di persone capaci di intendere e volere, come un minore di ventuno anni e una donna coniugata.

  • 69 E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 74, p. 576. Contrario G. Mirabelli, (...)

50Emilio Betti, che ebbe un ruolo essenziale nella redazione del Libro quarto delle obbligazioni del 1942, metterà a fuoco tali ragioni in relazione al nuovo art. 1389 del codice civile: « norma, codesta, discutibile se misurata alla logica dei principi, ma giustificabile con ragioni di opportunità pratica, come quella di tutelare l’aspettativa della controparte che fa affidamento sul nome del rappresentato, e quella di rendere più agevole a questo l’uso di intermediari »69.

5. La procura

  • 70 Lo schema completo compare espressamente in U. Navarrini, Trattato teorico-pratico, op. cit. ; A. (...)

51I presupposti affinché operi il meccanismo della rappresentanza sono a) il conferimento del potere di rappresentanza; b) l’agire in nome dell’interessato (contemplatio domini); c) nei limiti del potere conferito70.

52Sulla fonte della rappresentanza volontaria, i giuristi italiani, una volta distinta la rappresentanza dal mandato e dagli altri possibili negozi di gestione, e affermata quindi la necessità di un autonomo negozio di investitura (Bevollmächtigung) del potere rappresentativo (Vollmacht), respingono la tesi labandiana della sua natura contrattuale, minoritaria anche in Germania, benché da noi sia menzionata da Sraffa.

  • 71 A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., p. 4-5, dove avvisa che il termine non è (...)
  • 72 G. P. Chironi, Istituzioni di diritto civile italiano, I, op. cit., § 74, p. 121; G. P. Chironi- L (...)

53Riscuote successo, invece, la tesi del conferimento attraverso un negozio unilaterale, da denominarsi « autorizzazione rappresentativa » secondo Pacchioni, o meglio « procura », secondo Nattini: terminologia, quest’ultima, in seguito più comunemente adottata71. La distinzione tra mandato e procura, comunque, non emerge in modo netto e immediato in tutti gli autori, anche quelli più vicini alla pandettistica tedesca come Chironi72.

  • 73 A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 7.

54Sraffa, per la verità, giustappone le due tesi del contratto e del negozio unilaterale, senza prendere decisamente partito e solo osservando che alcune critiche alla prima non apparivano convincenti73.

  • 74 B. Brugi, Istituzioni di diritto civile italiano, 1907, op. cit., § 19, p. 157 ; Idem, Istituzioni (...)

55È da ricordare, piuttosto, l’opinione espressa da Biagio Brugi nelle Istituzioni di diritto civile italiano: « si può anche dire che la rappresentanza deriva da un contratto concluso a tale scopo, sebbene per lo più accessorio ad altri » (corsivi miei)74.

  • 75 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 248 bis, p. 264 nt. 4.

56Nel passo l’autore accenna anche alla possibilità di un potere di rappresentanza conferito senza rapporto di gestione, e perciò viene severamente criticato da Vivante, che non concepisce la rappresentanza come « un rapporto autonomo »: « se si costituisce con un contratto avrà il suo fondamento in un rapporto principale, generalmente di mandato, che le servirà di sostegno »; e nel testo: « la rappresentanza non costituisce l’oggetto di un contratto autonomo ma è un rapporto accessorio, complementare, che s’imbranca sopra un rapporto fondamentale, che ha per oggetto l’amministrazione del patrimonio altrui »75.

  • 76 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 254, p. 271.

57La procura come rapporto autonomo senza aggancio in un connesso negozio di gestione, in realtà, è fenomeno del tutto possibile nella pratica (infra, § 8). L’ambiguità di Brugi sta nel parlare di contratto, quando poco prima aveva definito la procura un atto unilaterale, sulla scorta di Nattini. Anche Vivante sembra contraddittorio, nel passo sopra citato: a meno di non intendere che, parlando di rappresentanza che si costituisce con un contratto, egli non abbia voluto intendere in occasione di un contratto di gestione, al cui interno si distingue la procura come « l’atto che contiene la nomina di un rappresentante »76.

  • 77 G. Mirabelli, Delle obbligazioni, op. cit., p. 375-376, con richiamo all’art. 1393; R. Sacco-G. De (...)
  • 78 A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., n. 44-61, p. 92-117; N. Coviello, Manual (...)

58La procura è un atto recettizio: non occorre, dunque, per la sua efficacia che essa sia accettata dal destinatario. Senonché la dottrina è incerta sul soggetto a cui essa deve essere rivolta: mentre oggi è dominante l’idea che sia il rappresentante77, tra fine Ottocento e inizi Novecento sono molti gli autori i quali ritengono invece che la procura abbia come destinatario il terzo contraente, che la deve dunque necessariamente conoscere78.

  • 79 Cfr. ex multis E. Pacifici-Mazzoni, Istituzioni di diritto civile italiano, op. cit., V, n. 231, p (...)
  • 80 Fadda-Bensa, Note a B. Windscheid, Diritto delle Pandette, I.1, op. cit., n. φ, p. 915-917 ; A. Na (...)
  • 81 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 140-143, p. 171-178; G. P. Chironi, Questioni di (...)
  • 82 Fadda-Bensa, Note a B. Windscheid, Diritto delle Pandette, I.1, op. cit., nt. φ, p. 915, citano la (...)
  • 83 R. Graziani, Mandato e procura, op. cit., p. 93.
  • 84 Il rinvìo è a R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., Idem, Negozio di gestione e (...)
  • 85 R. Graziani, Mandato e procura, op. cit., p. 94-95.

59Sulla forma della procura, come a suo tempo su quella del mandato79, la dottrina esprime due approcci differenti. Per alcuni, la procura deve rivestire la stessa forma del contratto da concludere, argomentando dal fatto che il potere rappresentativo è necessario per l’efficacia diretta del negozio rappresentativo e quindi entra nella fattispecie del negozio stesso80. Per altri, invece, la procura, proprio perché concepita come negozio autonomo da quello rappresentativo, non richiede la stessa forma: decidere in senso contrario significherebbe creare un nuovo caso di forma solenne contro il principio di libertà di forma81. In giurisprudenza prevale la tesi secondo cui la procura deve rivestire la stessa forma del contratto da concludere82, al punto da costituire ius receptum, come afferma Alessandro Graziani a margine di un’importante sentenza della Cassazione del 25 marzo 193883. Giova dire, a tal proposito, che si tratta di una di quelle note brevi, ma dense di pensiero, dedicate dall’autore a diversi profili della rappresentanza, che fanno da contorno ai suoi studi più rilevanti in materia84. Nel saggio, Graziani approva la decisione, ridimensionando la teoria della rappresentazione che, a suo parere, non definisce appieno il fenomeno della rappresentanza: « la teoria della rappresentazione – egli scrive – è nel vero quando afferma che la volontà del rappresentante è essa sola che determina il contenuto del negozio rappresentativo; ma cade in errore quando vuole identificare tutta la volontà negoziale in quella rivolta a determinare il contenuto ». Da qui la conclusione: « La volontà contenuta nella procura, e quindi la procura stessa, non costituiscono unicamente un presupposto perché gli effetti del negozio rappresentativo si producano nel rappresentato; ma la volontà contenuta nella procura, è, nel senso ora precisato, parte integrale della volontà negoziale »85 e perciò soggetta al requisito di forma.

6. Agire in nome altrui

60La spendita del nome del rappresentato è l’altro elemento fondamentale del congegno rappresentativo. Finché il rappresentante non dichiari di agire in nome altrui non si produce il caratteristico effetto di sostituzione tipico di questo modo di agire. La contemplatio domini, pertanto, è un elemento necessario.

  • 86 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 302-306, p. 355-362; G. P. Pacchioni, Elementi di (...)

61Occorre, tuttavia, mettere in evidenza che, a tal riguardo, la dottrina prevalente non richiede obbligatoriamente una dichiarazione espressa, ammettendo anche la spendita tacita o per comportamento concludente86. Vivante è tra questi, adottando, come altri, un’interpretazione larga del requisito dell’agire « in nome del mandante » previsto testualmente dall’art. 349 c. comm.:

  • 87 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 255, p. 274.

« è necessario che la rappresentanza sia fatta conoscere in modo che il terzo contraente sappia che entra in rapporti giuridici col principale e non col rappresentante, e si determini sapendo che l’affare si riferisce al principale. Il rappresentante cui starà a cuore di non obbligarsi personalmente, si affretterà a farlo conoscere trattando in nome del principale. Ma l’esistenza della rappresentanza può desumersi tacitamente anche dalle circostanze obbiettive e subbiettive che accompagnano la conclusione dell’affare, per esempio, dall’esibizione del mandato, dai precedenti rapporti d’affari, dal luogo ove si contratta (art. 349) »87.

  • 88 In senso contrario, tuttavia, E. Pacifici-Mazzoni, Istituzioni di diritto civile italiano, op. cit(...)

62Ciò significa che il rappresentante potrebbe anche concludere il contratto in proprio nome88, ma in circostanze tali da rendere evidente alla controparte che egli agisce in nome altrui, come negli esempi puntualmente fatti da Vivante, ai quali altri se ne potrebbero aggiungere attingendo alla casistica giurisprudenziale.

7. La rappresentanza senza potere

  • 89 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265 bis, p. 284.

63Può accadere che il rappresentante agisca senza potere. L’ipotesi del falsus procurator è molto discussa dalla dottrina italiana, che distingue due situazioni: l’agire senza procura oppure eccedendo i limiti della procura (difetto/eccesso di rappresentanza distinto dal c.d. abuso di rappresentanza, su cui infra). Tolti alcuni giuristi, come Vivante, che ritengono inesistente il negozio concluso senza procura89, prevale l’idea che in entrambe le situazioni la qualificazione del negozio rappresentativo sia sempre la stessa. Come configurare, tuttavia, il negozio compiuto dal rappresentante senza procura o eccedendo i limiti della stessa?

64Palestra di disquisizioni nella dottrina tedesca, che lascia ampia traccia nella scienza giuridica italiana, anche nel contesto nazionale si contrappongono diverse opinioni.

  • 90 Per il terzo, invece, il contratto è vincolante: tant’è vero che esso si può sciogliere solo per m (...)
  • 91 R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 187.
  • 92 Per una critica recente: R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 187 (il contratto non può (...)
  • 93 Per questa precisazione: V. Roppo, Il contratto, op. cit., p. 296.

65Se oggi prevale decisamente la tesi dell’inefficacia del negozio nei confronti sia del rappresentante sia del rappresentato90 e la disputa viene ormai alquanto ridimensionata avendo perso molto dell’interesse pratico di un tempo91, nel periodo considerato, in assenza di una disciplina espressa, si parla invece molto anche di negozio invalido (nullo o annullabile92) e di fattispecie a formazione successiva o progressiva. In questa terza ipotesi, la ratifica è intesa come elemento costitutivo del negozio, mentre nella prima essa è da ritenersi « condizione esterna di efficacia »93.

  • 94 E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 75, p. 582.

66Di negozio nullo parla Emilio Betti, in accesa polemica con chi aveva ritenuto che il negozio fosse semplicemente inefficace, poiché la legittimazione ad agire è, secondo lui, un elemento intrinseco e non estrinseco al negozio. Mancando questo, il contratto concluso dal falsus procurator è dunque invalido. Si tratta, tuttavia, di nullità relativa o pendente, fino al sopraggiungere della ratifica dell’interessato, intesa come negozio unilaterale benché diverso dalla procura; ratifica che, se concessa, diventa un elemento del negozio, come la conferma di un negozio invalido, e da questo punto di vista si può discorrere di un negozio a formazione successiva94.

  • 95 A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 83, p. 332-333.

67Anche Alfredo Rocco era stato un sostenitore della tesi del negozio invalido per « nullità assoluta », che attraverso la ratifica poteva essere convalidato dall’interessato95. Egli aveva, tuttavia, escluso che si potesse parlare di negozio a formazione successiva, nel senso di negozio perfezionato con la ratifica dell’interessato: nel suo sistema, la ratifica non perfeziona il contratto del falsus procurator, ma lo convalida.

  • 96 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265, p. 284.
  • 97 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265 bis, p. 284-285.
  • 98 U. Navarrini, Trattato teorico-pratico, op. cit., n. 481, p. 188.

68Diversa ancora l’impostazione di Vivante, verso la quale per l’appunto Rocco manifesta un’attitudine fortemente critica: è come se il rappresentante avesse fatto un’offerta per conto del principale, che con la successiva ratifica perfeziona il contratto96. Se è stato concluso un negozio in mancanza di procura, invece, esso è inesistente. Qui Vivante sostiene che « il terzo può revocare l’offerta finché non abbia ricevuta notizia dell’accettazione da parte del principale, come se quell’apparente rappresentante non vi avesse avuto alcuna parte »97. Non c’è ratifica, dunque, ma accettazione, e il terzo non è vincolato dal contratto, perché esso è inesistente. Navarrini, viceversa, a dimostrare la non univocità del dibattito dottrinale, accoglie la tesi della nullità relativa98.

  • 99 E. Gianturco, Sistema del Diritto Civile Italiano, I, op. cit., p. 348.
  • 100 G. P. Chironi-L. Abello, Trattato di diritto civile italiano, I, op. cit., p. 423 ; R. De Ruggiero (...)

69Molto più semplice era stata la sintetica costruzione di Gianturco, uno dei primi pandettisti italiani: il negozio è inefficace nei confronti del rappresentante e del rappresentato, fino a ratifica di quest’ultimo; il terzo, invece, rimane obbligato e non può essere sciolto dal contratto nemmeno attraverso una « revoca » del contratto da parte del rappresentante il quale, in caso di mancata ratifica, sarà tenuto al risarcimento del danno per culpa in contrahendo99. Anche Chironi-Abello, Nicola Coviello e Roberto De Ruggiero parlano di negozio inefficace in stato di pendenza100.

70Come si può notare da questi esempi, la disputa aveva raggiunto i più raffinati livelli dogmatici, ma poca uniformità di vedute. La medesima impressione si ricava indagando altri aspetti della questione.

  • 101 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 400, p. 451-452; N. Coviello, Manuale di diritto (...)
  • 102 N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 127, p. 407 ; C. Vivante, Trattato di (...)

71La ratifica è un negozio unilaterale recettizio rispetto al terzo101, che conferisce validità/efficacia (a seconda delle impostazioni) al negozio concluso senza potere, con effetto retroattivo e senza pregiudizio dei diritti acquistati dai terzi di buona fede102.

72Prima della ratifica, come si è detto, il terzo è vincolato dal contratto, che può sciogliersi solo per mutuo consenso e non per recesso unilaterale. Lo stato soggettivo del terzo (ignoranza/conoscenza della mancanza o dell’eccesso di potere di rappresentanza) non rileva quindi ai fini dell’efficacia del contratto, ma solo per l’esercizio dell’azione di responsabilità (precontrattuale) nei confronti del falso rappresentante.

  • 103 N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 127, p. 406-407.
  • 104 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265-265 bis, p. 284-285.
  • 105 A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 83, p. 334.

73Prima che questa situazione sia espressamente regolata nel Libro quarto delle obbligazioni si prospettano, tuttavia, varie soluzioni. Nicola Coviello, ad esempio, ritiene che il terzo inconsapevole del difetto di rappresentanza non sia vincolato dal contratto103 e così pure ragiona Vivante104. Per Alfredo Rocco, invece, il terzo può sempre far valere la nullità del negozio e impedire la ratifica105.

74In tanta difformità di opinioni, può essere utile fare il punto della situazione ricorrendo ad uno scritto, uscito nel 1927, a firma di Alessandro Graziani, che abbiamo già incontrato come importante studioso della rappresentanza. Il saggio è significativo, sia sul piano critico che su quello costruttivo. Metodologicamente, inoltre, mostra bene la dialettica (che non è osmosi) ormai esistente tra la dottrina italiana e tedesca.

75È interessante notare quali, tra le varie teorie avanzate per qualificare il negozio rappresentativo, fossero considerate più deboli dall’autore.

  • 106 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 2, p. 5.
  • 107 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 8, p. 26, nt. 49.
  • 108 G. Pacchioni, Corso di diritto civile, op. cit., n. 19, p. 305.
  • 109 G. Pacchioni, Corso di diritto civile, op. cit., n. 23, p. 308.

76La più fragile era considerata dal teoria dell’offerta. Nella rassegna di cui si è fatto cenno sopra l’abbiamo vista accolta da Cesare Vivante. In origine, nella civilistica tedesca, essa era stata prospettata da Wächter, Ruhstrat e altri, ma sottoposta ad una critica che Graziani ritiene “incontrovertibile” da parte di Zimmermann. Questa teoria, infatti, rende il rappresentante un nuncius del terzo contraente che trasmette l’offerta contrattuale del terzo e in quanto tale entra in contraddizione con un postulato fondamentale del fenomeno rappresentativo106: è una « deformazione delle reciproche funzioni del rappresentante, del dominus e del terzo »107. Con le parole efficacissime di Pacchioni, anch’egli avversario di questa teoria: « solo artificiosamente si può considerare il gestore come un nuncio del terzo contraente mentre egli, in realtà, si assume la rappresentanza del dominus »108; e correlativamente la ratifica non è l’accettazione di un’offerta contrattuale109.

  • 110 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 2, p. 5-6, con riferimento a L. Barassi (...)

77Non meno criticabile appare a Graziani la teoria dell’annullabilità del negozio: qui è decisiva l’osservazione, già svolta da Brugi e Barassi, secondo cui la ratifica non si può paragonare alla conferma di un negozio annullabile e dunque viziato, che, a differenza del negozio rappresentativo concluso dal falsus procurator, è produttivo di effetti110.

  • 111 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 3, p. 6-10.

78Anche la teoria del negozio inefficace sottoposto a condicio iuris non soddisfa Graziani, malgrado l’autorevolezza dei suoi proponenti, Laband e soprattutto Zimmermann: qui il contraddittore di cui il giurista italiano approva le riserve è Mitteis, il quale vede nella soluzione prescelta una logica conseguenza della teoria della rappresentazione da lui combattuta. In sintesi, l’obiezione fondamentale, condivisa da Graziani, è che il negozio condizionato è perfetto dal punto di vista della volontà delle parti, mancando solo l’avverarsi della condizione per renderlo efficace: sono entrambe le parti, in altri termini, che si accordano per l’efficacia condizionata; nel negozio concluso dal falsus procurator manca, viceversa, la volontà del dominus, che non si può considerare un elemento accessorio111.

  • 112 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 5, p. 17-20.

79Venendo alla tesi della nullità del negozio, essa è particolarmente importante, in quanto sostenuta da una parte rilevante della dottrina italiana: Brugi e, come si è visto sopra, Alfredo Rocco. Qui l’obiezione avanzata da Graziani è che il negozio nullo, comunque, esiste fino alla dichiarazione di nullità, mentre il negozio rappresentativo, a suo avviso, non è ancora venuto ad esistenza, prima della ratifica del dominus. La ratifica, in altri termini, non sana la nullità del negozio, ma lo pone in essere112.

  • 113 Così G. Pacchioni, Corso di diritto civile, op. cit., n. 21, p. 307. Una puntuale e ampia disamina (...)

80Ma esiste un’altra teoria, che abbiamo incontrato anche sopra, secondo cui il negozio del falsus procurator esiste, anche se non è ancora perfetto, perché i suoi effetti nei confronti del dominus sono sospesi. La teoria in questione è ancor più rilevante, perché risulta sostenuta in Germania da Windscheid e Mitteis e in Italia da Tartufari e Pacchioni, pur con sfumature diverse. Ora, la posizione di Pacchioni in questa controversia è particolarmente importante. A lui si deve, infatti, una serrata critica della teoria dell’offerta, dell’annullabilità e del negozio perfetto a efficacia sospesa. Viceversa, egli ritiene che il negozio sia imperfetto nei confronti del rappresentato, ma già produttivo di effetti per il terzo e il rappresentante. questa concezione permette di risolvere l’arduo problema del recesso dal contratto stipulato dal falsus procurator: per Pacchioni il recesso unilaterale del terzo e del gestore è inammissibile, mentre entrambi possono sciogliere il contratto per mutuo consenso, poiché la « volontà comune, che ha creata la possibilità della ratifica del dominus, può anche distruggerla » : non separatamente, dunque, ma di comune accordo113.

  • 114 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 8, p. 26.

81Diversa è, invece, la teoria di Graziani: la ratifica non è un mero presupposto o condizione del contratto, come si è visto, ma un elemento costitutivo del negozio. Se ne deduce che il contratto concluso dal falsus procurator « non è né un negozio perfetto né nullo, bensì un negozio in via di formazione »114. Si può riprendere, a questo punto, il nodo gordiano della revocabilità o del recesso dal contratto prima della ratifica per il gestore e il terzo, separatamente o per mutuo consenso, la cui soluzione dipende dalle premesse, cioè dalla teoria professata. Si è vista la proposta di Pacchioni: il contratto è vincolante per il gestore e il terzo, che possono scioglierlo solo per mutuo consenso. L’idea di Graziani è esattamente all’opposto: prima della perfezione del negozio si deve ammettere che il terzo e il gestore possano recedere dal contratto, unilateralmente o di comune accordo, e questa conclusione deriva tra l’altro dal principio vigente nel diritto italiano secondo cui prima della perfezione proposta e accettazione sono revocabili. Graziani, tuttavia, ritiene che de iure condendo sarebbe meglio stabilire che il contratto sia vincolante per il terzo, come il § 178 BGB e l’art. 38 del codice svizzero delle obbligazioni. Un dettaglio che ci aiuterà a comprendere le future soluzioni normative italiane.

8. Una voce fuori dal coro: Salvatore Pugliatti e la rottura della parete « opaca e impenetrabile »

82La procura è autonoma sia dal rapporto di gestione sia dal negozio rappresentativo.

  • 115 Basterà richiamare E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 73, p. 565.

83Non solo essa, come si è detto, è negozio distinto dal contratto da cui ha origine il rapporto di gestione, che regola il c.d. lato o rapporto interno tra rappresentante e principale (i reciproci diritti e obblighi), ma è anche negozio autonomo rispetto ad esso. Su tale autonomia si regge la dottrina italiana della rappresentanza, elaborata a cavallo tra Otto e Novecento, come giustamente riconosciuto da Graziani nel passo sopra riportato115.

84Ma cosa implica l’autonomia della procura rispetto al rapporto di gestione?

85Alcuni rilievi sono già stati fatti riguardo all’autonomia della procura rispetto al negozio rappresentativo (forma, capacità del rappresentante, vizi del negozio rappresentativo).

86Guardando al rapporto di gestione, si possono citare altre due rilevanti conseguenze: a) i limiti del potere rappresentativo opponibili al terzo contraente sono solo quelli indicati nella procura (di principio non rilevano istruzioni che non risultino dalla procura); b) i vizi del negozio di gestione non influiscono sulla validità del potere rappresentativo.

  • 116 In questo senso, ad esempio, la intende E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., (...)

87L’autonomia viene descritta anche come « astrattezza » della procura, denominazione impiegata per significare sia che la procura è atto distinto dal rapporto di gestione e associabile a qualunque negozio di gestione, sia che è atto indipendente rispetto alle vicende del negozio di gestione116.

  • 117 E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 73, p. 563 ; G. Mirabelli, Delle obb (...)

88La nozione, in entrambe le ipotesi, è equivoca, ma viene mantenuta dalla dottrina, una volta chiarita la sua portata. Perfino Emilio Betti, che è autore attentissimo al linguaggio e all’impiego di uno strumentario concettuale rigoroso, è di questa idea e si dice d’accordo nel fare uso di tale terminologia, pur « senza disconoscere che il conferimento di rappresentanza suole avere la sua giustificazione economico-sociale in una relazione sottostante di cooperazione o di gestione »: senza disconoscere, perciò, che anche la procura ha una funzione e quindi una causa117.

89Tale prospettiva viene fortemente messa in discussione proprio negli anni dell’elaborazione del progetto italo-francese da Salvatore Pugliatti. Il discorso è complesso e in questa sede sia consentito di semplificarne la pregnanza e lo spessore. In sostanza, per il civilista messinese la rappresentanza non ha la sua fonte nella procura, ma nel rapporto di gestione e nella spendita del nome. Ciò non significa ritornare alla vecchia idea della confusione tra mandato e rappresentanza. La costruzione è nuova in ciò: nel fatto di concepire in modo diverso i rapporti tra autorizzazione rappresentativa (Pugliatti è contrario al concetto di « potere » rappresentativo) e negozio di base, con tutta una serie di conseguenze, tra cui quella, fondamentale, di fornire una soluzione al problema dell’abuso della rappresentanza, nella forma del conflitto tra rappresentante e rappresentato.

90Tale situazione si verifica quando il rappresentante sacrifica l’interesse del rappresentato a quello di un altro soggetto o di se stesso (contratto con se medesimo). In questa ipotesi, l’annullabilità del negozio concluso dal rappresentante non è altro che il riflesso, nella teoria pugliattiana, della rilevanza che assume l’interesse del rappresentato, così come configurato nel negozio di gestione, che diviene così il perno del fenomeno della rappresentanza.

91Presupposto dell’azione di annullamento, esercitabile dal solo rappresentato, è l’esistenza di un conflitto d’interessi attuale, cioè esistente al momento della conclusione del contratto, reale e anche solo potenziale, poiché è sufficiente il pericolo di danno per il rappresentato. Il conflitto d’interessi deve, inoltre, essere conosciuto o riconoscibile dal terzo. In alternativa, il negozio può essere ratificato dal principale.

  • 118 S. Pugliatti, Il conflitto d’interessi tra principale e rappresentante, op. cit., n. 11, p. 55-56.

92Pugliatti è ben consapevole di smuovere le acque su molti profili della disciplina. Basti pensare ad un dato sicuramente poco ortodosso nel dibattito dottrinale: la rilevanza esterna da lui assegnata al rapporto di gestione il quale, lungi dal rimanere interno tra rappresentante e principale, ha effetto anche per il terzo contraente, in quanto fonte della rappresentanza. Cade pertanto quella “barriera” tra lato interno e lato esterno della rappresentanza, secondo cui per il terzo contraente vale solo quanto stabilito nella procura: viceversa, il terzo contraente « deve necessariamente presupporre la esistenza di un rapporto di gestione, e deve quindi accertarsi, nel proprio interesse, della estensione e dei limiti di esso, nonché delle condizioni relative alla sua esistenza e alla sua validità »118. In altri termini:

  • 119 S. Pugliatti, Il conflitto d’interessi, op. cit., n. 31, p. 107.

« Il rapporto rappresentativo stricto sensu non costituisce un ostacolo a che il terzo venga a conoscenza del rapporto di gestione. esso non crea una parete opaca ed impenetrabile, ma viceversa è come un cristallo trasparente attraverso il quale tutto il rapporto interno si rivela al terzo, poiché il terzo, quando, per la dichiarazione del cooperatore, viene a conoscenza del potere rappresentativo, è posto in grado di conoscere il rapporto rappresentativo nella sua integrità… »119.

  • 120 Per le notizie biografiche rimando per tutti alla voce di F. Macario, Pugliatti, Salvatore, in Diz (...)

93È un giovanissimo Pugliatti appena venticinquenne quello che scrive questo celebre articolo, successivo di qualche anno alla tesi di laurea sulla rappresentanza discussa il 5 luglio 1925 a Messina120. La stessa prefazione che introduce gli Studi sulla rappresentanza, raccolti nel 1965, non fa mistero delle sue intenzioni e manifesta inoltre, in alcuni passaggi, una profonda insofferenza nei confronti delle « tradizioni e culture di altri paesi »:

  • 121 S. Pugliatti, Studi sulla rappresentanza, op. cit., p. viii.

Quali siano stati i miei contributi in tema di rappresentanza, e se utili, giudicheranno i lettori. Io mi limiterò a osservare che l’idea centrale – quella della rilevanza del rapporto di gestione – suggerita da una presa di contatto realistica coi problemi pratici, e sostenuta da una esigenza di aderenza alla tradizione nazionale e dalla correlativa resistenza a trasposizioni pure e semplici di tradizioni e culture di altri paesi, senza rinuncia a quegli apporti che valgono a costituire un patrimonio culturale comune, ha preso consistenza sempre più solida colla nuova legislazione. Così che oggi appaiono notevolmente indebolite le tendenze formalistiche che si erano imposte agli inizi del secolo, sotto l’influenza della legislazione o della dottrina tedesca121 (corsivi miei).

94Il riferimento è alla scienza germanica, di cui i giuristi italiani si erano ampiamente serviti, anche in prospettiva critica, nel delineare la disciplina nazionale. Ma di quali dottrine si tratta? Il bersaglio sono le teorie formali della rappresentanza incentrate, anche in Italia, sulla procura. Lo stesso Pugliatti, com’è noto, non disdegnava affatto di ispirarsi, per la propria personale costruzione del fenomeno rappresentativo, al pensiero di un giurista tedesco come Sigmund Schlossmann, fautore di un approccio più sostanziale al problema.

95Alle tesi pugliattiane si oppongono varie critiche. Molto rilevante quella coeva di Alessandro Graziani, favorevole a confermare la teoria della procura come fonte della rappresentanza e l’idea dell’autonomia della stessa rispetto al negozio di gestione. La costruzione di Pugliatti, infatti, a suo avviso, non riuscirebbe a spiegare adeguatamente almeno due fenomeni: la rappresentanza senza procura e la procura senza rappresentanza.

96In ordine al primo fenomeno, si ha rappresentanza senza procura quando, come accennato, il rappresentante difetta di potere rappresentativo o eccede i limiti della procura. In tal caso, la teoria dominante ritiene che il rappresentato possa ratificare il negozio concluso senza potere e che la ratifica sostituisca la procura mancante. La spiegazione concettuale di Pugliatti è diversa, ma discutibile (secondo l’autore), poiché deve ipotizzare un collegamento (in realtà forzato) con il negozio di gestione, vale a dire presupporre un negozio di gestione in realtà inesistente.

  • 122 Lo ha riconosciuto anche Alberto Trabucchi, in un’acuta ricostruzione del pensiero del giurista me (...)

97In ordine al secondo fenomeno, la teoria di Pugliatti appare in effetti difficilmente conciliabile con il caso, tutt’altro che ipotetico, di una procura isolata senza negozio di gestione (e quindi, ad esempio, senza precedente o contestuale contratto di mandato). In tale ipotesi, è evidente che la rappresentanza non può discendere dal negozio di gestione, che non esiste122.

  • 123 A. Trabucchi, « La rappresentanza », op. cit., p. 581.

98La costruzione di Pugliatti rimane, quindi, estremamente interessante sul piano storico e dogmatico, per aver tentato di superare la teoria tradizionale, senza tuttavia essere riuscita del tutto persuasiva sul piano argomentativo. Essa ha avuto, per esempio, il merito di mettere a fuoco la situazione del conflitto d’interessi con il rappresentato, ipotesi quasi del tutto trascurata dalla dottrina anteriore, fondando la soluzione dell’annullabilità sulla « collaborazione che deve esistere tra mandante e mandatario pur nello svolgimento del negozio rappresentativo »123, come ha scritto ancora Trabucchi nel menzionato intervento, cogliendo la preminenza che assume la cura dell’interesse del rappresentato nella costruzione del giurista messinese. Essa, ancora, ha permesso di arrivare all’idea, oggi diffusa in parte della dottrina, che vede come fonte della rappresentanza volontaria anche il contratto di gestione (quando esiste) e non solo il negozio unilaterale di procura, distinto e separato.

99Occorre, tuttavia, osservare che la concezione tradizionale non ha affatto perso terreno: si afferma, infatti, comunemente che la procura può presentarsi distaccata oppure assorbita in una clausola del contratto di gestione, pur se distinta da esso. Ancor più rilevante è il fatto che i limiti del « potere » di rappresentanza si ritengono comunemente segnati dalla procura e non dal contratto di gestione, come insegnato invece da Pugliatti; anche se, nella pratica, si possono indubbiamente presentare situazioni dai contorni più sfumati.

  • 124 Esplicitamente Roppo, Il contratto, op. cit., p. 284: « il divieto di agire in conflitto d’interes (...)

100Anche l’ipotesi del conflitto di interessi, che si presenta attualmente disciplinata dal Libro quarto delle obbligazioni (mentre non lo era nel progetto italo-francese) se deve verosimilmente a Pugliatti la sua introduzione nel nuovo codice civile, si presta ad essere giustificata anche mantenendo la tradizionale concezione della procura come fonte della rappresentanza124.

  • 125 A. Trabucchi, «La rappresentanza», op. cit., p. 577.

101Pugliatti, infine, ha speso una parola decisiva anche nei confronti della soluzione « italiana », favorevole alla rilevanza della volontà e degli stati soggettivi non solo del rappresentante, ma anche del rappresentato, qualora gli elementi del contratto siano da lui predeterminati: una soluzione coerente con la tesi della cooperazione da lui sostenuta, ma anche, come si è visto, con le teorie di chi vedeva nella procura la fonte della rappresentanza volontaria. Trabucchi scrive che si deve a Pugliatti l’introduzione di questa disciplina nel codice civile125: in realtà, non se ne ha una conferma documentata e inoltre va detto che la soluzione, come si è visto sopra, era condivisa da molti altri giuristi, come ad esempio Emilio Betti, che ebbe un ruolo di primo piano nella gestazione del Libro delle obbligazioni, promulgato in pieno regime fascista nel 1941. Non sarei quindi dell’idea, allo stato, di ricondurla unicamente al grande giurista messinese.

II. Le stagioni di riforma del codice civile: dal PFI al Libro quarto delle obbligazioni

1. La « decisa e importante novità » del PFI: il ruolo di Cesare Vivante e dei Progetti italiani di codice di commercio

102Si possono ora tirare le fila del discorso svolto nelle pagine precedenti, esaminando quanto del ricco dibattito sulla rappresentanza – che in questo contributo mi sono limitato ad osservare nel suo percorso scientifico italiano – sia confluito nel codice civile italiano del 1942.

  • 126 Mi permetto di rinviare a Chiodi, Costruire una nuova legalità, op. cit., anche per ulteriori ragg (...)

103Le ricerche più recenti hanno approfondito il tipo di relazione che, nella prospettiva italiana, collega il progetto italo-francese di codice delle obbligazioni al Libro quarto delle obbligazioni126. Si tratta di codici che sono il prodotto di una cultura giuridica per molti aspetti non omogenea, il che equivale a dire che diverso è il loro fondamento giuridico-politico.

104Ciò premesso, dal nostro punto di vista, la novità del PFI consiste per l’appunto nel fatto di aver regolato per la prima volta la rappresentanza all’interno del codice civile, dopo il BGB (22 §§: 164-185) e l’OR (9 articoli: 32-40), come fenomeno giuridico separato e indipendente dal mandato e da altri rapporti di base. I rilievi emersi dall’indagine appena sintetizzata, finalizzata a chiarire il contesto scientifico nel quale calare le scelte effettuate dagli autori del progetto italo-francese, possono essere utilizzati come filo conduttore di questa parte della ricerca.

  • 127 Per riferimenti : G. Chiodi, «Innovare senza distruggere»: il progetto italo-francese di codice de (...)
  • 128 Osservazioni e proposte sul progetto del libro quarto Delle Obbligazioni (Ministero di Grazia e Gi (...)

105In primo luogo, occorre premettere che questa prima disciplina consta di soli otto articoli, posti nel titolo I del PFI (Disposizioni generali), Capo I (Delle fonti delle obbligazioni), Sez. I (Dei contratti), § VI, collocato dopo il paragrafo sulla causa (dove si arrestava, per i contratti, il Prog. 1918-1919) e prima di quello sugli effetti dei contratti. La scelta sistematica si spiega con la deliberata omissione della parte generale del negozio giuridico127: quella che Gino Gorla, con accenti critici rivolti alla disciplina della rappresentanza nel Libro delle obbligazioni, definirà « l’iconoclastia per la parte generale »128.

  • 129 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, op. cit., p. 395 (Rel (...)
  • 130 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti. Testo definitivo approvato a Parigi nell’Ot (...)

106In secondo luogo, gli articoli 30-37 del PFI derivano da una prima bozza di otto articoli, commissionata da Vittorio Scialoja a Cesare Vivante, come detto sopra, e approvata nell’aprile 1919 dalla IX Sezione della Commissione italiana per il dopoguerra come « capitolo della rappresentanza da ingerire (sic) nel titolo delle fonti delle obbligazioni », con sole cinque righe di presentazione nella relazione di Alfredo Ascoli, dove non si dice alcunché sulla genesi della disciplina e ci si limita a dichiarare, dando un’idea un po’ troppo irenica dell’unità d’intenti della dottrina, che tali articoli « codificano principi generalmente ammessi e risolvono alcune questioni molto importanti teoriche e pratiche »129. Del resto, appare laconica e reticente anche la relazione del PFI, in cui le spiegazioni contenute nelle prime dieci righe sono analogamente misteriose130.

107Il passaggio dalla prima alla seconda e definitiva redazione del PFI è rimasto finora ignoto alla storiografia, così come il rapporto tra la sostanza della normativa e il dibattito dottrinale italo-francese, di cui non si dà conto nella Relazione. Questa lacuna si può colmare se ricorriamo ad altre fonti: in particolare, gli articoli corrispondenti alla rappresentanza dei Progetti di codice di commercio italiano Vivante 1922 (13 articoli) e D’Amelio 1925 (11 articoli). La lettura e il confronto tra le relazioni, stavolta più ricche di dettagli, mi hanno reso possibile ricostruire in modo più compiuto la genesi di questi articoli e di arrivare alla seguente conclusione.

108L’ipotesi che ritengo di formulare è la seguente: l’articolato è stato elaborato da Cesare Vivante ed esemplato sulle proprie convinzioni scientifiche. È lui il giurista dietro le quinte, è suo il modello nascosto del PFI: il confronto tra le prime tre stesure – Prog. 1919 (7 articoli), Prog. 1922 (13 articoli), Prog. 1925 (11 articoli) – è rivelatore di una trama e di una formulazione inequivocabilmente comuni, salvo una importantissima variante sostanziale (art. 2).

109Non solo lo schema Vivante è il modello del Prog. 1919: egli sarà anche l’autore e relatore della disciplina sulla rappresentanza del Progetto di codice di commercio del 1922 e l’ispiratore di quella del 1925.

  • 131 Progetto preliminare per il nuovo Codice di commercio, 1922, op. cit., Gli ausiliari del commercia (...)

110L’idea di fondo, che è quella di fare astrazione dai singoli rapporti accessori di gestione sui quali tale modalità può innestarsi e di tracciare una disciplina generale, è esplicitata a chiare lettere nelle relazioni131 e corrisponde ad un topos riconosciuto della teoria vivantiana e in generale della dottrina italiana.

  • 132 R. Popesco-Ramniceano, « La représentation dans le Projet de code des obligations élaboré par l’Un (...)

111Tornando alla regolamentazione della rappresentanza nel Prog. 1919, a parte la sua collocazione all’interno delle regole generali sui contratti, si può concordare sul fatto che il BGB abbia verosimilmente fatto da modello per la successione degli articoli132, disposti secondo la sequenza: presupposti, capacità, volontà/stati soggettivi, procura, rappresentanza senza potere, contratto con se stesso. Il contenuto degli articoli, tuttavia, e l’osservazione vale anche per il PFI, è assai meno analitico del BGB. Prevale, insomma, la direttiva della concisione e della stringatezza, che comporta un intervento assai più discreto del legislatore, che evita di dirimere molte questioni. Dettaglio ancor più significativo: il PFI si distacca dal BGB in molte soluzioni. Al fine di comprendere le ragioni di tale fenomeno è stata predisposta la prima parte di questa ricerca, sulle cui basi possiamo passare a scandagliare i punti salienti della disciplina italo-francese.

  • 133 R. Popesco-Ramniceano, « La représentation dans le Projet de code des obligations », op. cit., p.  (...)
  • 134 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, 1919, op. cit., art.  (...)
  • 135 Art. 55 Progetto Vivante 1922: Gli atti compiuti dal rappresentante pel principale entro i limiti (...)
  • 136 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 30 : Gli atti compiuti dal r (...)

112Una prima significativa impronta vivantiana si rinviene nell’articolo 1, che stabilisce i presupposti della rappresentanza, menzionando l’agire entro i limiti dei poteri e la contemplatio domini, con una formula che attirò le perplessità di Popesco-Ramniceano133, poiché nella prima versione del 1919134 l’articolo è formulato in perfetta simmetria con quanto Vivante sostiene nel suo Trattato (il passo è stato riportato supra, nt. 87). Il requisito della conoscenza del terzo scompare, viceversa, nei progetti di codice di commercio135. Credo che sia nel vero lo studioso francese quando afferma che il requisito della contemplatio domini non fu aggiunto nell’art. 30 PFI, con la precisa dizione « in nome del rappresentato »136, allo scopo di escludere la spendita del nome tacita: essa, infatti, era ammessa per opinione comune dalla dottrina italiana.

  • 137 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, 1919, op. cit., art.  (...)

113Il regime dei vizi della volontà (art. 2), invece, non corrisponde affatto al pensiero di Vivante, che, come abbiamo visto sopra, era un seguace della teoria della rappresentazione: perciò, per lui, contava solo la volontà del rappresentante. Nell’art. 2 del Disegno preliminare c’è tutto Vivante, fino alla riserva finale: « in tutto ciò che non sia determinato dalla dichiarazione di volontà del rappresentato »137.

  • 138 R. Popesco-Ramniceano, « La représentation dans le Projet de code des obligations », op. cit., p.  (...)
  • 139 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 31 I: Non è necessario che i (...)

114Tale aggiunta, che in Francia suscitò le critiche di René Popesco-Ramniceano138, oltre tutto, ironia della sorte, appellandosi all’autorità di Vivante, non è tanto anomala, se uno si pone nell’ottica italiana: l’idea, infatti, corrisponde al sentire della maggioranza della dottrina del tempo. Nel PFI (art. 31), l’aggiunta riceve una diversa e più discutibile formulazione (se il rappresentante non fa che esprimere la volontà del rappresentato è un nunzio e non un rappresentante139), che sarà corretta nella redazione del Libro quarto delle obbligazioni.

  • 140 Art. 56 Progetto Vivante 1922 : Per giudicare della validità e degli effetti dell’atto si ha rigua (...)

115Se uno vuole rintracciare l’autentica visione di Vivante non ha che da leggere gli articoli 56 e 47 dei progetti di codice di commercio 1922 e 1925, dove quell’aggiunta deliberatamente non compare140. Gli autori del PFI, invece, come appena detto, la conservarono (art. 31) e la conserva tuttora il Libro quarto delle obbligazioni, con una formula meno equivoca.

116Corrisponde, invece, integralmente all’opinione di Vivante la disciplina della capacità del rappresentante (prevista sempre dall’art. 2): è necessaria la capacità legale di agire del rappresentato, mentre è sufficiente quella naturale del rappresentante. Tale è rimasta la disposizione nel PFI (art. 31), solo con una redazione che, sebbene più completa (si precisa anche che il rappresentato deve avere la legittimazione ad agire, cioè l’atto non deve essere a lui vietato), è farraginosa; ed infatti sarà semplificata nel successivo Libro quarto delle obbligazioni, fin dal progetto ministeriale del 1940 (art. 272).

  • 141 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 33: La procura a fare in nom (...)
  • 142 Art. 58 Prog. Vivante 1922: La rappresentanza può essere conferita con un atto rilasciato al rappr (...)
  • 143 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 274, p. 271: « la procura… è… l (...)

117Quanto alla forma della procura, l’antecedente dell’art. 33 del PFI – che menziona per la prima volta il termine « procura » nel diritto italiano141 – non è il Prog. 1919, ma sono i due progetti di codice di commercio 1922 e 1925 nei quali, tuttavia, dettaglio significativo, si parla di « atto » e di « dichiarazione » (sono note le incertezze terminologiche degli esordi), e non di procura, ed inoltre si menzionano come destinatari il rappresentante o il terzo142. « Atto » è terminologia vivantiana143. Vivante, quanto alla forma, aveva difeso un’opinione diversa, minoritaria, in sede scientifica, ma nel suo progetto di codice di commercio si era attenuto alla soluzione prevalente in dottrina e in giurisprudenza. Tale è rimasta la regola nel diritto privato italiano.

118La complessa disciplina della rappresentanza senza potere solleva altri interrogativi.

  • 144 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, 1919, op. cit., art.  (...)
  • 145 Una « norma punitiva » la definisce F. Saggese, La rappresentanza nella teoria e nella pratica del (...)
  • 146 R. Popesco-Ramniceano, « La représentation dans le Projet de code des obligations », op. cit., p.  (...)

119Nel Prog. 1919 e nel PFI la normativa è alquanto scarna: l’art. 7 Prog. 1919144 e il suo omologo, l’art. 36 PFI145, non toccano che il problema della responsabilità precontrattuale del rappresentante, senza intervenire in merito agli effetti del contatto concluso dal falsus procurator (questione, come si è visto sopra, molto ingarbugliata dal punto di vista dogmatico), alla ratifica e alla diffida del principale. Qui lo stupore di un osservatore esterno, come Popesco-Ramniceano, che ha davanti la minuziosa casistica del BGB, può sembrare del tutto giustificato146. Da notare che il PFI distingue: il rappresentante non è responsabile del danno se era in buona fede.

120Non sappiamo perché i giuristi italiani e francesi non abbiamo voluto completare la disciplina: la dottrina italiana, sul punto, era intervenuta a più riprese.

  • 147 Art. 65 Prog. Vivante 1922: Gli atti compiuti in qualità di rappresentante da chi non è tale sono (...)

121In più, abbiamo ora un dato ulteriore: se leggiamo infatti gli articoli corrispondenti dei progetti del 1922 (art. 65) e 1925 (art. 55) troviamo proprio quello che manca nel PFI: la disciplina della rappresentanza senza potere, espressa con una formula semplice, ancorché imprecisa (il contratto concluso dal falsus procurator non è produttivo di effetti), ma che evita almeno il coinvolgimento del legislatore nella diatriba dogmatica che si è vista sopra147. La disciplina presenta lacune, che saranno colmate, in Italia, dal Libro quarto delle obbligazioni, in linea con quanto affermato dalla dottrina e dai progetti di codice di commercio: facoltà di diffida del terzo, facoltà di ratifica del principale, retroattività della ratifica, diritti dei terzi di buona fede. È già tutto scritto nei progetti, salvo varianti formali. La tecnica normativa di Vivante e del PFI (non seguita dal Prog. D’Amelio del 1925) è eccellente: separare gli effetti della rappresentanza senza potere dalla responsabilità del falsus procurator.

  • 148 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, 1919, op. cit., art.  (...)
  • 149 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 37: Nessuno può, salvo le di (...)

122Nei Prog. 1919, 1922, 1925 si trova già disciplinata l’ipotesi del contratto con se stesso, sia per conto proprio sia come rappresentante di un terzo. I progetti stabiliscono unanimemente un divieto, superabile tuttavia con l’autorizzazione o ratifica del principale148. La terminologia del PFI, come altre volte, può ingenerare dubbi149, e infatti si interverrà per chiarirla.

123I medesimi progetti non regolano l’abuso di rappresentanza nella forma del conflitto d’interessi, che in Italia era stata approfondita da Pugliatti. La lacuna sarà colmata, anche in questo caso, dal Libro quarto delle obbligazioni.

124A questo punto, quanto meno per il fronte italiano, si potrebbe forse parlare del PFI come di una ‘quarta’ stesura normativa della rappresentanza, nella quale compaiono varianti, frutto verosimilmente di un dibattito interno, di cui non conosciamo i dettagli. Particolare ancora più significativo: il PFI, a sua volta, è stato il punto di partenza di un’ulteriore revisione, in un clima politico completamente mutato, che ha portato al Progetto preliminare di codice di commercio (1940), al Progetto preliminare del Libro quarto delle obbligazioni (1940) e quindi, attraverso ulteriori bozze, al testo definitivo del Libro quarto (1941): 14 articoli (1387-1400).

2. Genealogia della rappresentanza nel Libro delle obbligazioni

125La revisione inizia con il progetto del 1940 e riguarda la collocazione sistematica della rappresentanza, la terminologia tecnica, la redazione degli articoli, con integrazioni e modifiche. A causa delle micro-variazioni cui è sottoposta la disciplina, sarebbe vano parlare di una pura e semplice riproduzione degli articoli del PFI che, nel tentativo di ottenerne l’approvazione, erano stati ripresentati pari pari (salvo alcune varianti) da Mariano d’Amelio nel Progetto del Libro delle obbligazioni del 1936.

126Al netto delle varianti e di alcune modifiche sostanziali (opponibilità dei limiti e della revoca della procura, art. 34 PFI; soppressione del diritto di ritenzione previsto dall’art. 35 PFI), ci si muove tuttavia nel solco delle scelte del PFI (laddove, chiaramente, questo era intervenuto). Intendo dire che, nel campo della rappresentanza, si lavora ad una revisione, e non ad una riforma, dei progetti anteriori: si integra o si emenda nel lessico e sul piano tecnico una base normativa, che però, in linea di massima, corrisponde al nucleo delle soluzioni risalenti al pionieristico schema di Vivante, ai progetti di codice di commercio e al PFI, come risulta evidente dalla lettura degli articoli riguardanti i presupposti della rappresentanza (art. 30 PFI); capacità e vizi della volontà (art. 31 PFI); giustificazione dei poteri del rappresentante (art. 32 PFI); forma della procura (art. 33 PFI); responsabilità del rappresentante senza potere (art. 36 PFI); contratto con se stesso (art. 37 PFI).

  • 150 G. Chiodi, Costruire una nuova legalità, op. cit., p. 241-242.

127Il lavoro di revisione del testo avviene a livelli diversi (emendamenti, aggiunte, soppressioni, integrazioni) e viene continuamente segnalato nella Relazione al Progetto preliminare del Libro delle obbligazioni (1940) che, mediante questo artificio retorico costitutivo del nuovo testo, prende le distanze dal precedente Progetto del 1936, ritirato nel 1938 con un plateale gesto politico di sfida150.

  • 151 Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, (...)
  • 152 Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, (...)

128Da questo punto di vista, la Relazione del 1940 è un documento politicamente più scaltro della Relazione al PFI, più attento a sottolineare le innovazioni e le rotture rispetto al passato, e naturalmente pronto perfino a mettere meglio in vista ciò che era già contenuto nel modello, come nel primo articolo del capo VII, che esordisce con le fonti della rappresentanza: « tale sistema », scrive il Guardasigilli in prima persona, « mi ha dato occasione di introdurre e di stabilizzare nella legge la nozione della procura, con qual nome la dottrina designa il negozio costitutivo della rappresentanza, distinguendolo nettamente dal mandato »151. Non sono parole molto lontane da quelle di Vivante nel 1922: certo eclissano, nella fattispecie, un’innovazione già presente nei testi anteriori, facendola apparire un merito del nuovo testo. E via discorrendo: la Relazione è tutto un contrappunto di avversative (« invece »), di « ho completato », « ho aggiunto », « la formola… l’ho modificata », « il progetto del 1936 è stato integrato », « con formola più concisa », « nuovo è l’art. », « la formulazione dell’art. … si distacca dall’art… del progetto del 1936 », « ho aggiunto al testo », « ho soppresso », « ho chiarito », in cui prevale la mano del correttore su quella del conservatore152.

129Esaminiamo ora le principali innovazioni, contenute nel primo e nell’ultimo stadio di elaborazione del Libro delle obbligazioni.

3. Fonti e presupposti della rappresentanza

  • 153 Art. 270 Prog. 1940: Il potere di rappresentanza è conferito dalla legge o, mediante procura, dall (...)
  • 154 Art. 1387 CC. (Fonti della rappresentanza). Il potere di rappresentanza è conferito dalla legge ov (...)
  • 155 R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 181 (il cap. III, La conclusione per altri, più vo (...)
  • 156 Relazione CC 1942, in Codice civile. Testo e Relazione Ministeriale, op. cit., n. 634-635, p. 138. (...)
  • 157 E. Betti, Per la riforma del codice civile, op. cit., p. 348.

130L’articolo d’esordio è nuovo153 e ne conosciamo le motivazioni: « introdurre e… stabilizzare nella legge la nozione di procura ». In realtà, la menzione della procura viene poi omessa nella redazione definitiva154. Ciò si deve, come è già stato esattamente osservato155, al fondamentale intervento di Emilio Betti, il quale fece osservare che la rappresentanza volontaria poteva derivare anche da un contratto e non solo da un isolato atto di procura. E perciò la menzione fu tolta: anche se questo dettaglio così rilevante non viene valorizzato nella Relazione al codice civile, tutta incentrata sulla procura156. Né questo sarà l’unico intervento di limatura di (presunti) errori concettuali, realizzato in ossequio ai rilievi usciti dall’acuminata penna di Betti, novello Beckmesser della codificazione: l’art. 270 del Prog. 1940, infatti, menziona ancora la volontà dell’interessato come fonte della rappresentanza, ma la famigerata parola sparirà dalla redazione definitiva, per fugare ogni dubbio di ‘dogma della volontà’, proprio come Betti aveva suggerito157.

  • 158 Prog. Aprile 1941 Libro delle obbligazioni (conservato nell’Archivio Filippo Vassalli, ora custodi (...)
  • 159 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., Art. 30 = Prog. 1936: Gli atti co (...)
  • 160 Art. 271 Prog. 1940: I contratti conclusi dal rappresentante in nome e nell’interesse del rapprese (...)

131È interessante notare che, viceversa, Filippo Vassalli, artefice massimo del codice civile, avrebbe volentieri conservato quella terminologia: ciò emerge da una sua correzione autografa al successivo Progetto dell’aprile 1941, da cui risulta che egli avrebbe preferito la locuzione « dalla volontà dell’uomo », anziché « dall’interessato »158. I presupposti della rappresentanza vengono indicati in maniera più completa rispetto al PFI159: l’effetto diretto nella sfera giuridica del rappresentato si produce quanto il contratto è concluso in nome, nei limiti e nell’interesse del rappresentato160.

4. Capacità del rappresentante/Vizi della volontà/Stati soggettivi rilevanti

132Seguono tre articoli, nei quali si regolano separatamente la capacità, i vizi della volontà e gli stati soggettivi rilevanti. La prima novità è nella tecnica normativa, la seconda nella redazione più chiara degli articoli, la terza nell’aggiunta di un articolo sugli stati soggettivi rilevanti.

  • 161 E. Betti, Per la riforma del codice civile, op. cit., p. 348; E. Betti, Teoria generale del negozi (...)
  • 162 Art. 272 Prog. 1940 : Quando la rappresentanza è conferita tramite procura, per la validità del co (...)
  • 163 Art. 1389 CC. (Capacità del rappresentante e del rappresentato). Quando la rappresentanza è confer (...)

133La regola sulla capacità del rappresentante, malgrado le perplessità teoriche di Betti e altri civilisti (simili a quelle a suo tempo viste di Pacchioni: il rappresentante è l’autore del negozio e dovrebbe quindi avere la capacità legale di agire), poi ritirate nella Teoria del negozio giuridico, in cui egli riconosce l’opportunità pratica della soluzione161, è rimasta quella, solo formulata meglio che nel PFI (Prog. 1940, art. 272162; art. 1389 CC163).

  • 164 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 31 = Prog. 1936: Non è neces (...)
  • 165 Relazione CC, Libro delle obbligazioni 1940, in Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, (...)
  • 166 Art. 273 Prog. 1940: Il contratto è annullabile se è viziata la volontà del rappresentante, purché (...)
  • 167 E. Betti, Per la riforma del codice civile, op. cit., p. 349.
  • 168 Art. 1390 CC. (Vizi della volontà). Il contratto è annullabile se è viziata la volontà del rappres (...)
  • 169 Relazione CC 1942, in Codice civile. Testo e Relazione Ministeriale, op. cit., n. 635, p. 139.
  • 170 Dopo il codice civile, cfr. Pugliatti, Studi sulla rappresentanza, op. cit., p. 531.

134Risulta confermata, nella sostanza, anche la scelta del Prog. 1919/PFI di consentire l’annullamento del contratto anche per vizi della volontà del rappresentato, quando si tratti di elementi da lui predeterminati: la regola è stata solo espressa con una formulazione meno ambigua di quella del PFI164, la cui formula, afferma la Relazione del 1940, « non distingueva il rappresentante dal nuncio »165, e del Prog. 1940166, criticato da Betti perché ugualmente « pare degradi il rappresentante alla funzione di nunzio »167: al fine di evitare questa confusione egli aveva consigliato una soluzione diversa, di tornare cioè alla pura e semplice teoria della rappresentazione, che poi non fu accolta168. La ratio della legge sarà chiarita meglio nella Relazione al codice civile: i vizi degli elementi predeterminati dal rappresentato rilevano in quanto vizi della procura o del negozio di conferimento dei poteri di rappresentanza169 (che era precisamente una delle teorie correnti nel dibattito). In termini non dissimili, come detto in precedenza, si era espresso Pugliatti170.

  • 171 Art. 1391 CC. (Stati soggettivi rilevanti). Nei casi in cui è rilevante lo stato di buona o di mal (...)

135La disciplina degli stati soggettivi rilevanti è nuova, ma corrisponde alla soluzione dottrinale prevalente e ai progetti di codice di commercio, per quanto concerne la rilevanza della mala fede del rappresentato171.

5. Forma della procura

  • 172 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 33 = Prog. 1936: La procura (...)
  • 173 Art. 274 Prog. 1940: La procura non ha effetto se non è conferita con le forme prescritte dalla le (...)

136La regola sulla forma della procura ha richiesto solo di essere enunciata in modo più sintetico del PFI172: essa nella sostanza, ricalca la soluzione ormai stabile nel diritto italiano173.

6. Abuso di rappresentanza: conflitto d’interessi, contratto con se stesso

  • 174 Art. 276 Prog. 1940: Il contratto concluso dal rappresentante in conflitto d’interessi con il rapp (...)

137La coppia di articoli sull’abuso di rappresentanza precede quelli sulla rappresentanza senza potere e presenta inoltre l’innovazione di disciplinare per la prima volta il conflitto d’interessi. In linea con il maggiore teorico di questo problema, Pugliatti, si prevede l’annullabilità del contratto, qualora il terzo conoscesse o potesse riconoscere il conflitto174.

  • 175 Art. 1395 CC. (Contratto con se stesso). È annullabile il contratto che il rappresentante conclude (...)
  • 176 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 37 = Prog. 1936: Nessuno può (...)

138La disposizione sul contratto con se stesso è più precisa e completa: si sopprime il divieto di autocontratto, si usa il termine « autorizzazione » piuttosto che « ratifica » per il consenso del rappresentato, si aggiunge il presupposto del contenuto predeterminato in modo da escludere la possibilità del conflitto d’interessi175. Il PFI appare all’orizzonte176, come il punto di emersione di una disciplina che nei vari stadi di elaborazione si è fatta più compiuta.

7. Rappresentanza senza potere

139In questo campo, il Libro delle obbligazioni ha realizzato indubbiamente una disciplina più completa di quella del PFI, sviluppando le tracce dei Progetti di codice di commercio, separando in due articoli distinti la responsabilità del rappresentante dalla ratifica.

  • 177 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 36 = Prog. 1936 : Colui che (...)
  • 178 Art. 280 Prog. 1940: Colui che ha contrattato come rappresentante senza averne la qualità, se non (...)

140Nel primo caso, esso ha confermato la regola del PFI, stabilendo la responsabilità precontrattuale nei limiti dell’interesse negativo177: e quindi il terzo, che ignori senza sua colpa il difetto o l’eccesso di poteri, potrà chiedere il risarcimento per le spese effettuate o le occasioni perdute, ma non per il lucro sperato dall’affare concluso. La responsabilità del rappresentante si ha quando questi è in dolo o in colpa, benché nella stesura definitiva la precisazione manchi178.

  • 179 Art. 281 Prog. 1940 : Nell’ipotesi prevista nell’articolo precedente, il contratto concluso dal ra (...)

141Nel secondo, esso ha integrato il PFI, stabilendo non solo che il contratto può essere ratificato e che il terzo può rivolgere una diffida ad adempiere al dominus, ma anche che la ratifica è retroattiva, che sono salvi i diritti dei terzi in buona fede, che il rappresentante e il terzo possono sciogliere di comune accordo il contratto (ma non recedere unilateralmente) e che la facoltà di ratifica si trasmette agli eredi179. Così facendo, si è trasformata in legge l’opinione prevalente della dottrina italiana.

Notes

1 V. Roppo, Il contratto, in G. Iudica, P. Zatti (a cura di), Trattato di diritto privato, Milano, Giuffrè Editore, 2001, p. 257.

2 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, Torino, Fratelli Bocca Editore, 1893, n. 214, p. 243: « Per poco che l’esercizio del suo commercio si estenda sorge pel negoziante non solo il bisogno dell’opera altrui, ma di chi lo rappresenti nel concludere gli affari e si metta per lui in relazione col pubblico. Collocando ogni rappresentante nel posto in cui è più provetto, valendosi delle sue attitudini a servigio della propria azienda, il negoziante moltiplica i profitti del suo credito e della sua iniziativa industriale ». Anche nella Relazione Ccom (1922), infra, nt. 27, p. 217, Vivante sottolinea che « la rappresentanza trova nell’attività commerciale le applicazioni più rigogliose ». Il Trattato conta cinque edizioni (per il vol. I: 1893, 1902, 1906, 1911, 1922) e diverse ristampe : cito dalla quinta del 1922, salvo varianti. Cfr. anche U. Navarrini, Trattato elementare di diritto commerciale, v. I, quarta ed. riveduta ed aggiornata secondo la nuova legislazione, Torino, Unione Tipografico-Editrice Torinese, 1935, n. 125, p. 132.

3 A. Rocco, Principii di diritto commerciale. Parte generale, Torino, Unione Tipografico-Editrice Torinese, 1928, n. 77, p. 314.

4 B. Windscheid, Diritto delle Pandette. Prima traduzione italiana sola consentita dall’Autore e dagli Editori, fatta sull’ultima Edizione Tedesca dagli avvocati Prof. C. Fadda e Prof. P.E. Bensa. Arricchita dai traduttori di note e riferimenti al Diritto Italiano vigente, vol. I, Parte prima, Torino, Unione Tipografico-Editrice Milano-Roma-Napoli, 1902, nt. υ, p. 909, che individuano in Cass. Napoli, 29 gennaio 1887 (in Foro it., 12, 1887, I, p. 525-539) un arrêt fondamentale, malgrado la posizione più cauta di Vittorio Scialoja; e già E. Pacifici-Mazzoni, Istituzioni di diritto civile italiano, Quarta ed. riveduta e corredata di note di dottrina e giurisprudenza a cura delll’Avv. Giulio Venzi, II, Parte generale, Firenze, Casa Editrice Libraria “Fratelli Cammelli”, 1904, II, n. 143, p. 399. Sull’importanza capitale di quest’opera nella formazione della pandettistica italiana : F. Furfaro, Recezione e traduzione della Pandettistica in Italia tra Otto e Novecento. Le note italiane al Lehrbuch des Pandektenrechts di B. Windscheid, Torino, G. Giappichelli Editore, 2016. Traduzione e note sono state pubblicate in dispense dal 1886 e in tre volumi nel 1902-1904, sulla quinta edizione del Lehrbuch del 1879 (ibid., p. 228-229).

5 G. Pacchioni, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, Torino, Giappichelli, 1933, n. 14, p. 298.

6 L. Tartufari, Della rappresentanza nella conclusione dei contratti in diritto civile e commerciale. Rappresentanza derivante dalla legge. Mandato civile e commerciale. Gestione e ratifica, Torino, Unione Tipografico-Editrice, 1892, n. 1, p. 1.

7 G. Pacchioni, « Se il minore emancipato possa conchiudere come rappresentante atti eccedenti la semplice amministrazione », in Rivista del diritto commerciale e del diritto generale delle obbligazioni, 14, 1916, I, p. 40.

8 Nel cono d’ombra napoleonico si situano, infatti, il codice per lo Regno delle Due Sicilie, art. 1856; il codice civile parmense, art. 2014; il codice civile albertino, art. 2018; il codice civile estense, art. 1997.

9 Cfr. per tutti A. Sraffa, Del mandato commerciale e della commissione (Dal Commentario al Codice di Commercio), Seconda ed., Milano, Casa Editrice Dottor Francesco Vallardi, 1933, p. 9: « infatti, per diritto civile, benché l’art. 1737 del C. c. … non dica espressamente che il mandatario può agire nella rappresentanza del mandante, tale facoltà può essere, evidentemente, inclusa nel mandato, come resulta dall’insieme delle disposizioni del C. c. su questo istituto… ».

10 L. Borsari, Commentario del codice civile italiano, IV.1, Torino, Unione Tipografico-Editrice Torinese 1878, sub art. 1737, § 3861, p. 1035. I lavori preparatori non permettono di discernere come si sia arrivati alla definizione del codice Pisanelli. Potrebbe trattarsi di una modifica suggerita dalle discussioni transalpine sull’art. 1984, come adombra G. Giorgi, Teoria delle obbligazioni nel diritto moderno italiano esposta con la scorta della dottrina e della giuris-prudenza, v. III, Firenze, Casa Editrice Libraria “Fratelli Cammelli”, 1907, n. 282ter, p. 372 in nota. L’antecedente, comunque, è costituito dal primo Progetto Cassinis (1860) e ciò conferma l’importanza di questo incunabolo del codice Pisanelli (S. Solimano, “Il letto di Procuste”. Diritto e politica nella formazione del codice civile unitario. I progetti Cassinis (1860-1861), Milano, Giuffrè Editore, 2003).

11 Art. 349. Il mandato commerciale ha per oggetto la trattazione di affari commerciali per conto e in nome del mandante. Il mandato commerciale non si presume gratuito.

12 Art. 380. La commissione ha per oggetto la trattazione di affari commerciali per conto del committente a nome del commissionario. Tra committente e commissionario esistono gli stessi diritti e doveri come tra mandante e mandatario, colle modificazioni indicate neglia rticoli seguenti. Cfr. già art. 68 c. comm. 1865. Diretta conseguenza della dissociazione tra commissione e potere di agire in nome altrui era la produzione di effetti in capo al commissionario. Cfr. art. 381: Il commissionario è obbligato direttamente verso la persona colla quale ha contrattato, come se l’affare fosse suo. Il committente non ha azione verso le persone colle quali il commissionario ha contrattato, né queste hanno azione verso il committente.

13 E. Pacifici-Mazzoni, Istituzioni di diritto civile italiano, Terza ed. ordinata a sistema e corredata della giurisprudenza posteriore alla seconda, V, Parte speciale. Dei singoli rapporti obbligatori (Seguito e fine), Firenze, Eugenio e Filippo Cammelli, 1887, n. 231, p. 343: « il mandato è un contratto mediante il quale una persona conferisce ad un’altra il potere di rappresentarla, affinché questa in nome e nell’interesse di lei compia uno o più affari giuridici (art. 1737) ». Cfr. anche Idem, Istituzioni di diritto civile italiano, vol. II, op. cit., n. 143, p. 399: « la rappresentanza volontaria può aver luogo per incarico o mandato ».

14 F. Ricci, Corso teorico-pratico di diritto civile, IX, Torino, Unione Tipografico-Editrice, 1886, n. 73, p. 131 ; L. Borsari, Commentario del codice civile italiano, cit., sub art. 1737, § 3861, p. 1034-1035.

15 A. Marghieri, Il diritto commerciale italiano esposto sistematicamente, seconda ed., II, Napoli, Riccardo Marghieri di Gius., 1887, n. 1367, p. 415 ; E. Vidari, Corso di diritto commerciale, IV, Milano, Ulrico Hoepli, 1895, IV, n. 3404, p. 205. Non diversamente da Marghieri ragionava D. Supino, Diritto commerciale, Quarta ed. novamente riveduta, Firenze, G. Barbèra Editore, 1896, n. 244, p. 216.

16 R. De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, II, Quinta ed. riveduta e ampliata, Messina, Casa Editrice Giuseppe Principato, 1930, p. 420.

17 R. De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, II, op. cit., p. 421.

18 Così, chiaramente, R. De Ruggiero Istituzioni di diritto civile, I, op. cit., p. 262.

19 Diversamente da A. Ascoli, Diritto civile (Delle obbligazioni). Corso tenuto nella R. Università di Roma e raccolto dallo studente Manlio Donati nell’Anno Accademico 1927-1928, Roma, Stabilimento Tipo-Litografico di A. Sampaolesi, 1927/1928, p. 174-175, che evita la sovrapposizione in cui incorre il collega romano.

20 A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 10: « la distinzione fra mandato commerciale e commissione posta dal codice vigente è una distinzione scientificamente erronea e praticamente inconcludente; la parola mandato indicante il rapporto fra chi dà l’incarico e chi lo riceve viene ad essere eliminata in un caso come è quello della commissione, in cui questo rapporto prevale, per riservarlo ad indicare un rapporto più complesso, come è quello del mandato con rappresentanza ».

21 A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 3. Su quest’opera, accolta con favore anche fuori dalla cerchia dei giuscommercialisti : A. Monti, Angelo Sraffa. Un “antiteorico”del diritto, Milano, Egea, 2011, p. 125-135 (che ricorda, p. 128, la recensione positiva di Pietro Bonfante).

22 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit.

23 Su Vivante “giurista-intellettuale” e sui maestri dell’età vivantiana, alcuni dei quali, come Sraffa e Rocco, saranno qui ricordati nella loro veste di ‘costruttori’ del diritto commerciale, cfr. ora l’eccellente saggio di I. Birocchi, L’età vivantiana: tra Sraffa e Rocco, giovani commercialisti crescono (Mossa e Asquini dalla formazione alla cattedra, 1909-1921), in Id, (a cura di), “Non più satellite”. Itinerari giuscommercialistici tra Otto e Novecento, p. 167-233, Pisa, Edizioni ETS, 2019.

24 Cfr. infatti U. Navarrini, Trattato teorico-pratico di diritto commerciale, II, Parte seconda: Diritto delle obbligazioni, Torino, Fratelli Bocca Editori, 1914 ; A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit. ; T. Ascarelli, Istituzioni di diritto commerciale, Milano, Giuffrè Editore, 1937 ; L. Mossa, Diritto commerciale, Parte prima, Milano, Società Editrice Libraria, 1937.

25 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, Quinta ed. riveduta e ampliata, Milano, Casa Editrice Dottor Francesco Vallardi, 1922, n. 254, p. 270.

26 Ibidem: « Vi ha ancora chi considera la rappresentanza come un elemento essenziale del mandato e ne fa una sola trattazione. Io dico invece che la rappresentanza non è essenziale al mandato, perché vi ha nel nostro diritto mandato senza rappresentanza e rappresentanza senza mandato ». Analogamente B. Brugi, « Della capacità giuridica dei rappresentanti », in Rivista del diritto commerciale e del diritto generale delle obbligazioni, 14, 1916, I, p. 429.

27 Nel Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni del 1919 gli otto articoli sulla rappresentanza forma un capitolo annesso al nuovo titolo Delle diverse specie di obbligazioni, ma da inserire nel capo Dei contratti, già approvato nel dicembre 1918: Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, in Studi e proposte della prima sottocommissione presieduta dal sen. Vittorio Scialoja. Questioni giuridiche amministrative e sociali, giugno 1918 - giugno 1919 (Commissione Reale per il dopo guerra), Roma, Tipografia Artigianelli, 1920, p. 405-406. Per la paternità del progetto del 1919 cfr. Progetto preliminare per il nuovo Codice di commercio, con le relazioni dei professori A. Arcangeli, A. Asquini, L. Bolaffio, G. Bonelli, U. Gobbi, U. Navarrini, A. Scialoia, G. Valeri, C. Vivante (Commissione ministeriale per la riforma della legislazione commerciale, presieduta da Cesare Vivante), Milano, U. Hoepli, 1922, p. 216 n. 1: « La commissione legislativa del dopo guerra, presieduta dall’On. Scialoja, sopra un progetto da me preparato, discusse l’argomento e ne fissò le linee fondamentali. Di questo lavoro si tenne naturalmente conto in questo progetto ».

28 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., 1892. Maceratese di nascita, insegnò diritto civile nell’ateneo della sua città, dopo una breve parentesi di diritto commerciale: ulteriori notizie in E. Mura, Tartufari, Luigi, in Dizionario biografico degli italiani, 95, 2019, p. 99-102. È noto il suo interesse per il nascente diritto del lavoro, sul quale cfr. G. Cazzetta, Scienza giuridica, leggi sociali ed origini del diritto del lavoro, anche in Idem, Scienza giuridica e trasformazioni sociali. Diritto e lavoro in Italia tra Otto e Novecento, II.3 Milano, Giuffrè Editore, 2007, p. 132-141.

29 A. Nattini, La Dottrina generale della procura. La rappresentanza, Milano, Società Editrice Libraria, 1910. Questo avvocato e docente genovese (1882-1974), la cui carriera si svolse tutta nella città natale, è poco studiato. Per uno schizzo biografico : M. Casanova, Antonio Nattini, in Annali della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Genova, 15, 1976, fasc. 2, p. 611-612, anche in Idem, Nuovi opuscoli di vario diritto, Milano, Giuffrè Editore, 1983, p. 215-216. Sulla sua presenza nell’Università di Genova dal fascismo al dopoguerra : R. Braccia, La Facoltà di Giurisprudenza di Genova tra Fascismo e Liberazione (1938-1950), in Giuristi al bivio. Le Facoltà di Giurisprudenza tra regime fascista ed età repubblicana, a cura di M. Cavina, Bologna, Clueb, 2014, p. 123-140. Entrò sul merito della codificazione civile in preparazione, con qualche spunto politicamente orientato in senso adesivo : G. Chiodi, Costruire una nuova legalità: il diritto delle obbligazioni nel dibattito degli anni Trenta, in I. Birocchi, G. Chiodi, M. Grondona, (a cura di), La costruzione della “legalità” fascista negli anni Trenta, Roma 2020, p. 216. Il suo studio sulla procura ebbe ampia circolazione. Ricordo, infine, un altro articolo connesso al tema della rappresentanza : A. Nattini, « Il negozio autorizzativo », in Rivista del diritto commerciale e del diritto generale delle obbligazioni, 10, 1912, 1, p. 485-491.

30 G. Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, Add. II, in G. Baudry-Lacantinerie/A. Wahl, Trattato teorico-pratico di diritto civile. Dei contratti aleatori. Del mandato, della fideiussione e della transazione, con addizioni dei professori V. Campogrande e G. Pacchioni, Casa editrice dottor Francesco Vallardi, Milano [s.d., ma post 1910], p. 755-800. Su di lui, v. il bel profilo di F. Astone, Pacchioni, Giovanni, in Dizionario biografico dei giuristi italiani, II, 2013, p. 1475-1476.

31 Dopo la voce di P. Cappellini, Rappresentanza (diritto intermedio), in Enciclopedia del diritto, 38, 1987, p. 435-463, ricca di spunti intelligenti, la più ampia ricostruzione del dibattito dottrinale tedesco e italiano è proposta nella documentata monografia di V. De Lorenzi, Rappresentanza diretta volontaria nella conclusione dei contratti e analisi economica del diritto, Milano, Giuffrè, 2002, capitoli II-IV, ripresi da Ead., La rappresentanza, in Il Codice Civile, Commentario fondato e già diretto da Piero Schlesinger, continuato da Francesco Donato Busnelli, Artt. 1387-1400, Milano, Giuffrè, 2012. Nel percorso esposto nel presente contributo tento di seguire un filo rosso del tutto personale, che ha come punti di arrivo il PFI e il Libro quarto delle obbligazioni.

32 G. Giorgi, Teoria delle obbligazioni, op. cit., n. 282ter, p. 370 : « Ma il concetto antico della rappresentanza nei contratti ha preso oggi il carattere di una trattazione scientifica ignota alle nostre tradizioni, e poco adattabile al sistema delle nostre leggi. È un prodotto tedesco, raccolto in Italia da alcuni professori, quasi per diritto di albinaggio ».

33 L. Mossa, Diritto commerciale, Parte prima, Milano, Società Editrice Libraria, 1937, p. 70.

34 La distinzione tra i due lati del mandato compare in R. Von Jhering, «Mitwirkung für fremde Rechtsgeschäfte» (Teil 1), in Jahrbücher für die Dogmatik des heutigen römischen und deutschen Privatrechts, hrsgb. C. F. von Gerber und R. Jhering, 1857, Bd. 1, Jena, Friedrich Maule, p. 313. La distinzione tra mandato e procura è enunciata da P. Laband, « Die Stellvertretung bei dem Abschluss von Rechtsgeschäften nach dem allgemeinen Deutschen Handelsgesetzbuch », in Zeitschrift für das gesammte Handelsrecht, Bd. 10, 1866, nel § III del suo articolo, p. 203-209. Nella dottrina italiana : L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 291-294, p. 340-344 ; A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., n. 5-6, p. 10-11 ; Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, op. cit., p. 770-771 ; F. Ferrara, Della simulazione dei negozi giuridici, Quinta ed. riveduta, Roma, Athenaeum, 1922, p. 217. Molto rilevante è la ricostruzione del dibattito nella lettura di S. Pugliatti, Il conflitto d’interessi tra principale e rappresentante, in Annali dell’Istituto di scienze giuridiche, economiche, politiche e sociali della R. Università di Messina, II, 1928, anche in idem, Studi sulla rappresentanza, Milano, Giuffrè Editore, 1965, p. 35-154, nelle prime dense pagine del suo fondamentale saggio, p. 44-70.

35 La rappresentanza, di conseguenza, occupa uno spazio autonomo nelle trattazioni istituzionali. Per i civilisti, ex multis : G. Chironi, Istituzioni di diritto civile italiano, v. I, Torino, Fratelli Bocca Editori, 1888 ; G. P. Chironi-L. Abello, Trattato di diritto civile italiano, v. I, Parte generale, Torino, Fratelli Bocca Editori, 1904; B. Brugi, Istituzioni di diritto civile italiano, Seconda ed. interamente riveduta, Milano, Società Editrice Libraria, 1907; E. Gianturco, Sistema del Diritto Civile Italiano, I, Parte generale, 3a ed., Napoli, Luigi Pierro Editore, 1909 ; B. Brugi, Istituzioni di diritto civile italiano, Terza ed. interamente rifatta e corredata di indice alfabetico, Milano, Società Editrice Libraria, 1914 ; N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano. Parte generale, Seconda ed. riveduta e messa al corrente dal Prof. Leonardo Coviello, Milano, Società Editrice Libraria, 1915 ; G. Pacchioni, Elementi di diritto civile, Torino, Unione Tipografico Editrice Torinese, 1916 ; L. Barassi, Istituzioni di diritto civile, II ed., Milano, Dottor Francesco Vallardi, 1921 ; F. Ferrara, Della simulazione, op. cit. Per i commercialisti : C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, edizioni del 1893, 1902, 1906, 1911, 1922 ; U. Navarrini, Trattato teorico-pratico di diritto commerciale, op. cit. ; A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit. ; U. Navarrini, Trattato elementare di diritto commerciale, op. cit. ; T. Ascarelli, Istituzioni di diritto commerciale, op. cit. ; L. Mossa, Diritto commerciale, op. cit.

36 F. Carnelutti, Teoria generale del diritto, Seconda ed. interamente nuova, Roma, Soc. Ed. del «Foro italiano», 1946, n. 72, p. 177: « il lettore colto rifletta, su questo tema, al lavorio scientifico, che si è compiuto per il distacco del mandato dalla procura e con ciò del potere o più precisamente della potestà del procuratore dall’obbligo del mandatario ».

37 R. Graziani, Negozio di gestione e procura, in Studi di diritto commerciale in onore di Cesare Vivante, I, Roma 1931, anche in Idem, Studi di diritto civile e commerciale, Napoli, Jovene, 1953, p. 61-71: « l’aver constatato e dimostrato l’autonomia del negozio costituivo della rappresentanza (procura) dal rapporto di gestione può a ragione considerarsi uno dei più cospicui risultati della scienza giuridica moderna. Da Laband a Vivante e a Sraffa, da Hupka e Rosenberg a Rocco, a Valeri, a Nattini è tutta una successiva elaborazione della teorica della rappresentanza, alla cui sistemazione la dottrina italiana porta, accanto a quella germanica, un contributo originale di pensiero e di ricostruzione ».

38 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, op. cit., 1922, n. 268 bis, p. 264.

39 Codice civile. Testo e Relazione Ministeriale (Ministero di Grazia e Giustizia), Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1943, n. 634, p. 138.

40 Si può avere, tuttavia, rappresentanza senza procura e rappresentanza senza rapporto di gestione (v. infra).

41 G. Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, op. cit., p. 759.

42 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 37, p. 56.

43 In questo senso anche N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., p. 402 ; A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 78, p. 319.

44 Per questa distinzione cfr. S. Pugliatti, Il rapporto di gestione sottostante alla rappresentanza, in Annali dell’Istituto di scienze giuridiche, economiche, politiche e sociali della R. Università di Messina, III, 1929, anche in Idem, Studi sulla rappresentanza, op. cit., p. 155-212, 166-169; Programma introduttivo di un corso sulla rappresentanza in diritto privato, ivi, p. 499-534, 517-518.

45 E. Gianturco, Sistema del Diritto Civile Italiano, op. cit., § 66, p. 347 n. 2 ; P. Fadda-Bensa, Note a B. Windscheid, Diritto delle Pandette, I.1, op. cit., nt. υ, p. 908 ; G. P. Chironi-Abello, Trattato di diritto civile italiano, op. cit., p. 414 ; G. Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, op. cit., p. 767.

46 Come ribadisce N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 125, p. 400, « nella conclusione del negozio egli non mette nulla di suo, si limita a ripetere ciò che altri ha pensato e manifestato. Anche per A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 79, p. 321, « il nuncius non è che un mezzo materiale di trasmissione di una dichiarazione di volontà… e perciò il suo compito è semplicemente di prestare la sua attività materiale per la trasmissione della dichiarazione ».

47 Cass. 20 maggio 1938: « il nunzio che materialmente riferisce proposte e controproposte, raccogliendo le relative accettazioni, differisce dal mandatario in quanto manca della potestà di rappresentare la parte della quale trasporta le comunicazioni »; Cass. 26 febbraio 1937: « mandatario è colui che sostituisce il dominus nel volere, in quanto manifesta la propria volontà nella formazione del negozio giuridico che interessa il mandante; il nuntius è un semplice organo di trasmissione della volontà del dominus, manifestata con tutti gli elementi necessari per la conclusione del contratto ». Cfr. E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, Ristampa corretta della II ed. [1950], Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1994, n. 71, p. 545. Passando ad un autorevole civilista più recente, si può citare F. Galgano, Il negozio giuridico, in Trattato di diritto civile e commerciale, già diretto da Antonio Cicu, Francesco Messineo, continuato da Luigi Mengoni, III.1, Milano, Giuffrè Editore, 1988, p. 354, secondo cui il nuntius « è la persona che, con una procura che predetermina il contratto in ogni sua parte, viene mandata presso la sede dell’altro contraente a sottoscrivere il contratto: di suo essa non fa se non la firma in calce al contratto » ; il portavoce « è, pur sempre, parte del contratto, emette in nome altrui una propria dichiarazione, anche se con essa dichiara una volontà in tutto altrui ».

48 F. K. Von Savigny, Das Obligationenrechts als Teil des heutigen römischen Rechts, II, Berlin, 1853, trad. ital. Le obbligazioni. Traduzione dall’originale tedesco con Appendici di G. Pacchioni, v. II, Torino, Unione Tipografico-Editrice Torinese, 1915, §§ 58-60, p. 63-82.

49 H. Buchka, Die Lehre von der Stellvertretung bei Eingehung von Verträgen. Historisch und dogmatisch dargestellt, Rostock und Schwerin, Stiller, 1852 ; R. von Jhering, «Mitwirkung für fremde Rechtsgeschäfte» (Teil 1), op. cit. e Idem, « Mitwirkung für fremde Rechtsgeschäfte » (Teil 2), in Jahrbücher für die Dogmatik des heutigen römischen und deutschen Privatrechts, 1858, Bd. 2, p. 67–180 ; P. Laband, « Die Stellvertretung bei dem Abschluss von Rechtsgeschäften nach dem allgemeinen Deutschen Handelsgesetzbuch », op. cit. ; B. Windscheid, Diritto delle Pandette, I.1, op. cit., lib. II, § 73, p. 286 e nt. 16b. La teoria della rappresentazione, a sua volta, come affermano Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 433, p. 487 e A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., n. 19, p. 38, si scinde in due versioni, a seconda che il suo fondamento sia una finzione oppure la separazione tra causa ed effetto.

50 Di cooperazione parla L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 437-441, p. 491-496, con riferimento alla versione elaborata da L. Mitteis, Die Lehre von der Stellvertretung nach römischen Recht, mit Berücksichtigung des österreichischen Rechtes, Wien, Alfred Hölder, 1885. In altri autori, come Pugliatti e Graziani, la collaborazione è intesa in modo diverso rispetto a questo e ad altri civilisti tedeschi.

51 Mentre nella prima edizione il maestro veneziano considera rilevante la volontà di entrambi, nella seconda egli ritiene decisiva solo la volontà del rappresentante: cfr. C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1893, op. cit., n. 217, p. 245 e Idem, Trattato di diritto commerciale, I, 1902, op. cit., n. 247, p. 297.

52 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1902, op. cit., n. 247, p. 296.

53 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 253, p. 269. Il rilievo del principio di buona fede è ampio in dottrina, ben prima che esso sia teorizzato da E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 74, p. 576.

54 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 441-449, p. 496-504.

55 In realtà, A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 42, si appoggia più al primo Vivante che a Mitteis.

56 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 251, p. 266, n. 7.

57 A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., n. 25, p. 45-51.

58 G. Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, op. cit., p. 786. Contrario, invece, Idem, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, op. cit., n. 16, p. 303.

59 U. Navarrini, Trattato teorico-pratico di diritto commerciale, op. cit., n. 476bis, p. 184.

60 N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 126, p. 403 : « se invece si tratti di rappresentante volontario, può talora esser necessario tener conto anche della persona del rappresentato, come segue quando il negozio sia stato compiuto in base a istruzioni speciali di costui. In tal caso il negozio giuridico può essere… annullabile per vizio di consenso, anche se il rappresentante credeva di trattare seriamente, e la sua volontà fu esente da vizio, ma invece il rappresentato… fu indotto a conferire il potere di rappresentanza per un dato negozio da errore, dolo, o violenza ».

61 A. Ascoli, Diritto civile (Delle obbligazioni), op. cit., p. 183.

62 G. Pacchioni, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, op. cit., n. 7, p. 288-289 : « posto ciò, chiaro, a nostro avviso, risulta che anziché istituire la ricerca, che il Mitteis istituisce, scomponendo per così dire la volontà, che si estrinseca nel negozio rappresentativo, occorre ricercare, caso per caso, se vi sieno elementi sufficienti per escludere che vero contraente sia il rappresentante, nel qual caso dovrà anche, assolutamente escludersi ogni vera e propria idea di rappresentanza, e considerare il contratto come direttamente conchiuso dal c.d. rappresentante, che, in tal caso, non è che un semplice nunzio o messo del contraente stesso ». Cf. poi De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, I, op. cit., p. 265: « a meno che il rappresentante non abbia fatto che riferire la volontà del mandante (nel qual caso si avrebbe piuttosto la figura d’un nuncio) » ; G. Mirabelli, Delle obbligazioni. Dei contratti in generale (Artt. 1321-1469), Terza ed. interamente riveduta e aggiornata, in Commentario del codice civile redatto a cura di magistrati e docenti, Libro IV, t. II (Titolo II), Torino, UTET, 1980, p. 369 ; U. Natoli, Rappresentanza (diritto privato), in Enciclopedia del diritto, 38, 1987, p. 479. Si può anche dire che quando tutti gli elementi del contratto sono predeterminati si ha ambasceria o nunciatio, mentre se solo alcuni sono predeterminati si ha un concorso di volontà : così F. Galgano, Il negozio giuridico, op. cit., p. 353.

63 Così G. Pacchioni, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, op. cit., n. 15, p. 299-300. Sono idee già espresse da Idem, Elementi di diritto civile, op. cit., n. 262, p. 310-311, e Idem, « Se il minore emancipato », op. cit., p. 38.

64 G. Pacchioni, Corso di diritto civile. Dei contratti in generale, op. cit., n. 15, p. 302 : « Ora, la logica dei principi porta a dire che un rappresentante incapace legale non può più validamente contrarre, per il suo rappresentato, di quanto possa per se stesso. L’incapace legale può regolarmente funzionare come nuncio o messo: ma il nuncio o messo non è un rappresentante ».

65 B. Brugi, Istituzioni di diritto civile italiano, 1914, op. cit., § 19, p. 166, dove compare l’arg. ex art. 1743 c.c., assente da Brugi, Istituzioni di diritto civile italiano, 1907, op. cit., § 19, p. 156, e più ampiamente B. Brugi, « Della capacità giuridica dei rappresentanti », in Rivista del diritto commerciale e del diritto generale delle obbligazioni, 14, 1916, I, p. 429-434, con richiamo anche al § 165 BGB.

66 La prevalente dottrina fa notare che, a differenza del nuncius, il rappresentante deve avere discernimento e capacità naturale di intendere e di volere; ma ciò è anche sufficiente, poiché non deve contrattare per sé, ma per altri : L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 54-55, p. 72-77 ; G. P. Chironi-Abello, Trattato di diritto civile italiano, v. I, op. cit., p. 422 ; C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 251, p. 266 ; N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 125, p. 400 ; U. Navarrini, Trattato teorico-pratico di diritto commerciale, op. cit., § 477, p. 185 ; A. Ascoli, Diritto civile (Delle obbligazioni), op. cit., p. 179-180, con obiezioni a Pacchioni ; A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., p. 331 n. 2 ; R. De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, I, op. cit., p. 264 ; A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 50 (per il mandato). Nella dottrina del codice civile del 1942 : F. Galgano, Il negozio giuridico, op. cit., p. 352 ; V. Roppo, Il contratto, op. cit., p. 280, che considera però la disposizione attuale discutibile, anche se giustificabile ; R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, II, in Trattato di diritto civile, diretto da Rodolfo Sacco, Terza ed., Torino, UTET, 2004, p. 195.

67 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 252, p. 269: « Ciò sembrerà logico a chiunque pensi che l’incapacità è stabilita nell’esclusivo interesse dell’incapace, e questi non corre il minimo pericolo, perché i contratti che ha conclusi come rappresentante non lo toccano nel suo patrimonio ». Questa proposizione, verosimilmente, può essere letta come una risposta a Pacchioni, che considerava contro la logica dei princìpi ammettere che un rappresentante potesse essere un incapace legale.

68 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 252, p. 269.

69 E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 74, p. 576. Contrario G. Mirabelli, Delle obbligazioni, op. cit., p. 367: stando alla legge, « la capacità di agire deve sussistere soltanto nel rappresentato, giacché è questo che, con il suo atto, abilita il rappresentante ». P. Trimarchi, Istituzioni di diritto privato, settima ed., Milano, Giuffrè Editore, 1986, p. 265, sottolinea la convenienza pratica del fatto che la scelta del rappresentante debba spettare liberamente al rappresentato, che scegliendo persona di sua fiducia si assumerà anche il rischio delle sue decisioni.

70 Lo schema completo compare espressamente in U. Navarrini, Trattato teorico-pratico, op. cit. ; A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit.; T. Ascarelli, Istituzioni di diritto commerciale, op. cit. Lo schema binario si trova in G. Pacchioni, Le teorie moderne della rappresentanza, op. cit., p. 769 ; Idem, Elementi di diritto civile, op. cit., n. 258, p. 305 ; R. De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, I, op. cit, p. 262 (che aggiunge l’agire nell’interesse del rappresentato, p. 264); G. Pacchioni, Corso di diritto civile, op. cit., p. 291. Attualmente i presupposti della rappresentanza sono comunemente individuati nell’agire nel nome del rappresentato, sulla base di un conferimento di potere rappresentativo, nei limiti delle facoltà conferite e nell’interesse del rappresentato. Cf. ad es. V. Roppo, Il contratto, op. cit., p. 260; R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 177.

71 A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., p. 4-5, dove avvisa che il termine non è usato da Tartufari e da altri autori che si sono occupati del tema prima di lui. V. la discussione sulla terminologia in P. Fadda-Bensa, Note a B. Windscheid, Diritto delle Pandette, I.1, op. cit., nt. χ, p. 918, e A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 82, p. 328, n. 1.

72 G. P. Chironi, Istituzioni di diritto civile italiano, I, op. cit., § 74, p. 121; G. P. Chironi- L. Abello, Trattato di diritto civile italiano, I, op. cit., p. 415.

73 A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 7.

74 B. Brugi, Istituzioni di diritto civile italiano, 1907, op. cit., § 19, p. 157 ; Idem, Istituzioni di diritto civile italiano, 1914, op. cit., § 19, p. 168.

75 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 248 bis, p. 264 nt. 4.

76 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 254, p. 271.

77 G. Mirabelli, Delle obbligazioni, op. cit., p. 375-376, con richiamo all’art. 1393; R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 182 n. 9, secondo cui l’art. 1393 dimostra che per il terzo rileva la spendita del nome; così pure V. Roppo, Il contratto, op. cit., p. 272, il quale fa giustamente notare che questa tesi tutela il rappresentante. Secondo F. Galgano, Il negozio giuridico, op. cit., p. 343 n. 9, l’art. 1393 non impedisce tuttavia di sostenere che la procura sia rivolta anche ai terzi.

78 A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., n. 44-61, p. 92-117; N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 126, p. 405; U. Navarrini, Trattato teorico-pratico, op. cit., n. 480, p. 187; G. Pacchioni, Elementi di diritto civile, op. cit., n. 258, p. 306, n. 279; E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 73, p. 565 e n. 7. Gli oppositori sostengono che la tesi non si concilia con la disposizione secondo cui i terzi hanno diritto di chiedere al rappresentante l’esibizione della procura (oggi art. 1393), che quindi non è necessario che essi conoscano. Per questo argomento: G. Mirabelli, Delle obbligazioni, op. cit., p. 375; R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 182 nt. 9. Secondo Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 73, p. 565 n. 7, la procura indirizzata ai terzi è perfetta, ma diviene irrevocabile solo una volta che sia stata resa nota alla controparte.

79 Cfr. ex multis E. Pacifici-Mazzoni, Istituzioni di diritto civile italiano, op. cit., V, n. 231, p. 347-353, n. 3.

80 Fadda-Bensa, Note a B. Windscheid, Diritto delle Pandette, I.1, op. cit., n. φ, p. 915-917 ; A. Nattini, La Dottrina generale della procura, op. cit., n. 97-99, p. 167-179; U. Navarrini, Trattato teorico-pratico, op. cit., n. 478, p. 185-186; N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 126, p. 406: « la dichiarazione del rappresentante per sé sola non basta a produrre effetti nella sfera giuridica di altri; a tale scopo è necessaria la volontà di essere rappresentato; quindi deve risultare dalla forma legale non solo la volontà del rappresentante, ma anche quella del rappresentato che gli ha conferito il potere ».

81 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 140-143, p. 171-178; G. P. Chironi, Questioni di diritto civile. Studi critici di giurisprudenza civile italiana, Torino, Fratelli Bocca Editori, 1890, II, Quest. 22, Vendita. Mandato verbale, p. 200-201; G. Satta, « Del mandato ad acquistare o a vendere immobili », in La Legge, 36, 1896, I, p. 390-396; G. P. Chironi-L. Abello, Trattato di diritto civile italiano, I, op. cit., p. 415. Tutti gli autori citati, a rigore, fanno questione di forma del mandato. L’orientamento è ribadito (per la procura) da Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., p. 267, che parla di una divergenza tra giurisprudenza civile e commerciale; A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 55-58 (per il mandato); e con molta nettezza da Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 82, p. 330. La cosa non stupisce: si tratta, infatti, di autori che sostengono con decisione la teoria della rappresentazione, di cui questa tesi è corollario, come osservato da A. Graziani, La rappresentanza senza procura, Annali dell’Istituto giuridico dell’Università di Perugia, 1927, p. 22-25; specialmente Idem, Mandato e procura ad acquistare o vendere immobili, in Giur. comp. dir. comm., 6, 1941, p. 94-95. Ricordo, infine, che il § 167 BGB non richiede per la procura la stessa forma del negozio da concludere.

82 Fadda-Bensa, Note a B. Windscheid, Diritto delle Pandette, I.1, op. cit., nt. φ, p. 915, citano la giurisprudenza ancora non consolidata di fine Ottocento. A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 82, p. 330, richiama, invece, a testimonianza di una linea più univoca Cass. 22 aprile 1924, Cass. 17 settembre 1925, Cass. 9 novembre 1925.

83 R. Graziani, Mandato e procura, op. cit., p. 93.

84 Il rinvìo è a R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., Idem, Negozio di gestione e procura, op. cit.

85 R. Graziani, Mandato e procura, op. cit., p. 94-95.

86 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 302-306, p. 355-362; G. P. Pacchioni, Elementi di diritto civile, op. cit., n. 261, p. 309; A. Sraffa, Del mandato commerciale, op. cit., p. 55-58; C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 255, p. 274; G. Pacchioni, Corso di diritto civile, op. cit., p. 297. La giurisprudenza è più oscillante. Per un’analisi degli orientamenti più recenti: Mirabelli, Delle obbligazioni, op. cit., p. 360; F. Galgano, Il negozio giuridico, op. cit., p. 341-342; V. Roppo, Il contratto, op. cit., p. 275-276.

87 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 255, p. 274.

88 In senso contrario, tuttavia, E. Pacifici-Mazzoni, Istituzioni di diritto civile italiano, op. cit., II, n. 143, p. 400; P. Fadda-Bensa, Note a B. Windscheid, Diritto delle Pandette, I.1, nt. υ, p. 913, sulla scorta della dizione precisa dell’art. 1744 c.c.

89 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265 bis, p. 284.

90 Per il terzo, invece, il contratto è vincolante: tant’è vero che esso si può sciogliere solo per mutuo consenso tra rappresentante e terzo, non essendo ammesso il recesso unilaterale. Il terzo ha, però, il potere di interpello verso il dominus, può chiedergli, cioè, la ratifica del contratto fissando un termine e in caso di mancata ratifica potrà esercitare l’azione di risarcimento del danno verso il falso rappresentante, qualora non sia in colpa. Per l’inefficacia: P. Trimarchi, Istituzioni di diritto privato, op. cit., p. 267 ; F. Galgano, Il negozio giuridico, op. cit., p. 345; V. Roppo, Il contratto, op. cit., p. 296; R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 187-188. Per la nullità: Mirabelli, Delle obbligazioni, op. cit., p. 395-396.

91 R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 187.

92 Per una critica recente: R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 187 (il contratto non può essere annullabile, poiché non produce effetti).

93 Per questa precisazione: V. Roppo, Il contratto, op. cit., p. 296.

94 E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 75, p. 582.

95 A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 83, p. 332-333.

96 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265, p. 284.

97 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265 bis, p. 284-285.

98 U. Navarrini, Trattato teorico-pratico, op. cit., n. 481, p. 188.

99 E. Gianturco, Sistema del Diritto Civile Italiano, I, op. cit., p. 348.

100 G. P. Chironi-L. Abello, Trattato di diritto civile italiano, I, op. cit., p. 423 ; R. De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, I, op. cit., p. 262. Si notano letture comuni a quelle di Gianturco: la monografia di G. Polignani, La dottrina della ratihabitio. Studii, Napoli 1869, alla quale si aggiunge quella di L. Seuffert, Die Lehre von der Ratihabitation der Rechtsgeschäfte. Civilistische Abhandlung, Würburg 1868, mentre il primo aveva citato Windscheid, Bahr, Barassi, Claps.

101 L. Tartufari, Della rappresentanza, op. cit., n. 400, p. 451-452; N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., p. 407 (nella stessa forma del negozio ratificato); U. Navarrini, Trattato teorico-pratico, op. cit., n. 482, p. 189. Non mancano anche in questo caso opinioni diverse sul destinatario dell’atto.

102 N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 127, p. 407 ; C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265, p. 284, che richiama anche il § 177 BGB e l’art. 47 dell’OR; A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 83, p. 333; R. De Ruggiero, Istituzioni di diritto civile, I, op. cit., p. 262.

103 N. Coviello, Manuale di diritto civile italiano, op. cit., § 127, p. 406-407.

104 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265-265 bis, p. 284-285.

105 A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., n. 83, p. 334.

106 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 2, p. 5.

107 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 8, p. 26, nt. 49.

108 G. Pacchioni, Corso di diritto civile, op. cit., n. 19, p. 305.

109 G. Pacchioni, Corso di diritto civile, op. cit., n. 23, p. 308.

110 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 2, p. 5-6, con riferimento a L. Barassi, Teoria della ratifica del contratto annullabile, Milano, Hoepli, 1898, e B. Brugi, « Ratifica di atti annullabili e rappresentanza », in Rivista del diritto commerciale e del diritto generale delle obbligazioni, 3, 1905, II, p. 78-83.

111 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 3, p. 6-10.

112 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 5, p. 17-20.

113 Così G. Pacchioni, Corso di diritto civile, op. cit., n. 21, p. 307. Una puntuale e ampia disamina del problema si trova in G. Pacchioni, Trattato della gestione degli affari altrui secondo il diritto romano e civile, Seconda ed. riveduta e corretta, Milano, Casa Editrice Dottor Francesco Vallardi, 1915, parte III, della quale si possono richiamare in sintesi le conclusioni: n. 385, p. 396-398, e n. 391-392, p. 406-409.

114 R. Graziani, La rappresentanza senza procura, op. cit., n. 8, p. 26.

115 Basterà richiamare E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 73, p. 565.

116 In questo senso, ad esempio, la intende E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 73, p. 563, riferendosi a Hupka, Kohler, Hellwig, Graziani.

117 E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 73, p. 563 ; G. Mirabelli, Delle obbligazioni, op. cit., p. 372-373.

118 S. Pugliatti, Il conflitto d’interessi tra principale e rappresentante, op. cit., n. 11, p. 55-56.

119 S. Pugliatti, Il conflitto d’interessi, op. cit., n. 31, p. 107.

120 Per le notizie biografiche rimando per tutti alla voce di F. Macario, Pugliatti, Salvatore, in Dizionario biografico dei giuristi italiani, II, 2013, p. 1633-1637, con ulteriore bibliografia.

121 S. Pugliatti, Studi sulla rappresentanza, op. cit., p. viii.

122 Lo ha riconosciuto anche Alberto Trabucchi, in un’acuta ricostruzione del pensiero del giurista messinese, scrivendo che « Pugliatti ha giustamente messo da parte un feticcio, svuotando la costruzione tradizionale che nell’interno dell’incarico gestorio distingueva un duplice negozio, con la direzione di due diverse volontà, al mandatario e alla generalità dei terzi. Ma, pure indicando una giusta strada, egli è forse andato troppo in là, quando, negando la necessità di un apposito atto, non sembra voler riconoscere il peso che, quando esista, può avere anche un isolato apposito atto di conferimento di poteri (quello che esattamente possiamo ancora chiamare negozio unilaterale di procura »; e dunque questa è la conclusione: « cade la fittizia radicale separazione tra le due fonti negoziali, procura e mandato, ma anche la tesi dell’assorbimento totale della fattispecie nel rapporto di gestione subisce opportune flessioni ». Cfr. A. Trabucchi, « La rappresentanza », in Rivista di diritto civile, 25, 1978, I, rispettivamente p. 586 e p. 590.

123 A. Trabucchi, « La rappresentanza », op. cit., p. 581.

124 Esplicitamente Roppo, Il contratto, op. cit., p. 284: « il divieto di agire in conflitto d’interessi grava sul rappresentante non in quanto parte del rapporto di gestione, ma per il solo fatto di esercitare il potere rappresentativo ».

125 A. Trabucchi, «La rappresentanza», op. cit., p. 577.

126 Mi permetto di rinviare a Chiodi, Costruire una nuova legalità, op. cit., anche per ulteriori ragguagli bibliografici.

127 Per riferimenti : G. Chiodi, «Innovare senza distruggere»: il progetto italo-francese di codice delle obbligazioni e dei contratti (1927), in G. Alpa-G. Chiodi, (a cura di), Il progetto italo francese delle obbligazioni (1927). Un modello di armonizzazione nell’epoca della ricodificazione, Milano, Giuffré editore, (2007), p. 62-63, 103-105.

128 Osservazioni e proposte sul progetto del libro quarto Delle Obbligazioni (Ministero di Grazia e Giustizia. Lavori preparatori per la riforma del codice civile), Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1940, p. 271.

129 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, op. cit., p. 395 (Relazione Ascoli); per gli articoli : p. 405-406. I 58 articoli del Disegno preliminare/Avantprojet di una legge uniforme italo-francese del dicembre 1918, pubblicati nel n.1 di gennaio-febbraio 1919 della Rivista di diritto civile [Disegno/Avantprojet 1918 (1919)], non contengono ancora le norme sulla rappresentanza.

130 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti. Testo definitivo approvato a Parigi nell’Ottobre 1927 – Anno VI. Projet de code des obligations et des contrats. Texte definitif approuvé à Paris en octobre 1927 (Commissione Reale per la riforma dei codici. Commission française d’études de l’Union législative entre les nations alliées et amies, Roma, Provveditorato Generale dello Stato, 1928, § 9, p. LXIV: « Una decisa e importante novità contiene il § VI, che in 8 articoli detta la disciplina dell’istituto della rappresentanza, colmando così una lacuna grave dei due codici italiano e francese. La dottrina e la giurisprudenza avevan dovuto aiutarsi ricorrendo ai principi generali e a qualche sporadica disposizione particolare, per stabilire le regole che governano l’agir di uno in nome e per conto di un altro; ed erano pervenute a stabilirle in maniera rispondente ai bisogni della pratica ».

131 Progetto preliminare per il nuovo Codice di commercio, 1922, op. cit., Gli ausiliari del commerciante (C. Vivante), p. 216-217; Codice di commercio, v. I, Progetto; v. 2, Relazione sul progetto (Commissione reale per la riforma dei codici, Sottocommissione B), Roma, Provveditorato generale dello Stato, 1925, Degli ausiliari del commercio (L. Bolaffio), p. 37.

132 R. Popesco-Ramniceano, « La représentation dans le Projet de code des obligations élaboré par l’Union législative entre nations alliées et amies », in Bulletin de la Société de législation comparée, 57, nos 4-6, Avril-Juin 1928, Paris, Librairie Générale de Droit et de Jurisprudence, p. 196.

133 R. Popesco-Ramniceano, « La représentation dans le Projet de code des obligations », op. cit., p. 196-197.

134 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, 1919, op. cit., art. 1: Gli atti compiuti dal rappresentante pel rappresentato entro i limiti dei suoi poteri con un terzo, che conosca il rapporto di rappresentanza, producono direttamente i loro effetti a favore e contro il rappresentato (corsivi miei: anche nelle citazioni seguenti).

135 Art. 55 Progetto Vivante 1922: Gli atti compiuti dal rappresentante pel principale entro i limiti dei suoi poteri producono direttamente i loro effetti a favore e contro il rappresentato.
Art. 46 Progetto D’Amelio 1925 : Gli atti compiuti dal rappresentante per il principale nei limiti dei poteri conferitigli producono direttamente i loro effetti nei confronti del principale.

136 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 30 : Gli atti compiuti dal rappresentante nei limiti delle sue facoltà, in nome del rappresentato, producono direttamente effetti a favore e contro di questo.

137 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, 1919, op. cit., art. 2: Per giudicare della validità e degli effetti dell’atto si ha riguardo alla capacità del rappresentato ed alla volontà del rappresentante in tutto ciò che non sia determinato dalla dichiarazione di volontà del rappresentato.

138 R. Popesco-Ramniceano, « La représentation dans le Projet de code des obligations », op. cit., p. 199-200.

139 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 31 I: Non è necessario che il rappresentante abbia la capacità di obbligarsi; basta che egli abbia la capacità di rappresentare altri in conformità della legge e che l’atto ch’egli compie non sia vietato al rappresentato. Se la volontà del rappresentante è viziata, l’atto è annullabile nell’interesse del rappresentato. Se la volontà del rappresentato è viziata, l’atto è annullabile in quanto il rappresentante non abbia fatto che esprimere la volontà del rappresentato.

140 Art. 56 Progetto Vivante 1922 : Per giudicare della validità e degli effetti dell’atto si ha riguardo alla capacità del rappresentato ed alla volontà del rappresentante. Tuttavia se il principale all’atto della conclusione dell’affare fosse stato in mala fede, non può richiamarsi alla buona fede del rappresentante.
Art. 47 Progetto D’Amelio 1925 : Per giudicare della validità e degli effetti dell’atto si ha riguardo alla capacità del principale ed alla volontà del rappresentante. Il principale che all’atto della conclusione dell’affare era in mala fede non può trarre profitto dall’atto concluso in buona fede dal rappresentante.

141 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 33: La procura a fare in nome d’altri un atto pel quale la legge esige l’atto pubblico deve essere fatta in questa stessa forma. Se è relativa ad atti per i quali è necessaria e sufficiente la scrittura privata, può essere fatta per semplice scrittura privata, anche se l’atto venga redatto in forma pubblica.

142 Art. 58 Prog. Vivante 1922: La rappresentanza può essere conferita con un atto rilasciato al rappresentante o al terzo con cui egli deve contrattare. La rappresentanza per compiere un atto per cui la legge esige la forma scritta deve essere conferita per iscritto.
Art. 48 Prog. D’Amelio 1925: La rappresentanza può essere conferita dal principale con una dichiarazione fatta al rappresentante o al terzo con cui il rappresentante deve contrattare, o mediante iscrizione della procura nel registro di commercio persso la camera di commercio nella circoscrizione della quale il principale ha sede. La rappresentanza per compiere un atto per cui la legge richiede la forma scritta deve essere conferita per iscritto.

143 C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 274, p. 271: « la procura… è… l’atto che contiene la nomina di un rappresentante ».

144 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, 1919, op. cit., art. 7: Chi ha contrattato quale rappresentante, senza esser tale, è responsabile del danno che il terzo contraente in buona fede ha risentito pel mancato contratto.

145 Una « norma punitiva » la definisce F. Saggese, La rappresentanza nella teoria e nella pratica del diritto privato italiano, Napoli, Jovene, 1933, p. 423, molto critico nei confronti del testo italo-francese. Art. 36 PFI: Colui che ha contrattato come rappresentante senza averne la qualità, se non era in buona fede è responsabile del danno che il terzo contraente di buona fede abbia sofferto per la mancata formazione del contratto.

146 R. Popesco-Ramniceano, « La représentation dans le Projet de code des obligations », op. cit., p. 203.

147 Art. 65 Prog. Vivante 1922: Gli atti compiuti in qualità di rappresentante da chi non è tale sono produttivi di effetti per il rappresentato, solo ove quest’ultimo li ratifichi. Il terzo può diffidare il rappresentato a ratificare l’atto entro un certo termine, scaduto il quale nel silenzio del rappresentato la ratifica si ha come negata. Completa la disciplina l’art. 66 Prog. Vivante 1922: Chi ha contrattato quale rappresentante senza esser tale e senza ottenere la ratifica del principale, è responsabile del danno che il terzo contraente in buona fede ha risentito pel mancato contratto.

Art. 55. Progetto D’Amelio 1925: Gli atti compiuti dal rappresentante oltre i limiti dei suoi poteri sono produttivi di effetti per il rappresentato, solo se quest’ultimo li ratifichi. Il terzo può chiedere al rappresentato di ratificare l’atto, fissandogli un congruo termine, scaduto il quale nel silenzio del rappresentato la ratifica si ha come negata e chi ha agito come rappresentante è responsabile del danno che il contraente in buona fede ha risentito per il mancato contratto.

148 Disegno preliminare di una legge uniforme italo-francese sulle obbligazioni, 1919, op. cit., art. 8: Nessuno può concludere un affare in nome del suo rappresentato con sè stesso, sia per conto proprio sia come rappresentante di un terzo, senza l’autorizzazione o la ratifica del rappresentato.
Progetto preliminare per il nuovo Codice di commercio, 1922, op. cit., art. 67: Nessuno può concludere un affare in nome del suo principale con se stesso, sia per conto proprio, sia come rappresentante di un terzo, senza l’autorizzazione o la ratifica del principale.
Codice di commercio, v. I, Progetto, 1925, op. cit., art. 56: Il contratto conchiuso dal rappresentante con sè stesso in nome del principale, sia per conto proprio che per conto di terzi, non è valido senza l’autorizzazione o la ratificazione del principale.

149 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 37: Nessuno può, salvo le disposizioni contrarie della legge e le norme relative al commercio, contrattare con se stesso in nome del suo rappresentato, né per proprio conto né per conto d’altri, senza l’autorizzazione o la ratifica del rappresentato.

150 G. Chiodi, Costruire una nuova legalità, op. cit., p. 241-242.

151 Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, v. I, Prefazione e Relazione al duce del guardasigilli Dino Grandi. Relazione al Progetto del Libro delle obbligazioni [Ministero di Grazia e Giustizia. Lavori preparatori del codice civile (anni 1939-1941)], Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, Libreria, 1940, Della rappresentanza nei contratti, n. 253, p. 127.

152 Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, v. I, Prefazione e relazione al duce del guardasigilli Dino Grandi. Relazione al Progetto del Libro delle obbligazioni; v. II, Progetto preliminare del Libro delle obbligazioni (Ministero di Grazia e Giustizia. Lavori preparatori del codice civile (anni 1939-1941)], Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, Libreria, 1940, Relazione CC, Libro delle obbligazioni (1940), op. cit., Della rappresentanza nei contratti, n. 253-264, p. 127-132. L’attacco al PFI scompare, invece, dalla Relazione CC 1942, Della rappresentanza, in Codice civile. Testo e Relazione Ministeriale, op. cit., n. 634-638, p. 138-140.

153 Art. 270 Prog. 1940: Il potere di rappresentanza è conferito dalla legge o, mediante procura, dalla volontà dell’interessato.

154 Art. 1387 CC. (Fonti della rappresentanza). Il potere di rappresentanza è conferito dalla legge ovvero dall’interessato.

155 R. Sacco-G. De Nova, Il contratto, op. cit., p. 181 (il cap. III, La conclusione per altri, più volte citato, è stato redatto da Giorgio De Nova). L’osservazione, relativa all’art. 270 del Prog. 1940, si legge in E. Betti, Per la riforma del codice civile in materia patrimoniale (Fasi di elaborazione e mete da raggiungere), Nota, Milano, Ulrico Hoepli, 1940-41, p. 348.

156 Relazione CC 1942, in Codice civile. Testo e Relazione Ministeriale, op. cit., n. 634-635, p. 138. Cfr. allora le osservazioni di S. Pugliatti, Studi sulla rappresentanza, op. cit., p. 526-527.

157 E. Betti, Per la riforma del codice civile, op. cit., p. 348.

158 Prog. Aprile 1941 Libro delle obbligazioni (conservato nell’Archivio Filippo Vassalli, ora custodito nel Polo di Archivio Storico dell’Università di Milano-Bicocca), p. 47, edite da G. B. Ferri, Le annotazioni di Filippo Vassalli in margine a taluni progetti del libro delle obbligazioni, Padova, Cedam, 1990, p. 191, sub art. 220: « [ ] o dalla volontà dell’uomo (non mi pare propria la contrapposizione della legge con l’interessato: cfr. le altre disposizioni analoghe) » (sottolineature nell’originale). Analoga correzione nella inedita seconda copia coeva, art. 220, p. 47.

159 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., Art. 30 = Prog. 1936: Gli atti compiuti dal rappresentante nei limiti delle sue facoltà, in nome del rappresentato, producono direttamente effetti a favore e contro di questo.

160 Art. 271 Prog. 1940: I contratti conclusi dal rappresentante in nome e nell’interesse del rappresentato e nei limiti delle facoltà conferitegli producono direttamente effetti nei confronti del rappresentato, in Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, op. cit.

Art. 1388 CC. (Contratto concluso dal rappresentante). Il contratto concluso dal rappresentante in nome e nell’interesse del rappresentato, nei limiti delle facoltà conferitegli, produce direttamente effetto nei confronti del rappresentato.

161 E. Betti, Per la riforma del codice civile, op. cit., p. 348; E. Betti, Teoria generale del negozio giuridico, op. cit., n. 74, p. 576. Nei confronti dell’art. 274 espressero riserve anche Mario Allara, Calogero Gangi e la Confederazione Fascista delle Aziende del credito e delle assicurazioni: Osservazioni e proposte, op. cit., p. 272.

162 Art. 272 Prog. 1940 : Quando la rappresentanza è conferita tramite procura, per la validità del contratto concluso dal rappresentante basta che questi abbia la capacità di intendere e di volere con riguardo al contratto stesso, sempre che sia legalmente capace il rappresentato, in Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, op. cit.

163 Art. 1389 CC. (Capacità del rappresentante e del rappresentato). Quando la rappresentanza è conferita dall’interessato, per la validità del contratto concluso dal rappresentante basta che questi abbia la capacità di intendere e di volere avuto riguardo alla natura e al contenuto del contratto stesso, sempre che sia legalmente capace il rappresentato. In ogni caso, per la validità del contratto concluso dal rappresentante è necessario che il contratto non sia vietato al rappresentato.

164 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 31 = Prog. 1936: Non è necessario che il rappresentante abbia la capacità di obbligarsi; basta che egli abbia la capacità di rappresentare altri in conformità della legge e che l’atto ch’egli compie non sia vietato al rappresentato. Se la volontà del rappresentante è viziata, l’atto è annullabile nell’interesse del rappresentato. Se a volontà del rappresentato è viziata, l’atto è annullabile in quanto il rappresentante non abbia fatto che esprimere la volontà del rappresentato.

165 Relazione CC, Libro delle obbligazioni 1940, in Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, op. cit., n. 254, p. 128.

166 Art. 273 Prog. 1940: Il contratto è annullabile se è viziata la volontà del rappresentante, purché il vizio non cada su elementi predeterminati dal rappresentato, nel qual caso il contratto è annullabile solo se era viziata la volontà di questo. La stessa disposizione si applica quando sia rilevante lo stato di buona o di mala fede, di scienza o d’ignoranza di determinate circostanze. Ma in ogni caso il rappresentato che sia in mala fede non può giovarsi dello stato di ignoranza o di buona fede del rappresentante, in Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, op. cit.

167 E. Betti, Per la riforma del codice civile, op. cit., p. 349.

168 Art. 1390 CC. (Vizi della volontà). Il contratto è annullabile se è viziata la volontà del rappresentante. Quando però il vizio riguarda elementi predeterminati dal rappresentato, il contratto è annullabile solo se era viziata la volontà di questo.

169 Relazione CC 1942, in Codice civile. Testo e Relazione Ministeriale, op. cit., n. 635, p. 139.

170 Dopo il codice civile, cfr. Pugliatti, Studi sulla rappresentanza, op. cit., p. 531.

171 Art. 1391 CC. (Stati soggettivi rilevanti). Nei casi in cui è rilevante lo stato di buona o di mala fede, di scienza o d’ignoranza di determinate circostanze, si ha riguardo alla persona del rappresentante, salvo che si tratti di elementi predeterminati dal rappresentato. In nessun caso il rappresentato che è in mala fede può giovarsi dello stato d’ignoranza o di buona fede del rappresentante.

172 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 33 = Prog. 1936: La procura a fare in nome d’altri un atto pel quale la legge esige l’atto pubblico deve essere fatta in questa stessa forma. Se è relativa ad atti per i quali è necessaria e sufficiente la scrittura privata, può essere fatta per semplice scrittura privata, anche se l’atto venga redatto in forma pubblica.

173 Art. 274 Prog. 1940: La procura non ha effetto se non è conferita con le forme prescritte dalla legge per il contratto che il rappresentante deve concludere, in Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, op. cit.
Art. 1392 CC. (Forma della procura). La procura non ha effetto se non è conferita con le forme prescritte per il contratto che il rappresentante deve concludere.

174 Art. 276 Prog. 1940: Il contratto concluso dal rappresentante in conflitto d’interessi con il rappresentato o con abuso dei poteri conferitigli può essere annullato su istanza del rappresentato se il terzo era in mala fede, in Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, op. cit.
Art. 1394 CC. (Conflitto d’interessi). Il contratto concluso dal rappresentante in conflitto d’interessi col rappresentato può essere annullato su domanda del rappresentato, se il conflitto era conosciuto o riconoscibile dal terzo.

175 Art. 1395 CC. (Contratto con se stesso). È annullabile il contratto che il rappresentante conclude con se stesso, in proprio o come rappresentante di un’altra parte, a meno che il rappresentato lo abbia autorizzato specificatamente ovvero il contenuto del contratto sia determinato in modo da escludere la possibilità di conflitto d’interessi. L’impugnazione può essere proposta soltanto dal rappresentato.

176 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 37 = Prog. 1936: Nessuno può, salvo le disposizioni contrarie della legge e le norme relative al commercio, contrattare con se stesso in nome del suo rappresentato, né per proprio conto né per conto d’altri, senza l’autorizzazione o la ratifica del rappresentato.

177 Progetto di codice delle obbligazioni e dei contratti, op. cit., art. 36 = Prog. 1936 : Colui che ha contrattato come rappresentante senza averne la qualità, se non era in buona fede è responsabile del danno che il terzo contraente di buona fede abbia sofferto per la mancata formazione del contratto.

178 Art. 280 Prog. 1940: Colui che ha contrattato come rappresentante senza averne la qualità, se non era in buona fede è responsabile del danno verso il terzo contraente che abbia senza colpa ignorato la mancanza di potere, in Progetti preliminari del Libro delle obbligazioni, del codice di commercio e del Libro del lavoro, op. cit. Art. 1398 CC. (Rappresentanza senza potere). Colui che ha contrattato come rappresentante senza averne i poteri o eccedendo i limiti delle facoltà conferitegli, è responsabile del danno che il terzo contraente ha sofferto per avere confidato senza sua colpa nella validità del contratto. Cfr. C. Vivante, Trattato di diritto commerciale, I, 1922, op. cit., n. 265 ter, p. 285; A. Rocco, Principii di diritto commerciale, op. cit., p. 336-337. La giurisprudenza, negli orientamenti attuali, sostiene la culpa in re ipsa: V. Roppo, Il contratto, op. cit., p. 302.

179 Art. 281 Prog. 1940 : Nell’ipotesi prevista nell’articolo precedente, il contratto concluso dal rappresentante può essere ratificato dall’interessato con l’osservanza delle forme prescritte per il contratto che s’intende ratificare. La ratifica ha effetto retroattivo, ma sono salvi i diritti dei terzi. Il rappresentante e il terzo contraente possono di accordo sciogliere il contratto prima della ratifica. Il terzo contraente può invitare l’interessato a pronunciarsi sulla ratifica assegnandogli un congruo termine; scaduto il quale, nel silenzio del rappresentato, la ratifica s’intende negata. Il diritto di ratifica si trasmette agli eredi. Conforme con lievi varianti l’art. 1399 CC.

Auteur

Università di Milano Bicocca

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont sous Licence OpenEdition Books, sauf mention contraire.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search